Malitalia

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
Kansai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 469
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 20:05
Località: Minato-ku, Tokyo, Japan

Messaggio da Kansai » 5 maggio 2007, 15:25

Fearless flyer ha scritto:
super33 ha scritto:
Daniele77 ha scritto:Fortunato il Sig. Zucconi che può permettersi di fare il giro del mondo piuttosto che prendere "Malitalia".
Io difendo Alitalia perchè continuo a considerarla una bandiera del nostro paese nel mondo, con i suoi alti e con i suoi bassi.
Mi ricordo di un viaggio con Az, Amsterdam-Linate l'agosto scorso, in cui il personale a bordo certo non brillava per cortesia ed educazione.
...
Quando certi atteggiamenti te li ritrovi spesso, tipo una ottantina di voli l'anno (che finalmente non faccio più) ti assicuro che è una scocciatura e se hai un'alternativa... per dirne una: soprattutto in inverno, se non ti imbarchi tra i primi, trovi puntualmente le cappelliere piene di bagagli in eccesso (fuori misura o più borse per pax) e soprabiti, e MAI gli AAVV li hanno fatti imbarcare in stiva. E non ditemi colpa dei pax, ho verificato che altri non permettono certe cose, con cortesia e fermezza.
E scometto che tu hai sempre portato rigorosamente un solo bagaglio a mano e dalle misure previste.... :roll:
E non ricordo in quale altro thread che ho letto parecchio tempo fa qualcuno ha criticato la rigida fermezza di un addetto di scalo AZ che ha rifiutato di far imbarcare ad un passeggero due bagagli anzichè uno solo.
Io viaggio spessissimo e ogni volta che gli AV dicono ad un passeggero che uno dei due bagagli verrà mandato in stiva non vi dico gli anatemi nei confronti della compagnia.... :roll:


Insomma ragazzi, Alitalia ha tanti problemi e chi sta dentro ne è più consapevole di chi sta fuori ma criticare AZ per il fatto che le cappelliere sono piene.....vabbè dai.....cerchiamo di far salire di livello la discussione.

Luca
Concordo con Luca, molto spesso quelli che criticano la compagnia (o le compagnie) sono quelli che viaggiano in economy e credono di farla franca con un bagaglio registrato da 28 kg e un bagaglio a mano da 15...
Quando si tratta di pagare nessuno vuole pagare mai!
Dico questo perché alcuni miei amici, fortunatamente pochi, sono della fattispecie.
"Se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue Istituzioni e delle sue Leggi; non possiamo oltre delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti" (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

http://www.flickr.com/photos/dave_italy

Avatar utente
dc10viasa
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 440
Iscritto il: 19 luglio 2006, 7:01
Località: Torino

Messaggio da dc10viasa » 5 maggio 2007, 15:47

"quelli che viaggiano in economy?"
scusa?????

:?:
Una sigaretta è il prototipo perfetto di un perfetto piacere. E' squisita e lascia insoddisfatti. Che cosa si può volere di più? (Oscar Wilde)

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9256
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 5 maggio 2007, 15:49

Dal momento che Zucconi e' il direttore di una autorevole testata giornalistica, mi sarei aspettato da lui una maggiore critica costruttiva.
Dato che tutto cio' che si trova a bordo di un aeromobile deve essere preventivamente approvato da ENAC (Stato) io al posto suo mi sarei domandato se il seggiolino rientrasse fra una di queste cose.
Nel caso avessi scoperto che la normativa iitaliana su questo argomento è lacunosa, mi sarei chiesto di chi fosse la responsabilita' se, magari a seguito di un rejected takeoff, il seggiolino si sganciasse con le relative conseguenze che vi lascio immaginare per il bambino o per un passeggero che non riuscisse ad evacuare l'aereo perchè l'uscita è bloccata proprio da un seggiolino.
A chi arriverebbe l'avviso di garanzia? All'ENAC? Alla compagnia? Agli AAVV o al Comandante?
Un piccolo approfondimento di come gestiscono la cosa gli altri paesi poi, non sarebbe guastato..
Ovvio che un articolo cosi' "tecnico" avrebbe interessato pochi lettori.. vuoi mettere un bel titolo
"Quei cattivacci stipendiati con le nostre tasche non mi hanno fatto imbarcare il seggiolino?"
Questo si che in italia attira. E Zucconi, che è sveglio, questo lo sa benissimo.

La questione dei bagagli e le cappelliere invece è piu' curiosa.
Da un lato si pretende che Alitalia sia elastica sull'imbarco dei bagagli (letto qui sul forum)
e dall'altro ci si lamenta se le cappelliere sono piene.
Io preferisco vivere in un paese dove le regole sono piu' elastiche, ma questo non deve essere un concetto unilaterale.
Credo che il passeggero medio civile, dovrebbe portare *un* solo bagaglio delle dimensioni previste, e non sperare di farla franca
imbarcandosi prima. Fatevi un Linate Roma il venerdi sera e contate i bagagli al seguito dei passeggeri.
Ed ancora..avete mai visto all'imbarco, il signore difronte a voi, prendere una rassegna stampa di 4/5 giornali?
Se ne dovrebbe prendere uno solo altrimenti l'ultimo passeggero che sale sarà costretto a leggere l'Eco Di Kabul. MA in fin dei conti, chi lo conosce l'ultimo passeggero che si imbarca. Peggio per lui, si poteva svegliare prima.
E' tutta qui la questione.

LA funzione degli AAVV, se a qualcuno fosse sfuggito, non è quella di litigare con il passeggero perchè non vuole lasciare il suo bagaglio.
La sua risposta il 99% delle volte sarà "Ma come?! Su me l'hanno fatta passare, quindi ora me la porto dietro!!". Moltiplicate la suddetta discussione per N passeggeri a volo, moltiplicato per 3/4 tratte, moltiiplicate per 3/4 giorni di avvicendamento.
Il risultato sarà la voglia che ha l'AV di sbarcare il bagaglio ad un passeggero.

