Vita dopo l 'accademia

Tematiche legate ai corsi d'Accademia ed agli studenti delle stesse

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
squalo88
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 5
Iscritto il: 14 gennaio 2007, 18:19

Vita dopo l 'accademia

Messaggio da squalo88 » 26 febbraio 2007, 18:02

Salve a tutti oltre a essere felicissimo per essere passato alle prove di preselezione dell'accademia,, mi stanno sorgendo delle incertezze per quanto riguarda il mio futuro.
Io ho fatto domanda come navigante e vorrei sapere da qualcuno piu esperto come si svolge la vita dopo i 3 anni di accademia , durante gli annni di leva obbliagatoria.
In poche parole vorrei sapere quali sono le basi dell aeronautica in italia dove si puo essere sbattuti per lavorare , e infine se si ha qualche parola in merito la scelta di quella piu comoda

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Messaggio da Morpheus7 » 2 marzo 2007, 12:04

guarda non ti posso aiutare molto comunque vai sul sito del aeronautica militare troverai qualche risposta ciao
Immagine Luigi G. :indian:

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 2 marzo 2007, 12:43

Magari ripassa dopo che il concorso l`hai vinto davvero...;)

Ro60

Messaggio da Ro60 » 2 marzo 2007, 13:23

Scusa se mi permetto, ma dire "essere sbattuti" o l' ipotesi del poter scegliere DOVE andare a lavorare, mi sembrano considerazioni decisamente al di fuori di ciò che un aspirante (perchè tale sei) pilota possa pretendere.

Se il tuo pensiero è quello di lavorare e non di servire la patria e l'europa, forse è meglio che lasci perdere.

Anzi, se questi sono i tuoi pensieri, incontrerari qualcuno che se ne accorgerà e ti stroncherà la "carriera" sul nascere...

Mi sembra strano che ancor prima di aver varcato la soglia delle aule, tu possa già pensare alla eventuale comodità dell'allocazione in base...

dovrebbe essere l'ultimo dei tuoi pensieri anche se già fossi un aquila turrita.

Avatar utente
fredain
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 208
Iscritto il: 2 gennaio 2007, 18:30
Località: MARINACCAD :(

appunto

Messaggio da fredain » 21 marzo 2007, 2:30

Personalmente spero che mi "sbattano" il più possibile lontano da casa, in un posto diverso ogni mese e negli angoli più scomodi e pericolosi di questo pianeta... :P
- - - -- 9° AUPC MM -- - - -

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Messaggio da FAS » 21 marzo 2007, 7:25

Black Magic e Ro60, non hanno torto! mi associo alle loro considerazioni!


Comunque in base alle tue attitudini gli istruttori /esaminatori ti dicono per quale attivitá di volo sei piú adatto, in base a quello poi il comando ti chiede quali potrebbero essere le aree geografiche (basi) da te preferite.
Non pensate comunque che tutti possono fare il top gun. Potresti essere assegnato anche agli elicotteri, al trasporto ect ect...
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Ro60

Messaggio da Ro60 » 21 marzo 2007, 7:31

Si, è così, personalmente ho visto piloti scartati persino oltre la decina di missioni sullo spillo (TF Grosseto).

Inadattabilità alla macchina.

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Messaggio da FAS » 21 marzo 2007, 7:37

Ro60 ha scritto:Si, è così, personalmente ho visto piloti scartati persino oltre la decina di missioni sullo spillo (TF Grosseto).

Inadattabilità alla macchina.


infatti!
si é sempre sempre sempre sotto esame! in ogni momento!
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Messaggio da zksimo » 22 marzo 2007, 3:59

per la professione che è..ho visto con piacere che molti colleghi che tanto disperatamente volevan linea tattica essere assegnati ad ala rotante ed essere estasiati dal tipo di volo che fanno....c'è sempre il lato buono per tutto...

duck44
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 462
Iscritto il: 14 luglio 2007, 11:59

Messaggio da duck44 » 15 luglio 2007, 12:15

Allora se posso:
Sbattere non è bello, anzi. Poi siamo Italici e quindi per ciò che riguarda il futuro non si sa mai. Misto di linea assegnata, maniglie, aspirazioni etc. etc.
Nelle altre FFAA le basi son poche ed è facile pensare che se c'è un solo gruppo AV-8... e ti assegnano all' AV-8...
In AM no.
Comunque nel dubbio... segalo!
Questo era il mio motto da istruttore/esaminatore.
Pensa se i dubbi vengono prima a te. Sei già autosegato.

