Sud Aviation Caravelle

Area dedicata all'Aviazione Storica. Aerei vintage, vecchie Compagnie e imprese del passato

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
AZ055B-)
FL 200
FL 200
Messaggi: 2243
Iscritto il: 24 novembre 2006, 15:31
Località: Torino

Sud Aviation Caravelle

Messaggio da AZ055B-) » 25 novembre 2006, 20:19

Non mi ricordo dove,ma ho letto da qualche parte che le ali del caravelle generavano abbastanza portanza da riuscire a volare per tutta la tratta con i motori spenti...MA E VERO????? :shock:

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Messaggio da Ashaman » 25 novembre 2006, 20:52

Scusa, ma con i motori spenti... come decollava? :mrgreen:

E anche fosse riuscito l'aereo a raggiungere quota di tangenza prima che entrambi i motori andassero a femmine poco serie, il Caravelle aveva una autonomia dichiarata al massimo carico di 1450 nm (fonte Airliners.net).

...ma nemmeno un aliante ce la farebbe, dai. :roll: :D
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Messaggio da Luke3 » 25 novembre 2006, 21:07

sicuramente non riuscirebbe a coprire la propria autonomia senza motori, perchè altrimenti si chiamerebbe Sud Aviation Glider, probabile invece che abbia un rapporto di planata altitudine/distanza molto alto riuscendo dunque a planare per diverse centinaia di chilometri dalla propria quota di crociera.
Mi incuriosisce invece uno dei particolari più famosi del caravelle, cioè i finestrini triangolari. Si è visto con i famosi incidenti del Comet che aveva i finestrini quadrati come lo sforzo strutturale sulla fusoliera riuscisse a letteralmente strapparla a metà trovando sfogo sulle estremità dei finestrini, da li la decisione di farli rotondi. Facendoli a Triangolo arrotondato cosa si guadagna o si perde?

Avatar utente
AZ055B-)
FL 200
FL 200
Messaggi: 2243
Iscritto il: 24 novembre 2006, 15:31
Località: Torino

Messaggio da AZ055B-) » 26 novembre 2006, 13:35

probabile invece che abbia un rapporto di planata altitudine/distanza molto alto riuscendo dunque a planare per diverse centinaia di chilometri dalla propria quota di crociera.
Ah ecco!forse era quello :D
"Possiede i requisiti per il certificato medico della classe 1 con le eventuali limitazioni riportate" [VML]

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 8 giugno 2009, 22:30

Ciao!

volevo riprendere il discorso su questo a mio parere eccellente aereo che a mio parere (forse non solo mio :) ) ha significato un passo molto importante per la storia della nostra compagnia di bandiera e l'ingresso assieme ai primi dc8 43 nell'era del jet, io purtroppo non ci ho mai volato, ma ne ho sempre sentito parlare un gran bene da parte di tecnici ma anche da parte di semplici passeggeri.

Cercando una bella immagine da inserire nel mio profilo mi sono imbattuto in questa che mi ha messo però un gran senso di amarezza.

Che ne pensate?

Che fine triste e ingloriosa :cry:

http://www.fesa.be/I-DAXU.JPG-for-web.jpg (i-daxu)

http://images.google.it/imgres?imgurl=h ... tart%3D100 (i-dabm)

http://cdn-www.airliners.net/aviation-p ... 733981.jpg (i-daba)

diversi anni fà avevo letto riguardo la fine triste di un altro caravelle ex az parcheggiato alle porte della val camonica, convertito in ristorante (o simile) e poi sequestrato e forse ormai demolito.

qualcuno é al corrente di altri ex se-210 az parcheggiati in giro per il mondo? :?: :?:

mi farebbe piacere avere notizie.

grazie!

