incidente in Brasile

Area dedicata alla discussione sugli incidenti e degli inconvenienti aerei e le loro cause. Prima di intervenire in quest'area leggete con attenzione il regolamento specifico riportato nel thread iniziale

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
pm
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 29 giugno 2005, 14:26
Località: bruxelles

incidente in Brasile

Messaggio da pm » 3 ottobre 2006, 16:32

immagino che ne avevate già parlato ma il topic è andato perso. In ogni caso vi copio/incollo un articolo del New York Times. A quanto pare un corrispondente del giornale americano era a bordo del Embraer che (sembra) si sia scontrato con il B738...
SÃO JOSE DOS CAMPOS, Brazil, Oct. 1 — It had been an uneventful, comfortable flight.

With the window shade drawn, I was relaxing in my leather seat aboard a $25 million corporate jet that was flying 37,000 feet above the vast Amazon rainforest. The 7 of us on board the 13-passenger jet were keeping to ourselves.

Without warning, I felt a terrific jolt and heard a loud bang, followed by an eerie silence, save for the hum of the engines.

And then the three words I will never forget. “We’ve been hit,” said Henry Yandle, a fellow passenger standing in the aisle near the cockpit of the Embraer Legacy 600 jet.

“Hit? By what?” I wondered. I lifted the shade. The sky was clear; the sun low in the sky. The rainforest went on forever. But there, at the end of the wing, was a jagged ridge, perhaps a foot high, where the five-foot-tall winglet was supposed to be.


And so began the most harrowing 30 minutes of my life. I would be told time and again in the next few days that nobody ever survives a midair collision. I was lucky to be alive — and only later would I learn that the 155 people aboard the Boeing 737 on a domestic flight that seems to have clipped us were not.

Investigators are still trying to sort out what happened, and how — our smaller jet managed to stay aloft while a 737 that is longer, wider and more than three times as heavy, fell from the sky nose first.

But at 3:59 last Friday afternoon, all I could see, all I knew, was that part of the wing was gone. And it was clear that the situation was worsening in a hurry. The leading edge of the wing was losing rivets, and starting to peel back.

Amazingly, no one panicked. The pilots calmly starting scanning their controls and maps for signs of a nearby airport, or, out their window, a place to come down.

But as the minutes passed, the plane kept losing speed. By now we all knew how bad this was. I wondered how badly ditching — an optimistic term for crashing — was going to hurt.

I thought of my family. There was no point reaching for my cellphone to try a call — there was no signal. And as our hopes sank with the sun, some of us jotted notes to spouses and loved ones and placed them in our wallets, hoping the notes would later be found.

I was focused on a different set of notes when the flight began. I’ve contributed the “On the Road”column for The New York Times business-travel section every week for the last seven years. But I was on the Embraer 600 for a freelance assignment for Business Jet Traveler magazine.

My fellow passengers included executives from Embraer and a charter company called ExcelAire, the new owner of the jet. David Rimmer, the senior vice president of Excel Aire, had invited me to ride home on the jet his company had just taken possession of at Embraer’s headquarters here.

And it had been a nice ride. Minutes before we were hit, I had wandered up to the cockpit to chat with the pilots, who said the plane was flying beautifully. I saw the readout that showed our altitude: 37,000 feet.

I returned to my seat. Minutes later came the strike (it sheared off part of the plane’s tail, too, we later learned).

Immediately afterward, there wasn’t much conversation.

Mr. Rimmer, a large man, was hunched in the aisle in front of me staring out the window at the newly damaged wing.

“How bad is it?” I asked.

He fixed me with a steady look and said, "I don’t know."

I saw the body language of the two pilots. They were like infantrymen working together in a jam, just as they had been trained to do.

For the next 25 minutes, the pilots, Joe Lepore and Jan Paladino, were scanning their instruments, looking for an airport. Nothing turned up.

They sent out a Mayday signal, which was acknowledged by a cargo plane somewhere in the region. There had been no contact with any other plane, and certainly not with a 737 in the same airspace.

Mr. Lepore then spotted a runway through the darkening canopy of trees.

“I can see an airport,” he said.

They tried to contact the control tower at what turned out to be a military base hidden deep in the Amazon. They steered the plane through a big wide sweep to avoid putting too much stress on the wing.

As they approached the runway, they had the first contact with air traffic control.

“We didn’t know how much runway we had or what was on it,” Mr. Paladino would say later that night at the base in the jungle at Cachimbo.

