LAI

Area dedicata all'Aviazione Storica. Aerei vintage, vecchie Compagnie e imprese del passato

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

LAI

Messaggio da a.meneghini » 23 dicembre 2010, 15:33

Allego l'inserto fatto dalla TWA nel 1950 in occasione del primo collegamento New-York-Roma da parte della LAI.
Allegati
1950 LAI Volo inaugurale.jpg

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 23 dicembre 2010, 15:51

GRANDE!
Sulla LAI ci vorrebbe un 3d apposito, per troppo tempo la sua vera storia (e gloria) è stata occultata dai vincitori (che la scrivono, anche).
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 23 dicembre 2010, 19:49

Se avessero solo potuto metterlo in linea forse le cose cambiavano. Chissà?
Alessandro
Allegati
L-1049A LAI pub.jpg
L-1049A Burbank.jpg

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 24 dicembre 2010, 9:36

concordo pienamente sul 3d sulla lai.

una compagnia aerea gloriosa e presto dimenticata, tra l altro sul mercato libri e pubblicazioni specifici non ne ho mai trovati, se ne parla nel contetso generale dell aviazione civile italiana soltanto.
nella fusione con alitalia "ufficialmente" non vi furono ne vincitori ne vinti, la nuova compagnia si chiamava alitalia linee aere italiane, ma nella realtà delle cose non fu cosi.

la lai credo che pago la sfortuna di aver subito nell ultimo anno della sua vita vari incidenti in breve tempo, per cui fu preferito lasciarla "morire", l alitalia godeva della nomea che nei propri incidenti aerei la gente "si salvava con più probabilità rispetto alla lai??" (fonte giuseppe d'avanzo se non ricordo male, deregulation la parabola del trasporto aereo italiano, scusate ma non ho il libro sottomano vado a memoria).

bisogna dare atto che la lai era una compagnia all'avanguardia nel panorama italiano, aveva aerei americani cosa che non poteva fare l alitalia nei primi anni visto il vincolo imposto dall'azionista inglese, la lai aveva le prime hostess e vi era nella società un aria hollyvodiana cosa che non compariva in alitalia dove vi era un aria di monastero di clausura.

le scelte tecniche della lai erano ottime costellation e viscount alla fine, l alitalia se li trovo in compagnia grazie all acquisto effettuto dalla concorrente.

fabrizio
Ultima modifica di fabrizio66 il 24 dicembre 2010, 9:56, modificato 1 volta in totale.

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 24 dicembre 2010, 9:43

dimentico:

ho una mia cliente arzilla vecchietta di 79/80 anni che da giovane faceva l hostess nella lai, ho provato a farmi raccontare aneddoti od altre cose ma non ci sta tanto di testa.....

se capitate a fregene d'estate c'è un posteggiatore abusivo (personaggio degno di un film di verdone) che indossa un vecchio cappello con visiera della lai (condizioni dello stesso pessime).

per tornare alla lai e facendo un paragone con oggi, le cose non sono molto cambiate, gia in quegli anni l italia non poteva permettersi una doppia compagnia aerea nazionale, per questo furono alla fine fuse fra di loro, ricorda un po quanto avvenuto con alitalia air one.

fabrizio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 24 dicembre 2010, 21:16

Possiamo dire che gli incidenti (il DC6B a Orly nel Novembre del 1956 e quello del Monte Giner il 22 Dicembre) accellerarono le pressioni politiche verso la fusione. Considerare la validità di un'unica compagnia di bandiera o di più compagnie, comporterebbe un discorso scarsamente produttivo. Bisogna pensare che (anche a quell'epoca) la lotta decisiva si svolse non tanto sul piano tecnico quanto su quello politico. Le proposte di fusione fatte alla Camera furono respinte due volte ma la decisione finale era in mano all'IRI ed al Ministero delle Finanze. Un "aiutino" arrivo' anche dalla caduta del governo Segni sostituito da quello presieduto da Adone Zoli ex presidente lell'Aerea Teseo che era fautore dell unificazione. Il Gen.Gallo dopo 10 anni di lavoro venne "messo da parte" perche personaggio scomodo ed il problema del capitale straniero della LAI ( 1.650 Milioni della TWA pari al 30% del capitale) fu superato permettendo alla stessa TWA di riprendersi il capitale investito. LK'annuncio dell'unificazione arrivo' sui giornali l'11 Agosto 1957 quando ministri, parlamentari, , burocrati e persone che "contavano", si stavano godendo le meritate vacanze.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 25 dicembre 2010, 20:35

