Compagnia Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
janmnastami
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 548
Iscritto il: 11 agosto 2008, 15:30

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da janmnastami » 26 settembre 2008, 1:51

RR_Trent ha scritto: Credo che forse tu abbia qualche problema, forse congenito,
Le offese tienitele per te; se non sei in grado di discutere civilmente, quello ad avere problemi sei tu.

marcopolo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 235
Iscritto il: 28 agosto 2006, 18:34
Località: Treviso

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marcopolo » 26 settembre 2008, 8:41

caravaggio ha scritto:
marcopolo ha scritto:
caravaggio ha scritto:
mcgyver79 ha scritto:

I debiti che AF avrebbe sanato autonomamente sono quelli che ora vengono stralciati alla bad company, che ora ci restano sul groppone.
e da quando in quai i crediti di un fallimento li pagano i contribuenti? dove sta scritto che il carburante non pagato ad ENI lo paghiamo noi? non è vero, basta sfogliarsi il codice civile per capire che hai detto una inesattezza. la realtà è che si fa tanta demagogia. una cosa sono gli esuberi, una cosa i debiti. la cassa integrazione la paga lo stato , cioe i contribuenti sia che gli esuberi siano AF che CAI. i crediti inesigibili restano tali e io contribuente non caccio una lira. sono le società che li vantano a restare insolute. il prestito ponte è stato concesso dal governo Prodi altrimenti Alitalia avrebbe chiuso a maggio
Non verranno saldati tutti i debiti ma questo non significa che i contribuenti non dovranno pagare, intanto bisogna vedere se verrà restituito il prestito ponte, poi alcuni verranno pagati dallo stato. Rimmarranno debiti che non vengono pagati, magari a carico di aziende che andranno in difficoltà ecc ecc.
Alitalia ha anche debiti con lo stato comunque. Credo non potessi scegliere un esempio meno azzeccato, ti ricordo che l'eni è a controllo statale. I creditori che non vengono pagati siamo noi stessi.

Da Il sole 24 ore (il giornale di confindustria e quindi dei 16 capitani coraggiosi):
"L'impegno degli investitori «italiani» è meno della metà dei francesi. Resta un buco di almeno 1,4 miliardi nella bad company: debiti che verranno pagati dallo Stato (si stima per un miliardo), dai creditori, dagli azionisti"
1 MILIARDO PAGATO, 400 milioni stralciati.
Ultima modifica di marcopolo il 26 settembre 2008, 8:49, modificato 1 volta in totale.
Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. (Friedrich Nietzsche)

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Maxlanz » 26 settembre 2008, 8:43

Mdx4 ha scritto: Dovresti considerare gli ammortizzatori sociali per dipendenti , precari di alitalia e indotto e gentilmente aggiungici anche gli eventuali introiti delle aziende attorno :)
Benedetti ragazzi che non hanno rispetto per l'età e non capiscono che scrivere sempre le stesse cose comporta fatica. :)

Quelle cose che tu, in questa arrampicata sugli specchi, citi ci sarebbero state anche con altre soluzioni. Poi possiamo discutere sulla loro entità variabile tipo la storiella dei duemila esuberi eccetera.

Ma se l'italiano (poverino) ha ancora un po' di valore, centinaia continua a significare centinaia, e visto che ad essere generosi siamo arrivati ad un paio di decine appena, siamo ancora curiosi di vederli questi dati.

Oppure ammettiamo che hai detto delle sciocchezzuole e la chiudiamo così. :wink:

Ciao
Massimo
Ultima modifica di Maxlanz il 26 settembre 2008, 10:43, modificato 1 volta in totale.

marcopolo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 235
Iscritto il: 28 agosto 2006, 18:34
Località: Treviso

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marcopolo » 26 settembre 2008, 8:52

Maxlanz ha scritto: Oppure ammettiamo che hai detto delle sciocchezzuole e la chiudiamo così. :wink:

Ciao
Massimo
L'ho sentito anche io da più parti parlare di centinaia. Probabilmente è un po' sovrastimato, ma smettiamola di accusarci a vicenda di dire sciocchezze dato che la maggior parte non sa assolutamente niente.(me compreso)
Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. (Friedrich Nietzsche)

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da i_disa » 26 settembre 2008, 9:06

Stipendi e turnistica: i contenuti dei contratti Alitalia
da tiscali.it

L'integrazione dell'intesa Cai-sindacati per Alitalia salva dalle riduzioni i salari più bassi, quelli del personale di terra, e garantisce una 'riserva' per i precari che avranno la precedenza in caso di ricorso a contratti a termine.
- PERSONALE DI TERRA. Sarà considerato lavoro notturno, ai soli effetti retributivi, quello effettuato fra le 20 e le 8. Inoltre, confluiranno nella singola voce 'superminimo ristrutturazione', erogata per 12 mensilità e priva di effetti di trasferimento, gli scatti, l'Elemento Distintivo di retribuzione '92, l'EDR '96 congelato ai valori attualmente applicati, l'ED e l'Elemento ex accordo '88.
- PERSONALE DI VOLO. L'applicazione delle nuove tabelle retributive non potrà determinare una riduzione superiore al 6-7% del trattamento complessivo oggi spettante a parita' di lavoro. In applicazione della nuova struttura retributiva la differenza economica potrà essere recuperata in tutto o in parte con incrementi delle ore di volo.
- RIPOSI PERSONALE VOLO. Sono fissati 30 riposi a trimestre con "un minimo mensile programmabile di 8". Nel periodo da maggio a ottobre, "2 riposi programmati saranno considerati inamovibili. Da novembre ad aprile saranno inamovibili tre riposi". Per esigenze di servizio, l'azienda potrà spostare, rinviare o cancellare un numero massimo di 4 riposi programmati per mese.
- MALATTIA. La conservazione del posto è prevista per 12 mesi. In caso di malattia o inidoneita' per causa di servizio, dal primo giorno di assenza e per otto mesi al dipendente va la normale retribuzione; per i successivi il 50%. In caso di malattia o inidoneità che non abbia causa di servizio, il periodo a retribuzione intera scende a 6 mesi, il restante sempre al 50%.
- ASSISTENTI DI VOLO. Le qualifiche sono ADR (Assistente di volo responsabile) ADR di seconda e AV (Assistente di volo). "Fermi restando i limiti quantitativi minimi di composizione equipaggi e la possibilita' di operare con equipaggio ridotto per indisponibilita' improvvisa di qualsiasi membro di equipaggio che non consenta la sostituzione, per i voli di lungo raggio è previsto l'impoego di un AVR di Seconda con compiti di coordinamento del servizio economy. Sull'attività di corto e medio raggio possono essere indistintamente e alternativamente impiegati AVR e AVR di Seconda.
- PRECARI. Cai si dichiara disponibile per coprire il "fabbisogno di personale derivante dalla ciclica variabilità dei volumi di attività del settore" ad avvalersi, nel prossimo triennio, di personale che negli ultimi 36 mesi abbia lavorato per Alitalia e Airone con contratto a tempo determinato.
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 9:49

