Tecnologia Stealth

Area dedicata alla discussione sull’Aviazione Militare, gli Aerei, i Reparti e le Basi, le Pattuglie acrobatiche

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Goose86
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 28 agosto 2007, 18:16
Località: Taranto
Contatta:

Tecnologia Stealth

Messaggio da Goose86 » 28 agosto 2007, 20:14

Ho letto un pò di tempo fa su internet una notizia assai strana. Non so da quanto ma credo che sia in fase di creazione una nuova tecnologia stealth. Da quello che ho potuto leggere, si basa sull'emissione di una nube di plasma intorno al velivolo stesso; questa bolla di plasma è in grado di assorbire le onde emesse dai radar e permette all'aereo di effettuare qualsiasi manovra in volo, durante un combattimento o una missione generica. I velivoli che utilizzano l'attuale tecnologia stealth, come ad esempio l' F-117 non sono in grado di effettuare particolari manovre senza essere individuati dai radar, poichè la loro "invisibilità" è regolata da un computer, che contemporaneamente regola l'assetto dell'aereo, fondamentale per il funzionamento di questa tecnologia. :shock: :shock:

Insomma, voi che cosa ne pensate? un saluto a tutti

Avatar utente
Goose86
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 28 agosto 2007, 18:16
Località: Taranto
Contatta:

Messaggio da Goose86 » 28 agosto 2007, 23:23

Ragazzi vi assicuro che la notizia è reperibile su internet; ho omesso il fatto che i Russi stanno sviluppando questa tecnologia. comunque se vi interessa sapere di più andate su questo link:

http://www.politicaonline.net/forum/sho ... ost6225904

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 29 agosto 2007, 0:04

Ci sono nell'ambiente "voci" abbastanza sostenute e credibili (per lo meno le fonti lo sono) :roll: , che il B2 già adotti una tecnologia del genere.
Naturalmente sono cose sviluppate nei laboratori con comprensibile riservatezza, che non hanno nulla a che vedere con omini verdi, magri, con antenne ed occhi a palla... :lol:

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 29 agosto 2007, 0:32

Concordo con quanto detto da Black.
Lentamente la cortina di segretezza che ricopre il progetto B2 sta venendo alla luce, e pur senza che ancora si conoscano i dettagli alla perfezione il B2 utilizza questo particolare sistema denominato di "distorsione gravitale".
Sostanzialmente si tratta (meglio scrivere "si tratterebbe" dato che ne sappiamo ancora molto poco) di un potente campo elettrico generato a prua e a poppa.
Questo campo creerebbe una sorta di "scudo magnetico" tutt'intorno all'aereo che avrebbe particolari caratteristiche positive tra cui, quella di deflettere meglio le emissioni radar, e di aiutarlo nei consumi e nella propulsione.
Questa tecnologia che non ha NULLA di "alieno" era già stata studiata all'inizio degli anni 60 (esattamente come la tecnologia stealth).
Tuttavia un conto è fare studi in laboratorio sfruttando particolari macchinari, un altro è quello di "replicarli" a bordo di un aeroplano! :shock:
Ed è quì che il B2 è sorprendente, proprio perchè non si capisce come faccia autonomamente mentre vola a generare tali enormi potenze elettriche e questi fenomeni magnetici-gravitali riproducibili per ora solo in laboratorio e con macchinari grossi e pesanti.
Comunque sia riesce a farlo, tanto che la sua "signature" al radar (ossia quanto o meno è visibile ad un radar nemico) e' addirittura più bassa dell'F117, che di fatto è quattro volte più piccolo del B2!
(Nota: la signature dell'F117 è paragonabile a una cartolina, quella del B2 a un francobollo!).
Ovviamente quando si parla di "distorsioni gravitali" non bisogna andare a pensare a cose fantasiose del tipo "l'aereo vola in antigravità come un Ufo", e cose del genere. :D
Nulla di tutto questo.
Il B2 è, e rimane, un aeroplano al 100%, che vola come un qualunque altro aeroplano (ossia con la portanza alare) ed è propulso come ogni aeroplano (motori a reazione).
La distorsione gravitale la usa esclusivamente per migliorare la sua efficienza di volo, di consumo, di propulsione, e di schermatura radar.
Ma a parte questo non è un Ufo. :wink:

Hai poi parlato di manovre particolari. :roll:
Che io sappia (proverò a documentarmi un po' meglio) gli aerei Stealth non sono soliti "manovrare", anzi una delle loro caratteristiche peculiari è proprio quella di non richiedere manovre evasive, e questo per il semplice fatto che non ne hanno bisogno perchè sono "invisibili".
La loro missione tipo è dunque quella di portarsi (solitamente di notte per risultare invisibili anche alla vista) sull'area nemica, il tutto volando tranquillamente ad alta quota e facendo ricorso alle loro doti di invisibilità, e poi colpire senza che il nemico possa vederli.
SENZA la tecnologia stealth ciò sarebbe impossibile, o meglio altamente sconsigliabile, perchè si verrebbe inesorabilmente avvistati dai radar.
A quel punto il nemico potrebbe lanciare dei missili, oppure mandarti addosso un caccia da dogfight, e allora sì che il tuo aereo avrebbe bisogno di essere altamente manovrabile al fine di disimpegnarsi il più possibile.
E' noto infatti che qualora un caccia nemico dovesse prendere contatto visivo con un F117, quest'ultimo avrebbe pochissime se non zero change di salvarsi da un dogfight, proprio perchè non è per nulla manovrabile quanto un vero caccia da dogfight.
B2 e F117 dunque seguono la stessa filosofia, che prevede la NON necessità di essere manovrabili, ma di essere invisibili, per cui irrintracciabili!
Ora però con l'avvento del poderoso F22 Raptor le cose cambieranno parecchio, in quanto il Raptor unisce in un'unica macchina entrambe le caratteristiche, ossia una altissima manovrabilità e anche l'invisibilità radar. :shock:
Insomma una macchina davvero per dominare i cieli e (presubibilmente) davvero letale per qualunque altro aereo dovesse pararglisi davanti e che osa sfidarlo. :roll:

Tutto questo ovviamente finchè qualcuno non si inventerà qualcosa di ancor più galattico per affrontare questo...."invisibile predatore". :wink:

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 29 agosto 2007, 1:12

Ah dimenticavo, Goose86, l'articolo che hai citato (vero e falso che sia) non riporta praticamente nulla di più di ciò che attualmente si sappia già sul B2 (anche se poco).
Anche il tipo di tecnologia impiegata sarebbe la stessa, ossia potenti campi elettrici in grado di generare attorno all'aereo, "scudi", "plasma", "bolle magnetiche" e così via.
Rimango solo un po' scettico sulla reale possibilità russa di realizzare tali prototipi di aerei, non tanto perchè non ne conoscono la tecnologia (quella magari la conoscono bene anche loro), ma soprattutto per i tremendi costi che tale tecnologia comporta.
Pensa che un solo B2 costa la bellezza di 2,2 miliardi di dollari, ossia questo aereo da solo costa quanto una piccola flotta di liner civili, e forse si avanzano ancora soldi per gli snack salati! :shock: :lol:
Questo fa capire il mio scetticismo sulla reale possibilità che i russi possano mai avventurarsi in una simile colossale spesa in un periodo come questo, però sai com'è.... tutto è possibile. :roll:

Ciao :wink:

Avatar utente
Goose86
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 28 agosto 2007, 18:16
Località: Taranto
Contatta:

stealth

Messaggio da Goose86 » 29 agosto 2007, 13:12

aldus e black grazie per le vostre risposte! spero di ottenere altre informazioni sulla tecnologia stealth, al più presto! comunque a mio modesto parere, il B-2 rimane il bombardiere stealth più equipaggiato tecnologicamente e il più spettacolare, che sia mai stato creato fino ad ora. saluti

Ospite

Messaggio da Ospite » 29 agosto 2007, 15:09

aldus veramente esauriente grazie comunque veramente bella sta cosa
questo campo creerebbe una sorta di "scudo magnetico" tutt'intorno all'aereo che avrebbe particolari caratteristiche positive tra cui, quella di deflettere meglio le emissioni radar, e di aiutarlo nei consumi e nella propulsione.
comunque chissa quante cose scopriremo nei prossimi anni se già siamo a questo punto che bellezzaaaaa

Avatar utente
AZ055B-)
FL 200
FL 200
Messaggi: 2243
Iscritto il: 24 novembre 2006, 15:31
Località: Torino

Messaggio da AZ055B-) » 29 agosto 2007, 15:20

Mi pare anche che l'assorbimento delle onde radar provochi un considerevole aumento della temperatura e quindi il RAM (RadarAbsorbingMaterial) necessita di essere "spalmato" sull F117 all inizio di ogni nuova missione :roll:
"Possiede i requisiti per il certificato medico della classe 1 con le eventuali limitazioni riportate" [VML]

