Incidente Windjet PMO

Area dedicata alla discussione sugli incidenti e degli inconvenienti aerei e le loro cause. Prima di intervenire in quest'area leggete con attenzione il regolamento specifico riportato nel thread iniziale

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
mcgyver79
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 8490
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:04

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da mcgyver79 » 12 dicembre 2013, 14:05

Nessun commento sulla sentenza per quanto riguarda le colpe attributite, ma non capisco perché i risarcimenti a chi si è costituito parte civile? Non sono esperto di Diritto ma non ho colto il nesso tra l'episodio e - per esempio - gli eventuali danni subiti dal comitato 8 ottobre. Se qualcuno mi può togliere i dubbi gliene sono grato.

Ciaooooo.
McGyver

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 518
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da willy73 » 12 dicembre 2013, 15:46

mcgyver79 ha scritto:Nessun commento sulla sentenza per quanto riguarda le colpe attributite, ma non capisco perché i risarcimenti a chi si è costituito parte civile? Non sono esperto di Diritto ma non ho colto il nesso tra l'episodio e - per esempio - gli eventuali danni subiti dal comitato 8 ottobre. Se qualcuno mi può togliere i dubbi gliene sono grato.

Ciaooooo.
In estrema sintesi anche associazioni o enti possono costituirsi parte civile ma solo se intervengono a tutela di un interesse che rientra nei fini che l'ente o l’associazione persegue.
La parte civile nel processo penale chiede al giudice di pronunciarsi sul risarcimento del danno che la stessa parte potrebbe chiedere al giudice civile. Il danno può essere diretto o indiretto. Mentre prima del 1999 si riteneva unanimemente che il diritto al risarcimento del danno (e quindi anche la costituzione di parte civile) spettasse soltanto ai titolari di diritti soggettivi, con una importantissima sentenza del 1999 le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto risarcibile il danno anche per i portatori di interesse legittimo.
Il giudice penale può pronunciarsi sull'importo da risarcire (di solito lo fa se non deve fare un'indagine per stabilire l'entità del danno) o rinviare al giudice civile per determinare l'ammontare (come ha fatto per i passeggeri per i quali evidentemente va fatta un'indagine sull'entità e la tipologia dei danni).

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da bulldog89 » 12 dicembre 2013, 16:32

Sono sconvolto, solo 1 anno e 8 mesi...e dire che ha tentato di suicidarsi con più di 100 passeggeri a bordo...

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da bulldog89 » 12 dicembre 2013, 16:36

willy73 ha scritto:In estrema sintesi anche associazioni o enti possono costituirsi parte civile ma solo se intervengono a tutela di un interesse che rientra nei fini che l'ente o l’associazione persegue.
La parte civile nel processo penale chiede al giudice di pronunciarsi sul risarcimento del danno che la stessa parte potrebbe chiedere al giudice civile. Il danno può essere diretto o indiretto. Mentre prima del 1999 si riteneva unanimemente che il diritto al risarcimento del danno (e quindi anche la costituzione di parte civile) spettasse soltanto ai titolari di diritti soggettivi, con una importantissima sentenza del 1999 le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto risarcibile il danno anche per i portatori di interesse legittimo.
Il giudice penale può pronunciarsi sull'importo da risarcire (di solito lo fa se non deve fare un'indagine per stabilire l'entità del danno) o rinviare al giudice civile per determinare l'ammontare (come ha fatto per i passeggeri per i quali evidentemente va fatta un'indagine sull'entità e la tipologia dei danni).
Grazie della spiegazione.

Non capisco però quale sarebbe l'interesse legittimo della fondazione...riusciresti a chiarire?