Killua_727
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1065
Iscritto il: 2 marzo 2008, 19:45
Località: Torino

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Killua_727 » 9 giugno 2009, 0:59

i-daxi ha scritto:Ciao!

volevo riprendere il discorso su questo a mio parere eccellente aereo che a mio parere (forse non solo mio :) ) ha significato un passo molto importante per la storia della nostra compagnia di bandiera e l'ingresso assieme ai primi dc8 43 nell'era del jet, io purtroppo non ci ho mai volato, ma ne ho sempre sentito parlare un gran bene da parte di tecnici ma anche da parte di semplici passeggeri.

Cercando una bella immagine da inserire nel mio profilo mi sono imbattuto in questa che mi ha messo però un gran senso di amarezza.

Che ne pensate?

Che fine triste e ingloriosa :cry:

http://www.fesa.be/I-DAXU.JPG-for-web.jpg (i-daxu)

http://images.google.it/imgres?imgurl=h ... tart%3D100 (i-dabm)

http://cdn-www.airliners.net/aviation-p ... 733981.jpg (i-daba)

diversi anni fà avevo letto riguardo la fine triste di un altro caravelle ex az parcheggiato alle porte della val camonica, convertito in ristorante (o simile) e poi sequestrato e forse ormai demolito.

qualcuno é al corrente di altri ex se-210 az parcheggiati in giro per il mondo? :?: :?:

mi farebbe piacere avere notizie.

grazie!
E' il ciclo generazionale dell'avianzione commerciale. Che ci vogliamo fare? Senza andare indietro di 20 anni, a me mettono una grande tristezza anche gli 80 che erano parcheggiati a Malta :(
Immagine
Madames et Monsieurs bonjour et bienvenu à bord. Nous vous souhaiton un bon vol avec la flotte d'Air France, membre de l'alliance SkyTeam

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Ashaman » 9 giugno 2009, 1:16

i-daxi ha scritto:Ciao!
A dire il vero non è che io sia proprio tanto entusiasta di questo aereo. Un traguardo tecnico è stato, d'accordo, visto che è stato il precursore degli aerei con motori alla fusoliera, invece che forzosamente appesi sotto le ali, ma personalmente la sua linea non mi è mai piaciuta... forse per quella fusoliera tozza con muso a punta che fa somigliare l'aereo ad una supposta con le ali, forse per quei motori piiiiiccoli, che al confronto il sigaro che sto fumando quasi sembra grande quanto un GE90... :dontknow:

Poi comunque aveva le sue belle magagne come aereo (abbastanza naturale per un precursore). Ad esempio i freni aerodinamici che erano solo un tocchettino migliori di quelli originali del DC8 prima dell'avvento del reverse on-flight dei motori interni (vale a dire servivano ad una sega master system) e che costringevano ad avvicinamenti particolari, o il paracadute di frenata, che a sentire alcuni comandanti Alitalia, una volta azionato non sempre si apriva, essendosi molte volte congelato in volo in un rigido cubettone di stoffa e vapore cristallizzato, che per la frenata aveva più o meno la stessa utilità di un bestemmione... :roll:

Non proprio il più grazioso degli aerei dell'epoca... e nemmeno tra i meno piagati dai problemi di gioventù della tecnologia impiegata. I really don't like it much. :?
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Killua_727
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1065
Iscritto il: 2 marzo 2008, 19:45
Località: Torino

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Killua_727 » 9 giugno 2009, 2:42

Ashaman ha scritto:
i-daxi ha scritto:Ciao!
A dire il vero non è che io sia proprio tanto entusiasta di questo aereo. Un traguardo tecnico è stato, d'accordo, visto che è stato il precursore degli aerei con motori alla fusoliera, invece che forzosamente appesi sotto le ali, ma personalmente la sua linea non mi è mai piaciuta... forse per quella fusoliera tozza con muso a punta che fa somigliare l'aereo ad una supposta con le ali, forse per quei motori piiiiiccoli, che al confronto il sigaro che sto fumando quasi sembra grande quanto un GE90... :dontknow:

