La vicenda Alitalia

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato

che farà berlusconi con AZ se vincerà le elezioni?

in caso di accordo tra af e sindacati dovrà avallare questa scelta per evitare che il fallimento porti più esuberi
24
12%
sceglierà il fallimento con esuberi 4 volte maggiori rispetto alla soluzione francese
31
15%
farà uscire fuori le annunciate cordate
57
28%
dirà che tutti lo hanno frainteso e che lui chiedeva ad AF solamente il mantenimento dell'identità nazionale di AZ e quindi consegnerà az ad af
94
46%
 
Voti totali: 206

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 15:11

ALITALIA: AIR FRANCE, POSIZIONE NON CAMBIA
(ANSA) - PARIGI, 30 MAG - Air France-KLM non cambia posizione sul dossier Alitalia. Fonti della compagnia francese hanno indicato all'Ansa che la posizione resta quella espressa una settimana fa dal presidente Jean-Cyril Spinetta in occasione dei risultati annuali. Spinetta aveva allora dichiarato che il gruppo intende concentrarsi ''su problemi interni'' e sottolineato come la forte fiammata del prezzo di carburante rendeva 'irrealisico'' l'obiettivo di portare alla creazione di valore attraverso le nozze con la compagnia italiana, ricordando che per Air France-KLM questo obiettivo era la conditio sine qua non.(ANSA). XGT

ALITALIA: LUFTHANSA; PORTAVOCE, NOSTRA POSIZIONE INVARIATA
(ANSA) - BERLINO, 30 MAG - La Lufthansa ribadisce la propria posizione su Alitalia, che lo scorso dicembre l'aveva spinta a non presentare un'offerta non vincolante per la compagnia di bandiera italiana perche' i ''contro pesavano piu' dei pro''. Interpellata dall'ANSA riguardo alla ricerca di un nuovo azionista per l'Alitalia, una portavoce della compagnia aerea tedesca ha detto: ''La nostra posizione non e' cambiata, e' la stessa di quella espressa qualche mese fa''. Come sempre, ''la Lufthansa segue gli sviluppi del mercato'', ha aggiunto, lasciando intendere che si informera' sulle decisioni prese oggi dal consiglio dei ministri sulla prevista privatizzazione della compagnia. Lo scorso dicembre, la Lufthansa aveva deciso di non presentare un'offerta non vincolante per l'Alitalia anche perche' ''non aveva sufficienti informazioni sui dati'' di bilancio della societa'.(ANSA). CB
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 15:12

ALITALIA:BOCCHINO; CORDATA ITALIA O ESTERA,NON SARA'SVENDUTA
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''L'unica cosa certa e' che l'Alitalia non sara' svenduta come stava cercando di fare il governo Prodi. Sara' venduta ad una cordata italiana o a una grande compagnia estera, tenendo presente che noi non possiamo cedere a quattro soldi i nostri gioielli di famiglia ne' tanto meno perdere la nazionalita' della nostra compagnia aerea nazionale''. Lo ha detto Italo Bocchino, presidente vicario del Pdl alla Camera, conversando con i cronisti a Montecitorio. (ANSA). I53-PNZ

ALITALIA: BELISARIO,PER ORA METTONO MANI IN TASCA A ITALIANI
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''Per ora stanno mettendo le mani nelle tasche degli italiani. Se poi ricapitalizzano, lo Stato mettera' altri soldi e saranno ancora una volta i cittadini a pagare''. Cosi' il capogruppo del Pdl al Senato, Felice Belisario, interviene sulla questione Alitalia.(ANSA). KTV

ALITALIA: MONTEZEMOLO, NESSUN CONTATTO CON ERMOLLI
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''No''. Cosi' il presidente di Fiat e Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo - a margine del Career day della Luiss - risponde ai giornalisti che gli chiedono se ha avuto contatti con Bruno Ermolli per il nodo Alitalia. LIN/GCM
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

md-80 best plane
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 155
Iscritto il: 19 maggio 2008, 17:40

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da md-80 best plane » 30 maggio 2008, 15:18

la sfiga di alitalia è che l'offerta di air france-klm è arrivata in periodo di campagna elettorale. la destra, già iperfavorita, ha sfruttato l'occasione dicendo che il piano industriale era inutilmente troppo duro, che bisognava salvaguardare mxp, che non si poteva vendere la compagnia di bandiera a degli stranieri, etc...
purtroppo, il gruppo di spinetta, a mio avviso, era l'unico in grado di salvare alitalia. l'offerta di airone era più bassa, chiaramente in airone non sono abituati a gestire i problemi di una grande compagnia come az a differenza di af. quindi, secondo me, anche se dovesse farsi avanti la famosa cordata italiana (dubito) az fallirà qualche anno più tardi perchè c'è bisogno di qualcuno che oltre che capirci di economia debba capirci anche di aerei.
unica soluzione: sperare che qualche grande compagnia straniera si faccia avanti: af; lh, etc..
speriamo bene

Davidino
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 149
Iscritto il: 22 aprile 2008, 15:48

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da Davidino » 30 maggio 2008, 15:21

aeb ha scritto:
bomber78 ha scritto:
non ci guadagno niente? beh almeno non perdo tutti i soldi che vengono presi dalla mia busta paga per tenere in piedi un carro***ne che ha tolto tuttti i voli che prendevo con regolarità per muovermi per lavoro da Milano.
:roll: sempre lì si va a parare..... il portafoglio ed il proprio particulare....
Dai capisco che per voi che rischiate di perdere il lavoro non è una bella situazione, ma per gli italiani che sempre più fanno fatica ad arrivare a fine mese è comprensibile che si siano rotti le scatole di mantenere quel carrozzone che è Alitalia, perchè insieme a gente brava ed onesta c'è anche tanta bella gentaglia dentro Alitalia.
Una cosa che per esempio non depone a favore delle maestranze di Alitalia è la strenua difesa del totale dei posti di lavoro, i dipendendi dovrebbero essere invece i primi a lottare per l'eliminazione della gentaglia all'interno della compagnia (e non sono solo qualche manager a sentire un amico comandante e lo sapete anche voi che c'è del marcio in tutti i settori), certo non è facile, sono però convinto che UNA "RIBELLIONE" dall'interno verso la gentaglia potrebbe ottenere grossi benefici, anche perchè i fannulloni raccomandati in alto sanno bene che per non perdere il posto non bastano più gli appoggi politici, o si ripulisce e riparte oppure si chiude baracca e non hanno il minino interesse a perdere la parte sana della compagnia, IMHO piuttosto fanno una pulizia ai livelli a loro inferiori...

Avatar utente
air4you
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 novembre 2006, 21:00

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air4you » 30 maggio 2008, 17:30

ALITALIA: AEROFLOT DUBITA CHE POSSA ESSERE RISANATA


(AGI) - Mosca, 30 mag - Aeroflot considera "inopportuna" l'acquisizione di Alitalia e dubita che possa essere risanata.
Lo ha detto il direttore generale del vettore russo, Valeri Okulov, nel corso di una conferenza stampa. "Ora ci sono molti dubbi che possa essere risanata - ha sottolineato - e' evidente che la situazione non e' migliorata. La mia opinione e' che sia gia' stato superato il punto di non ritorno".

ma il presidene del consiglio non aveva confidato in Putin per salvarla ???
Ah ah ah sig presidente del consiglio mi è caduto su Alitalia... direbbe Mike....

