Compagnia Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 9:39

ronnieross ha scritto:
air.surfer ha scritto: Sbagli bersaglio. Scendi in piazza e rovescia questo governo di dilettanti allo sbaraglio.
Ci sono state libere e democratiche elezioni ed il parlamento ha votato la fiducia a questo governo.
Quando perdi sei abituato a rovesciare il tavolo? strano concetto di democrazia.
E tutto questo, poi, solo perché ti hanno tagliato qualche privilegio...

Ti dovresti vergognare.
'azz, esci una sera a cena e ti perdi tutto questo.... :? Vedi ronnieross, in un forum - quindi in una discussione aperta tra persone che normalmente non si conoscono se non attraverso quello che scrivono - la forma è estremamente importante (anche per regolamento, che sarebbe sempre meglio leggere prima di iniziare a postare....). Anch'io -perdona il self-quote - ho espresso la mia perplessità sull'intervento di air.surfer ma, permettimi, l'ho fatto con altre parole ed altri toni. Qui dentro, in questo forum ma soprattutto in questo thread, ne abbiamo già visti troppi di inviti a vergognarsi lanciati con estrema leggerezza.... Perchè non si può dibattere civilmente senza per forza pensare che chi la pensa diversamente da te si debba vergognare tout court? :?
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 28 settembre 2008, 9:44

Valerio Ricciardi ha scritto:se io avessi in me il livore che percepisco in alcuni utenti, mi verrebbe da orientarlo con maggior precisione
quoto
Valerio Ricciardi ha scritto:continuando di questo passo, essi verranno accusati anche dello scioglimento dei ghiacci dell'artico, della desertificazione del Sahel subsahariano, della diffusione della peste aviaria e perché no, pure dell'inclinazione della Torre di Pisa
:lol: ...d'altronde é cosa nota che lo scioglimento dei ghiacci dipende dalle scie chimiche e che la pendenza della torre é causata da passaggi radenti...

Probabilmente quì c'é qualcuno che non fa il professionista e che non sa quanto sia importante tutelare la propria dignità...io faccio parte di un ordine professionale ormai ridicolo proprio perché non ha saputo difendere la propria dignità (per tanti motivi...certo, anche perché non ha mai saputo isolare diversa gentaglia che vi fa parte). La dignità (e ovviamente la correttezza che é giusto pretendere) di una categoria professionale e la sua indipendenza sono le fondamenta irrinunciabili senza le quali crollerebbe il senso e la qualità della professione...in pratica quello che ha detto Massimo Notaro nella conferenza dell'altra notte (chi continua ad accanirsi sul risvolto economico, facendosi fuorviare dai media, non ha capito niente di questa battaglia).

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 9:45

airbusfamilydriver ha scritto:
geghete ha scritto:
peterfly 65 ha scritto:
geghete ha scritto:fonte: messaggero
È un accordo che non soddisfa comunque il nostro settore - dice Stefano, 44 anni, fiorentino, da 21 anni steward sul lungo raggio - Questo rinnovo contrattuale andrà a penalizzarci, sia dal punto di vista retributivo sia per quanto concerne la vita privata, dal momento che i giorni di ferie saranno ridotti da 42 a 30, così come quelli dei riposi che diventeranno 30 per ogni trimestre.».
Io non sono dell'ambiente, ma magari qualcuno di voi che ci sta piu vicino saprà illuminarmi a riguardo...

Ma sta gente non si vergogna? :| :?
Solo una precisazione visto che non sei dell'ambiente come fai a dire non si vergogna. Magari se uno conoscesse le cose forse aspetterebbe un pochino prima di dare giudizi e non cadere nel qualunquismo piu sciocco.
Sciocco qualunquismo?
Facciamo due sciocchi e qualunquistici conti:
-30 riposi ogni trimestre fanno 120 riposi l'anno giusto?
-mettici altri 30 giorni di ferie
Se i miei sciocchi calcoli non mi ingannano il nostro caro amico Stefano, 44 anni, fiorentino, da 21 anni steward sul lungo raggio, in un anno se ne sta a casa 150 giorni(secondo i miei sciocchi e qualunquistici conti fanno 5 mesi).

Sarò sciocco e qualunquista( e sicuramente molto altro), ma io ribadisco che secondo me dovrebbe vergognarsi :|
impiegato normale sta a casa i seguenti giorni:
2 per ogni settimana(sabato e domenica)
le settimane nell'anno sono 52
2x52=104
mediamente ha 26 giorni di ferie
104+26=130
più
1 maggio
natale
pasqua
pasquetta
6 gennaio
capodanno
santo stefano
8 dicembre
15 agosto
2 novembre

siamo a 140
insomma l'amico nostro sta a casa 150 giorni,l'assistente di volo,e l'impiegato 140
il navigante quindi che NON tutte le sere sta a casa,che attraversa fusi,che vola di notte,che vola nei festivi,che vola i sabati e le domeniche,sta a casa solo 10 giorni in più dell'impiegato


prima di dire agli altri che si devono vergognare,fatti i conti :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

ps. dimenticavo che 30 giorni di ferie assorhbono 10 riposi(1 ogni 3 gg di ferie9 quindi a quei 150 devi levare 10 giorni di ferie ed ecco che il nostro amico assistente di volo sta a casa quanto l'impiegato
solo che l'impiegato sta a casa sua tutte le sera,ha i sabato e domenica e i festivi

ammazza come t'ho smontato :mrgreen: :mrgreen:
Nota per i lettori: segue post provocatorio....

Smettiamola una buona volta di parlare di AZ... il vero drammatico problema di questo paese è la scuola! Matematica e lingua italiana sono materie troppo trascurate... :mrgreen:
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 9:51

i_disa ha scritto: ah..sto ancora aspettando un privilegio che hanno i piloti AZ..
Mettiti in coda i_disa.. io sto ancora aspettando la risposta di caravaggio..... :?
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
cesare
B777 First Officer
B777 First Officer
Messaggi: 146
Iscritto il: 23 aprile 2006, 15:16
Località: LIRF

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da cesare » 28 settembre 2008, 10:07

Valerio Ricciardi ha scritto:
roby777 ha scritto:quoto tutto quello che hai scritto, basta colpevolizzare i dipendenti!
ma credo che Giannini abbia preso un po' sotto gamba il problema...se non è affare di stato questo!....e si può definire in ogni modo questa trattativa....ma banale e normale...direi di no! :wink:
In fondo proprio banale e normale, perché è una trattativa fra
- chi non poteva che avere una certa inerzia culturale nei confronti dell'idea stessa di trattare, proveniendo da una struttura di natura pubblica, nella quale avanzamenti di carriera, miglioramenti economici e contributivi, ottenimento di fringe benefit assortiti (es. la navetta o NCC che ti vengono a prendere a casa e ti riportano, forse la cosa percepita come più "marziana" rispetto alla società "fuori" dall'Alitalia) venivano inevitabilmente percepiti come diritti acquisiti,

- e chi facendo parte di una cordata non solo privata, ma in massima parte aliena da qualsivoglia esperienza o competenza nel settore aeronautico (banche, palazzinari di gran peso, un imprenditore tessile che si è allargato anche ad altri settori) ha ritenuto di trattare come se fossero meri asset economici maestranze, dipendenti e dirigenti, secondo una brutale logica capitalista di ispirazione neocon tipo "meno do a te, più al netto delle spese resta in tasca a me e prima ammortizzo l'investimento".