Poi comunque aveva le sue belle magagne come aereo (abbastanza naturale per un precursore). Ad esempio i freni aerodinamici che erano solo un tocchettino migliori di quelli originali del DC8 prima dell'avvento del reverse on-flight dei motori interni (vale a dire servivano ad una sega master system) e che costringevano ad avvicinamenti particolari, o il paracadute di frenata, che a sentire alcuni comandanti Alitalia, una volta azionato non sempre si apriva, essendosi molte volte congelato in volo in un rigido cubettone di stoffa e vapore cristallizzato, che per la frenata aveva più o meno la stessa utilità di un bestemmione... :roll:

Non proprio il più grazioso degli aerei dell'epoca... e nemmeno tra i meno piagati dai problemi di gioventù della tecnologia impiegata. I really don't like it much. :?
Ma perchè, i Caravelle avevano ancora i paracadute???? :shock:
Immagine
Madames et Monsieurs bonjour et bienvenu à bord. Nous vous souhaiton un bon vol avec la flotte d'Air France, membre de l'alliance SkyTeam

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 9:41

Ashaman ha scritto:
i-daxi ha scritto:Ciao!
A dire il vero non è che io sia proprio tanto entusiasta di questo aereo. Un traguardo tecnico è stato, d'accordo, visto che è stato il precursore degli aerei con motori alla fusoliera, invece che forzosamente appesi sotto le ali, ma personalmente la sua linea non mi è mai piaciuta... forse per quella fusoliera tozza con muso a punta che fa somigliare l'aereo ad una supposta con le ali, forse per quei motori piiiiiccoli, che al confronto il sigaro che sto fumando quasi sembra grande quanto un GE90... :dontknow:

Poi comunque aveva le sue belle magagne come aereo (abbastanza naturale per un precursore). Ad esempio i freni aerodinamici che erano solo un tocchettino migliori di quelli originali del DC8 prima dell'avvento del reverse on-flight dei motori interni (vale a dire servivano ad una sega master system) e che costringevano ad avvicinamenti particolari, o il paracadute di frenata, che a sentire alcuni comandanti Alitalia, una volta azionato non sempre si apriva, essendosi molte volte congelato in volo in un rigido cubettone di stoffa e vapore cristallizzato, che per la frenata aveva più o meno la stessa utilità di un bestemmione... :roll:

Non proprio il più grazioso degli aerei dell'epoca... e nemmeno tra i meno piagati dai problemi di gioventù della tecnologia impiegata. I really don't like it much. :?
non a caso i piloti soprannominarono i suoi motori "tubi di stufa" comunque grandi ali e grande portanza, su un manuale di aviazione civile c'era scritto che in caravelle dell'air france e dell'air inter in trasferimento da parigi a reims usavano planare sulla pista a motori spenti.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 9:43

Killua_727 ha scritto:
i-daxi ha scritto:Ciao!

volevo riprendere il discorso su questo a mio parere eccellente aereo che a mio parere (forse non solo mio :) ) ha significato un passo molto importante per la storia della nostra compagnia di bandiera e l'ingresso assieme ai primi dc8 43 nell'era del jet, io purtroppo non ci ho mai volato, ma ne ho sempre sentito parlare un gran bene da parte di tecnici ma anche da parte di semplici passeggeri.

Cercando una bella immagine da inserire nel mio profilo mi sono imbattuto in questa che mi ha messo però un gran senso di amarezza.

Che ne pensate?

Che fine triste e ingloriosa :cry:

http://www.fesa.be/I-DAXU.JPG-for-web.jpg (i-daxu)

http://images.google.it/imgres?imgurl=h ... tart%3D100 (i-dabm)

http://cdn-www.airliners.net/aviation-p ... 733981.jpg (i-daba)

diversi anni fà avevo letto riguardo la fine triste di un altro caravelle ex az parcheggiato alle porte della val camonica, convertito in ristorante (o simile) e poi sequestrato e forse ormai demolito.

qualcuno é al corrente di altri ex se-210 az parcheggiati in giro per il mondo? :?: :?:

mi farebbe piacere avere notizie.

