Aviazione Navale Russa

Area dedicata alla discussione sull’Aviazione Militare, gli Aerei, i Reparti e le Basi, le Pattuglie acrobatiche

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
sidew
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1352
Iscritto il: 24 maggio 2007, 8:28
Località: Milan, Italy
Contatta:

Aviazione Navale Russa

Messaggio da sidew » 11 marzo 2014, 16:15



Spettacolare la inquadratura dell'appontaggio vista da un altro aereo in rotta parallela...

E come direbbe qualcuno: "E poi sono russi" :mrgreen:
Aldo

"Oops!" - Shannon Foraker, Ashes of victory

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 11 marzo 2014, 16:49

E' vero ..... sono proprio Russi ..... :shock:

E ..... dal momento che il tema della presente discussione è l'Aviazione Navale Russa ..... colgo l'occasione per segnalare questo .....

Immagine

..... pubblicato di recente e dedicato a quella che l'ha preceduta in epoca Sovietica .....

Avatar utente
sidew
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1352
Iscritto il: 24 maggio 2007, 8:28
Località: Milan, Italy
Contatta:

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da sidew » 11 marzo 2014, 16:54

gli Yak38 Forger, anche se erano un cesso di aereo, fu la reale alternativa russa ai nostri harrier...

E guardacaso il F-35B ricalca un po lo stesso schema propulsivo anche se nel Yak38 usavano un mini reattore al posto della ventola di sostentamento....
Immagine
Aldo

"Oops!" - Shannon Foraker, Ashes of victory

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da MatteF88 » 11 marzo 2014, 16:58

attendo con impazienza un video replica cinese.... :?

Sicuramente l'avrete già visto più e più volte, però lo posto lo stesso:


E lo yak-141 freestyle, sorta di cugino anziano del JSF dove lo mettete?? :mrgreen:

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 11 marzo 2014, 17:21

MatteF88 ha scritto:E lo yak-141 freestyle, sorta di cugino anziano del JSF dove lo mettete?? :mrgreen:
Arrosto ..... :onfire:


Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 11 marzo 2014, 22:09

Visto che c'è sopra, posto una foto del Beriev Be-12 Chayka (Gabbiano) , il cavallo da tiro della flotta russa da pattugliamento costiero. Il Be-12P è la versione antincendio (la PE è la SAR). Un ottimo aereo anfibio per mille impieghi, dal pattugliamento marittimo, al collegamento con le piattaforme marittime, alle caccia alla foca nell'Artico:
Allegati
1523488.jpg

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 6 maggio 2014, 17:27

Torno alla segnalazione che feci un paio di mesi fa del volume degli autori Gordon & Komissarov dedicato all'Aviazione Navale Sovietica per riportare la recensione che ne è stata fatta dall'esperto navale Norman Friedman ed apparsa sul numero di Maggio del mensile "Proceedings" dello "U.S. Naval Institute" .....
Soviet Naval Aviation 1946-1991

Yefim Gordon and Dmitriy Komissarov. Manchester, UK: Hikoki Publications, 2013. 368 pp. Illus. $56.95.

Reviewed by Norman Friedman

This book is a testament to the different approach to sea power employed by the old Soviet Union during the Cold War.
From the late 1950s on, Soviet land-based naval bombers, armed with stand-off missiles, were at least as great a threat to U.S. carriers as were Soviet submarines.
Most of the U.S. Navy’s surface-to-air armory, and all of its interceptors and radar-surveillance aircraft, were designed to deal with this threat.
Words like “outer air battle” and slogans like “kill the archer, not the arrow” will remind anyone involved in the Navy of that era of what was happening.
Only at the end of the Cold War were the Soviets beginning to deploy carriers and carrier-borne aircraft, and they had not begun to hit their stride when the Soviet Union and its navy collapsed.
If all of this sounds like dry history, remember that the Soviets taught the current Chinese navy its trade and that the Chinese naval air arm is not too different in principle from its Soviet-era predecessor.