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:21

ALITALIA: CDM AVVIA TERZO TENTATIVO DI CESSIONE
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Con il decreto di oggi il Consiglio dei Ministri vara un terzo tentativo di cessione del controllo di Alitalia assumendone direttamente la gestione, dopo la prima gara fallita, ed il naufragio della trattativa con Air France. Queste le tappe principali degli ultimi 18 mesi: ---------------------------------------------------------------- - 1 dicembre 2006 - Il Consiglio dei Ministri, con il Governo Prodi, decide la cessione del controllo della compagnia. - 29 dicembre - Il Tesoro invita a presentare manifestazioni di interesse. - 17 gennaio 2007 - Decade Cda. L'ad Cimoli resta per l'ordinaria amministrazione. - 9 febbraio - Berardino Libonati e' il nuovo presidente. - 13 febbraio - Cinque le cordate in gara per le offerte non vincolanti: AirOne di Carlo Toto col supporto di Intesa-Sanpaolo; il fondo salva-imprese di Carlo De Benedetti Management & Capitali; Matlin Patterson Global Advisers; Texas Pacific Europe; Unicredit Banca Mobiliare - 17 luglio - AirOne e' l'ultimo concorrente ancora in corsa: lascia la gara, che fallisce. - 31 luglio - Libonati lascia, Maurizio Prato presidente. - 30 agosto - Il cda vara un ''piano di sopravvivenza'' con esuberi tagli di voli e ridimensionamento di Malpensa. - 25 settembre - Prato avvia un nuovo tentativo di privatizzazione, con una trattativa diretta con i potenziali partner su mandato del Tesoro. - 21 dicembre - Il cda sceglie Air France-Klm per la trattativa in esclusiva per la cessione del 49,9% del Tesoro. - 31 gennaio 2008 - AirOne ricorre al Tar del Lazio. I giudici amministrativi, anche in secondo grado, giudicheranno legittima la trattativa esclusiva con Airfrance - 10 marzo - Il cda di Air France-Klm autorizza la presentazione di una offerta soggetta a condizioni sospensive, tra cui l'accordo con i sindacati ed il si' del governo. - 14 marzo - Air France-Klm presenta l'offerta. Dopo il si' di Alitalia e del Tesoro si va avanti nella messa a punto dell'operazione, aprendo anche il tavolo con i sindacati. - 18 marzo - Comincia tutta in salita la trattativa con i sindacati. In borsa il titolo perde quasi il 50% in due sedute. - 19 marzo - Spinetta annuncia che gli esuberi sono 2.100. Intanto la vicenda Alitalia entra nella campagna elettorale. - 20 marzo - Il leader del Pdl Silvio Berlusconi rilancia la cordata italiana con Air One e Intesa, ma la banca smentisce. - 24 marzo - Air France e' pronta a trattare ad oltranza con i sindacati, anche oltre il termine stabilito del 31 marzo. - 31 marzo - Alitalia proroga al 2 aprile il confronto con i sindacati. La Uil lascia il tavolo. - 2 aprile - Non c'e' accordo con i sindacati. Il numero uno Jean-Cyril Spinetta torna a Parigi: Air France si ritira - 4 aprile - Berlusconi chiede che Alitalia resti italiana e promuove il progetto di una cordata italiana. - 14 aprile - Pdl e Lega vincono le elezioni. - 18 aprile - Berlusconi incontra l'ex presidente russo Putin in Sardegna e rispunta l'ipotesi Aeroflot. - 21 aprile - Air France-Klm comunica che gli accordi contrattuali annunciati il 14 marzo per lanciare un'offerta pubblica di scambio su Alitalia non sono piu' validi. - 22 aprile - Il governo uscente concede un prestito ponte da 300 milioni di euro per mantenere in vita la compagnia. - 24 aprile - Per l'Ue il prestito potrebbe rappresentare un aiuto di Stato. Berlusconi: la Ue aiuti, non crei difficolta'. - 29 aprile - Berlusconi afferma provocatoriamente: 'Alitalia potrebbe essere comprata dallo Stato, dalle Fs'. Si lavora alla cordata italiana. - 9 maggio - Il superconsulente Bruno Ermolli, che studia il progetto di cordata italiana su mandato di Berlusconi, chiede di poter accedere ad informazioni aggiornate sulla compagnia. Il Cda risponde di no: non c'e' un'offerta, ed in attesa delle decisioni del Tesoro il dossier privatizzazione e' chiuso - 30 maggio. Il ministro Giulio Tremonti presenta il decreto del Consiglio dei ministri con il quale il governo assume direttamente il compito di individuare un nuovo possibile azionista di controllo. RUB
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:23

ALITALIA: DEBITO CRESCE DI 5 MLN AD APRILE, A QUOTA 1,35 MLD
ROMA - Cresce l'indebitamento del gruppo Alitalia a fine aprile di cinque milioni di euro (+0,4%), a quota 1.358 milioni di euro, rispetto ai 1.353 milioni al 31 marzo scorso. E' quanto si legge nelle comunicazioni della societa' in risposta alle richieste della Consob. BRB

ALITALIA: IN CASSA AD APRILE 174 MLN, NON INCLUSO PRESTITO
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - A fine aprile Alitalia ha disponibilita' finanziarie a breve per 174 milioni di euro (180 milioni al 31 marzo). E' quanto si legge nelle comunicazione della societa' in risposta alle richieste Consob. I dati sulla liquidita' e sull' indebitamento diffusi oggi non includono invece - si legge - l'incasso avvenuto il 2 maggio scorso, del prestito di 300 milioni di euro del decreto legge del governo. (ANSA). BRB
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da aeb » 30 maggio 2008, 19:25

Davidino ha scritto:
aeb ha scritto:
bomber78 ha scritto:
non ci guadagno niente? beh almeno non perdo tutti i soldi che vengono presi dalla mia busta paga per tenere in piedi un carro***ne che ha tolto tuttti i voli che prendevo con regolarità per muovermi per lavoro da Milano.
:roll: sempre lì si va a parare..... il portafoglio ed il proprio particulare....
Dai capisco che per voi che rischiate di perdere il lavoro non è una bella situazione, ma per gli italiani che sempre più fanno fatica ad arrivare a fine mese è comprensibile che si siano rotti le scatole di mantenere quel carro***ne che è Alitalia, perchè insieme a gente brava ed onesta c'è anche tanta bella gentaglia dentro Alitalia.
Per chiarezza: non lavoro in AZ, ci volo solo, e conosco qualcuno che ci lavora. Nello specifico, ritengo che addebitare ad AZ, alla sua mala gestione ed alla conseguente crisi, anche un minimamente significativo contributo al problema di arrivare a fine mese di tanta parte degli italiani sia quantomeno un'esagerazione (un po' populista, se vogliamo...). Io, tanto per chiarire definitivamente al concetto, tengo ad AZ

a. in quanto compagnia di bandiera Italiana
b. come vettore che mi ha portato parecchie volte da un capo all'altro d'Europa (ed oltre) in sicurezza e comfort (già :D )
c. come uno delle poche "grandi" aziende Italiane superstiti (pur con tutti i suoi già descritti problemi). Ovvero, qualcuno si è reso conto del processo di declino che si è intrapreso in Italia da vent'anni a questa parte? Che cosa rimane? Chimica? Una volte eravamo leader, ora sparita? Siderurgia? Metalmeccanica? Rimangono Eni, Fiat (che in quanto ad aiuti di stato.....) e poc'altro. Guardate la Spagna: boom economico sino a 6 mesi fa, a gennaio il PIL pro capite aveva superato quello italiano. Ora, pochi mesi dopo, crescita del PIL 0.3% nel primo trimestre, attesa nel secondo 0.1%.. perchè? Perchè l'economia spagnola in questi anni è stata basata su due "industrie": costruzioni e turismo... ora che il mercato immobiliare è crollato (in Spagna, ma in generale non sta bene di salute dappertutto), l'economia non tira più.... vabbè, sono andato pericolosamente OT :?
Ultima modifica di aeb il 30 maggio 2008, 19:35, modificato 1 volta in totale.
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:25