Logica che appare trasversalmente indifferente al fatto che al di là di uno stipendio si intravvede una persona.

Ai piloti, con un tono che doverosamente (e non per benigna concessione) vuole essere ben diverso da quello che riservano loro certi utenti di forum particolarmente aggressivi e livorosi, faccio una sommessa ma provocatoria domanda:

se quando venne concesso il prestito ponte di 300 milioni di euro (cosa sul piano della correttezza economica per molti versi ingiustificata, ad Alitalia si e a quante aziende italiane che poi son miseramente fallite lasciando tutti a spasso no?), ANPAC, UPI, ANPAV e le altre sigle "specializzate" di categoria avessero detto:

«poiché il servizio navetta, oltre a facilitare la puntualità degli equipaggi a bordo anche in condizioni di intenso traffico e per certi versi semplificare la logistica di imbarco del personale, costa in compenso 7 milioni di euro l'anno, le categorie da noi rappresentate da questo momento e sino a felice conclusione della vicenda contribuiscono ad un allungamento della vita operativa della compagnia rinunciandoci da domattina»...

che tipo di figura agli occhi dell'uomo comune (che vota il parlamento che elegge il governo) avrebbero fatto?

Non è che ora sarebbero visti un po' meno alla stregua di una casta che strilla come una gallina strozzata perché non vuole che gli vengano tolti nemmeno i gemelli d'oro con le iniziali?

Con tuttociò, ribadisco che mentre l'Acquedotto Pugliese perde il 55% della sua portata lungo il percorso, le regioni da esso servite hanno spesso problemi di approvigionamento e in compenso una pletora di dirigenti che non fanno praticamente nulla se non portare stancamente avanti la normale amministrazione (se gli parli di perdite e di cattiva manutenzione iniziano istantaneamente a parlare di mancanza di fondi e di necessità di ulteriori stanziamenti)....
in compenso guadagnano senza rischi operativi quanto se non a volte persino più di un pilota di 777...

ritengo un po' ridicolo scrivere qui come se i problemi di bilancio della Nazione potessero essere risolti solo sulla base di quante migliaia di euro l'anno si riesce a risparmiare sulla retribuzione di un Comandante o di un Primo Ufficiale.

Ma qualcosa potevano ben aspettarsi di perderci. Si tratta di riuscire a mantenerlo nei limiti di un ragionevole assestamento, senza stravolgere vite e senza mortificare oltremisura (ingiustamente) professionalità...
costruite anche nelle innumerevoli occasioni in cui una raffica bestiale - proprio quando avevi già toccato con un carrello e il crosswind landing sembrava quasi fatto - ti solleva di botto un ala e devi istantaneamente inventarti qualcosa di valido ed efficace per evitare di cappottare con tutto il 737, dissolvendo in una palla di fuoco tutte le vite che trasporti a cominciare dalla tua.
E senza perder un istante di tempo a gridare "ahiomamma" come potrebbe PERMETTERSI di fare in quelle condizioni qualsiasi altro, altrettanto ben pagato professionista. (Ogni riferimento al 737 Lufthansa "miracolato" da una giovane copilota dal visetto infantile e dagli attributi d'acciaio è volutamente casuale).

A queste cose non sembra pensare più nessuno.
Cari utenti iperaggressivi con la spada fiammeggiante del Giudizio Universale in mano, questo è l'MD80 a pieno carico, e con l'autonomia residua giusta giusta al massimo per l'alternato perché si è volati con vento contrario superiore alla previsione meteo, questo è l'aeroporto di Genova di notte, questo è il temporale con vento a raffiche, componente al traverso irregolare e rischio di windshear...
allora belli, prendete la cloche e atterrate fermandovi entro fine pista, naturalmente senza sfasciare tutto e senza ammazzare nessuno: dai, fatece vedé quanto siete bravi!!!!
Posso affermare senza ombra di dubbio che Alitalia predispone i propri bilanci sempre in termini prudenziali.....attualmente le sue risorse gli permettono di andare avanti ancora per oltre 16 mesi, altro che prestito ponte...

La storia della navetta poi è emblematica dell'incapacità della nostra stampa di documentarsi: Alitalia, come altre grandi e medie società, percepisce dalla CEE, al fine di abbattere l'inquinamento e il traffico in aree particolarmente congestionate, una buona quota parte (credo il 70%) del contratto efficace a roma fiumicino per il trasporto equipaggi; un'altra quota parte di quei circa 3 milioni, viene dai dipendenti...insomma alla fine credo spenda sia per il personale di volo che di terra (ebbene si!!!) quattro spiccioli che le garantiscono un'ottima regolarità operativa senza dover affittare enormi parcheggi (da 7-9000 posti auto) per i propri dipendenti.

Cesare
A32X FO AZ

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 10:12

Guarda Cesare, credo che l'unica verità cristallina che emerge da queste 99 pagine di pubblico dibattito sia che quando si parla di Alitalia il luogo comune impera..... :? Sulla stampa ed i mezzi di informazione, vabbè lasciamo perdere: quando si parla di Alitalia sui TG delle varie reti imperano ancora i 747 in livrea AZ..... ci vuole della fantasia per andare a scovare in archivio materiale così tanto "di repertorio"!
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
madeline
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 703
Iscritto il: 15 settembre 2006, 18:06

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da madeline » 28 settembre 2008, 10:52

aeb ha scritto:
i_disa ha scritto: ah..sto ancora aspettando un privilegio che hanno i piloti AZ..
Mettiti in coda i_disa.. io sto ancora aspettando la risposta di caravaggio..... :?
guarda che è vero...sopratutto alle elmentari spero che la riforma Gelmini dia qualche miglioramente...perchè se c'è una classe di privilegiati è quella degli insegnanti sopratutto elementari!

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 11:05

Mi piacerebbe che il termine "privilegiati", applicato in modo generale ad un'intera categoria, scomparisse da questo forum :wink:
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
digit
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 171
Iscritto il: 5 dicembre 2005, 13:55
Località: Pretoria - South Africa
Contatta:

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da digit » 28 settembre 2008, 11:06

aeb ha scritto:
digit ha scritto:
Valerio Ricciardi ha scritto:
Ma si può parlare di politica in questo forum? Io ricordavo di no e comunque, tralasciando il giudizio sulla qualità, si potrebbe essere costretti a votare il minore dei mali

Se ho ben interpretato, non si può parlare di politica, ma si può parlare di Politica (la maiuscola non è messa a caso....) :D Anche perchè la Politica pervade tutto quello che ci sta attorno.
Quando si parla della qualità dei votanti dell'attuale governo si sta parlando di politica con 'p' minuscola (come il tuo nick)
SA-CAA PPL in progress

FAGC Grand Central Airport - Midrand - South Africa

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 11:10

digit ha scritto:
aeb ha scritto:
digit ha scritto:
Valerio Ricciardi ha scritto:
Ma si può parlare di politica in questo forum? Io ricordavo di no e comunque, tralasciando il giudizio sulla qualità, si potrebbe essere costretti a votare il minore dei mali