We came down hard and fast. I watched the pilots wrestle the aircraft because so many of their automatic controls were blown. They brought us to a halt with plenty of runway left. We staggered to the exit.

“Nice flying,” I told the pilots as I passed them. Actually, I inserted an unprintable word between “nice” and “flying.”

“Any time,” Mr. Paladino, said with an anxious smile.

Later that night they gave us cold beer and food at the military base. We speculated endlessly about what had caused the impact. A wayward weather balloon? A hot-dogging military fighter jet whose pilot had bailed? An airliner somewhere nearby that had blown up, and rained debris on us?


Whatever the cause, it had become clear that we had been involved in an actual midair crash that none of us should have survived.

In a moment of gallows humor at the dormlike barracks where we were to sleep, I said, “Maybe we are all actually dead, and this is hell — reliving college bull sessions with a can of beer for eternity.”

About 7.30 p.m. Dan Bachmann, an Embraer executive and the only one among us who spoke Portuguese, came to the table in the mess hall with news from the commander’s office. A Boeing 737 with 155 people on board was reported missing right where we had been hit.

Before that moment, we had all been bonding, joking about our close call. We were the Amazon Seven, living now on precious time that no longer belonged to us but somehow we had acquired. We would have a reunion each year and report on how we used our time.

Instead we now bowed our heads in a long moment of silence, with the sound of muffled tears.

Both pilots, experienced corporate jet pilots, were shaken by the ordeal. “If anybody should have gone down it should have been us,” Mr. Lepore, 42, of Bay Shore, N.Y., kept saying.

Mr. Paladino, 34, of Westhampton, N.Y., was barely able to speak. “I’m just trying to settle in with the loss of all those people. It is really starting to hurt,” he said.

Mr. Yandle told them: “You guys are heroes. You saved our lives.” They smiled wanly. It was clear the weight of all this would remain with them forever.

The next day, the base was swarming with Brazilian authorities investigating the accident and directing search operations for the downed 737, which an officer told me lay in an area less than 100 miles south of us that could be reached only by whacking away by hand at dense jungle.

We also got access to our plane, which was being pored over by inspectors. Ralph Michielli, vice president for maintenance at ExcelAire and a fellow passenger on the flight, took me up on a lift to see the damage to the wing near the sheared-off winglet.

A panel near the leading edge of the wing had separated by a foot or more. Dark stains closer to the fuselage showed that fuel had leaked out. Parts of the horizontal stabilizer on the tail had been smashed, and a small chunk was missing off the left elevator.

A Brazilian military inspector standing by surprised me by his willingness to talk, although the conversation was limited by his weak English and my nonexistent Portuguese.

He was speculating on what happened, but this is what he said: Both planes were, inexplicably, at the same altitude in the same space in the sky. The southeast-bound 737 pilots spotted our Legacy 600, which was flying northwest to Manaus, and made a frantic evasive bank. The 737 wing, swooping into the space between our wing and the high tail, clipped us twice, and the bigger plane then went into its death spiral.

It sounded like an impossible situation, the inspector acknowledged. “But I think this happened,” he said. Though no one can say for certain yet how the accident occurred, three other Brazilian officers told me they had been informed that both planes were at the same altitude.

Why did I — the closest passenger to the impact — hear no sound, no roar of a big 737?

I asked Jeirgem Prust, a test pilot for Embraer. This was the following day, when we had been transferred from the base by military aircraft to a police headquarters in Cuiaba. That’s where authorities had laid claim to jurisdiction and where the pilots and passengers of the Legacy 600, including me, would be questioned until dawn by an intense police commander and his translators.

Mr. Prust took out a calculator and tapped away, figuring the time that would be available to hear the roar of a jet coming at another jet, each flying at over 500 miles an hour in opposite directions. He showed me the numbers. “It’s far less than a split second,” he said. We both looked at the pilots slouched on couches across the room.

“These guys and that plane saved our lives,” I said.

“By my calculations,” he agreed.

I later thought that perhaps the pilot of the Brazilian airliner had also saved our lives because of his quick reactions. If only his own passengers could say the same.

At the police headquarters, we were required to write on a sheet of paper our names, addresses, birthdates, occupations and levels of education, plus the names of our parents. We were all also required to submit to an examination by a physician with long hair who wore a white gown that draped almost to his shins. We were required to strip to the waists for photographs front and back.