INDACATI: COLLOQUIO CON LUFTHANSA - I leader di Cgil, Cisl e Uil, Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno incontrato all'interno dell'ambasciata di Roma l’ambasciatore tedesco in Italia e alcuni emissari di Lufthansa. Lo riferiscono fonti sindacali. Al centro dell’incontro la possibilità che Lufthansa possa entrare in Alitalia con una quota di minoranza.
«Nel corso dell'incontro - ha spiegato Angeletti intervenendo a "Radio Anch'io" - si è evidenziato l'interesse di Lufthansa a seguire le vicende Cai, anche se naturalmente ancora non c'è niente di concreto. Non dimentichiamo che il percorso per salvare Alitalia è appena iniziato. La proposta di acquisto della Cai dovrà essere realizzata e poi servirà l'ok di Bruxelles». Il leader della Uil ha poi chiarito i motivi che spingono i sindacati confederali a prediligere Lufthansa piuttosto che Air France come partner internazionale di Alitalia: «Non è ovviamente una questione di nazioni o di giudizi sulla qualità delle due compagnie, ma riguarda il fatto che la Francia è concorrente dell'Italia sul piano del turismo, questo è un elemento importante».

LETTA HA INCONTRATO IL PRESIDENTE DELLA COMPAGNIA TEDESCA - Intanto emerge che sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianni Letta ha incontrato giovedì il presidente di Lufthansa Wolfgang Mayrhuber.

MI sembra probabile che stiamo andando verso una soluzione tedesca, con tutte le conseguenze del caso in termini di alleanze (bye bye SkyTeam, e questo mi dispiace per ragioni personali - AF vola su destinazioni interessanti per utilizzare le miglia AZ) e di "peso" degli aeroporti italiani.

marcopolo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 235
Iscritto il: 28 agosto 2006, 18:34
Località: Treviso

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marcopolo » 26 settembre 2008, 10:52

Alitalia, Lufthansa manifesta interesse Cai per quota rilevante
ROMA/CASERTA (Reuters) - Lufthansa ha manifestato interesse per l'iniziativa di Cai nel salvataggio di Alitalia dichiarando ai sindacati di essere disponibile a rilevare anche una quota più significativa di quella di minoranza.

Stamani rappresentanti dei sindacati che ieri hannno firmato l'accordo quadro con Cai hanno incontrato i vertici di Lufthansa a Roma presso l'ambasciata tedesca.

Lo ha detto una fonte sindacale presente all'incontro.

"Lufthansa ha ribadito l'interesse anche per quote più rilevanti [di quella di minoranza]" ha detto la fonte.

Anche il segretario della Uil Luigi Angeletti ha confermato parlando a Sky l'interesse manifestato a Cai dalla compagnia aerea tedesca.
Reuters.com
Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. (Friedrich Nietzsche)

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Maxlanz » 26 settembre 2008, 10:53

marcopolo ha scritto: L'ho sentito anche io da più parti parlare di centinaia. Probabilmente è un po' sovrastimato, ma smettiamola di accusarci a vicenda di dire sciocchezze dato che la maggior parte non sa assolutamente niente.(me compreso)
Oh, se ne sentono... :)

Abbiamo citato il debito attuale che corrisponderebbe a circa due (due) decine pro capite.
Possiamo avere 'sti benedetti numeri per capire se sono sciocchezze o no? :roll:
O è meglio che lasciate perdere?

Ciao
Massimo

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 26 settembre 2008, 11:00

caravaggio ha scritto:
fastfreddy ha scritto:
caravaggio ha scritto:sono le società che li vantano a restare insolute
...a beh, allora non c'é problema...
qual è il problema?
...il problema é che tu facilmente, da quel che dici, non sei un fornitore di Alitalia...io conosco società (piccole) che hanno crediti non riscossi per decine se non centinaia di migliaia di euro; soldi che a questo punto non vedranno più...e questo già sarebbe grave perché significa rischiare il fallimento (questa non é gente che ha dimensioni tali da potersi permettere appoggi a destra e a manca...é gente che lavora onestamente e che deve far quadrare i conti tutti i santi mesi); ma, se vogliamo, fa parte del rischio d'impresa...qualche fregatura la metti in conto (non é scontato, ma ci può anche stare entro certi limiti)...il problema é che il governo "per Legge" decide che Alitalia diventa insolvibile (creando la bad company) e quindi non lascia scampo ai creditori (che certamente non potranno essere liquidati se non per cifre ridicole...probabilmente tendenti a zero visto che le banche e le grandi società come l'ENI saranno comunque creditori privilegiati).

Ma ovviamente questa gente é tutta sacrificabile e non rientra (anche se dovrebbe) tra gli "appiedati" da questo piano idiota e truffaldino che hanno escogitato...gli "esuberi" non sono 3.250 ma 3.250 + un numero imprecisato a carico del cosidetto indotto...indotto che fa parte del famoso tessuto di piccole e medie imprese che tengono a galla questo paese di sciacalli e disonesti ma che ancora una volta paga per salvare il c**o a qualche grande azienda fatta fallire dai "grandi capitani d'industria" e/o dalla politica...