Yefim Gordon has demonstrated a remarkable ability to sift former Soviet records and current Russian-language literature to describe the former Soviet air arms in great and apparently very accurate detail.
The book thus takes its place alongside extensive descriptions of the other air arms, all by the same British publisher: 'Soviet Strategic Aviation in the Cold War' (2009), 'Soviet Air Defence Aviation 1945–1991', and 'Soviet Tactical Aviation' (both by Gordon and Komissarov and published in 2012).
Gordon and Komissarov first sketch the organizational history of Soviet naval aviation, which was difficult because some of its elements were drawn off by other components of the multiple Soviet air establishments.
For example, the navy lost its land-based fighters in 1957, and for a time in the 1940s and early 1950s the navy itself had no independent bureaucratic existence.
They then describe its elements: reconnaissance, antiship strike, antisubmarine warfare.

These chapters include descriptions of missions and their difficulties.
The authors add an account of the largely abortive Soviet carrier program, and a substantial chapter describes Cold War incidents (illustrated by both Western and Soviet photos).
The book ends with an extensive catalog of aircraft and weapons.
A great deal of what Gordon and Komissarov provide is new, at least to this reader.
As in Gordon’s other books about the Soviet military air arm, the photographs are excellent.

Gordon and Komissarov are so good that the reader yearns for more.
No Russian has yet described or explained the structure of Soviet programs, for example the trade-offs between different types of equipment and between different services.
Nor has there been any published reference to the development of the big land-based (or space-based) sensor systems created specifically (it seems) to guide aircraft and ships.
For example, during the 1960s the U.S. Navy learned through experience that Soviet naval bombers were directed to its carriers by big land-based high-frequency (HF) direction-finding nets and thus learned to evade attack by shutting down its HF communications.

It seems nearly certain that the anti-Polaris antisubmarine aircraft (the Il-38 May in particular) were conceived as part of a larger system that included a long-range seabed system somewhat analogous to the Western sound surveillance system, but far less successful.
One wonders how these systems and the naval strike aircraft were linked, both in terms of planning and in practice.
Clearly that sort of detail is either still classified or is of so little interest to writers (who generally began as enthusiasts) that it is not available.
It would, similarly, be very interesting to gain insight into the trade-offs between ships and long-range aircraft, particularly now that we know something about the difficult gestation of the Soviet carrier program.

One also yearns for accounts of canceled aircraft and missiles.
Again, it is not clear whether such information is still classified (or is now becoming more rather than less restricted), or whether no interested author has yet emerged.
All of this is of more than academic interest, because a good account of what the Soviets wanted to build would likely offer valuable insight into the way the current Chinese navy and its air arm have been and are being shaped.
It would also give insight into the sorts of systems the Russians are now offering for sale, almost all of which can be traced back to Cold War forebears.

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 5 maggio 2015, 16:04

La marina russa passa sui nuovi Su-30SM multiruolo, che dovrebbero sostituire i Su-24. I primi sette Su-30SM sono stati consegnati alla marina russa dalla fabbrica di Irkutsk, non appena completati i primi quattro Su-30SM kazaki (e già arrivati alla base di Taldy-Kurgan), che andranno a sostituire i vecchi Mig-27K del Kazakistan.
I primi tre aerei per la marina russa (numeri sul muso 35, 36 e 37 blu) sono stati destinati all’859° centro addestramento operativo della base aeronavale di Yeysk, sulla sponda russa del Mar d’Azov e da qui sono stati presi in consegna dal 43° Reggimento autonomo della Flotta del Mar Nero, basato a Saki-Novofedorivka, dove ha sede la scuola dell’aviazione navale russa. Sono attesi anche i primi dieci Mig-29K (che dovrebbero arrivare a un totale di 14) per l’impiego su portaerei.
I Su-30SM invece sono basati a terra (e non mostrano ganci d’arresto) e hanno una mimetica a chiazze anche sotto, diversamente a quelli della VVS; sono destinati alla Crimea, a Kaliningrad e alla costa russa del Pacifico, in Kamchatka.
http://warfiles.ru/show-77720-postavki- ... -godu.html
Allegati
1442885_original.jpg
161560.jpg
161902 (1).jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 17 dicembre 2015, 19:48