Avatar utente
iceam
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 170
Iscritto il: 14 febbraio 2008, 22:40
Località: Roma

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da iceam » 22 marzo 2008, 22:58

In base alle capacità che hai dimostrato di avere alle scuole di volo,verrai assegnato al reparto, ho avuto il modo di conoscere una persona che è entrata in accademia e si era fissata sul tornado,finite le scuole di volo,non ha mostrato buone predisposizioni per volare su linee aereo-tattiche ed è stato assegnato sugli elicotteri al 15°stormo,all'85°gruppo combat-sar di pratica di mare,l'idea non gli andò giù e ha rassegnato subito le dimissioni prima di conseguire la combat-ready,ora lavora con il padre in un negozio di vestiti,e sta pagando amaramente la scelta che ha fatto,perciò io dico che il mondo visto dall'alto è bellissimo,arrivarci è un gran traguardo,poi le preferenze del mezzo con cui volarci teniamocele per noi

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da Morpheus7 » 25 marzo 2008, 15:28

ohoo o a me basta anche un nh 500 basta che volooooooo e che sono un militare vahh bene anche il 42° stormo di catania qualsiasiiii
Immagine Luigi G. :indian:

Avatar utente
dudi
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 4 aprile 2007, 12:42

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da dudi » 25 marzo 2008, 15:39

iceam ha scritto:In base alle capacità che hai dimostrato di avere alle scuole di volo,verrai assegnato al reparto, ho avuto il modo di conoscere una persona che è entrata in accademia e si era fissata sul tornado,finite le scuole di volo,non ha mostrato buone predisposizioni per volare su linee aereo-tattiche ed è stato assegnato sugli elicotteri al 15°stormo,all'85°gruppo combat-sar di pratica di mare,l'idea non gli andò giù e ha rassegnato subito le dimissioni prima di conseguire la combat-ready,ora lavora con il padre in un negozio di vestiti,e sta pagando amaramente la scelta che ha fatto,perciò io dico che il mondo visto dall'alto è bellissimo,arrivarci è un gran traguardo,poi le preferenze del mezzo con cui volarci teniamocele per noi


..........e io conosco un ragazzo che dopo essere entrato (ruolo normale) ed aver conseguito il BPA a Latina, quando ha capito che avrebbe volato pochissimo (elicoterri, Tornado, etc., poco importa!!) ha dato le dimissioni. Ora (a 24 anni) sono due anni che è pilota di linea in UK (su A320) ed ha circa 1600 ore "on type". Hai ragione: il mondo visto dall'alto è bellissimo.....!!!
Buona fortuna a tutti

Avatar utente
Eberk89
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 73
Iscritto il: 18 dicembre 2007, 22:29
Località: troppo distante dal cielo
Contatta:

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da Eberk89 » 25 marzo 2008, 15:42

dudi ha scritto:
iceam ha scritto:In base alle capacità che hai dimostrato di avere alle scuole di volo,verrai assegnato al reparto, ho avuto il modo di conoscere una persona che è entrata in accademia e si era fissata sul tornado,finite le scuole di volo,non ha mostrato buone predisposizioni per volare su linee aereo-tattiche ed è stato assegnato sugli elicotteri al 15°stormo,all'85°gruppo combat-sar di pratica di mare,l'idea non gli andò giù e ha rassegnato subito le dimissioni prima di conseguire la combat-ready,ora lavora con il padre in un negozio di vestiti,e sta pagando amaramente la scelta che ha fatto,perciò io dico che il mondo visto dall'alto è bellissimo,arrivarci è un gran traguardo,poi le preferenze del mezzo con cui volarci teniamocele per noi


..........e io conosco un ragazzo che dopo essere entrato (ruolo normale) ed aver conseguito il BPA a Latina, quando ha capito che avrebbe volato pochissimo (elicoterri, Tornado, etc., poco importa!!) ha dato le dimissioni. Ora (a 24 anni) sono due anni che è pilota di linea in UK (su A320) ed ha circa 1600 ore "on type". Hai ragione: il mondo visto dall'alto è bellissimo.....!!!
Buona fortuna a tutti


costui aveva un bel botto di soldi...

