io e la mia sindrome di Ritchie Valens

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 26 agosto 2011, 14:58

Ciao ragazzi è un po' che vi leggo e vi faccio i complimenti per il forum; mi presento qui in quanto non mi pare ci siano sezioni specifiche... se mi sbaglio chiedo venia.
Arrivo al sodo: ho 33 anni, sposato, 2 bimbe bellissime e fino al 18 agosto scorso non avevo mai preso l'aereo per la paura folle di morire tragicamente :wink:
Poi mia moglie ha deciso di farmi come regalo di compleanno un viaggio Venezia Roma.. andata la mattina ritorno la sera... al momento non poteva esserci regalo peggiore per me!!!l'ho odiata profondamente!!!
Più il giorno si avvicinava più lo sbattimento aumentava ( pensiero fisso.. occhi fissi al cielo e verifica giornaliera dei siti di fiumicino e marcopolo per il controllo delle tratte che avrei preso.. orecchie fisse al telegiornale..)
La notte prima dormito nulla (ovviamente) e al momento di salire a bordo ore 07.55 con le gambe che mi facevano Aldo Giovanni e ... Giacomo, guardo mia moglie e le dico:"mi sa che non ce la faccio proprio"
Invece sono salito e ho trovato l'ambiente (un MD82 di Alitalia) "angosciatamente"confortevole e ho pensato:"va bene se devo lasciarci le penne tutto sommato si sta comodi"; il viaggio è durato 45 minuti che ho passato a "levare la vita" ad una ragazza gentilissima che avrebbe preso una coincidenza a Roma per il Cairo (andava a trovare una specie di mezzo fidanzato che aveva li); il bilancio è stato oggettivamente perfetto (professionalità di Stuart e personale incontrato, nessun ritardo o problemi di barcollamenti in volo o rumori di non so che tipo... nessun problema fisico.. fischi alle orecchie stomaco che ti sale all'atterraggio ecc..) ma soggettivamente sono ancora lontano dal poter dire di essere tranquillo.
Ho passato tutto il tempo avvinghiato al poggiabraccia dell'aereo (sia andata che ritorno) leggendo voracemente articoli (i più vari) della gazzetta dello sport che mi ero portato dietro, senza capire niente di cosa stessi leggendo.
Sperando di avervi fatto sorridere mi ricollego al titolo del mio post per spiegarvi che io ho sempre pensato che la prima volta che sarei salito su un aereo questo sarebbe caduto sicuramente; purtroppo da piccolo in aereo non sono mai andato e complice qualche film di troppo, oltre al fatto che non mi fido praticamente di niente e di nessuno... bhè il mio profilo è abbastanza chiaro :shock:
Ho realizzato comunque che il momento per me peggiore è paradossalmente quello che per gli altri è il più tranquillo cioè quello in cui si è in volo dritti; questo perchè mi aspetto da un momento all'altro che si precipiti verso il basso tipo la giostra di gardaland (quindi sto fermo immobile guardando quelli che vanno in bagno o si alzano allibito e pensando." sono pazzi a muoversi? e se ci sbilanciamo???"
Il momento migliore? quando il comandante dice che ci stiamo preparando all'atterraggio; la cosa poi dura 20 minuti circa ma quando sento pronunciare quelle parole vivo sensazioni molto simili all'orgasmo..
A bocce ferme mi sono accorto di aver fatto curca 800 km in 45 minuti e questo mi ha fatto molto riflettere...
Adesso sto verificando la possibilità di andare in Sardegna in ferie il prossimo anno.. non è caduto in un oretta vuoi che cada in un'ora e mezza? e stavolta portiamo pure le bimbe per ovvi motivi... che ci sia da fidarsi??? :mrgreen:
Chi volerà vedrà...
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da **F@b!0** » 26 agosto 2011, 15:22