Al forum "Armiya 2015" (a Kubinka?) gli studi per nuove navi russe, tra cui uno studio da San Pietroburgo per una nuova (classe?) di portaerei da 90 aerei, dotate anche di catapulte elettromagnetiche. Come le "Queen" britanniche, anche queste paiono preferire due isole. Sul ponte sembrano esserci anche i pak-fa navali e i mai prodotti Yak-44. La propulsione mi sembra convenzionale.
http://xn----ctbjbare5aadbdikvl8n.xn--p ... -2015.html
Allegati
q0vTFiFiEiU.jpg
voenno-morskoj_akcent_armii-2015-2.jpg
229064830.jpg

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da MatteF88 » 17 dicembre 2015, 19:59

beh, costruire modellini costa niente.. :bigsmurf:

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 17 dicembre 2015, 20:03

Mica li ho fatti io stanotte, sarebbero il frutto delle teorie del centro di ricerca di stato Krylov, di San Pietroburgo. Mi sembra che ai russi continui a non interessare la propulsione nucleare per le portaerei.

Avatar utente
MatteF88
FL 350
FL 350
Messaggi: 3800
Iscritto il: 6 dicembre 2011, 18:57

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da MatteF88 » 17 dicembre 2015, 20:25

ah, per un attimo ho pensato che li avessi costruiti tutti tu, anche gli aeroplanetti sul ponte :|

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 18 dicembre 2015, 11:28

Hanno sia lo ski jump che le catapulte.

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 11 aprile 2016, 21:21

Due missili colpiscono un finto bersaglio sotto l'Il-38 che li ha guidati, al largo di Petropavlovsk Kamchatsky e quello che dovrebbe essere il vulcano Koryaksky vicino alla pista di Elizovo, visto da un Backfire.
Allegati
159173.jpg
159889.jpg
Il-38-086205.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 14 settembre 2016, 13:34

Il Tu-22M3 RF-34035 lascia la Kazan Aircraft Factory "Gorbunov", appena riammodernato e ancora privo della vernice.
La nostra fregata Sagittario e un nostro Atlantic visti dal Kiev, negli anni ottanta, veramente molto vicini.
Allegati
6703501-1982.jpeg
02-1.jpg
01.jpg
Ultima modifica di Vultur il 14 settembre 2016, 14:22, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 14 settembre 2016, 14:21

Immagini interessanti ..... che dimostrano dunque che anche le nostre navi avevano il vezzo di infilarsi in mezzo alle formazioni navali dei potenziali avversari .....

8)

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 14 settembre 2016, 22:28

Si infilavano eccome, a detta dei russi stessi. Il sito non mi è stato indicato, da qualche parte nel Mediterraneo, o nel Mar Nero. Il grosso cacciatorpediniere russo dietro alla nostra nave, non sono un esperto, ma mi sembra un casse Kashin, antisommergibile, numero di scafo 702, nome di due parole a poppa, probabilmente il Krasnij Kavkaz, Caucaso Rosso (1984-1986). Sembra in rifornimento con una nave che si intravede dietro di lui.

