Alitalia - Società Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 21 marzo 2017, 22:40

DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9655
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Maxx » 22 marzo 2017, 9:08

flyingbrandon ha scritto:
Maxx ha scritto:
Se per "20 aerei per breve e medio raggio", si intendono gli Embraer, vuol dire che la macchina che farà quella tratta non sarà più l'Embraer. Diciamo che era un modo elegante e prudente per chiedere "Significa che il volo Linate-Pescara non sarà più fatto?". :shock: Avendo io prenotato tre biglietti per andare al mare a giugno, mi pongo il problema!
Cityliner è un'altra cosa. Quando senti parlare di macchine di medio di AZ sono gli Airbus. Comunque sia non c'è legame tra le macchine e il tuo volo. Se decidono di togliere una tratta non è per la messa a terra di questi aerei...a maggior ragione se sono già fermi. Non chiedere in modo elegante...chiedi quello che ti interessa... :mrgreen: poi a te che lo facciano con Embraer o Airbus penso che freghi relativamente poco...no?
Ciao!
Ho capito, grazie!! Me ne frega poco nel senso che sia gli Embraer che gli Airbus sono belle macchine, comode e sicure. Ti devo dire che l’Embraer mi piace molto, è una macchina che mi dà belle sensazioni da passeggero! Non che gli Airbus non le diano, ma sono aerei più grandi e forse più “impersonali”, non so se rendo l’idea. L’Embraer è piccoletto, sta bene addosso!! E poi, vuoi mettere imbarcare 88 persone rispetto a 180?? Si fila via in un attimo!!

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 23 marzo 2017, 20:14

Limitazioni su tablet e computer a bordo...
Allegati
ElleKappa.jpg

tito
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 6 novembre 2006, 20:29

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da tito » 23 marzo 2017, 21:42

danko156 ha scritto:Continuo a non capire il pensiero di chi si augura la chiusura di Alitalia, la chiusura di una compagnia aerea, la chiusura di una società, peraltro italiana.
Così come non ho mai capito come gli italiani possano odiare a prescindere la fiat e amare la volkswagen, o possano volere la chiusura di una qualsiasi altra azienda italiana a favore di una azienda straniera.
Continuo a non capire come si possa volere il fallimento di una società, che sia italiana o estera.Continuo a non capire come si voglia mandare a casa le persone, come per dire: non lavorano, che vadano via.
In alitalia esistono professionalità di alto livello, i clienti - pardon ospiti come li chiamano ora - sono sempre trattati con i guanti (in Alitalia come in altre compagnie aeree, perché è così che funziona il mercato del trasporto aereo, e questo vale anche per le low cost. Un assistente di volo che tratta male un passeggero viene mandato a casa anche in Ryan).
E allora quando sento gente che dice "Sì, mandate a casa tutti" non posso non arrabbiarmi. Vorrei chiedere a queste persone: voi avete un posto di lavoro? Sì o no? Perché sembra che voi vi godiate la vita senza conoscere il sacrificio del lavoro (qualunque esso sia).
Se la vostra azienda minacciasse il vostro licenziamento? Se la vostra azienda, dopo avervi sfruttati con una paga relativamente misera, pretende ancora di più e ancora di più con uno stipendio ancora inferiore, voi cosa fareste? Se la vostra azienda vi chiamasse per nome e cognome e da un giorno all'altro vi mettesse sull'uscio, voi come vi comportereste?
Dare l'anima per una azienda e poi essere sbattuti fuori perché "bisogna tagliare", vi assicuro, non è piacevole.
Prima di parlare male di una azienda e volere la sua chiusura, provate magari prima a rispondere a queste domande.
(perdonate il post un pò piccato :wink: :) :evil: )
è ovvio, dispiace per i lavoratori (bhe non proprio per tutti...), ma cosa vuoi che si faccia? Una colletta? mi pare che l'abbiamo già fatta, più di una volta!