Se ho ben interpretato, non si può parlare di politica, ma si può parlare di Politica (la maiuscola non è messa a caso....) :D Anche perchè la Politica pervade tutto quello che ci sta attorno.
Quando si parla della qualità dei votanti dell'attuale governo si sta parlando di politica con 'p' minuscola (come il tuo nick)
Veramente si stava parlando di "massimi sistemi", ovvero di senso civico e di appartenenza. Nello specifico (mo' mi bannano...) non ho votato per lo schieramento politico al governo attualmente, ma non mi sognerei mai di pensare che la "qualità" di chi l'ha votato meriti la minuscola in toto... Non generalizziamo, thanx!! :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11727
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 28 settembre 2008, 11:17

air.surfer ha scritto:
Flyingbrandon, lungi da me innescare una guerra fra poveri, ma è tutto merito di una lettera scritta credo nel vostro sindacato (com'è che si chiama?) girata nelle nostre liste, se la ritrovo te la posto anche se non vorrei perchè i contenuti sono piuttosto deprimenti.
APP. Comunque ti rispondero' in privato....anzi di persona sarebbe meglio! :) Non sull'APP...non ne faccio neanche parte....ma sulla situazione in generale e sull'immobilismo dei piloti AP.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
digit
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 171
Iscritto il: 5 dicembre 2005, 13:55
Località: Pretoria - South Africa
Contatta:

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da digit » 28 settembre 2008, 11:24

aeb ha scritto:
digit ha scritto:
aeb ha scritto:
digit ha scritto:
Valerio Ricciardi ha scritto:
Ma si può parlare di politica in questo forum? Io ricordavo di no e comunque, tralasciando il giudizio sulla qualità, si potrebbe essere costretti a votare il minore dei mali

Se ho ben interpretato, non si può parlare di politica, ma si può parlare di Politica (la maiuscola non è messa a caso....) :D Anche perchè la Politica pervade tutto quello che ci sta attorno.
Quando si parla della qualità dei votanti dell'attuale governo si sta parlando di politica con 'p' minuscola (come il tuo nick)
Veramente si stava parlando di "massimi sistemi", ovvero di senso civico e di appartenenza. Nello specifico (mo' mi bannano...) non ho votato per lo schieramento politico al governo attualmente, ma non mi sognerei mai di pensare che la "qualità" di chi l'ha votato meriti la minuscola in toto... Non generalizziamo, thanx!! :D
aeb non ci siamo proprio...quando parlavo di 'p' minuscola intendevo la politica e non la Politica (la differenza è stata sottolineata da te)...nulla era riferito ai votanti.

Ti riquoto una parte sulla quale ho fatto il mio primo commento
aeb ha scritto:OT! Triste il paese in cui un governo (per quanto di dilettanti allo sbaraglio) viene rovesciato dalla "piazza". Ricordiamocene però al prossimo appuntamento elettorale.......... :wink: Chiuso OT.
Adesso hai capito?
SA-CAA PPL in progress

FAGC Grand Central Airport - Midrand - South Africa

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da aeb » 28 settembre 2008, 11:35

digit ha scritto:
aeb non ci siamo proprio...quando parlavo di 'p' minuscola intendevo la politica e non la Politica (la differenza è stata sottolineata da te)...nulla era riferito ai votanti.

Ti riquoto una parte sulla quale ho fatto il mio primo commento
aeb ha scritto:OT! Triste il paese in cui un governo (per quanto di dilettanti allo sbaraglio) viene rovesciato dalla "piazza". Ricordiamocene però al prossimo appuntamento elettorale.......... :wink: Chiuso OT.
Adesso hai capito?
Riletto tutto lo scambio di ieri sera/notte: sulla mia replica al tuo post di poc'anzi, hai ragione. L'ho interpretato per quello che ho letto, senza andarmi a rivedere tutti i posts precedenti. Comunque ammetterai che era fraintendibile nella sua formulazione. Chiudiamo l'OT, visto che mi pare che ne' tu ne' io amiamo generalizzare? :wink:

P.S. ah, solo per chiarezza: il "dilettanti allo sbaraglio" riprendeva retoricamente una definizione del post a cui mi agganciavo, ed era riferito al Governo, non agli elettori.
Ultima modifica di aeb il 28 settembre 2008, 11:50, modificato 2 volte in totale.
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
air4you
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 novembre 2006, 21:00

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da air4you » 28 settembre 2008, 11:42

poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....

Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)

Inoltre vorrei sapere come tratteranno tutti i clienti Millemiglia.
Io mi sono fermato ad accumularle proprio perchè non c'è nessuna certezza del futuro e mi sono anche affrettato a richiedere due biglietti operati con AF KL per evitare ogni rischio

Per quanto mi riguarda (da cliente) devo dire che il capitolo Alitalia per me è chiuso da domani si volerà diversamente sempre se ci sarà modo di avere la possibilità di scegliere.
Ricordatevi che per ogni biglietto emesso per CAI pagherete 2 euro per garantire 80 % della cassa integrazione del personale

intanto il dominio del sito è stato registrato quindi .....

www.compagniaereaitaliana.it

Bye bye

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 500
FL 500
Messaggi: 5087
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 28 settembre 2008, 12:13

cesare ha scritto: Posso affermare senza ombra di dubbio che Alitalia predispone i propri bilanci sempre in termini prudenziali.....attualmente le sue risorse gli permettono di andare avanti ancora per oltre 16 mesi, altro che prestito ponte...

La storia della navetta poi è emblematica dell'incapacità della nostra stampa di documentarsi: Alitalia, come altre grandi e medie società, percepisce dalla CEE, al fine di abbattere l'inquinamento e il traffico in aree particolarmente congestionate, una buona quota parte (credo il 70%) del contratto efficace a roma fiumicino per il trasporto equipaggi; un'altra quota parte di quei circa 3 milioni, viene dai dipendenti...insomma alla fine credo spenda sia per il personale di volo che di terra (ebbene si!!!) quattro spiccioli che le garantiscono un'ottima regolarità operativa senza dover affittare enormi parcheggi (da 7-9000 posti auto) per i propri dipendenti.
Cesare - A32X FO AZ
Cioè alla fine non si tratterebbe di 7 milioni di euro/anno? O restano 7 milioni di euro/anno a carico del Gruppo al netto del contributo CEE e della piccola quota a carico degli equipaggi?

Domanda da 1.000.000 $: poiché questo del transfer degli equipaggi di volo è diventato quasi più del discorso retributivo un emblema nazionale dei privilegi di categoria, come mai questa informazione, io che sono un giornalista (ma NON scrivo di Alitalia né di questioni del genere: mi occupo di archeologia, architettura, arte e ambiente) che sinora si è risparmiato la parte più evidente della pletora di brutte figure che son dietro l'angolo se si vuol pubblicare su un argomento del genere senza averlo per anni vissuto da "dentro",

'sta storia di contributi CEE e di risparmiare spazio parcheggi ecc debbo leggerla su un forum di appassionati
.... a pag. 100?

Io sicuramente mi sarò perso articoli e puntate televisive d'ogni sorta su AZ/CAI; ma che sia fulminato qui dal Grande Zot (quello dei fumetti di B.C.) se ho mai visto mezzo rappresentante di piloti o AV Alitalia rendermi edotto di questo. Sapevo solo che c'era una piccola compartecipazione da parte del personale.

