Cos'è per te il pilota militare

Area dedicata alla discussione sull’Aviazione Militare, gli Aerei, i Reparti e le Basi, le Pattuglie acrobatiche

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
solidshot
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 50
Iscritto il: 28 novembre 2007, 14:42
Località: Trieste-Belluno

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da solidshot » 23 marzo 2008, 11:23

Alain come la pensi riguardo il livello di selezione tra piloti civili e piloti militari?
Ovvero: se tenti di intraprendere la via militare, basta poco per essere sbattuti fuori... Se lo fai da civile e non passi qualche esame, pagandosi le ore di volo in più necessarie al raggiungimento dello standard richiesto (considerando una disponibilità finanziaria pressoché illimitata) più o meno tutti hanno la possibilità di brevettarsi...
Certo, per arrivare ai livelli dell'ATPL bisogna studiare un sacco e gli esami con l'ENAC non sono per niente semplici, anzi... Penso però che la consapevolezza di poter fare e rifare gli esami un numero illimitato di volte dia ai piloti civili una tranquillità in più (non indifferente) che i piloti militari non hanno.
Una volta che avrete imparato a Volare,
camminerete sulla terra guardando il cielo,
perchè è là che siete stati ed è là che vorrete tornare.

(Leonardo Da Vinci)

Avatar utente
solidshot
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 50
Iscritto il: 28 novembre 2007, 14:42
Località: Trieste-Belluno

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da solidshot » 24 marzo 2008, 13:27

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali;
consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni;
promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
Quando si cita l'articolo 11 lo si dovrebbe fare in modo corretto e completo. Molti si fermano al primo inciso, il secondo direi che è di per sé esplicativo.
Resta il fatto che ogni santa volta in cui un soldato italiano spara un colpo, per i soliti noti si deve a tutti i costi parlare di guerra, quando in realtà non occorre essere esperti del settore per capire che così non è...
La definizione Military Operation Other Than War (MOOTW), ora Crisis Response Operation (CRO) chiarisce in modo inequivocabile tali tipologie d'impiego.
Scusate per l'off-topic pseudo-politico, mi sembrava doveroso mettere un paio di puntini su altrettante "i".
Concordo con quanto ha riportato Draklor, ed aggiungo che i piloti militari (quindi AM, MM e CP) che passano sull'ala rotante, pur avendo volato su jet (che sono comunque biposto, anche se da allievi o frequentatori non si può certo parlare di CRM) hanno l'opportunità di affinare le proprie doti di collaborazione "on board" con il copilota/secondo pilota/comandante... Se poi dovessero congedarsi ed abbracciare una Compagnia Aerea tornando quindi sull'ala fissa, non credo che sarebbero poi così scarsi...
Una volta che avrete imparato a Volare,
camminerete sulla terra guardando il cielo,
perchè è là che siete stati ed è là che vorrete tornare.

(Leonardo Da Vinci)

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da Morpheus7 » 24 marzo 2008, 18:57

si penso doverosissimo lo stavo per fare anch'io ma poi ho letto il tuo correttisssimo post
Immagine Luigi G. :indian:

Avatar utente
M4tt_89
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 18
Iscritto il: 6 dicembre 2007, 17:59
Località: Padru

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da M4tt_89 » 14 aprile 2008, 22:03

Il pilota innanzitutto è un militare come è già stato detto, presta giuramento al Tricolore italiano, alla patria. In volo e a terra non si lascia perdere d'animo, in qualsiasi situazione, pensare ed agire per lui sono una singola azione, una volta nell'abitacolo dell'aereo forma una cosa sola con la macchina ai suoi comandi.

Per molti ragazzi e ragazze il pilota è.... un traguardo, quello che mi sono posto io, come molti altri, nel momento in cui ho spedito l'iscrizione al concorso.