ALITALIA: AEROFLOT, UN ANNO FA RISANABILE, ORA ASSAI ARDUO
MOSCA - Precipitano le possibilita' di un ritorno in pista di Aeroflot per rilevare Alitalia: il direttore generale della compagnia di bandiera russa, Valeri Okulov, ritiene che allo stato attuale della societa' sia ''altamente discutibile che il suo risanamento sia possibile''. ''Lo stato in cui si trovava la compagnia un anno fa lasciavano speranza di un recupero ma in un modo molto difficile, a costo di grande sforzo. Ora e' altamente discutibile che il suo risanamento sia possibile'', ha dichiarato Okulov parlando con i giornalisti, come riferisce l'agenzia Interfax. ''La mia opinione e' che il punto in cui le cose si sarebbero potute recuperare sia una cosa del passato'', ha aggiunto. Lo scorso aprile, ricorda Interfax, era stato l'allora presidente Vladimir Putin, in una conferenza stampa con Silvio Berlusconi premier in pectore, a dire che Aeroflot avrebbe potuto riesaminare l'ipotesi di salvare Alitalia, dopo essersi ritirata precedentemente dall'asta. SAV
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:27

ALITALIA: CASERO, E' ULTIMA OCCASIONE, SE NO FALLIMENTO
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''Bisogna far capire che e' l'ultima occasione, se no c'e' il commissariamento e il fallimento''. A difendere la strategia del nuovo decreto del Governo per la privatizzazione di Alitalia e' il sottosegretario all'Economia Luigi Casero, ai microfoni di Sky TG24 Pomeriggio. ''Esiste la necessita' di salvarla - ha aggiunto - E' una situazione complessa'', dopo gli scorsi ''tentativi che non hanno portato a nulla''.(ANSA). LIN
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:30

ALITALIA: LANZILLOTTA,PREOCCUPA PROCEDURA FUORI LIMITI LEGGE
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - La nuova procedura per la privatizzazione di Alitalia introdotta col decreto del governo ''non rientra nei limiti della legge''. L'advisor Banca Intesa ''non e' neutro'', in quanto ''coinvolto in altre cordate'' e l'ex prestito ponte, divenuto ''conferimento di capitale, sara' probabilmente bocciato dall'Ue''. Cosi' il 'ministro ombra' per la Funzione Pubblica Linda Lanzillotta (PD) esprime la preoccupazione dell'opposizione per le scelte dell'Esecutivo sulla vendita della compagnia di bandiera, dai microfoni di Sky TG24 Pomeriggio. ''Le dichiarazioni di Tremonti - ha affermato Lanzillotta - ci fanno intuire una procedura molto ingarbugliata''. Non solo: ''Banca Intesa non e' un istituto neutro. Si e' detto di un suo coinvolgimento in altre cordate, che per altro non si vedono''. Oltretutto ''il decreto che trasforma il prestito ponte in conferimento di capitale, sara' probabilmente bocciato dall'Unione Europea''. La situazione di Alitalia - ha proseguito Lanzillotta - ''e' ai limiti della sopravvivenza. E bisogna non solo trovare compratori, ma anche fare un piano industriale e trovare un partner internazionale''.(ANSA). LIN

ALITALIA: CASINI, ORMAI E' EMERGENZA, GOVERNO AGISCA SUBITO
(ANSA) - PORTO RECANATI (MACERATA), 30 MAG - Sul caso Alitalia il Governo ''deve passare veramente dalle parole ai fatti, perche' questa ormai e' un'emergenza nazionale''. Lo ha detto il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, parlando con i giornalisti a Porto Recanati, a margine di un'iniziativa del partito. ''Ora - ha ricordato - c'e' la delega del consiglio dei Ministri al ministro dell'Economia su questo tema. Ci auguriamo che al piu' presto si arrivi ad una soluzione, ma e' certo che se il buongiorno si vede al mattino questo buongiorno non ci entusiasma''. L'Udc era e resta ''molto preoccupato'' per il futuro della compagnia aerea. ''Sembrano essersi ormai dileguati i misteriosi compratori in agguato solo per la campagna elettorale'' ha aggiunto Casini. Il quale ha poi citato il prestito ponte del Governo Prodi da 300 milioni di euro, ''trasformatosi praticamente in apporto di capitale a fondo perduto, mentre i cittadini pagano. Non hanno neanche la speranza di rivedere i loro soldi perche' il prestito si e' trasformato in un contributo a fondo perduto per l'Alitalia''. (ANSA). YA5-MOR/FCC

come non dargli ragione?!
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:33

ALITALIA: MARCEGAGLIA, CAUSA CRISI E' STATA CATTIVA GESTIONE
(ANSA) - TRENTO, 30 MAG - La crisi di Alitalia ''e' una disfatta del paese'' e arriva dopo una ''cattivissima gestione dirigenziale, politica e sindacale che ha distrutto l'azienda portandola sulla soglia del fallimento''. E' quanto ha affermato il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia nel corso del suo intervento al festival dell'economia di Trento che ha ricordato come per anni la compagnia e' stata uno simbolo del made in Italy del mondo. Ora, per la Marcegaglia, ''sarebbe un peccato vedere che un paese che vive di export e turismo non abbia una compagnia di bandiera ma se la compagnia e' questa allora ben vengano Air France o Lufthansa...''.(ANSA). DOA

..cose che gia si sapevano!
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:36

ALITALIA:BERSANI,CINISMO GOVERNO DISTRUGGE PROCEDURA LIMPIDA
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''Per ciniche ragioni elettorali il nuovo governo ha distrutto la soluzione Air France e gettato a mare una procedura limpida''. Lo afferma Pierluigi Bersani, ministro dell'Economia del governo ombra del Pd, a proposito delle decisioni del Consiglio dei ministri sulla vicenda Alitalia. ''Con le decisioni di oggi si compie uno strappo rispetto ai tradizionali meccanismi di trasparenza e di pari condizioni nei processi di privatizzazione - aggiunge - Si predispone un vestito su misura per una soluzione che non c'e' e che non potrebbe, in ogni caso, esserci al di fuori dell'impegno di grandi soggetti internazionali del settore''. ''Abbiamo solo pochi mesi. I dodici mesi di cui parla il governo sono una previsione da Mago Merlino. Temo - conclude Bersani - che la demagogia e l'approssimazione del governo stiano definitivamente compromettendo le prospettive di Alitalia''.(ANSA). COM-PNZ

ALITALIA: MARCHIONNI, ANCORA DISPONIBILI MA VEDIAMO DATI
(ANSA) - MILANO, 30 MAG - L'amministratore delegato di Fondiaria Sai, Fausto Marchionni, ribadisce l'interesse a un eventuale coinvolgimento in una cordata per Alitalia. ''La nostra posizione e' sempre la stessa, ma come 'ragioniere' di Fondiaria Sai aspetto di vedere i conti, i dati e come sara' l'opportunita'''. A Marchionni era stato chiesto in particolare se un eventuale intervento verra' realizzato tramite Fondiaria Sai, Prefamin, o altre holding a monte, dopo che nelle scorse settimane era stato il patron del gruppo Salvatore Ligresti a dare una disponibilita' sulla partita. ''Credo sia prematuro rispondere - ha detto Marchionni -. Aspettiamo che si concretizzi questa cordata, poi la mano con cui si partecipa, la mano da mettere in tasca si vedra' qual e'. In questo momento credo che l'ingegnere - ha detto Marchionni riferendosi a Ligresti - abbia risposto come risponderebbe qualunque italiano, dicendo che sarebbe buona cosa se la compagnia rimanesse in mano italiana. Chiunque, essendo uno degli imprenditori in primo piano di questo paese, risponderebbe cosi'. E' bello che Ligresti dica che e' disponibili a fare la sua parte eventualmente, pero' come, dove, quando e se, lo vedremo''.(ANSA). RS/GCM
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 19:37