Se è vero ciò che Lei mi scrive qui (e se io non ritengo in mentitore una persona, io dò per vero sino a contraria evidenza ciò che afferma) perché ce lo viene a raccontare solo adesso?
Ma, dico, come categoria un decente responsabile PR e rapporti con la stampa proprio non potevate rimediarlo?
La stampa per documentarsi su una cosa del genere deve essere anche un minimo agevolata da chi gli fornisce dei dati (poi ha il dovere di verificare se son baggianate parziali di parte o fatti oggettivi), ma mica può rivolgersi a Miriam Ponzi per ogni cosa, via!
"The curve is flattening: we can start lifting restrictions now" = "The parachute has slowed our rate of descent: we can take it off now!"
Chesley Burnett "Sully" Sullenberger

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16217
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da JT8D » 28 settembre 2008, 12:26

L'utente ronnieross è stato da me bannato un minuto fa.
Questo per le offese, le frasi senza senso e la maniera indisponente, offensiva e presuntuosa con cui è intervenuto.

Certa gente non la voglio in questo forum.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
Barone Rosso
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 579
Iscritto il: 13 gennaio 2007, 15:03
Località: UK... per ora

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Barone Rosso » 28 settembre 2008, 12:40

Valerio Ricciardi ha scritto:
cesare ha scritto: Posso affermare senza ombra di dubbio che Alitalia predispone i propri bilanci sempre in termini prudenziali.....attualmente le sue risorse gli permettono di andare avanti ancora per oltre 16 mesi, altro che prestito ponte...

La storia della navetta poi è emblematica dell'incapacità della nostra stampa di documentarsi: Alitalia, come altre grandi e medie società, percepisce dalla CEE, al fine di abbattere l'inquinamento e il traffico in aree particolarmente congestionate, una buona quota parte (credo il 70%) del contratto efficace a roma fiumicino per il trasporto equipaggi; un'altra quota parte di quei circa 3 milioni, viene dai dipendenti...insomma alla fine credo spenda sia per il personale di volo che di terra (ebbene si!!!) quattro spiccioli che le garantiscono un'ottima regolarità operativa senza dover affittare enormi parcheggi (da 7-9000 posti auto) per i propri dipendenti.
Cesare - A32X FO AZ
Cioè alla fine non si tratterebbe di 7 milioni di euro/anno? O restano 7 milioni di euro/anno a carico del Gruppo al netto del contributo CEE e della piccola quota a carico degli equipaggi?

Domanda da 1.000.000 $: poiché questo del transfer degli equipaggi di volo è diventato quasi più del discorso retributivo un emblema nazionale dei privilegi di categoria, come mai questa informazione, io che sono un giornalista (ma NON scrivo di Alitalia né di questioni del genere: mi occupo di archeologia, architettura, arte e ambiente) che sinora si è risparmiato la parte più evidente della pletora di brutte figure che son dietro l'angolo se si vuol pubblicare su un argomento del genere senza averlo per anni vissuto da "dentro",

'sta storia di contributi CEE e di risparmiare spazio parcheggi ecc debbo leggerla su un forum di appassionati
.... a pag. 100?

Io sicuramente mi sarò perso articoli e puntate televisive d'ogni sorta su AZ/CAI; ma che sia fulminato qui dal Grande Zot (quello dei fumetti di B.C.) se ho mai visto mezzo rappresentante di piloti o AV Alitalia rendermi edotto di questo. Sapevo solo che c'era una piccola compartecipazione da parte del personale.

Se è vero ciò che Lei mi scrive qui (e se io non ritengo in mentitore una persona, io dò per vero sino a contraria evidenza ciò che afferma) perché ce lo viene a raccontare solo adesso?
Ma, dico, come categoria un decente responsabile PR e rapporti con la stampa proprio non potevate rimediarlo?
La stampa per documentarsi su una cosa del genere deve essere anche un minimo agevolata da chi gli fornisce dei dati (poi ha il dovere di verificare se son baggianate parziali di parte o fatti oggettivi), ma mica può rivolgersi a Miriam Ponzi per ogni cosa, via!
Che parte del costo delle navette fosse pagato dai dipendenti... lo si dice da molto tempo... Solo che fa più comodo credere a chi fa passare il servizio come un privilegio a carico dei contribuenti.
Del contributo europeo non so molto, ne avevo sentito parlare parecchio tempo fa ma i dettagli non li conosco. Per come è stato proposto da Cesare potrei crederci perchè mi sembra plausibile. Se magari qualcuno conferma o mostra i bilanci.... che sono pubblici...

Chiedo una cosa io ora. Visto che il servizio con il nuovo contratto dovrebbe essere soppresso, il corrispettivo in stipendio che veniva prelevato per finanziare la navetta, viene considerato nella riduzione dei nuovi contratti... oppure sparisce così... nel nulla???
CPL/IR MEP ATPL JAA (ed FAA)

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 500
FL 500
Messaggi: 5087
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 28 settembre 2008, 12:57

air4you ha scritto:poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....
Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)
Ma davero davero stanno facendo tutto 'sto casino e poi nemmeno salvano il brand?
E perché, poi, se non viene fatta fallire?
Questo mi pare assolutamente ridicolo... chi se lo fila il brand CAI?
E tutte le storie del valore economico del brand ecc ecc...
Che suggestioni evoca CAI, un cane che scappa guaendo dopo essere stato morso da un cagnaccio più grosso?
"The curve is flattening: we can start lifting restrictions now" = "The parachute has slowed our rate of descent: we can take it off now!"
Chesley Burnett "Sully" Sullenberger

Avatar utente
dirk
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1424
Iscritto il: 14 luglio 2007, 19:59
Località: DIXER 5000 ft or above

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da dirk » 28 settembre 2008, 13:01

[...]Le stime per Air One circa l’entità degli esuberi, anche se il numero non è definitivo, né è stato tantomeno ufficializzato in alcun modo, si stima che si potrà aggirare sulle 180 unità, contratti determinati compresi.[...]

R.S.A. UNIONE PILOTI AIR ONE

Avatar utente
air4you
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 novembre 2006, 21:00

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da air4you » 28 settembre 2008, 13:10

Valerio Ricciardi ha scritto:
air4you ha scritto:poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....
Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)
Ma davero davero stanno facendo tutto 'sto casino e poi nemmeno salvano il brand?
E perché, poi, se non viene fatta fallire?
Questo mi pare assolutamente ridicolo... chi se lo fila il brand CAI?
E tutte le storie del valore economico del brand ecc ecc...
Che suggestioni evoca CAI, un cane che scappa guaendo dopo essere stato morso da un cagnaccio più grosso?
Stando ai fatti sto cercando di farmi un'idea.
1
Allora CAI non ha licenza perchè non è una compagnia aerea.
2
Se acquisirà la licenza la acquisirà come CAI (che brutto nome per una compagnia aerea....) e NON come ALITALIA
3
L'ALITALIA non esisterà più così come AIRONE

Meno male che il presidente del consiglio ci aveva detto che rimaneva il BRAND....
Leggetevi questo libro :

"Sindrome ossessiva da BRAND" editore NUOVI MONDI vi potrebbe aprire nuove strade

Mdx4
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 231
Iscritto il: 23 gennaio 2007, 17:08
Località: Roma
Contatta:

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mdx4 » 28 settembre 2008, 13:41

Valerio Ricciardi ha scritto:
cesare ha scritto: Posso affermare senza ombra di dubbio che Alitalia predispone i propri bilanci sempre in termini prudenziali.....attualmente le sue risorse gli permettono di andare avanti ancora per oltre 16 mesi, altro che prestito ponte...

