Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
Nicolino
General Aviation Technician
General Aviation Technician
Messaggi: 2851
Iscritto il: 15 settembre 2005, 13:15
Località: K-Pax

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da Nicolino » 5 luglio 2008, 8:54

Domanda: Non mancano pochi giorni all'entrata in vigore delle EU-OPS? E comunque sino ad oggi, in Europa, non si vola secondo le JAR-OPS? Allora chi trasgredisce deve essere sanzionato...se non viene sanzionato anche chi dovrebbe controllare deve essere sanzionato.
Le MMEL esistono e devono essere applicate, volare in MEL non è da criminali. E' da criminali volare extra MEL o andare oltre i loro limiti.
Per quanto riguarda la buffonata del recruitment, resta solo una buffonata.
Per i tecnici che firmano CRS senza rispettare le procedure e le documentazioni c'è la galera. Detto questo è il solito calderone con dentro tutto e di tutto senza un filo logico e con il solito desiderio di fare sensazionalismo. Ognuno ne tiri fuori ciò che crede.
Nicolino

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da i_disa » 5 luglio 2008, 9:19

Nicolino ha scritto:Per quanto riguarda la buffonata del recruitment, resta solo una buffonata.
Per i tecnici che firmano CRS senza rispettare le procedure e le documentazioni c'è la galera. Detto questo è il solito calderone con dentro tutto e di tutto senza un filo logico e con il solito desiderio di fare sensazionalismo. Ognuno ne tiri fuori ciò che crede.
io non credo che sia una buffonata. l articolo è scritto da Fabrizio Gatti e non mi pare che si un tipo che si faccia problemi nel 'dire' le cose come stanno. sicuramnte avrà esagerato in qualche dettaglio, come del resto fanno quasi tutti i giornalisti, ma secondo me quello che ha scritto è la pura verità!
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
Th3Crow
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 725
Iscritto il: 2 maggio 2007, 2:12

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da Th3Crow » 5 luglio 2008, 10:49

i_disa ha scritto:
Nicolino ha scritto:Per quanto riguarda la buffonata del recruitment, resta solo una buffonata.
Per i tecnici che firmano CRS senza rispettare le procedure e le documentazioni c'è la galera. Detto questo è il solito calderone con dentro tutto e di tutto senza un filo logico e con il solito desiderio di fare sensazionalismo. Ognuno ne tiri fuori ciò che crede.
io non credo che sia una buffonata. l articolo è scritto da Fabrizio Gatti e non mi pare che si un tipo che si faccia problemi nel 'dire' le cose come stanno. sicuramnte avrà esagerato in qualche dettaglio, come del resto fanno quasi tutti i giornalisti, ma secondo me quello che ha scritto è la pura verità!
Si chiamerà come si chiama... ma la verità va supportata con prove... e sinceramente a me più che un articolo giornalistico è sembrata una storiella da raccontare ad un bambino... non uno straccio di prove e per di più genera allarmismo ingiustificatamente ed inutilmente...

Avatar utente
blackbird
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 432
Iscritto il: 23 novembre 2005, 19:01

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da blackbird » 5 luglio 2008, 10:56

la mia opinione è che come al solito di fronte ad articoli di questo genere il forum si spacca in due:da una parte chi è a favore di articoli di denucia di questo genere e chi invece si sente di difendere l'operato ed il buon nome della categoria piloti vigliaccamente infangata...
anche se siamo in un forum di aviazione e anche se tutti siamo appassionati di aerei (e ci piacerebbe essere piloti) credo che articoli del genere non debbano essere visti come "nemici" a tutti i costi.
se due autorevoli membri come ABFD e il surfista hanno confermato dalla"loro" che è tutto vero chi siamo noi per contraddirli??
E' possibile che non siamo a conoscenza di tutti i meccanismi interni e non ci è dato di sapere come avvengono i turni,le sessioni al sim,e le selezioni....
non si sta facendo di tutta l'erba un fascio ma solo denunciare una situazione che come confermato è REALE.

io credo che questo articolo renda solo merito a chi è un professionista con le palle,ha studiato anni per qualificarsi e si è sbattuto come diceva air.surfer.
mia personale opinione si intende.
The SR71 unofficially called as "BLACKBIRD"

6 March 1990
Crew: Lt. Col. Ed Yeilding and Lt. Col. Joseph T. Vida
Speed Over a Recognized Course - St. Louis to Cincinnati (311.44 mi)
Time: 8 minutes 31.97 seconds
Average Speed: 2,189.94 mph

Avatar utente
ansys
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 11 marzo 2008, 16:09
Località: The Natural State

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da ansys » 5 luglio 2008, 11:10

