Vite

Area dedicata alla discussione di argomenti sulla meccanica del volo e aerotecnica. Quesiti su come fa un aeroplano a volare!

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Giulio88
FL 200
FL 200
Messaggi: 2402
Iscritto il: 7 dicembre 2006, 1:10
Località: Roma

Vite

Messaggio da Giulio88 » 12 febbraio 2007, 23:36

Non tutti gli aeroplani possono entrarvi, e per alcuni vi sono limitazioni.

Cosa cambia da aeroplano ad aeroplano nell'effettuare questa manovra?

Quello poi che mi interessa è se anche i liner subiscano dei test per verificare il comportamento dell'aeromobile durante l'ingresso in vite.

E' possibile costrure un aeroplano "immune" alla vite?
PPL (A)

Avatar utente
Andre
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1053
Iscritto il: 4 giugno 2006, 17:02
Contatta:

Re: Vite

Messaggio da Andre » 13 febbraio 2007, 12:36

Giulio88 ha scritto:Non tutti gli aeroplani possono entrarvi, e per alcuni vi sono limitazioni.

Cosa cambia da aeroplano ad aeroplano nell'effettuare questa manovra?

Quello poi che mi interessa è se anche i liner subiscano dei test per verificare il comportamento dell'aeromobile durante l'ingresso in vite.

E' possibile costrure un aeroplano "immune" alla vite?
La vite può essere provocata volontariamente e involontariamente; La vite si manifesta sempre in conseguenza di una derapata cui l'aereo viene sottoposto quando l'aria è vicina all'incidenza critica. La derapata fa accelerare l'ala esterna e fa decelerare l'ala interna. In conseguenza del rollio l'incidenza della semiala esterna si alza mentre quella della semiala interna si abbassa e supera il valore critico, la semiala stalla ed entra in vite. La vite può essere eseguita "solo" con aerei certificati per sopportare la manovra. Per uscire bisogna: arrestare la rotazione con il timone di direzione, portare l'angolo di incidenza dell'ala stallata al di sotto del valore critico spingendo in avanti la cloche.
Andrea

Immagine

Avatar utente
Giulio88
FL 200
FL 200
Messaggi: 2402
Iscritto il: 7 dicembre 2006, 1:10
Località: Roma

Messaggio da Giulio88 » 13 febbraio 2007, 13:26

Grazie Andre, più o meno queste cose già le conoscevo...a me interessava sapere perchè certi aeroplani NOn sono certificati per la vite, se esistano aeroplani che in vite non ci possono proprio entrare...ecc...
PPL (A)

Avatar utente
Andre
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1053
Iscritto il: 4 giugno 2006, 17:02
Contatta:

Messaggio da Andre » 13 febbraio 2007, 13:38

Gli aerei devono essere certificati ma tutti possono entrare in vite, quando il pilota lo mette nelle condizioni sopra descritte, con fatica ma ci entrano...
Andrea

Immagine

Avatar utente
Giulio88
FL 200
FL 200
Messaggi: 2402
Iscritto il: 7 dicembre 2006, 1:10
Località: Roma

Messaggio da Giulio88 » 13 febbraio 2007, 13:39

Cosa determina la certificazione o meno di un aeroplano per la vite? Numero di G max?
PPL (A)

Avatar utente
Andre
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1053
Iscritto il: 4 giugno 2006, 17:02
Contatta:

Messaggio da Andre » 13 febbraio 2007, 13:43

Deve essere certificato per sopportare la manovra e per renderla sicura non penso per i numeri di G max..
Andrea

Immagine

Avatar utente
libelle
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:57
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da libelle » 13 febbraio 2007, 13:50