Avatar utente
I-FORD
B777 Captain
B777 Captain
Messaggi: 547
Iscritto il: 11 luglio 2006, 1:43

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da I-FORD » 25 aprile 2008, 4:04

E' un dipendente pubblico (militare) che usa come strumento di lavoro l'aeroplano(pilota).
Meno poetico di così non riesco a definirlo.
Se comincio ad analizzare PERCHE' una persona sceglie di fare il pubblico dipendente in una forza armata ed usare come arma un aeroplano (o elicottero) e COME svolge il suo ruolo, la poesia viene fuori per forza, quindi mi astengo.

Avatar utente
innox
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 257
Iscritto il: 25 marzo 2008, 22:49
Località: Lucca (lirq) & LIRP

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da innox » 25 aprile 2008, 14:56

Draklor ha scritto:Oddio,non me fà sentì un dipendende pubblico te prego... :P
:cheers:

Si ti prego... (anche se è così...)
It's always better to be down here wishing you were up there than up there wishing you were down here.

Avatar utente
solidshot
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 50
Iscritto il: 28 novembre 2007, 14:42
Località: Trieste-Belluno

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da solidshot » 26 aprile 2008, 9:43

I-FORD ha scritto:E' un dipendente pubblico (militare) che usa come strumento di lavoro l'aeroplano(pilota).
Meno poetico di così non riesco a definirlo.
Se comincio ad analizzare PERCHE' una persona sceglie di fare il pubblico dipendente in una forza armata ed usare come arma un aeroplano (o elicottero) e COME svolge il suo ruolo, la poesia viene fuori per forza, quindi mi astengo.
Noto una forte vena polemica... O sbaglio? :?:
Una volta che avrete imparato a Volare,
camminerete sulla terra guardando il cielo,
perchè è là che siete stati ed è là che vorrete tornare.

(Leonardo Da Vinci)

Avatar utente
jack313
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 8
Iscritto il: 19 marzo 2008, 18:52
Località: ...

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da jack313 » 26 aprile 2008, 16:16

Ovviamente non sono all'altezza di alcune discussioni, per le quali l'esperienza sul campo, anzi l'esperienza anche minima, mi manca. Quindi nei confronti di tutti coloro che hanno già raggiuto il loro obbiettivo, e lavorano nel settore, chiedo scusa se sbaglierò qualcosa. Comunque tornando al tema, quello che posso dire benchè io stia ancora cercando di ottenere quello per cui vivo, è che:
non ricordo sinceramente un giorno o un'ora precisa nella quale ho detto a me stesso che questa sarebbe stata la mia strada, ricordo che dentro di me nasceva sempre più forte il desiderio di appartenere a quelle forze che ogni giorno difendono quello che è anche il mio paese. Ricordo che la voglia di poter essere anche io tra loro di poter assicurare a tutti i cittadini del mio paese la sicurezza della vita, cresceva. Questa crescita è arrivata al punto attuale che, non sentendomi ancora parte di questa famiglia, ogni volta che un militare, e non mi interessa il grado o l'arma, non riesco a trattenere dentro un senso di cattiveria di rammarico, difficile da spiegare, che mi incolpa in parte di non essere stato li al suo fianco per aiutarlo, ad assicurare il futuro per me, la mia famiglia, per voi, per il paese.
Questa sensazione è strana, ogni volta che si spegne una vita che ha dedicato la sua esistenza a proteggere ogni zolla del terreno Italiano, non mi trattiene, non nego di stare male, e non nego che la voglia di intraprendere la mia strada si faccia ancora più viva e forte.
Forse non mi so spiegare, ed è un male visto che dovrò fare il tema, ma è difficile. Solitamente questi discorsi, li faccio tra me e me, mentre corro per allenarmi e scacciare i pensieri, e trasciverli in modo tale che altri li possano capire è arduo.
Comunque il militare per me è colui che anche se non veste la divisa, la porta nel cuore e nella testa, non si spoglia mai di essa, sa che il comportamento da tenere non è un'imposizione(e qui concordo con quanto è stato detto in precedenza, da un ex allievo, ora istruttore), ma una scelta di vita. E' colui che il tricolore lo porta sempre con se, non lo dimentica in armadio.
Il militare è quella persona che prima di prestare giuramento durante la cerimonia, lo giura a se stesso, giura di rispettare la Costituzione, le Leggi, di poteggere il suo Paese, e i suoi cittadini. Credo che la cerimonia sia di vitale importanza per coronare un traguardo, ma sostengo fortemente che il vero giuramento è quello che si presta a se stessi, mettendosi una mano sui valori per i quali si è disposti a morire. Per quanto riguarda il pilota, oltre a valere quello che è gia stato detto, credo che le parole nella firma di "solidshot" esprimano molto meglio di quello che potrei farfugliare io...
Non credo di essere stato troppo chiaro, quindi chiedo scusa, spero di non aver fatto poesia "Morpheus7", ma è il modo migliore che ho trovato per rispondere alla tua domanda..
Un saluto..
VIRTUTE SIDERUM TENUS