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 29 agosto 2007, 18:24

Sinceramente non ho mai letto che l'F117 debba essere parzialmente "ridipinto" dopo ogni missione. :roll:
Oltretutto mi sembra esagerato supporre che l'assorbimento di microonde radar comporti un innalzamento della temperatura tale da "sciogliere" la speciale vernice RAM.
E' vero che le microonde sono in grado di riscaldare un oggetto, ma solo se queste vengono concentrate in una piccola area (ad esempio come fa il forno a microonde che abbiamo in casa).
Un radar di scoperta però non è un forno a microonde, è soltanto un'antenna radio che scandaglia usando fasci di microonde, e l'energia radio che ti manda addosso è davvero irrisoria.
Non dimentichiamo che anche lo Shuttle sfrutta potenti fasci radar per "mappare" la superficie del nostro pianeta, ossia spara addosso a case, pianure, foreste, laghi, montagne, deserti, esseri umani e animali, etc etc, questi fasci di microonde e ne riceve l'eco di ritorno.
Questi echi vengono poi elaborati per permettere ad un computer di ricostruire in 3D la mappatura completa del nostro pianeta (quello che in gergo flight simulator chiamiamo "mesh").
Vien da sè quindi supporre che se tali fasci di onde radar fossero realmente potenti da "rovinare" una vernice RAM, chissà cosa farebbero allora quando passano sull'erba secca o su zone tremendamente aride ricche di vegetazione a rischio incendio. :roll:
Se tali fasci fossero davvero potenti come quelli di un forno a microonde, lo Shuttle incendierebbe ogni zona del nostro pianeta su cui si ritrova a passare, per cui al posto di scandagliare il nostro pianeta lo arrostirebbe a mò di "drago sputafuoco". :D
Una delle caratteristiche sostanziali delle altissime frequenze radio (le microonde) è proprio quella di essere incredibilmente direttive (immagina un fascio laser) e di raggiungere distanze notevolissime usando pochissima potenza in antenna!
Facciamo un esempio.

Supponiamo di avere una antenna radio montata sulla torre Eiffel, e di voler trasmettere un messaggio ad un'antenna ricevente montata sopra una montagna a Palermo.
Tralasciando le problematiche dovute alla curvatura terrestre e alle interferenze atmosferiche, si noterebbe che maggiore è la frequenza che usiamo, minore è la potenza in antenna richiesta.
Diciamo (così tanto per fare un esempio) che se trasmettiamo a 20 mhz di frequenza, servirebbero almeno 100 watt di potenza per arrivare a Palermo.
Ma se trasmettiamo a 20 ghz di frequenza riusciamo ad arrivare a Palermo anche con soli 5 milliwatt!
Appare chiaro dunque che potenze così irrisorie non possono dare luogo a fenomeni di "calore" tali da rovinare rivestimenti e/o incendiare dell'erba secca, anche perchè se ciò fosse vero significherebbe che noi quando usiamo il cellulare lo vedremo fondersi (sì, il cellulare usa microonde) dopo pochi minuti! :D

Non solo, anche ammettendo che il rivestimento RAM dell'F117 dovesse effettivamente scaldarsi, non bisogna dimenticare che l'aereo sta volando, solitamente ad alta quota, dove la temperatura esterna è prossima allo zero o anche meno.
Ciò sarebbe più che sufficiente per raffreddare istantaneamente la vernice RAM esposta all'assorbimento del onde radar, col risultato che l'aeroplano risulterebbe comunque sempre freddo.
Per finire, faccio notare che è prassi comune affermare che la vernice RAM dell'F117 sia dipinta su tutto l'aeroplano.
Non è proprio così. :roll:

La vernice RAM viene collocata soprattutto nelle intercapedini dei vani portelloni, del tettuccio, e di tutte le altre paratie che si aprono e si chiudono.
Queste paratie o portelli che dir si voglia hanno la forma a zig zag fatta appositamente per far rimbalzare ed incanalare l'energia radar sino a guidarla alla fine di ogni triangolo (ossia giù giù nell'imbuto sino alla fine dell'angolo). Sui bordi di questi zig zag c'è la vernice RAM che, ad ogni rimbalzo, assorbe una piccola parte di questa energia.
Alla fine di questo processo, rimbalzo dopo rimbalzo, assorbimento dopo assorbimento, l'onda radar arriva alla fine "dell'imbuto" senza avere praticamente più energia, e pertanto non torna più indietro (non c'è più eco di ritorno).