Ma hai provato a chiederti perché tutta questa gente sia cos?i inca**ata con Alitalia? Sono tutti pazzi o forse Alitalia ha effettivamente fatto qualcosa che ha esasperato i suoi clienti?
Un minimo di autocritica me la farei prima di prendermela col mondo...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11748
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 23 marzo 2017, 21:55

tito ha scritto:

Ma hai provato a chiederti perché tutta questa gente sia cos?i inca**ata con Alitalia? Sono tutti pazzi o forse Alitalia ha effettivamente fatto qualcosa che ha esasperato i suoi clienti?
Un minimo di autocritica me la farei prima di prendermela col mondo...
Mi sono fatto un'idea e ho fatto anche dell'autocritica. Non espongo i miei pensieri...ma sono curioso di sentire da te cosa ha fatto Alitalia per esasperare i suoi clienti...che ha fatto? Dal tuo punto di vista ovviamente...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 23 marzo 2017, 22:36

flyingbrandon ha scritto:
tito ha scritto:

Ma hai provato a chiederti perché tutta questa gente sia cos?i inca**ata con Alitalia? Sono tutti pazzi o forse Alitalia ha effettivamente fatto qualcosa che ha esasperato i suoi clienti?
Un minimo di autocritica me la farei prima di prendermela col mondo...
Mi sono fatto un'idea e ho fatto anche dell'autocritica. Non espongo i miei pensieri...ma sono curioso di sentire da te cosa ha fatto Alitalia per esasperare i suoi clienti...che ha fatto? Dal tuo punto di vista ovviamente...
Ciao!
La domanda di brandon riassume tutta la questione: che cosa ha fatto Alitalia per esasperare i suoi clienti?

Sent using Tapatalk
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 24 marzo 2017, 10:20


Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12331
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da AirGek » 24 marzo 2017, 12:05

Chissà se l'han fatto per poter licenziare senza rischio causa alla minima discrepancy...
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 24 marzo 2017, 15:57

AirGek ha scritto:Chissà se l'han fatto per poter licenziare senza rischio causa alla minima discrepancy...
Puoi giurarci e il brutto è che sono proprio i/le colleghi/ghe che rimproverano e denunciano. Non c'è più dignità e rispetto per le persone, anzi, non ci sono più persone ma solo unità di risorse umane, tanto per distinguerle, ma solo a scopo pratico, dalle risorse animali o meccaniche.
Ha da venì baffone!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 25 marzo 2017, 0:02

Ivan Anzellotti...
Allegati
17426070_10212320407715050_7845080714965365298_n.jpg

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3213
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Limosky91 » 25 marzo 2017, 12:58

Alitalia ripristina i voli per Reggio Calabria dal 30 Marzo

http://lacnews24.it/25463/politica/aero ... marzo.html





:roll:
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16409
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da JT8D » 25 marzo 2017, 13:54

Il comunicato ufficiale della compagnia afferma che per il momento i voli riprenderanno il 30 marzo e dureranno per tutto il mese di aprile, con un giornaliero da Fiumicino e Linate rispettivamente. Nelle prossime settimane verrà aperto il tavolo di lavoro con i soggetti coinvolti, per trovare un accordo sul futuro dei voli.

http://www.md80.it/2017/03/25/alitalia- ... -30-marzo/

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 500
FL 500
Messaggi: 5155
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 25 marzo 2017, 19:17

tartan ha scritto: non ci sono più persone ma solo unità di risorse umane, tanto per distinguerle, ma solo a scopo pratico, dalle risorse animali o meccaniche.
Hai dimenticato le risorse brute

( cfr. "io tartan, tu jane!" ). :bootyshake:
"The curve is flattening: we can start lifting restrictions now" = "The parachute has slowed our rate of descent: we can take it off now!"
Chesley Burnett "Sully" Sullenberger

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3213
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Limosky91 » 28 marzo 2017, 22:34

Allego la lista dei voli cancellati tratta dal sito AZ per i giorni 4-5-6 Aprile.

Attenzione, a questo giro hanno cancellato anche i voi intercontinentali, normalmente tutelati!

https://www.alitalia.com/content/dam/al ... ellati.pdf
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 29 marzo 2017, 11:22

Intervento di Intrieri ieri:
(WAPA) - Ringrazio ancora una volta AVIONEWS per avermi chiesto di esprimere la mia modesta opinione su questa triste vicenda che sta riguardando Alitalia; cercherò di essere analiticamente all’altezza di quanto richiestomi e di non deludere le aspettative del Direttore e soprattutto dei lettori.