grazie!
E' il ciclo generazionale dell'avianzione commerciale. Che ci vogliamo fare? Senza andare indietro di 20 anni, a me mettono una grande tristezza anche gli 80 che erano parcheggiati a Malta :(
anche a me :cry: :cry:

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 9:47

tempo fà, non ero ancora iscritto, ma ho visto delle belle foto sul "museo" della malev vicino all'aeroporto di Budapest, magari non sarà una delle priorità del nostro paese ricrearne uno simile (vista anche la situazione economica non felicissima) però trovato lo spazio non sarebbe una cattiva idea, parlo a livello puramente soggettivo.

volevo aggiungere anche queste, non é un caravelle ma andrebbe comunque sempre a mio parere valorizzato.

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Ashaman » 9 giugno 2009, 13:47

Killua_727 ha scritto:Ma perchè, i Caravelle avevano ancora i paracadute???? :shock:
Il parafreno, che i piloti aprivano a terra. Ci sono dei filmati che lo fanno vedere anche su Youtube.

i-daxi ha scritto:non a caso i piloti soprannominarono i suoi motori "tubi di stufa" comunque grandi ali e grande portanza, su un manuale di aviazione civile c'era scritto che in caravelle dell'air france e dell'air inter in trasferimento da parigi a reims usavano planare sulla pista a motori spenti.
Strapperei personalmente il brevetto in faccia ad ogni capitano che autorizzasse un avvicinamento a motori spenti per usarlo come coriandoli al suo licenziamento e messa in blacklist per tutte le linee aeree mondiali. Certe cose sono da sboroni da bar, non da professionisti dell'aviazione. Metti che c'era da effettuare un Go Around? Che facevano, accendevano i motori a tempo di record? Scendevano e spingevano? :x

Quella voce era sicuramente un'esagerazione. Magari i motori erano in idle... e lo erano da parecchio pure, visto che l'aereo non aveva quasi freni aerodinamici, doveva prendersi i suoi bei tempi di planata per smaltire tutta l'energia fino ad arrivare a velocità adeguate all'uso dei flap. :roll:
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da redbrain » 9 giugno 2009, 14:25

Ashaman ha scritto:
Killua_727 ha scritto:Ma perchè, i Caravelle avevano ancora i paracadute???? :shock:
Il parafreno, che i piloti aprivano a terra. Ci sono dei filmati che lo fanno vedere anche su Youtube.

i-daxi ha scritto:non a caso i piloti soprannominarono i suoi motori "tubi di stufa" comunque grandi ali e grande portanza, su un manuale di aviazione civile c'era scritto che in caravelle dell'air france e dell'air inter in trasferimento da parigi a reims usavano planare sulla pista a motori spenti.
Strapperei personalmente il brevetto in faccia ad ogni capitano che autorizzasse un avvicinamento a motori spenti per usarlo come coriandoli al suo licenziamento e messa in blacklist per tutte le linee aeree mondiali. Certe cose sono da sboroni da bar, non da professionisti dell'aviazione. Metti che c'era da effettuare un Go Around? Che facevano, accendevano i motori a tempo di record? Scendevano e spingevano? :x

Quella voce era sicuramente un'esagerazione. Magari i motori erano in idle... e lo erano da parecchio pure, visto che l'aereo non aveva quasi freni aerodinamici, doveva prendersi i suoi bei tempi di planata per smaltire tutta l'energia fino ad arrivare a velocità adeguate all'uso dei flap. :roll:
Concordo, cosa più corretta non potevi dire.
Ehi ma sapresti postare un link di qualche video di youtube del caravelle col parafreno? Io non riesco proprio a trovarlo!!! :?
Federico

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 15:14

redbrain ha scritto:
Ashaman ha scritto:
Killua_727 ha scritto:Ma perchè, i Caravelle avevano ancora i paracadute???? :shock:
Il parafreno, che i piloti aprivano a terra. Ci sono dei filmati che lo fanno vedere anche su Youtube.

