La prima volta con Luca Evangelisti.

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
pertugio
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 maggio 2005, 13:41
Località: Firenze

La prima volta con Luca Evangelisti.

Messaggio da pertugio » 29 luglio 2007, 17:14

Salve,
Come preannunciato, intendo condividere con tutti gli utenti del forum, soprattutto quelli che hanno paura, qualcosa delle mie sensazioni al corso
"voglia di volare" Alitalia, da me frequentato lo scorso 21-22 luglio a Roma.

LA PRIMA VOLTA:

Molti dei miei compagni di corso sperimentavano la loro "prima volta".
Avevano deciso di buttarsi a capofitto in una strana esperienza (perché fintanto che non la si è fatta non e' chiarissimo capirne i connotati).
C'e' una prima volta per tutto.
E come il bambino che, di fronte a qualcosa di sconosciuto ancorché innocuo, spaventato cerca la mano della madre, c'era chi non aveva mai volato e cercava, con bramosia quasi primitiva, una mano rassicurante che lo accompagnasse alla sua prima volta in aereo.
C'era poi chi già aveva volato tranquillamente, ma all'improvviso, per qualche recondita motivazione della mente umana, non riusciva piu' a farlo: la decima o ventesima trasvolata era tornata ad essere una prima volta, col suo carico di insormontabile quanto immotivata tensione.
E c'era infine chi tranquillamente non aveva volato mai, ed ogni volta aveva interiorizzato un vissuto angoscioso, disperante, negativo, fobico come fosse sempre la prima volta. Un'ansia senza nome, senza tregua, senza respiro, che ti prende appena inizi ad avvicinarti all'aeroporto e di intensifica nell'attesa dell'imbarco. Ti fa star male, ti induce pensieri catastrofici, si autoalimenta dalle percezioni sbagliate della realtà circostante facendoti spesso accusare anche malesseri fisici.
Sali sull'aereo con le gambe che tramano, si sciolgono, stai per non entrare, ce la fai... si, no, non puoi tornare indietro e mandare a monte il viaggio. E allora il cuore va a mille, temi di sentirti male, sei terrorizzato, sfiori l'attacco di panico e finisci per palesarne i sintomi quando ti allacci la cintura del sedile come fosse il cappio del boia intorno al collo. Pensi che le benzodiazepine che hai preso mezz'ora prima siano state poche
anche se ti hanno già mezzo rincoglionito e comunque non servono se succede qualcosa.
Poi c'e' il decollo, il fischio dei reattori diventa un urlo che sembra volerti chiamare all'inferno, sei pietrificato dalla paura e ogni piccolo sussulto e' una scarica di adrenalina, una stilettata che ti affonda nelle carni fino alla fine del viaggio, quando il carrello tocca la pista e vorresti correre ad
abbracciare, baciare la terra come una amante, la più desiderata.
Io, come chi legge avra' ben capito, appartenevo all'ultima categoria ora descritta.
Per me era la prima volta senza farmaci.


L'ESPERIENZA:

Arrivo sabato mattina a Fiumicino. Devo andare nella palazzina blu degli uffici Alitalia. Cerco l'aula
14, in un ingarbugliato labirinto di corridoi dai quali si accede ai vari locali, evidentemente usati
per i corsi del personale. L' ambiente ricorda quello di una scuola.
Busso, entro, saluto. Sono già arrivati quasi tutti, seduti ai banchi disposti in fila a formare una "U".
Conosco Luca Evangelisti e Ilaria Petrini. Luca è un signore distinto, aria da intellettuale, con occhiali, barbetta e ciuffo ribelle,
che sembrano rimasti lì dai tempi dell'università.
Iniziamo col presentarci, tranquillamente, uno ad uno, insieme alle nostra paure.
La prima cosa che salta agli occhi è che non siamo soli, molti dei meccanismi che inducono la paura dell'aereo sono comuni. La seconda è che la maggioranza delle persone che ha paura di volare sperimenta vissuti ansiosi o fobici anche in altre situazioni di vita. Alcuni soffrono o hanno sofferto di ansia, depressione e dintorni, altri sono dappisti (attacchi di panico). Il panorama delle fobie è assai variegato... altezza, ragni, montagne russe... fino alla socialfobia.


