INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Le "case" dei nostri aerei e il punto di transito di ogni passeggero, parliamo degli aeroporti di tutto il mondo, ognuno con la sua storia, il suo fascino, le sue peculiarità

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da spiridione » 9 aprile 2014, 20:21

bulldog89 ha scritto:
@Spiridone: se quando scioperi non se ne accorge nessuno o sbagli le modalità dello sciopero (ad esempio scioperando dalle 02:00 alle 03:00) o evidentemente il tuo lavoro non influisce sulla vita degli altri.
La seconda che hai detto. Quindi sono un lavoratore di serie B. :x
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 9 aprile 2014, 21:52

spiridione ha scritto:Quotone galattico per Limosky e TheClubber.

Facile scioperare nel settore trasporti: se sciopero io non mi caga nessuno.
E, a scanso di equivoci, comunico ai nostri collezionisti di preziosi che sono un dipendente pubblico!!!!! :evil:

Ah facile. Allora siccome se lo fai tu non ti caga nessuno non è da fare? Capisco...
spiridione ha scritto:
P.s. A scanso di ulteriori equivoci, comunico a Brandon che ho 40 anni anche io, così, magari, evita ulteriori considerazioni su età, esperienze e trascorsi di chi scrive.....
Tu non avevi fatto quel tipo di commento che , nel suo caso, attribuisco facilmente all'età e all'inesperienza...e anche un po' all'incapacità di capire che per dire ad una massa di lavoratori se lavora bene o male dovrebbe avere come minimo lavorato a lungo o abbastanza a lungo, da dipendente, in un ambito per lo meno simile. Nel tuo caso, evidentemente non è l'età...ma hai detto tu stesso, con le prime due righe, il punto centrale del tuo pensiero...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 9 aprile 2014, 22:08

willy73 ha scritto: Magari ha riscontato che a MXP i bagagli vengono consegnati in tempi più lunghi rispetto ad hub europei che hanno 30 volte il traffico di MXP, magari poi nei bagagli non ha trovato qualcosa che aveva messo e quando ha educatamente protestato si è reso conto dell'efficienza nel trattare il problema. O forse ha riscontrato che quando l'aereo atterra alle 12.00 (scritta Landing che appare sul tabellone che segna come orario 12.00) lo stesso tabellone riporta come orario di atterraggio 12.18 e il primo bagaglio consegnato dopo 30 minuti dall'atterraggio (30 minuti dalle 12.18) è davvero il primo ma anche l'unico o quasi perché gli altri arrivano dopo altri 20 - 25 minuti e magari quando esce dal terminal dopo 1 ora e 15 e si rende conto che ci hanno messo più a consegnarli un trolley che ha portarlo lì in aereo e sente le statistiche di SEA sulla riconsegna bagagli si sente un po' preso per il cu*o. O magari queste cose le ho riscontrate io perché sono sfortunato e malfidente
Bene. Mi piacerebbe sapere quanto voli...parecchio fatico a quantificarlo.
Come ti hanno già detto il numero di dipendenti è abbastanza fondamentale per capire quanto una squadra di addetti ci metta a scaricare. Io li vedo lavorare tutti i giorni...e vedo come e in quanti lavorano in altre destinazioni europee. Il tempo che ci mettono ad arrivare sottobordo e come lavorano. Da queste considerazioni non mi sognerei mai di andate da loro e dire "ragazzi forza...invece di lamentarvi tiratevi su le maniche, lavorate bene SEMPRE e poi, semmai fate sciopero"...pero forse hai ragione...voi vedete il servizio finale e, per voi, non ha importanza quale sia l'anello della catena che blocca il "lavoro" o lo rallenta...la stessa analisi che fanno quelli che parlano di incidenti aerei..."è colpa dei piloti...ma come si fa a fare errori così etc.etc."...capendo a stento cosa sia un aereo e cosa ci ruoti attorno. La cosa buffa è che spesso, non so se anche voi rientrate in questa casistica, le persone che si attaccano i propri "diritti" o presunti tali nei confronti della società, criticano , come in questo caso, quello degli altri...cioè di combattere le loro battaglie, in questo caso attraverso lo sciopero, per ottenere qualcosa. La cosa meno buffa è che la critica non ruota mai intorno al motivo dello sciopero o ad una soluzione alternativa o una visione diversa del problema....ma solo a frasi generiche, abbastanza scontate e banali, con qualche insegnamento di vita "forza...prima di lamentarvi imparate a lavorare bene" oppure "sciopera chi non ha voglia di lavorare" dette da chi, lì, non ha mai lavorato....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 9 aprile 2014, 22:11

willy73 ha scritto: MXP è un disastro.
Linate come ti trovi?
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da TheClubber » 10 aprile 2014, 0:41

Ma è ovvio che nel settore dei trasporti gli scioperi fanno più rumore di un palazzo che crolla!
Ma la questione è: ci sono valide ragioni per scioperare? Allora che si faccia una settimana intera, rispettando eventuali orari di garanzia, e non un giorno!

I sindacati valgono meno di zero. Io sono metalmeccanico e quando i sindacati promuovono 4 ore di sciopero rido!!! Che senso ha?! Nessuno!! Senza contare che ormai fanno di tutto per non andare contro il padrone (che li paga, peraltro, essendo loro dipendenti).

EDIT: tanto per essere chiaro non ho detto che chi sciopera non ha voglia di lavorare, ma che spesso questi brevi scioperi (in generale) sono visti come una manna dal cielo per un po' di sano cazzeggio. Questo è quello che vedo nel MIO settore di competenza. Altrove, probabilmente è diverso. Me lo auguro...

Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3211
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da Limosky91 » 10 aprile 2014, 0:54

ho letto tutto ma sinceramente non so se riesco a tenere a mente tutti i punti ai quali rispondere

iniziamo dal punto "tu sei troppo giovane, non hai mai lavorato nel campo non puoi capire": se è vero che non posso giudicare il lavoro in rampa (e non mi pare di averlo mai fatto) è altrettanto vero che l'handling passeggeri, che alla fine è quello che più i pax vedono, lo posso giudicare eccome in quanto anch'io, seppur in ambiente e modalità diverse, ho a che fare col pubblico e lo sto anche studiando (specialmente con i turisti). Non sto a sindacare se uno sa utilizzare bene il computer per i check-in, quello lo do per scontato (a meno che non sia un trainee ovviamente) ma semplicemente il come si pone al passeggero, se si è cordiali, se non si sbruffa, se non si danno risposte scortesi e così via. Le cose che ho descritto non devono MAI capitare in un lavoro di front line anche perché si procura un danno all'azienda. A Malpensa mi è capitato non poche volte di trovarmi in situazioni così. Non importa se volo poco o tanto, basta una volta per rovinare l'immagine di un'azienda e bisogna porre la massima attenzione.

Riguardo al turismo rispondo a bulldog: sicuramente i problemi da te citati esistono, sono gravi e vanno risolti, non lo metto assolutamente in dubbio, ma gli scioperi guarda che sono un problema non trascurabile nel turismo incoming e sicuramente non danno una bella immagine della nazione. Qualche mese fa avevo un cliente molto importante che veniva in Italia da venerdì a martedì più o meno una volta al mese: la sfiga voleva che atterrasse sempre di venerdì e puntualmente quel venerdì c'era sciopero dei trasporti pubblici. Lui non ci credeva, pensava che lo pigliassi per i fondelli e che fosse una scusa come un'altra per prendere il taxi per stare più comodi e quando gli ho spiegato che invece era tutto vero la sua esclamazione è stata (più o meno eh): "ah, that's why in Italy the economic situation is worse than other countries!"
Sarà vero? Sarà falso? Penso che sia falso, i problemi economici non si possono additare solo agli scioperi ma comunque se questo è il messaggio che passano gli scioperi forse si sta sbagliando direzione. Per quanto riguarda l'importanza dell'immagine ho scritto nella pagina precedente, direi che non ho altro da aggiungere.


Per quanto riguarda l'autobus, rispondo a Brandon: mi è capitato 2 volte in compagnia di turisti e sinceramente ho perso il conto di quando ero da solo o in compagnia di altri. Da inizio anno mi è capitato 3 volte in tutto di cui una lunedì scorso (dopo 12h di lavoro, non proprio piacevole come cosa, considerando che mi sono dovuto fare una mezzorettina di camminata fino a casa) :mrgreen:

Per ultimo a Mermaid: il "ci raccontano un sacco di balle" a chi è riferito? Cioè i media che raccontano un sacco di balle a noi "non del settore" oppure altre persone che raccontano un sacco di balle a voi lavoratori coinvolti?
Il fatto che non ci sia una linea sindacale che difende i lavoratori (ma allora a che servono i sindacati?) lo trovo veramente ridicolo, senza una linea ben precisa veramente lo sciopero diventa qualcosa di inutile, solo un casino che tanto poi rientrerà per forza e tutti avanti come prima, il danno l'hanno avuto i fruitori del servizio (che non hanno potere contrattuale) mentre chi ha veramente potere contrattuale ha avuto pochi danni o comunque meno di quanto ci si possa aspettare se ci fosse stata una linea ben precisa dei sindacati.