Invece di scrivere articoli al vetriolo, ci vorrebbe un po' di senso civico, cosa che abbonda in altri paesi, ma è totalmente sconosciuta nel nostro.
Sono certo che vivremmo tutti un po' meglio.

SAluti
Ultima modifica di air.surfer il 5 maggio 2007, 15:57, modificato 4 volte in totale.

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 maggio 2007, 15:49

...Per non parlare della signora milanese sessantenne con figlia al fianco che su un volo AZ MXP-CDG dell'anno scorso ha fatto una piazzata indecorosa all'A/V (fossi stato al suo posto avrei alzato le mani.... lui non ha battuto ciglio) perchè ALLE 4 DEL POMERIGGIO AZ SERVIVA SOLO UNO SNACK ACCOMPAGNATO DA UNA BIBITA!!!!! Su un volo da 1h05'.... C'è gente che non sa proprio stare al mondo.....

P.S. naturalmente , si volava in Y... se fosse stata su Iberia, quello snack ed un bicchiere di H2O le sarebbero costati 6-7 €....
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 maggio 2007, 15:52

dc10viasa ha scritto:"quelli che viaggiano in economy?"
scusa?????

:?:
Già... io viaggio sia in Economy (più spesso) che in Business (meno), e non mi pare che ci sia una sostanziale differenza nel tasso medio di maleducazione e di "incapacità di comportarsi da passeggero educato".. di piazzate ne ho viste sia in fila 1 che in fila 30....
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
Kansai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 469
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 20:05
Località: Minato-ku, Tokyo, Japan

Messaggio da Kansai » 5 maggio 2007, 15:55

dc10viasa ha scritto:"quelli che viaggiano in economy?"
scusa?????

:?:
Per l'economy la franchigia del bagaglio registrato non è 20 Kg. sugli intercontinentali ?
Ultima modifica di Kansai il 5 maggio 2007, 16:23, modificato 1 volta in totale.
"Se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue Istituzioni e delle sue Leggi; non possiamo oltre delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti" (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

http://www.flickr.com/photos/dave_italy

Avatar utente
Kansai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 469
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 20:05
Località: Minato-ku, Tokyo, Japan

Messaggio da Kansai » 5 maggio 2007, 16:00

Parlavo esclusivamente di franchigia bagaglio. Sono anch'io convinto che i maleducati e i poco rispettosi delle regole stanno in Prima, come in Business, come in Economy.
"Se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue Istituzioni e delle sue Leggi; non possiamo oltre delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti" (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

http://www.flickr.com/photos/dave_italy

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 maggio 2007, 16:09

air.surfer ha scritto:Dal momento che Zucconi e' il direttore di una autorevole testata giornalistica, mi sarei aspettato da lui una maggiore critica costruttiva.
Dato che tutto cio' che si trova a bordo di un aeromobile deve essere preventivamente approvato da ENAC (Stato) io al posto suo mi sarei domandato se il seggiolino rientrasse fra una di queste cose.
Nel caso avessi scoperto che la normativa iitaliana su questo argomento è lacunosa, mi sarei chiesto di chi fosse la responsabilita' se, magari a seguito di un rejected takeoff, il seggiolino si sganciasse con le relative conseguenze che vi lascio immaginare per il bambino o per un passeggero che non riuscisse ad evacuare l'aereo perchè l'uscita è bloccata proprio da un seggiolino.
A chi arriverebbe l'avviso di garanzia? All'ENAC? Alla compagnia? Agli AAVV o al Comandante?
Un piccolo approfondimento di come gestiscono la cosa gli altri paesi poi, non sarebbe guastato..
Ovvio che un articolo cosi' "tecnico" avrebbe interessato pochi lettori.. vuoi mettere un bel titolo
"Quei cattivacci stipendiati con le nostre tasche non mi hanno fatto imbarcare il seggiolino?"
Questo si che in italia attira. E Zucconi, che è sveglio, questo lo sa benissimo.

La questione dei bagagli e le cappelliere invece è piu' curiosa.
Da un lato si pretende che Alitalia sia elastica sull'imbarco dei bagagli (letto qui sul forum)
e dall'altro ci si lamenta se le cappelliere sono piene.
Io preferisco vivere in un paese dove le regole sono piu' elastiche, ma questo non deve essere un concetto unilaterale.
Credo che il passeggero medio civile, dovrebbe portare *un* solo bagaglio delle dimensioni previste, e non sperare di farla franca
imbarcandosi prima. Fatevi un Linate Roma il venerdi sera e contate i bagagli al seguito dei passeggeri.
Ed ancora..avete mai visto all'imbarco, il signore difronte a voi, prendere una rassegna stampa di 4/5 giornali?
Se ne dovrebbe prendere uno solo altrimenti l'ultimo passeggero che sale sarà costretto a leggere l'Eco Di Kabul.
E' tutta qui la questione.

LA funzione degli AAVV, se a qualcuno fosse sfuggito, non è quella di litigare con il passeggero perchè non vuole lasciare il suo bagaglio.
La sua risposta il 99% delle volte sarà "Ma come?! Su me l'hanno fatta passare, quindi ora me la porto dietro!!". Moltiplicate la suddetta discussione per N passeggeri a volo, moltiplicato per 3/4 tratte, moltiiplicate per 3/4 giorni di avvicendamento.
Il risultato sarà la voglia che ha l'AV di sbarcare il bagaglio ad un passeggero.

Invece di scrivere articoli al vetriolo, ci vorrebbe un po' di senso civico, cosa che abbonda in altri paesi, ma è totalmente sconosciuta nel nostro.
Sono certo che vivremmo tutti un po' meglio.

SAluti
Quoto, riquoto e straquoto.... per quel che riguarda la "mazzetta" dei giornali, fate caso a quanti allo sbarco mollano il tutto per terra - cercando, possibilmente, di seminare i fogli il più possibile....