La mattinata è incentrata sull'apprendimento e la categorizzazione di concetti quali "ansia" e "paura", sui
meccanismi psicologici ad essi sottostanti e soprattutto sulle connessioni sbagliate che siamo portati a fare
tra percezione, paura, valutazione del pericolo. Veniamo aiutati a ragionare sul "perché" abbiamo paura al fine di individuare, consapevolmente, le concatenazioni irrazionali che portano a questa o quella fobia.
Tali concatenazioni Luca ce le rappresenta come tre ingranaggi che si muovono vicendevolmente e che invece si deve cercare di allontanare affinché il moto di uno non inneschi quello dell'altro. Sarà proprio tale rappresentazione ciò a cui cercherò di pensare il giorno dopo, al momento del decollo.

Nella seconda parte della mattinata prende la parola un signore in uniforme che era stato seduto insieme a noi ad ascoltare Luca. Si chiama Stefano, lui non ha paura di volare: è un comandante Alitalia. Agli occhi di noi uomini appare come una persona gradevole, paziente, rassicurante. Alle donne probabilmente suscita qualche pensiero in più, come facilmente si evince da qualche occhiata complice tra loro e qualche discorso in corridoio. Stefano ci introduce ai "misteri" dell'aeronautica ed illustra i motivi fisici in forza dei quali un aereo vola. Ma soprattutto si sottopone di buon grado al bombardamento di domande che arrivano da parte di tutti... un'ora passa in un attimo, troppo poco, tutti avremmo voluto intrattenerci di più.
Si pranza: c'è un ristorantino poco lontano dall'aeroporto. Lo Staff non si siede al nostro tavolo con l'evidente fine di lasciarci soli a sviluppare le dinamiche di gruppo, quelle situazioni di "gruppalità" tanto care a certi filoni della psicoterapia.
Nel pomeriggio conosciamo gli hangar, accompagnati da un ingegnere della manutenzione. Abbiamo la fortuna di trovare fermo un B777 e ci avviciniamo, lo guardiamo, lo tocchiamo. Essendoci il sole a picco ci ripariamo tutti alla sua ombra, sotto la pancia di quella macchina enorme. Che bestione! Il nostro accompagnatore ci spiega che è uno dei più moderni aerei che ci sia in giro, con soluzioni tecniche innovative e interi pezzi in fibra di carbonio.
Poi rientriamo alle aule ed il resto del pomeriggio lo trascorriamo, a turno, con Ilaria che ci spiega l'addestramento degli AAVV e poi al simulatore dell A320. E' così realistico, ma così realistico che inizio a spaventarmi per il decollo. Però è magnifico... è quasi tutto automatico dentro un A320; il pilota supervisiona, dirige, controlla ma può lasciar fare al computer un sacco di cose. Niente cloche davanti alle gambe, la sostituisce un joystick a portata di mano.
Ormai è sera, ci accompagnano - noi che veniamo da fuori - ai rispettivi hotel. La stanchezza non ci fa muovere gran ché dopo cena.