i-daxi ha scritto:non a caso i piloti soprannominarono i suoi motori "tubi di stufa" comunque grandi ali e grande portanza, su un manuale di aviazione civile c'era scritto che in caravelle dell'air france e dell'air inter in trasferimento da parigi a reims usavano planare sulla pista a motori spenti.
Strapperei personalmente il brevetto in faccia ad ogni capitano che autorizzasse un avvicinamento a motori spenti per usarlo come coriandoli al suo licenziamento e messa in blacklist per tutte le linee aeree mondiali. Certe cose sono da sboroni da bar, non da professionisti dell'aviazione. Metti che c'era da effettuare un Go Around? Che facevano, accendevano i motori a tempo di record? Scendevano e spingevano? :x

Quella voce era sicuramente un'esagerazione. Magari i motori erano in idle... e lo erano da parecchio pure, visto che l'aereo non aveva quasi freni aerodinamici, doveva prendersi i suoi bei tempi di planata per smaltire tutta l'energia fino ad arrivare a velocità adeguate all'uso dei flap. :roll:
Concordo, cosa più corretta non potevi dire.
Ehi ma sapresti postare un link di qualche video di youtube del caravelle col parafreno? Io non riesco proprio a trovarlo!!! :?
Magari anche il libri possono sbagliare.
per il resto si trattava di semplici trasferimenti macchina quindi senza nessuno a bordo se noi i due piloti, infine tra reims e parigi la distanza é minima, figuratevi via aria.

Riporto comunque un confronto tra l'aereo in questione e il nostro amatissimo (anche da me MD80) con particolare riguardo all'apertura alare e all'angolo di tangenza:

Sud Aviation/Aérospatiale SE.210 Caravelle

Un Sud-Aviation Caravelle della belga Sabena in volo.
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 2 più gli assistenti
Costruttore Sud Aviation
Data entrata in servizio 1959
Esemplari 282
Dimensioni e pesi
Lunghezza 36,24 m
Apertura alare 34,3 m
Altezza 9,0 m
Peso a vuoto 24,2 tonnellate
Peso max al decollo 46 tonnellate
Capacità combustibile 19 000 L
Propulsione
Motore 2 turbogetti Rolls-Royce Avon RA 29 Mk.52 o
2 turbofan Pratt & Whitney JT8D-9
Spinta 6577 kg/s
Prestazioni
Velocità max 877 km/h
Velocità crociera 785 km/h
Autonomia 2 000km
Quota di servizio 10 500 m
Tangenza 11 600 m
Note lunghezza, motori e capienza variano con le versioni

McDonnell Douglas MD-80

Un MD-82 Alitalia in atterraggio
Descrizione
Tipo Aereo di linea
Equipaggio 2 più gli assistenti di volo
Costruttore McDonnell Douglas
Data primo volo 25 febbraio 1965
Data entrata in servizio 1964
Esemplari oltre 2.238 in 17 versioni
Dimensioni e pesi
Lunghezza 45,01 m
Apertura alare 32,87 m
Altezza 9,32 m
Superficie alare 112,32 m²
Peso a vuoto 37.000 kg
Peso max al decollo 67.812 kg
Capacità combustibile {{{capacità_combustibile}}}
Propulsione
Motore due turbofan Pratt & Whitney JT8D
Spinta 9.000 kg
Prestazioni
Velocità max 900 km/h
Velocità crociera 800 Km/h
Autonomia 5.600 km
Quota di servizio 10.320 m
Tangenza 11.275 m
Note I dati sulle prestazioni e le dimensioni si riferiscono all'MD-80, gli altri al DC-9

per quanto riguarda il parafreno inserito non hotrovato anche io video, però posso dire che oltre al Concorde, lo usava per esempio anche il Tupolev 134 e il Tupolev 144, una cosa simile, ma potete correggermi e il retrofreno, incorporato nella carlinga degli aerei da caccia, oppure negli Avo RJ oppure nei Fokker 28, 70 e 100.

Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da redbrain » 9 giugno 2009, 17:33

Anche su Wikipedia è accennato un volo planato del caravelle da Parigi a Digione, ma presumo appunto che si intenda al massimo in idle...
Federico

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 17:45

Grazie! :)

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 17:50

Qualcuno che ci ha volato?

io al massimo l'ho visto decollare o atterrare (senza paracadute) nelle livree Air Cahrter, Air Provence.

Mio padre ci volò negli anni sessanta, charter, milano-pisa-tunisi per una vacanza (compagnia Tunis Air) me ne parlò bene, l'unica cosa che lo allarmo al ritorno fù unsedile vicino al suo che non resse il peso del suo occupante.

era identico a questo.

http://www.airliner-pics.com/caravelle/ ... 0cn246.jpg

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9549
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da tartan » 9 giugno 2009, 17:56

Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 9 giugno 2009, 18:06

tartan ha scritto:Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
Beato te!!!

io non ero ancora venuto al mondo :cry:

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9549
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da tartan » 9 giugno 2009, 18:19

i-daxi ha scritto:
tartan ha scritto:Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
Beato te!!!

io non ero ancora venuto al mondo :cry:
Ognuno ha il suo tempo. Adesso ci sarebbe da sgobbare sul 787 che ha di sicuro novità da scoprire, però in italia non c'è un cane che se ne sta occupando, neanche la compagnia italiana di lancio!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Paolo_61 » 9 giugno 2009, 18:34

tartan ha scritto:
i-daxi ha scritto:
tartan ha scritto:Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
Beato te!!!

io non ero ancora venuto al mondo :cry:
Ognuno ha il suo tempo. Adesso ci sarebbe da sgobbare sul 787 che ha di sicuro novità da scoprire, però in italia non c'è un cane che se ne sta occupando, neanche la compagnia italiana di lancio!
Non ricordo quale, ma sicuramente alcune compagnie italiane di charter L/R l'hanno ordinato.

Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Atr72 » 9 giugno 2009, 18:35

Paolo_61 ha scritto:
tartan ha scritto:
i-daxi ha scritto:
tartan ha scritto:Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
Beato te!!!

io non ero ancora venuto al mondo :cry:
Ognuno ha il suo tempo. Adesso ci sarebbe da sgobbare sul 787 che ha di sicuro novità da scoprire, però in italia non c'è un cane che se ne sta occupando, neanche la compagnia italiana di lancio!
Non ricordo quale, ma sicuramente alcune compagnie italiane di charter L/R l'hanno ordinato.
Blue Panorama :wink:
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Avatar utente
cabronte
FL 500
FL 500
Messaggi: 9615
Iscritto il: 10 giugno 2008, 21:45
Località: Nelle vicinanze di MXP

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da cabronte » 9 giugno 2009, 20:14

Posto anche io queste immagini per ricordare questo fantastico aereo!
Allegati
Caravelle.jpg
caravelle2pt2.jpg
Ale

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 10 giugno 2009, 0:03

inserisco anche questo video.

spero gradiate.

http://dailymotion.virgilio.it/video/x7 ... velle_tech


Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 10 giugno 2009, 10:55

Atr72 ha scritto:
Paolo_61 ha scritto:
tartan ha scritto:
i-daxi ha scritto:
tartan ha scritto:Nessuno tocchi il caravelle.
Macchina belissima e di elevata efficienza. Purtroppo di scarsa capacità di carico commerciale e di bagagliaio. Aereo scuola per tecnico operativo. Andai a Tolosa per diverse volte tentando di parlare con il tecnico che si occupava degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti della fusoliera, in quanto era aumentato il peso a vuoto e ci avevano drasticamente ridotto il carico commerciale a seguito della nostra richiesta di aumento del massimo zero fuel weight. Ricordo che una notte mi misi vicino al letto un taccuino dove scrissi tutte le domande che mi venivano in mente durante la notte, praticamente insonne, per poi scoprire il mattino dopo che avevo scritto sempre la stessa domanda un casino di volte. Tempi favolosamente belli!
Beato te!!!

