A340 fuoripista a toronto e si incendia

Area dedicata alla discussione sugli incidenti e degli inconvenienti aerei e le loro cause. Prima di intervenire in quest'area leggete con attenzione il regolamento specifico riportato nel thread iniziale

Moderatore: Staff md80.it

Mardokk
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 122
Iscritto il: 29 agosto 2007, 18:48
Località: Roma

Pregio

Messaggio da Mardokk » 13 dicembre 2007, 14:08

Si, va bene.Ho molti difetti e pochissimi pregi!Evidentemente il lavoro che da anni svolgo un pò funziona.

Avatar utente
pippo682
FL 450
FL 450
Messaggi: 4572
Iscritto il: 21 ottobre 2005, 16:25
Località: Padova (LIPU)
Contatta:

Messaggio da pippo682 » 13 dicembre 2007, 14:18

Marco, non prendertela, ma ci piace che i commenti in sezioni "critiche" come questa siano motivati e seri. Non sappiamo cosa fai di mestiere e quale sia la tua competenza, quindi ci aspettiamo interventi un po' più approfonditi rispetto all'ultimo che hai fatto.

Avatar utente
PA111
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 21
Iscritto il: 10 luglio 2007, 15:00
Località: Roma

Messaggio da PA111 » 13 dicembre 2007, 15:21

C'è una ragione particolare per cui nel rapporto dell'autorità canadese manca la trascrizione del CVR?

Snap-on

Messaggio da Snap-on » 13 dicembre 2007, 15:23

C'è una ragione particolare per cui nel rapporto dell'autorità canadese manca la trascrizione del CVR?
Si, le comunicazioni sono di proprietà della compagnia.
Nei rapporti disponibili per il "pubblico", se non c'è il consenso a priori, non vengono riportati i commenti e le trascrizioni dell'equipaggio.

Saluti

Steve

Avatar utente
aurum
MD80 Captain
MD80 Captain
Messaggi: 1704
Iscritto il: 2 settembre 2005, 12:13
Località: Veio

Re: Pregio

Messaggio da aurum » 13 dicembre 2007, 15:27

Mardokk ha scritto:Si, va bene.Ho molti difetti e pochissimi pregi!Evidentemente il lavoro che da anni svolgo un pò funziona.
Che lavoro svolgi?
Gubernator superfluus

Immagine Immagine

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15473
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: .

Messaggio da JT8D » 13 dicembre 2007, 18:42

Mardokk ha scritto:Ma va?!Qualcuno aveva qualche dubbio? :wink: :wink:
Sì, prima dell'uscita del report ufficiale i dubbi li avevo, come tutti coloro che si sono affacciati all'indagine quando è cominciata.

Tu non ne avevi? Come ti ho già detto, se veramente ti intendi di incidenti aerei, dovresti conoscere la complessità di essi. Come facevi allora a non avere dubbi e ad essere convinto della tua affermazione? Puoi spiegarcelo?
Le prossime volte mi aspetto un analisi più dettagliata invece che un'affermazione come quella sopra riportata.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Snap-on

Messaggio da Snap-on » 14 dicembre 2007, 8:22

Per completezza d'informazione riporto un articolo apparso su Flight International a commento dell'incidente e dei risultati dell'inchiesta delle autorità canadesi.

Pilots need standards for storm landings: A340 overrun inquiry
By David Kaminski-Morrow

Canadian investigators examining the Air France Airbus A340-300 overrun at Toronto Pearson Airport two years ago are insisting that pilots are given better guidance and training for conducting landings in the vicinity of convective weather.

The Transportation Safety Board of Canada is issuing seven recommendations after finding that the crew of flight AF358, arriving in a severe thunderstorm, did not calculate a margin for error for the landing. The rapidly changing dynamics of the situation led to a "diminishing awareness" of the amount of runway available for the aircraft to stop, it says.

The TSB, which released its findings on 12 December, recommends establishing standards that would limit approaches and landings in convective weather. It also says pilots should be trained to make accurate estimates of the margin between landing distances available and those required before conducting approaches in deteriorating conditions.

