Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4639
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 13 dicembre 2013, 17:07

CravattaNera ha scritto:
SuperMau ha scritto:
CravattaNera ha scritto: Ho notato che alcuni pongono l'accento sul fatto che gli arabi rivoluzionerebbero anche il servizio di bordo. Che problema c'è? Si lavorerà di più per avere una compagnia migliore.
Mi fa piacere che vedi il lato positivo. Se tutti fossero come te, gia' il 50% dei problemi sarebbero risolti (l'altro 50% riguarda il personale non viaggiante)
Purtroppo, sappiamo che non e' cosi, pertanto se EY dovesse entrare in AZ, aspettiamoci una epurazione di dimensioni bibliche... altro che i forconi....
quali saranno secondo te gli sviluppi occupazionali in seguito alla eventuale venuta di EY?
Mah, in volo e a terra, sicuramente pretendere un servizio migliore da parte di tutti. E verranno "gentilmente allontanati" quelli che non si adeguano. Anche in ADR. quindi all'inizio sara' durissima. POI sicuramente si assumera' di nuovo, probabiblmente gente fresca e motivata.

Per esempio, non puoi fare la 813 e 814 ai remoti, con tutti i transiti, e permettere a una iziget di usare i finger per la PMO.... non riuscirai MAI a farla partire in orario..
Cosi come non ha senso fare la 813 e 814 con il 320 a mezz'ora di distanza. Puoi mettere DIR/DIP a farla che sempre lo fai pieno e fa in tempo a tornare per fare un'altra tratta.....
Non si tratta di fanta aeronautica ma solo di guardare quello che succede tutti i giorni.

E sulle tratte europee, adeguarsi a quello che fanno i partner. Io faccio AMS-FCO continuamente, prova a volare KLM e poi AZ e vedi la differenza....anche nel riempimento degli aerei. Eppure i biglietti hanno lo stesso prezzo !
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 13 dicembre 2013, 17:22

SuperMau ha scritto:obbligare la gente a Lavorare...con L maiuscola.... AFD sa cosa voglio dire... e su TUTTE le tratte, e a TUTTI i livelli. E ti posso dire che se il navigante puo' migliorare l'efficienza del 20%, nell'amministrativo la possono migliorare de 70....
Quindi è una cosa positiva, no?
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 13 dicembre 2013, 17:28

SuperMau ha scritto:Mah, in volo e a terra, sicuramente pretendere un servizio migliore da parte di tutti. E verranno "gentilmente allontanati" quelli che non si adeguano.

scusami tanto, ma io continuo a vedere in questo un lato positivo della faccenda... Migliorare il servizio può essere solo una cosa positiva. E si adegueranno tutti, io ne sono certo...

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 13 dicembre 2013, 17:54

purtroppo per af klm penso si sia giocato malissimo le sue carte. adesso con il 6% avoglia di pretendere. i patti parasociali a suo favore sono venuti meno , e la sua voce e' prossima allo zero, come il valore dato circa due mesi fa ad az.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9749
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 13 dicembre 2013, 19:59

Non sono i lavoratori che hanno portato AZ al disastro, sono i gestori che hanno lucrato illegalmente loro e i loro amici politici, così come è avvenuto in molte altre realtà italiane. Non devono esistere schiavi che lavorano duro, devono esistere persone che vivono con dignità e se poi i cosiddetti passeggeri non sono contenti, pazienza e sono stato molto educato.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 13 dicembre 2013, 20:08

tartan ha scritto:Non sono i lavoratori che hanno portato AZ al disastro, sono i gestori che hanno lucrato illegalmente loro e i loro amici politici, così come è avvenuto in molte altre realtà italiane. Non devono esistere schiavi che lavorano duro, devono esistere persone che vivono con dignità e se poi i cosiddetti passeggeri non sono contenti, pazienza e sono stato molto educato.


spero di non aver minimamente lasciato intendere dai miei interventi che i lavoratori abbiano portato al disastro la Compagnia. Tutt'altro, penso che se è ancora là in qualche modo, sia solo merito "dei migliori equipaggi del cielo (e di terra)".

Si discuteva solo del fatto che se AZ dovesse essere comprata dagli arabi e questi dovessero pretendere un ulteriore miglioramento del a servizio a bordo (nei limiti della dignità umana ovviamente)... Beh, io NON penso che sia una cosa negativa...