Per quanto riguarda gli aerei di AG, tutti hanno riportato nel manuale o nelle placchette in cabina come uscire dalla vite. Questo perchè trattasi di una manovr di emergenza. Nessuno di questi aerei, a meno che non sia acrobatico, non può essere messo in vite in quanto si tratta di una manovra non prevista in fase di progetto e sul piano teorico non si conosce l'effettiva risposta delle strutture. In pratica è terreno inesplorato in fase di costruzione, il progettista non ha tenuto conto di questa condizione e di conseguenza non ne può certificare gli effetti e le conseguenze.
Ai fini della certificazione finale l'aereo deve essere comunque messo in vite (da un pilota collaudatore) per verificare l'effettiva capacità dell'aereo di uscire da una eventuale vite accidentale e saggiare la risposta dei comandi. Il fatto che un aereo è certificato per uscire dalla vite, non vuol dir che sia certificato anche per entrarvi.
Tutti gli alianti, non solo quelli acrobatici, sono certificati per entrare e uscire dalla vite intenzionale, ovvero voluta direttamente dal pilota. Il mauale riporta sempre come fare per entrare in vite e come fare per uscirne. La manovra è quindi certificata e previta in fase di progetto.
Gli alianti moderni che montano i ballast nelle ali hanno una limitazione: non sono certificati per la vite quando hanno acqua imbarcata e la stessa manovra di rimessa può essere assai difficoltosa se non impossibile.
"think positive, flaps negative!"

Alex82
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 112
Iscritto il: 19 giugno 2005, 21:42
Località: roma

Messaggio da Alex82 » 13 febbraio 2007, 13:53

Cosa determina la certificazione o meno di un aeroplano per la vite? Numero di G max?
Più o meno si! Come saprai l'ala di ogni aereo risente di un peso apparente. Questo peso apparente non può sopportare carichi eccessivi ed ha ovviamente un suo limite. Il valore massimo di peso apparente supportabile da un'ala è il FATTORE DI CARICO. In fase di progettazione e successiva realizzazione la casa produttrice da il fattore di carico di riferimento per l'aereo specifico. Di norma esso è più o meno 3.8 -1.5 (tali velivoli non possono effettuare la vite), quelli semiacrobatici variano fra +4-2(possono fare la vite). Quanto ai liner non saprei dire....

Avatar utente
libelle
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:57
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da libelle » 13 febbraio 2007, 13:55

Cosa determina la certificazione o meno di un aeroplano per la vite? Numero di G max?


Nella vite vera e propria il numero di G è assai contenuto nei limiti dell'inviluppo di volo di qualsiasi aeroplano. La sollecitazione maggiore avviene casomai durante la manovra di richiamata nel momento in cui si arresta la rotazione e si tira la barra alla pancia. In ogni caso comunque la manovra deve essere decisa, ma non brutale. Questo non solo per non sollecitare eccessivamente le strutture, ma anche per non correre il rischio di uno stallo accelerato ulteriore.
"think positive, flaps negative!"

N757GF

Messaggio da N757GF » 13 febbraio 2007, 18:06

Giulio88 ha scritto:Grazie Andre, più o meno queste cose già le conoscevo...a me interessava sapere perchè certi aeroplani NOn sono certificati per la vite, se esistano aeroplani che in vite non ci possono proprio entrare...ecc...
Di solito un aereo non e` certificato per la vite quando non ci esce o esce con estrema difficolta`. Ad esempio il Cirrus SR22 non riesce a uscire dalla vite, per cui per avere la certificazione al volo ha dovuto mettere il paracadute balistico.

Ci sono velivoli che entrano con molta difficolta` in vite, solo con baricentro in determinate posizioni, e ne escono da soli dopo mezzo giro al massimo.

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 13 febbraio 2007, 18:46

La configurazione canard mi pare meriti qualche distinguo?

____________________

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 13 febbraio 2007, 19:01

N757GF ha scritto: Ad esempio il Cirrus SR22 non riesce a uscire dalla vite, per cui per avere la certificazione al volo ha dovuto mettere il paracadute balistico.
Cosa può impedire l'uscita dalla vite?
Poca autorità del direzionale magari per copertura aerodinamica o che altro? Certo che è un peccato per i Cirrus e i suoi fortunati proprietari.
Vabbe, non si puo avere tutto :)
___________________

Avatar utente
MarcoAER
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 578
Iscritto il: 11 aprile 2005, 21:03
Località: Rome or Dallas

Messaggio da MarcoAER » 13 febbraio 2007, 19:50

N757GF ha scritto:
Giulio88 ha scritto:Grazie Andre, più o meno queste cose già le conoscevo...a me interessava sapere perchè certi aeroplani NOn sono certificati per la vite, se esistano aeroplani che in vite non ci possono proprio entrare...ecc...
Di solito un aereo non e` certificato per la vite quando non ci esce o esce con estrema difficolta`. Ad esempio il Cirrus SR22 non riesce a uscire dalla vite, per cui per avere la certificazione al volo ha dovuto mettere il paracadute balistico.