Io non ho letto l'articolo e non sono del settore quindi non avrei strumenti per giudicare anche se lo avessi letto, ma e' inutile menare il can per l'aia. Se si ritiene che un articolo non abbia fondo di verità e' sufficiente portare delle prove o quanto meno essere del settore e controbattere. Per il resto si puo' discutere una vita, ma "chiacchierando" non ci si sposta di un millimetro, non si arriva ad una conclusione ed e' come parlare di "aria fritta". Provate a leggere quotidiani o magazines stranieri o guardare tv straniere, specialmente made in Usa. Non traduzioni oppure una volta ogni tanto... ogni giorno :) Sarete poi in grado di capire come funziona in altri paesi e che l'Italia e' un paese "sui generis" da ogni punto di vista. Di "panzane" in giro ce ne sono a bizzeffe, ma e' inutile controbattere con opinioni personali... il modo migliore e' smontare o confermare con prove, altrimenti e' tutto inutile. Da questo punto di vista che dire, l'intervento di air.surfer e' stato ineccepibile anche perche' e' nelle condizioni in cui può giudicare di persona.
Idle hands are the devil's workshop

Avatar utente
raoul80
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1272
Iscritto il: 17 maggio 2006, 12:27
Località: Milano - Bari

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da raoul80 » 5 luglio 2008, 11:58

Sapevo che anche nel mondo dell'aviazione c'erano delle situazioni di precarietà e sfruttamento ma nn pensavo che si arrivasse a questi livelli. La cosa orrenda è che in queste situazioni si mette a rischio il personale lavorativo e le persone ignare di quello che corrono. :shock:
Ben vengano allora degli articoli di questo tipo che ci hanno fatto aprire gli occhi su una realtà a noi nascosta..

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15978
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da JT8D » 5 luglio 2008, 12:36

Vorrei esprimere il mio parere :wink:

Come sapete, da sempre, questo forum si batte per far capire a tutti, soprattutto a chi ha paura, che volare è sicuro e che il sistema aviazione è strutturato in modo da assicurare tranquillità e sicurezza.
Ora, quest'articolo pone l'accento su delle questioni, delle cose che non funzionano come dovrebbero nel mondo dell'aviazione.
Ho apprezzato gli interventi di Airbusfamilydriver e air.surfer, che essendo professionisti, hanno senz'altro più di chi è esterno a questo mondo il polso della situazione, e possono senz'altro dare una visione più realistica del problema. Che ci sia qualcosa che non va e si dovrebbe cambiare è certo, ma lo è in tutti i settori lavorativi, non solo quello dell'aviazione: e quest'articolo in un certo modo "restituisce" la dovuta professionalità a gente spesso ingiustamente bistrattata, che se siede a sinistra lo fa perchè si è fatto un mazzo grande come una casa, e che indipendentemente da dove siede ha comunque alle spalle un background addestrativo fortissimo.
Ok quindi, se c'è qualcosa che non va è bene segnalarlo, non far finta di nulla, anche per rispetto di chi appunto si fa il mazzo.
Io non critico quindi l'aspetto di fondo dell'articolo, al limite critico che l'articolo è stato buttato giù in maniera un pò troppo scandalistica, per colpire senza pietà. Ma si sa come lavorano i giornalisti. Si poteva sollevare il problema senza essere così appunto scandalistici.
Pensiamo anche alle conclusioni che può trarre uno che legge l'articolo, che non se ne intende e non è dell'amibente, e magari è un pochino pauroso: ne subirebbe un idea catastrofica, che tutto va a rotoli e che è un miracolo che accadano così pochi incidenti.
Nella realtà invece sappiamo tutti che non è così, anche perchè l'articolo da comunque uno spaccato di questo mondo. Ecco perchè dico che non mi piace la modalità in cui l'articolo è stato scritto, apprezzo invce l'intento di sollevare una questione reale, che sarebbe sbagliato nascondere, anche per rispetto di gente come air.surfer, airbusfamilydriver, per citare chi è intervenuto qui, e naturalmente molti altri.
Noi che mastichiamo un pò di aviazione lo prendiamo con il giusto peso e lo analizziamo, anche con l'aiuto dei nostri piloti che essendo "dentro" l'ambiente vedono e sentono cose che altri non possono vedere o sentire. Altri fuori di qui però possono avere un idea anche un pò distorta e un pò troppo catastrofica.

Quindi è un bene sollevare certe questioni anche brutte con un articolo che ha un fondo di verità, andrebbero sollevate un pò meno scandalisticamente, ma con la voglia propositiva di cambiare, ma si sa che al giornalista importa solo dare la notiziona e fare scandalo. E comunque articoli del genere vanno letti con una certo raziocinio, e con intelligenza, soppesando le informazioni contenute, discutendo della verità contenuta e di come si può fare per cambiare, ma senza abbandonarsi al catastrofismo. Volare è e rimarrà sempre sicurissimo, questo ci tengo a sottolinearlo, ma se c'è qualcosa che non va e che alla lunga può minare il sistema diminuendo la sicurezza e ponendo in essere le prospettive per eventuali pericoli, va bene parlarne, discuterne.
Spero che l'articolo venga letto in questo senso da tutti: senza catastrofismi o scandali, ma con la volontà di capire.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

mizio
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 9
Iscritto il: 24 aprile 2008, 19:00

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da mizio » 5 luglio 2008, 13:29

salve ,
da "fifone" quasi guarito da questo bellissimo forum , devo dire
che questo thread mi ha un po' spiazzato .