ALITALIA: DI PIETRO, BERLUSCONI RESPONSABILE DISASTRO
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - ''Per Alitalia ci sono solo due soluzione: o qualcuno, come era Air France, che rileva la compagnia o un rifinanziamento con un aumento di capitale ma un aumento senza la certezza di rientro vuol dire far pagare ai cittadini il debito''. Il leader dell'Idv Antonio Di Pietro attacca il premier Silvio Berlusconi ''responsabile politicamente e amministrativamente di aver fatto sfumare l'accordo con i francesi''. ''I conti non quadrano - afferma in Transatlantico Di Pietro - e in questo caso per altre societa' ci sarebbe l'obbligo di portare i libri in tribunale. Berlusconi e' responsabile di aver fatto saltare un affare d'oro e messo in ginocchio non solo Alitalia ma i lavoratori della compagnia. In un paese civile si avvierebbe una richiesta di risarcimento danni verso Berlusconi che ha turbato il mercato''.(ANSA). FEL
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Davidino
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 149
Iscritto il: 22 aprile 2008, 15:48

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da Davidino » 30 maggio 2008, 20:27

aeb ha scritto:
Davidino ha scritto:
aeb ha scritto:
bomber78 ha scritto:
non ci guadagno niente? beh almeno non perdo tutti i soldi che vengono presi dalla mia busta paga per tenere in piedi un carro***ne che ha tolto tuttti i voli che prendevo con regolarità per muovermi per lavoro da Milano.
:roll: sempre lì si va a parare..... il portafoglio ed il proprio particulare....
Dai capisco che per voi che rischiate di perdere il lavoro non è una bella situazione, ma per gli italiani che sempre più fanno fatica ad arrivare a fine mese è comprensibile che si siano rotti le scatole di mantenere quel carro***ne che è Alitalia, perchè insieme a gente brava ed onesta c'è anche tanta bella gentaglia dentro Alitalia.
Per chiarezza: non lavoro in AZ, ci volo solo, e conosco qualcuno che ci lavora. Nello specifico, ritengo che addebitare ad AZ, alla sua mala gestione ed alla conseguente crisi, anche un minimamente significativo contributo al problema di arrivare a fine mese di tanta parte degli italiani sia quantomeno un'esagerazione (un po' populista, se vogliamo...). Io, tanto per chiarire definitivamente al concetto, tengo ad AZ

a. in quanto compagnia di bandiera Italiana
b. come vettore che mi ha portato parecchie volte da un capo all'altro d'Europa (ed oltre) in sicurezza e comfort (già :D )
c. come uno delle poche "grandi" aziende Italiane superstiti (pur con tutti i suoi già descritti problemi). Ovvero, qualcuno si è reso conto del processo di declino che si è intrapreso in Italia da vent'anni a questa parte? Che cosa rimane? Chimica? Una volte eravamo leader, ora sparita? Siderurgia? Metalmeccanica? Rimangono Eni, Fiat (che in quanto ad aiuti di stato.....) e poc'altro. Guardate la Spagna: boom economico sino a 6 mesi fa, a gennaio il PIL pro capite aveva superato quello italiano. Ora, pochi mesi dopo, crescita del PIL 0.3% nel primo trimestre, attesa nel secondo 0.1%.. perchè? Perchè l'economia spagnola in questi anni è stata basata su due "industrie": costruzioni e turismo... ora che il mercato immobiliare è crollato (in Spagna, ma in generale non sta bene di salute dappertutto), l'economia non tira più.... vabbè, sono andato pericolosamente OT :?
Oh, scusami avevo capito che lavoravi per Alitalia.

Comunque i concetti espressi restano validi e mi piacerebbe ricevere un parere (anche in privato visto che mi interessa veramente e non è per niente provocatorio) da parte di chi ci lavora.

Vedi, chi non arriva a fine mese che siano 10€ o 200€ è comunque scontento di buttarli nel calderone di Alitalia per foraggiare gli amici degli amici e ti devo dire che quasi tutti si sono stufati.

Pensa che potremmo averla già venduta non perdendoci più soldi e avremmo pure beccato qualche €.

Mi dispiace vedere che lo scopo elettorale di Berlusconi ha solo peggiorato le cose, avesse voglia veramente di risanare piuttosto del fallimento sarebbe più opportuna la nazionalizzazione, è che non c'è la voglia di risanare per durare, lo scopo è ripulire a spese degli italiani e ragalarla agli amici degli amici e questo manda in bestia gli italiani stufi di pagare per fare regali ai soliti noti.

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 22:59

ALITALIA: LA REGIA DELLA CESSIONE AL GOVERNO, ADVISOR INTESA
di Paolo Rubino ROMA - Sara' direttamente il Consiglio dei ministri ad individuare un nuovo azionista che possa salvare Alitalia. Intesa Sanpaolo sara' l'advisor dell'operazione. In extremis, per il terzo tentativo dopo due fallimenti di cedere la quota di controllo del Tesoro, il governo ha deciso una svolta netta: dopo ''18 mesi di infruttuosi tentativi di cessione'', spiega il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, Alitalia ''non e' privatizzabile secondo i meccanismi e le procedure che il legislatore ha previsto negli anni passati''. Il decreto che riapre il dossier privatizzazione, approvato oggi dal Consiglio dei ministri, da' ampia liberta' di azione al governo, che assume direttamente la regia dell'operazione, con ''deroghe specifiche'' alle procedure imposte ''da una situazione di ''eccezionalita' e urgenza giustificate dal progressivo deteriorarsi della situazione di Alitalia, che esclude la possibilita' di ricorrere a procedure ordinarie''. Tremonti lo sottolinea dopo aver spiegato che la norma inserita dal governo nel decreto fiscale, che consente l'utilizzo del prestito di 300 milioni del governo per tamponare l'erosione del capitale per perdite sotto il minimo legale, ha disinnescato il rischio di liquidazione con gli amministratori gia' sul punto di portare i libri in Tribunale. Cosi', con il nuovo tentativo di cedere il controllo ad un nuovo azionista che possa portare risorse e strategie ''per un forte e credibile piano di rilancio'', il governo si assume direttamente e collegialmente il compito di individuare, ''uno o piu' soggetti che possano concorrere ad una offerta'' per Alitalia. E, per le deroghe inserite nel decreto, il governo potra' farlo libero dagli obblighi di informazione al mercato previsti per le societa' quotate in Borsa. Una volta individuato dal governo, ha spiegato ancora Tremonti, il potenziale acquirente potra' ''acquisire le informazioni che ritiene necessarie presso la societa' Alitalia''. Per le regole attuali, e per il fatto che il Tesoro non aveva ancora indicato come muoversi, il Cda nelle scorse settimane aveva risposto no alla richiesta di due diligence avanzata da Bruno Ermolli, il superconsulente che su mandato del Presidente del Consiglio ha studiato il progetto di cordata italiana promosso in campagna elettorale. AirOne resta attenta al dossier. Mentre l'ad di Fondiaria Sai, Fausto Marchionni, ribadisce l'interesse a partecipare ad una cordata: ''La nostra posizione e' sempre la stessa: aspetto di vedere i conti, i dati e come sara' l'opportunita'''. I fari sono ora ovviamente puntati sui possibili candidati, e sui nomi da settimane al centro di una girandola di indiscrezioni: Benetton, Colaninno, Riva, Fossati, Aponte, Ligresti, Radici. C'e' attenzione anche sul ruolo di Intesa Sanpaolo che, dopo un primo via libera oggi del Consiglio dei ministri, avra' mercoledi' 3 giugno il mandato di advisor dal cda di Alitalia. Sara' anche in una cordata? ''Dipende da Intesa'', dice Tremonti. Non e' esclusa una ''sua partecipazione diretta'', indica il sottosegretario all'Economia Luigi Casero. La nomina come advisor ''ci inorgoglisce'', commenta il dg di Intesa San Paolo Pietro Modiano. Pressing dei sindacati, che chiedono l'apertura immediata di un confronto. Lo ribadiscono il leader della Cgil Guglielmo Epifani ed il segretario dell'Ugl Renata Polverini. Luigi Angeletti, Uil, interpreta la mossa mossa del governo come ''un passo avanti tecnico''. Il numero uno della Cisl Raffaele Bonanni mostra fiducia: ''Si costruira' qualcosa d'importante''. Intanto i chiarimenti chiesti da Bruxelles al governo sul prestito sono arrivati alla Commissione. Per Tremonti anche il decreto varato oggi e' ''assolutamente in linea con l'Europa. L'Europa vuole il mercato, e piu' mercato di cosi'...''. RUB
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 23:01