Per ultimo veramente (e siamo a due... :mrgreen: )
io non penso di andare da dei lavoratori e dire "dovete lavorare sempre al meglio altrimenti non scioperate" però questo è il mio pensiero e tale rimane. Io, allo stato attuale delle cose, se dovessi scioperare prima mi farei un esame di coscienza chiedendomi se sono sempre stato impeccabile nel mio lavoro e purtroppo la mia risposta è no, di errori ne ho fatti, ne ho pagato le conseguenze, e IO, anche per tutto il discorso sull'immagine fatto prima, non me la sentirei di scioperare, farei il crumiro. Solo quando non ho più nulla da rimproverarmi deciderò di scioperare e spero vivamente di seguire questa linea per tutta la mia carriera lavorativa.
Se, cari Mermaid, Bulldog e Brandon (che, a parte Bulldog, sono tra l'altro persone che ho conosciuto anche fuori dal mondo di internet e anche se la vediamo in modo diverso su molti punti, non solo sugli scioperi, ma che comunque stimo) voi vi sentite a posto e ritenete lo sciopero l'unica via per risolvere la vostra situazione allora scioperate, io non sono nessuno per impedirlo. Incasserò il colpo, lancerò due o tre maledizioni come ho sempre fatto e andrò avanti come ho sempre fatto e spero di continuare, il punto di tutto ciò è che IO, come Lino, non lo farei per i motivi sopra descritti. Sarò giovane, sarò idealista, utopista forse, però per il momento è una linea che mi ha sempre portato più vantaggi che svantaggi e spero vivamente che continui così.
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
N176CM
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5247
Iscritto il: 9 settembre 2005, 13:02
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da N176CM » 10 aprile 2014, 11:21

flyingbrandon ha scritto:
willy73 ha scritto: MXP è un disastro.
Linate come ti trovi?
Ciao!
Una favola, con solo bagaglio a mano :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: oppure con parcheggio sotto la torre che tanto il tempo necessario per raggiungere il terminal è lo stesso di attesa dei bagagli :mrgreen: :mrgreen:
Si scherza eh :mrgreen: :mrgreen:
N176CM
n176cm AT md80.it

Immagine

Fabio Airbus
FL 150
FL 150
Messaggi: 1519
Iscritto il: 26 ottobre 2012, 14:36
Località: Genova

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da Fabio Airbus » 10 aprile 2014, 12:05

TheClubber ha scritto:Ma è ovvio che nel settore dei trasporti gli scioperi fanno più rumore di un palazzo che crolla!
Ma la questione è: ci sono valide ragioni per scioperare? Allora che si faccia una settimana intera, rispettando eventuali orari di garanzia, e non un giorno!
A Genova qualche tempo fà hanno fatto uno sciopero di 5gg con adesione del 101% contro una serie di possibili licenziamenti; per cinque giorno non ho visto un autobus ed era chiusa anche la metropolitana (va bè ha solo cinque fermate ma è il pensiero che conta). Se ne sono fregati altamente delle fasce protette, e del traffico, qualcuno è stato anche multato di centinaia di Euro perchè lo sciopero era selvaggio.
Non se ne è saputo più nulla. Ma non penso che i lavoratori siano stati licenziati.
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. (Arthur C. Clarke)

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 10 aprile 2014, 12:08

flyingbrandon ha scritto:
willy73 ha scritto: Magari ha riscontato che a MXP i bagagli vengono consegnati in tempi più lunghi rispetto ad hub europei che hanno 30 volte il traffico di MXP, magari poi nei bagagli non ha trovato qualcosa che aveva messo e quando ha educatamente protestato si è reso conto dell'efficienza nel trattare il problema. O forse ha riscontrato che quando l'aereo atterra alle 12.00 (scritta Landing che appare sul tabellone che segna come orario 12.00) lo stesso tabellone riporta come orario di atterraggio 12.18 e il primo bagaglio consegnato dopo 30 minuti dall'atterraggio (30 minuti dalle 12.18) è davvero il primo ma anche l'unico o quasi perché gli altri arrivano dopo altri 20 - 25 minuti e magari quando esce dal terminal dopo 1 ora e 15 e si rende conto che ci hanno messo più a consegnarli un trolley che ha portarlo lì in aereo e sente le statistiche di SEA sulla riconsegna bagagli si sente un po' preso per il cu*o. O magari queste cose le ho riscontrate io perché sono sfortunato e malfidente
Bene. Mi piacerebbe sapere quanto voli...parecchio fatico a quantificarlo.
Come ti hanno già detto il numero di dipendenti è abbastanza fondamentale per capire quanto una squadra di addetti ci metta a scaricare. Io li vedo lavorare tutti i giorni...e vedo come e in quanti lavorano in altre destinazioni europee. Il tempo che ci mettono ad arrivare sottobordo e come lavorano. Da queste considerazioni non mi sognerei mai di andate da loro e dire "ragazzi forza...invece di lamentarvi tiratevi su le maniche, lavorate bene SEMPRE e poi, semmai fate sciopero"...pero forse hai ragione...voi vedete il servizio finale e, per voi, non ha importanza quale sia l'anello della catena che blocca il "lavoro" o lo rallenta...la stessa analisi che fanno quelli che parlano di incidenti aerei..."è colpa dei piloti...ma come si fa a fare errori così etc.etc."...capendo a stento cosa sia un aereo e cosa ci ruoti attorno. La cosa buffa è che spesso, non so se anche voi rientrate in questa casistica, le persone che si attaccano i propri "diritti" o presunti tali nei confronti della società, criticano , come in questo caso, quello degli altri...cioè di combattere le loro battaglie, in questo caso attraverso lo sciopero, per ottenere qualcosa. La cosa meno buffa è che la critica non ruota mai intorno al motivo dello sciopero o ad una soluzione alternativa o una visione diversa del problema....ma solo a frasi generiche, abbastanza scontate e banali, con qualche insegnamento di vita "forza...prima di lamentarvi imparate a lavorare bene" oppure "sciopera chi non ha voglia di lavorare" dette da chi, lì, non ha mai lavorato....
Ciao!
Parecchio tra le 80 e 100 tratte l'anno.
Vedi, il problema (la risposta è anche per bulldog che vorrebbe solo interventi di tecnici) è che il servizio è valutato per quello che si vede all'esterno. Se a Malpensa ai banchi check-in si nota una differenza notevole tra i dipendenti di una compagnia aerea e quelli della SEA in termini di: impegno, cortesia, velocità, a me (e non solo a me) passa il messaggio che SEA non funzioni bene; se mediamente il mio bagaglio arriva dopo a MXP rispetto ad altri scali più trafficati, la mia opinione si rafforza; se quando denuncio un problema con il bagaglio l'addetta mi tratta con sufficienza e svogliatezza, il messaggio si rafforza ancora di più, e se questo succede x volte, diventa una certezza (tralascio ma ne avrei altri, tra cui la gentilezza del personale delle lounges, sembra che entri a casa loro non invitato!).
E non mi potete rispondere che se fossi un lavoratore aeroportuale vedrei quanto si sbattono ecc., io vedo il risultato e constato che è scadente.
Né mi potete dire che siccome non conosco tutto il sistema aeroportuale non posso dire la mia. Io in area tecnica mi guardo bene dall'intervenire (se non per una domanda) e leggo soltanto, ma qui posso tranquillamente dare la mia opinione, come voi la date su questioni giuridiche (ad esempio avvisi di garanzia ai piloti in caso di incidenti, responsabilità penali ecc.) senza che io venga a dirvi che voi non ne sapete nulla e solo io e chi fa l'avvocato o il giudice può dare la sua opinione (in quanto conoscitore della materia nella sua interezza).
Quello che mi fa specie (e non lo dico né a te né a bulldog, ma in generale) è che spesso a chi lavora nel trasporto aereo il parere degli utenti non solo non interessi, ma sia anche visto con sufficienza, come una seccatura proveniente da gente ignorante che non merita neppure considerazione. ma attenzione! il vostro lavoro (come il mio, è nell'ambito dei servizi al pubblico, e se quest'ultimo percepisce il risultato come insoddisfacente, il fatto che io o voi abbiamo lavorato bene e la colpa risieda in un altro anello della catena conta ben poco.

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 10 aprile 2014, 12:10

N176CM ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:
willy73 ha scritto: MXP è un disastro.
Linate come ti trovi?
Ciao!
Una favola, con solo bagaglio a mano :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: oppure con parcheggio sotto la torre che tanto il tempo necessario per raggiungere il terminal è lo stesso di attesa dei bagagli :mrgreen: :mrgreen:
Si scherza eh :mrgreen: :mrgreen:
A Linate sono più veloci, non so ovviamente se ciò dipenda dalle minori dimensioni dell'aerostazione o dalla maggiore velocità degli addetti (lì però i tabelloni sono sempre corretti nell'indicare l'ora di arrivo).