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4780
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da sardinian aviator » 12 dicembre 2013, 16:38

Comunque l'ANSV è stata citata a sproposito ed ha smentito di essersi costituita parte civile. Il Comitato 8 Ottobre ormai entra dappertutto come il prezzemolo.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 518
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da willy73 » 12 dicembre 2013, 17:28

bulldog89 ha scritto: Non capisco però quale sarebbe l'interesse legittimo della fondazione...riusciresti a chiarire?
Immagino che avendo tra i propri scopi la scopo la SV e quindi abbia sostenuto di avere un interesse legittimo al rispetto delle regole di SV che in questo caso sarebbero state violate dal comandante atterrando senza visibilità alle minime (ma ripeto è una mia supposizione)

Avatar utente
Ayrton
B747 Senior First Officer / Instructor
B747 Senior First Officer / Instructor
Messaggi: 3671
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da Ayrton » 12 dicembre 2013, 19:01

bulldog89 ha scritto:Sono sconvolto, solo 1 anno e 8 mesi...e dire che ha tentato di suicidarsi con più di 100 passeggeri a bordo...
non direi sia andata proprio così....però....ognuno la vede come vuole.
Immagine

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4780
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da sardinian aviator » 12 dicembre 2013, 19:15

Sarei curioso di conoscere chi erano i periti del tribunale
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da bulldog89 » 12 dicembre 2013, 19:23

willy73 ha scritto:
bulldog89 ha scritto: Non capisco però quale sarebbe l'interesse legittimo della fondazione...riusciresti a chiarire?
Immagino che avendo tra i propri scopi la scopo la SV e quindi abbia sostenuto di avere un interesse legittimo al rispetto delle regole di SV che in questo caso sarebbero state violate dal comandante atterrando senza visibilità alle minime (ma ripeto è una mia supposizione)
Quindi lucrano sulle sciagure altrui, corretto? Come se l'ANSV chiedesse i danni ad ogni incidente perché ha come scopo la SV...

@Ayrton: ero leggermente ironico

Avatar utente
Burb
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 621
Iscritto il: 24 settembre 2009, 22:18

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da Burb » 12 dicembre 2013, 19:32

sardinian aviator ha scritto:Sarei curioso di conoscere chi erano i periti del tribunale
C'è scritto nell'articolo che hai messo. Si tratta dei periti dell'accusa.
"Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" Paolo Borsellino

Fabio Airbus
FL 150
FL 150
Messaggi: 1519
Iscritto il: 26 ottobre 2012, 14:36
Località: Genova

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da Fabio Airbus » 12 dicembre 2013, 21:01

mcgyver79 ha scritto:Non sono esperto di Diritto ma non ho colto il nesso tra l'episodio e - per esempio - gli eventuali danni subiti dal comitato 8 ottobre. Se qualcuno mi può togliere i dubbi gliene sono grato.

Ciaooooo.
Diciamo che vogliono farsi garanti che la sicurezza del volo venga rispettata e non si fidano degli addetti ai lavori, lo si capisce anche dalle attività e dai commenti del loro forum. Finchè diciamo vogliono dare assistenza ai parenti delle vittime, o feriti (come accade a molte associazioni per gli incidenti stradali) può stare bene, però questo mettersi sempre in mezzo come se volessero sostituirsi all'ANSV francamente non mi piace molto.
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. (Arthur C. Clarke)

Avatar utente
Fire Warn
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 27
Iscritto il: 27 gennaio 2014, 13:03

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da Fire Warn » 2 febbraio 2014, 1:07

Leggendo l'interessantissimo articolo postato da davymax "Fly the dog" di Pat Boone, non ho potuto fare a meno che pensare a questo incidente leggendo questo:
Step 2: make a suggestion– “Hey captain, let’s go-around” This is a good one, allowing him to bail-out. Because in the meantime he found out himself that he can’t make it. This suggestion allows him to save his ego and just perform the go-around “Because you insisted...” :roll:
Immagine
ENGINE FIRE
1 Autothrottle......Disengage
2 Thrust lever (aff eng)......Confirm......Close
3 Engine start lever (aff eng).....Confirm.....CUTOFF
4 Engine fire switch (aff eng)......Confirm......Pull
To manually unlock the engine fire switch, press the override and pull
5 IF the engine fire switch or ENG OVERHEAT light stays illuminated:
Engine fire switch......Rotate to the stop and hold for 1 sec.
If after 30 seconds the engine fire switch or ENG OVERHEAT light stays illuminated:
6 Engine fire switch......Rotate to the other stop and hold for 1 sec.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4780
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da sardinian aviator » 2 febbraio 2014, 11:18

Burb ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Sarei curioso di conoscere chi erano i periti del tribunale
C'è scritto nell'articolo che hai messo. Si tratta dei periti dell'accusa.