io non ero ancora venuto al mondo :cry:
Ognuno ha il suo tempo. Adesso ci sarebbe da sgobbare sul 787 che ha di sicuro novità da scoprire, però in italia non c'è un cane che se ne sta occupando, neanche la compagnia italiana di lancio!
Non ricordo quale, ma sicuramente alcune compagnie italiane di charter L/R l'hanno ordinato.
Blue Panorama :wink:

Si sembra 4 in ordine + 2 in opzione, però alla pagina di Wki alla voce boeing 787 non risulta, forse non é stata aggiornata

Avatar utente
gattovolante
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1214
Iscritto il: 9 febbraio 2008, 19:46
Località: Roma

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da gattovolante » 10 giugno 2009, 23:54

i-daxi ha scritto:tempo fà, non ero ancora iscritto, ma ho visto delle belle foto sul "museo" della malev vicino all'aeroporto di Budapest, magari non sarà una delle priorità del nostro paese ricrearne uno simile (vista anche la situazione economica non felicissima) però trovato lo spazio non sarebbe una cattiva idea, parlo a livello puramente soggettivo.

volevo aggiungere anche queste, non é un caravelle ma andrebbe comunque sempre a mio parere valorizzato.

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16

http://www.airliners.net/photo/Alitalia ... dc008f9c16
Il museo sarebbe un sogno, ma certo che un Istituto Aeronautico, non ci fa una bella figura a tenere un bel pupone come quello in quelle condizioni disastrose :(
"Avviso per chi crea le pubblicita' degli alberghi: Io odio sentirmi a casa quando sono via!" (George Bernard Shaw)

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Ashaman » 11 giugno 2009, 3:46

i-daxi ha scritto: io al massimo l'ho visto decollare o atterrare (senza paracadute) nelle livree Air Cahrter, Air Provence.
Ho cercato per mari e per monti senza trovare un filmato di atterraggio di Caravelle con parafreno, eppure ricordo di averne visto uno almeno. Certo è che su un aereo che aveva freni aerodinamici passivi giusto un tocchettino migliori del DC8 e niente spoiler, per non parlare dei reverse inesistenti (meaning, niente reverse in volo a simulare la frenata aerodinamica), l'atterraggio doveva essere una fase ben studiata e sudata.

Sul perché detti parafreni non si vedano posso solo ipotizzare che avendo questi la tendenza beffarda a congelarsi, nelle versioni più moderne (il Caravelle ebbe molte versioni) questi (i parafreni) venivano usati molto raramente (senza contare poi che se c'era traffico, l'aereo che seguiva doveva aspettare che apposito personale di terra portasse via il telone, per evitare problemi sulla pista) se non addirittura cancellati in cambio di freni sulle ruote più robusti (almeno voglio sperare). Certo è che almeno i primi Caravelle, e sicuramente quelli usati da Alitalia, il parafreno lo avevano ed è stato usato (o almeno il suo uso è stato tentato, con risultati alterni), qualche volta.
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9549
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da tartan » 11 giugno 2009, 14:43

Ashaman ha scritto:
i-daxi ha scritto: io al massimo l'ho visto decollare o atterrare (senza paracadute) nelle livree Air Cahrter, Air Provence.
Ho cercato per mari e per monti senza trovare un filmato di atterraggio di Caravelle con parafreno, eppure ricordo di averne visto uno almeno. Certo è che su un aereo che aveva freni aerodinamici passivi giusto un tocchettino migliori del DC8 e niente spoiler, per non parlare dei reverse inesistenti (meaning, niente reverse in volo a simulare la frenata aerodinamica), l'atterraggio doveva essere una fase ben studiata e sudata.

