Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 26 gennaio 2020, 12:02

Credo sia doveroso aprire un thread dedicato a quello che sta succedendo in Cina e a livello mondiale e agli effetti che tutto questo sta causando nel trasporto aereo.

La Cina ha bloccato tutti i viaggi all'interno e all'esterno del Paese di gruppi turistici.

Controllare la temperatura dei passeggeri negli aeroporti non credo basti a capire se una persona sia effettivamente stata contagiata, dato che il periodo di incubazione del virus può essere anche di 14 giorni.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15967
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da JT8D » 26 gennaio 2020, 15:36

Oltre al periodo di incubazione, estremamente variabile, c'è anche la segnalazione da parte di alcuni ricercatori che potrebbero esserci casi, seppur rari, di "portatori sani" del virus, asintomatici, ma in grado di trasmettere l'infezione. Questo complica il riconoscimento delle persone che potrebbero diffondere il coronavirus, dato che, ad esempio, la scansione termica negli aeroporti in questo caso non sarebbe efficace.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da camicius » 26 gennaio 2020, 19:59

C'è da dire che la mortalità del virus sia decisamente bassa, molto sotto l'1%.
L'impatto su turismo e trasporto aereo (e di conseguenza sulla economia) sarà sicuramente importante
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7034
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Lampo 13 » 26 gennaio 2020, 20:16

Sono stato a Shanghai a novembre ed ho notato il controllo termico fatto in aeroporto sia in arrivo che in partenza,
sembrano piuttosto ben organizzati. Come del resto anche a Tokyo.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9857
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da tartan » 26 gennaio 2020, 20:29

Io ho paura di questo virus! Mia figlia lavora in aeroporto e sono molto preoccupato! Non mi fido di chi dice che tutto sommato non c'è tutto questo pericolo! Avrà sicuramente i suoi interessi da proteggere. Quando ho iniziato a lavorare in aeroporto, qualche decina di anni fa, era obbligatoria la vaccinazione contro il vaiolo, che doveva essere rinnovata a scadenza. Poi si aggiunsero altre vaccinazioni che non ricordo e poi nessuno più richiese niente. :?:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 26 gennaio 2020, 21:56

Da un lato non credo che bisogna essere allarmisti ma dall'altro credo che bisogna prendere le dovute precauzioni. E a questo proposito ci sono un po' di domande che mi faccio riguardo a questo virus e alla sicurezza negli aeroporti...
Il contagio è veloce, eppure in Italia abbiamo fatto atterrare un aereo da Wuhan, controllando unicamente la temperatura corporea dei passeggeri (ma se il virus ha un periodo di incubazione di diversi giorni perché controllare la temperatura se questa potrebbe salire nei giorni successivi???)
E' vero che non bisogna essere allarmisti, ma se la Cina ha chiuso ogni collegamento e addirittura ha messo in quarantena città intere, perché far atterrare su suolo italiano un aereo proveniente dalla Cina?
E' stato controllato il volo in atterraggio da Wuhan ma in realtà il controllo andrebbe fatto su ogni aereo che atterra in Italia. Mi spiego meglio: ammettiamo un passeggero che da Wuhan fa scalo a Pechino (o raggiunge Pechino con altri mezzi). Dalla capitale parte e fa scalo in una città europea (Monaco, Francoforte, Parigi, Amsterdam ecc.) per poi prendere un volo a medio raggio diretto a Roma o Milano o Palermo... Perché porre l'attenzione solo sul volo in arrivo da Wuhan???
Forse è una domanda stupida, ma gli aerei che atterrano dalla Cina non andrebbero perlomeno disinfettati contro il virus (non dico bonificati) prima di ripartire per una nuova destinazione? Ad esempio un aereo che arriva da Pechino fa il suo stop nel suo hub per poi ripartire 2 ore dopo per una nuova destinazione.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6015
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da sigmet » 26 gennaio 2020, 22:26