Ci sono velivoli che entrano con molta difficolta` in vite, solo con baricentro in determinate posizioni, e ne escono da soli dopo mezzo giro al massimo.
Parole sagge carissimo,

aggiungerei che la maggiorparte dei multi-engine piston non gradisce la vite.

Il Beechcraft B95 Travelair e il B56 Baron sono famosi per essere irrecuperabili dalla vite dopo aver superato il primo giro completo.
Marco Ferraro

- Mercenario sulla serie Citation.... (500/560xl/650/750) -

FAA Type Rating Instructor / Examiner
FAA GOLD SEAL Flight Instructor Single & Multi Engine Instrument - CFI/CFII/MEI
FAA Airline Transport Pilot AMEL
JAA fATPL - Commercial MEIR

Avatar utente
Giulio88
FL 200
FL 200
Messaggi: 2402
Iscritto il: 7 dicembre 2006, 1:10
Località: Roma

Messaggio da Giulio88 » 13 febbraio 2007, 21:21

Grazie a tutti!! Ultima cosa: è prevista l'entata in vite per i liners durante il collaudo?
PPL (A)

Avatar utente
MarcoRS
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 74
Iscritto il: 18 gennaio 2007, 21:10
Località: Dallas

Messaggio da MarcoRS » 13 febbraio 2007, 22:03

ho avuto modo di fare diverse ore sul beechcraft 95 travelair..e avendo il p.o.h. vi copio cosa dice a riguardo della vite:

"This is a normal category airplane.Maneuvers , inlcuding spins , are proibited."

poi aggiuge:

"if a spin is entered inadvertently,cut the power on both engines.Apply full rudder opposite the direction of rotation and then move elevator forward until rotation stops.When the controls are fully effective,bring the nose up smoothly to a level flight attitude.Don't pul out too abruptly."

non dice nulla riguardo al numero di rotazioni che si possono fare..se si entrasse inavvertitamente..sicuro ci si deve uscire al piu presto..comunque mi informerò..e vi faro sapere :wink:

Avatar utente
aurum
MD80 Captain
MD80 Captain
Messaggi: 1704
Iscritto il: 2 settembre 2005, 12:13
Località: Veio

Re: Vite

Messaggio da aurum » 13 febbraio 2007, 23:08

Giulio88 ha scritto:Non tutti gli aeroplani possono entrarvi, e per alcuni vi sono limitazioni.

Cosa cambia da aeroplano ad aeroplano nell'effettuare questa manovra?

Quello poi che mi interessa è se anche i liner subiscano dei test per verificare il comportamento dell'aeromobile durante l'ingresso in vite.

E' possibile costrure un aeroplano "immune" alla vite?