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 10 aprile 2014, 12:17

bulldog89 ha scritto: Evidentemente poi non hai ben presenti quali siano i compiti considerati critici per il turnaround del mezzo e quali no, e nemmeno la differenza tra il numero di persone impiegate a servire lo stesso volo in Italia o nel resto dell'Europa.
Ma io non lo devo sapere! Ma scusa se tu utilizzi un servizio e noti che è molto più scadente di altri prima di poterlo dire devi fare un'indagine economico-organizzativa-politica-sociologica?
bulldog89 ha scritto: Non è proprio "Più degli altri", è "più di molta gente qui dentro". Ci sono persone del forum per cui nutro un'immensa stima ed ammirazione (in primis Tartan, Sigmet, JT8D, Zapotec, Mermaid, i piloti professionisti, ecc), ma è anche vero che c'è una marea di altri utenti che non sanno nulla di determinati argomenti, specialmente quando l'argomento di discussione non è più "l'aereo" ma diventa "l'aeroporto" (o ancora meglio "la situazione del sistema aeroportuale milanese").
Visto che in quegli aeroporti ci lavoro e che mi occupo anche di quei numerini che tu spari completamente a caso, mi sento di dire che sì, su questo argomento ne so sicuramente più di te e di tutti quelli che hanno scritto contro il diritto allo sciopero dei dipendenti SEA (sarà un caso?).
cioè tu vorresti un forum solo di addetti ai lavori, mi era già chiaro

Avatar utente
mcgyver79
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 8434
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:04

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da mcgyver79 » 10 aprile 2014, 15:21

"Assaereo, l’Associazione nazionale dei vettori e degli operatori del trasporto aereo aderente a Confindustria, rende noto che il TAR del Lazio ha accolto il ricorso presentato contro l’autorizzazione concessa alla compagnia Emirates di collegare direttamente Milano Malpensa con New York.

Il TAR ha pertanto riconosciuto valide e fondate le critiche e la ferma opposizione che da subito Assaereo e le compagnie aeree italiane hanno mostrato contro un provvedimento grave e discriminante per le nostre imprese.

Tali autorizzazioni, tecnicamente di 5° libertà dell’aria (libertà di imbarcare passeggeri e merci in stati intermedi), sono infatti riservate da trattati internazionali ai vettori nazionali, comunitari e dei Paesi di destinazione. In nessuno Stato è neanche ipotizzabile la loro concessione a compagnie extracomunitarie. In Italia ciò è avvenuto senza alcuna contropartita per i vettori nazionali e per giunta su tratte, come quella tra Malpensa e New York, già abbondantemente servite da compagnie aeree sia italiane che statunitensi.

La sentenza del TAR del Lazio rappresenta quindi un passaggio fondamentale in quanto allinea l’Italia agli altri Paesi, non solo europei, nel rispetto degli accordi internazionali e fornisce una chiara risposta alle altre compagnie extracomunitarie che volessero seguire l’esempio di Emirates."

(comunicato stampa)

Tse :!:
McGyver

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 16:03

Limosky91 ha scritto:
iniziamo dal punto "tu sei troppo giovane, non hai mai lavorato nel campo non puoi capire":
No no...non è che non puoi capire...è che poter dire ad una persona se ha diritto o meno di scioperare (o fa bene o fa male) in base a come svolge il lavoro e non essere ritenuto totalmente "biiiip", sarebbe carino, o opportuno, essersi spaccati leggermente la schiena in quel campo o averne conoscenza approfondita. Io ammiro chi sciopera tanto quanto quelli che non lo fanno perché convinti di risolvere un problema agendo in qualche modo. Ma la scelta tra farlo o non farlo o la convenienza può essere frutto di una discussione tra persone coinvolte. Il tuo errore, a mio avviso, è quello di "bacchettare ad minchiam" TUTTI i dipendenti di una azienda...senza sapere neanche i motivi che portano allo sciopero...cosa stanno facendo dall'alto....cosa rischiano...in che gioco sono finiti. SEA non è solo la tua amata addetta al checkin....quindi tu parlando dello sciopero SEA stai con involgendo, rampe, baggagisti etc etc...tutti! Non so se questo l'hai capito...quindi la tua "critica" si estende a tutti.


Limosky91 ha scritto:
se è vero che non posso giudicare il lavoro in rampa (e non mi pare di averlo mai fatto) è altrettanto vero che l'handling passeggeri, che alla fine è quello che più i pax vedono, lo posso giudicare eccome in quanto anch'io, seppur in ambiente e modalità diverse, ho a che fare col pubblico e lo sto anche studiando (specialmente con i turisti). Non sto a sindacare se uno sa utilizzare bene il computer per i check-in, quello lo do per scontato (a meno che non sia un trainee ovviamente) ma semplicemente il come si pone al passeggero, se si è cordiali, se non si sbruffa, se non si danno risposte scortesi e così via. Le cose che ho descritto non devono MAI capitare in un lavoro di front line anche perché si procura un danno all'azienda. A Malpensa mi è capitato non poche volte di trovarmi in situazioni così. Non importa se volo poco o tanto, basta una volta per rovinare l'immagine di un'azienda e bisogna porre la massima attenzione.
Ma che c'entra questo? Qualcuno ha detto che un addetto ha fatto bene a rispondere male? Non scioperano mica perché l'azienda ha deciso di mandare via una persona che lavora male. Se hai da lamentarti di un addetto o di un servizio fai bene...ma non se ti lamenti con TUTTI i componenti di una azienda e il loro diritto di difendere la propria posizione nel mondo del lavoro.
Limosky91 ha scritto:
Sarà vero? Sarà falso? Penso che sia falso, i problemi economici non si possono additare solo agli scioperi ma comunque se questo è il messaggio che passano gli scioperi forse si sta sbagliando direzione. Per quanto riguarda l'importanza dell'immagine ho scritto nella pagina precedente, direi che non ho altro da aggiungere.
Lo sciopero, in Italia, porta un messaggio di questo tipo perché, proprio la popolazione che ti dovrebbe stare vicino, è quella che ti critica...che non lavori abbastanza bene per poterlo fare...o che si sciopera perché non si ha voglia di lavorare. Quindi, se è vero che l'immagine che fornisce la Germania o la Francia, in caso di sciopero è diverso, direi che la differenza parte proprio dalla totale incapacità di condividere un disagio quando la faccenda non tocca personalmente. Tu hai questa fissa dell'immagine...io, all'opposto, ho la fissa della sostanza. Però mi fa specie quando adatti l'immagine a ciò che ti aiuta a mantenere un totale distacco dalla vicenda e poter "bacchettare". Parlavi dell'immagine del Giappone....sicuramente più efficiente e con una propensione al lavoro senza uguali....peccato però che sia uno dei paesi al mondo con il maggior numero di suicidi...e con buona pace dei diversi motivi del suicidio hanno trovato una certa buona percentuale nello "stress da lavoro"...allora sai che ti dico? Preferisco un'immagine un po' più grigia sotto certi aspetti e un attaccamento alla vita maggiore. Come hai detto tu....sono scelte...e l'immagine non è la mia. Aspetto serenamente un bagaglio qualcosa in più e sono più felice che non a pensare al suicidio di un lavoratore che magari ha tardato la consegna. Io penso che portare le persone ad un aspetto più umano possa portare, in futuro, proprio ad una maggiore propensione a quella gentilezza che tu hai raramente trovato. Io sarò più fortunato, o forse mi pongo in modo diverso da te ma ho più spesso trovato cortesia (anche in ambiti diversi).
Limosky91 ha scritto: Per ultimo veramente (e siamo a due...  )
io non penso di andare da dei lavoratori e dire "dovete lavorare sempre al meglio altrimenti non scioperate" però questo è il mio pensiero e tale rimane.
Ribadisco...il tuo pensiero si basa , giusto o sbagliato che sia, su una generalizzazione. Tu non hai modo di dire a TUTTO un gruppo di persone che dovrebbero rimboccarsi le maniche perché non operi con il gruppo e non vedi ciò che fanno. Io trovo che tu faccia bene a denunciare un disservizio e lo trovo anche utile. Estendere il concetto che per il disservizio o per quello che hai visto tu, di poche persone, sia giusto che l'azienda "massacri" un intero gruppo di persone per fare speculazione, e queste dovrebbero perfino fare i krumiri perché all'interno del gruppo c'è qualche c*****e mi sembra davvero "vapore di sinapsi". Diventa poi perfino da stolti pensare che, dopo la speculazione e il massacro arrivino le persone "in gamba"...quindi tu avrai gli stessi disservizi, con gente "krumira" che porterà la qualità del lavoro sotto le scarpe. Si...che soluzione.
Limosky91 ha scritto: Incasserò il colpo, lancerò due o tre maledizioni come ho sempre fatto e andrò avanti come ho sempre fatto e spero di continuare, il punto di tutto ciò è che IO, come Lino, non lo farei per i motivi sopra descritti. Sarò giovane, sarò idealista, utopista forse, però per il momento è una linea che mi ha sempre portato più vantaggi che svantaggi e spero vivamente che continui così.
Bene. Spero che quando si realizzerà il tuo sogno, di avere un'azienda efficiente in cui tu non avrai diritto di dire "beh ma..." e che ti convincerà che il fatto di darti lavoro è un regalo quindi che cacchio hai da lamentarti...la paga ti sarà più che sufficiente a vivere...io sarò con una bibita in mano in pensione (ma non felice nel vedere tutto questo). Sì sei giovane...ma più che utopista o idealista, penso che tu non abbia capito na sega di come lavorano certe grosse aziende...almeno in Italia. Non perché tu non sia in grado...ma perché non ci sei passato e neanche interessato. Il tuo idealismo non si basa, al lato pratico dei fatti, a fare fuori gli incompetenti e salvare quelli in gamba...ma far fuori tutti. Questa, però, non è mai una soluzione. Far fuori tutti o sottomettere è esattamente il punto di partenza della schiavitù...in modo più elegante se vuoi ma uguale nella sostanza. Chi si incazza, spesso, nelle aziende di questo tipo, non è il fancazzista o quella che ti risponde male al checkin...ma è proprio quello portato alla disperazione nonostante faccia di tutto per fare bene il suo lavoro....e spesso lo fa. Sui sindacati stendo un velo pietoso invece....

Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 16:25

willy73 ha scritto:

Parecchio tra le 80 e 100 tratte l'anno.
Vedi, il problema (la risposta è anche per bulldog che vorrebbe solo interventi di tecnici) è che il servizio è valutato per quello che si vede all'esterno. Se a Malpensa ai banchi check-in si nota una differenza notevole tra i dipendenti di una compagnia aerea e quelli della SEA in termini di: impegno, cortesia, velocità, a me (e non solo a me) passa il messaggio che SEA non funzioni bene; se mediamente il mio bagaglio arriva dopo a MXP rispetto ad altri scali più trafficati, la mia opinione si rafforza; se quando denuncio un problema con il bagaglio l'addetta mi tratta con sufficienza e svogliatezza, il messaggio si rafforza ancora di più, e se questo succede x volte, diventa una certezza (tralascio ma ne avrei altri, tra cui la gentilezza del personale delle lounges, sembra che entri a casa loro non invitato!).
E non mi potete rispondere che se fossi un lavoratore aeroportuale vedrei quanto si sbattono ecc., io vedo il risultato e constato che è scadente.
Né mi potete dire che siccome non conosco tutto il sistema aeroportuale non posso dire la mia. Io in area tecnica mi guardo bene dall'intervenire (se non per una domanda) e leggo soltanto, ma qui posso tranquillamente dare la mia opinione, come voi la date su questioni giuridiche (ad esempio avvisi di garanzia ai piloti in caso di incidenti, responsabilità penali ecc.) senza che io venga a dirvi che voi non ne sapete nulla e solo io e chi fa l'avvocato o il giudice può dare la sua opinione (in quanto conoscitore della materia nella sua interezza).
Quello che mi fa specie (e non lo dico né a te né a bulldog, ma in generale) è che spesso a chi lavora nel trasporto aereo il parere degli utenti non solo non interessi, ma sia anche visto con sufficienza, come una seccatura proveniente da gente ignorante che non merita neppure considerazione. ma attenzione! il vostro lavoro (come il mio, è nell'ambito dei servizi al pubblico, e se quest'ultimo percepisce il risultato come insoddisfacente, il fatto che io o voi abbiamo lavorato bene e la colpa risieda in un altro anello della catena conta ben poco.
Vedi...fai un errore di fondo...che ora ti spiego, e non so perché certi "ambiti", tra cui il mondo dell'aviazione, si trovi spesso al centro di questo errore. Nessuno dice che tu non debba dire la tua...che tu non debba segnalare un disservizio. Il punto è che tu, come altri qua, pensano di poter giudicare l'operato delle persone...e questa non è una sfumatura di poco conto. Tu puoi dire che con me hai fatto un volo di m***a e non ti è piaciuto, perché ha subito ritardi, perché in atterraggio hai sentito una gran botta e quello che ti pare...ma non puoi venire a dire che il ritardo era possibile evitarlo, che l'atterraggio, perché fatto altre volte poteva essere più morbido e confortevole o la discesa meno brusca. Ignorando le cause, ignorando il perché io abbia dovuto scendere tardi o sbattere giù l'aereo cambi totalmente ciò che hai avuto tu come servizio, che puoi/devi/hai i titoli per commentare da ciò che NON puoi sapere e il commentare ti porta solo a dire "minchiate". A parità di un bagaglio lento, il fatto che la squadra abbia giocato a carte, poi scaricato l'aereo, poi bevuto un caffè prima di riconsegnarlo oppure che siano in metà dei dovuti a coprire più voli o che i trattori siano mezzi rotti e le scale bloccate fa la differenza. Conta ben poco per quello che arriva a te, cioè il servizio, ma conta molto se il discorso è relativo alle condizioni di lavoro in cui qualcuno opera (a Fiumicino c'è morto un bagaggista per quei c***o di nastri)...allora se parli del servizio, ben venga, se parli di cosa dovrebbero fare i lavoratori no...stai parlando di cose tecniche anche se non sei in area tecnica. La vedi la differenza? se parlo di una legge che mi fa c***re non parlo dell'operatore di un avvocato o un giudice che le applica. A volte si è parlato dell'eccessiva velocità di voler analizzare o far partire inchieste , in contesti mediatici e che mettono in luce, rispetto ad eventi quotidiani che non se li fila nessuno ben più gravi ma senza star lì a parlare della categoria dei giudici o degli avvocati...o di sentenze che sono andate contro il codice della navigazione, che è legge pure quella...o della scelta dei periti...ma non ricordo di discussioni sull'operato, in termini tecnici della categoria "legale"...se mi è sfuggito rinfrescami pure la memoria.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 16:44

Tra le altre cose, le cose emerse, riguardano spesso la "gentilezza"...ecco pur essendo d'accordo con il fatto che non esserlo è sempre e comunque contropruducente ad ogni livello....riconosco che sia mediamente difficile esserlo in situazione di elevato stress, soprattutto con quella persona che la davanti non lo è con te....e che "sente" quel velo di giudizio cadere dall'alto. A me è capitato di trovare delle persone scortesi e troppo frettolose...spesso è bastato un sorriso e una frase "giornata dura eh" per aprire rubinetti di racconti, a volta pianti, e grande umanità proprio da parte di quella persona che 30 secondi prima sembrava un carro armato guidato da stronzi e ubriachi. E questo non significa non far valere i propri diritti, o farsi calpestare...è solo cercare un rapporto più umano. Io penso che se l'ambiente di lavoro fosse reso meno ostile...e se le persone in generale fossero meno ostili e malfidenti si potrebbero isolare veramente gli stronzi...e questo sarebbe un buon punto di partenza per eliminare chi non merita di stare li...che fa fare una brutta figura all'azienda o che non è capace di relazionarsi con le persone e fare bene il loro lavoro. Quindi...date una mano, se vi è possibile farlo, oppure proponete qualcosa addentrandovi nella materia...ma se la soluzione è solo la critica "atecnica" e non una denuncia di disservizio....beh il silenzio può diventare oro. :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 16:50

TheClubber ha scritto:Ma è ovvio che nel settore dei trasporti gli scioperi fanno più rumore di un palazzo che crolla!
Ma la questione è: ci sono valide ragioni per scioperare? Allora che si faccia una settimana intera, rispettando eventuali orari di garanzia, e non un giorno!

I sindacati valgono meno di zero. Io sono metalmeccanico e quando i sindacati promuovono 4 ore di sciopero rido!!! Che senso ha?! Nessuno!! Senza contare che ormai fanno di tutto per non andare contro il padrone (che li paga, peraltro, essendo loro dipendenti).

EDIT: tanto per essere chiaro non ho detto che chi sciopera non ha voglia di lavorare, ma che spesso questi brevi scioperi (in generale) sono visti come una manna dal cielo per un po' di sano cazzeggio. Questo è quello che vedo nel MIO settore di competenza. Altrove, probabilmente è diverso. Me lo auguro...

Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk
Beh scusa...ma questo post ha ben altra natura dell'altro. La difficoltà di organizzare uno sciopero di quel tipo, che proponi tu, trova nella legge delle difficoltà. L'aiuto del resto della gente poi, non parliamone. Basta poco poi per utilizzare la notizia, strumentalizzarla, e trovati la gente che ti vuole saltare addosso.
Eh...per quanto riguarda l'edit...prima invece avevi proprio detto che sciopera chi non ha voglia di lavorare...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 17:00

Limosky91 ha scritto: mi ha sempre portato più vantaggi che svantaggi e spero vivamente che continui così.
Dimenticavo...io non guardo la mia vita sempre in termini di svantaggio o vantaggio. I leccaculo, e non sto parlando di te perché non ti conosco a tal riguardo, sostengono, e magari hanno ragione, che a leccarlo ci siano dei vantaggi...ma io non l'ho mai fatto lo stesso e vivo benissimo lo stesso. A me lo sciopero della SEA crea SOLO svantaggi...tratte cancellate (perdo soldi), passeggeri incazzati (per loro sono tutti colpevoli)...e un sacco di ritardo e stanchezza...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 10 aprile 2014, 17:40

flyingbrandon ha scritto:
Vedi...fai un errore di fondo...che ora ti spiego, e non so perché certi "ambiti", tra cui il mondo dell'aviazione, si trovi spesso al centro di questo errore. Nessuno dice che tu non debba dire la tua...che tu non debba segnalare un disservizio. Il punto è che tu, come altri qua, pensano di poter giudicare l'operato delle persone...e questa non è una sfumatura di poco conto. Tu puoi dire che con me hai fatto un volo di m***a e non ti è piaciuto, perché ha subito ritardi, perché in atterraggio hai sentito una gran botta e quello che ti pare...ma non puoi venire a dire che il ritardo era possibile evitarlo, che l'atterraggio, perché fatto altre volte poteva essere più morbido e confortevole o la discesa meno brusca. Ignorando le cause, ignorando il perché io abbia dovuto scendere tardi o sbattere giù l'aereo cambi totalmente ciò che hai avuto tu come servizio, che puoi/devi/hai i titoli per commentare da ciò che NON puoi sapere e il commentare ti porta solo a dire "minchiate". A parità di un bagaglio lento, il fatto che la squadra abbia giocato a carte, poi scaricato l'aereo, poi bevuto un caffè prima di riconsegnarlo oppure che siano in metà dei dovuti a coprire più voli o che i trattori siano mezzi rotti e le scale bloccate fa la differenza. Conta ben poco per quello che arriva a te, cioè il servizio, ma conta molto se il discorso è relativo alle condizioni di lavoro in cui qualcuno opera (a Fiumicino c'è morto un bagaggista per quei c***o di nastri)...allora se parli del servizio, ben venga, se parli di cosa dovrebbero fare i lavoratori no...stai parlando di cose tecniche anche se non sei in area tecnica. La vedi la differenza? se parlo di una legge che mi fa c***re non parlo dell'operatore di un avvocato o un giudice che le applica. A volte si è parlato dell'eccessiva velocità di voler analizzare o far partire inchieste , in contesti mediatici e che mettono in luce, rispetto ad eventi quotidiani che non se li fila nessuno ben più gravi ma senza star lì a parlare della categoria dei giudici o degli avvocati...o di sentenze che sono andate contro il codice della navigazione, che è legge pure quella...o della scelta dei periti...ma non ricordo di discussioni sull'operato, in termini tecnici della categoria "legale"...se mi è sfuggito rinfrescami pure la memoria.
Ciao!
Ma io non mi permetterei mai di giudicare il tipo di atterraggio, perché come dici tu non so se il colpo che ho sentito è dovuto a te che stai ancora finendo di mangiare :mrgreen: o al fatto che hai fatto un mezzo miracolo dove un altro avrebbe riattaccato (o peggio), lì c'è il tema della SV; ma nel ritardo nella consegna del bagaglio o dell'arrivo della scaletta ci metto eccome il becco. E' vero forse sono a metà personale quel giorno, è vero, forse le scalette sono tutte occupate perché quel giorno molti finger non funzionano, o si è rotto il trattore (so che sono cose che accadono, a me è successo che se ne rompesse uno durante il push down -si dice così?- e abbiano dovuto aspettare mezzora che se ne liberasse un altro), ma sono eventi eccezionali... se su 10 volte accade 8 faccio fatica a pensare di essere sfigato e inizio a pensare che sia la regola.
Io ho visto negli aeroporti milanesi e a FCO tanti che si sbattono ma molti di più che se ne sbattono...
Il problema è che non c'è mai un briciolo di autocritica e così per difendere sempre a spada tratta una categoria ci vanno di mezzo anche quelli che si sbattono.
Tu prova a dire ad un qualunque lavoratore italiano di qualsiasi categoria (dal metalmeccanico al quadro), di qualunque tipologia (pubblico, privato, parastatale) di qualsiasi campo che potrebbe fare di più. Ti risponderanno tutti che loro si ammazzano di lavoro, che tu neanche immagini in che condizioni lo fanno e che la colpa è del management che non capisce un razzo.
Sarà questo il problema dell'Italia, un popolo che s'ammazza di lavoro ma che spesso dà un risultato scadente perché non ha i mezzi o perché ha i capi fessi e incapaci. Pochi giorni fa sono entrato in una cancelleria, erano in tre, con un ritmo di lavoro da Copacabana, uno ascoltava la musica, uno guardava fuori dalla finestra l'altro commentava ad alta voce un articolo di giornale sullo stress da lavoro dicendo " uh devo farlo leggere al mio capo". Ho aspettato 10 minuti prima che qualcuno mi dicesse "prego venga" anzi "venga" senza prego (perché se non aspetti sulla soglia e ti avvicini direttamente ti dicono "un attimo!" e ti fanno aspettare apposta): anche loro ti diranno che si ammazzano di lavoro

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 10 aprile 2014, 17:54

flyingbrandon ha scritto:
La vedi la differenza? se parlo di una legge che mi fa c***re non parlo dell'operatore di un avvocato o un giudice che le applica. A volte si è parlato dell'eccessiva velocità di voler analizzare o far partire inchieste , in contesti mediatici e che mettono in luce, rispetto ad eventi quotidiani che non se li fila nessuno ben più gravi ma senza star lì a parlare della categoria dei giudici o degli avvocati...o di sentenze che sono andate contro il codice della navigazione, che è legge pure quella...o della scelta dei periti...ma non ricordo di discussioni sull'operato, in termini tecnici della categoria "legale"...se mi è sfuggito rinfrescami pure la memoria.
Ciao!
Beh ad esempio è assurdo protestare contro i giudici quando in caso di incidente aereo al pilota viene inviato un avviso di garanzia... posto che in caso di incidente prima di conoscere le cause tra le 1000 ipotesi c'è anche l'errore umano del pilota e poiché alcuni accertamenti tecnici sono irripetibili (apertura scatole nere, altri esami) il pilota viene subito indagato e gli viene notificato l'avviso di garanzia affinché lui possa nominare un proprio consulente tecnico che parteciperà alle operazioni peritali controllando tutto quello che viene fatto dal perito del giudice ed eventualmente contestandolo sul momento. Per questo si parla di GARANZIA. Poi qualcuno fa l'equazione: avviso di garanzia = mezzo colpevole: né più né meno di quello che ti dice che hai pilotato male perché, a differenza di un'altra volta, si è ballato (e magari sei dovuto passare per forza in mezzo ad una tempesta tropicale)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 18:07

