Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Area interamente dedicata al volo senza motore: in aliante, deltaplano, parapendio e mongolfiera!

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 20 marzo 2011, 11:22

Ciao, è la prima volta che scrivo in questa sezione. Ho visto l'ultimo volo di aliante a Ferrara al Ballon Festival, Ho anche un simulatore di volo (flight simulator) ho imparato a pilotare perfino un 747 ma ancora non un aliante :D .
Quando trovo una termica e il variometro inizia ad emettere un suono piu acuto (correggetemi se sbaglio) come faccio per salire di quota?

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12367
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da AirGek » 20 marzo 2011, 11:51

Addirittura un 747 hai imparato a pilotare, stica. :mrgreen:
Ultima modifica di AirGek il 20 marzo 2011, 11:54, modificato 2 volte in totale.
Tempi duri creano uomini forti,
Uomini forti creano tempi tranquilli,
Tempi tranquilli fanno gli uomini deboli,
Uomini deboli creano tempi duri

Avatar utente
ciccioxx92
FL 500
FL 500
Messaggi: 5988
Iscritto il: 22 luglio 2009, 14:00
Località: 45.055686, 7.655159
Contatta:

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da ciccioxx92 » 20 marzo 2011, 11:52

AirGek ha scritto:Addirittura un 747 hai imparato a pilotare, stica. :mrgreen:
:mrgreen:
Immagine

"Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori"

Avatar utente
m.forna
FL 450
FL 450
Messaggi: 4608
Iscritto il: 6 luglio 2010, 1:07

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da m.forna » 20 marzo 2011, 11:55

ciccioxx92 ha scritto:
AirGek ha scritto:Addirittura un 747 hai imparato a pilotare, stica. :mrgreen:
:mrgreen:
:lol: :lol: :lol:
comunque non si può parlare di simulazione di volo qui, c'è un thread unico: :wink:
http://www.md80.it/bbforum/viewtopic.ph ... 2&#p761102
Marco

simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 20 marzo 2011, 13:11

Ho fatto riferimento al simulatore , ma a me interessava il volo reale.

Avatar utente
Achille
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1114
Iscritto il: 1 gennaio 2010, 17:54
Località: Bolzano - Forlì

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da Achille » 20 marzo 2011, 22:17

Appena senti una termica devi prima di tutto cominciare a virare e poi cercare di raggiungere la zona dove le ascendenze sono più forti (in gergo si dice "centrare la termica). Vorrei poterti dare più info ma per ora ho fatto solo il primo periodo di scuola, quindi niente veleggiamento!
"Failure is not an option." (cit. Eugene F. Kranz)

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 20 marzo 2011, 22:59

Quando senti che il variometro ti indica un'ascendenza, beh, devi stare in quel posto il più possibile e visto che non ti puoi fermare l'unica possibilità è rallentare e girare, girare, girare girare....

Da che parte? Beh, dipende dall'esperienza ma se nell'entrare senti che un'ala si ala più dell'altra beh, è da quella parte che devi girare.

Come si fa a non uscire dalla termica? Va continuamente centrata, quando si stente il variometro salire in quel momento si raddrizza, si allarga per un secondo e si ri-stringe di nuovo.

Questa è la teoria, per la pratica dovresti provare :)

Avatar utente
I-ALLE
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 101
Iscritto il: 11 marzo 2009, 9:49
Località: Modena

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da I-ALLE » 21 marzo 2011, 17:58

Portati un sacchetto però!
Le prime volte stare in termica, specialmente se è stretta, potrebbe non far salire solo la quota, ma anche il pranzo! :lol:
ET SILENTER DELEO

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9890
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da tartan » 21 marzo 2011, 18:18

Entare in una termica stretta, ascendenza, stare in quel posto il più possibile, è una cosa che ricordo con piacere. Ah, scusate, si parla di alianti, come non detto! :drunken:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 21 marzo 2011, 20:48

Grazie, quello che volevo sapere era da che parte virare dentro la termica, quindi ( a parte l'esempio dell' ala che si alza) non fa differenza virare a destra o sinistra?