Ragazzi, diamoci una regolata - come passeggeri, intendo: il semplice fatto di aver pagato un biglietto (o che l'azienda per la quale lavori ti abbia pagato un biglietto) non ti/ci autorizza automaticamente a farci bellamente i ***** nostri! Si può parlar male quanto si vuole delle varie compagnie e del trattamento ricevuto a bordo (od in aeroporto) ma - da viaggiatore abituale - posso assicurarvi che da parte dei passeggeri se ne vedono di cotte e di crude. Il soggetto bagaglio a mano è un hit, ma potrei passare ore a raccontarvi aneddoti su tutte le possibili situazioni di "conflitto" pax-A/V che si possono verificare su un A/M.... Nel 2001 (o 2002?) il mio volo AZ da LHR a MXP arrivò con oltre due ore di ritardo perchè alcuni passeggeri si erano imbarcati con dei fuochi artificiali nel bagaglio a mano (OK, eravamo a metà dicembre, ma chi ***** compra i fuochi artificiali a Londra?). La prima ad autodenunciarsi fu una signora due file avanti a me (aveva letto con attenzione la safety card...), seguita - dopo messaggio in cabina del comandante! - da un altro paio di idioti. Un ragazzotto oppose fiera resistenza allo steward, dicendo che non aveva nessuna intenzione di sbarcare qualcosa che aveva acquistato con i suoi soldi... lo steward lo guardò brutto e gli disse "Lei può rimanere a bordo senza i suoi fuochi artificiali, o può scendere con i suoi fuochi artificiali. Tertium non datur". Credo che il ragazzotto non abbia afferrato il senso della citazione latina, ma evidentemente lo sguardo dell'A/V era abbastanza significativo di per sé....
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
Kansai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 469
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 20:05
Località: Minato-ku, Tokyo, Japan

Messaggio da Kansai » 5 maggio 2007, 16:24

Dai... ma come c***o si fa a portare i fuochi artificiali a bordo!
Forse posso capire la poco felice idea di comprare fuochi artificiali a Londra, ma portarli a bordo solo un mentecatto lo farebbe!
"Se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue Istituzioni e delle sue Leggi; non possiamo oltre delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti" (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

http://www.flickr.com/photos/dave_italy

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 maggio 2007, 16:30

Kansai ha scritto:Dai... ma come c***o si fa a portare i fuochi artificiali a bordo!
Garantisco, tutta roba vera... quando il pir** si è rifiutato - in prima istanza - di consegnare il tutto allo steward, per un attimo ho temuto che gli altri passeggeri (ragionevolmente in****ati neri) tentassero il linciaggio.... si trattava di una comitiva di turisti delle mie parti in gita a Londra (niente contro i turisti, sia ben chiaro...altrettante ne ho visto da parte di azzimati ed anche attempati businessmen e businesswomen.... :), a cui evidentemente qualche idiota aveva suggerito di fare shopping in un negozio di fuochi artificiali nella Chinatown londinese....

Su quel volo, i mentecatti erano quattro...
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

avio24
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 26 ottobre 2006, 10:02

Messaggio da avio24 » 5 maggio 2007, 16:44

Fly Away ha scritto:
avio24 ha scritto:
Questo tipo di bandiera è meglio ammainarla!
Cosa intendi dire? Stai parlando di chiuedere Alitalia? Penso che non debba essere io a doverti dire che questo forum è (giustamente) molto severo con chi fa certe affermazioni. Ricordati che si sta sempre parlando di persone che lavorano, che hanno una famiglia, e che francamente non lo prenderebbero bene un fallimento di Alitalia. La tua non è una critica costruttiva, è una critica distruttiva!!
Allora, prima di tutto non ho offeso nessuno. Alitalia non è una persona fisica, ma una società formata da dipendenti che vengono diretti dai loro dirigenti e mega dirigenti (tipo Cimoli per intenderci).
Le nostre bandiere sono tante per fortuna a cominciare da quelle imprese che all'estero sono conosciutissime e stiamate da tutti e che ci rendono orgogliosi di essere italiani.
Alitalia purtroppo è un grande carozzone, che è ampiamente criticabile a livello dirigenziale. Io, come contribuente, ho partecipato molte volte, troppe volte all'ennesimo salvataggio di Alitalia, con risultati ogni volta più fallimentari e quindi non vedo perchè devo andarne anche fiero.
Capisco benissimo che il problema è complesso, che L'Italia avrebbe bisogno di una sana compagnia di bandiera, e quindi il passaggio potrebbe avvenire solamente con una completa rifondazione della società, cosa che è accaduta in Svizzera e Belgio, senza particolari problemi. Speriamo che la privatizzazione voluta dal recente Governo porti a dei risultati positivi e che non si faccia la stessa fine di Telecom.
Mi conforta il fatto che leggendo i post successivi, molte persone, con diverse sfumature sono della mia idea. Io rispetto pienamente le opinioni di quelli che la pensano diversamenta da me, ma credo che in un forum, senza offendere nessuno si possano esprimere serenamente le proprie opinioni.

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 maggio 2007, 16:53

avio24 ha scritto:Mi conforta il fatto che leggendo i post successivi, molte persone, con diverse sfumature sono della mia idea. Io rispetto pienamente le opinioni di quelli che la pensano diversamenta da me, ma credo che in un forum, senza offendere nessuno si possano esprimere serenamente le proprie opinioni.
Perfettamente d'accordo, Avio. Io, per quel che mi riguarda, stolidamente forse, continuerò a volare AZ.... augurandomi che finalmente la nostra compagnia di bandiera possa essere diretta da buone mani e buone teste, senza dover arrivare a soluzioni stile Sabena o Swissair (che ora è tedesca....), e senza che debba essere sperperato quel patrimonio di know-how tecnologico ed umano che è rappresentato dai "lavoratori" AZ (dal comandante più anziano al tecnico junior). Buona domenica :) !
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 5 maggio 2007, 17:38

Comunque io vedo che gli hangar di Alitalia la sera chiudono e la mattina riaprono con comodo: evidentemente hanno tante macchine, tutte efficienti e nessun bisogno di lavorare di notte, come invece capita a tutti gli altri "uffici" che non vedo mai spenti...
ok, ma non dirlo in giro altrimenti pensano che non vogliano lavorare la notte perchè non sono mica fornai. Poi, anche la mia azienda ha molti dipendenti in cassa integrazione, ma mica vogliamo (possiamo) essere come in AZ. Eh? :roll:
Ultima modifica di Flyfree il 5 maggio 2007, 19:13, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Daniele77
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1160
Iscritto il: 28 febbraio 2007, 12:07
Località: Milano e dintorni

