NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

I racconti di viaggio con le avventure e le relative foto degli Utenti di MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
N176CM
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5247
Iscritto il: 9 settembre 2005, 13:02
Località: Milano

NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da N176CM » 20 febbraio 2009, 18:34

Siamo al 24 dicembre, vigilia di Natale, e la passiamo in auto. Sono circa 400 i km che ci separano da Wellington, il tempo è pessimo e considerando il limite a 100 km/h ci mettiamo in marcia molto presto la mattina (del resto da queste parti ci si alza all’alba e si va a letto con le galline!).

Passiamo da Bulls, piccola cittadina, dove la stazione di polizia si presenta così

Immagine

A proposito di polizia, proprio a Bulls pago la multa e scopro, chiacchierando con l’impiegata in banca (qui la fila in banca significa trovare mezza persona in attesa :) ), che al momento dell’uscita dalla Nuova Zelanda, al controllo passaporti in aeroporto, potrebbero richiedere la ricevuta di pagamento della multa, cioè esiste un sistema informativo tale da consentire al funzionario dell’immigration se lo straniero in uscita ha assolto tutte le proprie pendenze con lo stato neozelandese… hai capito!!!! Proprio come da noi?!?!

Giungiamo a Wellington nel primo pomeriggio e la capitale si presenta come viene scherzosamente soprannominata da queste parti: Windington!!!! a causa dei freddi venti antartici che soffiano incuneandosi nello stretto di Cook che separa l’isola del Nord dall’isola del Sud. Il vento è talmente forte che l’ombrello non si può tenere aperto, la pioggia penetra fin dentro le ossa e non si può evitare di bagnarsi da capo a piedi. Le colline che sovrastano la città sono coperte da uno strato spesso di nubi nere….. insomma vediamo poco e male della città. Nemmeno a parlarne di fare foto o filmati. L’unica foto è quella alla storica funicolare

Immagine

Con un clima del genere è impossibile camminare, quindi ci rifugiamo prima in un negozio di elettronica e poi in una libreria. Ecco cosa ho trovato

Immagine

L’indomani, giorno di Natale, lo passiamo invece navigando. Con questa barchetta :)

Immagine

lasciamo la Nuova Zelanda del Nord per raggiungere la Nuova Zelanda del Sud. Tre ore di navigazione lungo lo stretto di Cook

Immagine

tra le innumerevoli isolette dell’isola del Sud

Immagine

e il fantastico fiordo che porta verso Picton

Immagine

Sbarchiamo a Picton, noleggiamo un’altra auto, e visto che è Natale facciamo una foto all’albero!!!

Immagine

La nostra destinazione è Nelson, cittadina situata a nord-est dell’isola del Sud. Optiamo per una strada panoramica… 30 km che il nostro stomaco ricorda ancora (pur essendo digiuni).

Altro leit motiv della Nuova Zelanda sono le enormi distese verdi ricoperte da…. pecore, a migliaia, e mucche di varie razze

Immagine

Quando ritorniamo su una strada più umana ci rendiamo conto che siamo a pomeriggio inoltrato e siamo digiuni… ma si può trovare un posto dove mangiare il giorno di Natale in un posto abbastanza sperduto? No! E per la cena non va meglio (sembra di capire che qui la cena del giorno di Natale abbia la stessa importanza che da noi ha il pranzo o la cena della vigilia), l’unica possibilità è cenare in camera in albergo scegliendo dal menu natalizio!

Prima di cena, facciamo un giro per la cittadina di Nelson

Immagine

Immagine

La cattedrale anglicana di Nelson. Visto che è Natale metto almeno un piede in una chiesa anche se protestante.

Immagine

Il pezzo forte all’intero, oltre all’albero di Natale (in chiesa!), è l’inginocchiatoio usato da Sua Maestà britannica la Regina Elisabetta II nel 1982 in occasione di una visita alla città!!!!!! Mah!

Mi colpisce questa foto. Non è una rock-star locale, ma ….

