SU 47

Area dedicata alla discussione sull’Aviazione Militare, gli Aerei, i Reparti e le Basi, le Pattuglie acrobatiche

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
LS4
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 542
Iscritto il: 19 luglio 2007, 14:49
Località: LILC

SU 47

Messaggio da LS4 » 14 gennaio 2008, 9:56

Ho trovato in rete la foto del SU47 da cui è evidente l'originale pianta delle ali a freccia rovescia.

sarei cuirioso di sapere quali sono i vantaggi di tale architettura e se il su47 è rimasto allo stadio di prototipo o ha avuto seguito
Allegati
SU47.jpg
SU47.jpg (11.51 KiB) Visto 1859 volte
Don't worry about the world coming to an end today. It's already tomorrow in Australia

Avatar utente
LS4
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 542
Iscritto il: 19 luglio 2007, 14:49
Località: LILC

Messaggio da LS4 » 14 gennaio 2008, 16:31

Grazie Draklor!
Don't worry about the world coming to an end today. It's already tomorrow in Australia

kompressor
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 120
Iscritto il: 25 maggio 2007, 8:28

Messaggio da kompressor » 19 gennaio 2008, 12:24

Comunque, che io ricordi la sperimentazione di quest'ala risale ai tempi della germania nazista, ricordiamoci sempre dell'eredità tecnologica che la germania di allora ha lasciato alle potenze vincitrici in tutti i campi della tecnologia militare e i livelli di assoluta eccellenza in aeronautica e missilistica.

Ne cito alcuni:
Ala volante a reazione
Aerei VTOL
Motore a reazione
Caccia a reazione
Bombardiere a reazione
V1 il padre dei missili da crociera
V2 il padre dei missili balistici
Proiettili ad uranio impoverito

E altri che non sono riusciti a realizzare per mancanza di tempo:
Bombardiere stratosferico a reazione.
Aereo da appoggio tattico anticarro.
ecc.
...la sinfonia del posto 37 k

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 19 gennaio 2008, 13:28

Riporto un mio intervento fatto in un altro contesto che magari vi puo' interessare:

Riguardo la freccia negativa; essa è stata ampiamente studiata alla NASA.

Ciò che ci si aspettava dall'ala a freccia negativa, e che è stato in parte riscontrato sull'X-29, è che essa presentasse dei benefici nel regime transonico rispetto alla classica freccia positiva. Considerando due ali equivalenti, la freccia negativa ha un minore leading edge sweep rispetto ad una freccia positiva; questo modifica in maniera favorevole la configurazione dell'onda d'urto sul dorso dell'ala, diminuendo la resistenza del profilo alare.

Sono state inoltre riscontrate ottime qualità di handling ad alfa elevati.

La separazione del flusso ad alti angoli d'attacco inizia alla radice dell'ala, permettendo di mantenere più a lungo l'efficacia degli alettoni e quindi di sfruttare a pieno la portanza del profilo, al contrario dell'ala a freccia positiva, dove l'angolo d'attacco è limitato dal wing tip stall e dalla perdita di efficacia degli alettoni.

Come hai osservato vi sono problemi di urti sonici sul profilo di attacco delle sezioni di tip, perchè escono facilmente dal cono di mach, quindi quelli a freccia invertita sono aerei relativamente lenti (M<2).

Per quel poco che so, invece, dal punto di vista strutturale l'ala a freccia negativa pone seri problemi aeroelastici, a fronte di un piccolo guadagno in termini di momento (bending moment) dovuto ad un centro di portanza più vicino alla radice dell'ala (cosa che permetterebbe di aumentare l'aspect ratio e diminuire così la resistenza indotta).

Il grosso problema credo sia un fenomeno chiamato divergenza aeroelastica.
Praticamente, se capisco correttamente, senza sostituirmi a FAS, le sollecitazioni aerodinamiche cui è soggetto il profilo alare inducono una torsione che fa sollevare il leading edge.
Questo comportamento della struttura ha influenze importanti nella prestazione aerodinamica.
Localmente si ha un aumento di alfa che a sua volta fa aumentare il carico aerodinamico, che a sua volta induce maggiore torsione, e via cosí fino ad un cedimento meccanico.

La soluzione consiste nell'aumentare la rigidità del profilo, ma questo comporta un aumento di peso, per lo meno con le leghe aeronautiche classiche.
Con i compositi, è possibile mantenere il peso entro limiti accettabili, sia per l'ottimo rapporto tra proprietà meccaniche e peso, sia perché è possibile orientare le fibre in maniera specifica, in base alle sollecitazioni aerodinamiche previste. L'X-29, per l'appunto, ha un'ala rivestita in composito.

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Messaggio da Morpheus7 » 19 gennaio 2008, 15:03

leading edge sweep
eh???? che cosa è ?? scusate l'ignoranza
Immagine Luigi G. :indian:

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 19 gennaio 2008, 16:08

Morpheus7 ha scritto:
leading edge sweep
eh???? che cosa è ?? scusate l'ignoranza
Leading edge è il bordo d'attacco di un ala.

"sweep" indica l'angolo di freccia dei pti di ristagno del bordo d'attacco, che (semplificando per chiarezza) puoi pensare come il punto più avanzato del profilo (quello che incontra il vento apparente per primo).

Se trovo una foto la metto che è più semplice...

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Messaggio da Morpheus7 » 19 gennaio 2008, 19:32

grazie chiarissimo
Immagine Luigi G. :indian:

Avatar utente
luciocaste
FL 150
FL 150
Messaggi: 1978
Iscritto il: 3 agosto 2007, 0:15
Località: FLR - Italy
Contatta:

Messaggio da luciocaste » 19 gennaio 2008, 23:32

Girovagando in rete ho trovato questo video
Luciano

Per vedere le mie foto clicca qui

Immagine

Rispondi