JSF

Area dedicata alla discussione sull’Aviazione Militare, gli Aerei, i Reparti e le Basi, le Pattuglie acrobatiche

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10649
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: JSF

Messaggio da richelieu » 14 febbraio 2013, 0:00

E c'è pure questo ..... con dettagli sull'attualità e sul futuro del programma .....
Lockheed: No Showstoppers In F-35 DOT&E Report .....

By Anthony Osborne
Source: Aerospace Daily & Defense Report (AW&ST) - February 13, 2013

LONDON—Lockheed Martin executives say there are no “showstoppers” in the Pentagon’s Director of Operational Test & Evaluation (DOT&E) report on the Joint Strike Fighter.

“All the issues raised in the report are known, and have been known for some time, and fixes and solutions are in place or in work,” Steve O’Bryan, Lockheed Martin’s vice president of F-35 business development, told Aviation Week in London.

O’Bryan’s comments come just weeks after negative reports on the aircraft’s performance and the grounding of the short-takeoff-vertical-landing (Stovl) F-35B variant in late January due to faulty fueldraulic lines.

“I look at the DOT&E report and I look at the progress, and we are 5% ahead of the plan,” O’Bryan says.

Some test points have been delayed, however, while fixes are devised. Among them is a new tailhook design for the F-35C after the original design was unable to grab the arresting wire. The company is also behind in delivering software to allow for use of weapons on the F-35.

“What I see is a very flexible flight test program that is able to pull ahead test points that were to be further out and can be pulled into the plan,” O’Bryan says.

O’Bryan spoke in London as part of a European tour of JSF partner nations, along with Tom Burbage, retiring VP and general manager of the F-35 program. The pair highlighted the company’s plans for 2013 as it pushes to get the aircraft into service. The plan includes 1,153 test flights during 2013 and completing 9,300 test points by year’s end.

Lockheed also plans to deliver 36 low-rate, initial-production aircraft in fiscal 2013 — an increase of 20% over last year. Other milestones include the beginning of U.S. Air Force pilot training at Eglin AFB, Fla., as well as the delivery of LRIP 4 aircraft to Nellis AFB, Nev., and Edwards AFB, Calif., for operational testing by the Air Force.

Through-life durability testing on both the STOVL (F-35B) and the CV (F-35C) models will also be completed later this year. F-35Bs are also expected to be re-embarked on the USS Wasp amphibious assault vessel for a second round of deck operation trials following initial trials held in October 2011. The company will also mark the opening of the Italian Final Assembly and Check-Out (FACO) facility at Cameri AB near Milan in conjunction with the Italian government this summer.

Without further software snags, the operational fleet aircraft at Eglin and Yuma are slated to receive the 2A software in the third quarter of this year. The operational fleet is currently using release Block 1B, dubbed the “Initial Training” software, which gives crews basic radar modes and flight envelope capability. The Block 2A release is made of more than 8 million lines of code and represents around 86% of the ultimate extent of the aircraft’s software.

According to O’Bryan, the Block 2A software will bring new training capabilities including access to electronic warfare systems, air-to-air and air-to-ground modes for the AN/APG-81 radar as well as use of Electro-Optical Targeting System (EOTS), the Infrared Search and Track (IRST) and some of the “classified systems.”

The release will also include simulated weaponry such as laser-guided Joint Direct Attack Munitions and AIM-120 Advanced Medium-Range Air-to-Air Missiles. Actual weapon release software will come with the Block 2B update that will be hosted on flight test aircraft later this year, giving the type what Lockheed Martin refers to as an “initial warfighting” capability. This is not due to be featured on the fleet until mid-2015, pushing back the introduction of releases 3I (Initial) and 3F (Final).

According to O’Bryan, both Israel and Japan have signed letters of agreement for the F-35A, and discussions with the Japanese are ongoing for a final assembly and checkout facility that could be delivering aircraft from 2017. The facility at Cameri will build both Italian F-35 A and B models, as well as aircraft destined for the Netherlands.

Italy will receive its first aircraft in 2015
and Australia will get its F-35s in 2014. Israel and Japan will receive their first aircraft in 2016. The U.K. is set to receive its third aircraft, BK-3, this spring. It is set to be delivered to MCAS Beaufort, where training will begin alongside crews from the U.S. Marine Corps. The fourth U.K. F-35, BK-4, will be another instrumented aircraft, and will be operated alongside BK1 and 2 at Eglin.
Link ..... http://www.aviationweek.com/Article.asp ... 548301.xml
.

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10649
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: JSF

Messaggio da richelieu » 14 febbraio 2013, 0:11

Non mancano, infine, ulteriori dettagli sulla ripresa delle operazioni di volo degli F-35B .....
Pentagon, Navy Lift Flight Restrictions On F-35Bs .....

By Reuters (via "AW&ST") - February 13, 2013

The Pentagon and U.S. Navy have lifted flight restrictions on the Marine Corps version of the F-35 fighter jet, clearing the way for testing and training flights to resume after a nearly month-long grounding, military officials said on Wednesday.

The decision would allow officials to quickly resume flight tests of the F-35B, the Marines’ version of the new warplane being built by Lockheed Martin Corp, said Colonel Kevin Killea, who oversees aviation requirements for the Marine Corps.

He said, however, that the Navy and the F-35 program office had more work to do to resolve the manufacturing issues blamed for the grounding.

Resumption of test and training flights of the F-35B is good news for the $396 billion F-35 program, which must complete an aggressive schedule of test flights this year to keep the program on track after earlier delays.

The Pentagon and the Navy grounded all 25 F-35B jets on Jan. 18 after a fuel line made by Stratoflex, a unit of Parker Hannifin Corp, detached just before a training flight in Florida on Jan. 16. The Pentagon later said the issue stemmed from a manufacturing defect, not maintenance or design issues.

Joe DellaVedova, spokesman for the Pentagon’s F-35 program office, said all 25 F-35 B-model warplanes were cleared for flight as soon as any defective fuel lines had been replaced. He said all the affected hoses had been inspected and those found to have problems would be replaced. The hose in question is part of the exhaust system on the F-35B, which can take off from short runways and land like a helicopter.

Stratoflex is a subcontractor to Britain’s Rolls Royce Plc , but the prime contractor for the F-35B engine is Pratt & Whitney, a unit of United Technologies Corp.

The Pentagon’s F-35 program office lifted the flight restrictions on nine developmental test F-35B aircraft, and Vice Admiral David Dunaway, head of Naval Air Systems Command, followed suit later by approving flights by 16 additional F-35B jets that are being used for training, defense officials said.

Flights of the Air Force’s A-model and the Navy’s C-model of the F-35 were unaffected because they do not have the same fuel line involved in the incident that triggered the grounding.

Lockheed is building three variants of the F-35 for the United States and eight countries that funded its development: Britain, Canada, Australia, Norway, Denmark, Italy, Turkey and the Netherlands. Israel and Japan are also buying the planes.

Besides the Marine Corps, Britain and Italy also plan to buy the F-35B.

All the aircraft will have to undergo an initial checkout flight before they can resume testing or training flights, said a defense official who was not authorized to speak publicly.

The official said it was unclear how the grounding would impact the overall test program for the F-35B since that model had been a bit ahead of schedule with flights before the grounding. “There will be some impact for sure. Thirty days of testing is 30 days,” said the official.

The Pentagon continues to analyze equipment made by Stratoflex and remains in discussions with Pratt about the cost of the detailed inspections and repairs, the official said.

Matthew Bates, a spokesman for Pratt, welcomed the decision to resume flights of the F-35B and said the root cause had been corrected. “We took additional steps with our supplier to ensure hose integrity for the entire fleet, and we are confident in the integrity of the overall propulsion system,” he said.

Bates had no immediate comment on who would pay for the cost of the inspections and repairs resulting from the incident.

So far, 82 hoses from the F-35B aircraft have been shipped to an independent company in Minnesota for CT scans. Initial analysis showed 10 of 36 hoses were overcrimped and needed repairs, said the official, adding that five sets of hoses had been cleared for use.

Pentagon and Navy officials have adjusted the requirements for the hoses after studying the performance of a test engine, being used by Pratt & Whitney, that was found to have an overcrimped hose but logged 1,600 hours of use without a problem.
Link ..... http://www.aviationweek.com/Article.asp ... 548607.xml

Buona notte ..... :)
.

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 14 febbraio 2013, 9:57

http://www.nellis.af.mil/news/story.asp?id=123336267

Dal 28 Febbraio, 4 F-35 a Nellis...nuovi video assicurati direi :)

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10649
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: JSF

Messaggio da richelieu » 14 febbraio 2013, 11:12

La delegazione di Lockheed Martin, dopo la visita a Londra, è ora in Italia ..... e parla di costi .....

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/p ... cle=1SA95L

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/p ... cle=1SA769

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF...senza pace, direi

Messaggio da Valerio Ricciardi » 22 febbraio 2013, 21:12

Una grana al giorno leverà il cliente di torno?
Ma era proprio necessario metterci mani e piedi in questo pasticcio?

fonte: http://www.lastampa.it/2013/02/22/ester ... agina.html

22/02/2013 - IL CASO
Il Pentagono blocca i voli degli F-35
“Problemi alla turbina del reattore”

Nuovi guai per il caccia multiruolo: i responsabili avviano le verifiche

Il Pentagono ha sospeso tutti i voli eseguiti con cacciabombardieri F-35 prodotti da Lockheed Martin e in cui Alenia Aermacchi «partecipa», come si legge sul sito della società controllata da Finmeccanica, «allo sviluppo e ne sarà secondo fornitore dei cassoni alari».