fp0020 ha scritto:Ciao ragazzi è un po' che vi leggo e vi faccio i complimenti per il forum; mi presento qui in quanto non mi pare ci siano sezioni specifiche... se mi sbaglio chiedo venia.
Arrivo al sodo: ho 33 anni, sposato, 2 bimbe bellissime e fino al 18 agosto scorso non avevo mai preso l'aereo per la paura folle di morire tragicamente :wink:
Poi mia moglie ha deciso di farmi come regalo di compleanno un viaggio Venezia Roma.. andata la mattina ritorno la sera... al momento non poteva esserci regalo peggiore per me!!!l'ho odiata profondamente!!!
Più il giorno si avvicinava più lo sbattimento aumentava ( pensiero fisso.. occhi fissi al cielo e verifica giornaliera dei siti di fiumicino e marcopolo per il controllo delle tratte che avrei preso.. orecchie fisse al telegiornale..)
La notte prima dormito nulla (ovviamente) e al momento di salire a bordo ore 07.55 con le gambe che mi facevano Aldo Giovanni e ... Giacomo, guardo mia moglie e le dico:"mi sa che non ce la faccio proprio"
Invece sono salito e ho trovato l'ambiente (un MD82 di Alitalia) "angosciatamente"confortevole e ho pensato:"va bene se devo lasciarci le penne tutto sommato si sta comodi"; il viaggio è durato 45 minuti che ho passato a "levare la vita" ad una ragazza gentilissima che avrebbe preso una coincidenza a Roma per il Cairo (andava a trovare una specie di mezzo fidanzato che aveva li); il bilancio è stato oggettivamente perfetto (professionalità di Stuart e personale incontrato, nessun ritardo o problemi di barcollamenti in volo o rumori di non so che tipo... nessun problema fisico.. fischi alle orecchie stomaco che ti sale all'atterraggio ecc..) ma soggettivamente sono ancora lontano dal poter dire di essere tranquillo.
Ho passato tutto il tempo avvinghiato al poggiabraccia dell'aereo (sia andata che ritorno) leggendo voracemente articoli (i più vari) della gazzetta dello sport che mi ero portato dietro, senza capire niente di cosa stessi leggendo.
Sperando di avervi fatto sorridere mi ricollego al titolo del mio post per spiegarvi che io ho sempre pensato che la prima volta che sarei salito su un aereo questo sarebbe caduto sicuramente; purtroppo da piccolo in aereo non sono mai andato e complice qualche film di troppo, oltre al fatto che non mi fido praticamente di niente e di nessuno... bhè il mio profilo è abbastanza chiaro :shock:
Ho realizzato comunque che il momento per me peggiore è paradossalmente quello che per gli altri è il più tranquillo cioè quello in cui si è in volo dritti; questo perchè mi aspetto da un momento all'altro che si precipiti verso il basso tipo la giostra di gardaland (quindi sto fermo immobile guardando quelli che vanno in bagno o si alzano allibito e pensando." sono pazzi a muoversi? e se ci sbilanciamo???"
Il momento migliore? quando il comandante dice che ci stiamo preparando all'atterraggio; la cosa poi dura 20 minuti circa ma quando sento pronunciare quelle parole vivo sensazioni molto simili all'orgasmo..
A bocce ferme mi sono accorto di aver fatto curca 800 km in 45 minuti e questo mi ha fatto molto riflettere...
Adesso sto verificando la possibilità di andare in Sardegna in ferie il prossimo anno.. non è caduto in un oretta vuoi che cada in un'ora e mezza? e stavolta portiamo pure le bimbe per ovvi motivi... che ci sia da fidarsi??? :mrgreen:
Chi volerà vedrà...
benvenuto a bordo!
riguardo ritchie valens l'incidente non è avvenuto in crociera, il pilota inesperto (a differenza di tutti i piloti con cui ti capiterà di volare se continuerai a viaggiare) è decollato in mezzo alla nebbia, poco dopo il decollo, senza guardare la strumentazione (cosa che i piloti fanno in continuazione) pensava di avere ancora il muso puntato in alto, invece l'aereo stava scendendo ed infatti ha urtato il terreno provocando la morte di tutti gli occupanti!
riguardo la possibilità del viaggio in Sardegna, molto probabilmente viaggerete a bordo di un MD82 molto simile a quello che hai preso per arrivare a Roma, aereo sicurissimo nonostante dicono sia vecchio, un aereo può essere vecchio come modello, ma è sicuro come se fosse appena uscito dalla fabbrica, o è così o non decolla!
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 608
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da spaceodissey » 27 agosto 2011, 16:43

fp0020 ha scritto:questo perchè mi aspetto da un momento all'altro che si precipiti verso il basso tipo la giostra di gardaland (quindi sto fermo immobile guardando quelli che vanno in bagno o si alzano allibito e pensando." sono pazzi a muoversi? e se ci sbilanciamo???"
L'ipotesi di precipitare verso il basso tipo Gardaland si verificherebbe solo e unicamente se si staccassero le ali. Che è fisicamente impossibile. Un po' come se ad una macchina si staccassero le ruote all'improvviso.
Siccome l'aereo non è un ferro da stiro, la peggior cosa che capita è che plani. Tieni presente che l'ipotesi è piuttosto remota.

Se la gente si muove non si sbilancia. Un MD80 pesa attorno alle 60 tonnellate. Qualche centinaio di kg che si muovono al suo interno gli fanno il solletico.
fp0020 ha scritto: che ci sia da fidarsi???
Sì. Se non le impaurisci tu le bimbe si divertiranno un mondo, probabilmente.
I voli del fifone:
Uno
Due
Tre
Quattro

Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 31 agosto 2011, 17:17

spaceodissey ha scritto:
fp0020 ha scritto:questo perchè mi aspetto da un momento all'altro che si precipiti verso il basso tipo la giostra di gardaland (quindi sto fermo immobile guardando quelli che vanno in bagno o si alzano allibito e pensando." sono pazzi a muoversi? e se ci sbilanciamo???"
L'ipotesi di precipitare verso il basso tipo Gardaland si verificherebbe solo e unicamente se si staccassero le ali. Che è fisicamente impossibile. Un po' come se ad una macchina si staccassero le ruote all'improvviso.
Siccome l'aereo non è un ferro da stiro, la peggior cosa che capita è che plani. Tieni presente che l'ipotesi è piuttosto remota.