Avatar utente
libelle
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:57
Località: Firenze
Contatta:

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da libelle » 21 marzo 2011, 21:04

Fa differenza eccome la parte verso cui si desidera virare. La differenza è così sostanziale che se si vira dalla parte sbagliata non solo non si azzecca la termica (specialmente se è stretta) ma si finisce addirittura nella fascia discendente. Di conseguenza non solo non si sale, ma si sprofonda pure.
Le termiche sono delle vere e proprie circuitazioni convettive di aria. A livello schematico e molto idealizzato, si può dire che la termica è costituita da un nucleo centrale ascendente, mentre ai lati sussiste invece la condizione di aria discentente. Questo perché l'aria calda che sale, poi si raffredda e scende al suolo.
Scegliere la direzione al primo acchito può davvero far la differenza tra salire o dover addirittura ritornare a terra (quello che in gergo significa "fare il buco").
Nelle termiche di pendio, che si staccano a poche decine di metri dai costoni e sostanzialmente a bassa quota, aspettare che il variometro segnali l'ascendenza è un metodo tendenzialmente errato per agganciare. Se si aspetta il valore di salita dal variometro, la termica l'abbiamo già attraversata tutta e ne siamo già usciti, magari perdendola.
Il variometro, per lo stesso principio di funzionamento, agisce con un certo ritardo rispetto al vero valore di salita. Nelle termiche più complesse e strette, il variometro rende indicazioni troppo tardive. Il pilota deve accorgersi dell'ascendenza ben prima la rilevi il variometro.
In questi casi, come al solito, sono le chiappe del pilota a fare la differenza. Si, è proprio così e per questo si dice che bisogna volare con il c..lo. Le terminazioni nervose alla base della colonna vertebrale, sono sensibilissime ai movimenti verticali. E' in base a questi segnali che il pilota ormai allenato a percepire questi stimoli è in grado di avvertire subito quando è entrato in termica.
Naturalmente l'ala che si abbassa e l'ala che si alza è un importante riferimento per scegliere il senso di virata.
Di certo il rischio di mancare la termica perché si vira dalla parte giusta, ma troppo in anticipo o troppo in ritardo esiste sempre. L'errore è concesso e magari si può perfezionare il centraggio nei giri successivi. Certo se si è a bassa quota o a poche decine di metri dagli alberi, durante il veleggiamento in costone, c'è poco da girare a destra o sinistra per cercare la termica sfuggente.
Una volta trovata la termica e "catturata" il lavoro non è finito.
Il difficile è entrarci, ma una volta dentro non sempre ci si fa trasportare come in ascensore. Le termiche primaverili (turbolente e pulsanti) o le termiche rotte dal vento, impongono un continuo lavoro sui comandi per mantenere la velocità giusta ed inseguire la termica che tra l'altro ha anche la tendenza ad espellere l'aliante se non si sfrutta bene l'ascendenza.
Importante quindi la velocità e l'inclinazione in modo da salire in spirale in modo corretto e senza fare virate sporche con velocità altalenante e inclinazione della ali non costante, che alla fine porta ad una spirale non omogena e regolare che può causare la perdita della termica.
"think positive, flaps negative!"

simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 22 marzo 2011, 18:52

Grazie, sei stato chiarissimo. Quindi si puo dire che per centrare la termica nel modo e nel verso giusto (virate dx e sx) piu che il variometro ci vuole tantissima esperienza, sentire i movimenti (di c**o :P ) sbagliare all'inizio riprovare e riprovare... Io vedo la cosa molto complicata primo perchè la termica è invisibile (o sbaglio?) poi prendere la decisione di una virata in qualche decimo di secondo, e se la sbaglio la direzione (dx sx) al posto di salire scendo :roll: cavolo...