This, explained the physician, whose name I did not get but who described himself to me as a “forensic doctor,” was to prove that we had not been tortured “in any way.”

Again gallows humor rose despite our attempts to discourage it.

“This guy’s the coroner,” Mr. Yandle explained later, and then added, “I think that means we are actually dead.”

But laughs, such as they were, died out by now as we thought again and again of the bodies still unclaimed in the jungle, and how their lives and ours had intersected, literally and metaphorically, for one horrible split second.
Immagine
"Ladies and Gentlemen, this is your Captain speaking. We have a small problem. All four engines have stopped. We are doing our damnedest to get them going again. I trust you are not in too much distress."

Avatar utente
Dany80
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 909
Iscritto il: 29 luglio 2006, 16:36
Località: Palazzolo sull'Oglio (BS)
Contatta:

Messaggio da Dany80 » 3 ottobre 2006, 18:00

Mah... i danni all'altro aereo fammo pensare a una toccata proprio di striscio...

E quindi ancora una volta sorge il dubbio.... ma e' caduto davvero per quello il 737?
Daniele
<br>
Immagine

Avatar utente
Dany80
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 909
Iscritto il: 29 luglio 2006, 16:36
Località: Palazzolo sull'Oglio (BS)
Contatta:

Messaggio da Dany80 » 3 ottobre 2006, 19:05

Il corriere dice:

Un viaggio d'affari su un piccolo jet privato, un Embraer Legacy 600. Comodamente seduto su una poltrona di pelle a 10mila di quota sopra l'Amazzonia. Cielo sgombro di nubi, tanto sole. Joe Sharkey, collaboratore di lunga data del New York Times, abbassa la tendina e si appresta a schiacciare un pisolino. Poi un colpo, forte, dalla zona
posteriore del velivolo.

Un incubo che si materializza. «Siamo stati colpiti» dice il suo compagno di viaggio. Ma da cosa? Come? Qui, a 10mila metri? Sharkey alza la tendina e guarda l'ala del piccolo aereo : è piegata, ne manca un pezzo.
È questo il tono della testimonianza del giornalista sopravvissuto, insieme a tutti i viaggiatori del piccolo jet, dopo la collisione.

Seguono «i 30 minuti più atroci» della sua vita, impiegati a cercare una striscia di terra in piena giungla per portare a terra il piccolo aereo. La troveranno, in un aereoporto militare, dove apprenderanno solo molte ore dopo l'origine del colpo: la collisione probabile, (le indagini sono ancora in corso ma che di collisione si tratti non c'è alcun dubbio) con un Boeing 737-800 con 155 persone a bordo, che dallo scontro ha iniziato una caduta verticale fino allo schianto a terra.

Tutti morti. Il collaboratore del quotidiano americano racconta poi il dolore di quando, ore dopo, ha saputo che in seguito alla collisione il Boeing della Gol era scomparso dagli schermi radar. «Ho pensato che il pilota dell'aereo brasiliano ci aveva salvato la vita con la sua prontezza di riflessi - scrive Sharkey - Se solo i suoi passeggeri potessero dire la stessa cosa».
(corriere.it)
Daniele
<br>
Immagine

Avatar utente
Dany80
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 909
Iscritto il: 29 luglio 2006, 16:36
Località: Palazzolo sull'Oglio (BS)
Contatta:

Messaggio da Dany80 » 3 ottobre 2006, 19:07

Sorgono pero' alcuni dubbi:

1) come hanno fatto a non accorgersi di essere finiti contro un 737-800 che di certo non e' un deltaplano.

2) Cosa e' successo al 737? L'articolo dice "CADUTA VERTICALE" oddio... mi pare una cosa improbabile... ma cosa hanno danneggiato nel 737 senza danneggiare irrimediabilmente un Legacy?

Molte cose sono spaventosamente oscure...
Daniele
<br>
Immagine

Avatar utente
Lelebus
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 429
Iscritto il: 23 febbraio 2005, 21:10
Località: Bergamo...de sùra (LIME)
Contatta:

Messaggio da Lelebus » 3 ottobre 2006, 22:01

E' assurdo, è come se un 500 si strisciasse con un un tir e la peggio l'avesse quest'ultimo!!!!Assurdo, assurdo, assurdo
http://www.corobatcongedati.it
http://www.ilbepi.com => "w il coston beach e tote i fretuline dela al, con o senza fil interdental in dol ....."BEEP".......