Tutto il resto della fusoliera dell'F117 invece sfrutta un altro principio per evitare l'eco di ritorno: la tecnica della sfaccettatura.
Praticamente al posto di assorbire l'energia radar (ossia di frenarla e mangiarsela), la fa semplicemente "rimbalzare via" con un angolo differente rispetto a prima.
Si comporta in pratica come un perfetto "diamante sfaccettato" (tanto è vero che all'inizio, il progetto F117 era chiamato "diamante senza speranza") che colpito dalla luce di un laser fa sì che quel fascio laser non ritorni mai indietro dalla stessa parte da cui è provenuto.
Se ti dovesse capitare di prendere un laserino portatile e spararlo contro un diamante vedresti proprio come si comporta l'F117.
Il fascio laser colpisce il diamante e anzichè tornare indietro viene riflesso dappertutto sui muri, dando luogo a tanti puntini laser spuri dappertutto.
L'F117 funziona proprio secondo questo criterio.
Infatti è errato dire che è "invisibile", bensì è più corretto dire che "si rende invisibile" allo schermo radar.
Perchè?

Perchè il radarista che ha beccato un F117 non vedrà sul suo schermo un puntino di eco di ritorno netto e definito, bensì alle volte (dipende dall'assetto dell'aereo) gli capiterà di vedere centinaia di puntini spuri dappertutto (ovviamente di bassissima intensità), e di conseguenza non saprà mai dov'è l'aereo, ma soprattutto quale di quei puntini rappresenta l'aereo vero!
Siccome questi puntini si muovono in continuazione, sfavillano, poi appaiono e scompaiono, poi una volta sono quì, una volta sono là, il radarista si ritrova nella confusione più totale e non ci capisce più niente. :lol:
Il suo schermo radar sembra impazzito e si comporta come quei vecchi televisori in bianco e nero che facevano "l'effetto sabbia" (hai presente tutte quelle "formichine" che pirlavano dappertutto sullo schermo? con l'F117 succede proprio così).

Sorge spontanea un domanda però: "ma l'F117 si rende invisibile con QUALUNQUE assetto ha rispetto al radar che lo inquadra?" :roll: :roll:
Sinceramente questo non te lo so dire, ma c'è una buona percentuale che la risposta sia "sì", anche se va fatta una precisazione.

Questo aereo è stato progettato e testato per anni per essere davvero invisibile, e non posso credere che non sia stato sottoposto a prove radar maniacali con qualunque assetto di volo, ma soprattutto in relazione al suo profilo di missione!
Io ho in casa un modello dell'F117 è ogni tanto mi piace osservarlo.
Visto dal davanti, da dietro, di lato, è veramente riflettente e non offre nessuna possibilità di eco radar.
Tuttavia la pancia dell'aereo appare insolitamente piatta, il che fa supporre che se un radar la inquadrasse esattamente sulla verticale vedrebbe un eco di ritorno ben visibile!! :roll:
E probabilmente è così, l'F117 non è più invisibile se inquadrato sulla perfetta verticale.
Ma allora è un problema serio? :roll:
Sì lo è, ma come dicevo prima bisogna fare una precisazione relativa al suo profilo di missione.
Ti spiego come funziona così capirai il "trucco" che hanno usato. :wink:

Immagina uno scenario di guerra nella quale a un certo punto arriva ad alta quota un F117.
Ok?
Quando l'F117 è a diverse centinaia di miglia, si ritrova (rispetto al radar nemico) in assetto quasi frontale, per cui sfruttando il suo profilo frontale sfaccettato risulta totalmente invisibile.
Quando l'F117 è a decine di miglia il suo profilo (rispetto al radar nemico) CAMBIA, ossia incomincia ad offrire, oltre al profilo frontale, anche la PANCIA. :roll:
Ma occhio, com'è la pancia?
E' piatta!
E rispetto a radar è in perfetta verticale?
No, è di sbieco!
Che fanno quindi i fasci radar se trovano un superfice piatta e di sbieco?
Rimbalzano via lontano! :D

Per cui anche a poche miglia dall'obbiettivo l'F117, nonostante abbia la pancia piatta, riesce ad essere invisibile, perchè sfrutta proprio la pancia piatta per fare un "effetto lastra specchiata" e far deflettere via le onde radar.
Ma non è finita.