Voglio spendere due parole in merito alla vite poiche' nella commissione in cui lavoro si sta parlando proprio in questi giorni sull'opportunita' o meno di inserirla nei programmi addestrativi per il conseguimento delle nuove licenze europee.
Ogni aereo in realta' dalla vite dovrebbe poterne uscire;il problema e' che per alcuni aerei la manovra di "spin recovery" e' piuttosto semplice(e non mi dilungo sulle varie tecniche) mentre su altri puo' comportare tempi e quote piuttosto rilevanti che unitamente a manovre di particolare complessita', riservate a pochi piloti esperti,possono rendere inutile qualsiasi tentativo iniziato al di sotto di certe quote critiche.
In realta' nel campo dell'aviazione generale e in particolare nel campo dei monomotori,gli incidenti causati da esiti fatali di viti e stalli sono circa il 12 % del totale ma il 90 % di questi ,avvengono in fasi di volo in prossimita' del terreno,quali ad esempio il circuito di atterraggio.Non a caso i due fenomeni(stalli e viti) vengono considerati nel loro insieme essendo spesso la vite una conseguenza di un errata "rimessa" dallo stallo e comunque sempre susseguente a questa
Su aerei del tipo di un monomotore ad ala bassa tipo Piper Cherokee,una vite impegna in termini di quota,circa 1150 piedi considerando la quota alla quale viene "innescato" il fenomeno a quella dove l'aereo sara' completamente di nuovo stabilizzato e sotto controllo.Questo chiaramente volendo portare intenzionalmente l'aereo in questa condizione;altra cosa e' trovarvisi involontariamente,dovendo in questo caso,tener presente tempi e qualita' della reazione del pilota.
E' quindi evidente l'importanza che assume la "prevenzione" del problema ovvero lo studio delle condizioni che possono portare a tale situazione,quali lo stallo "incrociato" e le virate troppo accentuate durante l'avvicinamento a bassa velocita',oltre che agli "skills" necessari alla sua neutralizzazione.
Le odierne regole di certificazione FAR ,prevedono che gli aerei possano dimostrare di uscire dalla vite e o stallo nel rispetto di alcuni parametri (spin resistance) che riporto integralmente.Attualmente gli unici due aerei che non rientrano in questi criteri sono il Cirrus e il Lancair i quali vengono certificati unicamente con il paracdute di emergenza(CAPS)
"To qualify under the new FAA spin-resistant criteria, excerpting from the regulation, "at the applicant's option, the airplane may be demonstrated to be spin resistant by the following: (i) During the stall maneuvers?the pitch control must be pulled back and held against the stop. Then, using ailerons and rudders in the proper direction, it must be possible to maintain wings-level flight within 15 degrees of bank and to roll the airplane from a 30-degree bank in one direction to a 30-degree bank in the other direction; (ii) reduce the airplane speed using pitch control at a rate of approximately 1 knot per second until the pitch control reaches the stop; then, with the pitch control pulled back and held against the stop, apply full rudder control in a manner to promote spin entry for a period of 7 seconds or through a 360-degree heading change, whichever occurs first. If the 360-degree heading change is reached first, it must have taken no fewer than 4 seconds. This maneuver must be performed first with the ailerons in the neutral position, and then with the ailerons deflected opposite the direction of turn in the most adverse manner. Power and airplane configuration must be set in accordance with Sec. 23.201(e) without change during the maneuver. At the end of 7 seconds or a 360-degree heading change, the airplane must respond immediately and normally to primary flight controls applied to regain coordinated, unstalled flight without reversal of control effect and without exceeding the temporary control forces specified?and (iii) compliance must be demonstrated with the airplane in uncoordinated flight, corresponding to one ball-width displacement on a slip-skid indicator, unless one ball-width displacement cannot be obtained with full rudder, in which case the demonstration must be with full rudder applied."

Per quanto riguarda gli aerei commerciali,tale problema e' solo di marginale importanza ,rappresentando una piccolissima percentuale di incidenti,dove la vite e' stata comunque generalmente l'esito "secondario" di altri problemi causali.
Per curiosita' ricordo che durante una mia visita "riservata" ad una grande compagnia costruttrice americana,vidi l'interno di uno dei piu' diffusi liner bireattori utilizzato per le prove di certificazione, dove una paratia posta a circa 3/4 della cabina pax nascondeva l'alloggiamento di un paracadute di notevolissime dimensioni che veniva usato in volo per questo genere di prove!

Ciao
Gubernator superfluus

Immagine Immagine

Avatar utente
Giulio88
FL 200
FL 200
Messaggi: 2402
Iscritto il: 7 dicembre 2006, 1:10
Località: Roma

Messaggio da Giulio88 » 13 febbraio 2007, 23:13

Grazie mille Aurum!!!
PPL (A)

Avatar utente
pdani
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 241
Iscritto il: 10 settembre 2006, 19:37
Località: Padova
Contatta:

Re: Vite

Messaggio da pdani » 15 febbraio 2007, 10:25

aurum ha scritto:Per curiosita' ricordo che durante una mia visita "riservata" ad una grande compagnia costruttrice americana,vidi l'interno di uno dei piu' diffusi liner bireattori utilizzato per le prove di certificazione, dove una paratia posta a circa 3/4 della cabina pax nascondeva l'alloggiamento di un paracadute di notevolissime dimensioni che veniva usato in volo per questo genere di prove!
[OT]
Vedi che qualcuno c'aveva pensato al paracadute d'emergenza sui liner!
(ne avevamo parlato qualche tempo fa)
[/OT]
Daniele