danko156 ha scritto:
26 gennaio 2020, 21:56

Forse è una domanda stupida, ma gli aerei che atterrano dalla Cina non andrebbero perlomeno disinfettati contro il virus (non dico bonificati) prima di ripartire per una nuova destinazione? Ad esempio un aereo che arriva da Pechino fa il suo stop nel suo hub per poi ripartire 2 ore dopo per una nuova destinazione.
Dovrebbe essere una misura standard prevista su qualsiasi SMS. Mi meraviglierei se già non fosse stata implementata tale misura.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 736
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Guren » 26 gennaio 2020, 23:36

dico solo una cosa a margine: non giudicate le azioni prese dal governo cinese con metro occidentale.

Lo so che è banale ma in Cina vivono i cinesi non italiani/tedeschi/francesi/americani/etc e i cinesi si comportano da cinesi...
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 27 gennaio 2020, 17:12

Alcune compagnie (Airfrance, compagnie del gruppo Lufthansa) offrono la possibilità di cambiare la propria prenotazione per chi ha acquistato biglietti con destinazione Cina.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
andwork
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 686
Iscritto il: 26 dicembre 2006, 19:14
Località: Rosà (VI)

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da andwork » 27 gennaio 2020, 21:31

Guren ha scritto:
26 gennaio 2020, 23:36
dico solo una cosa a margine: non giudicate le azioni prese dal governo cinese con metro occidentale.

Lo so che è banale ma in Cina vivono i cinesi non italiani/tedeschi/francesi/americani/etc e i cinesi si comportano da cinesi...
Scusa, non ho capito la tua affermazione. Me la potresti spiegare ? Nulla di retorico, per carità. E' solo che proprio non capisco la differenza del comportamento cinese da quello occidentale.
grazie

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Vultur » 28 gennaio 2020, 0:01

tartan ha scritto:
26 gennaio 2020, 20:29
Io ho paura di questo virus! Mia figlia lavora in aeroporto e sono molto preoccupato! Non mi fido di chi dice che tutto sommato non c'è tutto questo pericolo! Avrà sicuramente i suoi interessi da proteggere. Quando ho iniziato a lavorare in aeroporto, qualche decina di anni fa, era obbligatoria la vaccinazione contro il vaiolo, che doveva essere rinnovata a scadenza. Poi si aggiunsero altre vaccinazioni che non ricordo e poi nessuno più richiese niente. :?:
Io sentirei per le vaccinazioni, come per influenza, meningite meningococcica (i 5 + importanti), pneumococco e malattie esantematiche se non già avute. La mascherina potrebbe essere una barriera utile.
I Coronavirus a quanto so io, sono molto diffusi nel mondo (non è vero che "vengono dalla Cina") e causano mediamente il 10% dei raffreddori comuni. La prevalenza (il numero delle persone che dimostrano di avere già anticorpi in una popolazione) varia moltissimo a seconda dell'area geografica, può andare dal 12 all'80% (ma in realtà gli studi su questo sono ancora in corso).
Poi c'è il Coronavirus della SARS, o SARS-CoV.
Mi sembra però interessante questo passo (di Wikipedia):

"SARS is most infectious in severely ill patients, which usually occurs during the second week of illness. This delayed infectious period meant that quarantine was highly effective; people who were isolated before day five of their illness rarely transmitted the disease to others.[5]".

https://en.wikipedia.org/wiki/Severe_ac ... Prevention

Cioè, la SARS raggiunge il massimo della contagiosità solo nella seconda settimana di malattia (relativamente tardi quindi). I pazienti isolati prima del loro 5° giorno di malattia, solo raramente risultano contagiosi.
Per questo io credo che sia utile la ricerca di T corporea > 38 nei passeggeri in arrivo e anche sapere quando è iniziata la febbre.
Ultima modifica di Vultur il 28 gennaio 2020, 0:06, modificato 5 volte in totale.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 28 gennaio 2020, 16:13