Ragazzi, vi ringrazio di questi commenti. Purtroppo mi trovo all'estero e non ho la possibilità di accedere ad altre fonti che la mia memoria.
Vi posso solo dire che vi fu una sorta di conventio ad excludendum perfino sulla memoria. Mio padre era un Lai dal 1948 transitato in Alitalia nel 1957 e mi raccontava di pressioni perchè non si parlasse del passato. La stampa venne copiosamente incentivata a parlare solo di AZ (sconti clamorosi ai giornalisti quasi fino ai nostri giorni).
La storia la scrivono i vincitori e della LAI si perse preso la memoria.
Per questo vi ringrazio.
Appena torno posterò qualcosa di più.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 27 dicembre 2010, 14:37

allego foto della sede di new york della lai,

qualcuno ha notizie in merito ad un interessamento della lai per il boeing 707?

per sardinian aviator sbrigati a tornare perchè credo che siamo tutti curiosi di avere altre news :D
Allegati
lai.jpg
lai.jpg (11.71 KiB) Visto 18881 volte

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 27 dicembre 2010, 19:29

fabrizio66 ha scritto:allego foto della sede di new york della lai,

qualcuno ha notizie in merito ad un interessamento della lai per il boeing 707?

per sardinian aviator sbrigati a tornare perchè credo che siamo tutti curiosi di avere altre news :D

Lasciatemi godere ancora un pò dei piaceri della famiglia allargata ( e di ostriche e vin blanc) :D
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 27 dicembre 2010, 20:36

Dai documenti in mio possesso, la LAI ha iniziato a considerare il rinnovo della flotta alla fine del 1948 considerando 4 macchine: G218 FIAT,, Quadrimotore soprannominato "Concorso" con 4900HP a 2285 m , il DC6 ed un bimotore della Direzione Generale Aviazione Civile con una potenza di 3110HP a 7.100m.
Nezl 1949 fu emesso un documento "Analisi d'Impiego dei velivoli Douglas DC6 mod. 1160 e Lockheed Constellation 749A sulla rotta del Nord Atlantico.
Nel 1952, fu iniziata un'altra analisi conclusa con una previsione di costo per acquisto di 4 nuovi velivoli nel 1955. I modelli erano: Britannia 300LE, Douglas DC7C, Lockheed 1649 e Douglas DC6B.
Nello stesso anno iniziava anche l'analisi per i velivoli che dovevano coprire l'Europa ed il bacino del Mediterraneo. L'analisi qui riguardava la determinazione delle caratteristiche economiche del Convair 440 e Viscount 770 D.
Per quanto riguarda il 707, ssicuramente la Boeing ha inviato le specifiche finali, delle quali ho una copia, all'inizio del 1956 per il 707-320 e subito dopo quelle per il 707-420.
Suppongo che essendo state finalizzate le discussioni per il Constellation, iniziare un'analisi per un nuovo aeromobile avrebbe significato sia un periodo di tempo abbastanza lungo, sia uno slittamento delle consegne considerando gli ordini "chiusi" già in mano alla Boeing.
Alessandro

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 27 dicembre 2010, 20:46

In allegato due orari Lai, 1950 e 1957 ultimo anno di esercizio.
Alessandro
Allegati
1957-Orario-LAI.jpg
1950-Orario.jpg
1950-Orario-LAI.jpg

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9829
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: LAI

Messaggio da i-daxi » 9 gennaio 2011, 23:03

fabrizio66 ha scritto:allego foto della sede di new york della lai,

qualcuno ha notizie in merito ad un interessamento della lai per il boeing 707?

