Trasporti Aerei Mediterranei: chi la conosce?

Area dedicata all'Aviazione Storica. Aerei vintage, vecchie Compagnie e imprese del passato

Moderatore: Staff md80.it


transadriatica
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 128
Iscritto il: 7 aprile 2010, 11:41

Re: Trasporti Aerei Mediterranei: chi la conosce?

Messaggio da transadriatica » 8 aprile 2010, 23:26

Bellissimo! Di foto dei G.24 della Transadriatica ce ne sono in giro ben poche: un filmato è una vera chicca!
Grazie della segnalazione.
Michele

Avatar utente
I-SNAP
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 32
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 22:08
Località: Varedo (MB)

Re: Trasporti Aerei Mediterranei: chi la conosce?

Messaggio da I-SNAP » 11 novembre 2011, 15:21

transadriatica ha scritto:Ecco I-SATC, da una cartolina pubblicitaria FIAT: veniva usato per la distribuzione di ricambi urgenti.
I-SATC era un Mk.21, c/n 12791, immatricolato G-AIMA il 3 dicembre 1946 (ma il certificato di navigabilità è del 31 gennaio 1949: un errore in una delle due date?). Di proprietà statale fino al 1955, fu venduto alla Eagle Aircraft Services il 19 settembre 1956 e da questa messo in vendita a £ 35.000. Venduto in Germania e immatricolato D-AHOI per essere usato dalla LTU; immatricolazione poi cambiata in G-BODO fino al 27 marzo 1961, quando tornò in Gran Bretagna, ridiventando G-AIMA. Rivenduto alla Avions Fairey di Gosselies come OO-ABC nell'aprile 1962 e reimmatricolato OO-FAG in maggio. Infine il 2 agosto 1965 fu venduto alla SATT. Venne radiato nel corso del 1966.

Michele
Quindi venne usato dalla FIAT solamente per un anno circa? Sarebbe interessante ricavarci un modello "ad hoc", ma al momento l'unica base che mi viene in mente e che potrebbe fare da base di partenza è l'Airfix in scala 1/72, che però è un Superfreighter Mk32... :oops:

transadriatica
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 128
Iscritto il: 7 aprile 2010, 11:41

Re: Trasporti Aerei Mediterranei: chi la conosce?

Messaggio da transadriatica » 24 agosto 2012, 22:30

Tornando alla TAM: qui http://www.gavs.it/rci.php se cercate la matricola VALH, trovate una foto del Consul. E sempre nel registro civile italiano del sito GAVS, forse c'è un altro aereo della flotta TAM: I-VALE, uno Stinson L.1. Chi mi ha dato le foto, fatte all'Urbe nel 1958/9, dietro aveva annotato la colorazione degli aerei e sia I-VALH che I-VALE erano avorio con trim azzurri: può essere una coincidenza, ma insieme alla registrazione mi fanno pensare che anche I-VALE fosse appunto della TAM.

Se andando a vedere queste due matricole vi vien voglia di esplorare un po' il Registro Civile Italiano, mi saranno graditi i vostri commenti, in particolare su errori ed omissioni, che potete segnalare direttamente usando la funzione presente su tutte le schermate di output. I dati riepilogativi mostrano chiaramente che mentre siamo riusciti a raccogliere più di 11000 matricole, le foto sono ancora poche, meno di mille. Quindi se avete foto di aerei civili con registrazione italiana e me le fate avere saremo ben lieti di postarle nel database, ovviamente dando i credits dell'immagine. Nella parte bassa della scheda ci sono due tab che lanciano ricerche della matricola in questione in due grandi database di foto di aerei: ovviamente per quelli più antichi non trovano nulla ma per quelli degli ultimi 30/40 anni (ma ogni tanto c'è qualche bella sorpresa anche su cose più antiche) potrete trovare numerose foto.
Michele

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4839
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Trasporti Aerei Mediterranei: chi la conosce?

Messaggio da sardinian aviator » 18 aprile 2018, 17:48

transadriatica ha scritto:
i-daxi ha scritto:The last known surviving Miles M.57 Aerovan was a Mk 6 operating in Italy in 1968.
Questa informazione, di cui mi piacerebbe conscere la fonte, ha un riscontro in quanto scritto nel libro "Miles aircraft since 1925", edito da Putnam e scritto da Don Brown, un dipendente della Miles e a lungo assitente personale di F.G. Miles. Il Mk.VI in questione, uno dei due costruiti in questa variante, era nato come G-AKHF, c/n 6399, con primo volo il 17 ottobre 1947 e ricevette il certificato di navigabilità il 24 gennaio 1948. Venne immatricolato I-VALK il 13 aprile 1954 e "was still there in 1968". Purtroppo non ci è detto in quale parte d'Italia fosse il "there". Dalla construction list dell'Aerovan pubblicata in appendice allo stesso libro, vedo che I-VALK era il terzo Aerovan immatricolato in Italia: era stato preceduto dal c/n 6386, un Mk.III, nato come G-AIIG ol 23 gennaio 1947, divenuto I-VALF nell'ottobre 1953 e distrutto da un ciclone in Turchia il 7 aprile 1956. L'altro era stato il Mk. IV c/n 6413, nato come G-AJZG nell'agosto 1947, divenuto I-VALT in gennaio 1954 e distrutto il 28 maggio dello stesso anno. La tipologia dell'immatricolazione italiana mi fa ritenere che anche I-VALK e I-VALT fossero della compagnia Trasporti Aerei Mediterranei.
Michele

Riprendo questo vecchissimo thread perché ho appena trovato un sito russo http://aviadejavu.ru/Site/Crafts/Craft28099.htm che cita espressamente i tre Miles Aerovan come appartenenti alla Trasporti Aerei Mediterranei. Della società però non si sa più nulla.

"Di proprietà di Transporti Aerei Mediterranei, I-VALK (ritenuto ex-G-AKHF) ha motori Lycoming e vari "mod" insoliti. tra cui alettature più profonde della placca terminale, trasparenze del naso rivisitate e bracci di irrorazione sul retro delle ruote principali. I-VALK e I-VALF vengono utilizzati anche per il lavoro di indagine fotografica." (la traduzione italiana è di Google)
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Rispondi