Domenica, giorno del volo Roma>Milano e ritorno. Mattina, briefing con Luca per fare un punto sulla giornata precedente e su quella che ci aspetta. E poi arrivano le emozioni forti: si va in aeroporto, la fifa si fa sentire. Ci presentano il comandante del nostro volo, il tempo è ottimo, tutto a posto, ci rassicura. Ma per alcuni non basta. Siamo tutti nervosi. Qualcuno, tra cui io stesso, è particolarmente teso. Non voglio prendere tranquillanti, devo farcela. Luca ci insegna un "trucchetto" per impegnare la mente in modo da distoglierla da pensieri irrazionali: camminare all'indietro... non si fa in automatico, necessita un poco di impegno ed è quel tanto che basta a frenare altri pensieri. Abbiamo un imbarco privilegiato, bypassando il check-in. Per chi ha paura, infatti, l'attesa è negativa. Saliamo sull'MD80 "riccione" alla volta di Milano. L'aereo inizia a muoversi spinto dal trattore, poi va in avanti, verso la pista di decollo. Arriva, curva, si allinea per partire. Il fischio dei motori sale, diventa un grido, poi un boato. La spinta poderosa dei reattori proietta l'aeromobile in avanti con una accelerazione, una veemenza tale da portarlo intorno ai 300Km/h in una ventina di secondi o anche meno. Il decollo avviene infatti quasi immediatamente: il velivolo è semivuoto ed è bastata poca pista. Il cuore batte forte, mi giro, guardo le facce degli altri, alcuni rilassati, altri più tesi. Carrello, circuito idraulico... qualche tonfo, non fa paura più di tanto, sappiamo già tutti cosa sia. Pochi minuti e siamo tra le nuvole, l'aeromobile vira verso nord e poi continua, più lentamente, a salire verso l'azzurro. Il rumore dei motori diminuisce, siamo quasi in quota, iniziamo a rilassarci e a parlare. Spesso ci rivolgiamo a Luca e Ilaria, che sono con noi. Mi alzo dal mio posto e vado in bagno a darmi una rinfrescata alla faccia… dopo tanta tensione ne avevo bisogno, ma, cavolo!... non ho preso farmaci e ce l'ho fatta!. In coda l'MD80 fa un gran rumore, con i motori attaccati alla fusoliera, e in generale, mi sembra un poco meno confortevole degli A320. Rientro in cabina e trovo molti incantati dal panorama. Abbiamo già lasciato il Lazio e stiamo sorvolando il grossetano. Riesco a dare una sbirciatina al cockpit... (ebbene si, INVIDIATEMI!!!! :lol: Hehehe): un occhio al finestrino ed uno agli strumenti, "Da quassù è un altro mondo!" esclamo... "Eh, si, è davvero un altro mondo!" mi risponde il comandante che, pur abituato allo spettacolo, manifestamente riesce ancora ad apprezzarlo.
E vista da quassù la Maremma non sembra poi così amara, come una certa letteratura ha tramandato o come la imprecano taluni abitanti della terra di Dante. Il cielo è limpidissimo, si distinguono chiaramente i contorni di tutto ciò che sta sotto. Lo spettacolo è meraviglioso, la paura sta scomparendo per lasciare il posto ad una positiva, pulsante emozione. Per me e gli altri due toscani del gruppo la visione è, se possibile, ancor più coinvolgente: riconosciamo "il mare", il mare per antonomasia, "mare nostrum", quello in cui abbiamo bagnato i piedi fin da bambini, sognato a lungo sui banchi di scuola perché sinonimo di vacanza, quello delle prime illusioni amorose estive e delle disillusioni dalle lacrime amare che piovevano insieme ai temporali di fine stagione. Ecco l'isola del Giglio e Orbetello, che si stagliano dai colori gialli e verdi della terra a dare piacere agli occhi e al cuore, e lambiscono, appena accanto, i riflessi mediterranei di turchese di cobalto. Poi l'Isola d'Elba e via su verso Capraia e la Gorgona, dietro le quali, in lontananza e contemporaneamente, compare il "dito" più settentrionale della Corsica.
Il viaggio passa veloce, gia iniziamo ad abbassarci, l'atterraggio è morbido e, in media, fa meno paura del decollo. Siamo a Milano. A pranzo la tensione sembra scomparsa dal gruppo. Ci raccontiamo l'un l'altro l'esperienza, le sensazioni. Siamo già pronti al volo di ritorno. L'ansia dell'attesa è senza dubbio minore di prima. Conosciamo il comandante che ci porterà indietro... non capisco il nome, ma il soprannome si... ER MURENA, che si presenta al pubblico femminile scusandosi se non hanno messo un comandante bello. In effetti ER MURENA non rientra certo nei parametri del comandante di liners così come stereotipati dall'immaginario collettivo: l'uniforme sembra gli sia piovuta addosso come una bestemmia... ma è simpaticissimo. Bombardiamo di domande pure lui, il meteo è ok, ci conforta.
Di nuovo in pista, ancora decollo... l'md80 sale... miseriaccia, ho quasi più paura adesso che non prima. ER MURENA lo fa impennare molto , almeno così mi sembra. I beccheggi, pur leggeri, a mo' di delfino mi danno molto fastidio e mi spaventano, ma so che è normale, così come la virata con angolo al max 25° per il comfort dei passeggeri. Anche quella per qualcuno è impegnativa. Poi ER MURENA ci mette pure una musichetta. Siamo in quota, la paura è sotto controllo per tutti. Eccoci alle Cinque Terre e poi ancora sotto il sole della Toscana, un sole che ho sempre visto... eppur che non avevo mai visto, tingere con le sue pennellate di giallo e rosso acceso la terra, il cielo, il mare.
Pisa, Livorno... la base NATO, si vede chiaramente, così come molti altri luoghi. ER MURENA inizia la discesa e ci riporta a giù con un atterraggio leggerissimo.
Che esperienza!! Ancora un ultimo incontro in aula e poi, credo tutti soddisfatti, ci salutiamo. Sarà un giorno che nessuno, credo, vorrà mai dimenticare.
Per me ed un altro corsista non è ancora finita. Entrambi abbiamo prenotato il rientro in aereo con volo su Pisa... un ATR... La prima cosa che dico all'hostess è di essere reduci del corso... questa ci fa salutare il comandante prima del decollo, cosa che mi rassicura molto. Motori, via, anche le eliche spingono forte però... Cuore in gola, ancora un poco, ma va meglio. 50 min e siamo a Pisa. La giornata è terminata. Stanchissimo, ma molto, molto soddisfatto.