La storia della navetta poi è emblematica dell'incapacità della nostra stampa di documentarsi: Alitalia, come altre grandi e medie società, percepisce dalla CEE, al fine di abbattere l'inquinamento e il traffico in aree particolarmente congestionate, una buona quota parte (credo il 70%) del contratto efficace a roma fiumicino per il trasporto equipaggi; un'altra quota parte di quei circa 3 milioni, viene dai dipendenti...insomma alla fine credo spenda sia per il personale di volo che di terra (ebbene si!!!) quattro spiccioli che le garantiscono un'ottima regolarità operativa senza dover affittare enormi parcheggi (da 7-9000 posti auto) per i propri dipendenti.
Cesare - A32X FO AZ
Cioè alla fine non si tratterebbe di 7 milioni di euro/anno? O restano 7 milioni di euro/anno a carico del Gruppo al netto del contributo CEE e della piccola quota a carico degli equipaggi?

Domanda da 1.000.000 $: poiché questo del transfer degli equipaggi di volo è diventato quasi più del discorso retributivo un emblema nazionale dei privilegi di categoria, come mai questa informazione, io che sono un giornalista (ma NON scrivo di Alitalia né di questioni del genere: mi occupo di archeologia, architettura, arte e ambiente) che sinora si è risparmiato la parte più evidente della pletora di brutte figure che son dietro l'angolo se si vuol pubblicare su un argomento del genere senza averlo per anni vissuto da "dentro",

'sta storia di contributi CEE e di risparmiare spazio parcheggi ecc debbo leggerla su un forum di appassionati
.... a pag. 100?

Se è vero ciò che Lei mi scrive qui (e se io non ritengo in mentitore una persona, io dò per vero sino a contraria evidenza ciò che afferma) perché ce lo viene a raccontare solo adesso?
Ma, dico, come categoria un decente responsabile PR e rapporti con la stampa proprio non potevate rimediarlo?
La stampa per documentarsi su una cosa del genere deve essere anche un minimo agevolata da chi gli fornisce dei dati (poi ha il dovere di verificare se son baggianate parziali di parte o fatti oggettivi), ma mica può rivolgersi a Miriam Ponzi per ogni cosa, via!
Beh scusami ma i giornalisti erano li solo a fare domande idiote ai dipendenti ?
Probabilmente ho un idea distorta del mestiere di giornalista ma prendere un sindacalista Alitalia anche non di punta e discuterne punto su punto no o volete qualcuno che faccia il lavoro per farvi fare il solito Cut n Paste ?
Il problema è che oramai molti giornalisti sono appiattiti sulle ANSA e il loro eventuale numero di rilanci e comunicati stampa da assemblare.
Comunque con quegli interessi in gioco e quelle personalità in gioco avrebbero potuto dire di tutto, ma probabilmente non sarebbe passato nemmeno sui principali (tele)giornali.

Mi aspetto una campagna stampa contro i buoni pasto di tutte le categorie di lavoratori dipendenti presto.. (beh l'artigiano non ce li ha ...)

janmnastami
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 548
Iscritto il: 11 agosto 2008, 15:30

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da janmnastami » 28 settembre 2008, 14:18

air4you ha scritto:poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....

Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)

Inoltre vorrei sapere come tratteranno tutti i clienti Millemiglia.
Io mi sono fermato ad accumularle proprio perchè non c'è nessuna certezza del futuro e mi sono anche affrettato a richiedere due biglietti operati con AF KL per evitare ogni rischio

Per quanto mi riguarda (da cliente) devo dire che il capitolo Alitalia per me è chiuso da domani si volerà diversamente sempre se ci sarà modo di avere la possibilità di scegliere.
Ricordatevi che per ogni biglietto emesso per CAI pagherete 2 euro per garantire 80 % della cassa integrazione del personale

intanto il dominio del sito è stato registrato quindi .....

www.compagniaereaitaliana.it

Bye bye
air4you ha scritto: Stando ai fatti sto cercando di farmi un'idea.
1
Allora CAI non ha licenza perchè non è una compagnia aerea.
2
Se acquisirà la licenza la acquisirà come CAI (che brutto nome per una compagnia aerea....) e NON come ALITALIA
3
L'ALITALIA non esisterà più così come AIRONE

Meno male che il presidente del consiglio ci aveva detto che rimaneva il BRAND....
Leggetevi questo libro :

"Sindrome ossessiva da BRAND" editore NUOVI MONDI vi potrebbe aprire nuove strade
Mi sa che non avete capito.

CAI acquisterà alcuni assets di AZ, tra cui il brand. Legalmente CAI non ha nulla a che vedere con AZ (e quindi si parla di discontinuità), ma garantirà la continuità del marchio, ossia gli aerei saranno come quelli attuali.

Avatar utente
madeline
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 703
Iscritto il: 15 settembre 2006, 18:06

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da madeline » 28 settembre 2008, 14:18

JT8D ha scritto:L'utente ronnieross è stato da me bannato un minuto fa.
Questo per le offese, le frasi senza senso e la maniera indisponente, offensiva e presuntuosa con cui è intervenuto.

Certa gente non la voglio in questo forum.

Paolo
ecco che vuol dire che far arrabbiarei moderatori...io evito ..come potete vedere...
comunque qui si discute su cose futuli, e cose che mi sembra di essere a scienze politiche o a lettere e filosofia....
sento parlare del diverso brand.....ma per me la cosa importante è aver salvato il lavoro di 20.000 famiglie, al diavolo il brand...che poi il problema della disoccupazione sarebbe stato a carico sopratutto delle persone che fanno il lavoro pesante,persone poco specializzate,...come adetti ai bagagli,inservienti,ec....
Per me la cosa primaria è che noi non si rimanga senza compagnia di bandiera(anche se piccola....Bersani evita di di colpire il piccolo impreditore in favore della grande distribuzione,da cui hai profitto ...DI pietro tornasse a occuparsi di corna e divorzi), e Berlusconi ha mantenuto ,anche se faticosamente le sue due più grandi promesse elettorali! Rifiuti e evitare il fallimento di AZ...
a mio parere adesso si dovrebbe discutere, su 3 cose
1)AF o LH
2)rotte?
3)manutenzione pesante....

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9249
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da air.surfer » 28 settembre 2008, 16:16

flyingbrandon ha scritto: APP. Comunque ti rispondero' in privato....anzi di persona sarebbe meglio! :) Non sull'APP...non ne faccio neanche parte....ma sulla situazione in generale e sull'immobilismo dei piloti AP.
Ciao!
Perchè in privato? Parla pure liberamente.. cosi almeno conoscero' il vostro punto di vista.