ALITALIA: UE; PARTE ESAME PIANO GOVERNO, NO AD AIUTI
BRUXELLES - Ha preso il via a Bruxelles l'esame delle mosse con cui Roma intende sostenere Alitalia fino alla sua cessione. Tocchera' ora ai servizi che fanno capo al nuovo commissario Ue ai Trasporti, Antonio Tajani, verificare se l'operazione e' o meno in contrasto con le norme europee sugli aiuti di Stato. Al centro del confronto tra Roma e Bruxelles c'e' la concessione del prestito ponte da 300 milioni di euro erogato per decreto dal governo Prodi. Prestito poi convertito in patrimonio netto. ''La Commissione ha ricevuto oggi la risposta da parte delle autorita' italiane alle sue richieste del 24 aprile relative a maggiori informazioni che riguardano Alitalia'', ha fatto sapere in una nota l'esecutivo europeo. ''La Commissione analizzera' ora il contenuto di questa risposta. Nessun commento su questa questione sara' fatto finche' l'analisi non sara' completata''. Il mese scorso Bruxelles ha espresso a piu' riprese dei dubbi sulla natura del prestito sottolineando che, nel caso in cui questo risultasse essere un aiuto di Stato, sarebbe giudicato incompatibile con le norme Ue. L'Alitalia, secondo Bruxelles, ha gia' beneficiato in passato (2001) di aiuti pubblici autorizzati in base al principio 'one time-last time' (una volta, ultima volta). E anche se la decisione della Commissione europea e' stata contestata dall'Italia davanti alla Corte di giustizia dell'Ue, al momento, secondo le norme europee, la compagnia aerea italiana non potrebbe ricevere una nuova iniezione di aiuti pubblici prima del 2011. Della vicenda e' tornato oggi a parlare il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Il governo Berlusconi difendera' in sede europea ''la posizione dell'Italia'', ha detto, anche se ''stiamo parlando del decreto legge Prodi e non di quello di oggi ne' di quello di Napoli, che era un modo per rendere utile il decreto di Prodi''. Quanto al decreto varato oggi per procedere alla cessione della compagnia in deroga alla legge sulle privatizzazioni, il ministro dell'Economia ha osservato: e' stato emanato un testo che sostanzialmente ''riteniamo sia assolutamente in linea con l'Europa. L'Europa vuole piu' mercato, e piu' mercato della privatizzazione.........''. TI
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 30 maggio 2008, 23:06

ALITALIA: PRIORITA' INTERESSI PUBBLICI PER SCELTA ACQUIRENTE
(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Il Consiglio dei ministri individuera' l'offerta migliore per Alitalia e gli strumenti per cedere il controllo con una delibera ''che dovra' avere prioritario riguardo alla salvaguardia degli interessi pubblici coinvolti''. Lo spiega la relazione sulle modalita' di privatizzazione di Alitalia, pubblicata sul sito del Tesoro, che illustra i contenuti del decreto varato oggi dal Consiglio dei ministri.(ANSA). RUB

ALITALIA: DI PIETRO, CI SONO ESTREMI PER TURBATIVA MERCATO
(ANSA) - ANCONA, 30 MAG - Secondo Antonio Di Pietro, nella vicenda Alitalia, ''ci sono tutti gli estremi di una turbativa di mercato''. Commentando l'indicazione di Intesa Sanpaolo da parte del governo come advisor per la privatizzazione della compagnia di bandiera italiana, il leader dell'Italia dei Valori ha ricordato che ''Intesa fino a ieri voleva comperare Alitalia, adesso fa quella che controlla chi deve comprarla''. La verita', ha aggiunto il leader dell'Idv parlando con i giornalisti ad Ancona, ''e' una sola, quella di una responsabilita' civile, politica, amministrativa e forse anche penale di alcune persone a cominciare dal presidente del Consiglio''. ''Avevamo chiuso un accordo con Air France - ha sottolineato Di Pietro - con il petrolio a 85 euro al barile. Oggi ci ritroviamo con l'acquirente che non c'e' piu', gli acquirenti alle porte che non ci sono piu' e 300 milioni di euro che gli italiani dovranno pagare di tasca loro'', oltre a ''qualche migliaio di lavoratori che non avranno piu' una compagnia di bandiera, ma rimarranno solo con la bandiera, anzi con una mazza di bandiera''.(ANSA). ME/TER
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9127
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air.surfer » 31 maggio 2008, 0:58

Davidino ha scritto: Comunque i concetti espressi restano validi e mi piacerebbe ricevere un parere (anche in privato visto che mi interessa veramente e non è per niente provocatorio) da parte di chi ci lavora.
Parere su cosa, scusa. Io non ho capito la domanda.
E comunque il parere ce l'hai già. Non hai detto che hai un amico Comandante che ti ha detto che c'è del marcio in tutti i settori?
Davidino ha scritto: Vedi, chi non arriva a fine mese che siano 10€ o 200€ è comunque scontento di buttarli nel calderone di Alitalia per foraggiare gli amici degli amici e ti devo dire che quasi tutti si sono stufati.
Ricordatevelo alle prossime elezioni... :mrgreen:
Davidino ha scritto: Pensa che potremmo averla già venduta non perdendoci più soldi e avremmo pure beccato qualche €.
Ehm... quali soldi ci avremmo beccato?
Davidino ha scritto: spese degli italiani e ragalarla agli amici degli amici e questo manda in bestia gli italiani stufi di pagare per fare regali ai soliti noti.
Già l'hai detto.

airbusfamilydriver
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 3656
Iscritto il: 16 luglio 2007, 1:38

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da airbusfamilydriver » 31 maggio 2008, 2:03

bomber78 ha scritto:
simonclemens ha scritto:
bomber78 ha scritto:
blusky ha scritto: si, le mani libere di chiudere la baracca...
.....magari.....

chiedo scusa bomber78,ma magari de che?
che tipo di torto hai subito da az?
dicendo così offendi tutti quelli che malgrado tutto ogni giorno producono pur non avendo idea di cosa avverrà il giorno seguente.
tutti quei lavoratori che ogni giorno fanno sì che i voli partano in perfetta efficienza e sicurezza,personale altamente specializzato che, stanne certo, ha formato tutta quella classe addestrativa che ora è blasonata all'interno di altre compagnie.
quegli assistenti di volo che a bordo pur lavorando,se ne sentono dire di tutti i colori da gente come te,che oltre la passione e qualche messaggio su un forum di aviazione,non ha nulla da condividere con loro.
quindi il "magari" risparmiatelo perchè da un fallimento di una grande azienda malgestita in modo cronico,tu non ci guadagni,stanne certo.
non ci guadagno niente? beh almeno non perdo tutti i soldi che vengono presi dalla mia busta paga per tenere in piedi un carro***ne che ha tolto tuttti i voli che prendevo con regolarità per muovermi per lavoro da Milano.che te devo di...la mia posizione all'interno del forum è nota da tempo, io aspetto con ansia il fallimento, dopo di che speri si possa ricostruire qualcosa di serio con un bel ripulisti generale. chi merita il posto tranquillo che non lo perde...
continua ad aspettare vah :mrgreen:

Avatar utente
air4you
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 novembre 2006, 21:00