willy73 ha scritto:[
; ma nel ritardo nella consegna del bagaglio o dell'arrivo della scaletta ci metto eccome il becco. E' vero forse sono a metà personale quel giorno, è vero, forse le scalette sono tutte occupate perché quel giorno molti finger non funzionano, o si è rotto il trattore (so che sono cose che accadono, a me è successo che se ne rompesse uno durante il push down -si dice così?- e abbiano dovuto aspettare mezzora che se ne liberasse un altro), ma sono eventi eccezionali... se su 10 volte accade 8 faccio fatica a pensare di essere sfigato e inizio a pensare che sia la regola.
Vedi...il becco lo metti, ma lo metti male. Se la struttura è così...i trattori sono quelli...non sono a metà personale quel giorno...lo sono SEMPRE...però l'idea è comunque tagliare. Proprio per questi motivi dovresti incazzarti anche tu con la SEA ma non con chi ci lavora....visto che , come dimostri NON sai come lavorano. Stai facendo esattamente l'errore di commentare un atterraggio. Quindi dovresti, semmai, dare solidarietà e non dire di rimboccarsi le maniche se è il tuo pensiero. Dai...non è difficile capire che convenga parlare di ciò che sai, il ritardo (8 su 10 comunque sei sfigato tu) e non della natura del ritardo che attribuisci al fancazzismo. Se anche fosse vero, ma tu non lo sai, sarebbe comunque un commento a sproposito. Qua nessuno sta difendendo l'azienda ma chi ci lavora...e neanche la persona stessa ma il suo diritto a non voler essere sfruttato e quello di evitare che giochino alla speculazione con il suo posto di lavoro.
willy73 ha scritto: Io ho visto negli aeroporti milanesi e a FCO tanti che si sbattono ma molti di più che se ne sbattono...
Il problema è che non c'è mai un briciolo di autocritica e così per difendere sempre a spada tratta una categoria ci vanno di mezzo anche quelli che si sbattono.
Cioè che vedi? Se vedi uno che si riposa sai cosa ha fatto fino a quel momento? Se ha finito il turno o aspetta di iniziarlo? Se è in pausa? Spiegami...
willy73 ha scritto: Tu prova a dire ad un qualunque lavoratore italiano di qualsiasi categoria (dal metalmeccanico al quadro), di qualunque tipologia (pubblico, privato, parastatale) di qualsiasi campo che potrebbe fare di più. Ti risponderanno tutti che loro si ammazzano di lavoro, che tu neanche immagini in che condizioni lo fanno e che la colpa è del management che non capisce un razzo.
Parli di autocritica ma stai facendo solo critica. I commenti del cacchio, di dare la colpa sempre ad altri, è esattamente quello che fate voi in questo post. Più sali e più ci sono colpe perché in alto ci sono le responsabilità...anche fosse solo quella della gente che assumi. Quindi, anche se una analisi troppo semplicistica è più reale della vostra.
willy73 ha scritto: Sarà questo il problema dell'Italia, un popolo che s'ammazza di lavoro ma che spesso dà un risultato scadente perché non ha i mezzi o perché ha i capi fessi e incapaci. Pochi giorni fa sono entrato in una cancelleria, erano in tre, con un ritmo di lavoro da Copacabana, uno ascoltava la musica, uno guardava fuori dalla finestra l'altro commentava ad alta voce un articolo di giornale sullo stress da lavoro dicendo " uh devo farlo leggere al mio capo". Ho aspettato 10 minuti prima che qualcuno mi dicesse "prego venga" anzi "venga" senza prego (perché se non aspetti sulla soglia e ti avvicini direttamente ti dicono "un attimo!" e ti fanno aspettare apposta): anche loro ti diranno che si ammazzano di lavoro
Non lo so.. se quello è il tuo settore e lo critichi non lo metto in dubbio. Se lo fai in un settore in cui non lavori vale poco...comunque quelli che non fanno un c***o, perché esistono, rovinano quelli che fanno tanto. Sai perché? Perché arrivi tu e dici che non fanno un c***o e che quindi dovrebbero darsi da fare. Ovviamente quello che non fa un c***o lo sa e non je frega niente di quello che dici tu....quello che fa si trova anche "l'esperto di turno" che gli dice come e cosa dovrebbe fare pur facendo tutto nella vita tranne che quel lavoro...frustrante non trovi?
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2014, 18:16

willy73 ha scritto: Beh ad esempio è assurdo protestare contro i giudici quando in caso di incidente aereo al pilota viene inviato un avviso di garanzia... posto che in caso di incidente prima di conoscere le cause tra le 1000 ipotesi c'è anche l'errore umano del pilota e poiché alcuni accertamenti tecnici sono irripetibili (apertura scatole nere, altri esami) il pilota viene subito indagato e gli viene notificato l'avviso di garanzia affinché lui possa nominare un proprio consulente tecnico che parteciperà alle operazioni peritali controllando tutto quello che viene fatto dal perito del giudice ed eventualmente contestandolo sul momento. Per questo si parla di GARANZIA. Poi qualcuno fa l'equazione: avviso di garanzia = mezzo colpevole: né più né meno di quello che ti dice che hai pilotato male perché, a differenza di un'altra volta, si è ballato (e magari sei dovuto passare per forza in mezzo ad una tempesta tropicale)
http://www.md80.it/bbforum/viewtopic.ph ... i+garanzia
Magari rileggendolo scopri, o riscopri, che la discussione non era il giudice ma il fatto che debba, in automatico, cercarsi una colpa prima di una causa....quindi si parlava del sistema e non del giudice....dell'utilità di un procedimento e non di quanto siano fancazzisti in tribunale. Se poi, nel discorso, noti lo stesso spessore di commenti rispetto a quello avuto qua riguardo uno sciopero....alzo le braccia! :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da bulldog89 » 10 aprile 2014, 19:07

Sinceramente mi piacerebbe proprio che chi sta sputando m***a su SEA fosse al posto dei dipendenti attuali, e che io fossi il loro supervisore.
Al primo che sbuffa, non sorride, non è cortese, o prova solo ad immaginare uno sciopero gli tirerei una badilata sui denti, per poi ricordargli di stare zitto e lavorare al meglio per preservare la vetrina dell'Italia.

Io non voglio un forum per soli tecnici, ma un forum con utenti del tipo:

Conosco qualcosa dell'argomento di cui si discute? Sì: esprimo la mia opinione e mi confronto con gli altri. No: sto zitto e leggo per informarmi.

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da bulldog89 » 10 aprile 2014, 20:13

willy73 ha scritto:Beh ad esempio è assurdo protestare contro i giudici quando in caso di incidente aereo al pilota viene inviato un avviso di garanzia... posto che in caso di incidente prima di conoscere le cause tra le 1000 ipotesi c'è anche l'errore umano del pilota e poiché alcuni accertamenti tecnici sono irripetibili (apertura scatole nere, altri esami) il pilota viene subito indagato e gli viene notificato l'avviso di garanzia affinché lui possa nominare un proprio consulente tecnico che parteciperà alle operazioni peritali controllando tutto quello che viene fatto dal perito del giudice ed eventualmente contestandolo sul momento. Per questo si parla di GARANZIA. Poi qualcuno fa l'equazione: avviso di garanzia = mezzo colpevole: né più né meno di quello che ti dice che hai pilotato male perché, a differenza di un'altra volta, si è ballato (e magari sei dovuto passare per forza in mezzo ad una tempesta tropicale)
Questo certifica quanto tu abbia un modo di ragionare che dovrebbe essere ESTIRPATO dal mondo aeronautico.

Prima deve concludersi l'inchiesta tecnica, volta a trovare il perché di un incidente, poi, eventualmente anche quella penale. E l'avviso di garanzia lo invii al pilota se l'inchiesta tecnica ha stabilito che la causa è una qualche VIOLAZIONE compiuta dal pilota, non un ERRORE.
Altrimenti quando al ristorante mi portano un piatto diverso da quello ordinato dovrei chiamare i Carabinieri...ti sembra sensato? Perché è lo stesso principio...

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da TheClubber » 10 aprile 2014, 23:25

flyingbrandon ha scritto:
TheClubber ha scritto:Ma è ovvio che nel settore dei trasporti gli scioperi fanno più rumore di un palazzo che crolla!
Ma la questione è: ci sono valide ragioni per scioperare? Allora che si faccia una settimana intera, rispettando eventuali orari di garanzia, e non un giorno!

I sindacati valgono meno di zero. Io sono metalmeccanico e quando i sindacati promuovono 4 ore di sciopero rido!!! Che senso ha?! Nessuno!! Senza contare che ormai fanno di tutto per non andare contro il padrone (che li paga, peraltro, essendo loro dipendenti).

EDIT: tanto per essere chiaro non ho detto che chi sciopera non ha voglia di lavorare, ma che spesso questi brevi scioperi (in generale) sono visti come una manna dal cielo per un po' di sano cazzeggio. Questo è quello che vedo nel MIO settore di competenza. Altrove, probabilmente è diverso. Me lo auguro...

Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk
Eh...per quanto riguarda l'edit...prima invece avevi proprio detto che sciopera chi non ha voglia di lavorare...
Ciao!
Eh mi ero espresso decisamente male. Rileggendolo mi sono reso conto.



Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da TheClubber » 11 aprile 2014, 6:22

Perché lo sciopero esclude i voli da e per Catania?


Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk

anonymous12345

Re: R: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da anonymous12345 » 11 aprile 2014, 6:44

TheClubber ha scritto:Perché lo sciopero esclude i voli da e per Catania?


Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk
Per legge ci sono fasce orarie e voli garantiti.. di solito quelli di continuità territoriale verso le isole...

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 11 aprile 2014, 11:29

bulldog89 ha scritto:
willy73 ha scritto:Beh ad esempio è assurdo protestare contro i giudici quando in caso di incidente aereo al pilota viene inviato un avviso di garanzia... posto che in caso di incidente prima di conoscere le cause tra le 1000 ipotesi c'è anche l'errore umano del pilota e poiché alcuni accertamenti tecnici sono irripetibili (apertura scatole nere, altri esami) il pilota viene subito indagato e gli viene notificato l'avviso di garanzia affinché lui possa nominare un proprio consulente tecnico che parteciperà alle operazioni peritali controllando tutto quello che viene fatto dal perito del giudice ed eventualmente contestandolo sul momento. Per questo si parla di GARANZIA. Poi qualcuno fa l'equazione: avviso di garanzia = mezzo colpevole: né più né meno di quello che ti dice che hai pilotato male perché, a differenza di un'altra volta, si è ballato (e magari sei dovuto passare per forza in mezzo ad una tempesta tropicale)
Questo certifica quanto tu abbia un modo di ragionare che dovrebbe essere ESTIRPATO dal mondo aeronautico.