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Messaggio da Aldus » 3 ottobre 2006, 23:15

Anch'io non ci capisco niente. :roll:
Osservando i danni riportati nella foto non c'è l'aria di una collisione "catastrofica". Sono state asportate le parti esterne dell'ala (della winglet) e di un'impennaggio, ma a parte questi lievi danni il Legacy non mostra segni tremendi di una collisione così "pesante" da abbattere letteralmente un'aereo di stazza nettamente superiore.
Il problema semmai è: "il Legacy ha colpito qualcosa del B737. Cosa avrà mai colpito di così fatale?" :roll: :roll:
Credo che a questa domanda sia doveroso l'intervento di qualche nostro pilota e manutentore, al quale, se mi permettete, rivolgerei queste due domande:
1- Se l'executive avesso colpito un motore del 737 (mettendolo fuori uso), può bastare questo particolare a rendere ingovernabile e far precipitare un B737NG?
2- Oppure, ipotizzando un'impatto sul bordo di attacco di una semiala del B737NG, è possibile che un executive classe Legacy possa arrivare a TRANCIARE la semiala di un B737NG? Osservando i lievi danni del Legacy sembra più una piccola "strisciata", che non una vera e propria collisione.

Queste sono le uniche domande che mi vengono in mente, e che "teoricamente" potrebbero portare ad un'incidente catastrofico di un B737. Altre ipotesi modestamente non riesco a trovarle, ed è per questo che invito i nostri piloti e manutentori a darci un loro parere.
Va da sè che è solo un parere, NON un'investigazione certa sulle cause dell'incidente di cui sapremmo qualcosa nei mesi a venire. :(

Avatar utente
pippo682
FL 450
FL 450
Messaggi: 4572
Iscritto il: 21 ottobre 2005, 16:25
Località: Padova (LIPU)
Contatta:

Messaggio da pippo682 » 4 ottobre 2006, 8:40

E se, in qualche modo, avesse preso la cabina di pilotaggio? Questo giustificherebbe anche la mancanza di comunicazioni (almeno, non ho sentito dire che avessero dichiarato emergenza)

Avatar utente
Skycruiser
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 350
Iscritto il: 3 novembre 2005, 8:35
Località: Bassano Del Grappa

Messaggio da Skycruiser » 4 ottobre 2006, 9:03

Scusate, io ho un altro dubbio:ma in teoria i due aerei (che sono tutti e due di ultima generazione) non sono equippaggiati con sistema TCAS? Come è possibile che nessuno dei due non si sia accorto che un altro aereo gli stava finendo addosso? Anche perchè dal racconto non si parla di virate improvvise e brusche come per schivare qualcosa e poi di un botto..si parla di botto improvviso e basta..
Immagine

Avatar utente
pm
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 29 giugno 2005, 14:26
Località: bruxelles

Messaggio da pm » 4 ottobre 2006, 9:20

bah, anch'io da ignorante ho dei dubbi...a meno che l'Embraer sia stato colpito da detriti del 737 già in caduta...effettivamente, a pensare, come è possibile che un piccolo aereo come quello vada addosso a un 737-800, lo faccia cadere, riportando solo pochi danni....solo lo spostamento d'aria che provoca un 737 lanciato a quasi 900 km/h dovrebbe causare non pochi problemi ad un Embraer se lo sfiora...
"Ladies and Gentlemen, this is your Captain speaking. We have a small problem. All four engines have stopped. We are doing our damnedest to get them going again. I trust you are not in too much distress."

Avatar utente
coach
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 343
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 18:18
Località: firenze

Messaggio da coach » 4 ottobre 2006, 9:21

Skycruiser ha scritto:Scusate, io ho un altro dubbio:ma in teoria i due aerei (che sono tutti e due di ultima generazione) non sono equippaggiati con sistema TCAS? Come è possibile che nessuno dei due non si sia accorto che un altro aereo gli stava finendo addosso? Anche perchè dal racconto non si parla di virate improvvise e brusche come per schivare qualcosa e poi di un botto..si parla di botto improvviso e basta..




pienamente daccordo.e poi un'altra domanda.i voli sull'amazzonia non sono "controllati" da alcun atc?
altrimenti si e' creata una serie incredibile di eventi disastrosi (il controllore di volo?,i due tcas?,il legacy colpisce di striscio una parte del 737 facendolo precipitare immediatamente senza che i piloti facciano in tempo ad avvisare).insomma,un destino fatalmente drammatico :cry:
"....non dar retta ai tuoi occhi e non credere a quello che vedi.gli occhi vedono solo cio' che e' limitato.guarda col tuo intelletto e scopri quello che conosci gia'.allora imparerai come si vola".
R.Bach il gabbiano jonathan livingston