Certo bisogna interpretare e capire , e comunque non sarà certo
un motivo per farmi rinunciare a viaggiare con l'aereo .

sarebbe bello se qualche pilota professionista , magari citando la compagnia
per cui lavora , raccontasse di qualche esperienza pro o contro la tesi
dell'articolo del giornale , per rendere l'idea che , anche se vero quanto
riportato dall'articolo , sia o meno , un episodio raro .

ciao

mizio

jasair
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 543
Iscritto il: 21 settembre 2007, 20:01
Località: Alghero

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da jasair » 5 luglio 2008, 15:48

JT8D ha scritto:Vorrei esprimere il mio parere :wink:

Come sapete, da sempre, questo forum si batte per far capire a tutti, soprattutto a chi ha paura, che volare è sicuro e che il sistema aviazione è strutturato in modo da assicurare tranquillità e sicurezza.
Ora, quest'articolo pone l'accento su delle questioni, delle cose che non funzionano come dovrebbero nel mondo dell'aviazione.
Ho apprezzato gli interventi di Airbusfamilydriver e air.surfer, che essendo professionisti, hanno senz'altro più di chi è esterno a questo mondo il polso della situazione, e possono senz'altro dare una visione più realistica del problema. Che ci sia qualcosa che non va e si dovrebbe cambiare è certo, ma lo è in tutti i settori lavorativi, non solo quello dell'aviazione: e quest'articolo in un certo modo "restituisce" la dovuta professionalità a gente spesso ingiustamente bistrattata, che se siede a sinistra lo fa perchè si è fatto un mazzo grande come una casa, e che indipendentemente da dove siede ha comunque alle spalle un background addestrativo fortissimo.
Ok quindi, se c'è qualcosa che non va è bene segnalarlo, non far finta di nulla, anche per rispetto di chi appunto si fa il mazzo.
Io non critico quindi l'aspetto di fondo dell'articolo, al limite critico che l'articolo è stato buttato giù in maniera un pò troppo scandalistica, per colpire senza pietà. Ma si sa come lavorano i giornalisti. Si poteva sollevare il problema senza essere così appunto scandalistici.
Pensiamo anche alle conclusioni che può trarre uno che legge l'articolo, che non se ne intende e non è dell'amibente, e magari è un pochino pauroso: ne subirebbe un idea catastrofica, che tutto va a rotoli e che è un miracolo che accadano così pochi incidenti.
Nella realtà invece sappiamo tutti che non è così, anche perchè l'articolo da comunque uno spaccato di questo mondo. Ecco perchè dico che non mi piace la modalità in cui l'articolo è stato scritto, apprezzo invce l'intento di sollevare una questione reale, che sarebbe sbagliato nascondere, anche per rispetto di gente come air.surfer, airbusfamilydriver, per citare chi è intervenuto qui, e naturalmente molti altri.
Noi che mastichiamo un pò di aviazione lo prendiamo con il giusto peso e lo analizziamo, anche con l'aiuto dei nostri piloti che essendo "dentro" l'ambiente vedono e sentono cose che altri non possono vedere o sentire. Altri fuori di qui però possono avere un idea anche un pò distorta e un pò troppo catastrofica.

Quindi è un bene sollevare certe questioni anche brutte con un articolo che ha un fondo di verità, andrebbero sollevate un pò meno scandalisticamente, ma con la voglia propositiva di cambiare, ma si sa che al giornalista importa solo dare la notiziona e fare scandalo. E comunque articoli del genere vanno letti con una certo raziocinio, e con intelligenza, soppesando le informazioni contenute, discutendo della verità contenuta e di come si può fare per cambiare, ma senza abbandonarsi al catastrofismo. Volare è e rimarrà sempre sicurissimo, questo ci tengo a sottolinearlo, ma se c'è qualcosa che non va e che alla lunga può minare il sistema diminuendo la sicurezza e ponendo in essere le prospettive per eventuali pericoli, va bene parlarne, discuterne.
Spero che l'articolo venga letto in questo senso da tutti: senza catastrofismi o scandali, ma con la volontà di capire.