Speaking during a briefing, the TSB's chief investigator into the accident, Real Levasseur, said: "We must give pilots better tools to let them know when they must not approach."

He said crews should be made fully aware of the distance an aircraft needs to land in different conditions, adding: "Information is available to pilots. However, in an unstable situation, it's not the time to leaf through manuals."

Flight AF358 had been arriving from Paris Charles de Gaulle on 2 August 2005. Two aircraft landing ahead of the Air France jet had already reported poor braking at Toronto.

As the A340 conducted its final approach to runway 24L, at a height of about 200ft (61m), the wind shifted and generated a tailwind component. This increased its ground speed and caused the aircraft to deviate above the glideslope.

It crossed the threshold 90ft above the ground, some 40ft higher than expected, and travelling at 145kt (268km/h), higher than the 140kt planned because of the tailwind. The jet then entered a heavy rain shower, which severely limited the crew's visibility.

While the crew opted to continue the landing, believing this would be safer than a missed approach into a storm, the aircraft floated and touched down at 148kt, some 3,800ft along 24L, leaving it with 5,300ft of remaining runway.

"It is clear that the pilots were aware of the landing distance available for runway 24L," says the investigators' report. "There is no indication that they had calculated the landing distances required for the arrival, nor are there any direct and specific Air France procedures that would require such calculations by the crew.

"This accident clearly shows the need for pilots to know the landing distance required by their aircraft for the conditions to be encountered at the expected time of landing, and to compare this figure to the length of the runway assigned for the landing. It is essential that both figures be known to enable crews to calculate the margin of error available so that they are better prepared to make the correct decision when they encounter deteriorating conditions.

"In this occurrence, the crew members realised at some time during the landing sequence that the landing was going to be long. Had they known that the margin for error was slim, or indeed non-existent, the crew would likely have executed a go-around."

The aircraft landed to the left of the centreline and the pilots delayed activating reverse thrust while they steered along the runway axis. Reverse thrust was not selected until 12.8s after landing and full reverse was not active until 16.4s after the jet touched down.

By the time full reverse thrust engaged, the aircraft was still travelling at 107kt with less than 1,200ft remaining before the end of the runway. It failed to decelerate in time and left the end of the runway at nearly 80kt, travelling about 1,000ft before coming to rest.

Although the aircraft was destroyed by fire, all 297 passengers and 12 crew survived, having evacuated the jet within 2min. Twelve passengers sustained serious injuries.

"Since the Air France accident, 10 large aircraft have gone off runways around the world in bad weather," says Transportation Safety Board of Canada chairman Wendy Tadros. "This is an unacceptable risk."

In addition to the recommendations on crew training and procedures, the TSB says it will recommend installing 300m runway-end safety areas at airports. It will also advise carriers to stress to passengers during safety briefings the importance of leaving baggage behind in an evacuation, after finding some travellers on AF358 stopped to retrieve personal items.


Saluti

Steve

Avatar utente
SicurezzaVolo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 368
Iscritto il: 23 novembre 2006, 17:26
Località: LIMS

Messaggio da SicurezzaVolo » 14 dicembre 2007, 9:15

Preso come assioma che al momento gli aerei non volano da soli, ma hanno bisogno di qualcuno di umano che gli dica cosa fare l'errore umano è SEMPRE parte della catena degli eventi e può sia essere positivo che negativo.

Le trascrizioni del CVR non sono obbligatorie, dal CVR non si vuole sentire il dialogo dei piloti se non è strettamente necessario ma si possono sentire interrutori o sirene che si azionano.

Nell'ambito di un'investigazione si devono supportare le ipotesi con quante più prove possibili: dalle evidenze agli azionatori del cockpit (bottom-up) quindi anche un suono può fare la differenza.
Purtroppo in questi giorni sono oberato di lavoro e non ho ancora letto il risultato dell'investigazione. Appena posso lo farò
If Safety seems expensive: try an Accident

Rispondi