CONSIDERAZIONI:

Questo corso è un concentrato di emozioni, un viaggio all'interno di noi stessi e all'interno del mondo dell'aeronautica civile.
I professionisti con i quali abbiamo avuto più contatto, Luca e Ilaria, riescono a stabilire il necessario rapporto umano con i corsisti.
L'impressione più positiva che ho avuto vedendo un po' Alitalia dietro le quinte - che normalmente il passeggero non vede - è la passione di chi lavora su un aereo e dintorni.
I comandanti, l'ingegnere di manutenzione, Luca, Ilaria.... Tutta gente che - si percepice chiaramente - fa il suo lavoro non per caso ma per passione.
Perché la professionalità si può imparare e studiare, la passione no. E quando si lavora con passione la qualità del lavoro non può che risentirne positivamente.

Cosa aspettarsi dal corso?... miracoli?... no, certo. Ma una grossa mano. Per me è stata la prima volta che sono riuscito a volare senza aiuti farmacologici, con i quali, tra l'altro, si corre il rischio di entrare in dipendenza psicologica.
Sarà servito?... risultati sul lungo termine?... vediamo... tra 15 gg vado con la Easyjet da Pisa a Berlino. 8)
Ultima modifica di pertugio il 30 luglio 2007, 16:20, modificato 4 volte in totale.

Avatar utente
blusky
FL 500
FL 500
Messaggi: 7538
Iscritto il: 23 novembre 2006, 11:38

Messaggio da blusky » 29 luglio 2007, 18:01

BRAVO!!! COMPLIMENTI!!!
EASYJET??? OTTIMA COMPAGNIA!!!
Einstein:"Tutti sanno che una cosa é impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa."
Einstein:"Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima."
Einstein:"Non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore."
Sono una goccia... Plic Plic Plic
http://www.taize.fr

PRESIDENTE DI BIRRA POINT- IL PUNTO DI INCONTRO MASCHILE DI MD80.IT
Immagine Immagine

Avatar utente
marcoferrario
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 822
Iscritto il: 29 luglio 2006, 14:59
Località: Near LILN