Paolo
Quoto tutto ciò che hai scritto...se si prendesse per vera l'ipotesi dell'articolo chiunque sarebbe autorizzato a pensare che ogni volo è una scommessa con il destino...ciò significherebbe che le percentuali di "incompetenti e/o kamikaze" sono molto elevate...ragionando con i numeri vorrebbe dire che, sempre seguendo il filo logico dell'articolo, una buona parte dei piloti presenti in questo forum rientrano nella casistica (non me ne vogliano i piloti, è solo un esempio estremizzato :wink: )...eppure chiunque segue il forum sa che sono molto preparati...siamo fortunati noi ad aver beccato la "minima percentuale" di piloti-modello? O forse (più realisticamente) che la situazione (percentualmente parlando) è molto meno grave di come scandalisticamente pubblicato?

Questo non significa che bisogna fregarsene...si deve sempre puntare a migliorare ogni situazione...ma non vedo, pur lavorando nel settore, questa situazione disastrosamente descritta.

Avatar utente
blackbird
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 432
Iscritto il: 23 novembre 2005, 19:01

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da blackbird » 5 luglio 2008, 15:52

@ JT8D:
concordo con te.Devo dire che personalmente non mi è sembrato che l'articolo gridasse allo scandalo....lo scandalo se c'è è una logica conseguenza dei fatti ivi riportati che sono pure ben documentati...Ciò che è stato detto dai nostri piloti per me è la prova n.1 e non mi piacciono gli atteggiamenti di "difesa ad oltranza" di chi non è pilota professionista e dunque ha ben poco da confutare se non il suo personale "non ci credo".

per quanto io riconosca che una delle più grandi funzioni del forum è stata aiutare chi ha "paura del volo" non riesco tuttavia ad immaginare un atteggiamento di difesa a tutti i costi che precluda che accadano fatti molto gravi all'interno del panorama dell'aviazione professionale.

è giusto in definitiva prendere questo articolo con il giusto distacco e confrontarlo con i pareri di chi puo' confutare o meno ciò che esprime.
opinioni personali a parte!
The SR71 unofficially called as "BLACKBIRD"

6 March 1990
Crew: Lt. Col. Ed Yeilding and Lt. Col. Joseph T. Vida
Speed Over a Recognized Course - St. Louis to Cincinnati (311.44 mi)
Time: 8 minutes 31.97 seconds
Average Speed: 2,189.94 mph

peterfly 65

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da peterfly 65 » 5 luglio 2008, 19:00

:D non lo avevo letto. Grazie forum. Ma scusate se una persona l'unica cosa che guarda quando compra un biglietto è quanto costa cosa è evidente che le compagnie si adeguano di conseguenza andando lavorando sempre piu al ribasso. Non vedo niente di scandaloso sull'articolo sono cose che si sanno e sarà sempre peggio. Anni fa una compagnia venne sorpresa perchè operava con due qtb uno che si tramandavano i piloti con le avarie e uno ufficiale per l'autorità sempre perfetto. Le cose non cambiano e poi purtroppo chi non è del mestiere si autoconvince che non è vero perche non ha riscontri oggettivi, nessuno mai dira io ho fatto questo o quello, e cosi si sta tutti tranquilli. A me molte volte la gente chiede tu voleresti con quella compagnia? Molte volte rispondo che manco le valigie ci manderei e sapete cosa mi rispondono e tu scherzi. Per finire non non arrabbiatevi piu di tanto dopotutto è la gente che ha deciso che l'aereo è un mezzo che deve costare poco ma purtroppo non è cosi quindi non lamentiamoci se tante compagnie fanno mobbing non fanno addestramento ecc. l'importante per noi è pagare poco o sbaglio?????????????????????????? :D :D :D

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11568
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da flyingbrandon » 5 luglio 2008, 19:13

air.surfer ha scritto: Ah. Per inciso. Io per sedermi a sinistra, ho fatto N simulatori, N al quadro tratte, ingoniato N rospi, sono stato valutato da decine di LT, TRI TRE e sputato il sangue per 12 mesi circa. Altro che 45 minuti al simulatore....
Scusa pero'....quello era gia' cpt....se tu cambiassi compagnia non penso che ti farebbero N simulatori e N^2 tratte etc etc. no?
Comunque non puoi negare che l'articolo sia fatto alla "sensazionale maniera" giusto per far leva sull'emotività della gente e non tanto per denunciare qualcosa....insomma....l'articolo fatto per vendere no? Onestamente penso che fosse anche partito da un fondo di verità ha dato volutamente delle sfumature da tragedia annunciata che così non è...
Ciao!