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9749
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 13 dicembre 2013, 20:17

I lavoratori di Alitalia non sono solo i piloti o gli assistenti di volo. Quando si parla di lavoratori si parla di tutti i lavoratori, piloti e assistenti compresi. Il marcio c'è dappertutto in Italia e se abbiamo bisogno degli arabi per eliminarlo, siamo proprio messi male.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4793
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 13 dicembre 2013, 20:18

tartan ha scritto:Non sono i lavoratori che hanno portato AZ al disastro, sono i gestori che hanno lucrato illegalmente loro e i loro amici politici (...) Non devono esistere schiavi che lavorano duro, devono esistere persone che vivono con dignità
Pino, scusami, tu per tanti anni hai lavorato non solo in AZ ma anche con un ruolo delicato e tecnicamente molto importante. Posso chiederti come, la mattina, arrivavi sul posto di lavoro presumo in uno dei palazzi per uffici a Fiumicino?
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9749
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 13 dicembre 2013, 20:38

Arrivavo con il treno e ripartivo con il treno, oppure in pulman aziendale andata e ritorno. Quando mi hanno promosso quadro e non dovevo più timbrare, la prima cosa che mi hanno detto è stata che l'azienda si fidava di me e che sarei dovuto rimanere anche dopo l'orario di ufficio, se necessario. Risposi che la promozione mi onorava come anche la fiducia, però, visto che il maggiore guadagno non avrebbe coperto le spese della macchina, necessarie per restare oltre l'orario di ufficio, chiesi se fosse previsto un rimborso spese acconcio. Mi risposero di no. Fra l'altro, io facevo straordinario solo quando effettivamente necessario e non come incremento salariale (uso questo termine perchè il piu corretto), perciò, nel passaggio a quadro non mi fu riconosciuto nessun incremento legato al mancato futuro straordinario, visto che non si timbrava più. Risposi che non capivo perchè sarei dovuto restare oltre l'orario di lavoro a meno che non facessi come gli altri quadri che arrivavano alle 11 in ufficio. Io avrei seguitato a fare gli orari di lavoro previsti. Mi dissero che, qualora fosse stato necessario che io rimanessi, mi avrebbero rimborsato il costo della macchina. OK, rimanemmo daccordo in questo senso, però non mi chiesero mai di restare, evidentemente non era necessario, il mio lavoro già lo svolgevo al meglio nel corso dell'orario previsto. Mi sono sempre ritenuto un lavoratore di Alitalia e per questo mi accendo sempre quando si parla a sproposito dei lavoratori in genere di Alitalia.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9749
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 13 dicembre 2013, 21:17

Vi racconto una storiella, come al solito.
Nella fase finale della mia permanenza in AZ scrivevo molte relazioni denunciando tutto quello che potevo denunciare. Non scrivevo ai sindacati, tempo perso, mi rivolgevo direttamente alle varie dirigenze esprimendo per iscritto tutto quello che era a mia conoscenza provabile e che non andava, secondo me. Un giorno il mio diretto capo mi dice che il mega direttore vuole parlarmi.
Domanda che faccio a voi: di che cosa avrebbe potuto parlarmi? Ero proprio curioso.
Andai e mi ricevette subito. Mi chiese come andavo e risposi bene. Mi disse che era in quel posto da poco e che mi voleva conoscere e poi mi chiese: di cosa parliamo? Mi dica lei, risposi, è lei che mi ha chiamato, comunque se vuole possiamo parlare di mongolfiere visto che io volo in mongolfiera! Davvero? Mi dica, mi dica. Così parlammo di mongolfiere. Ancora mi sto chiedendo perchè ca77o mi convocò. Voi sapete dirmelo?
Ultima modifica di tartan il 13 dicembre 2013, 21:21, modificato 1 volta in totale.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Burb
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 621
Iscritto il: 24 settembre 2009, 22:18

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Burb » 13 dicembre 2013, 21:18

tartan ha scritto:Vi racconto una storiella, come al solito.
Nella fase finale della mia permanenza in AZ scrivevo molte relazioni denunciando tutto quello che potevo denunciare. Non scrivevo ai sindacati, tempo perso, mi rivolgevo direttamente alle varie dirigenze esprimendo per iscritto tutto quello che era a mia conoscenza provabile e che non andava, secondo me. Un giorno il mio diretto capo mi dice che il mega direttore vuole parlarmi.
Domanda che faccio a voi: di che cosa avrebbe potuto parlarmi? Ero proprio curioso.
Andai e mi ricevette subito. Mi chiese coma andavo e risposi bene. Mi disse che era in quel posto da poco e che mi voleva conoscere e poi mi chiese: di cosa parliamo? Mi dica lei, risposi, è lei che mi ha chiamato, comunque se vuole possiamo parlare di mongolfiere visto che io volo in mongolfiera! Davvero? Mi dica, mi dica. Così parlammo di mongolfiere. Ancora mi sto chiedendo perchè ca77o mi convocò. Voi sapete dirmelo?
Stupendo.
"Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" Paolo Borsellino

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4793
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 13 dicembre 2013, 21:30

Allora andavi a lavorare col trenino. Perfetto, il genere di risposta che mi aspettavo da te.

