liru

Area dedicata alla discussione sugli incidenti e degli inconvenienti aerei e le loro cause. Prima di intervenire in quest'area leggete con attenzione il regolamento specifico riportato nel thread iniziale

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

liru

Messaggio da sigmet » 28 ottobre 2017, 17:43

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6794
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: liru

Messaggio da Luke3 » 28 ottobre 2017, 18:20

Azzo, per fortuna sono sopravissuti, si sa chi era a bordo. Anche in PM va bene se non volete mettere i nomi pubblicamente. Ho molti amici ancora all'aeroclub, i migliori auguri per una ripresa veloce

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9606
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: liru

Messaggio da tartan » 28 ottobre 2017, 19:19

Non mi risulta che gli ultraleggeri abbiano le marche! A voi si?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: liru

Messaggio da sigmet » 28 ottobre 2017, 19:36

tartan ha scritto:Non mi risulta che gli ultraleggeri abbiano le marche! A voi si?
Spiegare a un giornalista quale sia la differenza ormai e' una "mission impossible" :(
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4728
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: liru

Messaggio da Valerio Ricciardi » 28 ottobre 2017, 21:29

Prima erano tutti Paiper i velivoli piccolini con dentro due-cinque persone...
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
gattovolante
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1214
Iscritto il: 9 febbraio 2008, 19:46
Località: Roma

Re: liru

Messaggio da gattovolante » 29 ottobre 2017, 0:55

Ad esser superstiziosi, le marche non erano proprio di buon auspicio!!
Speriamo che gli occupanti siano già sulla via della guarigione.
"Avviso per chi crea le pubblicita' degli alberghi: Io odio sentirmi a casa quando sono via!" (George Bernard Shaw)

Avatar utente
mcllcu
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 267
Iscritto il: 12 luglio 2017, 12:20
Località: Ferrara

Re: liru

Messaggio da mcllcu » 29 ottobre 2017, 7:39

tartan ha scritto:Non mi risulta che gli ultraleggeri abbiano le marche! A voi si?
Ad essere pignoli anche gli ultraleggeri hanno le marche.
Cambia solo la composizione della marca.
Airspeed is Life!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9606
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: liru

Messaggio da tartan » 29 ottobre 2017, 11:16

Fra marche di immatricolazione e numeri di registrazione c'è una piccolissima differenza tipo ENAC e Aeroclub d'Italia.
Ad essere proprio pignolissimi. Se poi le cose sono cambiate di recente chiedo venia.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
mcllcu
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 267
Iscritto il: 12 luglio 2017, 12:20
Località: Ferrara

Re: liru

Messaggio da mcllcu » 30 ottobre 2017, 7:21

tartan ha scritto:Fra marche di immatricolazione e numeri di registrazione c'è una piccolissima differenza tipo ENAC e Aeroclub d'Italia.
Ad essere proprio pignolissimi. Se poi le cose sono cambiate di recente chiedo venia.
A questo punto mi metto anch'io tra gli ignoranti e ti chiedo di spiegarmi la differenza.
Airspeed is Life!

Nonno Salt
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 14 luglio 2009, 15:07
Contatta:

Re: liru

Messaggio da Nonno Salt » 30 ottobre 2017, 8:42

La gestione degli aeromobili di aviazione generale è affidata a ENAC che rilascia anche le marche di tipo I-ABCD

La gestione degli aeromobili ultraleggeri è demandata all'Aero Club d'Italia che rilascia il certificato di identificazione di tipo I-1234 (ultimamente I-A234, I-B234 e così via).

Il P92 è prodotto da Tecnam sia in versione ULM che in versione certificata (AG) come quello coinvolto nell'incidente. Quest'ultimo è molto utilizzato dalle scuole di volo per il LAPL e PPL a motivo del notevole risparmio nei costi di gestione principalmente legati al fatto che usa motore Rotax (versione certificata) e benzina verde.
Ultima modifica di Nonno Salt il 30 ottobre 2017, 8:50, modificato 1 volta in totale.
N-ONNO

http:/www.fiorenzadebernardi.it
Aeralpi 1967, prima donna pilota commerciale in Italia

Avatar utente
mcllcu
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 267
Iscritto il: 12 luglio 2017, 12:20
Località: Ferrara