P.S. Le pressioni di compagnia ci possono anche essere ma non ho mai visto fermare qualcuno perche' ha fermato un aereo a terra non volabile e uno che parte non in sicurezza è comunque un *****! :roll:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11568
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da flyingbrandon » 5 luglio 2008, 19:20

peterfly 65 ha scritto:Anni fa una compagnia venne sorpresa perchè operava con due qtb uno che si tramandavano i piloti con le avarie e uno ufficiale per l'autorità sempre perfetto.
Non scrivere o scrivere su un altro scalo per non fermare l'aereo non significa necessariamente non farlo volare in sicurezza...o no? Poi cosa non scrivesse quella compagnia nn so....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

peterfly 65

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da peterfly 65 » 5 luglio 2008, 19:22

Non essere cosi sicuro sul fattoche alcune compagnie non ti fanno niente se fermi un aereo.Per quanto riguarda le selezioni prova a chiedere a qualcuno che le ha fatte le in emirates o in british come sono...............non ti fanno solo una missione al simulatore
Ultima modifica di peterfly 65 il 5 luglio 2008, 19:29, modificato 1 volta in totale.

peterfly 65

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da peterfly 65 » 5 luglio 2008, 19:27

Nonle scrivevano proprio, le avarie se le passavano su un altro libro. Comunque non è solo il fatto di fermare un aereo o no l'unica cosa importante. E' evidente che i giornalisti gridano sempre allo scandalo altrimantei chi glieli compra i giornali.

Avatar utente
Kansai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 469
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 20:05
Località: Minato-ku, Tokyo, Japan

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da Kansai » 5 luglio 2008, 21:44

Prendo per buono quello che ha scritto Gatti, che di certo non è né Carl Bernstein né Bob Woodward, ma come loro anche lui avrà avuto le sue "gole profonde"...
Fate come volete, ma io volo lo stesso :lol: :mrgreen:
"Se è vero che esiste un potere, questo potere è solo quello dello Stato, delle sue Istituzioni e delle sue Leggi; non possiamo oltre delegare questo potere né ai prevaricatori, né ai prepotenti, né ai disonesti" (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

http://www.flickr.com/photos/dave_italy

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da i_disa » 5 luglio 2008, 22:34

Kansai ha scritto:Fate come volete, ma io volo lo stesso :lol: :mrgreen:
mah..io tanti problemi non me l faccio, volo lo stesso anch io! :mrgreen:
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 6 luglio 2008, 0:07

L'articolo usa toni un po' forti per sottolineare un settore che è gravemente carente di normativa e controllo. Non per questo necessariamente deve cadere un aereo ogni giorno, anzi.
Le continue riduzioni dei costi non dovrebbero intaccare la sicurezza e sicuramente non dovrebbero pegggiorare la già scarsa qualità della vita dei piloti che vi ricordo sono l'ultima barriera prima dell'incidente.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 6 luglio 2008, 0:15

Flory ha scritto: Scherzi a parte, credo che non sia un problema specifico dei piloti, ma della situazione lavorativa in genere in Italia. Mi direte voi, giustamente, che con un pilota stanco rischi la pelle, ma non è così anche per gli infermieri, i medici, i tizi che lavorano sull'autostrada...E i poveracci della Thyssen??
Mi diventi campionessa di demagogia? Si vede che stai invecchiando.... :mrgreen:

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da aeb » 6 luglio 2008, 0:25

air.surfer ha scritto: Le continue riduzioni dei costi non dovrebbero intaccare la sicurezza e sicuramente non dovrebbero pegggiorare la già scarsa qualità della vita dei piloti che vi ricordo sono l'ultima barriera prima dell'incidente.
Arguta osservazione... c'è tutto un sistema "dietro", su cui personalmente (soprattutto quando si parla di AZ) ripongo la massima fiducia. Però chi vola - magari malvolentieri - vede i due piloti in cockpit come la prima barriera.... :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11568
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da flyingbrandon » 6 luglio 2008, 7:56

air.surfer ha scritto:Le continue riduzioni dei costi non dovrebbero intaccare la sicurezza e sicuramente non dovrebbero pegggiorare la già scarsa qualità della vita dei piloti che vi ricordo sono l'ultima barriera prima dell'incidente.
Ok...su questo concordo in pieno! :D In effetti laddove ci fosse carenza nell'addestramento o una pessima qualita' di vita lo si vedrebbe più chiaramente in caso di una seria emergenza...cosa che fortunatamente non capita ad ogni block off...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Appe
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 534
Iscritto il: 14 gennaio 2008, 0:52
Località: 250 km a nord di genova! :)

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da Appe » 6 luglio 2008, 12:36

A me sembra, per quanto riguarda il nostro paese,che ci sia un problema Enac prima di tutto...
scusate,ma una denuncia del genere su quel settimanale,con la dovuta risonanza, non potrebbe essere un mezzo tramite cui obbligare Enac ad uscire alla luce del sole e "far vedere" che almeno si sta occupando della faccenda?
Diciamo che in teoria se davvero ci sono delle violazioni,un'ente serio dovrebbe far vedere un interesse nel risolvere il problema... che i piloti siano sfruttati si sa! e lo sanno anche le authority,che fan finta di non vedere...
spero di non aver scritto frignacce! :wink:

Avatar utente
aurum
MD80 Captain
MD80 Captain
Messaggi: 1704
Iscritto il: 2 settembre 2005, 12:13
Località: Veio

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da aurum » 6 luglio 2008, 20:03

Vorrei focalizzare l'attenzione su un aspetto citato dall'articolo:l'addestramento.Questa e' la parola chiave in cui si riassume la sicurezza del volo .
In essa convergono quelle misure correttive fornite per ridurre i rischi connessi alle operazioni di volo.
Purtroppo l'addestramento ha un costo,ed e' anche alto in termini economici (anche se ai fini della flight safety questo costo si ripaga ampiamanente) e per i moderni imprenditori i costi sono la bestia nera dell'economia aziendale.
Perche' quindi meravigliarsi di cio' che operatori del settore,organizzazioni aeronautiche,sindacati professionali e stampa specializzata hanno denuciato gia' da tempo.
Addestramento vuol dire sottrarre tempo all'attivita' di volo e in alcune compagnie questo tempo non e' neanche retribuito.Addestramento vuole anche dire investimenti ma questo e' difficile da capire per chi dietro ad una scrivania e' intento solo ad eliminare i numeri rossi.E' un po' come risparmiare i sodi del casco per andare in moto.
Anni di studi,ricerche e analisi del sistema ,vengono purtroppo oggi messi in discussione da interessi economici che spesso travalicano gli stessi principi etici e morali.
Oggi si assiste al palesarsi di un pericolo subdolo,che non viene annunciato da nessun master warning,da nessun parametro fuori limiti.E' un pericolo latente,dal quale l'uomo pilota ha poche difese;e' un pericolo fatto di stress,condizionamenti,tensioni.L'analisi degli eventi oggi mettono in luce episodi come quello dei piloti che si addormentano magari dopo qualche ora in "deroga" alle QUATTORDICI legalmente riconosciute,o come colui che si siedeva in cockpit solo due giorni dopo la perdita di un figlio(paura di perdere il posto se si fosse preso qualche giorno in piu'?) evitando un buco sulle colline romane solo grazie all'intervento del copilota,o come chi si infilo' nel mar rosso dopo aver passato la notte avanti e'ndre' sull'Egeo e si accingeva al suo terzo volo con gia' dodici ore di servizio e gli occhi gonfi dalla luce dell'alba.O ancora come quello che per perdere quota mise un 737 in spirale stretta (si salvo' solo grazie a San Patrick!) per risparmiare i soldi di una riattaccata!(ma MOL gli chiedera' indietro anche quelli? :roll: )
Quando si dice che deve essere il mercato a determinare l'economia,forse sara' vero per una fabbrica di pomodori in scatola,non certo per una compagnia aerea!
Quello che denuncia l'articolista dell'Espresso e' cosa gia' risaputa e come molte cose in Italia,finora taciuta solo per interesse di qualcuno.
Forse si e' ancora in tempo!
Gubernator superfluus

Immagine Immagine

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da i_disa » 6 luglio 2008, 20:07

aurum ha scritto:Addestramento vuol dire sottrarre tempo all'attivita' di volo e in alcune compagnie questo tempo non e' neanche retribuito
addirittura?!
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
Cassandra
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 428
Iscritto il: 6 luglio 2007, 17:08

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da Cassandra » 7 luglio 2008, 15:31

Flory ha scritto: Per mio figlio sogno un futuro da bidello o da barbiere... :mrgreen:
io invece rinascerei per poter fare quella vita :mrgreen: :mrgreen:
Flory ha scritto: Scherzi a parte, credo che non sia un problema specifico dei piloti, ma della situazione lavorativa in genere in Italia. Mi direte voi, giustamente, che con un pilota stanco rischi la pelle, ma non è così anche per gli infermieri, i medici, i tizi che lavorano sull'autostrada...E i poveracci della Thyssen?? E le inchieste sui macchinisti delle Ferrovie? Turni massacranti, voluti dai lavoratori ed incentivati dall'azienda, al solo scopo di far lievitare gli stipendi e non procedere a nuove assunzioni.La realtà lavorativa in Italia è disastrosa, ed il settore aereo non fa eccezione.
mi trovi perfettamente d'accordo...