Intanto occorre fare una premessa che è sostanziale: ogni qualsivoglia considerazione che esporrò di seguito in relazione al documento inviatomi da AVIONEWS, è legata al presupposto che lo stesso sia vero, integro e pertinente.

Dopo questa doverosa premessa inizio la mia analisi passando in rassegna alcuni punti sostanziali per come riportati.

Intanto mi sia concesso di affermare che il documento oggetto di analisi non riesco a definirlo un piano industriale, quanto piuttosto lo definirei un documento recante un insieme di ipotesi di business di cui non riesco a comprenderne l’obbiettivo finale.

Il documento descrive in maniera corretta la segmentazione del mercato italiano, ovvero ci informa che il 90% del traffico si sviluppa sulle rotte di medio/corto raggio; occorrerebbe però definire bene le fonti di questa fisionomia. A tal riguardo un’analisi accurata dei numeri riportati dovrebbe poter concludere che l’avvento di Ryanair e delle altre low-cost (LLC) ha poco inciso sulle quote di mercato di Alitalia, poiché il passeggero Ryanair o easyJet non era un passeggero Alitalia, ma piuttosto un passeggero che utilizzava differenti mezzi di trasporto prima dell’avvento dei biglietti a prezzo modico. In altre parole possiamo qui sostenere senza rischio di smentita che il brand Alitalia, registra ancora e malgrado tutto, un notevole segno di valore presso i consumatori di fascia alta, ovvero quel target di passeggeri che utilizza l’aereo per affari e comunque appartiene ad una fascia sociale agiata. Se ciò è vero allora possiamo certamente affermare che i competitor di Alitalia non sono le LLC ma piuttosto gli altri vettori tradizionali (legacy) ovvero Air France, Lufthansa eccetera sul mercato dei voli europei ed intercontinentali, e solo in minima parte le LLC sui voli all’interno della penisola, dove ad oggi la vera concorrenza è il treno ad alta velocità almeno sulle direttrici servite da questo servizio. Ecco quindi che rincorrere Ryanair o le altre LLC non ha senso, come giustamente ammesso nello stesso documento nella parte che riguarda il modello di business. Ma allora mi chiedo: perché definire la compagnia irlandese un competitor per poi affermare ed ammettere l’estrema diversità e non focalizzarsi sui veri competitor del segmento di mercato. Ahimè non riesco a capirlo, e mi affido ai lettori più arguti di me che forse riusciranno a trovare una qualche spiegazione. Io francamente non la trovo...

Andiamo adesso a spiegare le 4 banks descritte dal piano; in termini semplici ed essenziali vuol dire che il piano prevede che gli aeroplani faranno 4 rotazioni al giorno; ergo si scopre un utilizzo di 4 rotazioni al giorno dell’aeromobile tipico delle LLC che invece abbiamo detto non essere un benchmark.
E’ evidente che performare 8 tratte al giorno vuol dire aumentare sensibilmente il rischio di cancellazioni e ritardi, fattori questi che influenzano la scelta dei passeggeri target di Alitalia con un rischio di non poco conto. In America al momento vi è un ampio dibattito tra le legacy sull’opportunità di aumentare le frequenze giornaliere per aeromobile (leggi Usa today). Per attenuare tale rischio, occorre avere una struttura organizzativa, un livello di efficienza dei processi interni e di controllo delle fasi che oggigiorno Alitalia non possiede, e che per implementare necessitano di un periodo non inferiore ad 1 anno nel migliore dei casi. Ma soprattutto necessita una complicità dei veri attori di una compagnia aerea: le persone che ci lavorano dentro. Ergo: da un lato si chiede al personale di aumentare l’intensità della performance, e dall’altro gli si riduce l’emolumento; credo di poter affermare che le due cose non siano totalmente coerenti. Voglio vedere un pilota che si impegna ad operare al massimo dell’efficienza quando gli hai tolto il 30% dello stipendio, o un meccanico di linea che dimezza i tempi dell’ispezione giornaliera. Anche qui ci sarà una spiegazione che io non riesco a trovare e che lascio sempre alla maggiore arguzia dei lettori.