Avatar utente
libelle
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:57
Località: Firenze
Contatta:

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da libelle » 22 marzo 2011, 19:23

La termica è naturalmente invisibile in quanto come è ovvio non si può vedere l'aria che sale o che scende. Ricordo solo nel 2003, una stagione torrida quanto spettacolare per le condizioni di veleggiamento, si poteva letteralmente trovare le ascendenze e centrarle guardando le cose che letteralmente venivano aspirate all'interno. E' l'unica annata in cui vedevo formarsi i dust devils alle nostre latitudini.
In quell'anno in volo ho trovato foglie che salivano in verticale più veloci di un ascensore e addirittura una volta ho incontrato diversi metri di striscia in plastica per segnalare i lavori in corso che saliva con me in termica a oltre 2500 metri di altitudine.
A parte questi casi più unici che rari, ci sono sempre dei sistemi per individuare la termica.
Il sistema più comune è ovviamente il cumulo. Il cumulo è (quasi) sempre una nuvola che segnala la termica attiva sotto di esso. Naturalmente non sempre i cumuli "danno" come si dice in gergo e a volte giocano pure di brutti scherzi (ci vai sotto e non tirano, perché la termica si è ormai dissolta e il cumulo è in disfacimento). Qualche volta possono dare una mano anche gli uccelli veleggiatori. Falchi, poiane o cicogne sono utilissimi per individuare una termica. Quando salgono loro, probabilmente sali anche tu e quindi li segui per individuare l'ascendenza.
Il bello è quando succede il contrario, cioè quando sono gli uccelli che ti vengono nella termica che stai girando perché ti hanno visto salire.
"think positive, flaps negative!"

simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 22 marzo 2011, 20:39

Quella degli uccelli che ti seguono perche ti vedono salire è una cosa spettacolare!!! Allora ti faccio altre domande :lol: A questo punto siamo all' interno della termica e abbiamo virato nella direzione giusta che ci fa prendere quota, per quanto tempo si tiene questa posizione normalmente 1,2,3 minuti...? Se la risposta è fin che dura la termica, allora una corrente termica quanto dura? si crea e poi svanisce o rimane per qualche minuto?

Avatar utente
I-ALLE
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 101
Iscritto il: 11 marzo 2009, 9:49
Località: Modena

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da I-ALLE » 23 marzo 2011, 15:30

Dunque, hai eseguito la virata dalla parte giusta (l'ala che si alza ti indica che sotto di essa c'è qualcosa che la spinge), centri la termica (sei in pieno core) e cominci a salire.
Quanto? Dipende... dall'intensità della termica!
Ci sono termiche da 1-2 m/s :( e quelle da 5-6 :mrgreen: .
Quando si lascia la termica? Se "paga" fino alla fine solitamente si scappa via prima di arrivare in base cumulo.
Volare in nube con le regole VFR è proibito (oltre che pericoloso) quindi è bene cominciare ad allontanarsi un pelo prima di essere "risucchiati" all'interno del cumulo stesso.
E qui inizia il bello, planare con gli alianti moderni vuol dire mantenere notevoli efficienze anche ad alte velocità (specie se flappati), ma trovare la "rotta energetica" evitando il più possibile le discendenze lungo la strada rimane comunque fondamentale. E poi si ricomincia, nuova termica, nuova quota, nuova autonomia.
Come ogni goccia di carburante per un motore, ogni metro di quota è importante per l'aliante quando si vuole fare distanza.
ET SILENTER DELEO

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 23 marzo 2011, 18:58

simonedonnini80 ha scritto:per quanto tempo si tiene questa posizione normalmente 1,2,3 minuti...?
Scusa per le risposte banali... ma: ci stai quanto serve!

E "quanto serve" dipende da tanti fattori che variano di importanza da termica a termica.

Di normal più quota si riesce a fare, meglio è, ma non sempre è bene cercare di fare più quota possibile.

Se la termica è debole magari vuoi fare il minimo di quota che ti serve e andare a cercarne una più intensa più avanti.
Se devi fare quota per arrivare a casa ci stai finché ce n'è.
Se la termica è potente ci stai finché non perde potenza o non arrivi alla base del cumulo o all'inversione.