IATA: Coronavirus Could Cause a ‘Sizeable’ Traffic Disruption
https://www.ainonline.com/aviation-news ... disruption

Il coronavirus minaccia l’anno del turismo cinese: a rischio 4 milioni di arrivi
L’epidemia di polmonite è scoppiata nei giorni successivi alle celebrazioni a Roma e Pechino dell’anno del turismo e della cultura Italia-Cina che prevede una serie di eventi per tutto il 2020.
https://www.ilsole24ore.com/art/il-coro ... i-ACifMeEB
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 736
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Guren » 29 gennaio 2020, 2:20

cerco di spiegarmi meglio.

i cinesi sono un popolo poco avvezzo al seguire le regole e le restrizioni in più molti diffidano della medicina occidentale e per finire in molti amano cibarsi di cose che schiferebbero chiunque (qualche giorno fa una donna cercava di portarsi a casa due salamandre giganti - oltretutto specie in via di estinzione e protetta - perché sarebbero state il piatto principale del cenone di capodanno o del contadino che 2 mesi fa si è preso la peste bubbonica perché ha pensato bene di mangiarsi il fegato crudo di una marmotta)

Un'amica che vive a Wuhan ha iniziato a parlarci della malattia un mese fa e diceva scioccata che nonostante la notizie non fosse nascosta in città ma anzi fosse stato dato un grande risalto quasi nessuno indossava le apposite mascherine e in tanti continuavano allegramente a sputare per terra (con risucchio per accumulare il catarro subito prima dello sputo)

Inoltre quando la polizia ha chiesto di rimanere in casa e non uscire dalla città per tutta risposta centinaia di migliaia di persone si sono riversate in auto cercando di andarsene (da qui la necessità di blindare dapprima Wuhan poi tutte le città vicine)

Tipica mentalità cinese è il caso della donna che sapendo di avere sintomi della.malattia si è imbottita di Tachipirina per poter passare i controlli in aeroporto e farsi comunque il suo viaggio a Parigi oppure quello di una coppia di genitori che non ha esitato a mollare i figli di 10 anni circa al gate quando hanno rifiutato l'imbarco al più piccolo perché aveva la febbre... loro avevano pagato per il volo e stavano bene quindi avevano diritto a prenderlo e chissenefrega del figlio.

Insomma per dirla in breve i cinesi se ne fregano di qualsiasi cosa sia contro il loro interesse personale, l'importante è che loro possano trarre vantaggio dalla situazione e del resto del mondo chissenefrega (ovviamente come tutte le generalizzazioni non è precisa ma 12 anni di Cina di cui gli ultimi 10 con fidanzata - ora moglie - cinese purtroppo hanno sempre confermato questa regola)

io vivo a oltre 1000km da Wuhan eppure anche qui ora c'è l'obbligo di indossare mascherine se si esce di casa eppure vedi gente che la mascherina la porta sotto il mento e la alza solo se vede poliziotti in giro.

Dovrei riprendere a lavorare domani ma pare che anche qua il governo obblighi tutte le aziende a estendere le ferie fino al 10 febbraio

p.s. se ci fossero stati 5000 casi di malati a Londra e dicessero ai ragusani di non uscire di casa in quanti troverebbero la cosa un pelo eccessiva? perché questo è quello che sta succedendo)
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 29 gennaio 2020, 9:17

British Airways, United Airlines, Air Seoul, China Airlines, Eva Airways, Air Canada, Lufthansa e Cathay Pacific hanno sospeso i loro voli o stanno pensando di farlo. Probabilmente nelle prossime ore/giorni anche altre compagnie decideranno di fare lo stesso.