Re: liru

Messaggio da mcllcu » 30 ottobre 2017, 8:46

Nonno Salt ha scritto:La gestione degli aeromobili di aviazione generale è affidata a ENAC che rilascia anche le marche di tipo I-ABCD

La gestione degli aeromobili ultraleggeri è demandata all'Aero Club d'Italia che rilascia le registrazioni di tipo I-1234 (ultimamente I-A234, I-B234 e così via).
Non è una risposta alla mia domanda della differenza tra marche e registrazioni.
Chi fa cosa lo so anch'io, ma distinguere tra marca e registrazione mi sembra un po' cercare il pelo nell'uovo sinceramente.
Airspeed is Life!

Nonno Salt
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 14 luglio 2009, 15:07
Contatta:

Re: liru

Messaggio da Nonno Salt » 30 ottobre 2017, 8:54

Ah, ok. Non avevo colto l'ironia. Non era mio il post originale.
Saluti
N-ONNO

http:/www.fiorenzadebernardi.it
Aeralpi 1967, prima donna pilota commerciale in Italia

Avatar utente
mcllcu
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 267
Iscritto il: 12 luglio 2017, 12:20
Località: Ferrara

Re: liru

Messaggio da mcllcu » 30 ottobre 2017, 9:01

Nonno Salt ha scritto:Ah, ok. Non avevo colto l'ironia. Non era mio il post originale.
Saluti
No, non c'era mica ironia... la mia era una vera domanda, perchè da come mi era stato risposto immaginavo chissà quali differenze, che a questo punto, se ci sono, ammetto la mia ignoranza.
Airspeed is Life!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9606
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: liru

Messaggio da tartan » 30 ottobre 2017, 11:56

mcllcu ha scritto:
Nonno Salt ha scritto:La gestione degli aeromobili di aviazione generale è affidata a ENAC che rilascia anche le marche di tipo I-ABCD

La gestione degli aeromobili ultraleggeri è demandata all'Aero Club d'Italia che rilascia le registrazioni di tipo I-1234 (ultimamente I-A234, I-B234 e così via).
Non è una risposta alla mia domanda della differenza tra marche e registrazioni.
Chi fa cosa lo so anch'io, ma distinguere tra marca e registrazione mi sembra un po' cercare il pelo nell'uovo sinceramente.
Sei stato tu a cominciare a pignoleggiare. Il giornalista ha definito l'aereo un ultraleggero, però se fosse stato a conoscenza della piccola differenza fra lettere e numeri non l'avrebbe fatto. Nel mio primo commento mi riferivo a questa differenza.
Le marche vengono scelte dal proprietario, dopo verifica che siano libere, cioè che non siano già usate da altri. I numeri non credo che siano scelti, ma assegnati.
Per me le marche sono quelle con le lettere, i numeri possiamo chiamarli targa, sempre per me, poi alla fine chissene. Si tratta solo di chiarezza e facilità di identificazione.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: liru

Messaggio da willy73 » 30 ottobre 2017, 16:23

sigmet ha scritto:
tartan ha scritto:Non mi risulta che gli ultraleggeri abbiano le marche! A voi si?
Spiegare a un giornalista quale sia la differenza ormai e' una "mission impossible" :(
se non è un liner o un'executive jet è un ultraleggero, semplice no? :mrgreen:

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: liru

Messaggio da sigmet » 30 ottobre 2017, 17:03

Immagine
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: liru

Messaggio da Ashaman » 5 novembre 2017, 15:55

Valerio Ricciardi ha scritto:Prima erano tutti Paiper i velivoli piccolini con dentro due-cinque persone...
Già, soprattutto i famosi Paiper della Cessna, come dimenticarli.
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15559
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: liru

Messaggio da JT8D » 28 giugno 2018, 18:55

Rilasciata da ANSV la relazione di inchiesta relativa a questo evento:

http://www.ansv.it/It/Detail_relazioni.asp?ID=2119

Interessante perché la tematica del "cappio" è sempre molto attuale e molto discussa tra gli addetti ai lavori, oltre che per gli altri aspetti HF.