Avatar utente
dudi
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 4 aprile 2007, 12:42

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da dudi » 25 marzo 2008, 15:49

Eberk89 ha scritto:
dudi ha scritto:
iceam ha scritto:In base alle capacità che hai dimostrato di avere alle scuole di volo,verrai assegnato al reparto, ho avuto il modo di conoscere una persona che è entrata in accademia e si era fissata sul tornado,finite le scuole di volo,non ha mostrato buone predisposizioni per volare su linee aereo-tattiche ed è stato assegnato sugli elicotteri al 15°stormo,all'85°gruppo combat-sar di pratica di mare,l'idea non gli andò giù e ha rassegnato subito le dimissioni prima di conseguire la combat-ready,ora lavora con il padre in un negozio di vestiti,e sta pagando amaramente la scelta che ha fatto,perciò io dico che il mondo visto dall'alto è bellissimo,arrivarci è un gran traguardo,poi le preferenze del mezzo con cui volarci teniamocele per noi


..........e io conosco un ragazzo che dopo essere entrato (ruolo normale) ed aver conseguito il BPA a Latina, quando ha capito che avrebbe volato pochissimo (elicoterri, Tornado, etc., poco importa!!) ha dato le dimissioni. Ora (a 24 anni) sono due anni che è pilota di linea in UK (su A320) ed ha circa 1600 ore "on type". Hai ragione: il mondo visto dall'alto è bellissimo.....!!!
Buona fortuna a tutti


costui aveva un bel botto di soldi...


No, ti sbagli. "Costui" voleva solo volare e lo voleva fin da bambino. Una buona parte dei suoi studi li ha fatti con una borsa di studio. "Costui" ha semplicemente realizzato il suo sogno.
In bocca al lupo di cuore

Avatar utente
Eberk89
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 73
Iscritto il: 18 dicembre 2007, 22:29
Località: troppo distante dal cielo
Contatta:

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da Eberk89 » 25 marzo 2008, 16:12

purtroppo tutti i piloti mi hanno sempre detto che pagarsi i brevetti per pilota di linea costa moltissimo... quali sono le possibilità per non dover sborsare 60.000 euri l'anno per prendersi i brevetti?

Avatar utente
dudi
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 4 aprile 2007, 12:42

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da dudi » 25 marzo 2008, 16:45

Ciao Eberk89, quello che dici, in parte è vero. Non sono 60.000 Euro all'anno, ma più o meno il costo di un integrato ATPL (possibilmente all'estero). Il fatto è che che ci sono alcuni luoghi comuni su questo argomento. E' vero che conseguire una licenza di pilota di linea (frozen) ha costi elevati, ma è anche vero che se si affronta questo percorso con i presupposti di poter riuscire nell'85% dei casi ci si riesce (diciamo così: se chi inizia questa avventura è cosciente di essere una persona valida, di avere provate capacità attitudinali, di parlare PERFETTAMENTE l'inglese - e magari anche un'altra lingua straniera - di volersi sacrificare, di essere disposto a trasferirsi in qualunque parte del mondo, di non arrendersi davanti alle prime difficoltà, allora il successo sarà quasi certo). Il che significa che dopo un paio d'anni di lavoro in linea si è rientrati del capitale speso (magari ottenuto con un mutuo o con un prestito). Purtroppo, però, mi è capitato di vedere tanti ragazzi che, pur non avendo le capacità tecniche/culturali/psicologiche/attitudinali (indipendentemente dalle possibilità economiche), hanno conseguito comunque "il pezzo di carta", ma sono rimasti a terra. Questa è la realtà. Ora smetto perchè non vorrei andare off topic. Ti rinnovo gli auguri e ti saluto

Avatar utente
raoul80
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1272
Iscritto il: 17 maggio 2006, 12:27
Località: Milano - Bari

Re:

Messaggio da raoul80 » 25 marzo 2008, 16:55

zksimo ha scritto:per la professione che è..ho visto con piacere che molti colleghi che tanto disperatamente volevan linea tattica essere assegnati ad ala rotante ed essere estasiati dal tipo di volo che fanno....c'è sempre il lato buono per tutto...