Korean Air ha sospeso i voli per la città di Wuhan e non applicherà penali in caso di rebooking di un volo diretto in Cina.
Anche Asiana non applicherà penali in caso di rebooking di un volo diretto in Cina.
T'way Air (compagnia low cost coreana) doveva lanciare il suo volo per Wuhan ma l'ha sospeso.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7034
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Lampo 13 » 29 gennaio 2020, 9:38

In Italia nella stagione 2019/2020 ci sono stati, per ora, 198 morti con un indice di mortalità rispetto ai casi gravi del 25%.
In Cina la popolazione è 25 volte superiore a quella italiana.
Fin quando non ci saranno 5.000 morti non mi sembra il caso di preoccuparsi troppo.
Mi sembra che le misure prese siano draconiane ed efficaci, l'andamento del contagio è in diminuzione.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 29 gennaio 2020, 13:29

Coronavirus, pronto l’aereo per riportare a casa gli italiani bloccati in Cina
L’aereo partirà domani dall’Italia. All’arrivo i connazionali seguiranno un protocollo sanitario definito dal Ministero della Salute
https://www.corriere.it/esteri/20_genna ... ccd1.shtml

Intanto il Giappone ha già rimpatriato i suoi cittadini da Wuhan e un volo USA sta raggiungendo in queste ore la California.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 29 gennaio 2020, 13:32

Lampo 13 ha scritto:
29 gennaio 2020, 9:38
In Italia nella stagione 2019/2020 ci sono stati, per ora, 198 morti con un indice di mortalità rispetto ai casi gravi del 25%.
In Cina la popolazione è 25 volte superiore a quella italiana.
Fin quando non ci saranno 5.000 morti non mi sembra il caso di preoccuparsi troppo.
Mi sembra che le misure prese siano draconiane ed efficaci, l'andamento del contagio è in diminuzione.
I dati attualmente dicono che il virus della SARS era meno contagioso ma procurava più morti. Il tasso di mortalità della SARS era del 9.6% mentre quella del virus di Wuhan ad oggi è del 2.2%.
Credo che non bisogna essere allarmisti ma allo stesso tempo non bisogna neanche sottovalutare la cosa.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
andwork
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 686
Iscritto il: 26 dicembre 2006, 19:14
Località: Rosà (VI)

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da andwork » 29 gennaio 2020, 21:51

Guren ha scritto:
29 gennaio 2020, 2:20
cerco di spiegarmi meglio.

....

p.s. se ci fossero stati 5000 casi di malati a Londra e dicessero ai ragusani di non uscire di casa in quanti troverebbero la cosa un pelo eccessiva? perché questo è quello che sta succedendo)

Grazie per la spiegazione, ora mi è chiaro. Non conoscendo il popolo cinese, non avevo capito un gran che.
grazie per il tuo tempo impiegato :-)

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 30 gennaio 2020, 23:53

L'Italia ha deciso di fermare i voli da e per la Cina dopo che il Presidente del Consiglio ha annunciato pubblicamente due casi accertati nel nostro Paese...


Coronavirus, l’Italia ferma i voli con la Cina, ma 5 aerei stanno arrivando a Roma e Milano
Gli aerei delle compagnie cinesi — con centinaia di passeggeri a bordo — sono partiti da Pechino, Shanghai, Hangzhou, Chongqing, Guangzhou
https://www.corriere.it/cronache/20_gen ... 19b7.shtml
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10647
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da richelieu » 31 gennaio 2020, 9:01

I piloti di American Airlines chiedono la sospensione dei voli verso la Cina ...

... flightglobal.com ... https://www.flightglobal.com/airlines/a ... 67.article ...

Dylan666

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Dylan666 » 31 gennaio 2020, 9:25

danko156 ha scritto:
26 gennaio 2020, 21:56
ammettiamo un passeggero che da Wuhan fa scalo a Pechino (o raggiunge Pechino con altri mezzi). Dalla capitale parte e fa scalo in una città europea (Monaco, Francoforte, Parigi, Amsterdam ecc.) per poi prendere un volo a medio raggio diretto a Roma o Milano o Palermo... Perché porre l'attenzione solo sul volo in arrivo da Wuhan???
Perchè in teoria sarà stato controllato nella prima città Europea in cui ha fatto scalo.. credo.
Ammettendo che richiedano il percorso da cui è partito.
Forse è una domanda stupida, ma gli aerei che atterrano dalla Cina non andrebbero perlomeno disinfettati contro il virus (non dico bonificati) prima di ripartire per una nuova destinazione?
Hanno fatto vedere qualcosa di simile alla Tv, aerei che venivano irrorati di..(di cosa?) appena atterrati, ma non so se fossero in Europa.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7034
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Lampo 13 » 31 gennaio 2020, 12:45