Se la maggior velocità ascensionale, per dire, ce l'hai tra i 2000 e i 2500 metri, è inutile andare a 3000 (a meno che non serva per altri motivi) perché così si rallenta solo il passo.
Se la risposta è fin che dura la termica, allora una corrente termica quanto dura? si crea e poi svanisce o rimane per qualche minuto?
Alcune durano per buona parte della giornata, altre sono bolle che durano pochi minuti, dipende dalle condizioni dell'aria.

simonedonnini80
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 398
Iscritto il: 14 febbraio 2009, 10:50

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da simonedonnini80 » 23 marzo 2011, 20:08

I-ALLE ha detto " specie se flappati" fai riferimento ai flap? I flap nell'aliante servono come ad un aereo a motore per volare a velocità basse o hanno diverso scopo?

Avatar utente
Achille
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1114
Iscritto il: 1 gennaio 2010, 17:54
Località: Bolzano - Forlì

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da Achille » 23 marzo 2011, 20:15

Che figata vedere la sezione "Volo a vela" attiva!
Scusate l'OT...
"Failure is not an option." (cit. Eugene F. Kranz)

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 23 marzo 2011, 23:48

simonedonnini80 ha scritto:I-ALLE ha detto " specie se flappati" fai riferimento ai flap? I flap nell'aliante servono come ad un aereo a motore per volare a velocità basse o hanno diverso scopo?
I flap, al pari di quelli su aerei a motore cambiano il profilo alare per adattare l'ala alle condizioni di volo.

Nel volo lento si mettono flap positivi per allontanare lo stallo e volare con un assetto più favorevole alle basse velocità. Si mettono flap a zero quando si deve planare alla massima efficienza.
Si mettono flap negativi quando si deve planare veloci.

Ciao,

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 23 marzo 2011, 23:49

Achille ha scritto:Che figata vedere la sezione "Volo a vela" attiva!
Scusate l'OT...
È arrivata la primavera.... Deo Gratiaz....

Avatar utente
libelle
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 780
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:57
Località: Firenze
Contatta:

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da libelle » 24 marzo 2011, 1:02

Quella degli uccelli che ti seguono perche ti vedono salire è una cosa spettacolare!!! Allora ti faccio altre domande A questo punto siamo all' interno della termica e abbiamo virato nella direzione giusta che ci fa prendere quota, per quanto tempo si tiene questa posizione normalmente 1,2,3 minuti...? Se la risposta è fin che dura la termica, allora una corrente termica quanto dura? si crea e poi svanisce o rimane per qualche minuto?
Mica si vola scandendo i minuti...tutto è relativo e niente è preciso e stabilito. Una termica può anche durare una giornata intera.
Si stacca la mattina quando inizia l'insolazione e rimane attiva per tutta la giornata fino al tramonto. E' una pacchia perché nel caso di unica termica attiva in una distesa di discendenze o di zerini che ti permettono a stento di mantenere la quota ci puoi ogni tanto andare a "far benzina" cioè riguadagnare quota.
Comunque riprendendo una colorita frase di chi fa distanza e deve saper sfruttare tutte le ascendenze per andare e possibilmente anche ritornare a casa, la termica deve essere "mangiata viva". Bisogna avere quindi un rapporto piuttosto intenso con la termica, sfruttandola il più possibile, sia in durata sia in intensità. Le sveltine portano a poco.
Quindi se la termica tira fino a 3500 metri ci si sta dentro fino a raschiare il cumulo per poi andar via.
Se si è in roccolo, cioè con più alianti che stanno spiralando nella stessa termica, io ho la tendenza a levarmi di torno prima di entrare nelle filappere che spesso caratterizzano i cumuli belle attivi. Voglio sempre vedere chi mi sta intorno perché il cielo è tanto grande, ma quello che ti frega è l'aliante che non vedi.
Le termiche possono essere quindi durature, ma molte altre volte non si possono nemmeno definire termiche, sono bollettine di aria calda che salgono. Sono così improvvise che spesso non puoi nemmeno girare. Senti l'ascendenza, provi a virare e fai il buco nell'acqua.
"think positive, flaps negative!"

