Punti di rottura

Area dedicata alla discussione di argomenti sulla meccanica del volo e aerotecnica. Quesiti su come fa un aeroplano a volare!

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
aLEX_84
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 3
Iscritto il: 14 settembre 2012, 7:27

Punti di rottura

Messaggio da aLEX_84 » 15 settembre 2012, 7:14

Ho provato a cercare nel forum ma non ho trovato nulla a riguardo.
Se non ricordo male le vecchie lezioni di aerotecnica a scuola, il professore ci disse che alcune parti degli aeromobili sono a rottura programmata (non ricordo il termine esatto, scusate), come ad esempio i motori.
Se quello che ricordo è vero, qualcuna saprebbe indicarmi quali parti hanno questa caratteristica in particolare su un 757-200?

Grazie in anticipo..

Avatar utente
butterfly
FL 300
FL 300
Messaggi: 3258
Iscritto il: 9 ottobre 2008, 22:59
Località: CVG

Re: Punti di rottura

Messaggio da butterfly » 16 settembre 2012, 4:09

Cosa vuol dire rottura programmata?
Intendi tipo dei componenti che sono disegnati per rompersi in caso di sovraccarico per proteggere altri componenti?
La morte non sta nel non comunicare, ma nel non poter essere più compresi (Pier Paolo Pasolini)

skype id: ladymachbet

http://www.giuda.it

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: Punti di rottura

Messaggio da FAS » 17 settembre 2012, 7:10

aLEX_84 ha scritto:Ho provato a cercare nel forum ma non ho trovato nulla a riguardo.
Se non ricordo male le vecchie lezioni di aerotecnica a scuola, il professore ci disse che alcune parti degli aeromobili sono a rottura programmata (non ricordo il termine esatto, scusate), come ad esempio i motori.
Se quello che ricordo è vero, qualcuna saprebbe indicarmi quali parti hanno questa caratteristica in particolare su un 757-200?

Grazie in anticipo..

Forse intendi dire che sono progettati per avere una certa durata entro la quale non si aspettano interventi manutentivi o controlli sullo stato di funzionalitá.
Ti faccio un paio di esempi.....
prima di tutto la struttura dell'aereo....... la fusoliera ad esempio deve fare esperienza ad ogni volo del carico dovuto alla pressurizzazione....quindi si progetta la struttura in maniera tale da dover sopportare questo tipo di carico per un certo numero di cicli evitando ispezioni a corta scadenza per ridurre al minimo il tempo del velivolo al suolo.
altro esempio la piattaforma di misuramento inerziale....può avere una vita di utilizzo di tot ore di volo, superato il limite imposto dal supplier bisogna sbarcarla e ricalibrarla per via dell'accumulo di errore dovuto al drift.

il tuo Prof forse si riferiva anche a concetti di Fail safe e safe life.....
ma questo devi dircelo tu :-)
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Avatar utente
b747-8
FL 150
FL 150
Messaggi: 1880
Iscritto il: 24 settembre 2008, 21:25

Re: Punti di rottura

Messaggio da b747-8 » 17 settembre 2012, 15:38

Thread interessante...vi seguirò!
Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona solo quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato. In altre parole, per poter criticare, si dovrebbe avere un'amorevole capacità, una chiara intuizione ed un'assoluta tolleranza. MOHANDAS KARAMCHAND GANDHI

Immagine
BIRRA POINT
Ministro rapporti CULturali

aLEX_84
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 3
Iscritto il: 14 settembre 2012, 7:27

Re: Punti di rottura

Messaggio da aLEX_84 » 24 settembre 2012, 10:59

Non mi riferivo a ciò che dite.. :D

Faccio un esempio.. In caso di incidente, se un motore urtasse una struttura solida..è tato progettato per staccarsi e non portarsi dietro anche l'ala con tutto il carburante, oppure è fissato in maniera irreversibile alla struttura dell'ala?
E' un esempio giusto per far capire di cosa parlo..
In sostanza..in caso di urti violenti o sollecitazioni eccessive, ci sono parti che deliberatamente sono state progettate per staccarsi per evitare danni maggiori?

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: Punti di rottura

Messaggio da FAS » 24 settembre 2012, 13:51

allora parli di deformazione programmata, ma non se ne parla in aerotecnica.....

si vi sono zone che hanno questa caratteristica strutturale...
ad esempio il pavimento passeggeri, le cornici parabrezza del cabina piloti, i binari dei sediolini....questi i piu evidenti
poi vi sono particolari meno alla vista di tutti....ad esempio le tubazioni idrauliche, i cablaggi e cosi via.....
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Avatar utente
butterfly
FL 300
FL 300
Messaggi: 3258
Iscritto il: 9 ottobre 2008, 22:59
Località: CVG

Re: Punti di rottura

Messaggio da butterfly » 24 settembre 2012, 21:50

ad esempio gli alberi degli accessori motori sono progettati con sezioni di rottura così in caso di overload la sezione cede e protegge il resto del motore quindi si ha "solo" la perdita dell'accessorio (diciamo un fusibile meccanico)
La morte non sta nel non comunicare, ma nel non poter essere più compresi (Pier Paolo Pasolini)

skype id: ladymachbet

http://www.giuda.it

Rispondi