Messaggio da marcoferrario » 29 luglio 2007, 20:35

Non conosco nè Luca nè Ilaria, di entrambi ne sento parlare sempre benissimo, sicuramente sono veri professionisti e persone splendide. Li ammiro per l'impegno che mettono nel loro lavoro e per il loro intento, oserei dire nobile: aiutare chi ha dei problemi/paure a prendere l'aereo, così da arrivare lassù, dove tutto è così meraviglio e affascinante, dove la terra, con tutti i sui problemi, le sue ingiustizie e i suoi difetti sembra così lontana. Adoro volare, trasmetto a tutti gli amici la mia passione e vorrei che tutti fossero in grando di poter godere di questa meravigliosa possibilità.
Luca e Ilaria sono anche un esempio di come si dovrebbe lavorare in Alitalia, con passione, entusiasmo ed orgoglio, alla faccia dei parassiti che cercano di rovinare il nome di questa grande azienda. Chi auspica il fallimento di AZ (perchè sono arrivato a leggere anche questo!) dovrebbe conoscere quanti AAVV, piloti, istruttoti, tecnici, ecc lavorano ogni giorno con entusiasmo e firi di portare avanti il tricolore italiano.
Divagazione a parte, ti faccio i miei complimenti "pertugio", e che questa esperienza possa essere la prima di una lunga serie di viaggi attorno al mondo, che è tanto bello e merita di essere girato in lungo e in largo!
Marco
Paragliding flyer

shalimar
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 70
Iscritto il: 9 giugno 2007, 14:55

Messaggio da shalimar » 29 luglio 2007, 20:48

Bravo! bellissimo racconto...ed ottima esperienza!
Certo che il titolo...è un po' equivoco! :lol: :lol: :lol:

pertugio
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 maggio 2005, 13:41
Località: Firenze

Messaggio da pertugio » 29 luglio 2007, 21:34

shalimar ha scritto:Bravo! bellissimo racconto...ed ottima esperienza!
Certo che il titolo...è un po' equivoco! :lol: :lol: :lol:
Lo so... l'ho messo apposta per attirare l'attenzione, infatti in un paio d'ore dalla pubblicazione lo avevano gia' visto una cinquantina di persone !! hehehe :lol: :lol: :lol: :lol:

Avatar utente
aviatore73
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 489
Iscritto il: 29 giugno 2007, 18:45
Località: Rome

Complimenti

Messaggio da aviatore73 » 29 luglio 2007, 21:44

Bravo, il titolo lascia a desiderare, :lol:
ma la narrazione dell'esperienza sicuramente NO
Complimenti
Ciao
Ugo
Allegati
Senza nome.jpg
La mente è come un paracadute, funziona sole se si apre[font=Times New Roman][/font]

Avatar utente
Cassandra
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 428
Iscritto il: 6 luglio 2007, 17:08

Messaggio da Cassandra » 29 luglio 2007, 21:51

pertugio ha scritto:
shalimar ha scritto:Bravo! bellissimo racconto...ed ottima esperienza!
Certo che il titolo...è un po' equivoco! :lol: :lol: :lol:
Lo so... l'ho messo apposta per attirare l'attenzione, infatti in un paio d'ore dalla pubblicazione lo avevano gia' visto una cinquantina di persone !! hehehe :lol: :lol: :lol: :lol:
:lol: :lol: ...della serie: il fine giustifica...ehm..."i titoli" :lol:

Ospite

Messaggio da Ospite » 29 luglio 2007, 23:20

complimenti per la descrizione, sembra quasi di vivere realmente la tua giornata. Non avevo dubbi sulla professionalità dello staff, sono molto gentili e preparati sul forum figuriamoci nella realtà...

Avatar utente
wing05
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1171
Iscritto il: 2 ottobre 2005, 18:50
Località: LIDT

Messaggio da wing05 » 29 luglio 2007, 23:51

bel racconto, la dovizia di particolari con la quale hai descritto la due giorni, sono sicuro farà accrescere le schiere di ex paurosi
I-SMTN. Mauro

Immagine
Cerca sempre di mantenere uguale il numero degli atterraggi che fai, rispetto ai decolli

Avatar utente
Quattro Voli In Croce
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 32
Iscritto il: 29 luglio 2007, 10:56

corso eh..

Messaggio da Quattro Voli In Croce » 30 luglio 2007, 1:55

beato te, che hai potuto fare un corso anti-paura.. io purtroppo non ho avuto la stessa fortuna, infatti mi son ritrovato, cosi da un giorno all'altro, a fare il mio primo volo nella totale freddezza (vedi lavoro) e solo con le mie paure.

era l'ottobre del 2006 ed ero partito da forlì diretto a catania con un airbus A320 della windjet.

premesso che ho paura dell'altezza, o meglio di trovarmi sul baratro di uno strapiombo, al decollo ero cosi preoccupato che si era preoccupata pure la hostes eheh!

però, diciamoci la verità, è ora che rifacciano l'asfalto lassù!?! è!



scusate, sono nuovo e non mi ero presentato... sono Simone e sono di Rimini.