A un certo punto l'F117 verrà a trovarsi sulla perfetta verticale del radarista, il quale ovviamente lo vede. :shock:
Allora che succede?
L'F117 è spacciato? :roll:
Negativo, succede che è il radarista ad essere già spacciato!! :shock:
Lo è perchè l'F117 ha già sganciato la bomba prima di arrivare sulla verticale, ossia quando ancora era invisibile al radarista, per cui anche se per un istante viene avvistato, la partita oramai è chiusa. 8)
Boom, addio postazione radar!
E anche ammesso che l'aereo faccia cilecca, non succederebbe niente, perchè a quel punto l'F117 tornerebbe a rivolgere al radar la pancia piatta (ma nuovamente di sbieco!) e la coda (che è invisibile anch'essa).
Praticamente dopo pochi secondi l'aereo tornerebbe (rispetto al radarista) ad essere invisibile, pronto nuovamente per un nuovo attacco.
Geniale, vero? :wink:

Mi scuso se l'ho fatta molto lunga, ma ritengo sia interessante per gli appassionati apprendere un po' di cose sugli Steath e come funzionano.
Ciao :wink: :wink:

Avatar utente
Goose86
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 28 agosto 2007, 18:16
Località: Taranto
Contatta:

Messaggio da Goose86 » 29 agosto 2007, 18:57

Va bene così! sei stato molto esauriente! era proprio di questo che volevo parlare...c'è ancora molto da dire! comunque, dalle informazioni che mi hai dato, sembra che tu abbia dei contatti con il Pentagono o l'USAF......! :lol:
Saluti

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 29 agosto 2007, 19:24

:lol: :lol:
Nessun contatto col Pentagono, te lo giuro. :D
Le informazioni che ti ho dato provengono da un libro che ho avuto la fortuna di trovare in una vecchia libreria generica di Milano.
Mi trovavo lì occasionalmente a far visita, e notai in alto della libreria un libro pieno di polvere e dimenticato da tutti.
Presi la scaletta e lo guardai velocemente.
Tanto mi bastò per rendermi conto che quello era forse il libro più documentato sull'F117 che mai avevo visto! :shock:
C'è di tutto, tantissime foto, commenti dei piloti, degli ingegneri, foto inedite, insomma sembra davvero scritto di pugno dagli addetti che hanno progettato l'F117.
Il tutto in italiano, quindi da leggersi di un fiato.
Se sei incuriosito di sapere una caterba di informazioni sull'F117 non posso che consigliarti questo libro.
Facendo una ricerca internet l'ho trovato quì (e ora costa anche meno di quanto l'ho pagato io): http://www.unilibro.it/find_buy/Scheda/ ... ibile_.htm

Il libro è ottimamente rilegato, bello grosso e pesante, completissimo, 200 pagine (ma i caratteri sono piccoli, quindi a leggersi è lungo, sembra di 400 pagine!).
Insomma di soldi ne vale anche il quadruplo, fidati, e ci troverai cose che in rete è difficile trovare.

Qualche immagine del libro.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Buona lettura, vedrai che ti piacerà un sacco, e ti farai una cultura sull'F117 prima impensabile. :wink:

Avatar utente
Goose86
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 28 agosto 2007, 18:16
Località: Taranto
Contatta:

Messaggio da Goose86 » 29 agosto 2007, 20:44

Approfondirò la mia cultura aeronautica! sarà esauriente! grazie

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 29 agosto 2007, 22:42

Di niente Goose.
Vedrai che diventerai un bell'esperto di F117, aereo tanto strano quanto affascinante. :thumbleft:

Otaku

Messaggio da Otaku » 29 agosto 2007, 23:26

AZ055B-) ha scritto:Mi pare anche che l'assorbimento delle onde radar provochi un considerevole aumento della temperatura e quindi il RAM (RadarAbsorbingMaterial) necessita di essere "spalmato" sull F117 all inizio di ogni nuova missione :roll:
Considerevole non direi, mi risulta che sia solo teorico e non abbia effetti pratici.

Avatar utente
AZ055B-)
FL 200
FL 200
Messaggi: 2243
Iscritto il: 24 novembre 2006, 15:31
Località: Torino