Avatar utente
TravellerAZ
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 693
Iscritto il: 24 novembre 2007, 10:50

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da TravellerAZ » 28 settembre 2008, 16:28

Valerio Ricciardi ha scritto:
air4you ha scritto:poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....
Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)
Ma davero davero stanno facendo tutto 'sto casino e poi nemmeno salvano il brand?
E perché, poi, se non viene fatta fallire?
Questo mi pare assolutamente ridicolo... chi se lo fila il brand CAI?
E tutte le storie del valore economico del brand ecc ecc...
Che suggestioni evoca CAI, un cane che scappa guaendo dopo essere stato morso da un cagnaccio più grosso?

sono cose che mi ero chiesto anche io...al di là del nome scelto(CAI appunto) che mi sembra veramente quello di un cane...
avevo detto in qualche altro post che ad ogni modo alitalia restava un simbolo storico di affidabilità e qualità nonostante gli ultimi avvenimenti abbiano gettato cattiva luce su di essa...cambiare nome (e molto probabilmente livrea)mi sembra piuttosto stupida come cosa...se proprio dovevano,potevano chiamarla alitalia.com per esempio...non credete che CAI ora debba costruirsi una nuova immagine e che,con tutta l'ignoranza che c'è in giro riguardo al settore dell'aviazione,si possano creare le solite(irritanti)voci di corridoio riguardo a scarsa sicurezza ecc?io credo che questo sia un rischio molto reale(naturalmente mi auguro che ciò non accada mai per il bene della "ex alitalia" da me "amata")
non è vero che sarebbe sembrato tutto uguale:già il fatto di mandare via molti MD sarebbe stato un cambiamento,accanto ad un(ulteriore)rinnovamento li livrea che avrebbe avuto anche ragione d'essere...
ma alitalia,almeno per quanto mi riguarda,evocava una serie di immagini non indifferenti,CAI mi evoca solo un maledetto guaito o cose simili...io che amAVO il brand alitalia.
stiamo a vedere che accadrà.

Avatar utente
TravellerAZ
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 693
Iscritto il: 24 novembre 2007, 10:50

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da TravellerAZ » 28 settembre 2008, 16:29

janmnastami ha scritto:
air4you ha scritto:poichè stanno gridando urbi et orbi che ci sarà una forte discontinuità vorrei sapere come potranno pretendere di ereditare il marchio ALITALIA che fa parte della BAD COMPANY....

Non esiterà più il BRAND ALITALIA ma CAI (che brutto nome per una compagnia aerea sembra un nome di una low cost.... di una regional...)

Inoltre vorrei sapere come tratteranno tutti i clienti Millemiglia.
Io mi sono fermato ad accumularle proprio perchè non c'è nessuna certezza del futuro e mi sono anche affrettato a richiedere due biglietti operati con AF KL per evitare ogni rischio

Per quanto mi riguarda (da cliente) devo dire che il capitolo Alitalia per me è chiuso da domani si volerà diversamente sempre se ci sarà modo di avere la possibilità di scegliere.
Ricordatevi che per ogni biglietto emesso per CAI pagherete 2 euro per garantire 80 % della cassa integrazione del personale

intanto il dominio del sito è stato registrato quindi .....

www.compagniaereaitaliana.it

Bye bye
air4you ha scritto: Stando ai fatti sto cercando di farmi un'idea.
1
Allora CAI non ha licenza perchè non è una compagnia aerea.
2
Se acquisirà la licenza la acquisirà come CAI (che brutto nome per una compagnia aerea....) e NON come ALITALIA
3
L'ALITALIA non esisterà più così come AIRONE

Meno male che il presidente del consiglio ci aveva detto che rimaneva il BRAND....
Leggetevi questo libro :

"Sindrome ossessiva da BRAND" editore NUOVI MONDI vi potrebbe aprire nuove strade
Mi sa che non avete capito.

CAI acquisterà alcuni assets di AZ, tra cui il brand. Legalmente CAI non ha nulla a che vedere con AZ (e quindi si parla di discontinuità), ma garantirà la continuità del marchio, ossia gli aerei saranno come quelli attuali.
me lo auguro.

Avatar utente
cesare
B777 First Officer
B777 First Officer
Messaggi: 146
Iscritto il: 23 aprile 2006, 15:16
Località: LIRF

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da cesare » 28 settembre 2008, 16:45

Valerio Ricciardi ha scritto:
cesare ha scritto: Posso affermare senza ombra di dubbio che Alitalia predispone i propri bilanci sempre in termini prudenziali.....attualmente le sue risorse gli permettono di andare avanti ancora per oltre 16 mesi, altro che prestito ponte...

La storia della navetta poi è emblematica dell'incapacità della nostra stampa di documentarsi: Alitalia, come altre grandi e medie società, percepisce dalla CEE, al fine di abbattere l'inquinamento e il traffico in aree particolarmente congestionate, una buona quota parte (credo il 70%) del contratto efficace a roma fiumicino per il trasporto equipaggi; un'altra quota parte di quei circa 3 milioni, viene dai dipendenti...insomma alla fine credo spenda sia per il personale di volo che di terra (ebbene si!!!) quattro spiccioli che le garantiscono un'ottima regolarità operativa senza dover affittare enormi parcheggi (da 7-9000 posti auto) per i propri dipendenti.
Cesare - A32X FO AZ
Cioè alla fine non si tratterebbe di 7 milioni di euro/anno? O restano 7 milioni di euro/anno a carico del Gruppo al netto del contributo CEE e della piccola quota a carico degli equipaggi?

Domanda da 1.000.000 $: poiché questo del transfer degli equipaggi di volo è diventato quasi più del discorso retributivo un emblema nazionale dei privilegi di categoria, come mai questa informazione, io che sono un giornalista (ma NON scrivo di Alitalia né di questioni del genere: mi occupo di archeologia, architettura, arte e ambiente) che sinora si è risparmiato la parte più evidente della pletora di brutte figure che son dietro l'angolo se si vuol pubblicare su un argomento del genere senza averlo per anni vissuto da "dentro",

'sta storia di contributi CEE e di risparmiare spazio parcheggi ecc debbo leggerla su un forum di appassionati
.... a pag. 100?

Io sicuramente mi sarò perso articoli e puntate televisive d'ogni sorta su AZ/CAI; ma che sia fulminato qui dal Grande Zot (quello dei fumetti di B.C.) se ho mai visto mezzo rappresentante di piloti o AV Alitalia rendermi edotto di questo. Sapevo solo che c'era una piccola compartecipazione da parte del personale.

Se è vero ciò che Lei mi scrive qui (e se io non ritengo in mentitore una persona, io dò per vero sino a contraria evidenza ciò che afferma) perché ce lo viene a raccontare solo adesso?
Ma, dico, come categoria un decente responsabile PR e rapporti con la stampa proprio non potevate rimediarlo?
La stampa per documentarsi su una cosa del genere deve essere anche un minimo agevolata da chi gli fornisce dei dati (poi ha il dovere di verificare se son baggianate parziali di parte o fatti oggettivi), ma mica può rivolgersi a Miriam Ponzi per ogni cosa, via!
La domanda è ovviamente lecita, così come è lecito lo stupore di non aver letto altre verità urlate e documentate ai 4 venti a più di un giornalista.
Intanto le chiarisco che i 7 MLN€ annui sono per TUTTI i servizi di trasporto di cui usufruiscono gli equipaggi all'estero o in Italia per recarsi in albergo al termine del proprio servizio, quelli su Roma mi sembra incidano per 2,5-3 MLN€ e comprendono tutti i servizi di trasporto COLLETTIVO (altro che mercedes con autista!) che Alitalia richiede per i propri dipendenti, siano essi di terra o volo o dirigenti....
Potremmo parlare della cifra relativa agli alberghi ed allora potrei dirle che il valore medio contrattualizzato per ogni stanza prenotata per membro d'equipaggio è intorno ai 40-50€ (ovviamente dipende dalla nazione e dal costo della vita locale).
Io stesso ho mostrato le mie buste paga ed i miei turni a diversi giornalisti, alcuni anche di un certo livello, tanto per dimostrare che i piloti AZ volano quanto e più degli altri e guadagnano sicuramente meno.......e sa cosa è sempre emerso? che rispetto a windjet e airone noi guadagnavamo di più e volavamo meno, e nessuno, dico, nessuno ha mai relativizzato tale informazione nel rispetto del funzionamento dell'azienda (in parole povere, se io alitalia metto a terra tutta la flotta ATR per mesi certamente l'attività media di tutti i piloti AZ express ne esce decurtata secondo un'andamento logaritmico).