Dylan666 ha scritto:
31 gennaio 2020, 9:25
danko156 ha scritto:
26 gennaio 2020, 21:56
ammettiamo un passeggero che da Wuhan fa scalo a Pechino (o raggiunge Pechino con altri mezzi). Dalla capitale parte e fa scalo in una città europea (Monaco, Francoforte, Parigi, Amsterdam ecc.) per poi prendere un volo a medio raggio diretto a Roma o Milano o Palermo... Perché porre l'attenzione solo sul volo in arrivo da Wuhan???
Perchè in teoria sarà stato controllato nella prima città Europea in cui ha fatto scalo.. credo.
Ammettendo che richiedano il percorso da cui è partito.
Forse è una domanda stupida, ma gli aerei che atterrano dalla Cina non andrebbero perlomeno disinfettati contro il virus (non dico bonificati) prima di ripartire per una nuova destinazione?
Hanno fatto vedere qualcosa di simile alla Tv, aerei che venivano irrorati di..(di cosa?) appena atterrati, ma non so se fossero in Europa.
Capace che hanno fatto vedere uno sghiacciamento...

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 736
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Guren » 31 gennaio 2020, 16:40

un conoscente da Beijing è arrivato a Malpensa questa mattina con un volo Emirates... contemporaneamente è arrivato il volo Air China sempre da Beijing.

Nessun controllo per lui, temperatura per chi arrivava con il diretto.

Min chiedo il senso e quale possa essere l'efficacia di questo provvedimento.
I voli diretti dall'Italia alla Cina sono pochi e limitati a FCO e MXP.
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 31 gennaio 2020, 16:50

Guren ha scritto:
31 gennaio 2020, 16:40
un conoscente da Beijing è arrivato a Malpensa questa mattina con un volo Emirates... contemporaneamente è arrivato il volo Air China sempre da Beijing.

Nessun controllo per lui, temperatura per chi arrivava con il diretto.

Min chiedo il senso e quale possa essere l'efficacia di questo provvedimento.
I voli diretti dall'Italia alla Cina sono pochi e limitati a FCO e MXP.
E' esattamente la mia preoccupazione, che ho scritto qualche post prima su questo topic. Vengono controllati i voli dalla Cina (passeggeri che potrebbero aver contratto il virus senza aver ancora sviluppato i sintomi) ma in teoria bisognerebbe controllare ogni volo in arrivo (lo so, è una faticaccia, e anche con questo provvedimento non so quanto si possa essere certi di non far entrare in Italia persone contagiate dato il periodo di incubazione di 14 giorni).
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 31 gennaio 2020, 16:51

Dylan666 ha scritto:
31 gennaio 2020, 9:25
danko156 ha scritto:
26 gennaio 2020, 21:56
ammettiamo un passeggero che da Wuhan fa scalo a Pechino (o raggiunge Pechino con altri mezzi). Dalla capitale parte e fa scalo in una città europea (Monaco, Francoforte, Parigi, Amsterdam ecc.) per poi prendere un volo a medio raggio diretto a Roma o Milano o Palermo... Perché porre l'attenzione solo sul volo in arrivo da Wuhan???
Perchè in teoria sarà stato controllato nella prima città Europea in cui ha fatto scalo.. credo.
Ammettendo che richiedano il percorso da cui è partito.
L'hai detto, in teoria. Ma in ogni caso il problema vero sono i 14 giorni di incubazione. Come ho spiegato nel post precedente, la questione è molto più complessa e non di facile soluzione.
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10647
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da richelieu » 31 gennaio 2020, 23:55

richelieu ha scritto:
31 gennaio 2020, 9:01
I piloti di American Airlines chiedono la sospensione dei voli verso la Cina ...