Mio padre era un funzionario parlamentare di grado molto (ma molto) elevato. Consigliere Parlamentare. Fu anche Segretario della Commissione Antimafia; poi in seguito lo fu ad esempio anche della Commissione Speciale di Inchiesta sul fenomeno del banditismo in Sardegna. Incarichi delicati, in certe situazioni anche potenzialmente (nemmeno poco...) pericolosi. Ebbe uno stipendio presto adeguato, poi decisamente buono - che teneva conto dei rischi; ma andava a lavorare in autobus, stante che se avesse preso la macchina la probabilità di trovare un posto libero nel cortile di S.Ivo alla Sapienza era davvero scarsa. Non gli "spettava" l'auto blu, cosa che oggi troveremmo ovviamente come minimo doverosa (i funzionari non l'avevano, i politici che non fossero semplici parlamentari si, tutti, a spese del contribuente, bastava essere Presidente di una Commissione). Qualche volta, quando tornava da una missione in Sicilia, gli ho visto tirar fuori (a un giurista...) dalla valigia un sottile giubbetto antiproiettile che portava sotto la giacca. Se avesse chiesto un'auto di servizio, gli avrebbero fatto un pernacchione. Gli rimborsavano a pié di lista le auto a noleggio che prenotava con nomi (falsi, come dei diversi documenti che gli fornivano dal Viminale), questo si. Non era nel suo carattere sognare l'auto blu con l'autista, non gli mancò davvero.

Ora, nel mio quartiere rammento che non troppi anni fa c'erano almeno tre AV di AZ; le notavo perché fatalità, nei miei orari "standard" di percorrenza di alcune strade residenziali abbastanza spesso mi capitava di vederle, pronte per iniziare immagino il turno, con la loro divisa verde bottiglia e il piccolo trolley coordinato. Non insieme, in tre posti diversi, non sempre allo stesso orario.
Le venivano a prendere con delle Punto II serie (quelle dopo l'89, quindi saranno stati fine anni '80-inizi '90), nuove nuove, coi colori sociali bianco e verde, logo Alitalia e tutto quanto. Ovviamente quelle Punto erano guidate da qualcuno, che presumo dovesse godere di stipendio e contributi previdenziali oltre ad assicurazione INAIL. Presumo le prendesse e portasse in aeroporto a iniziare il loro turno. L'autista era un lavoratore, eh? Mica rubava, guidava.

Anni dopo, seppi qui (sul forum) che a un certo punto era stata trasferita, per volontà politica della Lega Nord, la base operativa di Alitalia da Fiumicino a Malpensa 2000 che si pretendeva diventare l'HUB di riferimento in Italia.

Naturalmente questo significava per moltissimi piloti e AAVV che si eran fatti famiglia a Roma o zone limitrofe, e poi immagino e posso pensare con convinzione casa e mutuo, o di sradicarsi dolorosamente o, leggevo qui, arrivare a FCO, prendere un volo in cui un certo numero di posti erano "sprecati" per portarli a MPX, da lì iniziare il loro turno di volo. Cosa illogica, stressante, costosa per la Compagnia (spero che fossero posti in voli con LF basso, in ogni caso l'aggravio di carburante per il peso trasportato c'era lo stesso), psicologicamente logorante per i lavoratori degli equipaggi di volo che subivano un tran tran simile iniziando e finendo un turno con un volo FCO-MPX e poi MPX-FCO. Compressione e decompressione compresi, raggi cosmici supplementari da alta quota compresi.

Molto ingiusto. Illogico e "energeticamente" irrazionale. E AZ non è che risparmiasse... posti "non vendibili"...

Ma pochi anni prima, una Punto con autista per portare e poi riportare a casa ogni giorno una hostess invece andava bene? Non è che il disagio di poi (che sprecava anche un sacco di soldi) è stato favorito anche dallo spreco e dal privilegio di prima?

Non è che pascendosi di tanti piccoli sprechi diffusi a vantaggio dei pesci piccoli i sindacalisti hanno avuto la bocca ben tappata dal notare e denunciare magagne miliardarie della gestione di vertice di cui peraltro potevano avere ben contezza?

Scommetto che su 'sta storia delle Punto con autista per portare a FCO o a casa le hostess ci si è fatto i galloni qualche sindacalista, di quelli che quando vanno in pensione hanno più ore di permesso sindacale all'attivo di quelle lavorate. Io non credo che una compagnia che prenda e riporti a casa con l'autista delle hostess abbia a priori un gran futuro. Per me, gli riservi dei posti per parcheggiare e gli rimborsi parte delle spese dell'auto se non vogliono (o non possono per ragioni di metro, collegamenti e altro) venire a lavorare col trenino da Ostiense.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9749
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 13 dicembre 2013, 21:49