Avatar utente
I-ALLE
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 101
Iscritto il: 11 marzo 2009, 9:49
Località: Modena

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da I-ALLE » 24 marzo 2011, 14:09

libelle ha scritto:termica deve essere "mangiata viva". Bisogna avere quindi un rapporto piuttosto intenso con la termica, sfruttandola il più possibile, sia in durata sia in intensità. Le sveltine portano a poco.
Con questa entri ufficialmente nel novero dei miei riferimenti! :wink:
Qualcuno è a Rieti quest'anno? Io sarò li per l'S10 (dal 3 al 9 di Luglio). Non vedo l'oraaaaaaa!!!
Li il "mangiare vivo" si dice "STRIGNI ER VALORE"!!!
ET SILENTER DELEO

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 24 marzo 2011, 14:54

libelle ha scritto: Quindi se la termica tira fino a 3500 metri ci si sta dentro fino a raschiare il cumulo per poi andar via.
Però è il caso di precisare che se il tuo scopo è massimizzare il passo (velocità media) potrebbe non convenire usare tutta la termica.

Se ad esempio hai termiche che ti danno una la miglior salita tra 1/3 e 2/3 della loro altezza ti conviene andartene quando il variometro segnala l'indebolimento, ovviamente a patto che non ti serva avere quota extra.

Se il tuo scopo è volare in relax allora fattela pure tutta :)

Avatar utente
Achille
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1114
Iscritto il: 1 gennaio 2010, 17:54
Località: Bolzano - Forlì

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da Achille » 24 marzo 2011, 19:04

I-ALLE ha scritto:Con questa entri ufficialmente nel novero dei miei riferimenti! :wink:
Qualcuno è a Rieti quest'anno? Io sarò li per l'S10 (dal 3 al 9 di Luglio). Non vedo l'oraaaaaaa!!!
Li il "mangiare vivo" si dice "STRIGNI ER VALORE"!!!
Nada per quest'anno, speriamo di esserci l'anno prossimo con un bel po' di ore alle spalle!
"Failure is not an option." (cit. Eugene F. Kranz)

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 25 marzo 2011, 14:22

Achille ha scritto:Nada per quest'anno, speriamo di esserci l'anno prossimo con un bel po' di ore alle spalle!
Guarda che non servono chissà quante ore per fare lo stage. Se hai poca esperienza puoi comunque volare in biposto e conoscere una zona nuova che fa SEMPRE bene.

E magari è l'occasione per fare un passaggio su un monoposto.

Io devo ringraziare chi da noi ha organizzato degli atterraggi negli aeroporti/aviosuperfici vicino a Calcinate, aver fatto un paio di circuiti lì mi ha dato la consapevolezza che quei posti esistono davvero e si possono davvero usare in caso di necessità :)

Ciao,

Avatar utente
Achille
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1114
Iscritto il: 1 gennaio 2010, 17:54
Località: Bolzano - Forlì

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da Achille » 25 marzo 2011, 15:02

vihai ha scritto:
Guarda che non servono chissà quante ore per fare lo stage. Se hai poca esperienza puoi comunque volare in biposto e conoscere una zona nuova che fa SEMPRE bene.
Se potessi ci verrei, però prima...mi devo brevettare! Sto weekend spero di finire la scheda 1/A.
Il prossimo anno però mi piacerebbe un sacco partecipare...

Ciao!
"Failure is not an option." (cit. Eugene F. Kranz)

Avatar utente
vihai
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1163
Iscritto il: 9 ottobre 2006, 14:48

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da vihai » 27 marzo 2011, 1:33

Achille ha scritto: Se potessi ci verrei, però prima...mi devo brevettare!
Ah okay... beh... almeno la licenza ci vuole.