Immagine

il vescovo di Nelson!!!!!!

L’indomani mattina, S. Stefano (o Boxing Day nei Paesi del Commonwealth), percorriamo circa una settantina di km per raggiungere la baia di Kaiteriteri, la porta d’ingresso per l’Abel Tasman National Park raggiungibile solo via mare o via aria. Staremo qui, totalmente sperduti nella foresta, per 2 giorni.

Un tratto di mare lo percorriamo con una barca a vela, esperienza fantastica. Ecco alcune immagini

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Sbarchiamo su una baia dove oltre alla sabbia e al mare non c’è niente! Speriamo che il nostro acqua-taxi ci venga a prendere!!!!

Immagine

Alloggiamo in un lodge completamente immerso nella foresta a pochi passi dalla fantastica Awaroa Bay. Il turismo sostenibile e il rispetto dell’ambiente sono la regola qui. Si mangia pane fatto in casa e prodotti dell’orto.

Immagine

Questa è l’Awaroa Bay.

Immagine

Immagine

E questo il nostro lodge

Immagine

La bassa marea crea una finestra temporale di circa 2 ore (una specie di slot!!!) per poter raggiungere l’altra riva a piedi

Immagine

Immagine

Terremoti e vulcani sono comuni qui in Nuova Zelanda e non ci esimiamo dal provarne l’ebbrezza. La sveglia del mattino, infatti, ce la da un terremoto che fa tremare distintamente la nostra palafitta di legno. Niente di grave, ma è l’argomento del giorno tra gli ospiti del lodge!

Lasciamo questo paradiso con una traversata di circa 2 ore (ma dove eravamo finiti!?!?!!?) a bordo di un acqua-taxi molto simile a questo

Immagine

Vagamente storditi e con le articolazioni a pezzi (i motoscafi non hanno ammortizzatori!!!!), sbarchiamo, riprendiamo l’auto e ci facciamo altri 300-350 km in direzione Kaikoura. Buona parte del percorso è sulla costa orientale dell’isola del Sud.

Immagine

Kaikoura ospita varie colonie di foche e leoni marini. Attrattiva principale della cittadina è il passaggio delle balene. La particolare posizione in cui sorge fa si che davanti alle sue coste e per 365 giorni all’anno le balene trovino l’ambiente naturale per vivere e cibarsi. Peccato che non avendo prenotato un’escursione in barca o in aereo per tempo non possiamo vedere le balene!

L’indomani proseguiamo verso sud con destinazione il piccolo borgo di Fairlie. Circa a metà strada dei 400 km di oggi passiamo per Christchurch, la principale città della Nuova Zelanda del Sud, nonché terza città del Paese. Una breve sosta è necessaria.
Il simbolo di Christchurch

Immagine

La cattedrale

Immagine

interni inusuali per le chiese cattoliche, ma questa è anglicana!

Immagine

Arco monumentale, notate niente di strano?

Immagine

Ma sì, una delle iscrizioni ai lati dell’arco reca la scritta “Gallipoli”, chissà perché? Ci sarà un gemellaggio con la cittadina pugliese? Boh!

La meta di oggi è il piccolo borgo di Fairlie, ben 723 abitanti, pecore escluse! Ci aspetta una gentilissima coppia di neozelandesi (anche se lui è sudafricano trapiantato, mentre lei è di Dunedin) che ci ospita per una notte nella loro fattoria. Un’esperienza meravigliosa, ceniamo con loro, parliamo un po’ e facciamo un giro tra gli animali accompagnati da questi due giocherelloni

Immagine

Che sensazione toccare la lana di questi Angora… sembra ti prendere in mano un maglione!!!

Immagine

Pecore

Immagine

Una fantastica cavalla (usano il pronome “she” per riferirsi a lei, chiedo il perché e mi spiegano che tutti gli animali della fattoria sono considerati come animali domestici “pets” a seguito di un’apposita dichiarazione dei proprietari. Praticamente è stata cambiata la “destinazione d’uso” da allevamento a “animali da cortile”)

Immagine

e il suo pony

Immagine

Anche questi meravigliosi esemplari di mucca scozzese rientrano nei “pets”…..