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air4you » 31 maggio 2008, 7:47

io sono assolutamente sconcertato dalla poca chiarezza del governo sulla faccenda della privatizzazione di Alitalia
Scusate ma vi sembra normale questa procedura ? Inoltre non c'era la cordata e lufthansa e aeroflot e Putin e le varie corbellerie blaterate in campagna elettorale ? In un altro paese un leader si sarebbe dovuto dimettere per promesse non mantenute.
La privatizzazione di Alitalia non è chiara e svenderebbe alle banche in primis BancaIntesa che ci guadagnerebbe a scapito dei contribuenti. Inoltre tutte le compagnie straniere non entreranno in Alitalia è troppo rischioso. Ma non lo è per l'unica compagnia che si sta ostinando a promettere un rilancio che non potrà esserci. Non credo nella soluzione con Airone a capo degli amici degli amici..... Dura poco e poi bisogna vedere come... Se prima si sarebbe svenduto adesso SI REGALA alle banche... Ma Tremonti non aveva detto che erano le banche a pagare adesso... Non mi sembra ... Dietro la soluzione all'italiana e non italiana della poca chiara privatizzazione di Alitalia ci sono scenari oscuri..... A cosa si riferiva il ministro Scaiola quando disse "ci saranno sorprese ?" Il governo non può gestire la privatizzazione pensando che sia cosa sua ... ci deve essere concertazione con l'opposizione che continua ad essere troppo mielosa...
Beh mi piacerebbe sapere cosa ne pensano i dipendenti di Alitalia di questa terza fase di privatizzazione l'ultima e la DECISIVA sono contenti che Tremonti ha risolto alla sua maniera la crisi ALITALIA.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9127
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air.surfer » 31 maggio 2008, 11:10

air4you ha scritto: Beh mi piacerebbe sapere cosa ne pensano i dipendenti di Alitalia di questa terza fase di privatizzazione l'ultima e la DECISIVA sono contenti che Tremonti ha risolto alla sua maniera la crisi ALITALIA.
La crisi Tremonti non l'ha risolta. Ma se fosse stato per TPS, si sarebbe risolta tempo fa. Com'era? O firmate o fallite?

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 31 maggio 2008, 11:46

ALITALIA: CARDIA, ATTENDO DECRETO CDM PER GIUDIZIO
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "Bisogna leggere il decreto prima di dare un giudizio". Il presidente della Consob, Lamberto Cardia, commenta così la decisione del Consiglio dei ministri di ieri, che avvia un nuovo tentativo di cessione per Alitalia derogando alle regole sulle privatizzazioni, che prevede tra l'altro la sospensione e gli obblighi di informazione al mercato previsti per le società quotate. Il decreto, ha aggiunto Cardia a margine dell'assemblea della Banca d'Italia, "certamente sarà stato fatto con adeguate motivazioni". (ANSA).
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 31 maggio 2008, 11:48

da lkv.it

L’Alitalia precipita senza regole
Sabato, 31 Maggio 2008 alle 07:30

Evidentemente il mandato esplorativo dato a Bruno Ermolli si e’ concluso con un nulla di fatto, mi domando cosa si aspettasse di scoprire il Governo. Ora vengono tolte alcune regole, per trovare un improbabile aiuto, mentre gia’ alcuni avvoltoi si preparano al banchetto.


Non trovando possibilita’ di salvare Alitalia per vie ordinarie (in realta’ il modo lo si era trovato, ma se l’era data a gambe vedendo l’aria che tirava) ecco che il CdM escogita un decreto che deroga alle regole delle privatizzazioni, regole in realta’ gia’ violate col prestito ponte da 300 milioni.

Il tutto per far fronte “all’eccezionalita’ della situazione di Alitalia”, che tradotto vuol dire “e’ messa cosi’ male che non se la piglia piu’ nessuno“. Per l’occasione Giulio Tremonti si riappacifica con i tanto odiati banchieri e nomina Intesa Sanpaolo advisor per la vendita. Obiettivo, trovare un nuovo azionista per Alitalia che ne aumenti il capitale sociale per farla sopravvivere, o per attenuarle l’agonia. In questo modo si potra’ evitare il commissariamento e la conseguente messa in liquidazione.

E’ anche possibile che Intesa Sanpaolo riesca a trovare “qualcuno” disposto (tramite un accordo con la banca stessa) a metterci la faccia e magari pure i soldi, ma tutto cio’ senza un piano industriale e finanziario credibile non servira’ assolutamente a nulla. Solo un’altra compagnia aerea, che sia forte a livello internazionale, potrebbe garantire un piano con queste caratteristiche. Ma con la crisi del settore dovuta al caro petrolio che incide fortemente sui costi delle compagnie aeree, non si fara’ vivo nessuno.

Invece si fanno vivi i sindacati, che sulla questione sono chiari, vogliono essere chiamati al capezzale prima che il malato esali l’ultimo respiro. Infatti il segretario generale dell’Ugl Renata Polverini ha ribadito come:

Renata Polverini
“il governo debba da subito coinvolgere il sindacato, evitando chiamate dell’ultima ora per la gestione di decisioni traumatiche. Come abbiamo gia’ sostenuto in passato, e specialmente in questa fase di avvio della nuova privatizzazione, la sede naturale per definire un percorso condiviso non puo’ che essere palazzo Chigi [...] L’Ugl e’ pronta a dare il proprio contributo affinche’ si giunga nei tempi piu’ rapidi ad una soluzione equilibrata per i lavoratori e per l’azienda”.

Ma anche gli avvoltoi cominciano a farsi sentire, e seguono da lontano (ma abbastanza vicini per essere i primi ad arrivare) l’evolversi della situazione. E’ quanto sta’ facendo AirOne che infatti dice tramite fonti interne:

”Continuiamo a seguire l’evolversi della situazione molto attentamente”.

Rocordo che all’epoca della gara di privatizzazione per l’Alitalia, predisposta dal precedente governo Prodi, AirOne aveva presentato un’offerta (ridicola), affiancata da Intesa Sanpaolo, alla quale era stata pero’ preferita quella di Air France. Faccio notare che Intesa Sanpaolo e’ stata indicata dall’attuale ministro del Tesoro Tremonti come advisor per la privatizzazione dell’Alitalia. Le facili conclusioni non sempre si rivelano esatte, tuttavia qualche dubbio lo pongono.
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9127
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air.surfer » 31 maggio 2008, 11:57

i_disa ha scritto:da lkv.it

L’Alitalia precipita senza regole
Sabato, 31 Maggio 2008 alle 07:30
Evidentemente il mandato esplorativo dato a Bruno Ermolli si e’ concluso con un nulla di fatto, mi domando cosa si aspettasse di scoprire il Governo. Ora vengono tolte alcune regole, per trovare un improbabile aiuto, mentre gia’ alcuni avvoltoi si preparano al banchetto.
Da lkv.it

Esperienze professionali
Non ho lavorato un granche', ho fatto questo sito, ne sto curando un altro su Sanluri in attesa che sia a pieno regime (il sito non Sanluri), ho collaborato come moderatore presso uno dei piu' grossi forum italiani (http://www.giorgiotave.it/forum/) come moderatore della sezione Societa' e Impegno Civile.


A luca... direi che è ora. All'età tua io pilotavo un 80.
(oddio.. non è che sia cambiato molto in quasi 13 anni... :mrgreen: )

Avatar utente
I-FORD
B777 Captain
B777 Captain
Messaggi: 547
Iscritto il: 11 luglio 2006, 1:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da I-FORD » 31 maggio 2008, 17:28

A luca... direi che è ora. All'età tua io pilotavo un 80.
Certo che su Internet se ne trovano di fregnacce...
Questo qui fa il paio con quell'altro disoccupato che sproloquiava in video a proposito di AZ qualche tempo fa.