Dove invece non c’è spiegazione alcuna, e sfido anche il più arguto dei lettori a trovarla, è in alcuni numeri che sono disseminati nelle slide in questione, e mi spiego:

1) Prendiamo ad esempio il dato relativo agli aerei Airbus 320’s family (per intenderci gli aeromobili di corto-medio raggio); si dichiara che ad oggi volano in media 7,9 ore al giorno, praticamente impossibile con quel ratio immaginare una compagnia aerea profittevole, bene!!! Ciò che però non si capisce e ci sarà certamente un errore di calcolo, è: come è possibile che attuando la strategia delle 4 banks l’utilizzo dell’aeromobile sale dopo 5 anni a 9,8 ore giornaliere; ergo delle due l’una: o sono impazzite le calcolatrici o le tratte previste dal network sono da Roma-Fiumicino a Roma-Ciampino andata e ritorno. Aumentare le rotazioni vuol dire implementare un network che nel caso di Alitalia non può che essere geocentrico sul hub spoken; ergo, davvero non si capisce come si siano ottenuti quei numeri relativi alla media del volato giornaliero.
2) Quando poi si passa al rapporto tra Fleet e Ask la situazione diventa davvero ancora più misteriosa, che certamente Sir Alfred Hitchcock non avrebbe saputo fare di meglio nello scrivere uno dei suoi famosi gialli. Ma andiamo con ordine e spieghiamo.
In aviazione l’acronimo Ask significa Sedili disponibili per kilometro volato, ed è un valore dato proprio dal prodotto di questi due fattori; orbene ho cercato disperatamente di decodificare i numeri proposti e soprattutto il loro incremento marginale, e non ci sono riuscito anche perché non sono conseguenziali all’annunciata riduzione di flotta, né possono essere giustificati dall’aumento delle frequenze giornaliere, né tantomeno dalla prevista “densificazione” degli aeromobili narrow body di ben 6 sedili, operazione questa che costerebbe ad Alitalia una spesa “folle” considerando la riconfigurazione e quindi la ricertificazione del Weight & Balance dell’aeroplano se parametrata a soli 6 sedili. Mi ricordo i famosi sedili in meno del mai dimenticato dottor Mengozzi sugli MD-82 che si rivelarono un fiasco; il tutto per risparmiare un assistente di volo che poi implicò costi enormi con cui si sarebbero potuti pagare non 1 ma almeno 5 assistenti di volo. La storia del resto è ciclica, si ripete...

Temo che queste slide se sono davvero il piano strategico di Alitalia, ma ripeto potrebbe essere uno scherzo anzi me lo auguro, siano state fatte in modo approssimativo e ben distante dai veri problemi della compagnia, che risiedono sostanzialmente nei costi di esercizio e nelle inefficienze dei meccanismi interni. Primo tra tutti Alitalia ha seri problemi di costo nelle manutenzioni che devono essere riportate in house senza se e senza ma; è inconcepibile che una compagnia della soglia dimensionale di Alitalia abbia negli anni attuato una politica di esternalizzazione delle manutenzioni perdendo molte delle certificazioni e del know-how che erano il proprio vero tesoro. Non ultimo a riguardo il vergognoso fallimento della controllata Alitalia Maintenance System (Ams) vero cluster di tecnologia e know-how; oggigiorno alcuni dipendenti di Ams si sono ridotti a fare gli emigranti trasferendo all’estero la loro straordinaria competenza.
Diciamolo chiaramente ed una volta per tutte: i famosi “Capitani Coraggiosi” a cui è stata “regalata” l'azienda hanno provveduto negli anni a svuotarla di tutti i suoi migliori contenuti per fare cassa e cercare di tamponare le immense perdite relative alla gestione caratteristica; e come non citare in tal senso la vendita ad Etihad di Alitalia Loyalty, la cassaforte contenente il programma di fidelizzazione Mille Miglia e quindi il database di tutti i clienti. E infine, per non farsi mancare nulla Alitalia si è privata anche degli slot su Heathrow, dei quali una parte servì all’ingegner Sabelli per fare cassa e ridurre la perdita monstre, e un'altra parte è stata “regalata” ad Etihad a 12 milioni c.a. contro un valore di mercato di circa 70. In compenso Etihad ha noleggiato ad Alitalia due Airbus 330 con un over market del 30% rispetto ai valori di mercato.