Se la gente si muove non si sbilancia. Un MD80 pesa attorno alle 60 tonnellate. Qualche centinaio di kg che si muovono al suo interno gli fanno il solletico.
fp0020 ha scritto: che ci sia da fidarsi???
Sì. Se non le impaurisci tu le bimbe si divertiranno un mondo, probabilmente.
Ciao e grazie per le tue rassicurazioni...
Ti dirò che razionalmente mi rendo conto che le mie preoccupazioni/ansie sono statisticamente senza motivo infatti cerco di sdrammatizzare il più possibile.
Certo che vedere questo bestione (e più lungo il viaggio e più grosso è...)che si alza a km da terra e sta in aria per così tanto tempo... mi sembra una cosa "contro natura"
Allo stesso tempo mi sono reso conto che ho fatto 800 km in 40 minuti circa di volo il che è "strabiliante"..
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Billa
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 8
Iscritto il: 22 agosto 2011, 18:12
Località: Near Lecco

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da Billa » 31 agosto 2011, 19:27

Ciao!
Anche io sono uno come te, mi da un pò di ansia quando l'aereo è a quota di crociera, da l'idea del tutto troppo tranquillo. Ho imparato a calmarmi pensando che effettivamente E' TUTTO TRANQUILLO!
Credo che sia più probabile beccarsi un fulmine (se non anche due) che cadere con l'aereo!!
Canada and Finland ♥

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 31 agosto 2011, 19:33

Se tu avessi avuto la sindrome di John Denver ti avrei anche potuto aiutare.... :D
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
lif
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 530
Iscritto il: 29 marzo 2011, 19:23

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da lif » 31 agosto 2011, 19:37

fp0020 ha scritto:Certo che vedere questo bestione (e più lungo il viaggio e più grosso è...)che si alza a km da terra e sta in aria per così tanto tempo... mi sembra una cosa "contro natura"
E invece non è contro natura. Le leggi fisiche per cui l'aereo sta su sono assolutamente naturali, e sono le stesse che stanno alla base del classico esempio della mano fuori dal finestrino della macchina... l'uomo le ha solo teorizzate e applicate in contesti diversi, ma fondamentalmente sono più che naturali!! :wink:
Olivia

Avatar utente
m.forna
FL 450
FL 450
Messaggi: 4608
Iscritto il: 6 luglio 2010, 1:07

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da m.forna » 1 settembre 2011, 1:17

lif ha scritto:
fp0020 ha scritto:Certo che vedere questo bestione (e più lungo il viaggio e più grosso è...)che si alza a km da terra e sta in aria per così tanto tempo... mi sembra una cosa "contro natura"
E invece non è contro natura. Le leggi fisiche per cui l'aereo sta su sono assolutamente naturali, e sono le stesse che stanno alla base del classico esempio della mano fuori dal finestrino della macchina... l'uomo le ha solo teorizzate e applicate in contesti diversi, ma fondamentalmente sono più che naturali!! :wink:
l'aereo è progettato e costruito per stare in aria.
il cielo è il suo habitat ideale, lui lì sta molto meglio che a terra. per l'aereo, volare, è la cosa più naturale che ci sia :D
Marco

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 1 settembre 2011, 8:43

Purtroppo i miei interrogativi nascono dal fatto che sono del tutto profano dell'ambiente (sommato alla mia diffidenza cronica..) :shock:
Volevo chiedere a qualcuno di voi che sicuramente magari lavora nel settore se ha mai sentito parlare di una tizia tale..Nadia Francalacci nella quale mi sono imbattuto cercando su Google "Paura di volare"....
Ho letto due passaggi della sua intervista dove parla del suo libro e a quel che ho capito butta un po di "letame bovino" su quello che è il discorso manutenzione degli aerei, controlli, pezzi di ricambio... andando a giustificare quindi i prezzi sempre più bassi dei biglietti.. dice cavolate o qualcosa ci azzecca?
Ho avuto la brillante idea di incappare in questa lettura il giorno prima di partire... vi lascio immaginare lo sbattimento... :lol:
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
m.forna
FL 450
FL 450
Messaggi: 4608
Iscritto il: 6 luglio 2010, 1:07

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da m.forna » 1 settembre 2011, 9:12

fp0020 ha scritto:Purtroppo i miei interrogativi nascono dal fatto che sono del tutto profano dell'ambiente (sommato alla mia diffidenza cronica..) :shock:
Volevo chiedere a qualcuno di voi che sicuramente magari lavora nel settore se ha mai sentito parlare di una tizia tale..Nadia Francalacci nella quale mi sono imbattuto cercando su Google "Paura di volare"....
Ho letto due passaggi della sua intervista dove parla del suo libro e a quel che ho capito butta un po di "letame bovino" su quello che è il discorso manutenzione degli aerei, controlli, pezzi di ricambio... andando a giustificare quindi i prezzi sempre più bassi dei biglietti.. dice cavolate o qualcosa ci azzecca?
Ho avuto la brillante idea di incappare in questa lettura il giorno prima di partire... vi lascio immaginare lo sbattimento... :lol:
si aggancia a fatti vecchissimi che a suo tempo sono stati veri, ma ora sono ben risolti se vuoi saperlo! :wink:
Marco

Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 608
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da spaceodissey » 1 settembre 2011, 9:38

fp0020 ha scritto:Volevo chiedere a qualcuno di voi che sicuramente magari lavora nel settore se ha mai sentito parlare di una tizia tale..Nadia Francalacci nella quale mi sono imbattuto cercando su Google "Paura di volare"....
Ho letto due passaggi della sua intervista dove parla del suo libro e a quel che ho capito butta un po di "letame bovino" su quello che è il discorso manutenzione degli aerei, controlli, pezzi di ricambio... andando a giustificare quindi i prezzi sempre più bassi dei biglietti.. dice cavolate o qualcosa ci azzecca?
Ho avuto la brillante idea di incappare in questa lettura il giorno prima di partire... vi lascio immaginare lo sbattimento... :lol:
Mah, guarda, non lavoro nel trasporto aereo e ho letto qualcosa su Google di questa tizia.
Sicuramente, come ovunque, anche nel trasporto aereo qualche "magagna" c'è.
Però mi faccio una domanda molto semplice. Una compagnia come ryanair possiede 268 aerei. Diciamo che ogni giorno ne utilizza 260, ognuno dei quali fa in media 4 voli. Significa che Ryanair effettua ogni giorno 1.040 voli. In un anno: 379.600 voli. Da quando ha assunto l'assetto low-cost (1991, 20 anni fa) Ryanair non ha mai avuto un incidente mortale. Faccio l'esempio di Ryanair anche perchè i suoi dipendenti protestano che vengono appunto "sfruttati".

Easyjet ha 180 aerei (quasi 263 mila voli all'anno), lufthansa 288 aerei, BA 233, American Airlines addirittura 619 di cui 247 MD80 (aerei non proprio nuovissimi).

L'ultimo incidente di una compagnia europea con perdita di aereo e di persone che io ricordo è quello del Concorde (11 anni fa). Se fosse vero che le manutenzioni venissero fatte in modo non corretto o addirittura saltate pensi che gli incidenti sarebbero così pochi? Stiamo parlando di milioni di voli ogni anno, spesso con aerei non recentissimi (vedi l'esempio che ti facevo di AA). Stessa cosa dicasi dei piloti senza brevetto. Dubito fortissimamente che uno che ha passato anche decine e decine di ore al simulatore possa atterrare senza problemi su una pista bagnata a pieno carico, per dire.

Inoltre, prova a pensare cosa succederebbe se domani Ryanair o un'altra grande compagnia avesse un incidente grave: prenotazioni a picco, e possibile fallimento della compagnia. A chi converrebbe?
I voli del fifone:
Uno
Due
Tre
Quattro

Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 608
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da spaceodissey » 1 settembre 2011, 9:53

fp0020 ha scritto:Certo che vedere questo bestione (e più lungo il viaggio e più grosso è...)che si alza a km da terra e sta in aria per così tanto tempo... mi sembra una cosa "contro natura"
Beh, la Costa Favolosa (nave ammiraglia della Costa Crociere) ha una stazza di 114.500 tonnellate. E' costruita in metallo. Prova a mettere un pezzo di metallo (tipo una moneta) in acqua. Cosa fa? Affonda. Eppure la nave non affonda, nonostante pesi un filo di più. Apparentemente anche questo è "contro natura".

Ti metteresti a giocare col fuoco vicino ad una tanica di benzina? No, perchè c'è il rischio che scoppi. Eppure ogni giorno milioni di persone utilizzano l'automobile. Apparentemente "contro natura".

Iniettarsi dei funghi in un muscolo è decisamente "contro natura", eppure la penicillina ha salvato la vita a qualche milionata di persone.

Continuo? :D
I voli del fifone:
Uno
Due
Tre
Quattro

Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 1 settembre 2011, 15:28

spaceodissey ha scritto:
fp0020 ha scritto:Certo che vedere questo bestione (e più lungo il viaggio e più grosso è...)che si alza a km da terra e sta in aria per così tanto tempo... mi sembra una cosa "contro natura"
Beh, la Costa Favolosa (nave ammiraglia della Costa Crociere) ha una stazza di 114.500 tonnellate. E' costruita in metallo. Prova a mettere un pezzo di metallo (tipo una moneta) in acqua. Cosa fa? Affonda. Eppure la nave non affonda, nonostante pesi un filo di più. Apparentemente anche questo è "contro natura".

Ti metteresti a giocare col fuoco vicino ad una tanica di benzina? No, perchè c'è il rischio che scoppi. Eppure ogni giorno milioni di persone utilizzano l'automobile. Apparentemente "contro natura".

