Navigazione verticale VNAV

Area dedicata alla discussioni sulle procedure di navigazione e sulla meteorologia aeronautica

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Navigazione verticale VNAV

Messaggio da flyingbrandon » 21 agosto 2012, 13:44

davidemox ha scritto:Solo una cosa..... Anche a me piace fare le discese a 340 nodi... Forse si guadagna in divertimento,, quello si!!!
Certo. Inoltre spesso ci permette di rimanere in orario nonostante i transiti così stretti e gli schedulati non troppo abbondanti!
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Big_Teo
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1106
Iscritto il: 9 maggio 2008, 18:11

Re: Navigazione automatica

Messaggio da Big_Teo » 21 agosto 2012, 16:06

flyingbrandon ha scritto:
Big_Teo ha scritto: Hai ragione, mi era sfuggito questo pezzo nel ragionamento... :roll:

Ma ecco, già che ci siamo, mi perdoneresti una domanda da ignorante?
Cosa intendi di preciso per "open descent"? presumo a questo punto una modalità/tecnica di discesa che, tenendo fissa la spinta ad idle regola il rateo di conseguenza (senza eccedere eventuali limiti operativi).
E come viene eseguita all'atto pratico?
Open descent è una modalità di discesa dell'Airbus analoga al "level change" del 737. In pratica le manette vanno ad idle e, tramite l'assetto, l'aereo tiene la velocità che hai impostato. Il variometro che ne scaturisce è la conseguenza. Quindi se scendo a 320 avrò un variometro maggiore rispetto a 250. Quando imposti il v/s invece, per l'aereo è prioritario mantenere quel variometro, la velocità è una conseguenza di quel variometro. Se riesce tiene entrambi ma quando la richiesta di v/s è incompatibile con la velocità non è prioritario per l'aereo tenere la velocità impostata. All'atto pratico, dopo i tuoi calcoli, tiri il nottolino della discesa e l'aereo va in "open descent", le manette in idle e scende.
Ciao!
Ciao!
Perfetto, tutto chiaro! ;)

Grazie!

Avatar utente
Matteo Bevilacqua
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 306
Iscritto il: 14 agosto 2012, 18:00

Re: Navigazione automatica

Messaggio da Matteo Bevilacqua » 22 agosto 2012, 19:03

termicando ha scritto:Già che siamo in argomento autopilota, cosa faccia in airbus il pulsante EXPED è per me un mistero. E' un qualcosa del tipo FLCH boeing o qualcosa legato alla navigazione?
grazie
E a proposito di airbus dove hanno i tasti lnav e vnav?

Avatar utente
davidemox
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 914
Iscritto il: 8 ottobre 2005, 16:35
Località: Milano

Re: Navigazione verticale VNAV

Messaggio da davidemox » 22 agosto 2012, 19:53

Matteo Bevilacqua ha scritto:I tasti vnav lnav mi sapete dire dove sono negli airbus e nell' md80
Airbus non li ha, se premi la HDG va in modalità nav che è la stessa cosa di lnav.
Idem per la quota premendo il tasto Dell altitude.
Per md 80 non so
Davide

Avatar utente
Zapotec
FL 200
FL 200
Messaggi: 2254
Iscritto il: 18 febbraio 2008, 20:45
Contatta:

Re: Navigazione verticale VNAV

Messaggio da Zapotec » 22 agosto 2012, 22:11

Matteo Bevilacqua ha scritto:I tasti vnav lnav mi sapete dire dove sono negli airbus e nell' md80
Immagine

Eccoli qui

ciao !

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Re: Navigazione automatica

Messaggio da zksimo » 20 settembre 2012, 0:05

alessandrogentili ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Penso di no. L'SFC in crociera è migliore....tardo la discesa...ok in quel frangente consumo leggermente più di te che stai scendendo. Ma se stai scendendo non in idle...hai sempre del motore dentro. Io tardo il TOD....scendo in idle. Significa che fino a quando non do motore, obbiettivo 1000ft, ho il consumo al minimo perché sono in idle. Scendendo inoltre sui 320kts risparmio qualcosa in termini di tempo...io credo che alla fine risparmio qualcosina. Quando riesco, con conti un po' alla buona ricavo un 100/200Kg di risparmio almeno e qualche minuto. Quella dell'attrito non l'ho capita...se sono in idle non consumo di più, neanche se estendo gli speedbrake... :D
Sempre parlando di discese in IDLE (escludendo ogni managed descent dell'Airbus di cui non ho ancora ben capito tutte le sue logiche in tutta sincerità).

Il mio discorso si basava su una discesa IDLE a 330kt (il tuo discorso di scendere più velocemente) e su una discesa IDLE a 270kt.
  • Se fai una discesa IDLE a 330kt per via dell'attrito maggiore percorrerai molti meno nm durante la discesa e quindi ritardi il TOD.
  • Se la faccio a 270kt, sempre facendo una IDLE descent devo cominciare la discesa prima e sto un po' meno in crocera riducendo il consumo in quella fase.
Il vantaggio dei 270kt è che sto un po' meno a oltre 80% N1, il vantaggio dei 330kt è che alla fine stai qualche min meno in volo (che comunque anche se in IDLE bruci un po').