Messaggio da Daniele77 » 5 maggio 2007, 17:53

Allora, prima di tutto non ho offeso nessuno. Alitalia non è una persona fisica, ma una società formata da dipendenti che vengono diretti dai loro dirigenti e mega dirigenti (tipo Cimoli per intenderci).
Concordo
Le nostre bandiere sono tante per fortuna a cominciare da quelle imprese che all'estero sono conosciutissime e stiamate da tutti e che ci rendono orgogliosi di essere italiani
Ad esempio?
Speriamo che la privatizzazione voluta dal recente Governo porti a dei risultati positivi e che non si faccia la stessa fine di Telecom.
Speriamolo davvero!
Se amiamo tutti gli animali perche' alcuni li chiamiamo 'amoruccio santo' e altri 'cena' ?

Avatar utente
super33
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 373
Iscritto il: 7 novembre 2006, 16:27
Località: Roma

Messaggio da super33 » 5 maggio 2007, 18:12

Fearless flyer ha scritto: E scometto che tu hai sempre portato rigorosamente un solo bagaglio a mano e dalle misure previste.... :roll:
Visto che scommetti, la risposta è SI perchè viaggiavo in Italia per lavoro facendo a/r in giornata, e portavo con me SOLO la borsa del portatile che rientra ampiamente nei limiti di peso/dimensioni. Poichè degli aeroporti italiani me ne mancano davvero pochi, il 99% erano voli Alitalia senza alternative utili (detto tra noi: cercavo anche di dare una mano scegliendo AZ...) ma dopo un po' certe cose diventano fastidiose.
E non ricordo in quale altro thread che ho letto parecchio tempo fa qualcuno ha criticato la rigida fermezza di un addetto di scalo AZ che ha rifiutato di far imbarcare ad un passeggero due bagagli anzichè uno solo.
Io viaggio spessissimo e ogni volta che gli AV dicono ad un passeggero che uno dei due bagagli verrà mandato in stiva non vi dico gli anatemi nei confronti della compagnia.... :roll:
A me è capitato di vedere le scenate al momento dell'imbarco, quando a fermare gli eccessi era il personale di terra; praticamente mai gli AAVV hanno sbarcato qualcosa, anzi hanno cercato una sistemazione ai malcapitati giunti "tardi" (non so se avete notato, ma quelli col bagaglio impossibile sono sempre tra i primi in fila...)
Insomma ragazzi, Alitalia ha tanti problemi e chi sta dentro ne è più consapevole di chi sta fuori ma criticare AZ per il fatto che le cappelliere sono piene.....vabbè dai.....cerchiamo di far salire di livello la discussione.

Luca
Bah... era una banale osservazione,, fatta per rimanere in tema col 3D che ricordo partiva da un aneddoto di Zucconi sul personale Alitalia e sui mezzi della compagnia visti dal passeggero.
Ultima modifica di super33 il 5 maggio 2007, 23:56, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
super33
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 373
Iscritto il: 7 novembre 2006, 16:27
Località: Roma

Messaggio da super33 » 5 maggio 2007, 18:18

Kansai ha scritto:Concordo con Luca, molto spesso quelli che criticano la compagnia (o le compagnie) sono quelli che viaggiano in economy e credono di farla franca con un bagaglio registrato da 28 kg e un bagaglio a mano da 15...
Quando si tratta di pagare nessuno vuole pagare mai!
Dico questo perché alcuni miei amici, fortunatamente pochi, sono della fattispecie.
Nota che i voli nazionali non hanno classi distinte... e comunque i passeggeri ne approfittano, anche perchè la cosa è generalmente accettata.

Echo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 322
Iscritto il: 25 novembre 2005, 14:42

Messaggio da Echo » 5 maggio 2007, 18:28

Mi stavo organizzando un viaggio in California per quest'estate... da Venezia per Los Angeles le opzioni sono: qualsiasi compagnia aerea (KLM, British Airways, AirFrance, Lufthansa, Iberia, Swiss, Austrian ecc ecc) con 1 solo scalo nel loro hub e una spesa media di 850€, Delta volo diretto con pitstop di 2h ad Atlanta per addirittura 770€. Mi sono detto: "Perchè non provare a vedere Alitalia??" la tariffa minore: 1200€ tratte Venezia-Roma-New York-Los Angeles e ritorno Los Angeles-Atlanta-Milano-Venezia... ma siamo impazziti??
Che convenienza avrei a prendere Alitalia?? Se questa è l'immagine... lasciamola lì!
E poi non è la compagnia di bandiera... non esiste più questa classificazione, esistono vettori comunitari o non comunitari.

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 5 maggio 2007, 18:34

deltagolf ha scritto:
E' il concetto di catorcio scrostato che neanche la Sudan Air vorrebbe in flotta che mi fa rabbrividire. D'altronde, da un noto esperto come Zucconi queste valutazioni sono ben accette...
Hai perfettamente ragione Maxx, però l'utente inseperto vede la vernice scrostata e la associa a macchina scassata.

L'immagine paga, che piaccia o meno.
Io invece l'associo al costo della vernice,
che costi più dell'esubero :?:

Avatar utente
Daniele77
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1160
Iscritto il: 28 febbraio 2007, 12:07
Località: Milano e dintorni

Messaggio da Daniele77 » 5 maggio 2007, 18:53

Che convenienza avrei a prendere Alitalia??
Nessuna e infatti non la prendi
Se amiamo tutti gli animali perche' alcuni li chiamiamo 'amoruccio santo' e altri 'cena' ?