Messaggio da AZ055B-) » 30 agosto 2007, 18:37

Aldus ha scritto:Sinceramente non ho mai letto che l'F117 debba essere parzialmente "ridipinto" dopo ogni missione. :roll:
Oltretutto mi sembra esagerato supporre che l'assorbimento di microonde radar comporti un innalzamento della temperatura tale da "sciogliere" la speciale vernice RAM.
E' vero che le microonde sono in grado di riscaldare un oggetto, ma solo se queste vengono concentrate in una piccola area (ad esempio come fa il forno a microonde che abbiamo in casa).
Un radar di scoperta però non è un forno a microonde, è soltanto un'antenna radio che scandaglia usando fasci di microonde, e l'energia radio che ti manda addosso è davvero irrisoria.
Non dimentichiamo che anche lo Shuttle sfrutta potenti fasci radar per "mappare" la superficie del nostro pianeta, ossia spara addosso a case, pianure, foreste, laghi, montagne, deserti, esseri umani e animali, etc etc, questi fasci di microonde e ne riceve l'eco di ritorno.
Questi echi vengono poi elaborati per permettere ad un computer di ricostruire in 3D la mappatura completa del nostro pianeta (quello che in gergo flight simulator chiamiamo "mesh").
Vien da sè quindi supporre che se tali fasci di onde radar fossero realmente potenti da "rovinare" una vernice RAM, chissà cosa farebbero allora quando passano sull'erba secca o su zone tremendamente aride ricche di vegetazione a rischio incendio. :roll:
Se tali fasci fossero davvero potenti come quelli di un forno a microonde, lo Shuttle incendierebbe ogni zona del nostro pianeta su cui si ritrova a passare, per cui al posto di scandagliare il nostro pianeta lo arrostirebbe a mò di "drago sputafuoco". :D
Una delle caratteristiche sostanziali delle altissime frequenze radio (le microonde) è proprio quella di essere incredibilmente direttive (immagina un fascio laser) e di raggiungere distanze notevolissime usando pochissima potenza in antenna!
Facciamo un esempio.

Supponiamo di avere una antenna radio montata sulla torre Eiffel, e di voler trasmettere un messaggio ad un'antenna ricevente montata sopra una montagna a Palermo.
Tralasciando le problematiche dovute alla curvatura terrestre e alle interferenze atmosferiche, si noterebbe che maggiore è la frequenza che usiamo, minore è la potenza in antenna richiesta.
Diciamo (così tanto per fare un esempio) che se trasmettiamo a 20 mhz di frequenza, servirebbero almeno 100 watt di potenza per arrivare a Palermo.
Ma se trasmettiamo a 20 ghz di frequenza riusciamo ad arrivare a Palermo anche con soli 5 milliwatt!
Appare chiaro dunque che potenze così irrisorie non possono dare luogo a fenomeni di "calore" tali da rovinare rivestimenti e/o incendiare dell'erba secca, anche perchè se ciò fosse vero significherebbe che noi quando usiamo il cellulare lo vedremo fondersi (sì, il cellulare usa microonde) dopo pochi minuti! :D

Non solo, anche ammettendo che il rivestimento RAM dell'F117 dovesse effettivamente scaldarsi, non bisogna dimenticare che l'aereo sta volando, solitamente ad alta quota, dove la temperatura esterna è prossima allo zero o anche meno.
Ciò sarebbe più che sufficiente per raffreddare istantaneamente la vernice RAM esposta all'assorbimento del onde radar, col risultato che l'aeroplano risulterebbe comunque sempre freddo.
Per finire, faccio notare che è prassi comune affermare che la vernice RAM dell'F117 sia dipinta su tutto l'aeroplano.
Non è proprio così. :roll:

La vernice RAM viene collocata soprattutto nelle intercapedini dei vani portelloni, del tettuccio, e di tutte le altre paratie che si aprono e si chiudono.
Queste paratie o portelli che dir si voglia hanno la forma a zig zag fatta appositamente per far rimbalzare ed incanalare l'energia radar sino a guidarla alla fine di ogni triangolo (ossia giù giù nell'imbuto sino alla fine dell'angolo). Sui bordi di questi zig zag c'è la vernice RAM che, ad ogni rimbalzo, assorbe una piccola parte di questa energia.
Alla fine di questo processo, rimbalzo dopo rimbalzo, assorbimento dopo assorbimento, l'onda radar arriva alla fine "dell'imbuto" senza avere praticamente più energia, e pertanto non torna più indietro (non c'è più eco di ritorno).

Tutto il resto della fusoliera dell'F117 invece sfrutta un altro principio per evitare l'eco di ritorno: la tecnica della sfaccettatura.
Praticamente al posto di assorbire l'energia radar (ossia di frenarla e mangiarsela), la fa semplicemente "rimbalzare via" con un angolo differente rispetto a prima.
Si comporta in pratica come un perfetto "diamante sfaccettato" (tanto è vero che all'inizio, il progetto F117 era chiamato "diamante senza speranza") che colpito dalla luce di un laser fa sì che quel fascio laser non ritorni mai indietro dalla stessa parte da cui è provenuto.
Se ti dovesse capitare di prendere un laserino portatile e spararlo contro un diamante vedresti proprio come si comporta l'F117.
Il fascio laser colpisce il diamante e anzichè tornare indietro viene riflesso dappertutto sui muri, dando luogo a tanti puntini laser spuri dappertutto.
L'F117 funziona proprio secondo questo criterio.
Infatti è errato dire che è "invisibile", bensì è più corretto dire che "si rende invisibile" allo schermo radar.
Perchè?