Avatar utente
aurum
MD80 Captain
MD80 Captain
Messaggi: 1704
Iscritto il: 2 settembre 2005, 12:13
Località: Veio

Re: Vite

Messaggio da aurum » 15 febbraio 2007, 14:12

[OT]
Vedi che qualcuno c'aveva pensato al paracadute d'emergenza sui liner!
(ne avevamo parlato qualche tempo fa)
[/OT]
Beh,in quel caso il paracadute non serve per "rientrare" a terra ma solo per le prove di "upset" e di Engine relight!

Ciao
Gubernator superfluus

Immagine Immagine

Avatar utente
skylane182
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 18 gennaio 2007, 19:05

Messaggio da skylane182 » 5 maggio 2007, 7:43

di vite non ne esiste soltanto un tipo e per uscirne le manovre sono diverse ogni volta sempre che tu riesca a capire in quale vite ti sei ficcato .
il discorso sulla tipologia di velivolo che puo' effettuare questa manovra e' semplicemente una questione di resistenza strutturale ma viene annotata sul manuale d'uso dell'aeromobile

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Messaggio da zksimo » 6 maggio 2007, 1:01

skylane182 ha scritto:di vite non ne esiste soltanto un tipo e per uscirne le manovre sono diverse ogni volta sempre che tu riesca a capire in quale vite ti sei ficcato .
il discorso sulla tipologia di velivolo che puo' effettuare questa manovra e' semplicemente una questione di resistenza strutturale ma viene annotata sul manuale d'uso dell'aeromobile
quanti tipi di vite ci sono?

Avatar utente
skylane182
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 18 gennaio 2007, 19:05

Messaggio da skylane182 » 6 maggio 2007, 7:05

positiva , rovescia , piatta positiva e negativa

Avatar utente
wing05
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1171
Iscritto il: 2 ottobre 2005, 18:50
Località: LIDT

Messaggio da wing05 » 12 maggio 2007, 22:17

O.T.
...vite spericolate, vite sprecate.. vite perse ... :lol:
I-SMTN. Mauro

Immagine
Cerca sempre di mantenere uguale il numero degli atterraggi che fai, rispetto ai decolli

Avatar utente
Lesier
Banned user
Banned user
Messaggi: 679
Iscritto il: 1 maggio 2006, 19:22
Località: da verificare (ignota)

Messaggio da Lesier » 13 maggio 2007, 1:00

Gli aerei da scuola di volo sono praticamente immuni alla vite e comunque per entrarci dovresti metterti veramente d'impegno.

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Messaggio da zksimo » 13 maggio 2007, 1:43

Lesier ha scritto:Gli aerei da scuola di volo sono praticamente immuni alla vite e comunque per entrarci dovresti metterti veramente d'impegno.
beh adesso stiamo sconfinando...non sono molto d'accordo :wink:

Avatar utente
Lesier
Banned user
Banned user
Messaggi: 679
Iscritto il: 1 maggio 2006, 19:22
Località: da verificare (ignota)

Messaggio da Lesier » 13 maggio 2007, 2:05

Intendo i piccoli aerei ad ala rettangolare tipo Cessna e Piper.

A me è stato detto così: non lo sono?

Avatar utente
MarcoAER
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 578
Iscritto il: 11 aprile 2005, 21:03
Località: Rome or Dallas

Messaggio da MarcoAER » 13 maggio 2007, 5:50

Lesier ha scritto:Intendo i piccoli aerei ad ala rettangolare tipo Cessna e Piper.

A me è stato detto così: non lo sono?
Beh dipende...non tutti perlomeno...il PA28 stalla e và in vite di brutto...soprattuto le versioni R e con molti cavalli.