Prima deve concludersi l'inchiesta tecnica, volta a trovare il perché di un incidente, poi, eventualmente anche quella penale. E l'avviso di garanzia lo invii al pilota se l'inchiesta tecnica ha stabilito che la causa è una qualche VIOLAZIONE compiuta dal pilota, non un ERRORE.
Altrimenti quando al ristorante mi portano un piatto diverso da quello ordinato dovrei chiamare i Carabinieri...ti sembra sensato? Perché è lo stesso principio...
forse non ti è chiaro che non è IL MIO PENSIERO, è la normativa che lo impone ed ha lo scopo di permettere a chi è acciusato di nominare un perito PRIMA CHE VENGA FATTA L'INCHIESTA, non DOPO quando hanno già deciso che è colpa sua ma, ahimè certi esami non si possono più ripetere quindi ci si deve fidare del perito del PM.
Ed infatti l'esempio che hai fatto del ristorante non c'entra nulla

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 11 aprile 2014, 11:31

bulldog89 ha scritto:Sinceramente mi piacerebbe proprio che chi sta sputando m***a su SEA fosse al posto dei dipendenti attuali, e che io fossi il loro supervisore.
Al primo che sbuffa, non sorride, non è cortese, o prova solo ad immaginare uno sciopero gli tirerei una badilata sui denti, per poi ricordargli di stare zitto e lavorare al meglio per preservare la vetrina dell'Italia.

Io non voglio un forum per soli tecnici, ma un forum con utenti del tipo:

Conosco qualcosa dell'argomento di cui si discute? Sì: esprimo la mia opinione e mi confronto con gli altri. No: sto zitto e leggo per informarmi.
però decidi tu chi conosce qualcosa dell'argomento di cui si discute :mrgreen:

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 515
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da willy73 » 11 aprile 2014, 11:36

flyingbrandon ha scritto:
willy73 ha scritto:[
; ma nel ritardo nella consegna del bagaglio o dell'arrivo della scaletta ci metto eccome il becco. E' vero forse sono a metà personale quel giorno, è vero, forse le scalette sono tutte occupate perché quel giorno molti finger non funzionano, o si è rotto il trattore (so che sono cose che accadono, a me è successo che se ne rompesse uno durante il push down -si dice così?- e abbiano dovuto aspettare mezzora che se ne liberasse un altro), ma sono eventi eccezionali... se su 10 volte accade 8 faccio fatica a pensare di essere sfigato e inizio a pensare che sia la regola.
Vedi...il becco lo metti, ma lo metti male. Se la struttura è così...i trattori sono quelli...non sono a metà personale quel giorno...lo sono SEMPRE...però l'idea è comunque tagliare. Proprio per questi motivi dovresti incazzarti anche tu con la SEA ma non con chi ci lavora....visto che , come dimostri NON sai come lavorano. Stai facendo esattamente l'errore di commentare un atterraggio. Quindi dovresti, semmai, dare solidarietà e non dire di rimboccarsi le maniche se è il tuo pensiero. Dai...non è difficile capire che convenga parlare di ciò che sai, il ritardo (8 su 10 comunque sei sfigato tu) e non della natura del ritardo che attribuisci al fancazzismo. Se anche fosse vero, ma tu non lo sai, sarebbe comunque un commento a sproposito. Qua nessuno sta difendendo l'azienda ma chi ci lavora...e neanche la persona stessa ma il suo diritto a non voler essere sfruttato e quello di evitare che giochino alla speculazione con il suo posto di lavoro.
willy73 ha scritto: Io ho visto negli aeroporti milanesi e a FCO tanti che si sbattono ma molti di più che se ne sbattono...
Il problema è che non c'è mai un briciolo di autocritica e così per difendere sempre a spada tratta una categoria ci vanno di mezzo anche quelli che si sbattono.
Cioè che vedi? Se vedi uno che si riposa sai cosa ha fatto fino a quel momento? Se ha finito il turno o aspetta di iniziarlo? Se è in pausa? Spiegami...
willy73 ha scritto: Tu prova a dire ad un qualunque lavoratore italiano di qualsiasi categoria (dal metalmeccanico al quadro), di qualunque tipologia (pubblico, privato, parastatale) di qualsiasi campo che potrebbe fare di più. Ti risponderanno tutti che loro si ammazzano di lavoro, che tu neanche immagini in che condizioni lo fanno e che la colpa è del management che non capisce un razzo.
Parli di autocritica ma stai facendo solo critica. I commenti del cacchio, di dare la colpa sempre ad altri, è esattamente quello che fate voi in questo post. Più sali e più ci sono colpe perché in alto ci sono le responsabilità...anche fosse solo quella della gente che assumi. Quindi, anche se una analisi troppo semplicistica è più reale della vostra.
willy73 ha scritto: Sarà questo il problema dell'Italia, un popolo che s'ammazza di lavoro ma che spesso dà un risultato scadente perché non ha i mezzi o perché ha i capi fessi e incapaci. Pochi giorni fa sono entrato in una cancelleria, erano in tre, con un ritmo di lavoro da Copacabana, uno ascoltava la musica, uno guardava fuori dalla finestra l'altro commentava ad alta voce un articolo di giornale sullo stress da lavoro dicendo " uh devo farlo leggere al mio capo". Ho aspettato 10 minuti prima che qualcuno mi dicesse "prego venga" anzi "venga" senza prego (perché se non aspetti sulla soglia e ti avvicini direttamente ti dicono "un attimo!" e ti fanno aspettare apposta): anche loro ti diranno che si ammazzano di lavoro
Non lo so.. se quello è il tuo settore e lo critichi non lo metto in dubbio. Se lo fai in un settore in cui non lavori vale poco...comunque quelli che non fanno un c***o, perché esistono, rovinano quelli che fanno tanto. Sai perché? Perché arrivi tu e dici che non fanno un c***o e che quindi dovrebbero darsi da fare. Ovviamente quello che non fa un c***o lo sa e non je frega niente di quello che dici tu....quello che fa si trova anche "l'esperto di turno" che gli dice come e cosa dovrebbe fare pur facendo tutto nella vita tranne che quel lavoro...frustrante non trovi?
Ciao!
Ci rinuncio, d'accordo i lavoratori SEA e di FCO sono il top, i problemi sono solo la mancanza di mezzi e l'incapacità dei dirigenti e io sono particolarmente sfigato (negli aeroporti italiani) :?
Continuate dritti senza mai porvi un dubbio

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da bulldog89 » 11 aprile 2014, 13:02

willy73 ha scritto:
bulldog89 ha scritto:Sinceramente mi piacerebbe proprio che chi sta sputando m***a su SEA fosse al posto dei dipendenti attuali, e che io fossi il loro supervisore.
Al primo che sbuffa, non sorride, non è cortese, o prova solo ad immaginare uno sciopero gli tirerei una badilata sui denti, per poi ricordargli di stare zitto e lavorare al meglio per preservare la vetrina dell'Italia.

Io non voglio un forum per soli tecnici, ma un forum con utenti del tipo:

Conosco qualcosa dell'argomento di cui si discute? Sì: esprimo la mia opinione e mi confronto con gli altri. No: sto zitto e leggo per informarmi.
però decidi tu chi conosce qualcosa dell'argomento di cui si discute :mrgreen:
No, risulta palese dalla % di razzate che vengono dette o da quanti luoghi comuni vengono scritti.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 11 aprile 2014, 14:31

willy73 ha scritto: Ci rinuncio, d'accordo i lavoratori SEA e di FCO sono il top, i problemi sono solo la mancanza di mezzi e l'incapacità dei dirigenti e io sono particolarmente sfigato (negli aeroporti italiani) :?
Continuate dritti senza mai porvi un dubbio
Mi verrebbe da chiederti dove ho mai scritto che SEA e FCO sono al top...dove tutti lavorano bene ed onestamente....ma non vorrei rubare del tempo alla tua autocritica e al tuo lavoro...quindi ok....rinunciamo.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5561
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da Ponch » 11 aprile 2014, 17:41

mormegil ha scritto:
N176CM ha scritto: In Germania i piloti LH hanno scioperato 3 giorni, hanno bloccato tutto, ma non risciopereranno domani e dopodomani etc etc
In Germania i sindacati sono una cosa seria, però.
Da quello che sento, determinati diritti iniziano ad essere un optional anche nelle compagnie aeree cosiddette serie. L' ho gia' detto, e' un gioco al ribasso e ho la sensazione che tra un po' di anni no c'e' ne' sara' piu' per nessuno, come si suol dire. Fino a quando ci sono quelli che "stanno meglio di me", rimango piu' o meno tranquillo.
Qualora fosse necessario, so che se non vado a lavorare, l' aereo rimane sul piazzale. Proprio come hanno fatto i colleghi Tedeschi.
In Italia il problema e' che rischi di non combinare nulla anche se per 3 giorni nessuno decolla. Purtroppo.
Is it light where you are yet?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 11 aprile 2014, 17:47

Ponch ha scritto: In Italia il problema e' che rischi di non combinare nulla anche se per 3 giorni nessuno decolla. Purtroppo.
Questo è vero...purtroppo...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3211
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da Limosky91 » 12 aprile 2014, 0:11