La decisione è stata presa dopo che un controllo di routine ha rivelato una frattura in una delle pale delle turbine presenti nel motore di un velivolo testato nella base Edwards Air Force in California. Fino a quando non sarà conclusa un’indagine, non si può definire l’impatto di tale scoperta sull’intera flotta di F-35, di cui l’Italia intende acquistare 90 esemplari. Si tratta, fa sapere il Pentagono, di una «misura precauzionale». Il dipartimento della Difesa, Lockheed Martin e Pratt & Whitney, la divisione di United Technologies che produce i motori incriminati, stanno collaborando per fare chiarezza sulla questione.
Soltanto ieri il ministro italiano della Difesa Gianpaolo Di Paola aveva confermato che l’Italia non ridurrà gli acquisti dei caccia americani F-35, visto che il governo «ha già fatto una riduzione molto importante», da 131 esemplari a 90, tanto quanto una manovra finanziaria.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 22 febbraio 2013, 21:19

Riporto la stessa notizia da questa fonte anche....da poco erano tornati a volare gli STOVL e adesso tutte e 3 le versioni a terra.. http://www.defensenews.com/article/2013 ... nav%7Chead
The DoD has suspended all test flights for the entire F-35 joint strike fighter fleet due to engine problems

The move comes nine days after the Pentagon cleared the F-35B jump-jet variant, designed for the Marines, to resume tests after a month long suspension. Both suspensions are due to problems with the engines.

Unlike the last suspension, which was only for the B variant, this suspension affects all three variants — the F-35A Air Force conventional takeoff version, the F35-B for the Marines, and the F35-C carrier variant for the Navy.

“On Feb. 19, 2013, a routine engine inspection revealed a crack on a low pressure turbine blade of an F135 engine installed in a [conventional takeoff] test aircraft at Edwards Air Force Base, Calif,” wrote Kyra Hawn, Joint Program Office spokeswoman, in a statement.

“Engineering teams are shipping the turbine blade to Pratt & Whitney’s Engine Facility in Middletown, CT, to conduct more thorough evaluation and root cause analysis. It is too early to know the fleet-wide impact of this finding, however as a precautionary measure, all F-35 flight operations have been suspended until the investigation is complete and the cause of the blade crack is fully understood,” Hawn wrote.

“The F-35 Joint Program Office is working closely with Pratt & Whitney and Lockheed Martin at all F-35 locations to ensure the integrity of the engine, and to return the fleet safely to flight as soon as possible.

Matthew Bates, a P&W spokesman, wrote in an email that following the test flight, "maintainers conducted a routine boroscope engine inspection and discovered the crack."

"A routine boroscope visual inspection provided an indication there was a crack, and a subsequent Eddy Current Inspection, or ECI, appears to corroborate the results of the boroscope inspection. However, additional testing will be required to fully understand the cause," he wrote.

Bates added that the engine with the crack has 700 total engine operating hours, with 409 of those accrued in flight. He believes the engine analysis should take "roughly" a week.

The F-35B was initially grounded after a Jan. 16 test flight at Eglin Air Force Base, Fla., was aborted due to an engine problem that was later identified as a fueldraulic system failure in the jet.

The failure was caused by an improperly crimped fueldralic line. After an investigation by the JPO and engine manufacturer Pratt & Whitney, six non-compliant lines were discovered.

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 23 febbraio 2013, 15:13

Se volete farvi due risate (visto che a pensare ai guai di questo aereo bisognerebbe piangere) guardate l'immagine pubblicata sul Corriere della Sera di oggi in versione cartacea (sul sito non compare)...sedile espellente e timone attivatore :lol: :lol: :lol: :lol:


EDIT: l'avevano già fatto (con un immagine diversa) un mese fa: http://158.58.172.191/cliente73/DatiWeb ... 328106.pdf

anonymous12345

Re: JSF

Messaggio da anonymous12345 » 23 febbraio 2013, 15:50

MatteF88 ha scritto:Se volete farvi due risate (visto che a pensare ai guai di questo aereo bisognerebbe piangere) guardate l'immagine pubblicata sul Corriere della Sera di oggi in versione cartacea (sul sito non compare)...sedile espellente e timone attivatore :lol: :lol: :lol: :lol:


EDIT: l'avevano già fatto (con un immagine diversa) un mese fa: http://158.58.172.191/cliente73/DatiWeb ... 328106.pdf

Ovvio che poi ti esplode se tuona, non si può mica piazzare un serbatoio in quel modo, dritto dritto che spunta da sedere dell'aereo.. sembra un parafulmine! non è cosa!!! [-( [-( [-(

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 1 marzo 2013, 19:12


Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 1 marzo 2013, 21:29

Mah, che dire, non credo...ma il tuo post tecnico li ha senz'altro fugati, ammesso che ci fossero.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 2 marzo 2013, 8:37

richelieu ha scritto:Una volta costruita la "Garibaldi". con annessa componente ad ala fissa (il tutto dopo infiniti patemi), si dovesse, prima o poi, pensare ad una futura ed adeguata sostituzione ...
...a quel punto quando era il momento ti guardavi attorno, andavi da uno e gli facevi "salve! Il vostro aereo è carino, ha dimostrato di essere efficiente e ben sviluppato ed il prezzo mi pare interessante! Quanto sconto mi fate se ve ne compro un po'?"
"Ah, no, mi dispiace, è troppo, se non mi fate un extra sconto sulla commessa totale di 580 milioni di euro mi sa che mi conviene acquistare il vostro concorrente... tempo ne ho, i miei Harrier hanno ancora tanti cicli di volo davanti..."

...no, eh? :(

Un Paese in cui han tagliato per mancanza di fondi la metà dei posti letto nel reparto di eccellenza Cardiologia III del San Giovanni a Roma... poi nessuno si lamenti se al prossimo giro il M5S va al 41%, eh?
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 2 marzo 2013, 12:01

A livello di opinione personale, non penso cambi nulla chi va su o chi non ci va: con un debito oltre i 2.000 mld e con crescita negativa, cioè recessione, c'è bisogno che scriva dove si finisce???
Equivale a mettersi in una vasca d'acqua calda, prendere un anticoagulante e poi tagliarsi la gola ...

Il teorema mi pare di una semplicità estrema: i soldi pubblici vengono dalle tasse. Se invece di spenderli inutilmente, o peggio rubarli senza decenza, i nostri soldi pubblici noi li avessimo investiti bene (e intendo sui nostri cervelli e nella ricerca), noi come Italia oggi potevamo avere per lo meno una cosa del genere della Francia con la Dassault e invece di sprofondare nel debito avremmo potuto avere da noi, cioè con le nostre forze, qualcosa del genere dell'F-35 o quasi.

La mia verità è che è il Sistema che non ha funzionato e non funziona. Chi va o non va su non conta nulla: è il sistema che andrebbe rivisto, perché non funziona. I francesi ci sono riusciti e noi no.

Quindi il problema è CHI fa il sistema, quindi il problema è culturale. Punto.

"Molte fiate già pianser li figli
per la colpa del padre ..."

Nulla di più vero qua siamo ancora ai tempi dei Guelfi e Ghibellini se non delle guerre puniche ...
Ultima modifica di Vultur il 2 marzo 2013, 12:06, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 2 marzo 2013, 14:38

Certo, ma se una cosa è estremamente improbabile o molto difficile non significa che tendere ad essa sia altrettanto difficile, o controproducente. Se non posso uscire con Cameron Diaz che faccio non esco con nessuna?
Stante la situazione economica attuale, pochissime cose rimangono nell'ambito della realtà. Imbarcarsi in una spesa da 15 miliardi di euro per aerei da guerra o da pace mi pare altrettanto fuori dalla realtà.
L'Italia (e non lo dico io) è un paziente ricoverato in terapia intensiva in rianimazione. Molti in condizioni meno gravi già chiamano il prete per l'estrema unzione.
Avete mai visto un paziente in rianimazione andarsene in giro a fare la guerra a qualcuno (o difendersi da qualcuno)? Io no. Li vedo attaccati alle macchine che lottano per respirare. (E occhio a non camminare sul tubo dell'ossigeno).

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 3 marzo 2013, 0:17

La realtà è che ancora ci sono molte persone che non si rendono conto che, nella sostanza, siamo un Paese alla fame. Altro che "ristoranti pieni". Nel mio quartiere, peraltro a Roma considerato a dir poco altoborghese, ne han chiusi cinque in un anno, di ristoranti. Le saracinesche chiuse con un bell' "AFFITTASI" sopra si moltiplicano.
La Regione Lazio, dopo il colpo di grazia nella gestione sanitaria dato dall'ultima amministrazione, ha avuto il coraggio di stanziare per ciascuno dei musei archeologici regionali la somma di 439 euro.

All'anno. Per tutto il 2013. Con cui fare ricerca, convegni, promozione territoriale, restauro dei reperti, manutenzione agli impianti antifurto, pulizie delle sale, eccetera.