... flightglobal.com ...
https://www.flightglobal.com/airlines/a ... 67.article ...
La compagnia ha sospeso tutti i voli ...

... flightglobal.com ... https://www.flightglobal.com/airlines/a ... 78.article ...

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 1 febbraio 2020, 9:42

Coronavirus, stop ai voli Italia-Cina: che cosa cambia per turismo e affari. Bloccati anche i cargo
Nel pomeriggio è partito l’ultimo volo per la Cina dall’Italia. Saranno bloccati anche i colegamenti cargo. Chi deve andare in Cina dovrà passare per altri scali
https://www.ilsole24ore.com/art/coronav ... o-ACdS1BGB
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 736
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da Guren » 1 febbraio 2020, 9:49

Considerando che voli diretti con sono solo da FCO e MXP già adesso la quasi totalità degli italiani per andare in Cina faceva comunque scalo :lol:
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2292
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da la franci » 1 febbraio 2020, 11:20

Guren ha scritto:
29 gennaio 2020, 2:20
cerco di spiegarmi meglio.

i cinesi sono un popolo poco avvezzo al seguire le regole e le restrizioni in più molti diffidano della medicina occidentale e per finire in molti amano cibarsi di cose che schiferebbero chiunque (qualche giorno fa una donna cercava di portarsi a casa due salamandre giganti - oltretutto specie in via di estinzione e protetta - perché sarebbero state il piatto principale del cenone di capodanno o del contadino che 2 mesi fa si è preso la peste bubbonica perché ha pensato bene di mangiarsi il fegato crudo di una marmotta)

Un'amica che vive a Wuhan ha iniziato a parlarci della malattia un mese fa e diceva scioccata che nonostante la notizie non fosse nascosta in città ma anzi fosse stato dato un grande risalto quasi nessuno indossava le apposite mascherine e in tanti continuavano allegramente a sputare per terra (con risucchio per accumulare il catarro subito prima dello sputo)

Inoltre quando la polizia ha chiesto di rimanere in casa e non uscire dalla città per tutta risposta centinaia di migliaia di persone si sono riversate in auto cercando di andarsene (da qui la necessità di blindare dapprima Wuhan poi tutte le città vicine)

Tipica mentalità cinese è il caso della donna che sapendo di avere sintomi della.malattia si è imbottita di Tachipirina per poter passare i controlli in aeroporto e farsi comunque il suo viaggio a Parigi oppure quello di una coppia di genitori che non ha esitato a mollare i figli di 10 anni circa al gate quando hanno rifiutato l'imbarco al più piccolo perché aveva la febbre... loro avevano pagato per il volo e stavano bene quindi avevano diritto a prenderlo e chissenefrega del figlio.

Insomma per dirla in breve i cinesi se ne fregano di qualsiasi cosa sia contro il loro interesse personale, l'importante è che loro possano trarre vantaggio dalla situazione e del resto del mondo chissenefrega (ovviamente come tutte le generalizzazioni non è precisa ma 12 anni di Cina di cui gli ultimi 10 con fidanzata - ora moglie - cinese purtroppo hanno sempre confermato questa regola)

io vivo a oltre 1000km da Wuhan eppure anche qui ora c'è l'obbligo di indossare mascherine se si esce di casa eppure vedi gente che la mascherina la porta sotto il mento e la alza solo se vede poliziotti in giro.