Vorrei che si tenesse in debito conto anche questo risvolto di cui nessuno ha parlato, ecco...

marcopolo
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 235
Iscritto il: 28 agosto 2006, 18:34
Località: Treviso

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marcopolo » 26 settembre 2008, 11:04

fastfreddy ha scritto:
caravaggio ha scritto:
fastfreddy ha scritto:
caravaggio ha scritto:sono le società che li vantano a restare insolute
...a beh, allora non c'é problema...
qual è il problema?
...il problema é che tu facilmente, da quel che dici, non sei un fornitore di Alitalia...io conosco società (piccole) che hanno crediti non riscossi per decine se non centinaia di migliaia di euro; soldi che a questo punto non vedranno più...e questo già sarebbe grave perché significa rischiare il fallimento (questa non é gente che ha dimensioni tali da potersi permettere appoggi a destra e a manca...é gente che lavora onestamente e che deve far quadrare i conti tutti i santi mesi); ma, se vogliamo, fa parte del rischio d'impresa...qualche fregatura la metti in conto (non é scontato, ma ci può anche stare entro certi limiti)...il problema é che il governo "per Legge" decide che Alitalia diventa insolvibile (creando la bad company) e quindi non lascia scampo ai creditori (che certamente non potranno essere liquidati se non per cifre ridicole...probabilmente tendenti a zero visto che le banche e le grandi società come l'ENI saranno comunque creditori privilegiati).

Ma ovviamente questa gente é tutta sacrificabile e non rientra (anche se dovrebbe) tra gli "appiedati" da questo piano idiota e truffaldino che hanno escogitato...gli "esuberi" non sono 3.250 ma 3.250 + un numero imprecisato a carico del cosidetto indotto...indotto che fa parte del famoso tessuto di piccole e medie imprese che tengono a galla questo paese di sciacalli e disonesti ma che ancora una volta paga per salvare il c**o a qualche grande azienda fatta fallire dai "grandi capitani d'industria" e/o dalla politica...

Vorrei che si tenesse in debito conto anche questo risvolto di cui nessuno ha parlato, ecco...
Bravo, non potevi esprimerti meglio. :!: 8)
Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. (Friedrich Nietzsche)

zittozitto

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da zittozitto » 26 settembre 2008, 11:06

fastfreddy ha scritto:
caravaggio ha scritto:
fastfreddy ha scritto:
caravaggio ha scritto:sono le società che li vantano a restare insolute
...a beh, allora non c'é problema...
qual è il problema?
...il problema é che tu facilmente, da quel che dici, non sei un fornitore di Alitalia...io conosco società (piccole) che hanno crediti non riscossi per decine se non centinaia di migliaia di euro; soldi che a questo punto non vedranno più...e questo già sarebbe grave perché significa rischiare il fallimento (questa non é gente che ha dimensioni tali da potersi permettere appoggi a destra e a manca...é gente che lavora onestamente e che deve far quadrare i conti tutti i santi mesi); ma, se vogliamo, fa parte del rischio d'impresa...qualche fregatura la metti in conto (non é scontato, ma ci può anche stare entro certi limiti)...il problema é che il governo "per Legge" decide che Alitalia diventa insolvibile (creando la bad company) e quindi non lascia scampo ai creditori (che certamente non potranno essere liquidati se non per cifre ridicole...probabilmente tendenti a zero visto che le banche e le grandi società come l'ENI saranno comunque creditori privilegiati).

Ma ovviamente questa gente é tutta sacrificabile e non rientra (anche se dovrebbe) tra gli "appiedati" da questo piano idiota e truffaldino che hanno escogitato...gli "esuberi" non sono 3.250 ma 3.250 + un numero imprecisato a carico del cosidetto indotto...indotto che fa parte del famoso tessuto di piccole e medie imprese che tengono a galla questo paese di sciacalli e disonesti ma che ancora una volta paga per salvare il c**o a qualche grande azienda fatta fallire dai "grandi capitani d'industria" e/o dalla politica...

Vorrei che si tenesse in debito conto anche questo risvolto di cui nessuno ha parlato, ecco...
quoto.
e aggiungo :
se una azienda è fornitrice della bad company ,dal 1°sett commissariata, se interrompe le forniture non viene più pagata. ( un bel cappio al collo )

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Maxlanz » 26 settembre 2008, 11:16

fastfreddy ha scritto: Vorrei che si tenesse in debito conto anche questo risvolto di cui nessuno ha parlato, ecco...
Alcune parti del tuo ragionamento sono senz'altro condivisibili.
Però non bisogna dimenticare che da qualche parte questo problema (riduzione forza lavoro e meno indotto) si è già verificato dopo l'attuazione di un geniale piano di dismissione.
Non vorrei che si pensasse solo ai lavoratori dell'indotto sotto una certa latitudine, i soliti figli e figliastri.

Ciao
Massimo

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 11:30

fastfreddy ha scritto: ...il problema é che tu facilmente, da quel che dici, non sei un fornitore di Alitalia...io conosco società (piccole) che hanno crediti non riscossi per decine se non centinaia di migliaia di euro; soldi che a questo punto non vedranno più...e questo già sarebbe grave perché significa rischiare il fallimento (questa non é gente che ha dimensioni tali da potersi permettere appoggi a destra e a manca...é gente che lavora onestamente e che deve far quadrare i conti tutti i santi mesi); ma, se vogliamo, fa parte del rischio d'impresa...qualche fregatura la metti in conto (non é scontato, ma ci può anche stare entro certi limiti)...il problema é che il governo "per Legge" decide che Alitalia diventa insolvibile (creando la bad company) e quindi non lascia scampo ai creditori (che certamente non potranno essere liquidati se non per cifre ridicole...probabilmente tendenti a zero visto che le banche e le grandi società come l'ENI saranno comunque creditori privilegiati).
Solo un paio di precisazioni. AZ è insolvente perché le passività superano le attività, non perché è stata dichiarata tale da una legge (rectius, da un decreto legge). Lo stato di insolvenza è indipendente, e per altro è noto da tempo.
Secondo. Dubito che ENI e altri fornitori abbiano particolari privilegi (che dipendono dalla legge, e non dalla volontà del debitore o del creditore). Nella fattispecie, a parte i dipendenti e lo stato, gli unici creditori privilegiati sono quelli che hanno garanzie reali su beni (ipoteche). Probabilmente le banche (su a/m ed eventuali terreni) e ben pochi altri.
Il tutto per i debiti insorti prima della dichiarazione di insolvenza. Per tutto ciò che è avvenuto dopo, ovviamente esiste un privilegio assoluto (se non come convincere i fornitori a venderti ancora anche solo uno spillo).
A memoria, ma non ho tempo e voglia di verificare, direi che la maggior parte dei debiti AZ sono nei confronti degli obbligazionisti e questi non godono di nessuna particolare protezione.