Iniettarsi dei funghi in un muscolo è decisamente "contro natura", eppure la penicillina ha salvato la vita a qualche milionata di persone.

Continuo? :D

Sono d'accordo con te praticamente in tutto, è che non avendo mai avuto nessuna esperienza fino al 18 agosto scorso, credo che un minimo le mie paure, possano essere comprensibili.
Ti dico oltretutto che il mio desiderio sarebbe quello di andare in America per vedere le persone i modi di vivere loro le città tipo Los Angeles New York .... pensa che oltretutto mia moglie ha dei parenti parecchio facoltosi in Brasile...uno era tipo membro dell'ONU e capo della polizia del Paranà.. adesso è in pensione e vive 6 mesi in Brasile e 6 a Londra portandosi dietro una dozzina di persone (tutta la famiglia) per cui ci farebbero pagare solo il biglietto di andata e poi ci ospiterebbero tutti e di tutto punto..
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 608
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da spaceodissey » 1 settembre 2011, 16:38

fp0020 ha scritto:Sono d'accordo con te praticamente in tutto, è che non avendo mai avuto nessuna esperienza fino al 18 agosto scorso, credo che un minimo le mie paure, possano essere comprensibili.
Sì, sono ovviamente comprensibili in parte. Ma, come vedi, sono anche facilmente "smotabili". In fondo tu hai paura perchè è un'esperienza che non hai mai vissuto, ma se ti fermi un attimo a riflettere vedrai che ti renderai immediatamente conto che l'aereo è in realtà sicurissimo e non hai assolutamente nulla da temere.
Ogni centimetro dell'aereo è studiato, ogni procedura è studiata e tutto è progettato per farti volare in assoluta e completa sicurezza.
fp0020 ha scritto:Ti dico oltretutto che il mio desiderio sarebbe quello di andare in America per vedere le persone i modi di vivere loro le città tipo Los Angeles New York .... pensa che oltretutto mia moglie ha dei parenti parecchio facoltosi in Brasile...uno era tipo membro dell'ONU e capo della polizia del Paranà.. adesso è in pensione e vive 6 mesi in Brasile e 6 a Londra portandosi dietro una dozzina di persone (tutta la famiglia) per cui ci farebbero pagare solo il biglietto di andata e poi ci ospiterebbero tutti e di tutto punto..
L'aereo è un mezzo rischiosissimo. Praticamente vai incontro a morte certa. Oltreutto quella per il Brasile è una delle rotte più pericolose in assoluto. Tutti i giorni ci sono almeno tre/quattro aerei che si inabissano, le compagnie ci mettono i piloti più giovani ed inesperti... Fossi in te, io starei a casa.
Fai una cosa, telefona a questo signore e digli che io sono un tuo carissimo amico. Oltretutto anch'io ho moglie e due figlie, per cui non si accorge nemmeno della differenza :D :D :D :D
I voli del fifone:
Uno
Due
Tre
Quattro

Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 1 settembre 2011, 18:04


L'aereo è un mezzo rischiosissimo. Praticamente vai incontro a morte certa. Oltreutto quella per il Brasile è una delle rotte più pericolose in assoluto. Tutti i giorni ci sono almeno tre/quattro aerei che si inabissano, le compagnie ci mettono i piloti più giovani ed inesperti... Fossi in te, io starei a casa.
Fai una cosa, telefona a questo signore e digli che io sono un tuo carissimo amico. Oltretutto anch'io ho moglie e due figlie, per cui non si accorge nemmeno della differenza :D :D :D :D

pensa come sono messo...
finchè non ho visto le faccette che ridevano alla fine ti avevo creduto fino all'ultima parola...
in questo periodo tra l'altro dovrei vederlo perchè è dalle nostre parti il tipo che ti dicevo.... magari gliela butto li...
tu da dove partiresti? :mrgreen:
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 1 settembre 2011, 19:20

fp0020 ha scritto:Purtroppo i miei interrogativi nascono dal fatto che sono del tutto profano dell'ambiente (sommato alla mia diffidenza cronica..) :shock:
Volevo chiedere a qualcuno di voi che sicuramente magari lavora nel settore se ha mai sentito parlare di una tizia tale..Nadia Francalacci nella quale mi sono imbattuto cercando su Google "Paura di volare"....
Ho letto due passaggi della sua intervista dove parla del suo libro e a quel che ho capito butta un po di "letame bovino" su quello che è il discorso manutenzione degli aerei, controlli, pezzi di ricambio... andando a giustificare quindi i prezzi sempre più bassi dei biglietti.. dice cavolate o qualcosa ci azzecca?
Ho avuto la brillante idea di incappare in questa lettura il giorno prima di partire... vi lascio immaginare lo sbattimento... :lol:

C'è un apposito 3d su questo forum dedicato a questo libro, credo in discussioni generiche
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 608
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da spaceodissey » 1 settembre 2011, 21:46

fp0020 ha scritto:pensa come sono messo...
finchè non ho visto le faccette che ridevano alla fine ti avevo creduto fino all'ultima parola...
in questo periodo tra l'altro dovrei vederlo perchè è dalle nostre parti il tipo che ti dicevo.... magari gliela butto li...
tu da dove partiresti? :mrgreen:
Se mi ospita con famiglia in Brasile per un paio di settimane parto da dove vuole lui. :lol:
I voli del fifone:
Uno
Due
Tre
Quattro

Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 2 settembre 2011, 10:06

sardinian aviator ha scritto:Se tu avessi avuto la sindrome di John Denver ti avrei anche potuto aiutare.... :D

Mi duole riconoscere che nessuno ha colto il nesso :?

eppure i congiuntivi e i condizionali erano al posto giusto...sigh
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 2 settembre 2011, 11:36

sardinian aviator ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Se tu avessi avuto la sindrome di John Denver ti avrei anche potuto aiutare.... :D

Mi duole riconoscere che nessuno ha colto il nesso :?

eppure i congiuntivi e i condizionali erano al posto giusto...sigh

ciao!!! :D
ti dirò ho buttato un occhio fugace la volta in cui hai scritto e su wikipedia ho letto di questo Denver che era appassionato di volo e alla fine si è schiantato mi pare...
però il nesso sinceramente mi sfugge... :mrgreen:
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 6 settembre 2011, 20:18

fp0020 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Se tu avessi avuto la sindrome di John Denver ti avrei anche potuto aiutare.... :D

Mi duole riconoscere che nessuno ha colto il nesso :?

eppure i congiuntivi e i condizionali erano al posto giusto...sigh

ciao!!! :D
ti dirò ho buttato un occhio fugace la volta in cui hai scritto e su wikipedia ho letto di questo Denver che era appassionato di volo e alla fine si è schiantato mi pare...
però il nesso sinceramente mi sfugge... :mrgreen:
Beh, pare che l'aerei di JD abbia avuto un impatto con volatili ed avendo trattato in molti post questo argomento, ancorchè occupandone professionalmente.....

(ma non faccio più citazioni)
:(
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 7 settembre 2011, 15:40

sardinian aviator ha scritto:
fp0020 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Se tu avessi avuto la sindrome di John Denver ti avrei anche potuto aiutare.... :D

Mi duole riconoscere che nessuno ha colto il nesso :?

eppure i congiuntivi e i condizionali erano al posto giusto...sigh

ciao!!! :D
ti dirò ho buttato un occhio fugace la volta in cui hai scritto e su wikipedia ho letto di questo Denver che era appassionato di volo e alla fine si è schiantato mi pare...
però il nesso sinceramente mi sfugge... :mrgreen:
Beh, pare che l'aerei di JD abbia avuto un impatto con volatili ed avendo trattato in molti post questo argomento, ancorchè occupandone professionalmente.....

(ma non faccio più citazioni)
:(
cazzarola una preoccupazione in più :shock:
scusa ma se beccano degli uccelli nei motori se ne accorgono subito o no?
adesso vado a vedermi gli altri post.... :o
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 8 settembre 2011, 15:46

Ma no, si tratta di uno dei tanti eventi che possono succedere (in fondo gli uccelli volavano prima degli uomini ed il cielo è casa loro) ma che raramente hanno effetti sui voli. E poi non mi pare proprio questa la sezione dove discutere di bird strike.
Anzi chiedo scusa per la citazione, era solo una battuta. Ma se vuoi approfondire andiamo almeno in generiche.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 6 dicembre 2011, 12:27

Ciao Ragazzi,
è un po che vi leggo solamente e ora scrivo.. di nuovo :lol:
Ammortizzata la prima esperienza aerea sto organizzando per la prossima estate; trovata la location a Budoni (Sardegna), baypassato il problema auto per girare li (affitto per 10 gg), mi manca solamente il volo Venezia-Olbia.
Ah questa volta si vola tutta la famiglia assieme... io moglie e figlie di 1 e 6 anni ad agosto 2012.
Volevo chiedere alcune info a voi "navigati" :shock: del volo: il passeggino in aereo (modello leggero) lo posso portare a mano? i biglietti quanto prima conviene acquistarli per spiccare un buon prezzo?
Grazie mille in anticipo per tutti coloro che mi risponderanno
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da **F@b!0** » 6 dicembre 2011, 13:23