Dovrei riprendere a lavorare domani ma pare che anche qua il governo obblighi tutte le aziende a estendere le ferie fino al 10 febbraio

p.s. se ci fossero stati 5000 casi di malati a Londra e dicessero ai ragusani di non uscire di casa in quanti troverebbero la cosa un pelo eccessiva? perché questo è quello che sta succedendo)
questo intervento, seppur descriva situazioni già note a tutti noi, aumenta la mia preoccupazione... attualmente i casi sospetti (febbre in persone che possono aver avuto contatto con il virus) vengono riaccompagnati a casa e viene imposto l'isolamento a domicilio che, credo, abbia regole abbastanza rigide. Nessun pericolo per i vicini di casa perché per contrarre il virus le persone devono entrare i stretti contatto e poche semplici regole abbattono del tutto la possibilità di contagiare altri... questo fino all'esito del test... ovviamente sarebbe impensabile ricoverare e isolare ogni caso sospetto nel periodo di picco dell'influenza quando la quasi totalità dei casi ha influenza o virus parainfluenzali ....
tutto questo funziona.... se tutti si attengono alle regole.... ma qualcuno controlla se viene correttamente eseguito l'isolamento a domicilio?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11562
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da flyingbrandon » 1 febbraio 2020, 19:25

la franci ha scritto:
1 febbraio 2020, 11:20



questo intervento, seppur descriva situazioni già note a tutti noi, aumenta la mia preoccupazione...
Aumenta? Perchè tu sei preoccupata?
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3871
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da danko156 » 1 febbraio 2020, 20:21

Da quanto hanno detto al telegiornale (tgcom) l'aereo che riporterà in patria gli italiani da Wuhan sarà un 767 dell'Aeronautica. (ovviamente non hanno detto esplicitamente "767").
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2292
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da la franci » 2 febbraio 2020, 7:47

flyingbrandon ha scritto:
1 febbraio 2020, 19:25
la franci ha scritto:
1 febbraio 2020, 11:20



questo intervento, seppur descriva situazioni già note a tutti noi, aumenta la mia preoccupazione...
Aumenta? Perchè tu sei preoccupata?
Ciao!
avevo il sospetto che la cultura cinese non seguisse i "consigli" occidentali e che questo aumentasse il rischio di contagio.... siano in pieno picco influenzale e, per quanto riguarda il mio campo, anche nel picco delle schifezze intestinali e le bronchioliti.... con ospedali già saturi....
paura del virus in sé? bhe... adesso no... e l'ebola allora? e la febbre gialla? e la malaria? e la mucca pazza?sono tantissime le "epidemie" nel mondo....

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11562
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da flyingbrandon » 2 febbraio 2020, 9:07

la franci ha scritto:
2 febbraio 2020, 7:47


avevo il sospetto che la cultura cinese non seguisse i "consigli" occidentali e che questo aumentasse il rischio di contagio.... siano in pieno picco influenzale e, per quanto riguarda il mio campo, anche nel picco delle schifezze intestinali e le bronchioliti.... con ospedali già saturi....
paura del virus in sé? bhe... adesso no... e l'ebola allora? e la febbre gialla? e la malaria? e la mucca pazza?sono tantissime le "epidemie" nel mondo....
Ah ok...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12210
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da AirGek » 2 febbraio 2020, 12:18

Emesso un NOTAM in cui si specifica che in caso di sospetto caso a bordo di un volo con destinazione il territorio nazionale e confermato soggiorno in Cina (del soggetto sintomatico) nei precedenti 14 giorni il velivolo deve dirottare a FCO o a MXP, parcheggiato in piazzola remota e nessuno autorizzato a entrare o uscire fino ad arrivo di autorità sanitarie.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9857
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Cina, coronavirus, effetti sul trasporto aereo

Messaggio da tartan » 2 febbraio 2020, 13:31

Intanto, a FCO, di obbligo di mascherine per il personale a contatto con il pubblico in arrivo non se ne parla neanche. Ricordate l'incendio a FCO durante li quale chi si sentiva male doveva andare al pronto soccorso AZ e se andava al pronto soccorso aeroporto era rimproverato? Non ve lo ricordate? Io lo ricordo benissimo!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Rispondi