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 11:32

zittozitto ha scritto: quoto.
e aggiungo :
se una azienda è fornitrice della bad company ,dal 1°sett commissariata, se interrompe le forniture non viene più pagata. ( un bel cappio al collo )
Vista in un altro modo, i crediti vecchi li hai persi comunque, quindi hai tutto l'interesse di continuare a lavorare con il cliente, in modo da cercare di recuperare almeno una parte di ciò che hai perso

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 26 settembre 2008, 11:51

Paolo_61 ha scritto: Vista in un altro modo, i crediti vecchi li hai persi comunque, quindi hai tutto l'interesse di continuare a lavorare con il cliente, in modo da cercare di recuperare almeno una parte di ciò che hai perso
...beh, recuperare non recuperi perché eventualmente ti viene pagato il nuovo lavoro che fai...rimane il fatto che quel cliente dovrebbe essere in galera...

zittozitto

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da zittozitto » 26 settembre 2008, 11:54

fastfreddy ha scritto:
Paolo_61 ha scritto: Vista in un altro modo, i crediti vecchi li hai persi comunque, quindi hai tutto l'interesse di continuare a lavorare con il cliente, in modo da cercare di recuperare almeno una parte di ciò che hai perso
...beh, recuperare non recuperi perché eventualmente ti viene pagato il nuovo lavoro che fai...rimane il fatto che quel cliente dovrebbe essere in galera...
tutti gli A.D. che hanno fatto fallire quel cliente !!!
continuo a rileggere i dati dell'AEA ... non ci posso credere. :shock:

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Maxlanz » 26 settembre 2008, 12:12

zittozitto ha scritto: tutti gli A.D. che hanno fatto fallire quel cliente !!!
Hai ragione, però permettimi di aggiungere:

- politici che ne traggono indebito vantaggio.
- imprenditori che fanno la cresta sulle forniture con prezzi superiori al mercato.
- dipendenti che si fingono malati, magari in massa.

Ma questo dovrebbe valere per ogni azienda pubblica, non solo AZ.

Ciao
Massimo

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 12:28

Maxlanz ha scritto:
zittozitto ha scritto: tutti gli A.D. che hanno fatto fallire quel cliente !!!
Hai ragione, però permettimi di aggiungere:

- politici che ne traggono indebito vantaggio.
- imprenditori che fanno la cresta sulle forniture con prezzi superiori al mercato.
- dipendenti che si fingono malati, magari in massa.

Ma questo dovrebbe valere per ogni azienda pubblica, non solo AZ.

Ciao
Massimo
Qui si potrebbe aprire una discussione sui difetti congeniti di tutte le aziende di proprietà pubblica (perché AZ non è una eccezione) ma andremmo pesantemente OT, e inoltre inizieremmo a parlare di politica, che non mi sembra lo scopo di questo forum.

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 12:30

fastfreddy ha scritto:
Paolo_61 ha scritto: Vista in un altro modo, i crediti vecchi li hai persi comunque, quindi hai tutto l'interesse di continuare a lavorare con il cliente, in modo da cercare di recuperare almeno una parte di ciò che hai perso
...beh, recuperare non recuperi perché eventualmente ti viene pagato il nuovo lavoro che fai...rimane il fatto che quel cliente dovrebbe essere in galera...
Mettila così, con i margini che hai sui nuovi contratti, ti rientra un po' di quello che hai perso. Se smetti di lavorare con il cliente, perdi tutto e basta.

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 26 settembre 2008, 12:31

zittozitto ha scritto: tutti gli A.D. che hanno fatto fallire quel cliente !!!
...sì, chiaro...il problema é che i vecchi AD hanno il c**o parato e i politici ovviamente sono intoccabili...

zittozitto

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da zittozitto » 26 settembre 2008, 12:32

Maxlanz ha scritto:
zittozitto ha scritto: tutti gli A.D. che hanno fatto fallire quel cliente !!!
Hai ragione, però permettimi di aggiungere:

- politici che ne traggono indebito vantaggio.
- imprenditori che fanno la cresta sulle forniture con prezzi superiori al mercato.
- dipendenti che si fingono malati, magari in massa.

Ma questo dovrebbe valere per ogni azienda pubblica, non solo AZ.

Ciao
Massimo
politici ... si si hai ragione.
le aziende fornitrici spesso sono di prorpietà di persone molto vicine ai manager e ai politici
i dipendenti furbi che aprono malattia perchè hanno altro da fare stanno in tutte le aziende, in quelle pubbliche spesso erano tollerati ( Brunetta non lo permette più !!! ). ovviamente sono con te nel fatto che non è giusto e che è un costo... ma non fa fallire una azienda.

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 26 settembre 2008, 12:40

Paolo_61 ha scritto:
fastfreddy ha scritto: ...beh, recuperare non recuperi perché eventualmente ti viene pagato il nuovo lavoro che fai...rimane il fatto che quel cliente dovrebbe essere in galera...
Mettila così, con i margini che hai sui nuovi contratti, ti rientra un po' di quello che hai perso. Se smetti di lavorare con il cliente, perdi tutto e basta.
...diciamo che la continuità (per ora presunta) di lavoro assicurata dalla CAI é già qualcosa (anche perché immagino che la gran parte dei fornitori Alitalia lavori quasi solo in esclusiva...quelli che conosco io non lo fanno ma Alitalia é comunque di gran lunga il maggior cliente) ...rimane il fatto che l'inculata l'hai presa e nessuno paga...

...comunque volevo sottolineare il fatto che con una regolare procedura fallimentare (o di vendita) un pò di soldi sarebbero saltati fuori...solo che per le aziende di stato (o le grandi aziende private) esistono regole a parte...

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 12:49

fastfreddy ha scritto:
Paolo_61 ha scritto:
fastfreddy ha scritto: ...beh, recuperare non recuperi perché eventualmente ti viene pagato il nuovo lavoro che fai...rimane il fatto che quel cliente dovrebbe essere in galera...
Mettila così, con i margini che hai sui nuovi contratti, ti rientra un po' di quello che hai perso. Se smetti di lavorare con il cliente, perdi tutto e basta.
...diciamo che la continuità (per ora presunta) di lavoro assicurata dalla CAI é già qualcosa (anche perché immagino che la gran parte dei fornitori Alitalia lavori quasi solo in esclusiva...quelli che conosco io non lo fanno ma Alitalia é comunque di gran lunga il maggior cliente) ...rimane il fatto che l'inculata l'hai presa e nessuno paga...