Il volo deve partire in orario. Il ritardo di un membro di equipaggio comporta un danno molto più elevato del costo di una punto, ciononostante questo non giustifica l'auto sotto casa. Si tratta di funzionari incapaci di organizzare e di sindacati corporativi forti in regime di vacche grasse. Malpensa con i fuori sede era uno spreco esagerato ma è anche un delitto dire ad un fattorino ci servi a Milano quindi sei trasferito stipendio identico con risultato di necessarie dimissioni. Mica ti hanno licenziato, sei tu che te ne sei andato. Non si tratta di Alitalia, in questo caso, ma di una low cost nella quale ho lavorato. Onore a tuo padre e a tutti quelli come lui, ma io lo avrei protetto contro il suo volere. Non servono i talebani, basta il lavoro di tutti, deciso e continuo, per andare meglio.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

airbusfamilydriver
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 3656
Iscritto il: 16 luglio 2007, 1:38

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da airbusfamilydriver » 13 dicembre 2013, 22:18

Valerio Ricciardi ha scritto:Io non credo che una compagnia che prenda e riporti a casa con l'autista delle hostess abbia a priori un gran futuro.
emirates manda le VOLVO
emirates infatti non ha futuro

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3212
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Limosky91 » 13 dicembre 2013, 23:41

l'argomento benefit aziendali è abbastanza complesso da trattare. L'assegnazione non è affatto facile, decidere chi merita cosa per cosa, quanto costa ciò che si assegna, se si hanno sgravi fiscali o meno...insomma non è qualcosa di così automatico come del tipo "massì diamo a tutti i quadri il cellulare aziendale, tanto ci costa poco". Purtroppo molte azienda invece la pensano proprio così, in modo superficiale, ottenendo così non solo costi elevati ma anche squilibri da parte dei lavoratori (un eccesso di benefit o benefit assegnati a casaccio rischia di "ingrassare" troppo e che così i lavoratori abbiano più fame).
Ora se Emirates fa i pick up con le Volvo buon per loro, evidentemente hanno fatto due conticini e ne hanno dedotto che mandare le Volvo gli costa meno di dare un'auto aziendale a tutti i dipendenti o che farli usare i quasi inesistenti mezzi pubblici negli UAE sarebbe stato troppo crudele (anche qui si tratta della felicità e motivazione per un lavoratore di lavorare in una certa azienda).
L'importante è fare quei famosi "due conticini" all'inizio. In AZ li avevano fatti? Li avevano fatti bene? Sinceramente manco ero nato, non ne ho idea.



Se gli arabi dovessero imporre i loro standard in AZ secondo me, almeno all'inizio, ci sarebbero per lo meno delle perplessità: sinceramente non ho idea di come lavorano loro, conosco più o meno il lavoro dei giapponesi che penso siano "l'estremo" per quanto riguarda il lavoro. Posso solo dire che il confine fra "alzare la qualità del servizio" (cosa buona e giusta) a "far lavorare come schiavi" è molto molto labile e sta a chi ha poteri decisionali in merito gestire e bilanciare con acume la situazione.
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5901
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 14 dicembre 2013, 0:35

Valerio il tuo discorso e' molto populista ed e' stato uno dei cavalli di battaglia (oltre ai "45" giorni di ferie, gli alberghi a 6 stelle e ai viaggi "gratis") di quei giornalai di corte che spalarono m***a gia' nel 2008, ma non si parla se non si sanno le cose..
Se siamo qui' e' perche vogliamo sapere cio' che "gli altri" non ci dicono.
Il servizio di trasporto che veniva effettuato con dei pullmini a 9 posti (spesso ti facevi il giro di mezza roma per raccogliere tutti..) e senza colori aziendali poiche' erano vetture a noleggio (evidentemente la Punto che hai visto non prendeva degli equipaggi di volo) veniva pagato con un contributo dei dipendenti e con un altro contributo dovuto a tutte le aziende che effettuavano il trasporto collettivo previsto tra l'altro per tutti i dipendenti che hanno una sede di lavoro diversa da quella di assunzione.
Come detto da Tartan tutte le vetture erano collegate via radio con Fiumicino e questo garantiva la regolarita' del servizio e dei voli cosa impossibile con i mezzi propri (basti pensare al classico incidente sul raccordo..)
Il servizio pubblico la notte si ferma, gli aerei no. A monte Citorio ci arrivi a piedi a Fiumicino no.
E' anche penoso ed estremamente pericoloso essere costretti dopo 14 ore di servizio , magari alle tre di notte e dopo aver traversato l'atlantico mettersi in viaggio in macchina . Qualcuno lo faceva . Ricordo almeno quattro colleghi morti spiaccicati tra il GRA e la Pontina.
Ti ricordo inoltre che il costo del lavoro in AZ LAI gia' cinque anni fa tra tutte le major era tra i piu' bassi in Europa.
Su Malpenza ti dico solo che per strane scelte di palazzo gente di Milano veniva mandata a Roma, ma questo e' un altro discorso.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5835
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 14 dicembre 2013, 0:49