Davidino
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 149
Iscritto il: 22 aprile 2008, 15:48

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da Davidino » 31 maggio 2008, 18:53

air.surfer ha scritto:
Davidino ha scritto: Comunque i concetti espressi restano validi e mi piacerebbe ricevere un parere (anche in privato visto che mi interessa veramente e non è per niente provocatorio) da parte di chi ci lavora.
Parere su cosa, scusa. Io non ho capito la domanda.
E comunque il parere ce l'hai già. Non hai detto che hai un amico Comandante che ti ha detto che c'è del marcio in tutti i settori?
Davidino ha scritto: Vedi, chi non arriva a fine mese che siano 10€ o 200€ è comunque scontento di buttarli nel calderone di Alitalia per foraggiare gli amici degli amici e ti devo dire che quasi tutti si sono stufati.
Ricordatevelo alle prossime elezioni... :mrgreen:
Davidino ha scritto: Pensa che potremmo averla già venduta non perdendoci più soldi e avremmo pure beccato qualche €.
Ehm... quali soldi ci avremmo beccato?
Davidino ha scritto: spese degli italiani e ragalarla agli amici degli amici e questo manda in bestia gli italiani stufi di pagare per fare regali ai soliti noti.
Già l'hai detto.
1. Quindi confermi? Sai vista la possibilità più pareri si sentono e più ci si fa un quadro preciso.
2. Evidentemente molti italiani avevano dimenticato i disastri precedenti dal 2001 al 2006.
3. Beh, è evidente il guadagno netto fra rimetterci altri soldi e chissà quanti ancora e prenderne anche pochi ma affidare ad altri i debiti e l'impegno a sistemare le cose!
4. Purtroppo non sarà la soluzione ideale nè per gli italiani , nè per voi dipendenti...

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:38

ALITALIA: MATTEOLI, ERA L'UNICO PERCORSO POSSIBILE
(ANSA) - PISA, 31 MAG - Il percorso deciso ieri dal Consiglio dei ministri per risolvere i problemi di Alitalia "era l'unica cosa che potevamo fare, l'unico percorso possibile". Lo ha detto il ministro delle infrastrutture Altero Matteoli a margine di una manifestazione di Finmeccanica in corso oggi all'aeroporto di Pisa. "Il caso, come era giusto, è passato nella responsabilità del Cdm che ha varato questo provvedimento che mira a dare una risposta per l'assemblea che si terrà il prossimo 27 giugno". Matteoli non nasconde che la situazione non sia di facile soluzione ma, "quando il presidente del Consiglio, in campagna elettorale, prende un impegno del genere, e quando il Cdm adotta un provvedimento del genere, è ovvio che mirano a trovare una soluzione, e sono fiducioso che si troverà". (ANSA).

ALITALIA: BONANNI, DECRETO POSITIVO, PORTA TRASPARENZA
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - Il decreto approvato ieri dal governo su Alitalia è "positivo" perché "porta maggior trasparenza". Lo ha detto il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, commentando la misura prima di entrare all'assemblea della Banca d'Italia. Bonanni, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle parole del nuovo presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, che ha detto che la trattativa col sindacato sulla compagnia di bandiera sarà dura, ha commentato: "ci vuole una certa dose di ottimismo" per favorire "un clima positivo, che é quello che chiedono gli italiani". Sulla questione esuberi, infine Bonanni ha affermato che "una ripartenza riguarderà un po' di esuberi, da riassorbire con il rilancio dell'azienda, che non può che esserci" riattivando le rotte a lungo raggio e nazionali che sono state tagliate. (ANSA).
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:41

ALITALIA: DORIS, NO INTERESSE MA TIFO PER COMPAGNIA
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "Siamo una banca rivolta ai privati non alle imprese ma tuttavia tifo per Alitalia e per l'Italia". Così il presidente dei Mediolanum, Ennio Doris, nega un possibile interesse del proprio gruppo a una eventuale partecipazione in Alitalia, all'ingresso all'assemblea della Banca d'Italia, "Amo l'Italia e volo Alitalia, questo è lo slogan che amo di più - ha proseguito Doris -. Sono favorevole affinché Alitalia prosegua la sua avventura anche se la mia banca non partecipa a questa iniziativa". (ANSA).

ALITALIA: PROFUMO, NESSUN INTERESSE, NON CI E' STATO CHIESTO
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "Non ci è stato richiesto, non vedo nessun interesse". Così il presidente di Unicredit, Alessandro Profumo, risponde al termine dell'assemblea della Banca d'Italia circa un possibile interesse del gruppo per Alitalia. (ANSA).
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:42

ALITALIA: BAZOLI, SITUAZIONE DIFFICILE TEMPO MOLTO STRETTI
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - La situazione di Alitalia è "particolarmente complessa e difficile, credo che i tempi per affrontarla debbano essere molto stretti". Lo ha detto il presidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa-San Paolo, Giovanni Bazoli, la cui banca ha ricevuto l'incarico di fare da consulente per la privatizzazione di Alitalia. Bazoli ha spiegato che l' "Istituto intende presentare una relazione all'assemblea di Alitalia prevista per fine giugno, con una relazione sulla situazione patrimoniale". "Abbiamo accettato questo incarico - ha detto Bazoli - perché ci è sembrato del tutto naturale rispondere alla richiesta di un'azienda in difficoltà, ci sentiamo impegnati nel confronti del Paese". (ANSA).

ALITALIA: SALZA, MASSIMO IMPEGNO E TEMPI BREVI
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - Nel ruolo di advisor di Alitalia "metteremo il massimo impegno nell'esaminare, in tempi necessariamente brevi, la situazione patrimoniale e finanziaria della società, alla luce della quale individuare le ipotesi di carattere industriale effettivamente disponibili". Lo ha detto il presidente del consiglio di gestione di Intesa-Sanpaolo, Enrico Salza, in merito al ruolo che il gruppo giocherà nella ricerca di una possibile soluzione della crisi Alitalia. Sulla base delle ricognizioni effettuate da Intesa, prosegue Salza, "verranno conseguentemente ricercati gli investitori industriali e finanziari adeguati", previo consenso dell'azienda e del suo principale azionista. Salza sottolinea infine "che la condizione di advisor impone a tutti noi un vincolo di riservatezza, dovendo riferire solo al committente e al suo azionista di riferimento". (ANSA).

ALITALIA: MORETTI-POLEGATO, ATTENDIAMO ISTRUZIONI GOVERNO
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "Attendiamo le istruzioni del governo". Così il numero uno di Geox, Mario Poletti Polegato risponde a chi gli domanda del dossier Alitalia a margine dell'assemblea di Bankitalia. "Sono appena arrivato da Chicago dove ero per il mio lavoro e non ho un aggiornamento sul dossier", afferma. L'imprenditore, che nel recente passato aveva espresso la propria disponibilità ad intervenire, ribadisce: "l' Alitalia secondo me deve essere salvata da noi italiani, perché rappresenta il biglietto da visita del nostro Paese. Aspettiamo adesso di vedere cosa succede". (ANSA).
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:44

ALITALIA: TABACCI, LIBRI VANNO PORTATI IN TRIBUNALE
(ANSA) - ROMA, 31 MAG - "Inaccettabile. Se questi sono i segnali l'Italia è un paese che va sbattere": è critico Bruno Tabacci, parlamentare Udc, sulla linea indicata dal governo sulla questione Alitalia. "I libri di Alitalia li portassero in tribunale invece di consentire ancora 12 mesi di sopravvivenza come è stato spiegato, che poi non saranno 12, saranno molti di meno" ha detto Tabacci al termine dell' assemblea della Banca d'Italia. Berlusconi, ha proseguito Tabacci, "doveva fare il commissariamento già nel 2004 ai sensi della legge Marzano invece è andato a chiedere un primo prestito con le garanzie dello Stato, e nel 2005 ha chiesto un aumento di capitale da duemila miliardi delle vecchie lire, tutte risorse che sono andate mangiate perché se tu non intervieni nella ristrutturazione, metti i soldi in un buco nero e metti le mani nelle tasche dei risparmiatori e dei contribuenti e adesso anche ai danni degli altri risparmiatori ignari". (ANSA).