per sardinian aviator sbrigati a tornare perchè credo che siamo tutti curiosi di avere altre news :D
Ciao Fabrizio, per quel che ne sò gli unici 707 che volarono con i colori italiani furono quelli dell'Aeropa :wink: , per quanto riguarda i Super Connie destinati alla Lai, questi andarono alla Lufthansa.


fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 10 gennaio 2011, 13:59

ieri stavo rileggendo alcune parti del libro la freccia alata di giuseppe d'avanzo, dove parla della lai.

la lai effettuava il volo theran roma new york e trisettimananlmente il volo era predisposto con cuccette, ad un prezzo superiore del 40% della tariffa di prima di classe. dice il d'avanzo che vi era talmente tanta richiesta per questo servizio che bisognava prenotare parecchio tempo prima, inoltre la stessa twa era preoccupata del successo di tale volo che levava passeggeri a se stessa.

il volo veniva effettuato con dc 6 usato acquistati con i mezzi finanziari messi a dipsosizione degli aiuti da parte degli stati uniti.

grazie i daxi per l informazione del 707.

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 13 gennaio 2011, 15:58

Dei DC6 in possesso alla LAI (LOVE-LADY-LINE-LUCK) solo uno aveva a bordo 8 cuccette o letto e 46 poltrone. Il servizio "letto" era stato deciso dopo l'introduzione della classe turistica in Europa il 1°Aprile 1953. La Lai decise di "declassificare" 2 macchine e solo sulla rotta Roma-NY introdurre un servizio cuccette con un DC6. Successivamente, all'introduzione del DC6B il servizio rimase con frequenza di 4 giorni alla settimana. Non capisco inoltre come questo servizio potesse in qualche modo danneggiare la TWA che deteneva il 30% (più di 1.5 Mld Lire) della LAI.
Ho letto il libro di D'Avanzo che, a mio vedere, parteggia chiaramente per AZ. Ho trovato errori (anche il nome di mio padre da Meneghini a Meneghetti) e molte semplificazioni riguardo ai periodi che hanno preceduto il "dominio" Alitalia.
Alessandro

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 13 gennaio 2011, 16:46

Come dicevo sopra, la storia la scrivono i vincitori, se non direttamente, per interposta persona. Per quanto mi ricordo io, con testimonianze di prima mano, dopo la "fusione" vi fu anzitutto una certa discriminazione nei confronti del personale ex LAI, in termini soprattutto di carriere. Chi era già AZ aveva meriti maggiori; non so tra i piloti, ma sul personale di terra le cose andavano così: si restava al palo.
Peraltro al giorno della fusione, per ciò che concerne materiali e uniformi, AZ stava con le pezze (letteralmente) mentre il personale LAI aveva stoffe e tagli di prim'ordine, che qualcuno conservò pure per successivi riutilizzi (ahò, era il 1957!). Non parliamo della cancelleria e dotazioni d'ufficio. Insomma, la situazione finanziaria di LAI era nettamente superiore, tanto che si parlava apertamente di un "affare" fatto, o fatto fare , da AZ.
La storiografia di parte, vedi le pubblicazioni commemorative di AZA per i 20 anni e successive, sono volutamente ed ingiustamente lacunose. Ancora oggi non riesco a capire il motivo di cotanta rimozione, quasi che LAI si fosse macchiata di chissà che, quasi ad imporre l'oblio perfino sul nome.
Il paragone con AirOne non regge: l'affare infatti lo ha fatto Toto che si è liberato in un colpo solo di tutti i debiti; in quel caso AZA si trovò con una flotta aggiuntiva di prim'ordine e senza debiti da ripianare (altro che bad company).
A distanza di 53 anni sarebbe opportuna una riscrittura oggettiva della vicenda, senza che ciò suoni come lesa maestà nei confronti di mamma AZA, cui tutti vogliamo naturalmente bene.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 14 gennaio 2011, 12:23

ciao alessandro ciao sardinian aviator

vi ringrazio per le annotazioni sulla lai, purtroppo come già scritto precedentemente è veramente diffcile trovare libri pubblicazioni che riguardano questa importante compagnia aerea italiana. e spero che questo tread possa arricchirsi sempre più di notizie in merito alla lai, per questo vi prego se avete altro da raccontare foto da postare di farlo perchè sono vermante interessato.