Un Mil Mi-8PS (civile dell'Aeroflot) passeggeri apponta sul Kiev durante le manovre dell'esercitazione Ovest-81. A bordo almeno due personaggi di spicco: il Ministro della Difesa dell'URSS, Maresciallo dell'Unione Sovietica Dmitrij Fёdorovič Ustinov e, in secondo piano, un po' in disparte con le mani riunite dietro la schiena (più vicino all'elicottero), a me mi sembra il generale polacco Wojciech Witold Jaruzelski.
Una (bella?) visuale di prua del Kiev, mentre uno Yak-38 sta operando e la mole del Baku alla fonda, con l'inconfondibile linea "russa" dello scafo, oggi è la INS Vikramaditya, sotto bandiera indiana.
Allegati
HI-891656134560431034785-1975'1934724.jpg
Hi29836460761346734608460-436.jpg
KK-656209793761.jpg
bc846539659856.jpg

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 14 settembre 2016, 23:57

Senza dubbio ..... Jaruzelski ..... 8)

La fregata, si, è proprio una Kashin ..... quanto al numero 702 ..... difficile attribuirlo in quanto sembra che i Sovietici cambiassero di frequente gli identificativi delle loro navi da guerra per ingenerare confusione .....
Qui c'è comunque un elenco della classe ..... "Большие противолодочные корабли проекта 61 и 61 МЭ" .....

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 15 settembre 2016, 13:22

Lo Yak-141 con missili R-27 AA-10 Alamo. La particolare sovrastruttura piramidale del Leningrad vista dal ponte di volo, con quattro Mi-14 parcheggiati. Il Kiev, visto dai suoi aerei tra gli anni settanta e ottanta e un Mi-14 della flotta del Baltico sorvola una nave bacino da sbarco classe Ivan Rogov e un hovercraft d'assalto "leggero" classe Dzheryan, nel poligono di Khmelevka, a Kaliningrad. Gli hovercrafts hanno i motori dei Bear.



Uno Zubr "bufalo" sempre a Kaliningrad:
Allegati
186990.jpg
hi-173563568495495569.jpg
KM-19375465893.jpg
273454875695070786542327.jpg
Khmelevka396456b1a865013465094905613490569'134769'17.jpg

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3562
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da spiridione » 15 settembre 2016, 13:56

Vultur ha scritto:.....un nostro Atlantic visti dal Kiev, negli anni ottanta, veramente molto vicini.
L'Atlantic in foto apparteneva al glorioso 30° Stormo, ora disciolto, ed era di stanza a Cagliari-Elmas..... :cry:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





anonymous12345

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da anonymous12345 » 15 settembre 2016, 14:22

Non c'è niente da fare, i sovietici pensavano "diverso"...

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 15 settembre 2016, 21:43

Già. L'economia pianificata di stato era un sistema diverso da quello di mercato, questo poteva portare a soluzioni particolari.
Lo Zubr turboelica visto un po' più da vicino:



Entro il 2020, secondo Gennadi Zaganov, comandante della Flotta del Mar Nero, la Beriev di Taganrog dovrebbe sfornare i nuovi A-40 (Be-42) Albatros, per sostituire i vecchi Be-12 Chaika (Gabbiano). L'A-40 secondo me è uno dei più belli idro esistenti. Quelli vecchi sono in realtà quadrigetti, con due motori principali Soloviev D-30KPV da 12 tonnelate di spinta, gli stessi del Tu-154 e dell'Il-76, più due RKBM-Klimov RD-60K da 2,5 tonnellate di spinta, che servono solo durante i decolli e sono posizionati all'estremo posteriore delle carenature del carrello principale, ma non ho ancora capito dove.
I nuovi A-40, o Be-42, dovrebbero ricevere i nuovi motori Aviadvigatel PS-90A da 17 tonnellate di spinta statica, che renderanno inutili gli altri due piccoli motori "ausiliari" dei vecchi aerei.
Il ruolo di questi aerei sarà soprattutto il pattugliamento antisommergibile e sono in grado di portare armi antinave a antisommergibile. Basi probabili: Sebastopoli e (forse) Tartus in Siria.

https://lenta.ru/news/2016/03/03/albatros/
Allegati
a40-3.jpg
A42NearRamp_1.jpg
0672468 (1).jpg
070529.jpg
069601.jpg
Ultima modifica di Vultur il 15 settembre 2016, 22:21, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 15 settembre 2016, 21:50

E tutto il fascino, se così si può dire, del vecchio Chaika, veterano di tutte le Russie, forse qualcosa di simile al nostro CL-415, in salsa sovietica:
Allegati
be12_035.jpg
be12_004.jpg
192775.jpg
190338.jpg
111700.jpg

Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Atr72 » 15 settembre 2016, 22:40

Pura bellezza made in cccp ❤

EppoisonRussi!
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 15 settembre 2016, 23:03

Atr72 ha scritto:Pura bellezza made in cccp ❤

EppoisonRussi!