Ragazzi scusate per l'intromissione ma volevo solo dire:

BENTORNATO SIMO!!!!

Avatar utente
touchdown
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 753
Iscritto il: 5 maggio 2006, 16:14

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da touchdown » 25 marzo 2008, 17:33

raoul80 ha scritto:
zksimo ha scritto:per la professione che è..ho visto con piacere che
molti colleghi che tanto disperatamente volevan linea tattica essere
assegnati ad ala rotante ed essere estasiati dal tipo di volo che
fanno....c'è sempre il lato buono per tutto...



Ragazzi scusate per l'intromissione ma volevo solo dire:

BENTORNATO SIMO!!!!


non per cose ma quel messaggio risale a un anno fa... :wink:
"...e mentre la mente, in silenziosa ascesa, superava l'alto, inviolato santuario dello spazio, levai in alto la mano e sentii il volto di Dio." - J.G.Magee Junior


Virtute Siderum Tenus!


controlli pre-acro fatti, virata di sicurezza, riferimento, 7000 ft, motore a 10 di PDA...85 nodi...83...82..81...80....TUTTO PEDALE E BARRA ALLA PANCIA!!

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da Morpheus7 » 25 marzo 2008, 17:39

dudi ha scritto:Ciao Eberk89, quello che dici, in parte è vero. Non sono 60.000 Euro all'anno, ma più o meno il costo di un integrato ATPL (possibilmente all'estero). Il fatto è che che ci sono alcuni luoghi comuni su questo argomento. E' vero che conseguire una licenza di pilota di linea (frozen) ha costi elevati, ma è anche vero che se si affronta questo percorso con i presupposti di poter riuscire nell'85% dei casi ci si riesce (diciamo così: se chi inizia questa avventura è cosciente di essere una persona valida, di avere provate capacità attitudinali, di parlare PERFETTAMENTE l'inglese - e magari anche un'altra lingua straniera - di volersi sacrificare, di essere disposto a trasferirsi in qualunque parte del mondo, di non arrendersi davanti alle prime difficoltà, allora il successo sarà quasi certo). Il che significa che dopo un paio d'anni di lavoro in linea si è rientrati del capitale speso (magari ottenuto con un mutuo o con un prestito). Purtroppo, però, mi è capitato di vedere tanti ragazzi che, pur non avendo le capacità tecniche/culturali/psicologiche/attitudinali (indipendentemente dalle possibilità economiche), hanno conseguito comunque "il pezzo di carta", ma sono rimasti a terra. Questa è la realtà. Ora smetto perchè non vorrei andare off topic. Ti rinnovo gli auguri e ti saluto

scusa mah fino ad ora mi sono interessato solo di aviazione militare e non co un h di quella civile .. comunque mi spieghi meglio magari per mp se ti va come funziona?? so che ce da prendere solo l'ATPL e poi una volta presa l'atpl sei un pilota a tutti gli effetti e ti devi cercare solo una compagnia che ti prende ?? (quante ore di volo servono per entrare in una compagnia aerea??'


SCUSATE L'OFFFFFFFFFF TOPIC
Immagine Luigi G. :indian:

Avatar utente
Eberk89
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 73
Iscritto il: 18 dicembre 2007, 22:29
Località: troppo distante dal cielo
Contatta:

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da Eberk89 » 25 marzo 2008, 17:56

zksimo è un accademista?

Avatar utente
touchdown
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 753
Iscritto il: 5 maggio 2006, 16:14

Re: Vita dopo l 'accademia

Messaggio da touchdown » 25 marzo 2008, 18:02

Eberk89 ha scritto:zksimo è un accademista?



no è un pilota di marina, sugli AV-8
"...e mentre la mente, in silenziosa ascesa, superava l'alto, inviolato santuario dello spazio, levai in alto la mano e sentii il volto di Dio." - J.G.Magee Junior


Virtute Siderum Tenus!


controlli pre-acro fatti, virata di sicurezza, riferimento, 7000 ft, motore a 10 di PDA...85 nodi...83...82..81...80....TUTTO PEDALE E BARRA ALLA PANCIA!!

Rispondi