Dal punto di vista strettamente tecnico-motoristico, non essendo rilevate anomalie sul propulsore in seguito allo smontaggio, in effetti viene da pensare ad una irregolarità temporanea di alimentazione causa formazione ghiaccio (pur se data limitata dal grafico) o candele imbrattate, problema abbastanza tipico in caso di funzionamento per lunghi periodi a potenze molto basse. Pur se rimangono ipotesi, come scritto anche nella relazione.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4728
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: liru

Messaggio da Valerio Ricciardi » 29 giugno 2018, 7:16

Penso che l'avere omesso nel tentativo di rientro di estendere al massimo i flap aumentando così il drag sia stata una scelta determinante per andare così lungo, "galleggiare" rimbalzando e non riuscire a completare l'atterraggio.

Peraltro, dalle foto associate al report vedo UNA candela su OTTO veramente piuttosto imbrattata, non credo che da sola avrebbe potuto creare così tanti problemi di regolarità.

Coloro fra voi che posseggono una Smart della prima generazione (quelle da circa 600 di cilindrata o poco più e motore di progettazione Mercedes) sicuramente sapranno che il loro motore è a doppia accensione: tre cilindri, sei candele.
Ebbene, a meno di non effettuare la cosa dal proprio meccanico di fiducia, che vuole tenersi il cliente, sappiano che di norma quando il programma di manutenzione prevede la sostituzione delle candele, una quantità maggioritaria di concessionarie se son loro ad effettuare i tagliandi ne cambiano (guardandosi bene dal comunicarlo all cliente) solo TRE su SEI, perché tre son facili da raggiungere, per arrivare alle altre tre si deve smontare mezza macchina essendo in posizione straordinariamente infelice. Le altre tre... restano come e dov'erano. Ovviamente in fattura risultano...
La MASSIMA parte delle Smart, quando hanno 40-45000 km, vanno perciò in giro con tre candele che fanno scintilla e tre che non ne fanno o ne fanno una del tutto insufficiente per aumento parossistico del gap fra le punte ed imbrattamento progressivo. Ma non restano per strada per questo: peggiora il rendimento e peggiorano abbastanza consumi e qualità delle emissioni, problema di cui l'utente medio tipico Smart (tipicamente ex utente da scooter di scarsa o nulla formazione tecnica) con eccezioni non è in grado di avvedersi.

Un quattro cilindri boxer a doppia accensione mi parrebbe strano desse forfait in quel modo con una candela sporca su otto.
E poi, un motore al limite anche "a tre" va male e rende certo meno, ma non in un modo simile.
Casomai, considerato che il problema si è manifestato in fase di salita e sino a quel momento era andato tutto bene, vien da chiedersi il senso di quel carburatore trovato scollegato.
Il dubbio che possa non essere stato ben bene serrato dopo uno smontaggio per ordinaria pulizia mi viene, però non conosco il modo con cui era connesso al collettore di aspirazione.

E se ci fosse stata una trafilazione d'aria importante all'attacco del carburatore "lento" capace di smagrire troppo la miscela da quel lato? Allora di cilindri che non rendevano ve ne sarebbero stati due... due dello stesso lato, e l'aumento di vibrazioni ecco che ci sta. La gestione dell'avaria da parte del pilota decisamente non molto esperto avrebbe fatto il resto.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: liru

Messaggio da sigmet » 29 giugno 2018, 12:37

Pessima inchiesta.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15559
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: liru

Messaggio da JT8D » 29 giugno 2018, 14:57

Valerio Ricciardi ha scritto:Penso che l'avere omesso nel tentativo di rientro di estendere al massimo i flap aumentando così il drag sia stata una scelta determinante per andare così lungo, "galleggiare" rimbalzando e non riuscire a completare l'atterraggio.

Peraltro, dalle foto associate al report vedo UNA candela su OTTO veramente piuttosto imbrattata, non credo che da sola avrebbe potuto creare così tanti problemi di regolarità.