Ma 2,5 milioni di euro (nemmeno si sa ancora come, sinché magistratura e Corte dei Conti non faranno chiarezza) son già stati spesi dalla stessa amministrazione per lo studio preliminare per l'Aeroporto Internazionale di Frosinone (sic).
E c'è stato chi ha avuto l'impudenza di promettere in caso di vittoria elettorale l'inizio dei lavori per il Ponte sullo Stretto di Messina, una follia assoluta sul piano ingegneristico e geologico (attenzione, qui gioco in casa alla grande, parlo sapendo ciò che dico e potendolo dimostrare sino a consunzione della controparte senza nemmeno riguardare appunti) dal costo stratosferico, laddove i medici del Policlinico Gemelli debbono ancora ricevere lo stipendio di gennaio.

Altro che caccia stealth. Siamo a livello di sirena bitonale e di signori garbati tutti biancovestiti che non son capaci mai di regolare la lunghezza delle maniche della camicia che ci fanno provare.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 3 marzo 2013, 7:57

Fra l'altro, a proposito di JSF ed impegno finanziario relativo, l'esempio del mitico Ponte non era peregrino: venerdì scorso son decaduti i contratti tra la concessionaria pubblica (Stretto di Messina SpA) e il contraente generale Eurolink.

Il Consiglio dei Ministri di venerdì ha bocciato la proroga dei termini per la sottoscrizione del contratto aggiuntivo tra le due società che, come previsto dal Decreto Sviluppo bis, avrebbe garantito alla grande infrastruttura un ulteriore margine di tempo. Allora che succede: siglando il contratto aggiuntivo il contraente generale si sarebbe dovuto impegnare a rinunciare alle penali previste dagli accordi... perciò ha preferito recedere dal contratto.

La cosiddetta Legge Sviluppo-bis 221/2012, prevedeva che stante la particolare congiuntura economica, la concessionaria pubblica e il general contractor dovevano sottoscrivere entro il primo marzo un atto aggiuntivo in grado di garantire la sostenibilità del piano economico finanziario dell’opera (e vorrei vedere, senza il criticatissimo Monti una richiesta del genere non sarebbe mai giunta in porto).

La Stretto di Messina SpA peraltro entro 60 giorni dalla sottoscrizione del contratto aggiuntivo doveva presentare il piano economico finanziario al Cipe e, una volta ottenuto l’ok sul progetto definitivo, individuare il soggetto finanziatore entro 540 giorni.
Ma superato il limite temporale del 1 marzo, appunto venerdì scorso, perdevano - ed hanno perso - efficacia tutti gli atti che regolano i rapporti di concessione, le convenzioni e gli altri contratti stipulati dalla società Stretto di Messina SpA, che dovrebbe a questo punto essere finalmente posta in liquidazione.

Il costo previsto, man mano che si scoprivano aspetti strutturali e strettamente tecnologici (non esiste al mondo, ad esempio, allo stato attuale un macchinario in grado di fisicamente avvolgere i trefoli dei cavi di sospensione, nella sezione complessiva richiesta, né c'è compiutamente addirittura neanche la tecnologia per progettarlo) era già lievitato via via che saltavan fuori problemi nuovi a 8,5 miliardi di euro, più del doppio della somma con la quale Eurolink, il "general contractor" capeggiato da Impregilo, vinse a suo tempo la gara.

E lo credo bene! Allo stato attuale delle conoscenze tecniche, il ponte più lungo tentato con successo al mondo e con problematiche analoghe, è il recente Minami Bisan-Seto in Giappone: 1,118 km di campata.
Una realizzazione al limite di quanto il Giappone (nazione che di ingegneria antisimica notoriamente non ha esperienza...) riesce allo stato attuale a fare.
Mentre il presuntuoso progetto (si può chiamare così una cosa che sin qui non ha prodotto molto più che plastici buoni per mostre d'oltremare e rendering in Autocad?) ambiva ad un'unica campata di 3300 m di lunghezza, ossia più del doppio, sorretta da torri di circa 400 metri di altezza, a doppio impalcato stradale e ferroviario e da realizzare a ridosso di uno dei sistemi di faglie attive più micidiali del Mediterraneo, ben noto come case study nei corsi di geologia.
il tempo di ritorno di un evento di magnitudo che potremmo considerare catastrofica, storicamente da quelle parti è dell'ordine di 100 anni; dal 1908 ne son passati già 105 (per quel che vale, naturalmente, l'orologio che regola il superamento del limite di stress a margine di un sistema di faglie trascorrenti non è regolato al quarzo...). Ma si constata a posteriori, senza poter fare previsioni, come 100 anni (con una deviazione standard di + o - 17,6 anni) per un evento di Mw = o > di 7,9, negli ultimi nove secoli è un intervallo che è stato rispettato con letale regolarità.

Le caratteristiche di progetto ipotizzavano come target massimo una resistenza con danni ma senza crollo sino ad una Mw di 7,3: in termini di energia liberata, QUATTRO volte di meno (la scala è logaritmica... ogni tre decimi di magnitudo l'energia in gioco raddoppia o dimezza...).
Solo le norme europee di valutazione di impatto ambientale (VIA) hanno portato il Comitato preposto all'analisi delle condizioni a margine del progetto a evidenziare gravi carenze tecniche, talmente sistematiche e capillari da indurre la Commissione VIA a presentare ben 223 richieste di integrazione, nonostante le fortissime pressioni politiche finalizzate ad "addomesticarla".

8,5 Mld di euro bastavano e avanzavano a rendere tecnicamente impossibile il rientro della spesa con il traffico stimato. Tantopiù che sino a un certo punto potevi "aiutarlo" rendendo la vita difficile, con normative ad hoc, ai gestori delle linee di trasporto merci navali - che da decenni ormai fanno una magnifica rotta diretta Salerno-Milazzo evitandosi d'un sol balzo i gironi danteschi della Salerno-Reggio Calabria.

Come scrissero vari commentatori anche sulle riviste di settore degli ingegneri, accusati di essere nemici del progresso, quinte colonne di una visione passatista e illiberale, fiancheggiatori degli ecologisti di matrice comunista (come se nelle nazioni comuniste o in generale ad economia dirigista e centralista privi di efficaci contrappesi democratici non si fossero perpetrati gli stupri ambientali più eclatanti sin qui noti), le penali miliardarie previste risulteranno il core business dell' "Operazione Ponte".

Faremo la stessa fine col JSF?
...non è che al contribuente italiano costerebbe niente niente meno vendere la Garibaldi all'India?
La forma fisica dell'Italia la rende una sorta di immensa portaerei protesa nel Mediterraneo: proprio per noi è tanto fondamentale l'aviazione imbarcata per la difesa degli spazi aerei contermini?
Missioni di cacciabombardieri in scenari lontani, che la renderebbero essenziale: come la mettiamo con l'espresso divieto costituzionale?
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 3 marzo 2013, 13:18

Tutto condivisibile, ma la "portaerei protesa nel Mediterraneo" meglio lasciarla dov'è (cioè in fondo al mare)...

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 4 marzo 2013, 21:48

Secondo me faresti bene a leggerle.

Le caramelle non si comprano senza soldi è semplice.
Guarda i Mig-29 cubani che fine hanno fatto alla dissoluzione dell'Unione Sovietica. Anche se avessimo per assurdo i soldi per comprare F-35, poi chi li mantiene????? Sempre Pantalone, cioè il Popolo italiano??? Per farci cosa punto di domanda?

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 4 marzo 2013, 22:26

L'idea che siamo praticamente falliti, che i soldi son finiti per i prossimi dieci anni minimo, che la crisi non è passeggera ma semplicemente son venuti i nodi al pettine di un paese che ha sperato di poter spalmare i suoi debiti nel mare magnum dell'euro, ma che sul più bello è arrivato il patto di stabilità che è stato firmato e che dice che ogni nazione firmataria non può più spendere più soldi di quelli che incassa con le tasse, che a ottobre 2011 c'erano 282 milioni di euro di liquidità bastevoli nemmeno per pagare tutti gli stipendi di dicembre agli statali e le tredicesime, nemmeno ti sfiora? L'idea che non stiamo producendo quasi più nulla, che i Comuni italiani hanno investito miliardi e miliardi di euro in titoli tossici (derivati) di provenienza indirettamente statunitense e che non si ha la più vaga idea di come ripianare un errore tanto letale, ti sembra OT?

...ma quali aeroplanetti brum brum! E' finito tutto, capisci?

Il governo di Pechino detiene il 58,9% dei titoli di stato statunitensi, gli USA sono in un mare di guai senza precedenti (Obama ha firmato ier l'altro tagli federali per 85 miliardi di dollari che si prevede possano creare 2.800.000 disoccupati in più), per l'Europa non si vede spiraglio di sorta... l'Inghilterra tenta di salvarsi sinché può coi soldi finti (la finanza, stante che la sua infrastruttura industriale è stata ormai dismessa del tutto o quasi) è il momento di attaccarci con le unghie e coi denti alla Costituzione e alla sua visione unicamente difensiva delle Forze Armate per iniziare a tentare dei tagli alle spese per la Difesa senza precedenti, altro che!
Li fanno gli Stati Uniti, tagli veramente pesanti alla Difesa, non vuoi farli tu? Cosa vuoi, la force de frappe?