fp0020 ha scritto:Ciao Ragazzi,
è un po che vi leggo solamente e ora scrivo.. di nuovo :lol:
Ammortizzata la prima esperienza aerea sto organizzando per la prossima estate; trovata la location a Budoni (Sardegna), baypassato il problema auto per girare li (affitto per 10 gg), mi manca solamente il volo Venezia-Olbia.
Ah questa volta si vola tutta la famiglia assieme... io moglie e figlie di 1 e 6 anni ad agosto 2012.
Volevo chiedere alcune info a voi "navigati" :shock: del volo: il passeggino in aereo (modello leggero) lo posso portare a mano? i biglietti quanto prima conviene acquistarli per spiccare un buon prezzo?
Grazie mille in anticipo per tutti coloro che mi risponderanno
bella location! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
fidati, il problema girare in auto non l'hai bypassato, hai l'auto, ma ti assicuro che le strade qui sono peggio di Kabul dopo un raid aereo! :lol: :lol: :lol:
per il VCE-OLB, che compagnia pensi di usare? MeridianaFly o Alitalia?
per Meridiana posso dirti con certezza che il passeggino deve essere imbarcato, te lo ritirano sottobordo e te lo dovrebbero riconsegnare appena scendi dall'aereo! (tutto gratuitamente)
ti do altre informazioni che potrebbero servirti, per quanto riguarda il cibo in volo, latte e omogeneizzati sono permessi a bordo, omogeneizzati (sigillati) e latte non devono comunque superare il litro!
potrebbero richiedere al genitore di assaggiare il latte!!!
le info precedenti valgono per Meridiana, per Alitalia non saprei!
per quanto riguarda i biglietti, prima prenoti meglio è!
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 6 dicembre 2011, 14:43

grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4678
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da sardinian aviator » 6 dicembre 2011, 15:31

fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;

Ma siamo sempre su "Paura di Volare" o è il sito dell'Azienda di Turismo della Gallura? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Ma vienitene sulla costa Ovest!
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 6 dicembre 2011, 16:19

sardinian aviator ha scritto:
fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;

Ma siamo sempre su "Paura di Volare" o è il sito dell'Azienda di Turismo della Gallura? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Ma vienitene sulla costa Ovest!


fa sempre parte della terapia...
punto 3) parlare d'altro... :D
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
Samanta31
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 93
Iscritto il: 3 dicembre 2011, 23:41

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da Samanta31 » 8 dicembre 2011, 15:37

fp0020 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:
fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;

Ma siamo sempre su "Paura di Volare" o è il sito dell'Azienda di Turismo della Gallura? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Ma vienitene sulla costa Ovest!

fa sempre parte della terapia...
punto 3) parlare d'altro... :D
Il vantaggio di essere fifoni e non prendere gli aerei puù essere anche quello di informarsi su mete vicine e raggiungibili in altro modo. Circa la Sardegna ho dunque letto di Cala Granu. Dicono che sia bellissima :D

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da **F@b!0** » 8 dicembre 2011, 19:22

fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;
si, sempre gli 82!!!!
sisi, abito in Sardegna, guarda, dipende quanto puoi muoverti, ci sono dei giri turistici che partono a circa una ventina di km da Budoni che fanno un minitour nel golfo di Orosei in battello che durano circa una giornata, lo stesso tipo di minitour si può fare anche all'arcipelago de La Maddalena e partono da Cannigione, oppure andare a Tavolara!
se vuoi mete raggiungibili in auto, posso consigliarti la pineta di Budoni, quella di Posada, la Cinta a San Teodoro, Berchida (una spiaggia raggiungibile dopo circa 2 km di strada bianca in comune di Siniscola)
io sono qui, se ti serve altro chiedi!
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 9 dicembre 2011, 10:13

**F@b!0** ha scritto:
fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;
si, sempre gli 82!!!!
sisi, abito in Sardegna, guarda, dipende quanto puoi muoverti, ci sono dei giri turistici che partono a circa una ventina di km da Budoni che fanno un minitour nel golfo di Orosei in battello che durano circa una giornata, lo stesso tipo di minitour si può fare anche all'arcipelago de La Maddalena e partono da Cannigione, oppure andare a Tavolara!
se vuoi mete raggiungibili in auto, posso consigliarti la pineta di Budoni, quella di Posada, la Cinta a San Teodoro, Berchida (una spiaggia raggiungibile dopo circa 2 km di strada bianca in comune di Siniscola)
io sono qui, se ti serve altro chiedi!
grazie Fabio sei stato davvero gentile;
guarda io sto prenotando al residence la playa che dista 100 mt dalla spiaggia di Budoni; noleggierò un'auto (devo solo capire con che agenzia prenotarla... quella che costa meno :mrgreen: ).. poi l'intenzione sarebbe quella di vedere qualche spiaggia li intorno visto che mi hanno detto essere molto belle.. poi vorrei andare ad Asuni magari una giornata a conoscere i parenti di mio nonno che da piccolo abitava li..
sono davvero curioso e emozionato all'idea di vedere e far vedere alle mie bimbe la Sardegna...
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da **F@b!0** » 9 dicembre 2011, 11:21