per alessandro rispondo che d avanzo nei suoi libri parla della lai ed alitalia credo con lo stesso tenore, (è solo un mio parere chiaramente) anzi enfatizza il fatto di come l alitalia fosse una compagnia "bulgara" in confronto alla lai, nella lai vi era uno stile hollywodiano, le prime hostess i migliori aerei, e traspare la meraviglia dell fusione della lai in alitalia (solo una mia opinione).

per sardinian confermo che le due fusioni alitali lai ed alitali air one sono chiaramente differenti non foss'altro per i momenti e le situazione storiche differenti, ho voluto solo evidenziare come già negli anni 50/60 si pensasse in alcuni casi che l italia aveva difficoltà a mantenre due compagnie di bandiera.

fabrizio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 14 gennaio 2011, 14:17

Se guardiamo gli inizi delle due società, a parità di investimenti stranieri e privati ed a parità di partecipazione statale (IRI), la LAI già nel 1947 e con la presenza di 3 compagnie in concorrenza, Alitalia esclusa, aveva trasportato 45.000 pax mentre Alitalia qualcosa piu di 10.000. La Lai aveva C47 (15 dei 32 residuati USAAF) riadattati all'uso civile da Caproni, CMASA e Aeronavali di Klinger, mentre Alitalia il G12 (anche se il primo le fu "prestato" dall'AMI), l'SM95 e grazie alla BOAC anche i Lancastrian. Nel 1950 fu messo a disposizione il piano ERP (European Recovery Program) e la LAI, grazie alla TWA, se ne aggiudico' una quota acquistando 3 DC6. Cesso' quindi il monopolio Alitalia sui collegamenti internazionali e la LAI diventava la piu importante compagnia italiana con una base a Ciampino che le permetteva effettuare le piccole/grandi revisioni sul DC3. Mi fermo qui.
La storia, ed è una bella storia, è continuata cosi' fino alla fine dell'avventura LAI.
Non era sicuramente una compagnia con stile hollywoodiano ma sapeva come vendere, come utilizzare la flotta e sopratutto scegliere le persone giuste. Per tutti l'esempio del Col. Gallo congedato con il grado di Generale che fu assunto dalla LAI per evitare gli attriti con l'AMI da cui dipendeva, al tempo, l'aviazione civile.
Allego, se puo' interessare, dei dati riguardanti il 1956 ed il 1957 ed un annuncio di un giornale americano riguardo al servizio " cuccette" di cui si parlava in un intervento precedente.
Alessandro
Allegati
1953 LAI sleeper.png
1957.jpg
1956.jpg

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1914
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: LAI

Messaggio da fabrizio66 » 14 gennaio 2011, 14:46

grazie alessandro per le belle immagini postate.

fabrizio

lo stile hollywodianio lo intendevo se paragonato a quello bulgaro dell alitalia,
per quanto riguarda gli aerei la lai aveva aeroplani migliori dell alitalia, poteva annoverare nella sua flotta i c47 sin dall'inizio, mentre l alitalia non poteva che acquistare aeroplani italiani od inglesi per "ordine" della boac su azionista.
chiaramente una cosa è volare con il g 12 o cn l sm 95 ed una cosa diversa è il c47
infatti l alitalia potè cominciare a decollare veramente solo dopo l acquisto dei dc 4 una volta venuto meno il veto inglese sugli aerei e con tutte le limitizaioni dovute ad una flotta numericamente bassa
la lai al tempo del dc 4 alitalia credo gia disponesse del dc 6 (non son sicuro, sono in ufficio e non ho materiale sottomano da verificare) le capacità tecniche della lai si evidenziano anche nella scelta succesiva del viscount che l alitalia si trovò indirettamente in flotta a seguito della fusione e che le permisero di avere un buon successo commerciale.
anche la scelta del constellation diversamente dal dc 7 evidenzia ottime capacità di valutazione e della preparazione dei propri ingegnieri.

fabrizio

p.s. ale hai notizie foto riguardo il dc 6 della lai definito "il ba**ardo"

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 14 gennaio 2011, 15:31

Il "ba**ardo" nome davvero non molto gentile, era l'I-LINE. Era un DC6 con le ali della serie successiva (DC6B). Io credo fosse semplicemente un DC6B con una carlinga piu' corta ( tipo 747SP). Il numero di costruzione 487 lo pone nella linea DC6B. L'I-LAND era il 491. Si dice che il proprietario fosse Howard Huges padrone della TWA che aveva chiesto espressamente questa modifica alla Douglas.