Avatar utente
Challenger3
FL 150
FL 150
Messaggi: 1921
Iscritto il: 11 agosto 2006, 12:26
Località: ZSSS

Messaggio da Challenger3 » 4 ottobre 2006, 14:59

L'Embraer Legacy molto probabilmente volava con TCAS guasto o spento :(

Avatar utente
pm
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 29 giugno 2005, 14:26
Località: bruxelles

Messaggio da pm » 4 ottobre 2006, 15:12

ok ma come è possibile che un aereo di 35x42 metri dal peso di una settantina di tonnellate non provochi danni fatali se sfiora e (appunto) tocca un velivolo di 26X21 e pesante circa 20 ton? Credo che solo lo spostamento d'aria del 737-800 possa mandare a "gambe all'aria" un velivolo grande la metà. Mi sbaglio?
"Ladies and Gentlemen, this is your Captain speaking. We have a small problem. All four engines have stopped. We are doing our damnedest to get them going again. I trust you are not in too much distress."

Avatar utente
I-FORD
B777 Captain
B777 Captain
Messaggi: 547
Iscritto il: 11 luglio 2006, 1:43

Messaggio da I-FORD » 4 ottobre 2006, 19:22

I due velivoli si sono toccati ad una velocità relativa di circa 1600 km/h.
Se ci si ricorda qualcosa di fisica, l'energia cinetica sviluppata dalla winglet del Legacy è più che sufficente ad aprire in due qualunque velivolo quindi anche un B737.
Dovrebbe grosso modo equivalere a quella di un proiettile di artiglieria di pari peso (qualche kilo), il composito è leggero, ma preso nella direzione giusta anche molto resistente.
L'eventuale ingresso in scia da parte del Legacy sarebbe stato di durata talmente breve da risultare giusto in un sobbalzo, come ho letto nell'articolo del NY Times che si trova qui:
articolo NY Times
Le winglets, di solito, sono costruite in maniera da potersi staccare dalle ali con forze molto più basse di quelle occorrenti a rompere l'ala stessa, questo è stato probabilmente il motivo per cui il Legacy è sopravvissuto all'urto.
La dinamica dell'evento non è ancora stata chiarita, così come le cause.
La zona non ha una buona copertura radar, anche le comunicazioni radio sono difficoltose, i due velivoli si trovavano alla stessa quota ed i due centri di controllo che li gestivano non si sono scambiati l'informazione.
Da piano di volo il Legacy avrebbe dovuto scendere a FL360 dopo il punto sul quale era passato da qualche minuto, ma probabilmente non era ancora riuscito a contattare l'ATC per l'autorizzazione relativa (o forse si erano dimenticati di chiamare).
Il TCAS, a detta dei piloti del Legacy, non ha dato alcun avviso, l'aereo era nuovo di fabbrica nel volo di delivery, può essere che ci sia stato un malfunzionamento oppure che non funzionasse il transponder.
Stesso dicasi per il B737, per funzionare i TCAS necessitano di due transponder attivi e di due TCAS che "colloquiano".
Quanto sopra deriva dagli articoli che ho letto, da informazioni ricevute tramite un forum internazionale e da mie personali congetture, quindi suscettibili di errore (a parte l'energia cinetica che è un dato fisico inoppugnabile)

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15714
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Messaggio da JT8D » 4 ottobre 2006, 21:02

Concordo pienamente con tutti i dubbi da voi espressi. E' un incidente veramente strano. Speriamo di poterne sapere di più !!

Un salutone
Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Boeing Triple Seven
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 171
Iscritto il: 27 luglio 2005, 15:28
Località: Corato - Bari
Contatta:

Messaggio da Boeing Triple Seven » 4 ottobre 2006, 21:21

Salve,
ma scusate come è possibile, a prescindere dai TCAS o dall'ATC, che i due non si siano visti?! Insomma... parlo di vista come senso proprio umano!
Pasquale

Immagine
Vola solo chi osa farlo

premnas
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 agosto 2006, 22:07

Messaggio da premnas » 4 ottobre 2006, 22:19

Da http://www.estadao.com.br:
"Os peritos da Aeronáutica não têm dúvidas de que o jato Legacy enganou os controladores de vôo do Cindacta 1, em Brasília, e provocou a maior tragédia da aviação civil do País: a queda de um Boeing da Gol, na sexta-feira, que matou 155 pessoas. Todas as informações da Aeronáutica mostram que os pilotos americanos do Legacy voaram com o transponder desligado - aparelho que identifica o avião no radar e integra o sistema de alerta anticolisão, impedindo que os controladores de vôo vissem os dois aviões na mesma rota e evitassem a colisão."
In soldoni il Legacy viaggiava con il transponder spento.