Non ho la minima fiducia nella stampa e nei media, in special modo dopo la diffamazione mediatica a seguito dell'azienda Alitalia e dei suoi dipendenti, e ben comprendo che risponde a logiche estranee a quelle della vera e corretta informazione.

Senza rancore
Cesare
FO A32X Az

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 28 settembre 2008, 17:05

roby777 ha scritto:credo che Giannini abbia preso un po' sotto gamba il problema...se non è affare di stato questo!....e si può definire in ogni modo questa trattativa....ma banale e normale...direi di no! :wink:
...diciamo che é un auspicio (condivisibile) di Repubblica più che la realtà delle cose...in effetti da noi i problemi devono sempre degenerare prima di essere affrontati (quindi diventano più grandi di quel che sarebbero...per affari di stato s'intendeva questo...credo si riferisse alla dimensione della vicenda).

Insomma, Giannini auspica quella normalità che l'Italia continua a non avere...

Avatar utente
flynet77
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 134
Iscritto il: 25 aprile 2007, 8:57

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da flynet77 » 28 settembre 2008, 17:12

sono contento per i lavoratori, mi disapiace per i tempi determinati di tutte le categorie.
Aspettiamo domani le sigle degli aa/vv e poi vediamo cosa succederà nella discussione dei contratti + nel vivo.
Ci sono zerbini presenti e zerbini che scappano, ritornano, e incitano alla firma. A buon intenditore poche parole.
Guten tag

airbusfamilydriver
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 3656
Iscritto il: 16 luglio 2007, 1:38

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da airbusfamilydriver » 28 settembre 2008, 17:22

ILSOLE24ORE.COM

Alitalia, il rebus del socio estero

di Gianni Dragoni

27 SETTEMBRE 2008

La scelta del socio estero francese o tedesco è in primo piano nel cantiere per la costruzione della nuova Alitalia. L'adesione dei piloti al nuovo contratto di lavoro proposto dalla Cai, la cordata italiana guidata da Roberto Colaninno e Intesa Sanpaolo, ha notevolmente ridotto la tensione sindacale. Mancano le adesioni di Avia e Sdl, il sindacato più rappresentativo tra gli assistenti di volo. Oggi sono in corso assemblee di hostess e steward a Fiumicno, i voli sono regolari, domattina le due sigle saranno a Palazzo Chigi e potrebbe così concludersi il capitolo del controverso contratto, che taglia le buste paga e aumenta la produttività.

L'attenzione dei futuri proprietari della polpa buona di Alitalia (sommata alle attività di Air One) ormai va oltre il contratto, è diretta alla ricerca della miglior combinazione con un partner del mestiere che coniughi un valido apporto industriale, commerciale e capacità di gestione e non intacchi il vincolo posto dal Governo alla base di questa operazione, la cosiddetta "italianità". Non sarà facile rispettare questo principio, perché chiunque sia il partner, è evidente che, nella sostanza, vorrà avere una responsabilità diretta nella gestione ed essere coinvolto nelle scelte più delicate.

Air France accetta Malpensa
Air France-Klm, legata ad Alitalia da un'alleanza che risale al luglio 2001, si accontenterebbe in questa fase di avere il 20% della società, corrispondente a un investimento di circa 200 milioni di euro. Per superare le obiezioni del Pdl di voler puntare su Fiumicino, Air France ha fatto sapere al Governo che non ha preferenze tra Roma o Malpensa: "la scelta la facciano pure il Governo o la Cai, è il messaggio di Jean-Cyril Spinetta, purché l'hub per i voli intercontinentali sia solo uno e le attività non siano frammentate tra due aeroporti, il che sarebbe antieconomico". In caso di rottura dell'alleanza con i francesi, che hanno fatto entrare Alitalia nel raggrupamento SkyTeam, Alitalia dovrebbe pagare una penale di 120 milioni complessivi. Un onere da valutare nelle trattative, anche se è probabile che, in caso di sciogliemnto degli accordi con Parigi, a pagare non siano i soci della Cai ma la vecchia Alitalia, la bad company, che resta a carico degli azionisti, dei creditori e dello Stato.

Lufthansa vuole il 40%
Lufthansa, preferita dalla Lega Nord, da buona parte dei politici del Nord e della Pdl perché ha sempre detto che il mercato che vuole sviluppare è quello intorno a Malpensa, aspira però ad avere oltre il 40% della società. E questa è una quota che le assegnerebbe chiaramente uno schiacciante ruolo guida, fin dal primo momento.

E' ciò che non vuole il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che il 15 settembre ha indicato Lufthansa come il partner ideale, ma che tuttavia continua a insistere sul ruolo "minoritario" del futuro partner estero. "C'è una clausola che impone ai partecipanti di non cedere la maggioranza per un periodo di almeno cinque anni. Io escludo, perché questo è stato proprio il significato della nostra azione di Governo su Alitalia, che la nostra compagnia di bandiera possa essere detenuta in maggioranza da gruppi o compagnie straniere", ha detto il premier. "Il partner lo sceglierà la Cai", secondo Berlusconi. Ma sarà decisivo il gradimento del Governo, come dimostrano i colloqui avuti dal sottosegretario Gianni Letta sia con l'ambasciatore dei Francesi, Francesco Mengozzi, sia con il numero uno di Lufthansa, l'austriaco Mayrhuber.

Sabelli al doppio negoziato
«Il controllo resterà in mani italiane e l'alleato avrà una partecipazione di minoranza», ha affermato l'amministratore delegato di Cai, Rocco Sabelli. «Dopo l'accordo con i sindacati, possiamo occuparci della partership con più tranquillità e maggior forza negoziale. Faremo in ogni caso una scelta industriale tra Air France e Lufthansa».

I tempi saranno «brevi, ma non posso dare un termine. Dalla prossima settimana potremmo sederci attorno ad un tavolo con l'uno e con l'altro per definire rotte, sinergie, vantaggi: si farà l'interesse della clientela e degli azionisti». Parlando dell'accordo raggiunto con i piloti, l'amministratore delegato di Cai spiega che «è stato calibrato tutto per soddisfare le controparti senza incidere sui costi. Alla fine il conto del piano Fenice sarà più alto solo di 2,8 milioni di euro, di cui 1,5 milioni per il trattamento economico e 1,3 milioni per la nuova qualifica degli assistenti di volo avr e di secondo». Secondo Corrado Passera, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, la nuova compagnia "sarà pronta a volare dal primo novembre. Sceglieremo il partner che potrà apportare il maggior contributo allo sviluppo della nuova compagnia".

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9249
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da air.surfer » 28 settembre 2008, 17:59

Valerio Ricciardi ha scritto: Cioè alla fine non si tratterebbe di 7 milioni di euro/anno? O restano 7 milioni di euro/anno a carico del Gruppo al netto del contributo CEE e della piccola quota a carico degli equipaggi?