L'Alitalia all'inizio del 1950 non ebbe accesso al piano ERP ed i bilanci non le permettevano acquisti di macchine nuove. Gli inglesi non avevano nessun aereo valido e quindi si riviolse verso i DC4 ex Pan American "traded-in" per i nuovi DC6 e 6B. L'inizio dei servizi fu l'8 Maggio 1950. Si puo' dire quindi che i quadrimotori iniziarono ad essere utilizzati nelle rotte transatlantiche dal 1950. Alitalia per il Sudamerica e LAI per il Nord. Con le macchine nuove AZ introdusse anche le hostess.
Sulla rotta del Sudamerica c'era anche la LATI con i suoi SM95 che servivano il Venezuela. Gli utenti erano sopratutto emigranti. L'Alitalia nell'Aprile del 1950 "assorbi" con una operazione non proprio regolare la LATI. I due SM95 furono ceduti al Libano e quando i DC4 iniziarono i collegamenti sostituendosi al Lancastrian, potevano utilizzare le attrezzature LATI incluse quelle dell'Isola del Sale.
Allegati
I-LINE.jpg

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 23 febbraio 2011, 19:00

Ecco una vecchia cartolina LAI spero che ricordi qualcosa
Alessandro
Allegati
LAI-extra.jpg
LAI.jpg

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 23 febbraio 2011, 19:32

Sulla rotta del Sudamerica c'era anche la LATI con i suoi SM95 che servivano il Venezuela. Gli utenti erano sopratutto emigranti. L'Alitalia nell'Aprile del 1950 "assorbi" con una operazione non proprio regolare la LATI.

Su questo assorbimento una mia fonte (di prima mano) in particolare ebbe a scrivere parole di fuoco. Secondo tale fonte la "colpa" della LATI fu di essere stata una creatura del passato regime, e di avere notevoli disponibilità finanziarie. Le fu dapprima tolta d'imperio la concessione della linea Roma-Rio-B.Aires, per affidarla alla A.I.I. (Aerolinee Italiane Internazionali), ma non fu ancora dichiarata decaduta. Nonostante tutte le resistenze politiche ed amministrative riuscì nel Marzo 1948 ad avere "provvisoriamente" la Roma-Caracas. Disponendo di notevoli mezzi finanziari sia in Brasile che in Italia, acquistò subito tre SM95 con motori americani P&W. Nel Luglio 1949 fu effettuato il primo volo Roma-Sal-Paramaribo-Caracas che durò per due anni con frequenza settimanale. Le pressioni politiche non cessarono e si arrivò nel 1951 alla sospensione d'imperio della concessione della linea ed alla successiva fusione con A.I.I., poi divenuta Alitalia. Questa ereditò quindi in un colpo solo macchine, materiale, personale di prim'ordine e qualche milione di USD nelle banche brasiliane, accreditati con un giro di assegni firmati in bianco e passati per varie mani, tanto da far dire a questa fonte che si trattò di un'operazione non trasparente.
L'atto ufficiale della fusione fu definito tre anni dopo il 1.12.1954.
Naturalmente le pressioni politiche e i giri di assegni vanno presi con il beneficio di inventario, così come le presunte colpe di simpatie fasciste (difficile a quel livello non esserlo nel ventennio), ma tant'è.
Rileggendo dei metodi usati nella fusione LAI Alitalia, non si può fare a meno di osservare qualche somiglianza.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 24 febbraio 2011, 13:46