Ho reso l'idea? Ora non so quale delle due convenga, probabilmente la tua perchè come hai detto il motore è più efficiente in crocera.


Ciao
Ale
prima scendi prima ci perdi perchè la TAS diminuisce a parità di IAS quindi in VNAV constant spd descent il variometro andrà diminuendo,viceversa se estendi fin oltre al TOD e scendi ad IDLE quasi alla Mmo dovrebbe si essere il caso in cui risparmi più carburo perchè hai ovviam la max fuel effic in relazione alla velocità però non ti lascia spazio di correzione vedasi tagli in sequenza shortcut vento non previsto in coda eventuali traffici sottostanti etc etc.
Da considerare che si sta considerando solo traffico jet,un turboprop che scendesse ad idle avrebbe le eliche praticamente frenanti anzichè traenti come volare col drag chute aperto e penso anche su un largo turbofan tipo 777 una discesa ad idle porterebbe ad una resistenza maggiore dovuta al disco apparente del primo stadio a bassa velocità.


ma è il mio punto di vista...forse una vite sulla verticale risolverebbe il problema :drunken:

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Navigazione automatica

Messaggio da davymax » 20 settembre 2012, 0:33

zksimo ha scritto: però non ti lascia spazio di correzione vedasi tagli in sequenza shortcut vento non previsto in coda eventuali traffici sottostanti etc etc.
Da considerare che si sta considerando solo traffico jet,un turboprop che scendesse ad idle avrebbe le eliche praticamente frenanti anzichè traenti come volare col drag chute aperto e penso anche su un largo turbofan tipo 777 una discesa ad idle porterebbe ad una resistenza maggiore dovuta al disco apparente del primo stadio a bassa velocità.
1) I margini di correzione se ti tagliano ci sono eccome...basta aumentare la velocità (e quindi il rateo di discesa) e/o estendere gli speedbrake e, ultima spiaggia nel caso accetti un ulteriore taglio verso il finale, abbassi il carrello.

2) Il fatto della resistenza di un turboelica non è la "presenza" dell'elica, ma il passo di questa. Il FAN di un jet come il 777 o il 737 ecc. non varia il passo.
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

zksimo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2286
Iscritto il: 22 maggio 2006, 7:17

Re: Navigazione automatica

Messaggio da zksimo » 20 settembre 2012, 11:01

davymax ha scritto:
zksimo ha scritto: però non ti lascia spazio di correzione vedasi tagli in sequenza shortcut vento non previsto in coda eventuali traffici sottostanti etc etc.
Da considerare che si sta considerando solo traffico jet,un turboprop che scendesse ad idle avrebbe le eliche praticamente frenanti anzichè traenti come volare col drag chute aperto e penso anche su un largo turbofan tipo 777 una discesa ad idle porterebbe ad una resistenza maggiore dovuta al disco apparente del primo stadio a bassa velocità.
1) I margini di correzione se ti tagliano ci sono eccome...basta aumentare la velocità (e quindi il rateo di discesa) e/o estendere gli speedbrake e, ultima spiaggia nel caso accetti un ulteriore taglio verso il finale, abbassi il carrello.

2) Il fatto della resistenza di un turboelica non è la "presenza" dell'elica, ma il passo di questa. Il FAN di un jet come il 777 o il 737 ecc. non varia il passo.
mah guarda il rateo di discesa se lo aumenti e sei già ad idle ti porta solo ad aumentare la velocità...che fai scendi a .82?
lo sa l'FMS che a FL100 devi rallentare se non lo imposti prima?
se estendi il carrello e torni nel profilo poi che fai lo ritiri su?

ovviamente è il passo dell'Elica ma se ti metti ad Idle il passo diminuisce dell'elica e frena.....il Fan ugualmente se pervolare a x nodi necessita di Nf 78% e scendi a una velocità uguale ad x e sei ad idle il fan sarà necessariamente a Nf 78% - x% quindi a una velocità inferiore quindi resistente.

Provato prima al Sim poi in aereo che aggiungendo pochi % di Nf aumenta il Range è vero a discapito di un leggero aumento di Fuel Flow perchè non scendi ad Idle però scendi qualche minuto prima quindi diminuisci il Flussometro da Cruise a Descent anzitempo.
Ci stiamo parlando un po' addosso penso che a conti fatti la comodità di non scendere a bombazza e avere "room" per correggere imprevisti dovuti a fattori esterni.
Tanto poi dal Gilio ti fan scendere se vai a Fiume da Frz pure se vai a Milano da Dijon se vai a Parigi such and such quindi son tutti discorsi da forum o da cargo night dudes :bom:

Rispondi