Toh ..... si è rifatto vivo ..... :lol:

Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Atr72 » 15 settembre 2016, 23:38

Son diventato un lettore silenzioso :D

Con qualche capatina quando si parla di Russi 8-)

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 16 settembre 2016, 13:37

Un Mi-6 atterra sulla poppa del Novorossiysk, ma in quel punto il ponte era rinforzato, perchè poteva non reggere.
Non so se c'è qualche elicotterista, ma molto divertente deve essere la regolazione (del trimmaggio?) delle pale del rotore, basta ricordarsi di legare bene per terra l'elicottero e non avvicinarsi troppo con il palo, come nel caso di questo Mi-14 della Guardia Costiera.
Da ciò che ho capito, basta avere un rotolo di carta, vernici e pennello. Si vernicia l'estremità di ogni pala con un colore differente e si guarda se la traccia lasciata sul rullo di carta sta dove deve stare. Altrimenti si torna a regolare la pala, questo perchè sennò pale diverse genererebbero portanze diverse e avrebbero angoli diversi rispetto al rotore, causando vibrazioni.
Allegati
0_151abe_858e7061_orig.jpg
MI3655465424324.jpg
MI3674564545327.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 18 settembre 2016, 10:52

Una piantata motore proprio sul più bello di uno Yak-38U, l'aereo più bello della storia. Il computer ha eiettato automaticamente i piloti, si vedono anche le due diverse direzioni di eiezione. E i Su-25UTG sull'allora "Tiblisi", 1992, scomparsa la bandiera bianca con falce e martello, ri-comparsa l'aquila zarista (ma senza corona). Il Su-25UTG è un derivato del Su-25 privato delle blindature, del cannone e dei sistemi d'arma. Serve solo per l'addestramento per portaerei, prima a terra, su piste finte e poi in mare, come quella sovietica di Saki, in Ucraina. Altre basi per piloti di Marina a Yeysk e Severomorsk, in Russia. Gli istruttori starebbero nell'abitacolo posteriore. Questi aerei sono giudicati di numero insufficiente per l'addestramento dei piloti navali, non ho capito bene se perchè è aumentato il numero di piloti, o è diminuito quello dei Su-25, o entrambe le cose. Di sicuro succede spesso che uno di questi Su-25 si danneggi in appontaggio a un punto tale che diventa solo una fonte di pezzi di ricambio.
Allegati
R2.jpeg
R3.jpeg
R4.jpeg
R6.jpeg
C89723456206520.jpg
158153.jpg
140012.jpg
053277.jpg
043501.jpg
050479.jpg

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10272
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da richelieu » 18 settembre 2016, 15:05

phpBB [video]


:shock: :lol: 8)

phpBB [video]


Ejection History ..... "Yakolev Yak-36, Yak 38, Yak-41 - Losses and Ejections" .....
.