Grazie per queste "notizie" sempre interessanti. Il dopoguerra Alitalia ( le due compagnie furono fondate nel settembre del 1946) aveva una grossa impronta Ala Littoria. Anche il logo con la freccia al posto della rondine evocava la gestione precedente. Se poi si notano i nomi dei principali dirigenti quali Velani, Rimer, Cappelletti, Reinero, Pivetti, sembra una ricostruzione del passato. Lo staff comprendeva anche il Com.te Paradisi che aveva il compito di coordinare il passaggio del "gruppo" LATI all'Alitalia cosa che avvenne alla fine del 1950.
La LAI aveva anche lei personale ex Ala Littoria, non nell'alta dirigenza ma nel personale di volo. Il direttore operazioni era Il Com.te Satti ( papà di Bobby Solo) che veniva dalla LATI, Il Com.te Jereb capo pilota e il Com.te Bruno Trocca all'addestramento. Tutti questi piloti venivano dal SAS dove era pilota anche mio padre.
Gli SM95 LATI (I-LAIT I-LATI I-LITA) furono gli ultimi costruiti e sembra che non furono mai usati dall'Alitalia ma accantonati. Ne sai qualcosa di più?

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 27 febbraio 2011, 12:15

Gli SM95 LATI (I-LAIT I-LATI I-LITA) furono gli ultimi costruiti e sembra che non furono mai usati dall'Alitalia ma accantonati. Ne sai qualcosa di più?

Allora: I-LATI rimase bloccato a Villa Cisneros nel Novembre 1949 dopo un atterraggio di emergenza causato da un'avaria a un motore.
I-LAIT e I-LITA furono fermati a fine Gennaio 1951 a seguito del grave incidente occorso all'I-DALO a Civitavecchia, che pose fine all'impiego di questo aereo, ormai surclassato dal DC4.
Ho qualche dubbio invece sul fatto che questi venissero impiegati "per conto" dell'Alitalia o su rotte dell'Alitalia. C'è una frase ambigua in un testo che lascerebbe spazio a questa interpretazione.

La LAI aveva anche lei personale ex Ala Littoria, non nell'alta dirigenza ma nel personale di volo
Anche in quello di terra, tra i quali mio padre, caposcalo (quando ancora esisteva tale figura, di fatto ora scomparsa).
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 27 febbraio 2011, 15:58

Grazie per i chiarimenti riguardo alle macchine della LATI.
Per quanto riguarda la questione del personale proveniente da compagnie esistenti prima della guerra, penso che il personale operativo e non della LAI sia stato "non politicizzato" in confronto con Alialia. Dicendo questo non vorrei pero' essere cosiderato polemico.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 27 febbraio 2011, 18:35

a.meneghini ha scritto:Grazie per i chiarimenti riguardo alle macchine della LATI.
Per quanto riguarda la questione del personale proveniente da compagnie esistenti prima della guerra, penso che il personale operativo e non della LAI sia stato "non politicizzato" in confronto con Alialia. Dicendo questo non vorrei pero' essere cosiderato polemico.
Non capisco bene cosa vuoi dire.
Mio padre (che non era certo fascista) lavorava all'Ala Littoria come tanti altri giovani; proveniva, penso, dalla SISA e transitò, forse suo malgrado, nella compagnia di bandiera (di regime). Ma quella c'era.
Fu inviato in Albania, da militarizzato, e rastrellato dai tedeschi dopo l'8 Settembre. Un paio d'anni in un campo di prigionia in Austria e al ritorno (fortunatamente vivo) doveva riprendere a lavorare. Si presentò in LAI e fu assunto. Fu spedito nel 1947 a Elmas, e qui cominciò anche la mia storia.
A livello di vertice non c'è dubbio che LAI era filoamericana, e qualcuno dei suoi boss venne anche accusato di aver lavorato in questo senso anche quando la guerra era ancora in corso.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 27 febbraio 2011, 19:48