Comunque tranquillo, le belle esperienze che avrai sono comunque talmente tante che non ha senso precorrere le tappe :)

CIao!

Avatar utente
andreaplanet
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 7
Iscritto il: 5 aprile 2010, 12:54
Località: Rieti

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da andreaplanet » 9 maggio 2011, 3:19

Se non sai dove girare in termica gira nel verso controvento, vieni trasportato via meno lontano rispetto alla termica.

Quando sei in una termica tu sali con lei finchè decidi di uscirne oppure finchè hai raggiunto la quota massima che puoi fare con quella termica che di solito corrisponde al punto in cui iniziano le nuvole (che si chiama "base" perché indica appunto la base delle nuvole). Talvolta una termica non finisce in una nube (si chiama termica blu perché hai solo il cielo blu sopra di te), ma anche in quel caso prima o poi finisce la salita per ragioni meterologiche. Questo per dire che non è importante quanto dura la termica, tu dopo un pò ne esci, voli dove vuoi volare e te ne cerchi un'altra. :)

Avatar utente
Orsovolante
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 130
Iscritto il: 3 febbraio 2009, 14:54

Re: Aliante.Quando trovo la termica come mi comporto?

Messaggio da Orsovolante » 5 giugno 2011, 13:16

Ti hanno già risposto in tanti ma provo ad aggiungere la mia.
Intanto la prima cosa che accade quando entri in una termica, è che la velocità tende ad aumentare. Questo perché l'aliante tende a mantenere l'incidenza con cui stava volando e a quel punto è investito da una componente verso il basso che lo fa picchiare.
Quando conosci il tuo aliante quello è il segnale primo che stai attraversando una fascia ascendente.
Come centrare e tenere la termica è un discorso eternamente aperto nel mondo del volo a vela.
Una cosa che mi è stata insegnata tanti anni fa, e che trovo estremamente utile, è che bisogna cercare di immaginare un modello della nostra termica. Ovvero: "immagino che stacchi da quelle rocce, che il vento la scarrocci in questo modo, che finisca da quel lato del cumulo. Questo serve a darci un punto di riferimento. Poi magari la termica è fatta in modo diverso, e noi cambiamo il nostro modello di riferimento. Se però non lo facciamo, si rischia di girare in tondo più o meno a casaccio.
In montagna le termiche tendono ad essere fisse. Ovvero staccano da quel punto, sono inclinate dal vento, ma la loro posizione cambia di poco per tutta la durata del ciclo.
Questo semplifica un po' il centraggio. Una volta individuato il "modello" giusto, ci si aiuta con i riferimenti al suolo e in cielo (cumulo).
In pianura invece succede che tutta la termica tenda a scarrocciare. In questo caso, personalmente, faccio più fatica a tenere centrata la termica. Bisogna farlo usando i valori del variometro ricordando sempre che l'aliante sale più piano rispetto alla massa d'aria e che quindi la sua traiettoria verticale è più scarrocciata di quella della termica. E' necessario allora allargare sempre un po' la traiettoria nel momento in cui ci si trova controvento altrimenti si viene portati fuori dalla termica.
Non è sempre detto che si salga meglio girando in tondo. Spesso capita di dover fare degli ovali, dei triangoli o anche degli 8. Quando sei basso sul suolo o su una cresta, incontri delle bolle disorganizzate che non riesci a stringere. Devi sfruttarle, passando da una all'altra, fino a guadagnare quei 100,150 mt in cui le bolle si riuniscono consentendo una salita più facile ed uniforme. Non è sempre facile farlo e ci vuole spesso un po' di malizia.
Molti piloti termicano solo girando a destra o solo girando a sinistra... questo vuol dire precludersi il 50% delle possibilità. Meglio ripassare l'ingresso in virata e il suo mantenimento, cosi come viene insegnato a scuola, e saperlo fare da entrambe le parti.
Vi è poi tutto il discorso riguardo alla sicurezza... precedenze e costoni ecc...

Rispondi