La vuoi la pensione fra trent'anni, o preferisci l'aeroplanino subito? QUESTO è IT, dal momento che si sta parlando di un aereo in via di realizzazione , molto ambizioso, che sta purtroppo per tutti avendo problemi di sviluppo seri, davvero seri, e che non c'è verso di capire quanto davvero costerà! Lo sai che a 26 anni fai già parte della generazione che da vecchio potrebbe NON avere pensione decorosamente proporzionata ai contributi previdenziali versati?

Quanto ce famo con la Garibaldi? La vuole la Malesia? Mettiamola su eBay e vediamo di non chiudere altri duemila asili nido comunali! Così non rischiamo di ripetere un sostanziale fiasco come l'AMX, solo venti volte più costoso!
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
classezara
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 509
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 10:42
Località: Como

Re: JSF

Messaggio da classezara » 5 marzo 2013, 19:28

Valerio Ricciardi ha scritto: La vuoi la pensione fra trent'anni, o preferisci l'aeroplanino subito? QUESTO è IT, dal momento che si sta parlando di un aereo in via di realizzazione , molto ambizioso, che sta purtroppo per tutti avendo problemi di sviluppo seri, davvero seri, e che non c'è verso di capire quanto davvero costerà! Lo sai che a 26 anni fai già parte della generazione che da vecchio potrebbe NON avere pensione decorosamente proporzionata ai contributi previdenziali versati?

Quanto ce famo con la Garibaldi? La vuole la Malesia? Mettiamola su eBay e vediamo di non chiudere altri duemila asili nido comunali! Così non rischiamo di ripetere un sostanziale fiasco come l'AMX, solo venti volte più costoso!

Le nostre difficoltà sono il frutto di quasi 40 anni di sprechi, malgoverno e dell'illusione di poter impunemente continuare ad accumulare debiti su debiti.
Al contrario molti degli stati che oggi vantano maggiore liquidità sono paesi che fondano la loro ricchezza su disparità sociale e regimi non propriamente democratici.
Siamo propri sicuri che delegare la nostra sicurezza e rinunciare al ruolo di promotori della democrazia sia alla fine "conveniente" ?
Vorrei inoltre ricordare come i nostri militari abbiano pagato un tributo pesante in questi anni. Prezzo di sangue e non solo; giorni settimane e mesi passati lontano dalle proprie famiglie per svolgere il loro ruolo silenzioso a difesa nostra e dei nostri interessi. Molto spesso si sono trovati a combattere per mantenere efficienti strumenti antiquati e inefficienti e nonostante questo hanno sempre portato con onore la nostra bandiera nel mondo.
Potessi dire la stessa cosa dei nostri politici!!!
Chiudo questo ot

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 5 marzo 2013, 19:41

Ma perchè non si fa un thread ufficiale sull'F-35 e un altro thread relativo al dibattito sull'F-35? Così evitiamo di confondere le due cose.

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 5 marzo 2013, 19:45

Eh sarebbe questo il thread ufficiale

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 5 marzo 2013, 21:14

classezara ha scritto:Siamo propri sicuri che delegare la nostra sicurezza e rinunciare al ruolo di promotori della democrazia sia alla fine "conveniente" ?
E chi ha parlato di delegare la nostra sicurezza? Io mi riferisco, rigorosamente IT, all'opportunità, che giudico scarissima, di continuare in una fase (non momento, fase che ritengo durevole e di difficile risoluzione) di recessione economica ad impelagarci nel lungo e travagliato sviluppo di un velivolo militare di punta, sin qui assai difettoso (e non son io a dirlo, ma commentatori internazionali a dir poco più autorevoli di chiunque scriva qui) ed i cui costi finali son ben lungi dall'essere definiti.
Non parlo di "acquistare dei caccia che ci servono". Parlo di "comprare a scatola chiusa degli F35 Lighting II che funzioneranno non si sa quando non si sa come non si sa a qual costo". Ossia strettamente in tema con questo thread. Quando si han pochi soldi da spendere si spende con prudenza ed oculatezza.
Io in cuor mio plausi senza riserve quando si decise di colmare il "buco" lasciato dagli F-104, ormai davvero obsoleti nonostante le ancora rilevantissime prestazioni "pure", e "spremuti" al limite della loro vita operativa, con i Fighting Falcon in leasing.
l' F16 è una piattaforma indovinatissima, versatile, prestazionale e oltretutto di gestione relativamente economica. Ed è tuttora una delle peggiori bestiacce con cui si può confrontare chiunque si ritrovi coinvolto in un dogfight. Ovvio che non posso considerarlo un investimento valido ora, in una prospettiva di altri trent'anni: l'USAF salvo ripensamenti non prevede di utilizzarlo oltre il 2025. E non ne sta acquistando più.
classezara ha scritto:Vorrei inoltre ricordare come i nostri militari abbiano pagato un tributo pesante in questi anni. Prezzo di sangue e non solo; giorni settimane e mesi passati lontano dalle proprie famiglie per svolgere il loro ruolo silenzioso a difesa nostra e dei nostri interessi.
Non vedo come decidere freddamente, a consuntivo e su un prodotto finito , se Browning è meno affidabile di Winchester o di Beretta (per dire) dovendo comprar loro un fucile, e regolarmi di conseguenza, significhi in alcun modo mancar loro di rispetto.
Tantopiù che vari altri paesi aspettano sulla riva del fiume per vedere se questo benedetto aereo avrà dei risultati adeguati in termini di efficienza, affidabilità e prestazioni, prima di impegnarsi a comprarlo.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 7 marzo 2013, 13:42

Sono arrivati due esemplari a Nellis 8)

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 8 marzo 2013, 19:59

Ed ha fatto il roll out il secondo esemplare olandese...l'olanda dovrebbe (a meno di ripensamenti) acquisire 85
http://www.flightglobal.com/news/articl ... ut-383230/

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 9 marzo 2013, 9:01

A proposito di ripensamenti
Fonte: http://www.spiegel.de/wissenschaft/tech ... 87552.html

F-35-Kampfflugzeug: Pentagon empört über Tarnkappen-Jet


Von Markus Becker

Technische Pannen, explodierende Kosten - und jetzt noch massive Kritik von Piloten: Der neue US-Tarnkappen-Kampfjet F-35 soll im Luftkampf selbst älteren Flugzeugen unterlegen sein, die Sicht aus dem Cockpit sei miserabel. Das Pentagon stellt der Maschine ein verheerendes Zeugnis aus.

Hamburg - Ärger ist so ziemlich das einzige, was die F-35 dem US-Militär bisher eingebracht hat. Der "Joint Strike Fighter" soll das künftige Rückgrat der amerikanischen Luftstreitkräfte sein. Doch das Programm liegt um Jahre hinter dem Zeitplan zurück, wird viel mehr kosten als geplant - und es steht keinesfalls fest, ob die US-Regierung und ihre internationalen Partner für das viele Geld ein Top-Flugzeug bekommen.

Die F-35 soll in Zukunft sowohl den Jagdflugzeugen als auch den Jagdbombern potentieller Gegner überlegen sein - und sie soll die Anforderungen von Luftwaffe, Marine und Marinekorps zugleich erfüllen. Doch Kritiker fürchten: Das Flugzeug könnte anderen Modellen, die auf ihre jeweilige Aufgabe spezialisiert sind, unterlegen sein. Jetzt ist ein Dokument aufgetaucht, das die Zweifel bestärken dürfte: Die Prüfer des Pentagon stellen der F-35 ein mieses Zeugnis aus.

Michael Gilmore, der die Pentagon-Abteilung für die Erprobung neuen Materials leitet, hat am 15. Februar seinen Bericht an den damaligen Verteidigungsminister Leon Panetta geschickt. Das Ziel war, die Einsatzbereitschaft der F-35A für die Pilotenausbildung zu prüfen - und Gilmore zieht eine verheerende Bilanz: Der Jet sei selbst älteren Modellen im Luftkampf konstruktionsbedingt unterlegen und derzeit selbst für die Ausbildung nur eingeschränkt geeignet.

Die bisherige Kritik an der F-35 bezog sich vor allem auf die Senkrechtstarter-Variante für das Marinekorps und die Flugzeugträger-Version der Navy, da sie noch teurer und in mancher Hinsicht problematischer sein sollen als die Luftwaffen-Variante. Doch auch die hat offenbar ernste Probleme, wie die Auswertung zur Brauchbarkeit für die Ausbildung ("Operational Utility Evaluation") nahelegt.

Das nicht geheime Schreiben, das vom Project on Government Oversight ins Netz gestellt wurde, listet gleich eine ganze Reihe von Kritikpunkten auf. Der vielleicht wichtigste: Die F-35 ist so gebaut, dass die Sicht aus dem Cockpit schlechter ist als bei älteren Kampfflugzeugen wie der F-16 oder F-18 - und zwar ausgerechnet nach hinten. Bei Luftkampfmanövern sei es "nahezu unmöglich" zu sehen, was hinter einem passiere, beschwert sich ein Pilot in dem Bericht. "Die Kopfstütze ist zu groß und wird die Überlebensfähigkeit bei der Bekämpfung von Boden- und Luftzielen herabsetzen", sagt ein anderer. Ein dritter Flieger drückt es direkter aus: "Die Sicht nach hinten wird dazu führen, dass der Pilot ständig abgeschossen wird."