Mi spiace molto per essere stato frainteso. Non volevo e non voglio creare polemiche sopratutto con riferimenti a periodi e tendenze politiche. L'interesse americano nella LAI era presente con un 40% nel capitale cosi come un 40% inglese era presente nell'Alitalia. Nel consiglio d'amministrazione delle due compagnie erano presenti rappresentanti TWA (LAI) e BOAC-BEA (Alitalia).
Una curiosità che non sapevo. Il nome di Alitalia deriva dall'abbreviazione data da un impiegato delle poste per dare l'indirizzo telegrafico alla società che si chiamava Linee Aeree Italiane Internazionali Spa.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9829
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: LAI

Messaggio da i-daxi » 27 febbraio 2011, 21:35

--
Allegati
86ca_12.jpg
$(KGrHqV,!lsE1F-2lO6(BN,oDcBPyw~~_12.jpg
!BrjmNkw!mk~$(KGrHqIOKiYEu,Ej)!)7BL0J)I2O-w~~_12.jpg
!BrjiI(gBmk~$(KGrHqMOKj0EuuHFc0soBL0Joc)Z2!~~_12.jpg
!BPu0jngBGk~$(KGrHgoH-D!EjlLl1kKDBJ1IqEZVh!~~_12.jpg
!B9Y9-MQ!mk~$(KGrHqF,!lsEy+jC0NswBM5qLldS5g~~0_12.jpg

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 28 febbraio 2011, 10:56

Mi spiace molto per essere stato frainteso. Non volevo e non voglio creare polemiche sopratutto con riferimenti a periodi e tendenze politiche.

Ma figurati! Nessuna polemica, e poi questa è ormai storia dell'aviazione. Solo che davvero non ho capito cosa volevi dire. Di certo quando un regime politico cambia, soprattutto dopo una guerra persa, è inevitabile che ci si porti appresso vecchie ruggini. Questo Tr era stato iniziato proprio per sottolineare come nella fusione LAI-Alitalia chi stava peggio si prese chi tutto sommato stava meglio. Ancora si vocifera di losche manovre, politiche e non, di interventi clandestini per orientare il governo dell'epoca. E purtroppo anche una certa manipolazione dell'informazione e finanche della storia: della LAI non si doveva più parlare. Tempo fa scambiai alcune mail con un celebre giornalista e storico dell'aviazione, Cesare Falessi, in cui lamentavo proprio questo, che la storia la scrivono i vincitori. Lui che fu capo ufficio stampa di AZA confermò.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9829
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: LAI

Messaggio da i-daxi » 28 febbraio 2011, 17:27

...
Allegati
dcaa93fc95_308043_med.jpg
dcaa93fc95_308043_med.jpg (9.02 KiB) Visto 17434 volte
LaiPortabiglietti_2.jpg
881_001.jpg
629_001.jpg
323_001.jpg
715_001.jpg

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4772
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: LAI

Messaggio da sardinian aviator » 28 febbraio 2011, 18:02

Daxi sono fantastiche!
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9829
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: LAI

Messaggio da i-daxi » 28 febbraio 2011, 18:19

sardinian aviator ha scritto:Daxi sono fantastiche!
Ciao, grazie :D :D
Purtroppo non sono mie (di mia appartenenza c'é solo la foto all'inizio).
Mi piaceva che oltre alla descrizione dei fatti ci fosse anche del materiale "visivo" come quello che già avete condiviso più sopra.

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 1 marzo 2011, 16:23

Grazie delle bellissime immagini che portano alla mente molti bei ricordi. Peccato solo che ce ne siano poche. Tengo il mio gagliardetto Lai molto gelosamente.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9829
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: LAI

Messaggio da i-daxi » 1 marzo 2011, 17:02

a.meneghini ha scritto:Grazie delle bellissime immagini che portano alla mente molti bei ricordi. Peccato solo che ce ne siano poche. Tengo il mio gagliardetto Lai molto gelosamente.
Grazie a te :D
Fai bene :D :D :D

Avatar utente
a.meneghini
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 179
Iscritto il: 15 ottobre 2009, 13:04

Re: LAI

Messaggio da a.meneghini » 1 marzo 2011, 17:03

Le due "reclame" americane trovate su un sito USA.
Allegati
1958.jpg
1958.jpg (10.56 KiB) Visto 17338 volte
L-1049A-Burbank.jpg
1957-LAI--18.jpg

Rispondi