Avatar utente
Galaxy
FL 400
FL 400
Messaggi: 4448
Iscritto il: 9 maggio 2005, 21:38
Località: Torino

Messaggio da Galaxy » 4 ottobre 2006, 22:44

Comportamento criminale, se questa notizia è vera :roll: :(
Federico
Immagine
Immagine

rob59
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 33
Iscritto il: 15 luglio 2006, 22:48

Messaggio da rob59 » 4 ottobre 2006, 22:48

Aldus ha scritto:Osservando i danni riportati nella foto non c'è l'aria di una collisione "catastrofica". Sono state asportate le parti esterne dell'ala (della winglet) e di un'impennaggio, ma a parte questi lievi danni il Legacy non mostra segni tremendi di una collisione così "pesante" da abbattere letteralmente un'aereo di stazza nettamente superiore.
:(
A me viene in mente l'incidente di New York all' Airbus 300 American Airlines (12/11/2001): in quel caso sembra che le deflessioni troppo ampie del timone (probabilmente per correggere una turbolenza di scia) abbiano provocato il distacco dello stabilizzatore verticale. Non potrebbe essere che la rottura strutturale catastrofica al B737 sia stata causata, più che dal modesto impatto, dal tentativo di un'estrema manovra per evitare il Legacy all'ultimo secondo ?
Cosa ne pensate ?

Avatar utente
I-FORD
B777 Captain
B777 Captain
Messaggi: 547
Iscritto il: 11 luglio 2006, 1:43

Messaggio da I-FORD » 4 ottobre 2006, 23:02

Ho letto un lancio della Reuters che riporta la stessa accusa ai piloti del Legacy.
L'accusa viene mossa da Carlos Pereira, capo della Airport Authority Brasiliana.
Lo stesso ente che verrebbe messo sotto torchio se si dimostrasse che l'incidente avesse tra le sue cause il mancato coordinamento tra i due centri di controllo coinvolti, le difficoltà di comunicazione radio e di sorveglianza radar nella zona.
Questa accusa tra l'altro viene mossa prima che siano stati letti i recorders del Legacy e rinvenuti quelli del B737, contrariamente a qualsiasi buona norma di comportamento in caso di investigazione su incidente aeronautico.
Il fatto che il transponder potesse mal funzionare non viene neanche preso in considerazione (del resto l'aereo era appena uscito dalla fabbrica... brasiliana).
La cosa mi puzza tanto di ricerca di capro espiatorio.
Non mi piacerebba proprio essere nei panni dei due piloti sopravvissuti a questo tragico incidente, considerate anche le caratteristiche del sistema giudiziario, poliziesco e politico in Brasile.

Avatar utente
digit
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 171
Iscritto il: 5 dicembre 2005, 13:55
Località: Pretoria - South Africa
Contatta:

Messaggio da digit » 5 ottobre 2006, 2:31

E se fosse stato qualcos'altro che ha colpito sia il 737 che il Legacy?
SA-CAA PPL in progress

FAGC Grand Central Airport - Midrand - South Africa

davierosoft
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 550
Iscritto il: 3 agosto 2005, 12:13
Località: Chieti N42°21.07 E14°11.71
Contatta:

Messaggio da davierosoft » 6 ottobre 2006, 13:34

Beh io non azzarderei complotti o altri velivoli misteriosi... una collisione, dovuta a disattenzioni, imprudenze e apparati (TCAS) spenti o inoperativi da parte dell'uno o dell'altro o di entrambi...
La cosa che mi ha scioccato è che dalle immagini si vede tutta l'area delle ali e vano carrelli del 737 intatti, capovolti, come se si fosse adagiato li in verticale e capovolto...