Avatar utente
Fele
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 40
Iscritto il: 12 giugno 2007, 9:47
Località: inzago

Messaggio da Fele » 30 luglio 2007, 9:54

grande pertugio,bellisissimo racconto...mi è sembrato di rivivere quei momenti...complimenti...appena posso tì mando le foto.........buone vacanze e buon volo....andrà tutto bene...ciaooooo!!
[font=Arial][font=Comic Sans MS][font=Comic Sans MS]Fele...[/font]rafaelo80@msn.com

habla
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 11
Iscritto il: 25 luglio 2007, 11:17
Località: Bari

Messaggio da habla » 30 luglio 2007, 14:10

Complimeni pertugio,racconto curato, hai utilizzato una sintassi forbita, nonostante titolo inquietante un pò come il tuo nick :)
quando la tua sveglia suona e tu ti chiederai che or'è
che la vita è sempre forte molto più che facile
quando sposti appena il piede lì il tuo tempo crescerà

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: La prima volta con Luca Evangelisti.

Messaggio da aeb » 31 luglio 2007, 21:15

pertugio ha scritto:Salve,
Come preannunciato, intendo condividere con tutti gli utenti del forum, soprattutto quelli che hanno paura, qualcosa delle mie sensazioni al corso
"voglia di volare" Alitalia, da me frequentato lo scorso 21-22 luglio a Roma.

(.....)

CONSIDERAZIONI:

Questo corso è un concentrato di emozioni, un viaggio all'interno di noi stessi e all'interno del mondo dell'aeronautica civile.
I professionisti con i quali abbiamo avuto più contatto, Luca e Ilaria, riescono a stabilire il necessario rapporto umano con i corsisti.
L'impressione più positiva che ho avuto vedendo un po' Alitalia dietro le quinte - che normalmente il passeggero non vede - è la passione di chi lavora su un aereo e dintorni.
I comandanti, l'ingegnere di manutenzione, Luca, Ilaria.... Tutta gente che - si percepice chiaramente - fa il suo lavoro non per caso ma per passione.
Perché la professionalità si può imparare e studiare, la passione no. E quando si lavora con passione la qualità del lavoro non può che risentirne positivamente.

Cosa aspettarsi dal corso?... miracoli?... no, certo. Ma una grossa mano. Per me è stata la prima volta che sono riuscito a volare senza aiuti farmacologici, con i quali, tra l'altro, si corre il rischio di entrare in dipendenza psicologica.
Sarà servito?... risultati sul lungo termine?... vediamo... tra 15 gg vado con la Easyjet da Pisa a Berlino. 8)

Mitico! :D :D :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 31 luglio 2007, 21:17

marcoferrario ha scritto: Luca e Ilaria sono anche un esempio di come si dovrebbe lavorare in Alitalia, con passione, entusiasmo ed orgoglio, alla faccia dei parassiti che cercano di rovinare il nome di questa grande azienda. Chi auspica il fallimento di AZ (perchè sono arrivato a leggere anche questo!) dovrebbe conoscere quanti AAVV, piloti, istruttoti, tecnici, ecc lavorano ogni giorno con entusiasmo e firi di portare avanti il tricolore italiano.
Straquotabile e straquotato....
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Messaggio da Slowly » 31 luglio 2007, 21:21

Sottoscrivo!
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

Avatar utente
Ely
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 3
Iscritto il: 3 agosto 2007, 19:55
Località: Sasso Marconi Bologna

c'ero anch'io il 21 22 luglio a roma

Messaggio da Ely » 7 agosto 2007, 0:47

:) è stata un esperienza unica.... hai descritto tutto cosi' bene complimenti davvero!



salutoni Elisa da sasso marconi Bologna

Avatar utente
Galaxy
FL 400
FL 400
Messaggi: 4448
Iscritto il: 9 maggio 2005, 21:38
Località: Torino

Messaggio da Galaxy » 7 agosto 2007, 1:37

Complimenti e ancora grazie allo staff Alitalia che mette a disposizione la sua professionalità e rende possibili attività del genere!