Das Problem ist besonders ernst - weil es sich kaum beheben lässt. "Eine verbesserte Sicht aus dem Cockpit ist nicht in das Design der F-35 eingeflossen", schreibt Gilmore. Der Grund sei vermutlich, dass alle drei F-35-Varianten das gleiche Schleudersitz-System besitzen. "Die Sicht nach hinten könnte in Zukunft ein bedeutendes Problem für alle F-35-Piloten werden", heißt es in dem Bericht.

Und es war bei weitem nicht das einzige Problem, das während der Tests auftauchte. Gilmore bemängelt unter anderem folgende Punkte:

- Das komplizierte Helmdisplay, das wichtige Informationen direkt auf das Visier des Piloten projizieren soll, machte ständig Ärger. Der künstliche Horizont stimmte oft nicht mit dem echten überein, das Display flackerte oder fiel gleich ganz aus. Das Bild war verschwommen, zu hell, zu dunkel oder verzögert.
- Das Radar zeigte bei manchen Flügen keine Ziele an, verlor sie aus rätselhaften Gründen - oder fiel komplett aus.
- Die Zuverlässigkeit der F-35 konnte selbst für Trainingsflüge nur sichergestellt werden, weil man ständig auf Übergangslösungen und spezielle Ausrüstung zurückgegriffen habe. Und trotzdem habe die F-35 die Vorgaben in Sachen Zuverlässigkeit verfehlt - und das, obwohl viele Systeme noch gar nicht an Bord waren.
- Die Wartung dauerte teils extrem lang. Der Austausch eines Triebwerks etwa nahm bei den Tests im Schnitt 52 Stunden in Anspruch - statt der geforderten 120 Minuten.
- Das Batterieladegerät an Bord der F-35 streikte schon bei Außentemperaturen von 15 Grad, so dass die Techniker den Allwetter-Kampfjet über Nacht im Hangar wärmen mussten.
- Der Jet verfügt über keinen ausreichenden Blitzschutz. "Ein Blitzschlag könnte zum Verlust des Flugzeugs und der Besatzung führen", heißt es in dem Bericht.

Eine schnelle Lösung der Probleme erscheint fraglich. Denn der Bericht besagt, dass die F-35 derzeit nicht in vollem Umfang getestet werden kann. "Von der Auswertung eines Systems, das so unreif ist, kann man wenig lernen", schreibt Gilmores Abteilung. Aus Sicherheitsgründen sind der F-35 derzeit unter anderem verboten:

- Geschwindigkeiten von mehr als Mach 0,9 statt des Spitzentempos von Mach 1,6
- größere Anstellwinkel: die Nase des Flugzeugs darf maximal fünf Grad nach unten oder 18 Grad nach oben zeigen
- Flugmanöver, bei denen Beschleunigungen von mehr als fünf g auftreten
ruckartige Bewegungen des Steuerknüppels
- Flüge bei Nacht oder Instrumentenflüge bei schlechtem Wetter
- der echte oder simulierte Einsatz von Waffen
- das Auftanken in der Luft
- die Benutzung von Täuschkörpern gegen feindlichen Beschuss.

Solche Einschränkungen sind laut Gilmore "sehr atypisch" für einen Kampfjet, der bereits in der Pilotenausbildung eingesetzt werde. "Es funktioniert nur ein äußerst beschränkter Teil der vollen Missionssysteme." Insbesondere die Einschränkung des Anstellwinkels und der Beschleunigungskräfte machten es kaum möglich, fortgeschrittene Flugmanöver zu üben.

Hitzeschäden, Risse in Flügeln

Die Beschwerden passen durchaus ins Bild. Erst Ende Februar wurde bekannt, dass sich bei Testflügen Risse in der Turbine einer F-35 gebildet hatten. Schon im Anfang Januar veröffentlichten Jahresbericht 2012 hatte Gilmore Kritik an der F-35 geübt. Bei Hochgeschwindigkeitsflügen in großer Höhe etwa hätten manche Bauteile Hitzeschäden erlitten, die Anti-Radar-Beschichtung sei abgeblättert, an Rumpf und Flügeln seien Risse entstanden. Hinzu kommen Zweifel, ob die F-35 die versprochenen Leistungswerte erreichen würde. Das Fachblatt "Flight Global" etwa zitierte Piloten mit der Aussage, dass die Leistungen der F-35 bei weitem nicht an die von anderen modernen Kampfjets heranreichten.

ANZEIGE
Das US-Militär könnte vor enormen Schwierigkeiten stehen, denn die F-35 ist nicht irgendein Flugzeug - sondern der künftige Standard-Kampfjet für Luftwaffe, Marine, Marinekorps und Armee. Die USA planen die Anschaffung von mehr als 2400 Maschinen. Kauf und Wartung sollten nach der ursprünglichen Planung rund eine Billion Dollar (770 Milliarden Euro) kosten. Inzwischen aber gilt als sicher, dass es wohl mindestens 1,5 Billionen Dollar sein werden. Damit ist das F-35-Programm das teuerste Rüstungsprojekt der Geschichte.

Hersteller Lockheed Martin sieht sich trotz allem auf dem richtigen Weg. Anfang 2013 verkündete die Firma die Produktion der hundertsten F-35. Der Jet biete "nie dagewesene Fähigkeiten" und eine einzigartige Flexibilität, heißt es auf der Website zur F-35. Er sei "der Gipfel von 50 Jahren Kampfflugzeug-Entwicklung".

Das aber sieht man offenbar auch außerhalb der USA anders. Im Januar wurde etwa bekannt, dass die Türkei den Kauf der ersten zwei von insgesamt 100 F-35 um ein Jahr verschiebt. Die Kosten seien zu hoch, erklärte ein türkischer Regierungsvertreter. Und die technischen Fähigkeiten des Jets seien "noch nicht auf dem gewünschten Niveau".
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 9 marzo 2013, 9:01

Anche un corrispondente da Berlino italiano ne ha fatto una sintesi (per quel che vale...)
Fonte diretta: http://www.repubblica.it/esteri/2013/03 ... f=HREC1-10

Nuova bufera sugli F35: "Difetti gravissimi, è peggiore di tutti gli aerei in uso oggi"
Nuovo rapporto del Pentagono, reso pubblico dal sito di Spiegel, sui discussi caccia acquistati anche dal governo italiano: "In un duello con un altro velivolo sarebbe facile da abbattere". E anche la Turchia ora pensa a cancellare l'ordine

dal corrispondente ANDREA TARQUINI

I problemi dell'F35, il supermoderno, costosissimo e anche discusso aereo da caccia invisibile del futuro, sono molto più seri di quanto non si dicesse finora. Finora il costruttore, la Lockheed Martin, lo ha esaltato come miglior caccia possibile. Ma un nuovo rapporto del Pentagono, di cui parla ampiamente Spiegel online, scrive che il jet, ordinato anche dall’Aeronautica militare italiana, potrebbe addirittura rivelarsi inferiore ai caccia delle generazioni precedenti, aerei già in servizio in tutto il mondo.

Gli F35 avrebbero una serie di difetti gravi e tuttora non risolti nei prototipi, difetti in parte non eliminabili perché legati strutturalmente al progetto stesso. Questo sia nella versione a decollo corto e atterraggio verticale per le portaerei, sia in quella più leggera, a decollo normale per l’uso da basi terrestri.

Finora, i rapporti del Department of Defense avevano coinvolto solo la prima variante, mentre l’ultimo dossier le mette sotto accusa entrambe. Il difetto più grave, è scritto nel documento del Pentagono, è anche quello impossibile a eliminare. La visibilità posteriore dell'F35 è pessima, per cui in un duello lo ‘Joint strike fighter’ se la vedrebbe malissimo con i caccia oggi in servizio, sebbene progettati ed entrati in servizio anche decenni fa. Dai sempre affidabilissimi F15, F18 e F16 americani, ai Sukhoi 30 russi, passando probabilmente per l'Eurofighter Typhoon anglotedescoitaliano, il Saab JAS 39 Gripen svedese, lo J-10 ‘dragone possente’ cinese.

Nei duelli aerei, dice il rapporto, il pilota dell'F35 non riuscirebbe a vedere nulla di chi o che cosa gli vola dietro, il pericolo di venire abbattuto sarebbe dunque gravissimo. Ma non è finita. Il display nel casco di volo non fornirebbe un orizzonte artificiale analogo a quello reale; a volte poi l’immagine è troppo scura o scompare. Il radar in alcuni voli di collaudo si è mostrato incapace di avvistare e inquadrare bersagli, o addirittura si è spento.

Difetto incredibile, se si pensa che aerei come l’ultima versione dello F18 hanno da anni a bordo radar ritenuti il massimo e il meglio della tecnica. Sull'F35 non è così. E poi: la manutenzione è troppo lunga per assicurare un efficace uso operativo, l’affidabilità tecnica del jet non è ancora garantita, il dispositivo di carica delle batterie tende a fare cilecca ai primi freddi, tanto da costringere i tecnici a tenere l’aereo di notte negli hangar, come un’auto che se parcheggiata in strada poi non parte. Infine è confermata l’insufficiente protezione dell’aereo dal rischio dei fulmini.

Gli Stati Uniti vogliono dotarsi di oltre 2400 F35, ma già con l’altro loro caccia invisibile, l'F22 Raptor già in servizio, i costi sono talmente cresciuti da imporre il taglio dell’ordine da un migliaio di aerei a circa duecento, e anche l'F22 ha limiti: funziona come caccia, molto meno per l’attacco al suolo.