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9256
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 5 maggio 2007, 19:41

Echo ha scritto:Mi sono detto: "Perchè non provare a vedere Alitalia??" la tariffa minore: 1200€ tratte Venezia-Roma-New York-Los Angeles e ritorno Los Angeles-Atlanta-Milano-Venezia... ma siamo impazziti??
Che convenienza avrei a prendere Alitalia??
Credo che alitalia non abbia piu' un volo diretto per Los Angeles. Per fare un confronto corretto bisognerebbe comparare una destinazione raggiunta direttamente e non in codeshare.
Echo ha scritto: Se questa è l'immagine... lasciamola lì!
E poi non è la compagnia di bandiera... non esiste più questa classificazione, esistono vettori comunitari o non comunitari.
Semmai prenderai AF per andare a LA, via Charles De Gaulle, vedrai che cambierai opinione su questa tua ultima affermazione.

Ciao!

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9256
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 5 maggio 2007, 21:03

Draklor ha scritto:A chi dice che non si può dire "lasciamola fallire" perchè in Alitalia ci lavorano persone e ci sono delle famiglie dietro chiedo:perchè i dipendenti dell'Alitalia(tutte le categorie),sapendo che la situazione della loro azienda,quella che gli dà lavoro e i soldi per mantenere le loro famiglie,è critica,non la piantano di scioperare e pensano invece a lavorare meglio e di più per il bene dell'Alitalia e quindi,di conseguenza,il loro?
Penso che possano anche avere i loro buoni motivi per scioperare ma intanto almeno evitassero gli scioperi "selvaggi" cioè senza preavviso o con preavviso minimo,quindi non rispettando le regole.
Pensassero poi al danno economico che creano alla compagnia ogni giorno che scioperano oltre ovviamente ai 1000 disagi creati ai passeggeri che poi ci pensano non 2 ma 3 volte prima di comprare un altro biglietto con l'Alitalia.
Se poi l'Alitalia un giorno fallirà(ma ovviamente spero che ciò non avvenga) sappiano che un pò sarà anche colpa loro.
In generale le persone scioperano per protesta, motivi economici diritti o per un mix di tutte queste cose. Lo sciopero è l'unica arma che hanno i lavoratori per far valere i loro diritti. Scioperano i medici, gli avvocati, i tassisti e gli insegnanti.. solo che lo sciopero nel trasporto aereo è piu' antipatico perchè lascia migliaia di passeggeri a terra. Rovinando impegni di lavoro e vacanze ai tropici. Un operaio di una fabbrica incatenato ad un palo a trenta metri di altezza, non ci disturba invece piu' di tanto, perchè a meno che non ci cada nel giardino di casa la sua immagine rimmarra' sul teleschermo una manciata di secondi e poi basta.
Il diritto allo sciopero e' sancito dalla Costituzione.

Detto questo, come puoi vedere qui [clicca]
i lavoratori AZ non sono gli unici a scioperare.
Lo sciopero nel trasporto aereo, essendo questo un servizio essenziale, è fortemente regolamentato, pena la precettazione.
Ecco perchè, tranne in rari casi, lo sciopero è ampiamente annunciato. Come puoi vedere qui, il comunicato è del 23 Aprile, ma di questo sciopero se ne parlava già da un po'.
Le regole di cui parli, sono state ampiamente rispettate dando il tempo ai passeggeri di riorganizzare i loro impegni. NE è la riprova il fatto che i banchi di accettazione fossero, quel giorno, quasi deserti.

Ora veniamo al dunque. E' necessario fare uno sciopero in questi giorni?
Non lo so. Ma ho le mie idee.
Alitalia versa nelle attuali condizioni piu' o meno da circa 10 anni (forse qualcosina in piu')
Secondo il tuo ragionamento, i lavoratori avrebbero dovuto sottostare a tutte le decisioni prese unilateralmente dall'azienda in nome di un presunto salvataggio.
Bè, "piccole cose" sono state fatte, cose come cassa integrazione, solidarietà, aumenti di produttività a costo zero, contratti e carriere bloccate, attività al limite della fatica operazionele ecc ecc ecc.
Basta che fai una ricerca e ti renderai conto che di queste cose se ne è già parlato.
A fronte di tutto questo, non solo l'azienda non è stata risanata, ma gli Amministratori Delegati che si sono succeduti negli anni creando voragini di bilancio piu' grosse di una miniera a cielo aperto, lo hanno fatto portandosi via svariati milioni di euro solo come buonauscita.
Con questi presupposti è normale che circoli un po' di malcontento... :-)
Se l'alitalia fallirà, non sara' certo colpa dei dipendenti.

Ciao!
Ultima modifica di air.surfer il 5 maggio 2007, 21:49, modificato 1 volta in totale.

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 5 maggio 2007, 21:29

air.surfer ha scritto:
Draklor ha scritto:A chi dice che non si può dire "lasciamola fallire" perchè in Alitalia ci lavorano persone e ci sono delle famiglie dietro chiedo:perchè i dipendenti dell'Alitalia(tutte le categorie),sapendo che la situazione della loro azienda,quella che gli dà lavoro e i soldi per mantenere le loro famiglie,è critica,non la piantano di scioperare e pensano invece a lavorare meglio e di più per il bene dell'Alitalia e quindi,di conseguenza,il loro?
Penso che possano anche avere i loro buoni motivi per scioperare ma intanto almeno evitassero gli scioperi "selvaggi" cioè senza preavviso o con preavviso minimo,quindi non rispettando le regole.
Pensassero poi al danno economico che creano alla compagnia ogni giorno che scioperano oltre ovviamente ai 1000 disagi creati ai passeggeri che poi ci pensano non 2 ma 3 volte prima di comprare un altro biglietto con l'Alitalia.
Se poi l'Alitalia un giorno fallirà(ma ovviamente spero che ciò non avvenga) sappiano che un pò sarà anche colpa loro.
In generale le persone scioperano per protesta, motivi economici diritti o per un mix di tutte queste cose. Lo sciopero è l'unica arma che hanno i lavoratori per far valere i loro diritti. Scioperano i medici, gli avvocati, i tassisti e gli insegnanti.. solo che lo sciopero nel trasporto aereo è piu' antipatico perchè lascia migliaia di passeggeri a terra. Rovinando impegni di lavoro e vacanze ai tropici. Un operaio di una fabbrica incatenato ad un palo a trenta metri di altezza, non ci disturba invece piu' di tanto, perchè a meno che non ci cada nel giardino di casa la sua immagine rimmarra' sul teleschermo una manciata di secondi e poi basta.
Il diritto allo sciopero e' sancito dalla Costituzione.