In tutto questo discutere di tagli di stipendio ai dipendenti, comunque, Alitalia continua a perdere tantissimi soldi perché non ha un sito web adeguato..... :roll:
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 14 dicembre 2013, 1:19

sto benedetto pulmino è diventato un pò il simbolo degli sprechi di alitalia. Ma pochi sanno, come giustamente faceva notare sigmet, che la quota era decurtata dallo stipendio, me lo raccontava pure un anziano una volta.
E poi, vuoi mettere la sicurezza e la puntualità?
Nessuno invece sa dei 42 angus argentini imbarcati in Magnifica con 5 pax a bordo...

educatedguess
Banned user
Banned user
Messaggi: 372
Iscritto il: 13 settembre 2013, 18:31

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da educatedguess » 14 dicembre 2013, 3:25

tartan ha scritto:Il volo deve partire in orario. Il ritardo di un membro di equipaggio comporta un danno molto più elevato del costo di una punto, ciononostante questo non giustifica l'auto sotto casa. Si tratta di funzionari incapaci di organizzare e di sindacati corporativi forti in regime di vacche grasse. Malpensa con i fuori sede era uno spreco esagerato ma è anche un delitto dire ad un fattorino ci servi a Milano quindi sei trasferito stipendio identico con risultato di necessarie dimissioni. Mica ti hanno licenziato, sei tu che te ne sei andato. Non si tratta di Alitalia, in questo caso, ma di una low cost nella quale ho lavorato. Onore a tuo padre e a tutti quelli come lui, ma io lo avrei protetto contro il suo volere. Non servono i talebani, basta il lavoro di tutti, deciso e continuo, per andare meglio.
Perdona se generalizzo ma per anni ho visto la hostess alitalia sottocasa (compagna delle medie) con mercedes e autista che la portava al lavoro. Per tanta gente che lavora con dignità c è sempre un numero di persone che ci mangia sopra.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 14 dicembre 2013, 8:56

albert ha scritto:In tutto questo discutere di tagli di stipendio ai dipendenti, comunque, Alitalia continua a perdere tantissimi soldi perché non ha un sito web adeguato..... :roll:
dici? In che senso???

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4793
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 14 dicembre 2013, 9:01

sigmet ha scritto:Valerio il tuo discorso e' molto populista ed e' stato uno dei cavalli di battaglia (oltre ai "45" giorni di ferie, gli alberghi a 6 stelle e ai viaggi "gratis") di quei giornalai di corte che spalarono m***a gia' nel 2008, ma non si parla se non si sanno le cose..
SON CERTO che non accomuni le mie osservazioni ai discorsi finalizzati e "a tesi" di chicchessia, nemmeno se fossero stati favorevoli. SE avessi VISTO presentarsi equipaggi di volo in alberghi «******» li avrei citati, ma la cosa mi è impossibile a priori per ragioni di censo.
sigmet ha scritto: Il servizio di trasporto che veniva effettuato con dei pullmini a 9 posti (spesso ti facevi il giro di mezza roma per raccogliere tutti..) e senza colori aziendali poiche' erano vetture a noleggio (evidentemente la Punto che hai visto non prendeva degli equipaggi di volo) veniva pagato con un contributo dei dipendenti e con un altro contributo dovuto a tutte le aziende che effettuavano il trasporto collettivo previsto tra l'altro per tutti i dipendenti che hanno una sede di lavoro diversa da quella di assunzione.
Come detto da Tartan tutte le vetture erano collegate via radio con Fiumicino e questo garantiva la regolarita' del servizio e dei voli cosa impossibile con i mezzi propri (basti pensare al classico incidente sul raccordo..)
Mi sta benissimo quel che dici, magari pulmini! Infatti le mie perplessità derivano da quel che ho visto coi miei occhi, non letto sul giornale di qualcuno interessato a creare un'atmosfera a lui favorevole, relativo a tre AAVV di numero e ad altrettante (ma magari era una) Punto che in orari diversi le prendevano, di una rammento anche la strada esatta a Monteverde dove la prendevano, era poco dietro una curva, la strada era a senso unico e perciò dovevo aspettare che mettesse il trolley dietro. Poi magari non fa campione perché era un caso in cui si era visto - dopo ragionamento - che conveniva di più così che allungando il giro del pullmino. Ma non ho mentito né travisato, non erano attori per uno spot aziendale.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4793
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 14 dicembre 2013, 9:32