E dopo tutto ciò cosa si fa?

Si cerca di lasciare i sindacati ed il Governo con il cerino in mano, mettendoli di fronte a delle condizioni inaccettabili pena il fallimento della compagnia. Da cittadino italiano mi sento umiliato e mi si consenta anche un po' “buggerato”, e come se non bastasse dopo aver realizzato dal 2008 ad oggi una “macelleria sociale” inaccettabile per un Paese cosiddetto industrializzato, ci si presenta con altri ulteriori licenziamenti e inoltre si mortifica ancor di più la vita e la dignità dei lavoratori precari in nome del mercato. Ma quale mercato? Il mercato lo conquisti con una azienda efficiente ed efficace e con top manager seri e preparati. In America ci sono, basta chiamarli, e un manager americano saprebbe immediatamente dove mettere le mani visti i costi folli che la compagnia sopporta; saprebbe che quella soglia dimensionale è totalmente fallimentare ed occorre aumentare la flotta e soprattutto razionalizzarla e renderla funzionale al network; saprebbe che con i contratti in essere con i fornitori di servizi di manutenzione e parti di ricambi si potrebbero risparmiare almeno 250 milioni su base annua; saprebbe che con quei programmi di manutenzione obsoleti ed inefficienti non si va da nessuna parte; saprebbe anche come modificare seriamente i contratti di leasing e il delta sul Platts del carburante. Basterebbe fare seriamente un lavoro del genere per ridare dignità a tutti i dipendenti senza toccarne neanche uno, e sono certo che in cambio gli stessi dipendenti darebbero il massimo per la propria azienda.

Oggi c’è tanta gente di primissimo ordine e di ottima competenza aeronautica che vive di cassa integrazione perché gli hanno devastato la dignità umana e professionale. Beh,sono certo che se ad ognuno di quegli uomini e di quelle donne gli si desse una divisa o un tesserino Alitalia, sarebbero i primi protagonisti del rilancio dell’azienda insieme a quelli che ancora sono in azienda e che vivono nell’incubo di un futuro incerto. La gente di Alitalia non ha nulla da invidiare a quella di Air France o di Lufthansa...

Alitalia anche attraverso la sua controllata Ati aveva un livello di piloti eccellente, gente che sapeva in ogni situazione di volo come effettuare la scelta migliore; ricordo ancora un comandante Ati che riuscii a salvare 170 vite umane con un motore andato e l’altro al 20%, dopo che i motori del proprio aeroplano avevano ingerito uccelli in fase di decollo a Capodichino. Questi signori non sono autisti, sono gente che ha la responsabilità di migliaia di anime e nei casi di emergenza deve sapere come intervenire. Fare la guerra con i piloti vuol dire perdere fiumi di denari che in confronto i loro stipendi sono gocce nell'oceano; infatti, occorre qui specificare che il primo fattore di costo di una aerolinea è strettamente connesso alle scelte che il pilota effettua durante la propria performance in volo ed a terra, all’efficienza dei meccanici che si occupano della manutenzione di linea e degli ingegneri che devono aver cura di operare le scelte migliori e più reddituali nella gestione dei programmi di manutenzione.
Vorrei infine che si sapesse che 20 anni fa in Altas quando parlavano i periti aeronautici e gli ingegneri Alitalia, i progettisti Boeing si toglievano il cappello, ed io a quel tempo giovane manager di una compagnia americana li ho visti con i miei occhi, e mi sentivo orgoglioso di essere italiano.
(Avionews)
(NatBru)
170328184156-1203313
(World Aeronautical Press Agency - 28-Mar-2017 18:41)