...comunque volevo sottolineare il fatto che con una regolare procedura fallimentare (o di vendita) un pò di soldi sarebbero saltati fuori...solo che per le aziende di stato (o le grandi aziende private) esistono regole a parte...
Posso garantirti personalmente che vantare crediti verso grandi aziende in crisi salvate con la Marzano (non faccio nomi, ma ne conosco una sola, per ora) vuol dire prendersi una bella fregatura (crediti pagati al 5% e con azioni della Newco). Ma non ti va meglio quando a fallire è il bottegaio sotto casa, se sei suo creditore (anzi spesso ti va pure peggio, la procedura dura più a lungo e non recuperi una cippa). Almeno con la Marzano puoi tentare di continuare a lavorare con il cliente, e rifarti un po'.

Avatar utente
dirk
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1424
Iscritto il: 14 luglio 2007, 19:59
Località: DIXER 5000 ft or above

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da dirk » 26 settembre 2008, 13:19

Qualche pilota ha notizie a proposito di come verranno individuati gli esuberi tra i piloti?
L'anzianità verrà mantenuta?
Ho letto (e mi è stato confermato da terzi che sulla materia se ne intendono), che i piloti AP, non essendo la loro società fallita, manterrebbero i loro vecchi contratti (non ho idea di come siano rispetto a quelli proposti da CAI in questi giorni), soprattutto la loro anzianità.
A parte i determinati, che a quanto pare saranno lasciati a casa, sono previsti esuberi dal lato AP?

Quello che mi sembra strano è che alle trattative nessuno di AP abbia avuto voce in capitolo. Si parla solo di piloti e personale AZ, mai di AP. C'è qualcosa che mi sfugge.

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da i_disa » 26 settembre 2008, 13:35

ALITALIA: EPIFANI, SE FIRMA PILOTI MOLTI DOVRANNO RIFLETTERE
(ANSA) - CASERTA, 26 OTT - ''Continuo a sperare che i piloti e gli assistenti firmino. Siamo li'. Certo se finisse cosi' per molti ci sarebbe da riflettere''. Lo ha detto il leader della Cgil, Guglielmo Epifani, parlando della vicenda Alitalia a margine della giornata della legalita' organizzata da sindacati e Confindustria a Caserta. (ANSA)

ALITALIA: PILOTI A PALAZZO CHIGI, LUFTHANSA A ROMA
(ANSA) - ROMA, 26 SET - Per Alitalia sono in corso gli ultimi colloqui decisivi a Palazzo Chigi tra il governo, la Cai e le categorie dei piloti e degli assistenti di volo. E' arrivata da poco la firma all'accordo da parte dell'Anpav, mentre i piloti trattano ancora. Intanto il presidente di Lufthansa Wolfgang Mayrhuber e' giunto a Roma per confermare un interesse per un ingresso nella nuova Alitalia. La compagnia tedesca precisa di essere in Italia per ''colloqui'' su ''richiesta da parte del governo italiano''. E infatti ieri sera Mayrhuber ha incontrato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta. Lufthansa dunque conferma il proprio interesse ad avere una quota e avrebbe mostrato un particolare interesse per il piano Cai. Questo almeno sarebbe quanto e' emerso nel corso di un incontro questa mattina tra i vertici della compagnia tedesca e i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. I sindacati, che avevano gia' avuto incontri con la compagnia tedesca nei mesi scorsi, prima dell'esclusiva con Air France, si sbilanciano a favore dei tedeschi. Luigi Angeletti dice: ''Noi siamo piu' favorevoli ad Air France''. Renata Polverini dell'Ugl lo definisce ''partner ideale''. Tornando invece a Palazzo Chigi, dove ormai davvero si giocano le ultime battute sull'accordo, al momento e' arrivata la sola firma dell'Anpav, una delle associazioni degli assistenti di volo. Ma Avia e Sdl, dal canto loro, dicono invece che ''non ci sono le condizioni per un accordo''. Tutto ancora fermo invece sul fronte dei piloti. Fabio Berti dell'Anpac precisa: ''Trattiamo, da Cai non ci sono mai state fatte aperture''. Anche per Massimo Notaro dell'Up non c'e' al momento nessun passo avanti nella trattativa. Infine le cifre sugli esuberi: per quanto riguarda il settore degli assistenti di volo - ha riferito l'Anpav - dovrebbero essere 1.300 persone.(ANSA).

ALITALIA:POLVERINI;INTERESSE DA LUFTHANSA, E' PARTNER IDEALE
(ANSA) - ROMA, 26 SET - Lufthansa ''ha interesse per il progetto Cai sulla Nuova Alitalia ma non ha ancora compiuto un atto concreto perche' resta in attesa di avere un quadro piu' certo della situazione e attende l'evoluzione nel prossimo mese''. Lo ha spiegato il segretario generale dell'Ugl, Renata Polverini interpellata telefonicamente dall'ANSA dopo l'incontro di questa mattina dei segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl con i vertici di Lufthansa e l'ambasciatore tedesco a Roma. ''Ci hanno ribadito l'importanza del ruolo del sindacato e dell'accordo che abbiamo sottoscritto ieri - ha aggiunto la leader dell'Ugl - Rispetto al loro modello e sistema di governance a al consiglio di sorveglianza in cui sono presenti i lavoratori per noi Lufthansa rappresenta il partner ideale''. L'incontro, definito dalla Polverini ''cordiale'', e' stato aggiornato a quando ci sara' un'evoluzione, presumibilmente nell'arco di un mese.(ANSA).

ALITALIA: EPIFANI, CON LUFTHANSA SCAMBIO OPINIONI

CASERTA - ''Uno scambio di opinioni''. Cosi' il leader della Cgil Guglielmo Epifani ha definito l'incontro avuto questa mattina con i vertici di Lufthansa su futuro di Alitalia. ''Abbiamo verificato la serieta' e l'impegno di Lufthansa'', ha detto a margine della manifestazione sulla legalita' organizzata dai sindacati e Confindustria a Caserta. Alle domande dei giornalisti se nel corso dell'incontro si sia parlato anche della quota che la compagnia tedesca potrebbe prendere in Alitalia, Epifani ha risposto: ''Su questo deve decidere la Cai, con noi non si parla di queste cose''. Il segretario generale ha glissato anche sull'eventuale preferenza tra Air France o Lufthansa: ''Su questo se la vedono con Cai''. (ANSA).