Il 172 si riprende da solo dalla vite ci entra moooolto con difficoltà...per farlo stallare bisogna davvero tirarsi il volantino alla pancia...
Marco Ferraro

- Mercenario sulla serie Citation.... (500/560xl/650/750) -

FAA Type Rating Instructor / Examiner
FAA GOLD SEAL Flight Instructor Single & Multi Engine Instrument - CFI/CFII/MEI
FAA Airline Transport Pilot AMEL
JAA fATPL - Commercial MEIR

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Messaggio da zksimo » 13 maggio 2007, 18:47

Lesier ha scritto:Intendo i piccoli aerei ad ala rettangolare tipo Cessna e Piper.

A me è stato detto così: non lo sono?
se lo fai entrare da un assetto basso con angle of attack non troppo elevato è vero..ed è vero anche quello che dice MarcoAer che basta neutralizzare i controlli e l'aereo esce dalla vite da solo...puoi usare certe tecniche comunque per facilitare...usando ad esempio opposit aileron e usare adverse yaw creata dagli ailerons per esagerare l'imbardata ....

alebest
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 319
Iscritto il: 8 aprile 2007, 22:21
Località: Forlì

Messaggio da alebest » 13 maggio 2007, 19:05

Beh,in quel caso il paracadute non serve per "rientrare" a terra ma solo per le prove di "upset" e di Engine relight!
Per i poveri ignoranti come me, in cosa consistono le prove "upset" e "engine relight"?? Sono curioso....

Avatar utente
Lesier
Banned user
Banned user
Messaggi: 679
Iscritto il: 1 maggio 2006, 19:22
Località: da verificare (ignota)

Messaggio da Lesier » 13 maggio 2007, 23:23

Grazie per le risposte zksimo e MarcoAer.

Avrei una domanda ancora: è vero che per uscira dalla vite bisogna anche continuamente dare e togliere motore?

MS_RE
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 232
Iscritto il: 22 aprile 2007, 12:04

Messaggio da MS_RE » 15 maggio 2007, 21:20

Posso Inserire qualche cenno storico ?
NO?
Sorry, troppo tardi!!

La storia
Agli albori dell’aviazione la vite era un’ assetto inusuale sconosciuto. L’assoluta disinformazione circa la corretta procedura d’uscita e l’istinto del pilota a tirare la cloche a causa dell’assetto a picchiare altro non facevano che peggiorare la situazione che spesso risultava fatale.
A seguito di diversi incidenti fatali, si guadagnò presto la reputazione di pericolo imprevedibile che avrebbe potuto togliere la vita ad un pilota in qualsiasi momento e contro la quale non vi era difesa.
Inizialmente fu sperimentata per iniziativa di alcuni temerari che più che condurre veri e propri esperimenti vi entravano piuttosto casualmente.
Nel agosto del 1912, il sottotenente Wilfred Parke divenne il primo pilota che riuscì ad uscire da una vite accidentale. Il suo biplano Avro entrò in Vite a 700 ft AGL nel circuito di traffico a Larkhill. Parke tentò invano di ristabilire il corretto assetto dando tutta manetta e tirando la cloche. L'aeroplano perse 450 ft e diversi osservatori inorriditi si fermarono ad assistere.
Intanto Parke cercava in tutti i modi di uscire dall’abitacolo ma la forza centrifuga rendeva difficoltoso ogni suo movimento. Nel' estremo tentativo di divincolarsi dalla forza che lo schiacciava sul lato desto dell’abitacolo, irrigidì la gamba destra finendo per schiacciare a fondo corsa il pedale.

L'aereo smise di avvitarsi e Parke riusci a livellare il suo Biplano a 5 ft AGL; con l’aero nuovamente sotto controllo riuscì ad atterrare sano e salvo. La tecnica di Parke comunque non fu insegnata ai piloti che all’inizio della prima guerra mondiale.

Il primo caso documentato di ingresso ed uscita volontaria dalla vite è da attribuire al capo squadriglia J.C. Brooke. Nell’estate del 1915 riusci ad uscire da una vite accidentale applicando la tecnica di Parke ; esortato dai suoi allievi ripetè l’esperimento più volte dimostrando che l’uscita era piuttosto semplice adottando la tecnica scoperta qualche anno prima da Parke..

Nel 1917, Frederick Lindemann condusse i primi veri esperimenti che portarono alla comprensione aerodinamica della Vite.



PS: qualcuno di voi ha provato la vite piatta positiva ?

Rispondi