Detto questo, come puoi vedere qui [clicca]
i lavoratori AZ non sono gli unici a scioperare.
Lo sciopero nel trasporto aereo, essendo questo un servizio essenziale, è fortemente regolamentato, pena la precettazione.
Ecco perchè, tranne in rari casi, lo sciopero è ampiamente annunciato. Come puoi vedere qui, il comunicato è del 23 Aprile, ma di questo sciopero se ne parlava già da un po'.
Le regole di cui parli, sono state ampiamente rispettate dando il tempo ai passeggeri di riorganizzare i loro impegni. NE è la riprova il fatto che i bagni di accettazione fossero, quel giorno, quasi deserti.

Ora veniamo al dunque. E' necessario fare uno sciopero in questi giorni?
Non lo so. Ma ho le mie idee.
Alitalia versa nelle attuali condizioni piu' o meno da circa 10 anni (forse qualcosina in piu')
Secondo il tuo ragionamento, i lavoratori avrebbero dovuto sottostare a tutte le decisioni prese unilateralmente dall'azienda in nome di un presunto salvataggio.
Bè, "piccole cose" sono state fatte, cose come cassa integrazione, solidarietà, aumenti di produttività a costo zero, contratti e carriere bloccate, attività al limite della fatica operazionele ecc ecc ecc.
Basta che fai una ricerca e ti renderai conto che di queste cose se ne è già parlato.
A fronte di tutto questo, non solo l'azienda non è stata risanata, ma gli Amministratori Delegati che si sono succeduti negli anni creando voragini di bilancio piu' grosse di una miniera a cielo aperto, lo hanno fatto portandosi via svariati milioni di euro solo come buonauscita.
Con questi presupposti è normale che circoli un po' di malcontento... :-)
Se l'alitalia fallirà, non sara' certo colpa dei dipendenti.

Ciao!
Di solito non scrivo di questi argomenti.
Ma colgo l'occasione di darti il benvenuto, per complimentarmi con quello che hai scritto.
Che condivido al 100%!

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 5 maggio 2007, 21:36

air.surfer, hai descritto egregiamente anche la mia opinione. L'unica cosa che non capisco sono questi scioperi alla vigilia di decisioni importanti per l'azienda. Sinceramente non riesco a trovare una ragione razionale, mi sfugge qualcosa, forse ci sono anche motivazioni diverse dal giusto diritto al rinnovo del contratto. Insomma, del tipo è inopportuno ma "lo fammo strano" chi sarebbe l’interlocutore?
Ciao!

Flory

Messaggio da Flory » 5 maggio 2007, 22:13

Si dice "O famo strano".. :wink: .e a questo propositovi posto l'ultimo articolo di Zucconi...Come potrete notare la sua posizione non riguarda solo Alitalia...

SUL BOEING SCATTA ALLARME ROSSO

I terroristi si erano imbarcati a Phoenix verso Los Angeles, volo della Southwest Airlines, famosa come la "Compagnia delle Noccioline" per il gustoso servizio pasti sempre racchiuso in una sola bustina di peanuts salati. Erano un uomo ed una donna, ventenni, capelli, occhi e carnagione scuri, lui con la barba. Ahi Ahi.
I segnali di rischio non sfuggirono agli addetti alla sicurezza arruolati a legioni dopo l'11 settembre per alleviare il problema della disoccupazione negli Stati Uniti, quelli che difendono la civiltà occidentale sequestrando ogni volta a mia moglie il tronchesino per le unghie che lei, l'infedele, tenta di contrabbandare.Irradiarono, scannerizzarono, demagnetizzarono, frugarono i due, che apparivano nervosi, in atteggiamento sospetto. Ma poichè anche le macchine piùsofisticate sono fallibili, i guardiani del cielo non individuarono le armi del delitto che i due astutamente nascondevano addosso. Si sedettero nelle ultime file semivuote, dove il frastuono dei motori è particolarmente insopportabile e gli altri passeggeri si avventurano soltanto se stimolati dal richiamo delle eleganti e spaziose toilette concepite dal costruttore dei Sette Nani.Attesero che il Boeing 737 si arrampicasse fino alla quota di volo e cominciarono a mettere in atto il loro truce piano.L'aria era turbolenta ed il Comandante aveva deciso di tenere attivo il comando di "cinture allacciate", garantendo ai due terroristi la massima privacy per attuare il loro complotto.
Cominciarono a togliersi gli indumenti sotto i quali avevano occultato le armi. Cercarono di nascondere i loro traffici dietro magliette, giubbotti e jeans, di fare tutto nel massimo silenzio per non richiamare l'attenzione dei pur rari vicini.Ma alla ragazza, probabilmente la più nervosa e sensibile trai i due, sfuggì un gemito udibilissimo in tutta la cabina. Una delle assistenti di volo si alzò dal sedile al quale era prudentemente allacciata (niente noccioline in quel viaggio)per dare un'occhiata e con il proprio coraggio sventò, per pochi minuti, forse secondi, la conclusione del complotto. Sorprese quel ragazzo e quella ragazza in quello che un tempo i rapporti di pubblica sicurezza italiana definivano "colloquio carnale", allacciati l'uno all'altra con sfacciato sprezzo dei braccioli nella schiena, dei tavolinetti pieghevoli, delle microscopiche poltroncine, come soltanto due creature molto giovani e molto agili potevano riuscire a fare.
Rimasero, insomma, sospesi a mezz'aria. L'assistente di volo, aiutata dal secondo pilota ,prontamente chiamato, sciolse i due malfattori che avevano tentato di entrare nel leggendario "MILE HIGH CLUB", il misterioso e non riconosciuto club del miglio, formato da "chi lo ha fatto su un aereo in volo".E che, aggiungiamo prima di ingenerare illusioni infondate, non ha nulla a che vedere con le promozioni MIlle Miglia di una nota compagnia aerea (Io questa battuta la trovo splendida.Nota di Flo :lol: )
L'ufficiale in seconda, dopo aver comunicato l'evento via radio all'Agenzia per la Sicurezza Nazionale, quella che sorveglia i cieli americani dopo che gli attentati e le catastrofi sono già avvenute, annunciò alla coppia, ormai rivestita, che erano in stato di arresto.Non per banali atti osceni in luogo pubblico, ma per diretta violazione delle nuove leggi antiterrorismo varate dopo l'11 settembre, tra le quali anche un colloquio carnale in volo (o un neonato che strilla troppo) è giudicato come attentato alla sicurezza nazionale e alla civiltà occidentale.Non risulta che mai autentici terroristi si siano trastullati con giochi erotici sui velivoli che intendevano attaccare, ma la legge abbonda. Terrorista è chiunque faccia qualcosa che non è esplicitamente permesso e dunque anche tentare di unirsi al club degli amanti del cielo può essere visto come un assalto al pudore e alla virtù nazionale, dunque un'azione terroristica.
I due amanti interrotti avevano premeditato il colpo, avevano scelto proprio quella compagnia aerea e quel volo, quasi sempre vuoto, per sferrare il loro attacco alle radici giudaico-cristiane dell'occidente e per fare quella bravata.poichè la legge antiterrorismo non ha molto senso dell'umorismo, il giudice ha dovuto applicarla e condannarli a sei mesi. E a inserirli nella "no fly list", l'elenco di coloro ai quali non sarà più permesso imbarcarsi su un aereo.Si diffonde ora il timore che tra gli addetti alla sicurezza degli aeroporti americani siano presto arruolati anche urologi e ginecologi, per accertare che i passeggeri non portino con se gli attrezzi che mamma diede loro alla nascita o che almeno li tengano ben racciusi in astucci a prova di tentazione. La difesa dell'occidente ci chiama, se non alle armi, almeno alle mutande"