Avatar utente
N176CM
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5247
Iscritto il: 9 settembre 2005, 13:02
Località: Milano

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da N176CM » 7 luglio 2008, 15:45

aurum ha scritto: Quando si dice che deve essere il mercato a determinare l'economia,forse sara' vero per una fabbrica di pomodori in scatola,non certo per una compagnia aerea!
Salvo poi ogni tanto scoprire che mangiamo i pomodori alla diossina perchè sono stati coltivati di fianco ad una discarica abusiva per risparmiare o scoprire che i laureati di oggi hanno un livello medio di conoscenze/capacità decisamente inferiore a quello dei colleghi di pochi anni più vecchi perchè oggi tutti si devono laureare e le università competono sul mercato in base al numero di laureati o scoprire che siccome la Regione rimborsa le prestazioni mediche alle cliniche private convenzionate si fanno interventi (probabilmente) non necessari o scoprire che chi deve verificare i conti di una grande società quotata ha a disposizione il tempo necessario a mala pena per leggere il bilancio e poi richiuderlo etc. etc.
Sarà anche demagogia, come dice AS in risposta a Flory, ma è la realtà del "tutto e subito" dei nostri giorni ed è inevitabile che tutti i settori, aviazione compresa, ne siano coinvolti.
Sta poi a noi riuscire a soppesare le informazioni che ci vengono trasmesse, come diceva Paolo poco sopra.
N176CM
n176cm AT md80.it

Immagine

Camaur
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 84
Iscritto il: 2 marzo 2008, 12:45

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da Camaur » 7 luglio 2008, 16:25

Ciao
Ho letto l'articolo, di per se è allarmante soprattutto per quanto riguarda i diritti del lavoratore-pilota, e naturalmente - ma questo vale per una quantità di professioni - per le potenziali ripercussioni sulla sicurezza. Prenderò un volo Eurofly per gli USA tra una settimana, non mi sento certo più in pericolo rispetto a prima di leggere l'articolo su Repubblica o i commenti su questo forum.
Ma... vi domando, in un forum dove esiste un'intera sezione sulla paura del volo, dove si riuniscono - mi sembra - enormi sforzi psicologici, umani, quant'altro per confortare chi si accinge a prendere l'aereo e alla sola idea si sconforta... in un forum come questo, vi domando, è coerente poi avviare una discussione - questo si - supersconfortante nei toni, dove una persona anche solo leggermente suggestionabile prenderebbe qualunque mezzo e non l'aereo, all'idea di essere nelle mani di una persona stanca, incompetente, non addestrata, demoralizzata, magari con qualche velleità suicida a causa dell'insoddisfazione e del mobbing? Perchè davvero commenti rassicuranti non ne ho letto. capisco le ragioni dei piloti... anch'io faccio parte di una categoria che di problemi ne ha una caterva... ma l'articolo di Repubblica e ancor più i commenti sul forum gettano una luce così tetra sulla professionalità dei piloti (non per colpa loro, ma il risultato è quello) che davvero spero che nessuno che avesse una qualche paura di volare legga mai tutti questi commenti. Passa davvero la voglia di mettere la propria vita nelle mani di questi piloti, Eurofly o altro.
A questo punto, davvero mi viene da pensare che è confortante l'idea che ci siano due piloti in cabina, e che se davvero è c0sì probabile che uno sia congestionato da stanchezza e insoddisfazione professionale, è improbabile che lo sia anche l'altro. Poi penso ai due piloti di quella compagnia, sorpresi a dormire in tandem... ehmm... quanto ci vuole per arrivare in USA con la nave? :D
Ciao

Mauro

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da Maxlanz » 7 luglio 2008, 16:50

araial14 ha scritto:
airbusfamilydriver ha scritto: lo sò che è grave ma chi scrive quell'articolo l'espresso,fino alla settimana scorsa ci attacava(ricordi livadiotti) dicendo che eravamo una categoria di privilegiati scansafatiche
la dimostrazione che questi articoli,nel bene e nel male vengono pilotati per incidere sull'opinione pubblica
Io trasecolo! Sarò un ingenuo disinformato, sarò un emotivo, ma un articolo del genere su di un giornale a tiratura nazionale con distribuzione oltre confine non posso accettarlo e denuncio la smaccata assenza di deontologia di chi lo ha scritto.E' di un cinismo così bieco e basso che se la compagnia citata non corre ai ripari querelandolo, allora c'è veramente spazio per qualsiasi tipo di ilazione e in questo spazio ci possiamo sguazzare tutti con pari diritto di affermare qualsiasi cosa.La parola dell'uno contro la parola dell'altro senza avere la speranza di colpo ferire? In un settore così delicato come quello aeronautico nel quale per definizione nulla deve ( mi rifiuto di usare il condizionale) essere lasciato al caso e all'improvvisazione, nel quale fior di professionisti lavorano ogni giorno, piloti e AV in primis, si permette che un qualsiasi "Signor" Tal dei Tali faccia una denuncia di continui mancati omicidi e di improvvisazioni legate alle mani di presunti boia dei cieli? Inaudito, grave, gravissimo!Spero che i piloti e tutti coloro che sono coinvolti da questa vicenda quasi gotica , abbiano il coraggio di ribellarsi corporativisticamente e la dove qualsiasi forma di giustizia ha ancora la dignità nell'esser definita tale, far valere i propri diritti e con essi anche i nostri.
Naturalmente concordo.