I dubbi sull'F35 ieri hanno contagiato uno dei clienti più importanti, la Turchia. La Tuerk Hava Kuevvetleri, cioè l’aviazione turca, la terza nella Nato dopo l’Usaf americana e la Royal Air Force britannica, ha rinviato di un anno l’acquisto dei primi due F35 sui cento in totale che prevede di acquistare. I generali dell’aviazione di Erdogan la sanno lunga in fatto di qualità degli aerei, vogliono sempre il meglio, [oddio, questo dato da cosa lo evince?] quindi i loro dubbi potrebbero essere contagiosi per forze armate di altri paesi.

(08 marzo 2013)
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1384
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: JSF

Messaggio da Vultur » 9 marzo 2013, 10:57

Si vabè non esageriamo. Mi paiono cose trite e ritrite che sia un cesso inguardabile è sotto gli occhi di tutti, ma da qui a paragonarlo a F-18 e F-22 ce ne corre, questi paragoni non hanno senso sono aerei lontanissimi tra loro per compiti e funzioni.
Per la visione posteriore mi pare che l'F-35 sia dotato di camere e casco a visione integrale su 360° non so se i teteschi e i turchi che vogliono il meglio ne sono informati.
Riguardo alle prestazioni del radar ne so picca e niente.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15970
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: JSF

Messaggio da JT8D » 9 marzo 2013, 16:27

Articolo assolutamente pessimo, inutilmente scandalistico, tecnicamente criticabile, che fa paragoni senza alcun senso. Articoli del genere sono ridicoli e fanno male all'aeronautica. La faccenda della "visibilità posteriore" è grottesca, non siamo mica su un'automobile. Purtropo ora come ora va di moda sparare sull'F-35, ed ogni assurdità va bene per farlo. E certamente le problematiche dei test vari non vanno analizzate come fa l'articolo, ma in maniera tecnicamente seria. Certo, se si vuole a tutti i costi andare contro il progetto, allora va bene tutto, ma su un forum di aviazione serio evitiamo di parlare di assurdità, commentando dati tecnici concreti, non articoli criticabili e con poco senso tecnico destinati solo a creare scandalo.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 9 marzo 2013, 17:58

Bennett Croswell, president of Pratt & Whitney's military engine division, says a problem with an F135 engine that grounded the Lockheed Martin F-35 is due to thermal creep, and is unlikely to affect the aircraft further as it returns to flight.

The issue was a crack in a third-stage turbine blade on a single engine. As a precaution, the US military grounded all F-35 aircraft until a cause was discovered.

"During [an] inspection we found about 1/6-inch (4.2mm) crack on the turbine blade," says Croswell. "We felt we could continue to fly, and we took that recommendation to the [joint programme office], but on consultation with them we both came to the conclusion it was safer to suspend operations."

Thermal creep from high-temperature, high-intensity testing was found to be the cause of the crack. The engine, the tenth built, powers the second F-35A, was tested extensively at supersonic speeds and at low altitudes, generating significantly more heat than expected, says Croswell.

"It was operating at levels four times higher than an operational mission, and four times greater than the levels we had qualified the engine for," says Croswell. "That was very good news, you don't want something like high-cycle fatigue or low-cycle fatigue." The issue is not expected to impact operational aircraft for months or years, depending on how the aircraft are flown, he says.

Fatigue leading to turbine blade cracks has twice grounded the F-35 in recent years.

Pratt & Whitney has lately come under criticism from the US military's programme office for its attitude to the F-35 project.
http://www.flightglobal.com/news/articl ... ep-383136/

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 9 marzo 2013, 18:32

Draklor ha scritto:- Avere una sola linea(se si eccettua la presenza di 2 versioni dello stesso aereo,ovvero F-35A e B) invece che 3 porta a grossissimi risparmi in termini di addestramento(per piloti e specialisti) e approvvigionamento della componentistica, il che tra l'altro equivale possibilmente ad avere una disponibilità operativa superiore per la macchina.
Assolutamente si, ed è stata la strategia vincente ad es. di Ryanair (per parlare di una compagnia) con i Boeing 737-800, o della A320 family (per parlare di un costruttore). Massima integrazione, standardizazione di linee di manutenzione, gestione, pilotaggio... benissimo.
E spalmato su una lunga operativa, il discorso appare razionale e potenzialmente vincente.

Ma può un Paese che è stato giusto ieri declassato a BBB+ da Fitch rischiare in un progetto che ancora non funziona?
Non è che per intanto prolungare un leasing di F-16 o fare una nuova operazione simile (scoperto, certo, non puoi restare, oltretutto sovrautilizzeresti i Typhoon "sprecandone" vita utile della cellula) sarebbe stato più prudente?
O ripensare l'operazione orientandosi verso velivoli che hanno una loro validità anche se non stealth, come per dire i Gripen? La Garibaldi non può essere una cambiale senza scadenza nel futuro di mio figlio, altrimenti veramente tanto varrebbe liberarsene.

Ricordo a me stesso che poco dopo essere arrivata a BBB+ la Grecia avendo vinto la "gara" per aggiudicarsi le Olimpiadi, spese montagne di soldi che non poteva permettersi ed ha fatto la fine che ha fatto.
Si sono impennati i PM10 ad Atene per via della gente che si scalda con la legna, ottenuta tagliando le ultime sparute foreste del Pindo e della Macedonia. Non hanno i soldi per la nafta.
Ah, nel mentre comprarono per due sottomarini convenzionali tedeschi... sessanta caccia Eurofighter per 3,9 miliardi di euro, fregate francesi per oltre quattro miliardi, motovedette per 400 milioni, e poi carri armati, elicotteri Apache e sommergibili tedeschi per altri 2 miliardi di euro. Ossia hanno garantito alle nazioni determinanti per concedergli gli aiuti senza i quali sarebbero andati in default, buona parte di detti aiuti. Però in un caso come questo non si può parlare di tangente globale, è una libera determinazione del popolo greco attraverso i suoi rappresentanti. Tutta l'Europa tira fuori i soldi, noi compresi, Francia e Germania aghi della bilancia dell'operazione con una mano li concedono, anche se ne han tirati fuori solo quota parte, con l'altra se li riprendono per commesse militari faraoniche per un Paese che potenza militare non è e non sarà, e che farà la fame - con sessanta luccicanti Typhoon negli hangar. Nel 2010, il bilancio greco della difesa ammontava a circa 7 miliardi di euro: oltre il 3% del Pil, ovvero una percentuale superata solo dagli Stati Uniti.

Possiamo a tuo avviso per ragioni di innegabile razionalità operativa fare la stessa fine? O uno capisce che non abbiamo soldi, o uno non lo vuol sentire non certo perché stolto, ma perché ritiene che alla fine la cosa sia contingente, una delle tante oscillazioni cicliche del mercato.
In un momento ahimé in cui non son davvero i keynesiani e giudicare strutturale l'indebolimento economico della UE. Hai un appartamento o due di proprietà? A causa della crisi, hanno perso poco meno del 25% del valore negoziabile in due anni e mezzo.Il che mi pare un danno economico per le tue personali tasche che trascende la pur non leggera rata annuale di IMU. Per questo le difficoltà tecniche che sta affrontando quel progetto di caccia multiruolo mi preoccupano tanto.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 9 marzo 2013, 23:12

E lo sei stato, con toni finalmente non di difesa d'ufficio di un progetto dal quale son convinto non ricaveresti nulla di personale. E nemmeno di immagine, non essendo tu un politico.

Cominciamo dall'aspetto tecnico legato però ai costi. In questo forum, ho spesso sentito sfottere pesantemente il complicato e ritardato sviluppo del 787, che quando andava bene era il 7-late-7, e la cosa a volte mi ha dato fastidio quando veniva rimarcata da utenti che hanno interesse concorrenziale in quanto dipendenti del gruppo principale concorrente (EADS). Non penso che ciò sia stato elegante, perché un conto è che lo faccia un utente pischello che fa un po' di tifo (? bah) per la sua "marca preferita" di aereoplani, un conto chi prende uno stipendio dal concorrente. Ma tiremm innanz.

La differenza fra 787 e F35, è che nel primo caso un produttore privato se la rischia in proprio, e pure tanto, avendo in mano un certo numero di manifestazioni di interesse, quando non di opzioni, le quali sulla base dell'evoluzione del progetto, del rispetto della tempistica, delle performance effettivamente mantenute e del raffronto fra queste e le performance attese da progetto possono aumentare, possono volatilizzarsi, possono essere convertite in opzioni su altri modelli o sul concorrente. Questo si traduce in posti di lavoro incrementati o persi, fatturati, contributo al PIL del paese produttore etc etc etc, evabbé. Ma di una azienda privata, punto.

La storia non è molto generosa, almeno non sempre: fra DC10 e Tristar era di gran lunga migliore il secondo, più affidabile e sicuro, eppure non c'era spazio nel mercato dell'epoca davvero per ambedue, e nonostante Boeing "passasse la mano" saltando direttamente da 747 al successivo e ben più piccolo 767 le vendite non riuscirono a garantire la sopravvivenza di tutte e due le piattaforme. Il rientro di investimenti insufficiente per l'ottimo Tristar determinò la fine della competizione nel settore dei liners della Lockheed.