Limosky91 ha scritto: L'importante è fare quei famosi "due conticini" all'inizio. In AZ li avevano fatti? Li avevano fatti bene? Sinceramente manco ero nato, non ne ho idea.
Un mio amico che in AZ lavora tuttora (si occupa di pianificazione "fisica" dei voli, calcoli preliminari del carburante in rapporto al carico etc) mi dice che ha visto fare scelte sprecone in modo sistematico, ben al di là del problema dei benefit, che lui se avesse avuto potere decisionale avrebbe saputo evitare appena dopo aver finito il corso di addestramento.
Tipo avendo di un certo aereo regional modelli X, Y, Z con differente autonomia e capacità di carico, ottimizzati per lunghezze di rotta A, B, C nelle quali garantivano rispettivamente il massimo rendimento quanto a consumi e costi globali di esercizio, scegliere quello Y se non Z e poi assegnarlo subito a rotte A in cui quasi facevi prima a tenerti un ottantone anche se poco aggiornato quanto a rendimento.
Limosky91 ha scritto:Se gli arabi dovessero imporre i loro standard in AZ secondo me, almeno all'inizio, ci sarebbero per lo meno delle perplessità: sinceramente non ho idea di come lavorano loro, conosco più o meno il lavoro dei giapponesi che penso siano "l'estremo" per quanto riguarda il lavoro. Posso solo dire che il confine fra "alzare la qualità del servizio" (cosa buona e giusta) a "far lavorare come schiavi" è molto molto labile e sta a chi ha poteri decisionali in merito gestire e bilanciare con acume la situazione.
Non ne ho idea. So che a Dubai, dove se ho capito bene dovrebbero svolgersi dei mondiali di calcio o cose simili, è scoppiata la polemica per le condizioni subumane e il livello di fatica che viene imposto agli operai pakistani e/o indiani e filippini che stan lavorando in semischiavitù per realizzare gli stadi eccetera. Poi, se la cosa sia legata al meccanismo dei subappalti o a precisa e lucida indifferenza agli standard minimi da parte di chi decide, lo ignoro.

E' CHIARO che se non esistessero i sindacati, in Italia ancora nelle miniere di zolfo siciliane lavorerebbero in nero ragazzini di 12 anni in perizoma. Ma stante due casi nell'ambito IRI che conosco benino avendoli anche proprio studiati (Italia Line e Alfasud) SE saltasse fuori, quando sarà storia e non cronaca recente, ossia quando saranno strapensionati tutti gli attuali attori, che le scelte scellerate della megadirigenza hanno trovato facile sponda in momenti di miopia populista dei sindacati interni ad uso del consenso dei propri apparentemente protetti, diciamo che non è e che strabuzzerei gli occhi dallo stupore, ecco.

Nella compagnia Italia, durante i due mesi in cui a livello politico si ragionava se fosse possibile riconvertire per utilizzo crocieristico la Raffaello e la Michelangelo da 46000 t, sottraendo almeno quelle - seminuove, forse ancora da ammortizzare completamente - al destino d'esser vendute come caserme galleggianti quasi a peso di ferro, e si facevano valutazioni sui costi di conversione e su quanti soldi sarebbe costata la fase di avvio (a Roma rammento le domeniche in bicicletta per risparmiare le scorte di petrolio) ben DUE corse sulla tratta Genova-New York furon perse, a biglietti già staccati, per gli scioperi per imporre l'acqua minerale effervescente imbottigliata alla mensa dei "piccoli di camera" e dei marinai. Immaginatevi solo i costi di riprotezione degli inferociti passeggeri, delle cause di quelli più furbi ed agguerriti eccetera. Temo che episodi del genere abbian tagliato l'erba sotto i piedi dei pochi politici che non accettavano l'idea dello smantellamento di un altro orgoglio nazionale. Ma organizzati al momento giusto, fecero passare la vulgata "è a prescindere dal costo del combustibile un carrozzone senza possibilità di salvezza, cosa vuoi salvare? Sbologna tutto e liberti de' 'sto 'canchero".

L'Augustus di 27.000 t di stazza, sulla quale pochi mesi prima avevo avuto il privilegio di viaggiare verso Rio, destinata al disarmo per raggiunti limiti d'età (era mi pare del '53), fu venduta per due soldi e sotto altro nome in Oriente generò non ottimo ferro italiano, ma non marginali profitti per altri venti anni. Ancora esiste, nelle Filippine, forse a questo punto ne faranno un albergo galleggiante. Pensano di vendere i suoi immensi motori FIAT della fine degli anni '30, in quanto paradossalmente ancora efficientissimi.

In certe situazioni, non è "il sindacato" come concetto il problema (figuriamoci senza cosa sarebbe pronta a fare qualsiasi proprietà, pubblica o privata), ma la qualità personale, intellettuale ma anche etica ed umana, di specifiche persone che fanno i sindacalisti.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
pasubio
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1017
Iscritto il: 25 novembre 2009, 20:03

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da pasubio » 14 dicembre 2013, 16:38