Immagine

(continua….)
N176CM
n176cm AT md80.it

Immagine

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16484
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da JT8D » 20 febbraio 2009, 21:56

Bellissima anche questa parte, attendo il resto del report :D :D

Grazie !!!

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
Kamil90
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1426
Iscritto il: 29 agosto 2006, 12:25
Località: Roma

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da Kamil90 » 21 febbraio 2009, 18:08

JT8D ha scritto:Bellissima anche questa parte, attendo il resto del report :D :D

Grazie !!!

Paolo
Idem

Thanks: )
"Zdanie "śnieg jest biały” jest prawdziwe wtedy i tylko wtedy, gdy śnieg jest biały." Alfred Tarski

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5840
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da albert » 22 febbraio 2009, 20:31

Bellissimo!!!!

Una domanda: quanto tempo prima si deve prenotare per potere assistere al passaggio delle balene?

Ciao!

PS: con "Gallipoli" intendono la battaglia di Gallipoli, Prima Guerra Mondiale, Campagna dei Dardanelli.
http://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Gallipoli
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
N176CM
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5247
Iscritto il: 9 settembre 2005, 13:02
Località: Milano

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da N176CM » 23 febbraio 2009, 10:10

Grazie a tutti per i complimenti :D a breve posterò anche l'ultima parte del report :wink:
albert ha scritto:Bellissimo!!!!
Una domanda: quanto tempo prima si deve prenotare per potere assistere al passaggio delle balene?
In realtà il problema è nato perchè avevamo solo mezza gionata a disposizione e purtroppo la barca era piena per quella mezza giornata mentre ci sarebbe stato posto il giorno successivo. Da quanto ho capito se si hanno 2-3 giorni a disposizione prenotare non è necessario, altrimenti almeno una settimana prima è utile farsi avanti.
albert ha scritto: PS: con "Gallipoli" intendono la battaglia di Gallipoli, Prima Guerra Mondiale, Campagna dei Dardanelli.
http://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Gallipoli
Grande albert! :D Immaginavo che non c'entrasse molto la cittadina pugliese ma non riuscivo a capire cosa potesse significare :D
N176CM
n176cm AT md80.it

Immagine

Avatar utente
Danilik
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 509
Iscritto il: 27 maggio 2006, 17:42
Località: Bologna Borgo Panigale Catania Fontanarossa

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da Danilik » 23 febbraio 2009, 16:42

woww...sono bellissime..complimenti 8)
ATPL=€50000, PPL=€8000, realizzare il proprio sogno non ha prezzo!!!
Immagine
Danilo

Avatar utente
Cicciopasticcio
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 95
Iscritto il: 22 agosto 2007, 10:49
Località: Caronno Pertusella, 30 Km a Est di MXP

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da Cicciopasticcio » 13 marzo 2009, 12:27

la scritta Gallipoli sull'arco dovrebbe ricordare i caduti dell'ANZAC (Australian and New Zealand Army Corps - Corpo D'Armata D' Australia e Nuova Zelanda) che ha combattuto la battaglia di Gallipoli il 25 Aprile 1915 (credo) in Turchia durante la Prima Guerra Mondiale. In quella data, purtroppo, morirono miglialai di soldati dell'ANZAC e tutt'oggi, il 25 Aprile, in Australia e Nuova Zelanda è il cosiddetto ANZAC DAY...
Nessun "gemellaggio" con la Gallipoli salentina che è comunque stupenda!!!
Complimenti, stupendo viaggio e stupendo report!!!
Saluti.
Marco

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: NUOVA ZELANDA - TR2 - PARTE II

Messaggio da aeb » 13 marzo 2009, 13:38

OT! Su Gallipoli consiglio "The broken years" (Gli anni spezzati) di Peter Weir, con un giovane Mel Gibson
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Rispondi