Non mi pare, ho trovato solo i nomi dei PM. Qualcuno sa chi erano i CTU (Consulente Tecnico d'Ufficio)?
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5839
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: Incidente Windjet PMO

Messaggio da albert » 1 dicembre 2014, 23:38

E' stata rilasciata la relazione finale d'inchiesta relativa a questo incidente.
La relazione è disponibile, previa richiesta, sul sito ANSV ( http://www.ansv.it/It/Detail.asp?ID=1900 )

Allego un estratto della relazione, riportante le cause dell'incidente.

"CAUSE
L’evento è classificabile come short landing accident e la causa è riconducibile essenzialmente al fattore umano. Il fatto che il contatto dell’aeromobile con il suolo sia avvenuto circa 367 metri prima della soglia pista è da attribuirsi alla decisione dell’equipaggio di continuare l’avvicinamento strumentale senza una dichiarata condivisione dell’acquisizione dei necessari riferimenti visivi per il completamento della procedura di non precisione e della manovra di atterraggio.
Dall’inchiesta non sono emersi elementi che possano far ritenere che l’incidente sia avvenuto per fattori tecnici inerenti l’aeromobile.
All’evento hanno contribuito numerosi fattori, tra cui i seguenti.

− La scarsa attitudine dei presenti nel cockpit all’utilizzo delle norme basiche del CRM, con particolare riferimento alle capacità interpersonali e cognitive di ognuno e, in misura preponderante, del comandante.

− La deliberata inosservanza delle SOP in vigore che prevedevano, al raggiungimento della MDA, di applicare la procedura di mancato avvicinamento qualora gli adeguati riferimenti visivi della pista in uso non fossero stati in vista di entrambi i piloti.

− La mancata applicazione, da parte dei presenti nel cockpit, delle norme dell’operatore, con particolare riguardo: al concetto di “sterile cockpit”; al briefing della discesa; ai callout durante l’avvicinamento finale.

− La routinarietà con cui l’equipaggio effettuava gli avvicinamenti sull’aeroporto di Palermo Punta Raisi, da cui la complacency a favorire la personalizzazione degli standard previsti dall’operatore e dalle normative vigenti. La complacency costituisce uno degli aspetti più insidiosi nel contesto del fattore umano, in quanto insinua nell’individuo una condizione di self satisfaction, che ingenera un abbassamento di situational awareness, portandolo tuttavia a ritenere di aver trovato la migliore formula per operare.

− L’esistenza di condizioni meteorologiche avverse, caratterizzate dalla presenza di una precipitazione piovosa di tipo estremo, che ha ridotto sensibilmente la visibilità generale.

− Il fenomeno di “black hole approach”, dovuto alle condizioni meteorologiche avverse unitamente ad un avvicinamento effettuato di notte, sul mare, verso una costa caratterizzata da pochi insediamenti urbani e quindi scarsamente illuminata.
Ciò ha creato nel PF l’illusione di “sentirsi alto” rispetto a ciò che vedeva e credeva essere la soglia pista, con la conseguenza di indurlo ad abbandonare il profilo di discesa ideale, fino ad allora mantenuto, per effettuare una eccessiva correzione variometrica a picchiare e il conseguente atterraggio corto.

− La diminuzione delle prestazioni del fascio di luce prodotto dalle SLTH in condizioni di pioggia estrema; il solo riferimento luminoso orizzontale per l’equipaggio era costituito della barra trasversale del SALS, verosimilmente scambiata per le luci di soglia pista.

Dopo l’incidente, l’applicazione del PEA ha evidenziato numerose e gravi criticità, che non hanno consentito di svolgere in maniera tempestiva ed efficace l’attività di ricerca, soccorso e di assistenza alle vittime dell’incidente. In particolare, l’organizzazione aeroportuale non è stata in grado, a vari livelli, di assicurare il pronto ed efficace intervento della macchina dei soccorsi, denotando l’esistenza di criticità latenti di vario tipo, che si sono manifestate proprio in occasione dell’incidente indagato."
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Rispondi