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 19 settembre 2016, 14:46

Gli aerei navali russi (quindi credo anche quelli di tutto il mondo), Yak-38 compreso, avrebbero il sistema di eiezione in grado di "riconoscere" anche se l'aereo si ritrova sul ponte di volo al momento dell'espulsione dei piloti. Questo perchè le portaerei hanno la sovrastruttura dell'isola sulla destra dello scafo e i piloti in espulsione non devono finire a destra, dove potrebbero urtare l'"isola" della portaerei.
Un Su-25 UTG sul ponte della Tiblisi/Kuznetsov, la foto mi pare interessante per un commento sottostante, che parla dei due Su-33 che si vedono sullo sfondo: almeno uno, quello sul ponte di volo, potrebbe essere il "padre" del J-15 cinese. Infatti questo Su-33 non presenta i codici numerici a lato del muso. Stando a quel che io ho capito dal russo, solo due Su-33 di preserie mancavano di tali codici e precisamente i Su-33 T-10K3 e K7; entrambi gli aerei si trovavano in Crimea, a Saki al momento del crollo dell' Unione Sovietica e, a quanto pare, negli anni sono ricomparsi in Cina. Come in questa foto sotto che a quanto dicono sarebbe stata presa dentro gli hangars della Shenyang Aircraft Corporation. A detta dei russi però, soltanto di recente i cinesi sono riusciti a ottenere le stesse leghe e gli stessi materiali dei Su-33 russi di venticinque anni fà, soprattutto per i motori.

http://russianplanes.net/id37044

http://capacious10.rssing.com/chan-6214233/all_p15.html
Allegati
Cy37654139854.jpg
526095_original.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 19 settembre 2016, 20:44

Un Kamov Ka-52 lancia flires e il Ka-52K (K per "karabl", nave), ribattezzato "Katran", elicottero navale. Si distingue, almeno da fuori, per i rotori e le ali pieghevoli ed il carrello rinforzato. Il missile sarebbe un Kh-38 MLE (a guida laser?).
Questo elicottero avrebbe dovuto andare ad "affollare" i ponti delle nuove portaelicotteri d'assalto classe Vladivostok (con la gemella Sebastopol, nella foto a Saint Nazaire), in pratica le francesi classe Mistral, ma a causa della situazione internazionale si è venuto a creare un grosso pasticcio con queste navi, che dovrebbero essere andate all'Egitto e non più alla Russia, che però ora sarebbe interessata a vendere Ka-52K agli egiziani.
E i Ka-32 della Corea del Sud, usati come CSAR e antincendio.
Allegati
Mistral_4.jpg
_-_Saint-Nazaire_décembre_2014.jpg
188072.jpg
Ka-52K-2.jpg
Ka-52K.jpg
C13456347156195.jpg
2824258.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 21 settembre 2016, 17:46

Secondo Sergei Shoygu, ministro della difesa, la Kuznetsov sarà destinata al Mediterraneo orientale, davanti alle coste siriane. Sarà quindi una base russa in più.
I prossimi aerei imbarcati saranno i nuovi Mig-29K (e KUB biposto), i cui piloti si sono addestrati nel Mar di Barents, a bordo della portaerei indiana Vikramaditya (ex sovietica Gorshkov). I Su-33 infatti, nonostante un recente upgrade, non sono più considerati dei completi multiruolo, soprattutto per quel che riguarda l'attacco aria-superficie.
Al contrario dei caccia Sukhoi, storicamente dotati di lunghissima autonomia sia a terra che sul mare, i Mig-29K hanno ricevuto una completa riprogettazione rispetto al Mig-29 base, tanto da essere aerei quasi completamente nuovi. L'esteso uso di "compositi" ne ha ridotto il peso e aumentato l'autonomia e, sul Mig-29K, i serbatoi interni ed esterni (che invece non si vedono spesso sui Su-27/33) sono stati ingranditi. Sia i Su-33 che i Mig-29K possono essere riforniti in volo.

https://lenta.ru/news/2016/09/21/shoigu/

Appontaggio russo sulla Vikramaditya, nel Mar di Barents:



https://battlemachines.wordpress.com/20 ... l-fulcrum/

Le differenze esterne del Mig-29K ("karabl bazirovanija", basato su nave), con ipersostentatori anche sulle superfici lerx:
Allegati
mig-29k1.jpg
065725.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 23 settembre 2016, 11:18