SuperMau ha scritto:
pasubio ha scritto:
Valerio Ricciardi ha scritto: Ma cosa dovrebbe interessare, oltre agli slot, un investitore straniero che quanto a flotte e rotte non mi pare minimamente messo male?
Personalmente, la penso come te, e la domanda che ho quotato sopra, me la faccio spesso anch'io.
E non trovo risposte .....
ho risposto a Valerio nella pagina prima....non l'hai visto?
Prendere quote in AF?
Cioè secondo te uno dovrebbe tirare fuori soldi per coprire finanziariamente una situazione strutturale votata alla catastrofe e senza alcuna possibilità (ormai) di porre rimedio, per prendere (forse, perché non è mica detto) quote in una certa AF che da un po' di tempo non riesce a tappare i suoi di buchi.
Un pazzo, senza dubbio.
O un patriota :mrgreen:

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 14 dicembre 2013, 17:05

CravattaNera ha scritto:
albert ha scritto:In tutto questo discutere di tagli di stipendio ai dipendenti, comunque, Alitalia continua a perdere tantissimi soldi perché non ha un sito web adeguato..... :roll:
dici? In che senso???
Questa mi è nuova. Fonti?
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5835
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 14 dicembre 2013, 20:39

Mobius ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
albert ha scritto:In tutto questo discutere di tagli di stipendio ai dipendenti, comunque, Alitalia continua a perdere tantissimi soldi perché non ha un sito web adeguato..... :roll:
dici? In che senso???
Questa mi è nuova. Fonti?
Le fonti solo le mie personali esperienze.
Il sito AZ, se cerchi di prenotare per destinazioni su cui non vola direttamente, non ti propone voli alternativi effettuati da altre compagnie con cui ha rapporti stretti, tipo quelle in JV, ma risponde che non esistono voli, al contrario di altri siti, tipo quello di KLM, che propone, se non ha voli diretti, di volare con AZ.
La settimana scorsa, dopo avere avuto per l'ennesima volta questo problema, ho infine acquistato i voli con LH (il volo costava 400 euro meno rispetto a KLM ), che, dove non vola direttamente, ti fa acquistare voli con i partner *A.
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 15 dicembre 2013, 15:30

Fa vedere i voli in code sharing e alcuni voli delle partner, non vedo il problema...
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 15 dicembre 2013, 18:45

SuperMau ha scritto:E sulle tratte europee, adeguarsi a quello che fanno i partner. Io faccio AMS-FCO continuamente, prova a volare KLM e poi AZ e vedi la differenza....anche nel riempimento degli aerei. Eppure i biglietti hanno lo stesso prezzo !
Non so fino a che punto KLM è da prendere come esempio. Oggi, facendo una ricerca sul web (a me serve un BRU-AMS verso il 16 gennaio) ho scoperto questo:
One-way tickets are offered by KLM only at higher, fully flexible fares. This choice is based on commercial considerations. One of them is that we'd like to encourage/stimulate our passengers to choose KLM for both their outbound and return flight. If there's anything else you would like to know, just leave another message on our wall!
E' la risposta alla mia domanda "perché BRU-AMS ha sempre il prezzo fisso di 422€?" E non è finita qui, ecco un'altra risposta:
We can imagine feeling disappointed in the price. We’ve double checked your options, including the offers we have at the moment, but unfortunately €422 is the lowest price we offer for a single flight BRU-AMS. We can certainly understand that it is disappointing to you that the price of a single flight is higher than that of a return flight - and the reason the price is higher than that of a return is for the reasons we listed above. We regret not being able to give you better news!
Con AZ, con un mese di anticipo, avrei pagato tra i 50 e i 70 euro.
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4639
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 16 dicembre 2013, 16:34

Mobius,
il capodanno ebreo, e quello ortodosso, cadono una settimana dopo l'epifania....e Anversa e' famosa non solo per il taglio dei diamanti.
Pertanto e' possibile che la rotta sia parecchio piena per via dei transiti....
E comunque, perche' fare BRU-AMS in aereo quando con l'alta velocita' ci arrivi in due ore e mezzo??? mica senso..
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4639
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 16 dicembre 2013, 16:39

pasubio ha scritto: Prendere quote in AF?
Cioè secondo te uno dovrebbe tirare fuori soldi per coprire finanziariamente una situazione strutturale votata alla catastrofe e senza alcuna possibilità (ormai) di porre rimedio, per prendere (forse, perché non è mica detto) quote in una certa AF che da un po' di tempo non riesce a tappare i suoi di buchi.
Un pazzo, senza dubbio.
O un patriota :mrgreen:
Pasubio,
guarda che non tirano fuori soldi per niente eh....sicuramente c'e' il barbatrucco di far sparire il miliardo di debiti in qualche maniera, non ultimo, magari, un fallimento pilotato.

Vorrei giusto ricordare che:
1. AF e EY hanno investito 1,5 MILIARDI di dollari nella nuova facility di revisione motori ad Abu Dhabi
2. EY si e' sempre detta interessata ad entrare in AF con qualche quota (anche piccola)
3. EY vuole espandersi con il suo network in Europa, purche' questo non contrasti con i punti 1 e 2
4. Mubadala, la holding dell'Emiro, non solo detiene la proprieta' di Etihad, ma anche una fetta importante di Ferrari, ha costruito il Ferrari World ad Abu Dhabi ed e' anche l'azionista di maggioranza di Piaggio Aero, il cui presidente e' , guarda un po', Colaninno.....