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 29 marzo 2017, 18:16


Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6182
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 29 marzo 2017, 18:47

Lampo 13 ha scritto:Intervento di Intrieri ieri:
ma si parla di lui?
http://www.aduc.it/notizia/gandalf+ipot ... _62690.php

e non e' sempre quello di ITALI'?
http://www.giurisprudenzadelleimprese.i ... 2013-1.pdf
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 29 marzo 2017, 19:49

sigmet ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:Intervento di Intrieri ieri:
ma si parla di lui?
http://www.aduc.it/notizia/gandalf+ipot ... _62690.php

e non e' sempre quello di ITALI'?
http://www.giurisprudenzadelleimprese.i ... 2013-1.pdf
Immagino di si.
Io mi limito a postare gli articoli che trovo, poi ognuno se li legge e si fa una idea.
Interessante che a FCO sia stato censurato... forse ha scritto qualcosa che da fastidio.
Io non sono in grado di capirlo.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6182
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 29 marzo 2017, 20:19

Comunque ha detto cose condivisibili...
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 29 marzo 2017, 20:40

sigmet ha scritto:Comunque ha detto cose condivisibili...
Pare anche a me... ma io non ci capisco un granché di queste cose... potrei fare l'AD di Alitalia! :roll:

tito
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 6 novembre 2006, 20:29

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da tito » 29 marzo 2017, 22:39

flyingbrandon ha scritto: Mi sono fatto un'idea e ho fatto anche dell'autocritica. Non espongo i miei pensieri...ma sono curioso di sentire da te cosa ha fatto Alitalia per esasperare i suoi clienti...che ha fatto? Dal tuo punto di vista ovviamente...
Ciao!
Bhe, io so quello che ha fatto a me, intendo dire, posso parlare solo per me. Immagino che in Alitalia ci sia consapevolezza delle cose buone e meno buone che offre ai suoi clienti. Se nn lo si sa, ecco, al giorno d'oggi mi pare si possa considerare una gran bella mancanza.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11748
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 30 marzo 2017, 1:24

tito ha scritto:
flyingbrandon ha scritto: Mi sono fatto un'idea e ho fatto anche dell'autocritica. Non espongo i miei pensieri...ma sono curioso di sentire da te cosa ha fatto Alitalia per esasperare i suoi clienti...che ha fatto? Dal tuo punto di vista ovviamente...
Ciao!
Bhe, io so quello che ha fatto a me, intendo dire, posso parlare solo per me. Immagino che in Alitalia ci sia consapevolezza delle cose buone e meno buone che offre ai suoi clienti. Se nn lo si sa, ecco, al giorno d'oggi mi pare si possa considerare una gran bella mancanza.
Il tuo discorso sembrava "generico"...ma va benissimo anche ciò che ha fatto a te. Cosa ha fatto per esasperarti? In generale mi sembra che abbia particolare attenzione nei confronti dei clienti...anzi..a volte troppo....troppo permissiva nel far passare dei bauli come bagagli a mano...troppo permissiva nel tutelare , a prescindere, il passeggero...quindi non vedo dove possa aver esasperato i propri clienti. Per troppo, ovviamente, intendo rispetto alle altre compagnie...soprattutto quelle straniere.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 520
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da willy73 » 30 marzo 2017, 8:28

flyingbrandon ha scritto: Il tuo discorso sembrava "generico"...ma va benissimo anche ciò che ha fatto a te. Cosa ha fatto per esasperarti? In generale mi sembra che abbia particolare attenzione nei confronti dei clienti...anzi..a volte troppo....troppo permissiva nel far passare dei bauli come bagagli a mano...troppo permissiva nel tutelare , a prescindere, il passeggero...quindi non vedo dove possa aver esasperato i propri clienti. Per troppo, ovviamente, intendo rispetto alle altre compagnie...soprattutto quelle straniere.
Ciao!
beh magari esaspera quello che è in quarta fila sull'a321 a cui viene detto che il suo piccolo trolley va in fondo all'aereo perché le capelliere sono tutte piene nonostante l'aereo invece non lo sia (2 bauli per ciascun passeggero) :mrgreen:

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11748
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 30 marzo 2017, 9:10

willy73 ha scritto: beh magari esaspera quello che è in quarta fila sull'a321 a cui viene detto che il suo piccolo trolley va in fondo all'aereo perché le capelliere sono tutte piene nonostante l'aereo invece non lo sia (2 bauli per ciascun passeggero) :mrgreen:
A parte che non trovo la questione "bagaglio a mano" esasperante...se il bagaglio è piccolo lo puoi mettere sotto il sedile anche se le cappelliere sono piene...se è grande ti consiglio l'imbarco fra i primi così te lo metti proprio sopra la testa... :mrgreen: però, troverei esasperanti i passeggeri in primis..anche perché quando compri il biglietto non compri obbligatoriamente il posto in cappelliera sopra di te...né è un diritto. Se te lo sbarcano deve essere, comunque, in forma gratuità perché quello sì che è garantito. Adesso anche AZ ha comunque capito che sbarcarli in un secondo momento fa fare ritardo...allora filtra di più al Gate...ma rispetto ad altre compagnie aeree trovi che AZ esasperi sul bagaglio? Eddai... :D
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9655
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Maxx » 30 marzo 2017, 11:10

Msnco per niente. Non sono un volatore frequente, ma con AZ mi sarà capitato una volta di imbarcare il trolley da cabina. Con Ryanair molto più spesso.

Avatar utente
mtt199
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 286
Iscritto il: 31 marzo 2015, 8:25
Località: Near to VCE :)

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da mtt199 » 30 marzo 2017, 17:35

Guardavo ora su Wiki le flotte delle varie compagnie di bandiera europea, il nr di macchine long range in flotta rispetto ad Alitalia è imbarazzante...

AZ 11
AF 104
LH 108
BA 149
KLM 67

:|
Immagine

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 30 marzo 2017, 17:52

mtt199 ha scritto:Guardavo ora su Wiki le flotte delle varie compagnie di bandiera europea, il nr di macchine long range in flotta rispetto ad Alitalia è imbarazzante...

AZ 11
AF 104
LH 108
BA 149
KLM 67

:|
In AZ non sono 11, sono 11 B777 e 14 A330, per un totale di 25 macchine, sempre poche, ma...
Inoltre non esistono più le Compagnie di Bandiera che erano tali quando di proprietà dello Stato.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 30 marzo 2017, 18:54

I numeri bassi della flotta a lungo raggio è una delle cause della crisi di Alitalia, purtroppo. Il lungo raggio è quello più prolifico, in qualsiasi compagnia. E qualsiasi compagnia è praticamente in perdita sul medio raggio ( ma non ne può fare a meno per questioni di feederaggio). Un aereo a lungo raggio costa milioni e milioni di euro, e non ne bastano un paio per risollevarsi dalla crisi.

Sent using Tapatalk
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7255
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Lampo 13 » 30 marzo 2017, 19:03

danko156 ha scritto:I numeri bassi della flotta a lungo raggio è una delle cause della crisi di Alitalia, purtroppo. Il lungo raggio è quello più prolifico, in qualsiasi compagnia. E qualsiasi compagnia è praticamente in perdita sul medio raggio ( ma non ne può fare a meno per questioni di feederaggio). Un aereo a lungo raggio costa milioni e milioni di euro, e non ne bastano un paio per risollevarsi dalla crisi.

Sent using Tapatalk
Non credo che "milioni e milioni" renda l'idea, il costo va dai 250 ai 350 milioni di euro per un B777. :shock:
Inoltre, anche avendo i soldi, per comprarne uno devi fare una "fila" di anni, lo stesso per il leasing...

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 30 marzo 2017, 19:13

Lampo 13 ha scritto:
danko156 ha scritto:I numeri bassi della flotta a lungo raggio è una delle cause della crisi di Alitalia, purtroppo. Il lungo raggio è quello più prolifico, in qualsiasi compagnia. E qualsiasi compagnia è praticamente in perdita sul medio raggio ( ma non ne può fare a meno per questioni di feederaggio). Un aereo a lungo raggio costa milioni e milioni di euro, e non ne bastano un paio per risollevarsi dalla crisi.