Sul perché detti parafreni non si vedano posso solo ipotizzare che avendo questi la tendenza beffarda a congelarsi, nelle versioni più moderne (il Caravelle ebbe molte versioni) questi (i parafreni) venivano usati molto raramente (senza contare poi che se c'era traffico, l'aereo che seguiva doveva aspettare che apposito personale di terra portasse via il telone, per evitare problemi sulla pista) se non addirittura cancellati in cambio di freni sulle ruote più robusti (almeno voglio sperare). Certo è che almeno i primi Caravelle, e sicuramente quelli usati da Alitalia, il parafreno lo avevano ed è stato usato (o almeno il suo uso è stato tentato, con risultati alterni), qualche volta.
Le performance di decollo e di atterraggio erano determinate senza l'uso del paracadute freno. Esso era a disposizione solo ed esclusivamente in caso di emegenza, non doveva essere usato nelle operazioni normali. Ecco perché, per fortuna, è stato usato solo raramente.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da Ashaman » 11 giugno 2009, 17:10

tartan ha scritto: Le performance di decollo e di atterraggio erano determinate senza l'uso del paracadute freno. Esso era a disposizione solo ed esclusivamente in caso di emegenza, non doveva essere usato nelle operazioni normali. Ecco perché, per fortuna, è stato usato solo raramente.
In situazioni d'emergenza, dici? Ma se in Alitalia si lamentavano del fatto che il coso si congelava, come già detto, in cubi di plastica ghiacciata, sicuramente meno utile in atterraggio del capitano e primo pilota che sporgendosi fuori dai finestrini cominciassero a soffiare controvento. Bel sistema d'emergenza, i miei complimenti. :|
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9549
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da tartan » 11 giugno 2009, 17:39

Ashaman ha scritto:
tartan ha scritto: Le performance di decollo e di atterraggio erano determinate senza l'uso del paracadute freno. Esso era a disposizione solo ed esclusivamente in caso di emegenza, non doveva essere usato nelle operazioni normali. Ecco perché, per fortuna, è stato usato solo raramente.
In situazioni d'emergenza, dici? Ma se in Alitalia si lamentavano del fatto che il coso si congelava, come già detto, in cubi di plastica ghiacciata, sicuramente meno utile in atterraggio del capitano e primo pilota che sporgendosi fuori dai finestrini cominciassero a soffiare controvento. Bel sistema d'emergenza, i miei complimenti. :|
Pensa a quanti complimenti avresti dovuto fare se l'effetto fosse stato conteggiato nelle prestazioni!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10153
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da richelieu » 12 giugno 2009, 17:17

Caravelle VII dotato di motori GE CJ-805-23.

Immagine

Esemplare unico, venne presentato in volo al Salone di Parigi del 1961.
Ultima modifica di richelieu il 11 ottobre 2009, 0:11, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 12 giugno 2009, 17:45

richelieu ha scritto:Caravelle VII dotato di motori GE CJ805-23.

http://www.airliners.net/photo/Sud-Avia ... 7708c2e1a3

Esemplare unico, venne presentato in volo al Salone di Parigi del 1961.
Molto interessante!!!!!!

Inserisco anche quest'altro non così raro ma credo ne siano stati costruiti pochi almeno tra quelli di serie, questa é la versione con il portellone laterale.
0717214.jpg
Allegati
0775403.jpg
0214941.jpg
0134676.jpg

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9824
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da i-daxi » 12 giugno 2009, 17:48

Il cervello di tutto.
Allegati
800px-Sud_Aviation_Caravelle_Cockpit.jpg

Avatar utente
cabronte
FL 500
FL 500
Messaggi: 9615
Iscritto il: 10 giugno 2008, 21:45
Località: Nelle vicinanze di MXP

Re: Sud Aviation Caravelle

Messaggio da cabronte » 12 giugno 2009, 20:22

richelieu ha scritto:Caravelle VII dotato di motori GE CJ805-23.

http://www.airliners.net/photo/Sud-Avia ... 7708c2e1a3

Esemplare unico, venne presentato in volo al Salone di Parigi del 1961.
Che strani motori! :shock:
Ale

Rispondi