Brandon scusa ma quando mai ho detto che sogno aziende in cui non si può ribattere, posti in cui bisogna essere grati perché si lavora, etc...tu addirittura parli di schiavismo che è quanto di più lontano io ho in mente per il mio futuro.
Sarà utopico ma io sono un'azienda dove la parola "sciopero" non esiste semplicemente perché non ce n'è bisogno, perché i problemi, che pur sempre esisteranno, potranno essere risolti con un pacifico confronto tra impiegati e management. è chiaro che non è facile, forse veramente utopico, ma in alcune piccole realtà vedo che la comunicazione è molto più agevole, molto più snella e c'è più comprensione. Nelle grandi realtà si tratta di migliorare ulteriormente la comunicazione e ravvicinare le distanze tra dirigenti e altri impiegati (magari promuovendo a dirigente proprio chi ha iniziato come semplice stagionale e "ha fatto carriera".
Per quanto riguarda gli scioperi continuo a ripeterlo: migliorare l'immagine dell'azienda aiuta ad ottenere più risultato da uno sciopero. Se sciopera un'azienda che puntualmente mi tratta a pesci in faccia è normale che della situazione precaria di quell'azienda non me ne possa fregare de meno proprio perché mi tratta sempre o quasi male, mentre se sciopera un'azienda con la quale mi sono sempre o quasi trovato bene è naturale che io mi possa preoccupare per la compagnia e il personale che lavora in essa. In SEA un utente normale che parte conosce? Quella di front line, ovviamente. Allora non è forse un bene selezionare adeguatamente personale di front line capace di servire adeguatamente il cliente? E chi fa bene il proprio lavoro, che sia in SEA o in altre società, non dovrebbe far presente a chi invece lo fa male che così non solo rovina l'azienda ma anche gli altri lavoratori?

Bulldog ok sganasciate sui denti non me ne arrivano grazie al cielo (anche perché sarebbe violenza sul lavoro :mrgreen: ) però se un mio superiore mi becca fare smorfie o rispondere male ad un cliente la prima volta mi redarguisce, la seconda scatta l'ammonizione e alla terza ci sono sanzioni (alla quarta non so e non voglio provare).
Io non lo trovo ingiusto, l'azienda mi ha assunto perché ha fiducia in me e ha fiducia nel fatto che io faccia bene il mio lavoro e nel far bene il mio lavoro è anche incluso il non fare smorfie o rispondere male alla gente e di tenere un comportamento decoroso.
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: INFO SEA-AEROPORTI MILANO

Messaggio da flyingbrandon » 12 aprile 2014, 9:06

Limosky91 ha scritto:Brandon scusa ma quando mai ho detto che sogno aziende in cui non si può ribattere, posti in cui bisogna essere grati perché si lavora, etc...tu addirittura parli di schiavismo che è quanto di più lontano io ho in mente per il mio futuro.
Benissimo...figurati se non auspico anche io qualcosa di analogo. Per ottennerlo, però, non puoi fare altro che difendere e non "imprecare" quando viene esercitato un diritto.
Limosky91 ha scritto: Sarà utopico ma io sono un'azienda dove la parola "sciopero" non esiste semplicemente perché non ce n'è bisogno, perché i problemi, che pur sempre esisteranno, potranno essere risolti con un pacifico confronto tra impiegati e management. è chiaro che non è facile, forse veramente utopico, ma in alcune piccole realtà vedo che la comunicazione è molto più agevole, molto più snella e c'è più comprensione. Nelle grandi realtà si tratta di migliorare ulteriormente la comunicazione e ravvicinare le distanze tra dirigenti e altri impiegati (magari promuovendo a dirigente proprio chi ha iniziato come semplice stagionale e "ha fatto carriera".
Non è utopia...è possibile arrivate a quello che dici. Ma che non ce ne sia bisogno è un discorso...ma se c'è lo fai. In piccole aziende (e non solo in quelle) gestite "bene" si sono visti miracoli in tal senso...se il "capo" è una persona che lega...i risultati sono ottimi e lo sciopero non si vede mai. Questo passa dall'assumere gente in gamba, dal essere capaci di motivare, di far sentire che il merito di un successo è basato sulla cooperazione... dall'uomo delle pulizie che rende confortevole un ambiente al capo stesso che è capace di mantenere questo clima collaborativo. Ma questo discorso non ha niente a che fare con ciò che accade in SEA, e se parli in questo modo mi rendo conto che tu non solo stia ignorando i motivi dello sciopero ma che non abbia la più pallida idea di quale sia il clima in queste grosse aziende dove, il contatto con la politica trasforma l'azienda in un "pretesto" per muovere, smuovere, riciclare, restituire favori o aggraziarsi altri poteri. Ciò che non viene assolutamente considerato è proprio il collegamento, l'aspetto umano, tra il potere "alto" e il bagaggista. puoi arrivare al punto che l'ultima ruota della carro DEVE far sentire di essere pure l'ultima ruota del carro ma pur sempre una persona. Lo sciopero è un mezzo...non l'unico...non sempre efficace, spesso strumentalizzato proprio dal potere forte che ha capito di come crearsi davanti all'opinione pubblica un'ottima vetrina....soprattutto in Italia...e l'esempio con AZ poco prima della CAI ne è un esempio.
Limosky91 ha scritto: Per quanto riguarda gli scioperi continuo a ripeterlo: migliorare l'immagine dell'azienda aiuta ad ottenere più risultato da uno sciopero. Se sciopera un'azienda che puntualmente mi tratta a pesci in faccia è normale che della situazione precaria di quell'azienda non me ne possa fregare de meno proprio perché mi tratta sempre o quasi male, mentre se sciopera un'azienda con la quale mi sono sempre o quasi trovato bene è naturale che io mi possa preoccupare per la compagnia e il personale che lavora in essa. In SEA un utente normale che parte conosce? Quella di front line, ovviamente. Allora non è forse un bene selezionare adeguatamente personale di front line capace di servire adeguatamente il cliente? E chi fa bene il proprio lavoro, che sia in SEA o in altre società, non dovrebbe far presente a chi invece lo fa male che così non solo rovina l'azienda ma anche gli altri lavoratori?
Si ma tu confondi SEA azienda con SEA lavoratori facenti parte di quella azienda. L'immagine la migliora il dipendente messo nelle condizioni ,dall'azienda, di farlo....e la scelta del dipendente stesso è un punto cruciale ma è un qualcosa che fa SEA Azienda e non SEA quella del checkin simpatica. Non so se ti è chiaro....perché è un punto fondamentale.
Ciò che cerchi tu non è diverso da quello che cerco io...e ti ribadisco che se l'operazione dovesse andare in porto, da parte dell'azienda, avresti le stesse persone, solo in numero minore, a fare lo stesso lavoro più faticosamente e meno pagate...questo è ciò che vuole l'azienda....questo è quello che i lavoratori cercano di evitare. Dei disservizi poco importerebbe...perché la mentalità non è "più efficienza più lavoro e tutti più contenti" ma "minore spesa tanto il lavoro ce l'ho lo stesso"...la parola è sempre tagliare tagliare tagliare...tagliare a volte è necessario...ma è una toppa momentanea se l'idea è espandersi. Poi non tagliano mai dove ci può essere il loro secondo fine...tagliano dove, per loro, non cambia niente. Per "loro" intendo i poteri forti...e quando una situazione è complessa...molto più grande di quella che vedi tu...sarebbe meglio evitare uscite come quelle nei primi post perché non fai altro che collaborare a quel clima di "non distensione"...vai quindi in direzione opposta. Vista la tua utopia , basata su una migliore comunicazione, immagino che se fossi un dirigente ascolteresti i problemi e di attiveresti, dove possibile, giusto? Allora perché qua "spari" quelle frasi "rimboccatevi le maniche e lavorate" prima di aver compreso bene i meccanismi che operano all'interno, le motivazioni degli addetti, i disagi, le loro condizioni e poi, valutare cosa per te sia giusto o no? Magari arrivi alla stessa conclusione ma con un bel po' di conoscenza in più. Se, non hai voglia, io eviterei di "sparare giudizi" su ciò che ignori. Non trovi che sia un modo più simile alla tua visione di agire? Puoi iniziare anche prima di essere diventato Mega Manager no?
Ciao!
Ciao!


P.S: volevo inoltre aggiungere che, per risolvere dei problemi, bisognerebbe avere in mente la situazione attuale e quello che si vuole ottenere. Ti garantisco che per la SEA, per AZ e perfino per lo stato Italiano il fine, a livello aziendale, non è quello di avere persone capaci E costruttive ma persone, sì capaci ma OBBEDIENTI...e preferiscono rinunciare all'essere capaci piuttosto che all'OBBEDIENZA....e, proprio per questo lo sciopero rappresenta il massimo della NON OBBEDIENZA...e, nel momento in cui sarà "totale" l'azienda non potrà far altro che comunicare. Altrimenti, ordinare non è "comunicare"....
Ultima modifica di flyingbrandon il 12 aprile 2014, 9:24, modificato 1 volta in totale.
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Rispondi