ALITALIA: LUFTHANSA, A ROMA SU RICHIESTA GOVERNO ITALIANO
(ANSA) - BERLINO, 26 SET - Il presidente della Lufthansa, Wolfgang Mayrhuber, e' in Italia per colloqui sull'Alitalia, che riguardano anche ''rappresentanti sindacali''. Lo ha detto oggi all'ANSA la portavoce della compagnia aerea tedesca, Claudia Lange, precisando che ''Mayrhuber si trova in Italia per colloqui su richiesta del governo italiano''. ''Nell'ambito di questi colloqui, ci sono anche colloqui con rappresentanti sindacali'', ha aggiunto. La portavoce ha quindi sottolineato che la compagnia aerea ''non commenta i contenuti dei colloqui, ne' l'identita' delle persone con le quali Mayrhuber sta parlando''.(ANSA).

ALITALIA: MUCCIOLI(ANPAV),CON ULTIMI CHIARIMENTI OK ACCORDO
ROMA - ''Con gli ultimi chiarimenti la nostra delegazione procedera' alla firma dell'accordo'': lo afferma il presidente dell'Anpav Massimo Muccioli, entrando a Palazzo Chigi dove sono in corso incontri con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta per chiudere l'intesa su Alitalia. (ANSA).

ALITALIA: ABETE, VENDERE SLOT LIBERI DI MALPENSA E FIUMICINO
(ANSA) - ROMA, 26 SET - Vendere gli slot per far atterrare altre compagnie straniere negli aeroporti italiani. E' il consiglio di Luigi Abete, presidente degli Unione Industriali del Lazio, alla nuova Alitalia. ''Tutti gli slot che Alitalia lascera' liberi sia a Malpensa che a Fiumicino - ha detto Abete intervistato a 'Omnibus' su LA7 - dovranno essere messi sul mercato per favorire l'ingresso di compagnie straniere e per permettere agli italiani di volare in tutto il mondo''. ''Mi sorprendo - ha aggiunto - che ci si meravigli di come le trattative siano lunghe e convulse. Lo sono per definizione perche' fino all'ultimo le parti cercano di ottenere il meglio. Io - ha detto ancora Abete - ho continuato a volare Alitalia, e non e' mai stata tanto puntuale quanto negli ultimi quindici giorni''. (ANSA).
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da i_disa » 26 settembre 2008, 13:39

ALITALIA: LES ECHOS, AIR FRANCE CERCA DI BLOCCARE LUFTHANSA
(ANSA) - PARIGI, 26 SET - ''Air France-KLM vuole sbarrare la strada del succulento mercato italiano a Lufthansa'' titola il quotidiano economico francese Les Echos a pagina 27 dando notizia dello ''sblocco del dossier Alitalia''. Accanto a un ritratto di Roberto Colaninno, definito ''risanatore-capo delle imprese italiane'', il quotidiano spiega che ''nonostante le sue penose performances, Alitalia resta il principale partner europeo del gruppo franco-olandese e la chiave di un vasto serbatoio di clienti, con oltre 24,15 milioni di passeggeri, 11 dei quali su rotte internazionali, sul quale Lufthansa rischiava di mettere le mani''. ''Respinta dai sindacati di Alitalia appena cinque mesi fa - continua Les Echos - vilipesa dall'attuale primo ministro Silvio Berlusconi, Air France-Klm non ha, nonostante tutto, rinunciato a volare in soccorso del suo alleato italiano. E anche se alla fine si tratta solo di una partecipazione minoritaria, l'investimento non sara' peraltro insignificante, tenendo conto che una partecipazione fra il 10 e il 20% nella nuova compagnia rappresenterebbe fra i 100 e i 200 milioni di euro''. (ANSA).

io continuo ad esserere dell idea che Air France si aancora la favorita vista anche l alleanza in ambito Sky Team. e non dimentichiamoci che AF ha avuto il 2% delle azioni di Alitalia..
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

caravaggio
Banned user
Banned user
Messaggi: 199
Iscritto il: 12 settembre 2008, 16:50

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da caravaggio » 26 settembre 2008, 13:42

Paolo_61 ha scritto: Solo un paio di precisazioni. AZ è insolvente perché le passività superano le attività, non perché è stata dichiarata tale da una legge (rectius, da un decreto legge). Lo stato di insolvenza è indipendente, e per altro è noto da tempo.
Secondo. Dubito che ENI e altri fornitori abbiano particolari privilegi (che dipendono dalla legge, e non dalla volontà del debitore o del creditore). Nella fattispecie, a parte i dipendenti e lo stato, gli unici creditori privilegiati sono quelli che hanno garanzie reali su beni (ipoteche). Probabilmente le banche (su a/m ed eventuali terreni) e ben pochi altri.
Il tutto per i debiti insorti prima della dichiarazione di insolvenza. Per tutto ciò che è avvenuto dopo, ovviamente esiste un privilegio assoluto (se non come convincere i fornitori a venderti ancora anche solo uno spillo).
A memoria, ma non ho tempo e voglia di verificare, direi che la maggior parte dei debiti AZ sono nei confronti degli obbligazionisti e questi non godono di nessuna particolare protezione.
Concordo su quel che affermi. Pero' a questo punto affermare che la I debiti della bad compani (nei crofonti di creditori, obbligazionisti etc etc) sono una cosa e che cio che grava sul contribuente e' altro e che tale onere si sarebbe avuto anche con AF non e' quanto viene affermato demagogicamente dai media.
Un cosa sono I debiti verso terzi di una societa' altro gli ammortizzatori elargiti dal governo.
Il fallimento di qualunque societa' genera insolvenze ma queste non vengono appianate dal contribuente.

caravaggio
Banned user
Banned user
Messaggi: 199
Iscritto il: 12 settembre 2008, 16:50

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da caravaggio » 26 settembre 2008, 13:49

i_disa ha scritto:ALITALIA: LES ECHOS, AIR FRANCE CERCA DI BLOCCARE LUFTHANSA
(ANSA) - PARIGI, 26 SET - ''Air France-KLM vuole sbarrare la strada del succulento mercato italiano a Lufthansa'' titola il quotidiano economico francese Les Echos a pagina 27 dando notizia dello ''sblocco del dossier Alitalia''. Accanto a un ritratto di Roberto Colaninno, definito ''risanatore-capo delle imprese italiane'', il quotidiano spiega che ''nonostante le sue penose performances, Alitalia resta il principale partner europeo del gruppo franco-olandese e la chiave di un vasto serbatoio di clienti, con oltre 24,15 milioni di passeggeri, 11 dei quali su rotte internazionali, sul quale Lufthansa rischiava di mettere le mani''. ''Respinta dai sindacati di Alitalia appena cinque mesi fa - continua Les Echos - vilipesa dall'attuale primo ministro Silvio Berlusconi, Air France-Klm non ha, nonostante tutto, rinunciato a volare in soccorso del suo alleato italiano. E anche se alla fine si tratta solo di una partecipazione minoritaria, l'investimento non sara' peraltro insignificante, tenendo conto che una partecipazione fra il 10 e il 20% nella nuova compagnia rappresenterebbe fra i 100 e i 200 milioni di euro''. (ANSA).