..i gufi ci saranno sempre! :lol:
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:45

da ilGiornale.it

Alitalia, Intesa: "Il punto a fine giugno"

Roma - Intesa SanPaolo ha per ora un incarico da adviser per Alitalia, incarico che si augura abbia "un mandato pieno", e che si concretizzerà nella prima fase con una relazione sulla situazione patrimoniale e finanziaria della compagnia aerea nell’assemblea fissata dalla Magliana a fine giugno. Per il momento non è previsto un ingresso di Intesa nel capitale della compagnia. Lo ha detto il presidente del consiglio di sorveglianza della banca Giovanni Bazoli a margine dell’assemblea di Bankitalia. "La prima fase, che dovrà essere espletata in tempi brevi, per riferire all’assemblea di Alitalia che si terrà a fine giugno, consisterà in una relazione sulla situazione patrimoniale e finanziaria", situazione che Bazoli ha definito "precaria, complessa e difficile". Intesa non esclude di formulare da adviser anche eventuali ipotesi per un intervento.

No ingresso diretto "Per ora è fuori da ogni previsione" un ingresso diretto di Intesa nel capitale di Alitalia, ha aggiunto Bazoli. "L’incarico per adesso è di consulenza. Fino a quando non abbiamo visto i termini non possiamo essere più precisi". Ieri, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, nell’annunciare la modifica delle norme sulle dismissioni in modo che il governo abbia maggiore spazio di manovra sulla privatizzazione di Alitalia, aveva detto che spetterà a Intesa decidere se partecipare alla realizzazione del piano di salvataggio di Alitalia. Nella dichiarazione del presidente del comitato di gestione di Intesa, Enrico Salza, diffusa tramite una nota della banca, si precisa che, una volta individuate le ipotesi di intervento industriale valutate positivamente dall’azienda e dal principale azionista Tesoro, "verranno conseguentemente ricercati gli investitori industriali e finanziari adeguati". Salza e Bazoli hanno ricordato entrambi che il gruppo Intesa "si è posto in diverse occasioni a fianco di aziende industriali in difficoltà" come Fiat e "ha accettato l’incarico di agire in qualità di adviser di Alitalia".
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 1 giugno 2008, 2:47

da panorama.it

Alitalia: la nuova rotta del Cavaliere tra Intesa e new company
Renzo Rosati Sabato 31 Maggio 2008

O ora o mai più. La scelta di Intesa SanPaolo come advisor per la cessione dell’Alitalia, annunciata oggi dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, significa almeno tre cose.

Primo, si vanno finalmente a vedere le carte, sia della compagnia sia dei privati eventualmente interessati a rilevarne quote azionarie. Si comincerà dal Consiglio d’amministrazione di mercoledì 3 giugno, e ci vorranno almeno due settimane per verificare i conti. Se la famosa cordata italiana esiste, verrà fuori adesso. La vicenda, infatti, passa dalle mani di Bruno Ermolli, consulente di fiducia di Silvio Berlusconi, a quelle del governo. E dunque la procedura diviene ufficiale.

Secondo dato, l’esecutivo ha intenzione di agire diversamente da come fecero Romano Prodi e Tommaso Padoa-Schioppa: i quali lasciarono la trattativa nelle mani della stessa compagnia di bandiera. Stavolta è il Tesoro a trattare come azionista. Con tutto il peso politico del governo e della maggioranza ma, come si dice, mettendoci anche la faccia.

Terzo punto: forse si riuscirà ad evitare il commissariamento, soprattutto se l’Unione europea accetterà il prestito ponte, poi trasformato in patrimonio netto dell’azienda. Al commissariamento puntavano apertamente molti industriali, e la stessa Confindustria, per poter intervenire a condizioni più favorevoli. Ma questa prospettiva non è gradita ai sindacati.

Ma chi potrebbe entrare nella cordata? Ai soliti nomi di Ligresti (che conferma l’interessamento), della Air One, delle Poste (per la parte cargo), di Benetton (che ha appena ricevuto in dono la liberalizzazione delle tariffe autostradali), di Tronchetti Provera, di Roberto Colaninno, e di altri più o meno vip, si potrebbero aggiungere quote minori da riunire in una “new company” a fianco del nocciolo duro. Emma Marcegaglia, tirata in ballo sia come presidente della Confindustria, sia come imprenditrice, ha ripetuto che prima di ogni mossa l’azienda va profondamente ristrutturata.

Quanto al partner bancario, potrebbe essere la stessa Intesa, superando qualche problema di conflitto d’interesse. Per ora il direttore generale Pietro Modiano dichiara: “il ruolo di advisor ricevuto dal governo ci inorgoglisce”. Chissà se questa gratificazione (anche economica) indurrà l’istituto ad aprire il portafoglio.

Alla fine di questo itinerario resta tuttavia il problema di allearsi con una forte compagnia straniera. Con Air France i giochi sembrano davvero chiusi, anche se la pista francese aveva proprio in Tremonti un estimatore. Molti puntano sulla Lufthansa, anche i sindacati che vorrebbero esportare in Italia il modello partecipativo tedesco (e magari la sua efficienza). L’Aeroflot, venuta alla ribalta dopo l’incontro a Villa Certosa tra Berlusconi e Vladimir Putin, sembra chiamarsi fuori: “L’Alitalia un anno fa era risanabile, ora molto meno”. Resta l’ipotesi di un partner non europeo, come Emirates, la compagnia degli sceicchi del Golfo Persico: operazione, se si concretizzasse, di alta diplomazia strategico-economica, che inevitabilmente dovrebbe coinvolgere l’Eni.

Per quanto si può andare avanti? Nelle casse dell’azienda c’è liquidità per 174 milioni di euro, contro i 180 di fine marzo, mentre i debiti salgono a 1,35 miliardi. Su questi si pagano gli interessi. Le stime parlano di 11-12 mesi di tempo. Ma certamente il conto alla rovescia è scattato.
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9127
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da air.surfer » 1 giugno 2008, 8:44

Davidino ha scritto: 1. Quindi confermi? Sai vista la possibilità più pareri si sentono e più ci si fa un quadro preciso.
No, non confermo. O porti dati precisi oppure dire che "c'è del marcio in tutti i settori" equivale a dire che non esistono piu' le mezze stagioni. Parlare di luoghi comuni mi annoia.
Davidino ha scritto: 2. Evidentemente molti italiani avevano dimenticato i disastri precedenti dal 2001 al 2006.
Da questa affermazione si capisce il tuo orientamento politico. Nulla da dire in merito ovviamente, ma ti ricordo che qui non è permesso parlare di politica.
Davidino ha scritto:3. Beh, è evidente il guadagno netto fra rimetterci altri soldi e chissà quanti ancora e prenderne anche pochi ma affidare ad altri i debiti e l'impegno a sistemare le cose!
Gli altri non ti avrebbero dato un euro, non avrebbero sviluppato la compagnia e si sarebbero riservati l'opzione di vendere (smembrare) tutta la baracca entro il 2010 se i conti non fossero andati bene. Tutto questo con il 40% in meno della flotta, incluso tutto il cargo e tutta l'area dei dipendenti di terra rientrata nel perimetro aziendale.
Ma di questo se ne è già parlato.
Davidino ha scritto: 4. Purtroppo non sarà la soluzione ideale nè per gli italiani , nè per voi dipendenti...
Vedremo.

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Che farà Berlusconi con Alitalia?

Messaggio da i_disa » 2 giugno 2008, 0:51

Alitalia: Epifani, Governo ci dica
(ANSA) - ROMA, 1 GIU - Dei piani su Alitalia 'non sappiamo nulla', ma l'ipotesi di unirla ad Airone e' una delle due strade aperte per il salvataggio, dice Epifani. Secondo Epifani, ci sono solo due strade per Alitalia. Una e' quella di 'rivolgersi a un grande vettore, quello piu' compatibile con la condizione di Alitalia, e fare un accordo'. L'altra e' appunto quella di un'alleanza Alitalia-AirOne, con l'ingresso di un soggetto internazionale in seconda battuta.
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Bloccato