Sent using Tapatalk
Non credo che "milioni e milioni" renda l'idea, il costo va dai 250 ai 350 milioni di euro per un B777. :shock:
Inoltre, anche avendo i soldi, per comprarne uno devi fare una "fila" di anni, lo stesso per il leasing...
Vabbè, due spiccioli comunque :D

Sent using Tapatalk
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 30 marzo 2017, 23:27

Leggo da qui l'apertura di nuove rotte nel nuovo piano di Alitalia. Si punta molto all'Africa...
http://www.ugltrasportoaereo.it/assiste ... a-sintesi/
sarebbe previsto l’inserimento in Flotta di 8 aeromobili di L/R con questa tempistica:
2017 – 1 aereo
2018 – 1 aereo
2019 – 1 aereo
2020 – 4 aerei
2021 – 1 aerei

Questo consentirebbe l’apertura di nuove direttrici, scadenzate come segue:
2017 – Delhi – Mexico City consolidamento
2018 Buenos Aires – Santiago del Cile consolidamento
2019 – Washington – San Francisco – Luanda
2020 – Accra – Bogotá – Hong Kong – Johannesburg – Lagos – Libreville
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 762
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da Guren » 31 marzo 2017, 2:59

2020 4 aerei e 6 rotte?

Arrivano a HK con una decina, ma potremmo fare 20, di anni di ritardo e dove soffriranno una concorrenza spaventosa dalle compagnie arabe (solo EK ha 3 o 4 voli giornalieri) per chi fa scalo e da Cathay per il diretto (oltretutto sia su FCO sia su MXP mentre AZ immagino sarà solo da FCO)
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da MarcoGT » 31 marzo 2017, 6:44

Guren ha scritto:2020 4 aerei e 6 rotte?

Arrivano a HK con una decina, ma potremmo fare 20, di anni di ritardo e dove soffriranno una concorrenza spaventosa dalle compagnie arabe (solo EK ha 3 o 4 voli giornalieri) per chi fa scalo e da Cathay per il diretto (oltretutto sia su FCO sia su MXP mentre AZ immagino sarà solo da FCO)
Quoto...anche perché se dovessi scegliere, meglio fare scalo a DXB per fare 6h+8h piuttosto che 13/14h per il volo diretto.
Ormai verso HKG è full, EK ha voli sia diretti che sia via BKK, Cathay ovviamente è la base, ma anche Singapore ha voli ecc ecc

Avatar utente
mtt199
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 286
Iscritto il: 31 marzo 2015, 8:25
Località: Near to VCE :)

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da mtt199 » 31 marzo 2017, 8:41

Lampo 13 ha scritto: Inoltre non esistono più le Compagnie di Bandiera che erano tali quando di proprietà dello Stato.
Non sapevo, non cambia comunque il concetto che rispetto alle altre europee prendiamo schiaffoni sul long range, per non parlare delle arabe/asiatiche...

A me spiace che la "nostra" compagnia di bandiera (ora Lampo me cazzia :mrgreen: ) sia ogni 2x3 alla ribalta per problemi finanziari riconducibili presumo ad una gestione scellerata o ad una mala organizzazione, cambiano le teste ma non il risultato :|
Immagine

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3942
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Società Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 31 marzo 2017, 9:10

Mah... Queste rotte lasciano perplesso pure me. È vero che Jnb non è collegata da FCO, ma è anche vero che ci sono molti altri collegamenti sia dall'Europa che dal golfo.
Per le rotte in Africa, a parte Accra e Lagos, che sono sempre andate bene con Az e che poi sono state tolte, Luanda e Libreville sono comunque collegate dalle compagnie del golfo, da Ib, Lh, Af...
Per non parlare di Hk, come diceva Guren.
Va bene Washington e S. Francisco (sugli Usa conviene sempre puntare), ma io rimango dell'idea di puntare sul Sudamerica dove non c'è molta concorrenza e le compagnie del golfo non arrivano quasi per niente.

Sent using Tapatalk
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Rispondi