io continuo ad esserere dell idea che Air France si aancora la favorita vista anche l alleanza in ambito Sky Team. e non dimentichiamoci che AF ha avuto il 2% delle azioni di Alitalia..
Questo articolo e' una conferma indiretta che I francesi non venivano di certo a fare un favore ai poveri cugini italiani, che la vendita per trattativa privata ad AF era una svendita, che aver fatto funzionare l'asta avrebbe di sicuro riservato piacevoli sorprese agli azionisti e garantito un futuro migliore alla societa'.
Che prodi voleva regalare il quarto mercato mondiale per un piatto di lenticchie.

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da i_disa » 26 settembre 2008, 13:56

caravaggio ha scritto:Che prodi voleva regalare il quarto mercato mondiale per un piatto di lenticchie.
almeno non pagavamo noi, contribuenti, i debiti. anche oggi si sta vendendo alitalia per un piatto di lenticchie, come dici tu
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

airbusfamilydriver
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 3656
Iscritto il: 16 luglio 2007, 1:38

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da airbusfamilydriver » 26 settembre 2008, 13:58

dirk ha scritto:Qualche pilota ha notizie a proposito di come verranno individuati gli esuberi tra i piloti?
L'anzianità verrà mantenuta?
Ho letto (e mi è stato confermato da terzi che sulla materia se ne intendono), che i piloti AP, non essendo la loro società fallita, manterrebbero i loro vecchi contratti (non ho idea di come siano rispetto a quelli proposti da CAI in questi giorni), soprattutto la loro anzianità.
Purtroppo credo che non sarà così..sull'accordo quadro c'è scritto che va fusione avverrà in deroga al 2112 del c.c. Articolo che definisce quanto da te scritto

nell'integrazione all'accordo quadro viene anche stabilito che i piloti manterranno l'anzianità acquisita nella compagnia di provenienza

Il Governo e le sigle sinadacati Professionali sono attualmente seduti al tavolo per definire gli accordi circa l'accordo quadro CAI.

Sono evidenti le difficoltà da parte delle associazioni di Categoria nel riuscire ad apportare migliorie rispetto a quanto finora proposto dal CAI, in merito all'accordo quadro. Riamaniamo stupiti nel costatare l'indecisionismo delle Rappresentanze dei Piloti, che sedute al tavolo da diverse settimane, continuano una estenuante quanto infruttuosa trattativa, non avendo sinora ottenuto variazioni positive di alcun tipo.

Tutto il Personale Navigante Tecnico di Unione Piloti Air One è contrario alla firma di quello che per noi tutti è considerato un accordo che registra perdite secche a 360 gradi, si sono fatte azioni di protesta molto pesanti per ottenere diritti sacrosanti nel breve passato, qui invece stiamo trattando la sopravvivenza o la fine della nostra categoria rischiando di siglare un accordo senza aver opposto la benchè minima resistenza, solo tante inutili chiacchiere e futili minacce!

Al momento si sta discutendo circa l'enormità degli esuberi ed è bene che tutto il PNT Air One inizi a preoccuparsi seriamente del proprio posto di lavoro, sbaglia chi pensa che tanto Air One essendo società non in crisi e pienamente solvente, entrerà in CAI senza contare esuberi: ERRORE!!!

I mille Piloti di "troppo" conteranno una fetta sostanziosa fra tutti i colleghi AP, l'invito è di uscire allo scoperto, partecipare in modo attivo ad una battaglia che sembra non appartenerci, ma questa è solo una pia illusione.

SVEGLIA!!!!!!!!!

R.S.A. Unione Piloti
Air One

Avatar utente
Paolo_61
FL 500
FL 500
Messaggi: 9181
Iscritto il: 11 settembre 2008, 17:53
Località: MIL

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Paolo_61 » 26 settembre 2008, 14:02

caravaggio ha scritto:
Paolo_61 ha scritto: Solo un paio di precisazioni. AZ è insolvente perché le passività superano le attività, non perché è stata dichiarata tale da una legge (rectius, da un decreto legge). Lo stato di insolvenza è indipendente, e per altro è noto da tempo.
Secondo. Dubito che ENI e altri fornitori abbiano particolari privilegi (che dipendono dalla legge, e non dalla volontà del debitore o del creditore). Nella fattispecie, a parte i dipendenti e lo stato, gli unici creditori privilegiati sono quelli che hanno garanzie reali su beni (ipoteche). Probabilmente le banche (su a/m ed eventuali terreni) e ben pochi altri.
Il tutto per i debiti insorti prima della dichiarazione di insolvenza. Per tutto ciò che è avvenuto dopo, ovviamente esiste un privilegio assoluto (se non come convincere i fornitori a venderti ancora anche solo uno spillo).
A memoria, ma non ho tempo e voglia di verificare, direi che la maggior parte dei debiti AZ sono nei confronti degli obbligazionisti e questi non godono di nessuna particolare protezione.
Concordo su quel che affermi. Pero' a questo punto affermare che la I debiti della bad compani (nei crofonti di creditori, obbligazionisti etc etc) sono una cosa e che cio che grava sul contribuente e' altro e che tale onere si sarebbe avuto anche con AF non e' quanto viene affermato demagogicamente dai media.
Un cosa sono I debiti verso terzi di una societa' altro gli ammortizzatori elargiti dal governo.
Il fallimento di qualunque societa' genera insolvenze ma queste non vengono appianate dal contribuente.
Anche qui con alcune precisazioni.
1) Il Tesoro ha dichiarato che i piccoli azionisti saranno rimborsati con il fondo per la copertura delle truffe finanziarie (cioè con soldi dello stato). AF avrebbe provveduto direttamente con una stretta di mano (la loro ultima offerta era poco più di questo). Personalmente penso che se uno compra azioni di una società che produce perdite da 15 anni e poi perde tutto non può dirsi propriamente "truffato" (Caveat: il personale AZ anni fa ebbe una distribuzione di azioni nel quadro di un rinnovo contrattuale. Questi sono veri piccoli azionisti).
2) Non mi è chiaro che abbia in questo momento in mano le obbligazioni. Il dubbio che in qualche modo siano di proprietà di entità pubbliche (anche solo aziende o società dello stato) è legittimo.
3) Per una impresa (di qualunque dimensioni, dall'ENI all'artigiano che lava i pulmini per il trasporto dei dipendenti) c'è una bella differenza fra avere un credito sostanzialmente inesigibile e un credito "in bonis". Come minimo l'anno prossimo vedremo una bella serie di bilanci con utili diminuiti a causa della svalutazione dei crediti (con conseguenti minore imposte pagate e perdita diretta per lo stato).
Detto ciò, nulla mi vieta di pensare che AF avesse in mente un bel piano di ristrutturazione del debito (termine elegante per dire che chiami i creditori e gli dici che o accettano la tua proposta - di media intorno al 40% del valore del credito - o si attaccano al tram perché tu fallisci). Non esiste la controprova, quindi la mia è una ipotesi di pura accademia.