Nel caso dell'F35, invece, noi facciamo parte dei partners della fase di sviluppo: si è scelto non di stare prudentemente alla finestra ed eventualmente comprarlo se tutto va bene quando sarà e se ci fanno un buon prezzo (chiaro che semplifico molto, solo per rendere l'idea) ma di investire nello sviluppo, a fronte di compensazioni industriali (le solite maledette compensazioni industriali), ma mettendoci del denaro prima, ed impegnandoci a comprarlo comunque dopo, sperando che la crescita dei costi di sviluppo non sia tale da mandarci in rovina.

Tutto ciò, lo trovo insensato dal momento che, ribadisco sino alla nausea, le nostre condizioni economiche sono forse di un ordine di grandezza peggiori di quanto cercano di farci credere. Siamo al collasso; se fossimo un Paese civile, ma non lo siamo, Bersani e Berlusconi si sarebbero già ritirati a vita privata per lasciare il campo a due sostituti (boh? Renzi e Alfano?) il cui rapporto personale non sia tanto conflittuale nel pregresso da impedire... altro che una Grande Coalizione, ma una Grandissima Coalizione con anche Grillo in giacca e cravatta a diffondere a bassa voce e con toni inusitatamente miti e diplomatici messaggi rassicuranti di disponibilità a sedersi "da ieri" ad un tavolo di trattativa per trovare soluzione a qualsiasi cosa, qualsiasi cosa. Altro che governo di emergenza. Altro che andare di nuovo ad elezioni, se si perdono altri dieci o quattordici mesi a litigare e parlare di legge elettorale siamo rovinati. Perché l'outlook della possibilità di guadagnarsi uno stipendio onestamente e di vedere un futuro con un assistenza sanitaria decorosa e una scuola non piena di scarafaggi per i bambini, è veramente pessimo.

Nell'immediato dopoguerra, di fronte ad un'Italia fatta in minuti pezzettini, personalità in teoria del tutto incompatibili come il cattolico e liberale De Gasperi ed il comunista (lui si, mica quelli che si inventa Berlusconi per spaventare le vecchiette) Togliatti trovarono senza esitazione un modus vivendi in cui il trentino ebbe grande attenzione al sociale, come era ovvio fosse essenziale per il comunista, e Togliatti come Guardasigilli si comportò con grande prudenza ed equilibrio, altro che velleità di Rivoluzione. La Costituzione fu firmata da Terracini, stracomunista, che si oppose ferocemente - giudicandolo una memoria storica da non obliterare, stente che il regime era stato definitivamente sconfitto - a chi voleva per piaggeria cancellare la grande scritta "Mussolini DUX" sulla stele davanti al Foro Italico. Altri tempi; ma c'erano ancora le macerie delle case e i calcinacci per terra, era facile capire che si era in emergenza. Il PCI davvero non si oppose al Piano Marshall, e così via. Oggi è tutto diverso. L'orizzonte temporale cui guardano i politici è quello delle prossime elezioni, che si desiderano anticipate se si pensa di poter salire un po', si vorrebbero dilazionare se si teme che a breve i sondaggi possano essre sfavorevoli. Senso dello Stato, zero via zero. Tutti.

Certo che le compensazioni industriali ci sarebbero; certo che qualche azienda italiana produrrebbe questo o quel pannello di superficie mobile, un pezzo di carrello qui, una deriva lì, il plexiglass speciale del canopy a destra e la radio di bordo a sinistra. Per carità, tutte linee di produzione che garantirebbero anni di lavoro a parecchia gente. Su 60 milioni di abitanti, quanti? Non sarebbero briciole in confronto al fatto che persino a Sassuolo stanno fallendo per mancanza di clienti le industrie della ceramica, ti rendi conto? Iniziano ad arrivare dalla Cina, già ne arrivano un fottìo dall'India e dalla Spagna. Le mattonelle per rivestire i bagni e i pavimenti, un settore in cui l'Italia dire che era leader... era poco.

Possiamo noi avere una politica internazionale che dai conflitti trae un sostentamento non marginale all'economia, come gli Stati Uniti che se "scoppiasse la pace" sarebbero al collasso "coi magazzini pieni di munizioni non sparate" e gli operai dell'indotto bellico a spasso? Immagino di no, non solo per le nostre dimensioni, ma anche perché a differenza della Costituzione americana,la NOSTRA Costituzione assegna un ruolo eminentemente difensivo alle Forse Armate, anche se da un ventennio si cerca di dimenticarlo.
Per questo temo i salti nel buio. E non vedo "statisti" degni di questo nome all'orizzonte, ma solo eventuali figure di ricambio mediaticamente più efficaci (Renzi) o formalmente meno inguardabili come uscite estemporanee (Alfano) etc etc, nulla che vada veramente oltre la punta del proprio naso.

Ci son macchine che "nascono bene", come, per citare Boeing, 757, 767 e 777; hanno certamente avuto i loro tempi di sviluppo, non brevi, ma quando son giunti sul mercato erano ad un livello di affidabilità ed efficienza adeguato.
O come la A32x family. Dici che adesso non c'è un competitor per l'F35? Verissimo, ma chi ti dice che ciò debba essere valido anche per il futuro?
E se la Garibaldi potrebbe essere riconvertita a portaelicotteri, che ce ne importa di un mezzo STOVL? Gli USA sino al 2025 prevedono di tenere in linea l'OTTIMO F16; se per ipotesi prendessimo tempo anche noi con una soluzione del genere? Al netto delle possibilità stealth, stante che il Typhoon nella sua categoria "potente, costoso e pesante" forse è il migliore, come mezzo più leggero ed economico non è che ci basterebbe un Gripen? Gli aerei svedesi volano e anche bene, o sbaglio? E' gente seria, quella. Non son pupazzi come noi di areale mediterraneo.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
classezara
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 509
Iscritto il: 2 febbraio 2008, 10:42
Località: Como

Re: JSF

Messaggio da classezara » 10 marzo 2013, 11:44

Valerio Ricciardi ha scritto:Dici che adesso non c'è un competitor per l'F35? Verissimo, ma chi ti dice che ciò debba essere valido anche per il futuro?
E se la Garibaldi potrebbe essere riconvertita a portaelicotteri, che ce ne importa di un mezzo STOVL? Gli USA sino al 2025 prevedono di tenere in linea l'OTTIMO F16; se per ipotesi prendessimo tempo anche noi con una soluzione del genere? Al netto delle possibilità stealth, stante che il Typhoon nella sua categoria "potente, costoso e pesante" forse è il migliore, come mezzo più leggero ed economico non è che ci basterebbe un Gripen? Gli aerei svedesi volano e anche bene, o sbaglio? E' gente seria, quella. Non son pupazzi come noi di areale mediterraneo.
E mentre aspettiamo che "qualcuno" concepisca un altro STOVL competitor dell'F35B cosa ne facciamo della Cavour?
Continuiamo con gli AV8B sino ad esaurimento per poi rottamare anche la nave?
Senza entrare in merito a prestazioni e a carico bellico il Gripen è una buonissima piattaforma ma potrebbe al più entrare in linea con la sola AM.

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: JSF

Messaggio da MatteF88 » 10 marzo 2013, 12:29

Il gripen? :lol: :lol:

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15970
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: JSF

Messaggio da JT8D » 10 marzo 2013, 12:32

Questo thread per forza di cose ha tirato in ballo la politica, ma questo non deve far ritenere che si possa discutere di politica liberamente (argomento vietato dal forum). Secondo il parere dello Staff è da evitare che questo thread si perda inutilmente in discorsi politici, arrivando anche a citare nomi di politici (inutilmente tra l'altro, e senza alcun contributo alla discussione). Si invita tutti ad evitare che la politica e i vari discorsi socio-politici prendano possesso del thread, ricordando che qui si parla di aeronautica, e occorre discutere dell'argomento del thread (il JSF in questo caso) in maniera tecnica e con argomentazioni aeronautiche e tecniche, non cercando di portare la discussione su un piano completamente politico, vietato da regolamento e tra l'altro inutile ai fini della discussione tecnica aeronautica. Un pò va bene, ma ritengo che si stia esagerando e che la Politica stia diventando decisamente troppo preponderante nel thread, che invece deve essere e rimanere un thread aeronautico, non politico. Non saranno più tollerati, in tutta l'area Aviazione Militare e nel Forum, post con contenuto quasi esclusivamente politico e riportanti anche nomi di politici, che verranno rimossi.
Draklor ha scritto:Ora insistere a sostenere che l'F-35 sia pieno di problemi ecceccecc significa non avere idea di quello che è stato lo sviluppo degli aerei/elicotteri da combattimento negli ultimi 20-30 anni.
F-22,V-22,Rafale ed EF2000 hanno avuto tutti tempi di sviluppo biblici(20 anni e passa) e tutti hanno avuto i loro grandi problemi di sviluppo, in alcuni casi addirittura culminati in incidenti con perdita del mezzo e dell'equipaggio(vedi F-22 e V-22).
Ora intanto facendo le dovute corna l'F-35 ancora non ha avuto nessun incidente grave.
Il V-22,proprio per la sua formula innovativa e la tecnologia avanzata,ha avuto problemi talmente gravi che non erano in molti quelli che pensavano ad un reale successo del programma. Beh,andate a vedere ora i Marines con quale soddisfazione lo usano...