Perchè il radarista che ha beccato un F117 non vedrà sul suo schermo un puntino di eco di ritorno netto e definito, bensì alle volte (dipende dall'assetto dell'aereo) gli capiterà di vedere centinaia di puntini spuri dappertutto (ovviamente di bassissima intensità), e di conseguenza non saprà mai dov'è l'aereo, ma soprattutto quale di quei puntini rappresenta l'aereo vero!
Siccome questi puntini si muovono in continuazione, sfavillano, poi appaiono e scompaiono, poi una volta sono quì, una volta sono là, il radarista si ritrova nella confusione più totale e non ci capisce più niente. :lol:
Il suo schermo radar sembra impazzito e si comporta come quei vecchi televisori in bianco e nero che facevano "l'effetto sabbia" (hai presente tutte quelle "formichine" che pirlavano dappertutto sullo schermo? con l'F117 succede proprio così).

Sorge spontanea un domanda però: "ma l'F117 si rende invisibile con QUALUNQUE assetto ha rispetto al radar che lo inquadra?" :roll: :roll:
Sinceramente questo non te lo so dire, ma c'è una buona percentuale che la risposta sia "sì", anche se va fatta una precisazione.

Questo aereo è stato progettato e testato per anni per essere davvero invisibile, e non posso credere che non sia stato sottoposto a prove radar maniacali con qualunque assetto di volo, ma soprattutto in relazione al suo profilo di missione!
Io ho in casa un modello dell'F117 è ogni tanto mi piace osservarlo.
Visto dal davanti, da dietro, di lato, è veramente riflettente e non offre nessuna possibilità di eco radar.
Tuttavia la pancia dell'aereo appare insolitamente piatta, il che fa supporre che se un radar la inquadrasse esattamente sulla verticale vedrebbe un eco di ritorno ben visibile!! :roll:
E probabilmente è così, l'F117 non è più invisibile se inquadrato sulla perfetta verticale.
Ma allora è un problema serio? :roll:
Sì lo è, ma come dicevo prima bisogna fare una precisazione relativa al suo profilo di missione.
Ti spiego come funziona così capirai il "trucco" che hanno usato. :wink:

Immagina uno scenario di guerra nella quale a un certo punto arriva ad alta quota un F117.
Ok?
Quando l'F117 è a diverse centinaia di miglia, si ritrova (rispetto al radar nemico) in assetto quasi frontale, per cui sfruttando il suo profilo frontale sfaccettato risulta totalmente invisibile.
Quando l'F117 è a decine di miglia il suo profilo (rispetto al radar nemico) CAMBIA, ossia incomincia ad offrire, oltre al profilo frontale, anche la PANCIA. :roll:
Ma occhio, com'è la pancia?
E' piatta!
E rispetto a radar è in perfetta verticale?
No, è di sbieco!
Che fanno quindi i fasci radar se trovano un superfice piatta e di sbieco?
Rimbalzano via lontano! :D

Per cui anche a poche miglia dall'obbiettivo l'F117, nonostante abbia la pancia piatta, riesce ad essere invisibile, perchè sfrutta proprio la pancia piatta per fare un "effetto lastra specchiata" e far deflettere via le onde radar.
Ma non è finita.

A un certo punto l'F117 verrà a trovarsi sulla perfetta verticale del radarista, il quale ovviamente lo vede. :shock:
Allora che succede?
L'F117 è spacciato? :roll:
Negativo, succede che è il radarista ad essere già spacciato!! :shock:
Lo è perchè l'F117 ha già sganciato la bomba prima di arrivare sulla verticale, ossia quando ancora era invisibile al radarista, per cui anche se per un istante viene avvistato, la partita oramai è chiusa. 8)
Boom, addio postazione radar!
E anche ammesso che l'aereo faccia cilecca, non succederebbe niente, perchè a quel punto l'F117 tornerebbe a rivolgere al radar la pancia piatta (ma nuovamente di sbieco!) e la coda (che è invisibile anch'essa).
Praticamente dopo pochi secondi l'aereo tornerebbe (rispetto al radarista) ad essere invisibile, pronto nuovamente per un nuovo attacco.
Geniale, vero? :wink:

Mi scuso se l'ho fatta molto lunga, ma ritengo sia interessante per gli appassionati apprendere un po' di cose sugli Steath e come funzionano.
Ciao :wink: :wink:
Grazie mille per il chiarimento :D
"Possiede i requisiti per il certificato medico della classe 1 con le eventuali limitazioni riportate" [VML]

Avatar utente
scrittore
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 97
Iscritto il: 29 maggio 2007, 14:47

Messaggio da scrittore » 7 settembre 2007, 0:10

Hopeless Diamond e F-117 sono lo stesso aereo o due progetti diversi? Io avevo avuto la seconda impressione, anche se non ho trovato nemmeno un bozzetto del supposto concorrente.