Avatar utente
Ciccillo
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 55
Iscritto il: 9 giugno 2007, 5:23
Località: BRI

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Ciccillo » 26 settembre 2008, 14:11

i_disa ha scritto:almeno non pagavamo noi, contribuenti, i debiti. anche oggi si sta vendendo alitalia per un piatto di lenticchie, come dici tu
Mi sa che non è proprio così, se ne sta lungamente parlando. Forse non hai seguito tutto
Ultima modifica di Ciccillo il 26 settembre 2008, 14:14, modificato 1 volta in totale.

Mdx4
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 231
Iscritto il: 23 gennaio 2007, 17:08
Località: Roma
Contatta:

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mdx4 » 26 settembre 2008, 14:12

caravaggio ha scritto:
i_disa ha scritto:ALITALIA: LES ECHOS, AIR FRANCE CERCA DI BLOCCARE LUFTHANSA
io continuo ad esserere dell idea che Air France si aancora la favorita vista anche l alleanza in ambito Sky Team. e non dimentichiamoci che AF ha avuto il 2% delle azioni di Alitalia..
Che prodi voleva regalare il quarto mercato mondiale per un piatto di lenticchie.
AirFrance avrebbe pagato la mucca e il mangime che ha consumato.
Colaninno invece ora prende e paga solo il filetto che tra un po rivenderà ad AirFrance o Lufthansa e lascia i contribuenti con il resto della mucca, il costo del mangime e il costo per seppellire il resto delle spoglie.

Non so che mestiere fai, ma secondo me non potresti fare l'allevatore ;)

Avatar utente
dirk
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1424
Iscritto il: 14 luglio 2007, 19:59
Località: DIXER 5000 ft or above

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da dirk » 26 settembre 2008, 14:15

airbusfamilydriver ha scritto:
dirk ha scritto:Qualche pilota ha notizie a proposito di come verranno individuati gli esuberi tra i piloti?
L'anzianità verrà mantenuta?
Ho letto (e mi è stato confermato da terzi che sulla materia se ne intendono), che i piloti AP, non essendo la loro società fallita, manterrebbero i loro vecchi contratti (non ho idea di come siano rispetto a quelli proposti da CAI in questi giorni), soprattutto la loro anzianità.
Purtroppo credo che non sarà così..sull'accordo quadro c'è scritto che va fusione avverrà in deroga al 2112 del c.c. Articolo che definisce quanto da te scritto

nell'integrazione all'accordo quadro viene anche stabilito che i piloti manterranno l'anzianità acquisita nella compagnia di provenienza

Il Governo e le sigle sinadacati Professionali sono attualmente seduti al tavolo per definire gli accordi circa l'accordo quadro CAI.

Sono evidenti le difficoltà da parte delle associazioni di Categoria nel riuscire ad apportare migliorie rispetto a quanto finora proposto dal CAI, in merito all'accordo quadro. Riamaniamo stupiti nel costatare l'indecisionismo delle Rappresentanze dei Piloti, che sedute al tavolo da diverse settimane, continuano una estenuante quanto infruttuosa trattativa, non avendo sinora ottenuto variazioni positive di alcun tipo.

Tutto il Personale Navigante Tecnico di Unione Piloti Air One è contrario alla firma di quello che per noi tutti è considerato un accordo che registra perdite secche a 360 gradi, si sono fatte azioni di protesta molto pesanti per ottenere diritti sacrosanti nel breve passato, qui invece stiamo trattando la sopravvivenza o la fine della nostra categoria rischiando di siglare un accordo senza aver opposto la benchè minima resistenza, solo tante inutili chiacchiere e futili minacce!

Al momento si sta discutendo circa l'enormità degli esuberi ed è bene che tutto il PNT Air One inizi a preoccuparsi seriamente del proprio posto di lavoro, sbaglia chi pensa che tanto Air One essendo società non in crisi e pienamente solvente, entrerà in CAI senza contare esuberi: ERRORE!!!

I mille Piloti di "troppo" conteranno una fetta sostanziosa fra tutti i colleghi AP, l'invito è di uscire allo scoperto, partecipare in modo attivo ad una battaglia che sembra non appartenerci, ma questa è solo una pia illusione.

SVEGLIA!!!!!!!!!

R.S.A. Unione Piloti
Air One
Ottimo per l'anzianità.

Ma come ti spieghi il fatto che AP e i suoi sindacati non abbiano avuto voce in capitolo in tutta questa trattativa?

Avatar utente
i_disa
FL 500
FL 500
Messaggi: 7207
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 22:43

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da i_disa » 26 settembre 2008, 14:17

Ciccillo ha scritto:
i_disa ha scritto:almeno non pagavamo noi, contribuenti, i debiti. anche oggi si sta vendendo alitalia per un piatto di lenticchie, come dici tu
Mi sa che non è proprio così, se ne sta lungamente parlando. Forse non hai seguito tutto
air france si prendeva la compagnia con i debiti. su questonon ci pioe. forse sei tu che non hai seguito molto. basta andare indieto in questo thread e uoi leggere ce AZ si sta vendendo alla cai alla stessa cifra del costo di un aereo a ungo raggio. non sono del settore. ma queste parole sono stat dette da un dipendente AZ, quindi del settore
la hostess ideale? quella che vi chiede: caffè, the o me

Bloccato