ERGO

Tutto e' possibile, purche' negli interessi COMUNI di AF e EY....(e non in quelli di AZ, di sicuro...)

Ciao
M.
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4793
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 16 dicembre 2013, 17:07

...non ho capito, qualcuno si aspettava di vedere operazioni del genere effettuate o pianificate nell'interesse dei lavoratori di una compagnia o degli utenti?
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 16 dicembre 2013, 22:41

Il legame Piaggio - Emirati mi è nuovo. Ci sono veramente tanti interessi in gioco... :|
SuperMau ha scritto:Pertanto e' possibile che la rotta sia parecchio piena per via dei transiti....
Mau, il punto è diverso, loro dicono che per i biglietti di sola andata c'è la Y-Y, inducendo i pax a pagare un a/r senza usufruire del ritorno. Probabilmente pagherò circa 120€ quando il volo che mi serve ne costa appena 50, pensa un po'.

KLM avrà senz'altro i suoi pregi ma le sue politiche mi sembrano strane.
SuperMau ha scritto:E comunque, perche' fare BRU-AMS in aereo quando con l'alta velocita' ci arrivi in due ore e mezzo??? mica senso..
Io sono nato per volare, l'AV non esiste... e poi in qualità di CFA posso godermi le lounge di BRU e AMS, mai provate prima.
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5901
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 16 dicembre 2013, 23:27

SuperMau ha scritto:
Vorrei giusto ricordare che:
1. AF e EY hanno investito 1,5 MILIARDI di dollari nella nuova facility di revisione motori ad Abu Dhabi
2. EY si e' sempre detta interessata ad entrare in AF con qualche quota (anche piccola)
3. EY vuole espandersi con il suo network in Europa, purche' questo non contrasti con i punti 1 e 2
4. Mubadala, la holding dell'Emiro, non solo detiene la proprieta' di Etihad, ma anche una fetta importante di Ferrari, ha costruito il Ferrari World ad Abu Dhabi ed e' anche l'azionista di maggioranza di Piaggio Aero, il cui presidente e' , guarda un po', Colaninno.....
Giusta analisi ma secondo te Ethiad fara' uno sgarro ad AF? O probabilmente per salvare capra e cavoli puntera' sul doppio Hub CDG-FCO?
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da willy73 » 17 dicembre 2013, 9:24

Mobius ha scritto: Mau, il punto è diverso, loro dicono che per i biglietti di sola andata c'è la Y-Y, inducendo i pax a pagare un a/r senza usufruire del ritorno. Probabilmente pagherò circa 120€ quando il volo che mi serve ne costa appena 50, pensa un po'.
KLM avrà senz'altro i suoi pregi ma le sue politiche mi sembrano strane.
i biglietti one way costano sempre più dell'AR anche con AZ, solo le low cost non hanno differenze.
Non immagini quante volte ho preso AZ AR perchè costava meno del one way e invece mi serviva solo l'andata

Avatar utente
sidew
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1354
Iscritto il: 24 maggio 2007, 8:28
Località: Milan, Italy
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da sidew » 17 dicembre 2013, 9:49

Ma non c'e il rischio di finire alla lista nera per ripetuti not present at return ?
Aldo

"Oops!" - Shannon Foraker, Ashes of victory

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4639
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 17 dicembre 2013, 9:49

sigmet ha scritto:
SuperMau ha scritto:
Vorrei giusto ricordare che:
1. AF e EY hanno investito 1,5 MILIARDI di dollari nella nuova facility di revisione motori ad Abu Dhabi
2. EY si e' sempre detta interessata ad entrare in AF con qualche quota (anche piccola)
3. EY vuole espandersi con il suo network in Europa, purche' questo non contrasti con i punti 1 e 2
4. Mubadala, la holding dell'Emiro, non solo detiene la proprieta' di Etihad, ma anche una fetta importante di Ferrari, ha costruito il Ferrari World ad Abu Dhabi ed e' anche l'azionista di maggioranza di Piaggio Aero, il cui presidente e' , guarda un po', Colaninno.....
Giusta analisi ma secondo te Ethiad fara' uno sgarro ad AF? O probabilmente per salvare capra e cavoli puntera' sul doppio Hub CDG-FCO?
No, io penso che EY e AF hanno deciso una linea comune....e sotto certi aspetti il doppio hub "potrebbe" funzionare....
L'avevo detto anche prima, CDG-AMS funziona, e anche bene, e anche i tri-hub funzionano bene. Un esempio? FRA-MUC-ZRH......perche' non un CDG-AMS-FCO??
Certo, che TUTTI devono remare dalla stessa parte eh! :mrgreen:
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Bloccato