Ciao
Massimo

Avatar utente
Flory
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 394
Iscritto il: 22 febbraio 2008, 18:13

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da Flory » 7 luglio 2008, 17:59

air.surfer ha scritto:
Flory ha scritto: Scherzi a parte, credo che non sia un problema specifico dei piloti, ma della situazione lavorativa in genere in Italia. Mi direte voi, giustamente, che con un pilota stanco rischi la pelle, ma non è così anche per gli infermieri, i medici, i tizi che lavorano sull'autostrada...E i poveracci della Thyssen??
Mi diventi campionessa di demagogia? Si vede che stai invecchiando.... :mrgreen:
Lo vedi demagogico, il mio pensiero? Fosse così, a quest'ora, dopo aver conseguito la mia bella laurea in velinismo, averla dat... ehm.... :mrgreen: dicevamo? Ah...dopo le conseguenziali "esperienze" politiche,avrei come minimo un sottosegretariato per la diffusione della marmellata di cipolle di Tropea...
:lol:
Ed invece ho sbagliato tutto...
P.S...se commette un errore un pilota, ammazza centocinquanta persone...Pacifico...Ma non credo che l'errore di un macchinista venga perdonato dalla sorte, così come quello degli autisti di pulmann di linea...In parole povere, non credo che si stia discutendo del numero delle potenziali vittime : conta solo la realtà di stanchezza e stress nella quale il lavoratore si trova ad agire.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 7 luglio 2008, 18:04

Flory ha scritto: Lo vedi demagogico, il mio pensiero?
Un tantinello... GLi sfortunati operai della Thyssen non è che c'entrino molto con il 3ad.
Flory ha scritto: Fosse così, a quest'ora, dopo aver conseguito la mia bella laurea in velinismo, averla dat... ehm.... :mrgreen: dicevamo?
Ah... quest'anno fai la Velona? Ti ci vedo proprio.... :mrgreen:

ROTFL! (Sbonk!)

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 7 luglio 2008, 18:05

Flory ha scritto: P.S...se commette un errore un pilota, ammazza centocinquanta persone...Pacifico...Ma non credo che l'errore di un macchinista venga perdonato dalla sorte, così come quello degli autisti di pulmann di linea...In parole povere, non credo che si stia discutendo del numero delle potenziali vittime : conta solo la realtà di stanchezza e stress nella quale il lavoratore si trova ad agire.
E non mi modificare i post... senno' ti devo rispondere 20 volte!!! :mrgreen:

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Artico L'espresso 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 7 luglio 2008, 18:06

Flory ha scritto: P.S...se commette un errore un pilota, ammazza centocinquanta persone...Pacifico...Ma non credo che l'errore di un macchinista venga perdonato dalla sorte, così come quello degli autisti di pulmann di linea...In parole povere, non credo che si stia discutendo del numero delle potenziali vittime : conta solo la realtà di stanchezza e stress nella quale il lavoratore si trova ad agire.
Secondo te perchè un autista di pulman di linea non viene pagato come un pilota?

VEEELLONAAAA! :mrgreen: AHR AHR AHR!

Avatar utente
Flory
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 394
Iscritto il: 22 febbraio 2008, 18:13

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da Flory » 7 luglio 2008, 18:06

Manco m'hai dato tempo di formulare il mio pensiero: mi stavi col fiato sul collo! Mi sono venuti in mente gli operai della Thyssen solo perchè rammento che due di loro stavano al raddoppio del turno di lavoro...Sai com'è...il pane è amaro...

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da air.surfer » 7 luglio 2008, 18:08

Flory ha scritto:Manco m'hai dato tempo di formulare il mio pensiero: mi stavi col fiato sul collo! Mi sono venuti in mente gli operai della Thyssen solo perchè rammento che due di loro stavano al raddoppio del turno di lavoro...Sai com'è...il pane è amaro...
Nella stessa situazione un pilota avrebbe fatto centinaia di morti, danni per svariate decine di milioni di dollari (probabilmente pure per terra) e decretato (forse) la fine della sua compagnia. Secondo te c'è differenza?

Avatar utente
Flory
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 394
Iscritto il: 22 febbraio 2008, 18:13

Re: Pirati dei cieli. Articolo "L'espresso" 3 luglio 2008

Messaggio da Flory » 7 luglio 2008, 18:09

Senti, Mascherò...non mi dare parola che devo prepararmi per uscire: vado dall'avvocato per intentare una causa di lavoro... :mrgreen:
Perchè un autista del pulmann non guadagna come un pilota? Ma pretendi anche che ti risponda? Le domande cazzone le formuli alle utenti cazzone... :wink:
Ciao, caro...

Rispondi