fp0020 ha scritto:
**F@b!0** ha scritto:
fp0020 ha scritto:grazie mille Fabio
io stavo dando un occhio ad alitalia (usata in passato tutte le volte che ho volato....una solo :lol: ) ma adesso darò un occhio anche a Meridianafly; per il magiare.. omogeneizzati latte o altro credo terremo duro fino all'arrivo visto che in un'oretta dovremmo essere li..
Meridianafly che mezzi usa? sempre md80/82?
Tu abiti in Sardegna? se si.. sai darmi qualche dritta sulle spiagge migliori da visitare li in zona? ho consultato molti siti ma meglio di parlare con un abitante del luogo non credo ci possa essere;
si, sempre gli 82!!!!
sisi, abito in Sardegna, guarda, dipende quanto puoi muoverti, ci sono dei giri turistici che partono a circa una ventina di km da Budoni che fanno un minitour nel golfo di Orosei in battello che durano circa una giornata, lo stesso tipo di minitour si può fare anche all'arcipelago de La Maddalena e partono da Cannigione, oppure andare a Tavolara!
se vuoi mete raggiungibili in auto, posso consigliarti la pineta di Budoni, quella di Posada, la Cinta a San Teodoro, Berchida (una spiaggia raggiungibile dopo circa 2 km di strada bianca in comune di Siniscola)
io sono qui, se ti serve altro chiedi!
grazie Fabio sei stato davvero gentile;
guarda io sto prenotando al residence la playa che dista 100 mt dalla spiaggia di Budoni; noleggierò un'auto (devo solo capire con che agenzia prenotarla... quella che costa meno :mrgreen: ).. poi l'intenzione sarebbe quella di vedere qualche spiaggia li intorno visto che mi hanno detto essere molto belle.. poi vorrei andare ad Asuni magari una giornata a conoscere i parenti di mio nonno che da piccolo abitava li..
sono davvero curioso e emozionato all'idea di vedere e far vedere alle mie bimbe la Sardegna...
riguardo l'auto, se prenoti con MeridianaFly, ci sono delle promozioni della Europcar (puoi prenotare direttamente dal sito Meridiana)
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
nostromo
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 182
Iscritto il: 14 aprile 2010, 22:04

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da nostromo » 9 dicembre 2011, 20:22

spaceodissey ha scritto:
L'ultimo incidente di una compagnia europea con perdita di aereo e di persone che io ricordo è quello del Concorde (11 anni fa).
memoria corta.... :)

Il volo Air France 447, con un bilancio di 228 vittime, fu un disastro aereo occorso ad un volo di linea intercontinentale in servizio dall'aeroporto Galeão di Rio de Janeiro, Brasile, all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, Francia. Lunedì 1º giugno 2009 alle ore 02.14 UTC, l'aeromobile che effettuò il volo, un Airbus A330-200 della compagnia aerea Air France, registrato F-GZCP (primo volo del 25 febbraio 2005, precipitò nell'oceano Atlantico causando la morte dei 216 passeggeri e 12 membri dell'equipaggio a bordo (3 piloti). La zona dell'oceano in cui si verificò l'incidente era situata a circa metà strada tra l'Africa e l'America Meridionale.

http://it.wikipedia.org/wiki/Volo_Air_France_447

Ci sono molti modi per farsi "coraggio". Questo è uno. :wink:

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 27 dicembre 2011, 8:18

ok ieri comperato i biglietti direi con netto (agosto 2012) anticipo..
alla fine abbiamo cambiato zona della Sardegna motivo per cui atterreremo a Cagliari Elmas.. compagnia Alitalia.
Sabato pomeriggio comperato il passeggino da aereo e adesso caccia alla valigie giuste... :lol:
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Avatar utente
Samanta31
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 93
Iscritto il: 3 dicembre 2011, 23:41

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da Samanta31 » 27 dicembre 2011, 10:18

fp0020 ha scritto:ok ieri comperato i biglietti direi con netto (agosto 2012) anticipo..
alla fine abbiamo cambiato zona della Sardegna motivo per cui atterreremo a Cagliari Elmas.. compagnia Alitalia.
Sabato pomeriggio comperato il passeggino da aereo e adesso caccia alla valigie giuste... :lol:

Caspita! Ti stai proprio preparando :D Ho perso qualche post o forse non l'hai detto, ma... il tuo bimbo/a che volerà quanti mesi/anni ha?

Avatar utente
fp0020
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 320
Iscritto il: 22 agosto 2011, 17:42
Località: Vigonza (PD)

Re: io e la mia sindrome di Ritchie Valens

Messaggio da fp0020 » 27 dicembre 2011, 10:24

Samanta31 ha scritto:
fp0020 ha scritto:ok ieri comperato i biglietti direi con netto (agosto 2012) anticipo..
alla fine abbiamo cambiato zona della Sardegna motivo per cui atterreremo a Cagliari Elmas.. compagnia Alitalia.
Sabato pomeriggio comperato il passeggino da aereo e adesso caccia alla valigie giuste... :lol:

Caspita! Ti stai proprio preparando :D Ho perso qualche post o forse non l'hai detto, ma... il tuo bimbo/a che volerà quanti mesi/anni ha?

Allora la più grande ne fa 6 a febbraio mentra la più piccola ne fa uno a gennaio.. intanto ci siamo guardati un po di atterraggi e partenze della stessa tratta su youtube con la più grande... lei ha disegnato un aereo... insomma siamo preparatissimi :D
Federico

La vita è un viaggio e se viaggi vivi due volte
Just Do It

Rispondi