Avatar utente
Boeing Triple Seven
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 171
Iscritto il: 27 luglio 2005, 15:28
Località: Corato - Bari
Contatta:

Messaggio da Boeing Triple Seven » 6 ottobre 2006, 17:41

Ciao,
dove si vede la foto?
Pasquale

Immagine
Vola solo chi osa farlo

davierosoft
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 550
Iscritto il: 3 agosto 2005, 12:13
Località: Chieti N42°21.07 E14°11.71
Contatta:

Messaggio da davierosoft » 7 ottobre 2006, 0:54

Dell'emb. qui in questa pagina, invece del 737 ho visto un filmato in TV, erano le prime immagini...

Avatar utente
wing05
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1171
Iscritto il: 2 ottobre 2005, 18:50
Località: LIDT

Anche un italiano tra le vittime

Messaggio da wing05 » 8 ottobre 2006, 8:57

C'era un Trentino a bordo del 737 precipitato in Amazzonia, lo riportano oggi i giornali ritornati in edicola dopo lo sciopero.
I-SMTN. Mauro

Immagine
Cerca sempre di mantenere uguale il numero degli atterraggi che fai, rispetto ai decolli

Avatar utente
FUTUROPILOTA
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 139
Iscritto il: 31 agosto 2006, 10:30
Località: Bergamo

Messaggio da FUTUROPILOTA » 9 ottobre 2006, 9:48

.
L'Embraer Legacy molto probabilmente volava con TCAS guasto o spento
_________________
come fa un vola di linea a non cimunicare un guasto al TCAS? e' possibile che un jet voli con il sistema spento? io non riesco a capire
Enrico Baldassari

Una volta la mia ragazza mi chiese "Ma perchè ti piacciono tanto gli aerei?" "Perchè volano" le risposi.

davierosoft
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 550
Iscritto il: 3 agosto 2005, 12:13
Località: Chieti N42°21.07 E14°11.71
Contatta:

Messaggio da davierosoft » 9 ottobre 2006, 11:14

Non è necessario comunicarlo, magari era in avaria prima della partenza... solo che a FL370 si è nella RVSM area... un TCAS inoperativo è contemplato dalle MEL, però per operare in RVSM bisogna avere comunque il trnsponder con la funzionalità di altitude reporting (C o superiori) funzionante e possibilmente acceso...
Quindi qui le cose sono 2... o nessuno dei 2 aveva il TCAS acceso o uno dei 2 o entrambi avevano il transponder andato... Se fosse così vorrebbe dire che la colpa comunque è dei piloti che con un'avaria che ti porta limitazioni hanno volato in una zona non ammissibile.
Altra possibilità potrebbero essere gli altimetri sfallati su uno dei 2 aerei... magari il TCAS non ha segnalato nulla di anomalo perchè mentre comunicavano gli altimetri erano sfasati tra aereo e aereo...
Difficile a dirsi comunque... bisogna attendere le indagini, queste sono tutte ipotesi
Poi per me è pure difficile che si siano presi quasi frontalmente e che poi lo spezzone di ala del 737 possa aver colpito anche lo stabilizzatore dello stesso...

Mirrk
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 135
Iscritto il: 16 ottobre 2005, 23:22

Messaggio da Mirrk » 12 ottobre 2006, 0:08

Basta che la winglet del Legacy si sia "infilata" o abbia sfondato i piani di profondità del 737 causando una perdita di controllo.Può essere benissimo andata così.A quella velocità un pezzo di metallo grande come una winglet e un pezzo di tip alare che finiscono contro il timone o contro i trim sono come missili...Con i piani di profondità out il 737 potrebbe essere entrato in una picchiata quasi verticale,un po' come l'80 Alaska.

Tra l'altro,non so se avete notato dalle foto,ma il carrello sinistro del 737 è correttamente estratto in posizione down......... :roll:

davierosoft
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 550
Iscritto il: 3 agosto 2005, 12:13
Località: Chieti N42°21.07 E14°11.71
Contatta:

Messaggio da davierosoft » 12 ottobre 2006, 8:59

quasi estratto.... potrebbe indicare che i piloti abbiano cercato di atterrare oppure potrebbe essere stto l'urto con il suolo a farlo uscire così.
La winglet è in compositi ;) anche se sicuramente a soli 900 all'ora diventa comunque un'arma! Per me non si sono presi frontalmente, dai danni potrebbe anche essere che l'emb abbia potuto incrociare il 737 (ciò renderebbe un po + plausibile il fatto che on si fossero visti), l'emb passa dietro il 737 e non colpisce nemmeno le ali, per un soffio!passa per un attimo nella scia, poi colpisce con la tip la parte inferiore della fusoliera dove ci sono tutti i cavi dello stab e dei piani di coda... la tip dello stab dell'emb invece colpisce il cono di scarico dell'apu o la tip dell'equilibratore del 737... certo che è solo un esempio, giustifica il sussulto che si è preso il giornalista a bordo...
Immagine