Simpatica anche la hostess del volo di rientro, che assicura ai passeggeri quel piccolo gesto che infonde loro grande fiducia nel mezzo e nel volo!!


Ciao
Federico
Federico
Immagine
Immagine

pertugio
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 maggio 2005, 13:41
Località: Firenze

Re: c'ero anch'io il 21 22 luglio a roma

Messaggio da pertugio » 7 agosto 2007, 11:01

Ely ha scritto::) è stata un esperienza unica.... hai descritto tutto cosi' bene complimenti davvero!



salutoni Elisa da sasso marconi Bologna
Io devo volare di nuovo tra pochissimi giorni... cerco di non pensare... vediamo se ha funzionato, hehehe

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Messaggio da Fearless flyer » 13 agosto 2007, 13:33

Devo dire che quando ho visto il titolo del thread m'è preso un colpo :shock: :lol: :lol:
Bellissimo racconto, grazie dei complimenti :oops:

Luca
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Messaggio da Slowly » 13 agosto 2007, 13:34

:lol:
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

elucchia
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 67
Iscritto il: 18 marzo 2007, 22:15

Messaggio da elucchia » 13 agosto 2007, 16:03

Bellissimo racconto.
Sono felice per la tua esperienza, mi è utile sapere che non sono l'unica a volare con un pò di paura...ma realizzo sempre di più che stare su un aereo non è come andare al patibolo, anzi è un'esperienza unica e un mix di emozioni positive...
ciao
ema

Avatar utente
pauster
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 75
Iscritto il: 8 aprile 2006, 23:56
Località: Roma

Messaggio da pauster » 13 agosto 2007, 17:14

Complimenti Pertugio!
Ho fatto il corso a Settembre dell'anno scorso e accidenti! ...mi hai fatto rivivere esattamente le sensazioni di quei due giorni mitici. :happy3:
Ciao e un saluto a tutti (Luca in primis)
Gianlorenzo

steffy
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 25
Iscritto il: 14 marzo 2007, 11:21

Messaggio da steffy » 24 agosto 2007, 15:56

ciao a tutti e ciao pertugio,

anche a me hai fatto rivivere bellissimi ricordi! anche io ho fatto il corso (aprile di quest'anno e a maggio solo i voli). Lo rifarei anche subito. Ho volato altre 4 volte, con sempre maggiore tranquillità. Ora attendo l'occasione di volare da sola per la prima volta!

complimenti e un saluto a Luca

Avatar utente
Dany
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 23
Iscritto il: 22 agosto 2007, 19:06

Messaggio da Dany » 24 agosto 2007, 18:00

Ciao Pertugio!
Avrei voluto leggere prima il tuo racconto...
Hai fatto vivere a tutti noi la tua esperienza
Ciao
Dany

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Messaggio da Fearless flyer » 26 agosto 2007, 0:12

nelsonwilbury ha scritto:
Fearless flyer ha scritto:Devo dire che quando ho visto il titolo del thread m'è preso un colpo :shock: :lol: :lol:
Bellissimo racconto, grazie dei complimenti :oops:

Luca
Sì, infatti, anche a me: non l'avevo ancora visto, ma "La prima volta con Luca Evangelisti" e per giunta firmata da tale... Pertugio..! Non si può sentire! :lol:
Sembra un pornazzo! :lol:
Nelson ti prego.... :roll: :lol: :lol:

Luca
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

MiamiVice

Messaggio da MiamiVice » 27 agosto 2007, 10:15

Si parla di Paura di Volare, per il resto esiste un ottima sezione 4 chiacchiere. Pssso e chiudo.

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Messaggio da Fearless flyer » 27 agosto 2007, 10:16

Mi sembra che tutto quello che c'era da dire in questo thread è stato detto.
Cancello gli interventi OFF TOPIC e chiudo il thread.
Ricordo che questa sezione del forum ha l'obiettivo di dare una mano a chi ha paura di volare. Esistono altre sezioni per esigenze di tipo diverso.
Invito tutti alla collaborazione.

Grazie

Luca
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Bloccato