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Messaggio da vihai » 7 settembre 2007, 2:28

Aldus ha scritto: Una delle caratteristiche sostanziali delle altissime frequenze radio (le microonde) è proprio quella di essere incredibilmente direttive
Non sono "incredibilmente" direttive, sono più direttive delle onde a frequenza più bassa... ma ben lontane da quanto può esserlo un laser.

Anzi, proprio un laser è incredibilmente direttivo, visto che la sua divergenza è molto vicina a quella minima teorica.
Diciamo (così tanto per fare un esempio) che se trasmettiamo a 20 mhz di frequenza, servirebbero almeno 100 watt di potenza per arrivare a Palermo.
Ma se trasmettiamo a 20 ghz di frequenza riusciamo ad arrivare a Palermo anche con soli 5 milliwatt!
E questo in base a quale principio fisico?

Tra l'altro cosa vuol dire "arrivare"? Il teorema di Shannon dice che non c'è un limite di distanza, indipendentemente dalla potenza che usi, se non imponi anche una larghezza di banda del canale.
Praticamente al posto di assorbire l'energia radar (ossia di frenarla e mangiarsela), la fa semplicemente "rimbalzare via" con un angolo differente rispetto a prima.
Si comporta in pratica come un perfetto "diamante sfaccettato"
No, il diamante trasmette la radiazione al suo interno, l'aereo riflette direttamente. Semplicemente, per come sono orientate le sue superfici riflette lontano dall'antenna ricevente del radar, che quindi non lo vede.
Se ti dovesse capitare di prendere un laserino portatile e spararlo contro un diamante vedresti proprio come si comporta l'F117.
No, vedresti una cosa completamente diversa :)
Perchè il radarista che ha beccato un F117 non vedrà sul suo schermo un puntino di eco di ritorno netto e definito, bensì alle volte (dipende dall'assetto dell'aereo) gli capiterà di vedere centinaia di puntini spuri dappertutto
Naaaah... per come funziona il radar non potresti vedere punti lontani dall'eco principale, specialmente fuori dalla radiale.
"l'effetto sabbia" (hai presente tutte quelle "formichine" che pirlavano dappertutto sullo schermo? con l'F117 succede proprio così).
Ah... "succede proprio così" :)
Mi piacerebbe sapere da dove ti viene questa sicurezza :)
Sorge spontanea un domanda però: "ma l'F117 si rende invisibile con QUALUNQUE assetto ha rispetto al radar che lo inquadra?" :roll: :roll:
No, se vola con un assetto che rende perpendicolare una sua faccia alla congiungente radar-aereo, diventa visibile eccome.

Avatar utente
super33
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 373
Iscritto il: 7 novembre 2006, 16:27
Località: Roma

Messaggio da super33 » 12 settembre 2007, 17:42

vihai ha scritto:
Aldus ha scritto:
Perchè il radarista che ha beccato un F117 non vedrà sul suo schermo un puntino di eco di ritorno netto e definito, bensì alle volte (dipende dall'assetto dell'aereo) gli capiterà di vedere centinaia di puntini spuri dappertutto
Naaaah... per come funziona il radar non potresti vedere punti lontani dall'eco principale, specialmente fuori dalla radiale.
"l'effetto sabbia" (hai presente tutte quelle "formichine" che pirlavano dappertutto sullo schermo? con l'F117 succede proprio così).
Ah... "succede proprio così" :)
Mi piacerebbe sapere da dove ti viene questa sicurezza :)
Per quel poco che so di radar, quello che vede l'operatore è "filtrato" dal computer che elabora il segnale primario (e per es. associa l'id del trasponder) per cui non vedrà mai le "formichine"

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Messaggio da vihai » 12 settembre 2007, 17:52

super33 ha scritto: Per quel poco che so di radar, quello che vede l'operatore è "filtrato" dal computer che elabora il segnale primario (e per es. associa l'id del trasponder) per cui non vedrà mai le "formichine"
Si, ma anche con un radar puramente analogico, non c'è modo che un eco venga sparpagliato come descritto.

Ciao,

Rispondi