Coloro fra voi che posseggono una Smart della prima generazione (quelle da circa 600 di cilindrata o poco più e motore di progettazione Mercedes) sicuramente sapranno che il loro motore è a doppia accensione: tre cilindri, sei candele.
Ebbene, a meno di non effettuare la cosa dal proprio meccanico di fiducia, che vuole tenersi il cliente, sappiano che di norma quando il programma di manutenzione prevede la sostituzione delle candele, una quantità maggioritaria di concessionarie se son loro ad effettuare i tagliandi ne cambiano (guardandosi bene dal comunicarlo all cliente) solo TRE su SEI, perché tre son facili da raggiungere, per arrivare alle altre tre si deve smontare mezza macchina essendo in posizione straordinariamente infelice. Le altre tre... restano come e dov'erano. Ovviamente in fattura risultano...
La MASSIMA parte delle Smart, quando hanno 40-45000 km, vanno perciò in giro con tre candele che fanno scintilla e tre che non ne fanno o ne fanno una del tutto insufficiente per aumento parossistico del gap fra le punte ed imbrattamento progressivo. Ma non restano per strada per questo: peggiora il rendimento e peggiorano abbastanza consumi e qualità delle emissioni, problema di cui l'utente medio tipico Smart (tipicamente ex utente da scooter di scarsa o nulla formazione tecnica) con eccezioni non è in grado di avvedersi.

Un quattro cilindri boxer a doppia accensione mi parrebbe strano desse forfait in quel modo con una candela sporca su otto.
E poi, un motore al limite anche "a tre" va male e rende certo meno, ma non in un modo simile.
Casomai, considerato che il problema si è manifestato in fase di salita e sino a quel momento era andato tutto bene, vien da chiedersi il senso di quel carburatore trovato scollegato.
Il dubbio che possa non essere stato ben bene serrato dopo uno smontaggio per ordinaria pulizia mi viene, però non conosco il modo con cui era connesso al collettore di aspirazione.

E se ci fosse stata una trafilazione d'aria importante all'attacco del carburatore "lento" capace di smagrire troppo la miscela da quel lato? Allora di cilindri che non rendevano ve ne sarebbero stati due... due dello stesso lato, e l'aumento di vibrazioni ecco che ci sta. La gestione dell'avaria da parte del pilota decisamente non molto esperto avrebbe fatto il resto.
Certezze non ce ne sono, come vedi dall'inchiesta. Diciamo che la cosa particolare del volo in questione è la notevole permanenza a terra a motore acceso prima del volo incriminato. La permanenza a potenze molto basse a lungo non è consigliata tra le altre cose perché ciò può provocare un imbrattamento delle candele. Dall'immagine, pur se non di qualità elevatissima, concordo che quasi tutte appaiono buone. Poi c'è l'aspetto ghiaccio, la probabilità di formazione era presente, ma non elevata.

Sarebbe stato il caso di esaminare meglio l'aspetto carburatore sinistro, che se connesso male potrebbe sì aver dato problemi come quelli da te descritti.

Tra l'altro, forse era il caso di effettuare una seconda prova motore prima del decollo, visto il tempo passato a terra.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: liru

Messaggio da sigmet » 30 giugno 2018, 22:17

Che un Rotax possa fare ghiaccio con quelle temperature e la manetta aperta la probabilità e' i alla meno 99.. :roll:
La causa probabilmente era un altra ed era molto più' semplice di come si possa pensare ma non ne e' stata fatta menzione..
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4728
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: liru

Messaggio da Valerio Ricciardi » 2 luglio 2018, 6:19

...poi c'è da vedere se il carburante stava arrivando regolarmente da tutti e due i lati... e se era pulito. Rubinetti dimenticati chiusi penso sia impossibile come il ghiaccio, si sarebbe spento a un certo punto nell'attesa.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
alessandro.capotondi
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 250
Iscritto il: 4 novembre 2010, 13:02

Re: liru

Messaggio da alessandro.capotondi » 3 luglio 2018, 16:30

sigmet ha scritto:Che un Rotax possa fare ghiaccio con quelle temperature e la manetta aperta la probabilità e' i alla meno 99.. :roll:
La causa probabilmente era un altra ed era molto più' semplice di come si possa pensare ma non ne e' stata fatta menzione..
Ci lasci con l'amaro in bocca. :D

Di cosa si tratta? Si può scrivere pubblicamente?

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5826
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: liru

Messaggio da sigmet » 4 luglio 2018, 12:35

Diciamo che la spiegazione delle vibrazioni e’ piuttosto approssimativa e ambigua ma genericamente su un aereo come quello le vibrazioni possono essere causate non solo dal motore o dalle superfici aerodinamiche.
Il fattore umano come al solito ci mette il resto..
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Rispondi