Aufff ... Finito di scrivere...almeno apprezzate lo sforzo e leggetelo...
Mi sorge un dubbio....Scoperta l'esistenza di questo misterioso club, non oso chiedere a quanti di voi si siano professati amanti del volo.................
:lol: :lol:

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Messaggio da Flyfree » 5 maggio 2007, 22:27

flory ha scritto:Si dice "O famo strano".. :wink:
Avrò scritto male ma vedo che ha fatto effetto :lol:

Black Magic

Messaggio da Black Magic » 5 maggio 2007, 23:05

flory ha scritto: Scoperta l'esistenza di questo misterioso club, non oso chiedere a quanti di voi si siano professati amanti del volo.................
:lol: :lol:
:roll:
:twisted:
:lol: :lol:

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9256
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 6 maggio 2007, 0:28

Draklor ha scritto:Io non ho detto che se l'Alitalia fallirà sarà SOLO colpa degli scioperi dei dipendenti.
Dico però che IN PARTE sarà anche a causa del danno economico che ogni giorno di sciopero causa alla compagnia e al fatto che così si continua a perdere passeggeri,che per paura di questi scioperi magari decidono di prenotare con un altra compagnia.
Credo che l'ultimo ad solo di "liquidazione" abbia preso 6/8mln di euro. Quante giornate di sciopero servono per arrivare a tale cifra?
Quante ne servono per arrivare a 380 mln di euro di buco?
Quante giornate di sciopero fanno 5 md11 (già pagati. non in leasing) lasciati sul prato da un suo predecessore?
Draklor ha scritto: Per quanto riguarda gli scioperi selvaggi non mi riferivo all'ultimo sciopero che c'è stato,ma a quelli avvenuti qualche tempo fà.
A quale esattamente?
Draklor ha scritto: Sono per altro d'accordo sul fatto che gli ultimi dirigenti che si sono succeduti alla guida dell'Alitalia non fossero dei "geni" e che le loro buonuscite siano degli scandali.
Sbagli. Sono dei geni invece. E come essere un muratore. Prendi un lavoro di ristrutturazione di un appartamento, glielo demolisci, gli monti impianti da far schifo, i muri tutti storti e il parquet gli esplode dopo due giorni.
Il proprietario, non solo ti paga tutti i giorni per la durata del lavoro, ma alla fine ti da anche dei soldi in premio per il lavoro svolto.
Prova a farlo tu...
Draklor ha scritto: Sono comunque dell'opinione che il nuovo proprietario dell'Alitalia,chiunque esso sia,non perderà tanto tempo a trattare con i sindacati e che non appena vedrà ostruzionismo al proprio piano industriale non potrà che fare che 3 cose:
1 imporre il piano industriale fino a quando non l'abbia vinta
2 vendere subito la compagnia a qualcun'altro e fuggire via
3 dichiarare bancarotta e chiudere la compagnia
I sindacati penso che dovranno cominciare a capire che ormai "Mamma Alitalia" non c'è più e che con la sua privatizzazione o si fà come dice il management o si chiude.
Aspetto le vostre opinioni.
Eh.. magari fosse cosi' semplice.. non hai idea delle forze in gioco.

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 6 maggio 2007, 9:29

flory ha scritto: Mi sorge un dubbio....Scoperta l'esistenza di questo misterioso club, non oso chiedere a quanti di voi si siano professati amanti del volo.................
:lol: :lol:
:roll: :oops: ..purtroppo, no... :(
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
super33
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 373
Iscritto il: 7 novembre 2006, 16:27
Località: Roma

Messaggio da super33 » 6 maggio 2007, 20:22

air.surfer ha scritto: Credo che alitalia non abbia piu' un volo diretto per Los Angeles. Per fare un confronto corretto bisognerebbe comparare una destinazione raggiunta direttamente e non in codeshare.
Questa l'ho scoperta oggi: pensavo di portare il piccolo a Disneyland a luglio, così ho fatto un giro sul sito Alitalia ed i voli a/r verebbero sui 600 euro. Sono andato sul sito AF e vengono sotto i 500; il bello è che a quel prezzo si possono scegliere anche i voli operati da AZ :shock:
Non capisco davvero il senso di questa politica commerciale :!:

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6795
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Messaggio da Luke3 » 6 maggio 2007, 20:29

il bello è che a quel prezzo si possono scegliere anche i voli operati da AZ
Qualcuno mi può spiegare come questo sia possibile? Possibile che ci sia differenza di 100 euro a seconda del sito da cui si prenota? Ma sopratutto, prenotando un volo operato da AZ dal sito AF, i soldi vanno ad Alitalia o vanno ai francesi?