Mirrk
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 135
Iscritto il: 16 ottobre 2005, 23:22

Messaggio da Mirrk » 15 ottobre 2006, 12:40

Si credo che potrebbe averlo preso proprio lì.Concordo con la tua analisi.
:wink:

davierosoft
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 550
Iscritto il: 3 agosto 2005, 12:13
Località: Chieti N42°21.07 E14°11.71
Contatta:

Messaggio da davierosoft » 15 ottobre 2006, 12:58

Più che analisi è un'ipotesi... ce ne sarebbero tante altre valide... ;)

voeller
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 20
Iscritto il: 7 novembre 2007, 21:58
Località: Formia

Re: incidente in Brasile

Messaggio da voeller » 24 settembre 2008, 22:21

chiedo a tutti gli appassionati lettori di questo forum di completare, se possibile alla luce delle eventuali risultanze delle investigazioni, il topic. Per questo incidente aereo immaginò si sarà arrivati a delle conclusioni ufficiali.

Avatar utente
maxago
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 214
Iscritto il: 22 aprile 2008, 17:44
Località: Milano

Re: incidente in Brasile

Messaggio da maxago » 26 settembre 2008, 17:04

Ho cercato un pò di informazioni in internet, in quanto sono interessato particolarmente a questo incidente.

Sembra che le conclusioni complete sulle cause reali della collisione debbano ancora venire, su Aviation safety è riportato questo:
http://aviation-safety.net/database/rec ... -0&lang=en

...Both the GOL Boeing 737 and the Legacy were now on a head on collision course on airway UZ6 at the same altitude. Because the transponder of N600XL was not functioning properly -for as of yet undetermined reasons- the TCAS equipment on both planes did not alert the crews. At FL370, over the remote Amazon jungle, both aircraft collided.
Entrambi gli aerei volavano sulla stessa rotta alla stessa quota in direzioni opposte. Sembra che il pilota del Legacy volasse a quella quota, anche se il piano di volo riportava una quota diversa per quella tratta, forse perchè aveva interpretato male una comunicazione ricevuta dal controllo aereo dell' aeroporto di partenza.
Sembra accertato anche che al momento dell' incidente il trasponder del Legacy fosse spento, ma le cause di questo temporaneo spegnimento non sono state ancora accertate.
Inoltre il luogo dell' incidente non aveva una buona copertura radar.

In questa pagina tratta dal sito del CENIPA (Centro de Investigação e Prevenção de Acidentes Aeronáuticos) incaricato di raccogliere le informazioni sull' incidente, si presenta ai familiari delle vittime lo stato delle indagini.
http://www.cenipa.aer.mil.br/noticias/a ... 82008b.htm

In questo articolo di luglio si dice che la giustizia americana (corte federale di New York) ha giudicato il caso non di pertinenza degli USA e che che il processo intentato dai famigliari delle vittime si dovrà tenere in Brasile.
http://g1.globo.com/Noticias/Brasil/0,, ... RASIL.html
Max

Avatar utente
maxago
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 214
Iscritto il: 22 aprile 2008, 17:44
Località: Milano

Re: incidente in Brasile

Messaggio da maxago » 1 ottobre 2008, 18:37

Aggiungo alcuni link utili a interpretare la dinamica dell' incidente:

La relazione preliminare del CENIPA:
http://aerominas.blogspot.com/2006/11/r ... -1907.html

La stessa relazione in formato presentazione con diagrammi delle rotte e fotografie del luogo dell' impatto.
http://www.slideshare.net/gilfil/relato ... -gol-1907/

Pagina di wikipedia in inglese (c'è anche in portoghese)
http://en.wikipedia.org/wiki/Gol_Flight_1907

In un altro articolo ho letto che serviranno ancora diversi mesi per ottenere la relazione conclusiva del CENIPA sull' incidente.
Se qualcuno ha bisogno di tradurre qualche frase dal portoghese per capirne meglio il significato posso farlo io.
Ciao
Max

Rispondi