Tutti i problemi,se così li vogliamo chiamare,che sta avendo il programma F-35,sono assolutamente NORMALI,per un aereo di tale complessità e tecnologia,e pensare che fili tutto liscio come l'olio è quasi fuori dal mondo.
Vogliamo parlare allora del 787 della Boeing???
Eppure anche il 787 quando avrà risolto i suoi problemi sarà un aereo che avrà un enorme successo e permetterà di migliorare ulteriormente l'industria del trasporto aereo!

L'F-35 verrebbe abbattuto in un dogfight perché non ha visibilità posteriore?
Beh intanto diciamo che nel caso a noi ce ne frega altamente visto che deve sostituire Tornado e AMX,ovvero 2 cacciabombardieri senza velleità di combattimento aria-aria,più l'AV-8B per il quale il salto generazionale(che non ha alternative ricordiamolo) vale enormemente più che qualche cm di visibilità posteriore in più.
Inoltre perché non dicono che è previsto l'impiego dell'AIM-9X che asservito al casco multifunzione permette di puntare il missile girando la testa?
E che i sensori dell'aereo ti danno una copertura sui 360* e quindi è impossibile non sapere se vieni attaccato dal settore posteriore?
Oppure un'analisi attenta su quella che è l'effettiva evenienza che ti possano servire quei pochi cm in più di visibilità posteriore(ovvero quasi nulla)?
Tornando ad un discorso tecnico, ed esprimendo un mio parere personale, ritengo molto coerente e sensato ciò che è quotato sopra. E' senza dubbio verificato e all'occhio di tutti che le problematiche della macchina sono state molto enfatizzate e ingrandite dalla stampa non specializzata, probabilmente a causa del clamore della polemica sull' F-35 in Italia, e si sa che i giornalisti tendono a sparare dove la gente vuole sentire sparare. Tutto ciò, spesso, senza alcuna coerenza tecnica, vedi l'articolo postato ieri ad esempio. Macchine di una tale complessità e normale che abbiano problemi, li hanno avuti anche altre macchine, civili e militari, senza che magari nessuno ne parlasse (perchè non conveniva parlarne al tempo). Io ritengo che sia sbagliatissimo tecnicamente liquidare la macchina come un bidone al momento, nella fase di sviluppo in cui si trova ora. Sono anch'io convinto che alla fine sarà una ottima macchina e sarà, giustamente, un successo di vendite e che darà efficienza operativa. Una barzelletta, come ho già detto ieri, la faccenda della visibilità posteriore, alla luce delle nuove tecnologie. Tutti i grandi progetti hanno avuto, negli ultimi anni, che ricordi io, sviluppi travagliati, e sempre ne avranno anche in futuro, e ciò è dovuto alla sempre maggiore complessità delle macchine da tutti i punti di vista, aerodinamici, ingegneristici, avionici, che richiedono uno sviluppo complesso e non facile. Meglio che le problematiche vengano fuori ora, in sviluppo, e risolte ora, piuttosto che essere scoperte dopo, obbligando a misure molto più drastiche. La lesione ad una turbine blade del motore, naturalmente enfatizzata allo spasimo da una stampa non specializzata come prova che la macchina è uno schifo (ma probabilmente chi scriveva a volte non sapeva nemmeno di cosa si stava parlando tecnicamente), non è una cosa tragica ne è la prima volta che capita, ed è stata rilevata in seguito a test estensivi e molto severi, oltre al normale profilo di missione. Anche in campo civile si sono avute in passato problematiche tecniche sui motori, a volte tra l'altro evidenziate quando la macchina era già in servizio, e anche tendenzialmente molto più gravi e frequenti.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4904
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: JSF

Messaggio da Valerio Ricciardi » 10 marzo 2013, 15:17

Purtroppo, nonostante si voglia cercare di evitare che la cosa esca dagli aspetti solo tecnici, uno degli aspetti tecnici è anche quello dei costi, e decidere di accettare o meno costi ancora non noti, con tutta la buona volontà, è una scelta, un aspetto non solo ingegneristico; un aereo militare a differenza di un velivolo civile è destinato ad essere acquistato o meno - nel mondo reale - da Stati (non nazioni) e non da Compagnie aeree private.

Queste ultime possono più liberamente decidere di sbilanciarsi "sulla fiducia" nell'ordinazione di un certo numero di velivoli magari ancora in fase di sviluppo: io personalmente "mi auguro profondamente" che sia l' F35 che il 787 risolvano i loro non marginali problemi, dal momento che ottenendo ciò la tecnologia di cui l'umanità dispone efficacemente ne verrebbe implementata, e se una tecnologia esiste può anche essere utilizzata a fin di bene nell'interesse del massimo numero di individui (e non solo di coloro che traggono vantaggi economici dall'operazione).

Purtroppo però se il progetto del 787, non sia mai, si rivelasse nel lunghissimo periodo un insuccesso, ci rimetterebbero gli azionisti della Boeing, perderebbero le loro poltrone i CEO e molti dirigenti, e al limite alcuni dipendenti delle Compagnie che lo avranno utilizzato se la sua adozione non si sarà rivelata un ottimo affare come invece spero; nel caso di un velivolo militare, se l'F35, non sia mai, si dovesse rivelare nel lunghissimo periodo un insuccesso, inteso come "operazione non conveniente" (non ritengo verosimile che alla fine "non voli e più che bene", questo è ovvio), vi avranno contribuito, con denaro proveniente dalla loro imposizione fiscale privati cittadini avulsi dal comparto specifico e dalle sue ricadute, e magari molti di essi avrebbero ad esempio potuto ritenere sarebbe stato in quel caso speso meglio nell'istruzione pubblica delle nuove generazioni, nel nostro Pese forse carente (in Finlandia, 5.500.000 abitanti, vi sono attualmente 27 Politecnici, in Italia 2), che che nel mio piccolo considero mille e mille volte più utile per guadagnare in futuro competitività di qualsiasi pur lucrosa commessa ad aziende italiane ad alta tecnologia del settore militare; io, nel mio piccolo, valuterei prioritario spendere con larghezza in questo settore, rispetto al pur necessario e ineludibile budget della difesa.

Il comparto militare della produzione industriale è un comparto ad altissimo valore aggiunto (proprio ciò di cui si è evidenziato l'Italia negli ultimi decenni è diventata carente), e produce anche importanti ricadute dirette e indirette nelle capacità produttive e tecnologiche di quelle aziende, e di quelle dell'indotto. Non vederlo sarebbe miopia. Ma un livello di istruzione tecnico-scientifica finalmente adeguato, su vasta scala, può rendere più produttiva e competitiva una o più generazioni intere, cosa che a mio avviso (magari sbaglio) potrebbe trascendere la ricaduta in termini di occupazione e contributo al PIL di realtà pure importantissime come Finmeccanica, Alenia e gli altri attori in gioco.

Il mio riferimento al Gripen era non tanto orientato alla macchina in sé quanto all'eventualità tecnica di rinunciare a determinate possibilità operative e funzionalità in favore di un risparmio sostanziale di investimenti. Temo purtroppo, da dati di prima mano, non letti sulla stampa, che i tagli non lievissimi che si son visti in molti settori, non solo quello della Difesa, siano solo un pallido accenno di quanto c'è il rischio si verifichi nei prossimi tre-cinque anni minimo.
Forse in certi momenti della vita è meglio ordinare la Punto di cui potremmo pagar le rate anche in tempi di magra, che la Ferrari che potrebbe esserci un domani sequestrata per insolvenza, tutto qui.

Quanto all'F16, mi pare sia un velivolo che ha potuto equipaggiare con successo anche aviazioni di paesi che non avevan preso parte al programma di sviluppo del velivolo; perciò confesso, per mera ignoranza, di non capire perché non entrare da protagonisti e partner in quell'ottimo progetto ci possa avere costretto a rivolgerci a gap-filler, come certamente è stato per l'AMX e per il Tornado ADV.

La nostra Costituzione non ci impone di tentar di diventare una potenza militare degna di nota,protagonista rispettata su scacchieri regionali anche lontani, al di là delle fondamentali esigenze della difesa - esigenze, reali, che mi pare siano state con lungimiranza ben coperte dal complesso, pesante e costoso ma efficientissimo Typhoon.
Mi rendo conto che ciò che ho scritto ha contribuito a finire su toni più squisitamente politici che tecnici, perché queste son considerazioni innegabilmente che afferiscono alla politica, e me ne scuso. "Fortunatamente", coloro che hanno sin qui appoggiato come osteggiato il progetto appartengono ad ogni schieramento, almeno non mi verranno attribuite improprie collocazioni partitiche cui sono intrinsecamente alieno.

Quanto rimarca JT8D è assolutamente vero, per quanto attiene il comportamento dei media generalisti; mi chiedo però a questo punto, visto che non c'è oggi come dice Draklor un vero competitor diretto all'ambizioso progetto multiruolo del Lightning II, cui prodest quando non Der Spiegel o testate del genere, ma commentatori altamente specializzati esprimono tecniche perplessità destinate a lettori di testate specializzate, che certo non fanno ondeggiare masse di elettori. L'articolo tedesco l'ho riportato senza nessuno orgoglio: l'ho riportato. Non ho aereoplani da vendere né da comprare.
Ultima modifica di Valerio Ricciardi il 10 marzo 2013, 15:28, modificato 2 volte in totale.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Rispondi