Avatar utente
Fly Away
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 120
Iscritto il: 30 novembre 2006, 18:49
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Fly Away » 6 maggio 2007, 22:04

avio24 ha scritto:
Fly Away ha scritto:
avio24 ha scritto:
Questo tipo di bandiera è meglio ammainarla!
Cosa intendi dire? Stai parlando di chiuedere Alitalia? Penso che non debba essere io a doverti dire che questo forum è (giustamente) molto severo con chi fa certe affermazioni. Ricordati che si sta sempre parlando di persone che lavorano, che hanno una famiglia, e che francamente non lo prenderebbero bene un fallimento di Alitalia. La tua non è una critica costruttiva, è una critica distruttiva!!
Allora, prima di tutto non ho offeso nessuno. Alitalia non è una persona fisica, ma una società formata da dipendenti che vengono diretti dai loro dirigenti e mega dirigenti (tipo Cimoli per intenderci).
Le nostre bandiere sono tante per fortuna a cominciare da quelle imprese che all'estero sono conosciutissime e stiamate da tutti e che ci rendono orgogliosi di essere italiani.
Alitalia purtroppo è un grande carozzone, che è ampiamente criticabile a livello dirigenziale. Io, come contribuente, ho partecipato molte volte, troppe volte all'ennesimo salvataggio di Alitalia, con risultati ogni volta più fallimentari e quindi non vedo perchè devo andarne anche fiero.
Capisco benissimo che il problema è complesso, che L'Italia avrebbe bisogno di una sana compagnia di bandiera, e quindi il passaggio potrebbe avvenire solamente con una completa rifondazione della società, cosa che è accaduta in Svizzera e Belgio, senza particolari problemi. Speriamo che la privatizzazione voluta dal recente Governo porti a dei risultati positivi e che non si faccia la stessa fine di Telecom.
Mi conforta il fatto che leggendo i post successivi, molte persone, con diverse sfumature sono della mia idea. Io rispetto pienamente le opinioni di quelli che la pensano diversamenta da me, ma credo che in un forum, senza offendere nessuno si possano esprimere serenamente le proprie opinioni.
Forse non ci siamo intesi sul significato di ammainare. Per come l'ho vista io, ho capito che intendessi chiuderla al più presto. Se ho sbagliato interpretazione ti prego di dirmelo.
Ho detto che Alitalia così come è non va bene (e su questo penso siamo d'accordo), ma io propongo di cambiarla, tu di chiuderla. Il danno sociale che si verrebbe a creare sarebbe enorme. Migliaia di nuovi disoccupati, che non hanno colpa se l'azienda in cui lavoravano ha chiuso i battenti. Per non parlare del danno all'Italia. Per andare in qualunque destinazione estera si dovrà passare per uno scalo europeo, con spreco di tempo e denaro. Per questo non penso siano utili provocazoni come le tue. A questo aggiungi il fatto che il governo ha avviato la procedura di privatizzazione e chiede 1,5 miliardi di €. E poi venitemi a dire che non vale niente come compagnia!

avio24
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 26 ottobre 2006, 10:02

Messaggio da avio24 » 7 maggio 2007, 15:02

Fly Away ha scritto: Forse non ci siamo intesi sul significato di ammainare. Per come l'ho vista io, ho capito che intendessi chiuderla al più presto. Se ho sbagliato interpretazione ti prego di dirmelo.
Ho detto che Alitalia così come è non va bene (e su questo penso siamo d'accordo), ma io propongo di cambiarla, tu di chiuderla. Il danno sociale che si verrebbe a creare sarebbe enorme. Migliaia di nuovi disoccupati, che non hanno colpa se l'azienda in cui lavoravano ha chiuso i battenti. Per non parlare del danno all'Italia. Per andare in qualunque destinazione estera si dovrà passare per uno scalo europeo, con spreco di tempo e denaro. Per questo non penso siano utili provocazoni come le tue. A questo aggiungi il fatto che il governo ha avviato la procedura di privatizzazione e chiede 1,5 miliardi di €. E poi venitemi a dire che non vale niente come compagnia!
Altalia non può chiudere, perchè bene o male ha un certo valore di mercato. L'Italia è potenzialmente uno dei più importanti paesi turistici del mondo, sia come incoming sia come outgoing, per cui la compagnia che da molti anni vola al suo interno fa gola a molti. Ho detto che sarebbe auspicabile che la proprietà restasse in Italia, ma in ogni caso volenti o non volenti, i dipendenti saranno costretti ad accettare importanti cambiamenti pena il fallimento, perchè una volta che lo Stato farà un passo indietro, poi a fine anno non ci sarà più nessun babbo natale che ripianerà i debiti. Serviranno soprattutto dirigenti di grande profilo in grado di combattere una concorrenza ogni anno più incisiva. Allora può darsi che la bandiera possa anche essere rialzata.

Avatar utente
Alexmxp
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 72
Iscritto il: 1 maggio 2007, 12:40
Località: Venezia

Messaggio da Alexmxp » 7 maggio 2007, 15:13

Giusto che rimanga in mani italiane,ma sono gli stessi dipendenti che dovrebbero avere a cuore la salute del'azienda in cui lavorano.Personalmente spero non arrivi Aeroflot che ha già annunciato in caso di acquisizione,di mettere in flotta i Sukhoi.
[font=Times New Roman]Alessandro[/font]

Immagine

Rispondi