Base aerea della Marina di Kamenny Ruchy (torrente pietroso), 29 Km da Savetskaya Gavàn (Porto dei Soviet), che si affaccia sullo Stretto dei Tartari. Città gemellata con Everett, Washington.
Vietato fumare: dopo ogni volo, sul Tu-142 l'impianto a ossigeno liquido e relativi gassificatori vanno spurgati, l'ossigeno non deve bagnare la pelle, sennò causa gravissime ustioni. Prima di ogni volo si ricarica tutto.

https://en.wikipedia.org/wiki/Sovetskay ... ister_city
Allegati
175379.jpg
194042.jpg
068813.jpg
065869.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 23 settembre 2016, 19:54

Una visione dal punto di vista russo delle portaerei e degli aerei imbarcati. Non potendo rompersi, in quanto un incidente alla catapulta comporta la perdita dell'aereo, le catapulte, oltre che ingombranti e costose (sia economicamente, che energeticamente, perchè richiedono energia dai motori della nave), richiedono anche una costante attenzione da parte di personale specializzato. A quei tempi, i sovietici decisero di optare per navi di dimensioni contenute e senza catapulte, ma dotate di ski-jump. Lo ski-jump non può rompersi, non richiede energia, non ingombra sotto il ponte, non richiede manutenzione. Difetto: lo ski-jump limita le dimensioni degli aerei che possono operare dal ponte della portaerei. Per questo motivo si studiarono velivoli imbarcati tutti dotati di un elevato rapporto spinta/peso, in grado di continuare comunque il decollo anche con un motore fuori uso (come tutti gli aerei navali del mondo). Questo però non risolveva il problema di aerei più pesanti, come quelli AEW e ASW. Questo obbligava a ripiegare sugli elicotteri imbarcati per i ruoli AEW e antisommergibile. Anche perchè comunque la flotta sovietica sarebbe stata protetta dall'alto dall'aviazione a lungo raggio basata a terra.
L'altezza dell'hangar della portaerei limita l'altezza massima di un velivolo, per cui l' Antonov An-71, con i suoi nove metri e venti di altezza, non venne preso in considerazione come aereo imbarcato. Al contrario, la Beriev, la Yakovlev e oggi pare anche la Ilyushin pensarono a diverse soluzioni per aerei AEW e ASW. Tutti aerei con rotodome girevole abbassabile, per entrare nell'hangar e tutti in grado di decollare da ski-jump anche con un motore fuori uso. La Beriev pensò a un quadrimotore. Inoltre tali aerei avevano sistemi di controllo dello strato limite sulle ali e sui flaps, simili a quelli del C-17 di oggi, per sfruttare al massimo la potenza dei motori. La Antonov studiò anche una versione ridisegnata dell'An-71, denomitata An-75, che avrebbe potuto essere imbarcata, con motori sotto le ali, ma la cosa non andò mai in porto.
Vecchie immagini del bacino "Zero" a Nikolaev, Ucraina. Il grande scafo numero d'ordine "107" ancora in costruzione. La nuova grande portaerei nucleare sovietica "Ulyanovsk", che fu definitivamente cancellata al crollo dell'URSS.

https://topwar.ru/84845-chetyrehmotorny ... 009-g.html
Allegati
098519.jpg
44_100.jpg
10627875-o.jpg
news-183_5.jpg
news-183_9.jpg
news-183_10b.jpg
news-183_8b.jpg
news-183_6b.jpg

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1382
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Aviazione Navale Russa

Messaggio da Vultur » 24 settembre 2016, 17:00

Si vede che l'Ulyanovsk avrebbe dovuto avere due (o quattro?) reattori nucleari e comunque due catapulte. In questo articolo si vedono, da ciò che ho capito io, le catapulte a vapore sovietiche nella loro fabbrica, che io credo sia la fabbrica "Proletariato".

http://alternathistory.com/perspektivny ... magnitnaya
Allegati
8210030_0-680x940.jpg

Rispondi