Domanda da 1.000.000 $: poiché questo del transfer degli equipaggi di volo è diventato quasi più del discorso retributivo un emblema nazionale dei privilegi di categoria, come mai questa informazione, io che sono un giornalista (ma NON scrivo di Alitalia né di questioni del genere: mi occupo di archeologia, architettura, arte e ambiente) che sinora si è risparmiato la parte più evidente della pletora di brutte figure che son dietro l'angolo se si vuol pubblicare su un argomento del genere senza averlo per anni vissuto da "dentro",

'sta storia di contributi CEE e di risparmiare spazio parcheggi ecc debbo leggerla su un forum di appassionati
.... a pag. 100?
CONTRIBUTI STATALI A ORGANI DI STAMPA

Giornali che NON sono organi di partito ma usufruiscono di un contributo perchè hanno la firma di2 deputati:
- Il Foglio: 3.500.000 euro
- Libero: 5.371.000 euro
- Il borghese: 2.500.000 euro
- Il riformista: 2.179.000 euro
- L'opinione: 2.000.000 euro
- Linea: 2.500.000 euro
- Roma: 2.582.000 euro
- L'indipendente: 2.500.000 euro
- Il Denaro: 2.380.000 euro
- Napolipiù: 1.185.000 euro
- Il Giornale d'Italia: 2.058.000 euro
- La Gazzetta Politica: 516.000 euro all'anno

Avatar utente
roby777
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1081
Iscritto il: 12 dicembre 2007, 16:44
Località: Mi sun di Turin

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da roby777 » 28 settembre 2008, 18:01

fastfreddy ha scritto: ...diciamo che é un auspicio (condivisibile) di Repubblica più che la realtà delle cose...in effetti da noi i problemi devono sempre degenerare prima di essere affrontati (quindi diventano più grandi di quel che sarebbero...per affari di stato s'intendeva questo...credo si riferisse alla dimensione della vicenda).

Insomma, Giannini auspica quella normalità che l'Italia continua a non avere...
condivido in pieno..ma la piega che ha preso questa trattativa,esclude la definizione di banalità e normalità...intendevo quello...ma ieri sera non ero molto in grado di esprimermi data l'ora :mrgreen:
Roberto
Gli amici vanno e vengono......ma lasciano sempre un segno....

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 28 settembre 2008, 18:39

airbusfamilydriver ha scritto: Alitalia, il rebus del socio estero
...beh, io una preferenza ce l'ho e non la dichiaro :lol:

Tecnicamente non so quali vantaggi/svantaggi possano avere realmente una e l'altra scelta, compreso il discorso hub / multi-hub...

...detto ciò, secondo me salvarsi per il rotto della cuffia da un'esperienza statale per finire dritti in un'altra (ovvero qualcosa di molto simile) non ha molto senso anche alla luce della tendenza tutta francese di vedere il mercato in un'ottica molto particolare...i francesi saranno anche bravi, ma il privato é il privato...quando un giorno qualcuno li costringerà a confrontarsi alla pari con gli altri secondo me salteranno fuori molti altarini...la grandeur francese in campo industriale finanziario non mi é mai piaciuta e più di una volta ha dimostrato di essere sopravvalutata...

In secondo luogo non mi piacciono le cose fatte a metà...far parte della CAI con una piccola quota (benché industrialmente rilevante) non coinvolge a suff. il partner strategico (con buona pace del Presidente del Consiglio...il quale peraltro non ci crede nemmeno lui); molto meglio essere chiari da subito e chiedere il 40% come dice LH (tanto lo sappiamo tutti che la CAI é un progetto a termine).

Infine, l'annotazione strettamente personale (ma tecnicamente irrilevante) é che io sono filo-tedesco a prescindere...quindi... :lol:

Avatar utente
fastfreddy
Warned user
Warned user
Messaggi: 604
Iscritto il: 24 agosto 2008, 18:31
Località: BGY/LIME (Field flight since 1911)

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da fastfreddy » 28 settembre 2008, 18:42

roby777 ha scritto:condivido in pieno..ma la piega che ha preso questa trattativa,esclude la definizione di banalità e normalità...intendevo quello...
...ah, ok...pardon...non avevo capito :)

airbusfamilydriver
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 3656
Iscritto il: 16 luglio 2007, 1:38

Re: Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da airbusfamilydriver » 28 settembre 2008, 18:49

Repubblica — 27 settembre 2008

ROMA - L' apertura di Compagnia italiana ai piloti coglie di sorpresa Cgil
Cisl, Uil e Ugl e rischia di far impantanare di nuovo la trattativa per
Alitalia. Quella che doveva essere la giornata decisiva si è infatti
trasformata nell' ennesima, tiratissima trattativa notturna. Sono due le
novità sul contratto dei piloti che Cai potrebbe accettare per incassare il
via libera definitivo di Anpac e Up: la prima riguarda l' assunzione di
cento piloti in più con contratto part-time. La seconda tocca invece i soli
comandanti che diventerebbero a differenza dei colleghi di cabina, dei veri
e propri dirigenti d' azienda. I quattro leader sindacali chiamati a Palazzo
Chigi in serata in tutta fretta, sono stati messi di fronte alla possibilità
di migliorare l' accordo in questo senso. Ne è nata subito una questione di
principio, visto che Cai fino a ieri, aveva negato ai confederali qualsiasi
apertura sul piano industriale e quindi sulle assunzioni. Su tutte le furie
il leader della Uil Luigi Angeletti (alcuni piloti sono iscritti alla Uil) e
la Polverini (Ugl), imbarazzati Epifani e Bonanni. Nella frenetica giornata
di ieri vanno registrati però alcuni passi avanti. Il primo arriva dagli
assistenti di volo dell' Anpav, che hanno dato il via libera all' accordo.
Mancano dunque all' appello le firme pesanti delle sigle più rappresentative
di comandanti e hostess: Avia e Sdl (assistenti di volo) torneranno a
Palazzo Chigi lunedì mentre il confronto tra Cai, sindacati e piloti è
proseguito in notturna. I rappresentanti di Anpac e Unione Piloti, i vertici
di Compagnia aerea italiana e il sottosegretario alla presidenza del
Consiglio Gianni Letta sono rimasti per un tempo interminabile chiusi a
discutere anche animatamente sui punti più controversi del contratto di
lavoro. Una trattativa estenuante che secondo l' ex presidente della
Repubblica Francesco Cossiga ha però un vincitore: «Ho conosciuto
sindacalisti come Lama, Storti, Carniti, Benvenuto e Trentin - ha detto
Cossiga - ma mi sembra che su di loro si stacchi di una spanna il presidente
dell' Anpac Fabio Berti...». La giornata non è trascorsa solo nell' attesa
di una firma dei naviganti. Di buon mattino i quattro leader di Cgil, Cisl,
Uil e Ugl avevano varcato la porta della residenza dell' ambasciatore
tedesco a Roma per incontrare il numero uno di Lufthansa, Wolfgang
Mayrhuber. Una visita lampo che rimette in pista la compagnia più attiva in
questo momento sul fronte delle acquisizioni. Mayrhuber, infatti, sta
facendo shopping nei cieli e dopo aver conquistato Brussels Airlines (la ex
Sabena) punta ad acquisire Sas, Austrian Airlines e Alitalia. Un colpo basso
nei confronti del grande concorrente francese e quindi del presidente
operativo di Air France-Klm Jean-Cyril Spinetta. - LUCIO CILLIS

Bloccato