Avatar utente
Eberk89
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 73
Iscritto il: 18 dicembre 2007, 22:29
Località: troppo distante dal cielo
Contatta:

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da Eberk89 » 27 aprile 2008, 10:56

riguardo al fare poesia, io penso che pilotare SIA poesia...che sia per trasportare gente da una parte all'altra del mondo e per difendere la propria patria, quindi è prossichè impossibile parlarne senza farne riferimento :)
grazie jack!

Avatar utente
innox
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 257
Iscritto il: 25 marzo 2008, 22:49
Località: Lucca (lirq) & LIRP

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da innox » 27 aprile 2008, 16:20

...mmm ...
:scratch:
poesia & arte sono insiti, in misure differenti, in ognuno di noi.
Anche dipingere una parete, o infiocchettare un pacco regalo, sono "forme d'arte"...tutto sta è la passione che vi si mette.
Io la vedo così. :wink:
It's always better to be down here wishing you were up there than up there wishing you were down here.

Avatar utente
Eberk89
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 73
Iscritto il: 18 dicembre 2007, 22:29
Località: troppo distante dal cielo
Contatta:

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da Eberk89 » 28 aprile 2008, 15:13

proprio così, solo che ad alcuni non piace fare fiocchetti rosa sulle tende ma gli ispira più poesia farsi un giro in barca a vela... o non riesce a esprimersi dipingendo una parete ma sente tutto se stesso tenendo un aereo... sono inclinazioni personali, da non sottovalutare :P
d'accordo con te

Avatar utente
Morpheus7
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 986
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 16:16

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da Morpheus7 » 3 maggio 2008, 15:10

innox ha scritto:...mmm ...
:scratch:
poesia & arte sono insiti, in misure differenti, in ognuno di noi.
Anche dipingere una parete, o infiocchettare un pacco regalo, sono "forme d'arte"...tutto sta è la passione che vi si mette.
Io la vedo così. :wink:
ecco è arrivato prima di me ... :D

alcuni mi direte "per me volare militare è solo poesia "
mah in volo non poeteggi ... fai cose di stretta pragmaticità devono essere utili non belle e piacevoli da sentire questo è valido particolarmente per i militari (ciò che mi interessa ) , poi sicuramente viene anche il piacere di volare ,mah prima viene il dovere del piacere

se sei un militare volare non è un hobby mah un lavoro , che sicuramente ti piacerà , ma un lavoro da fare bene.e penso che con la poesia non possa essere assolutamente compiuto



...comunque mi riferivo al volo militare naturalmente il volo della "domenica" è poesia ...

corregetemi se sbaglio ...da quanto avrete capito sono uno a cui piacciono le cose pratiche non i vaneggiamenti :lol: :lol: :lol:
ciao belli
Immagine Luigi G. :indian:

Avatar utente
mAav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 423
Iscritto il: 28 maggio 2008, 23:22
Località: col corpo qua giù, ma con la mente lassù

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da mAav » 29 maggio 2008, 13:52

Ciao a tutti..sono nuovo, piacere!
per me 1 pilota dell A.M è prima di tutto 1 militare, cioè milita al servizio della patria e nel caso dell'Italia, quindi, per la sua difesa. 1 pilota è cosciente di ciò k fa..è consapevole k ogni qual volta stacca i piedi da terra x salire sull'aereo potrebbe exere l ultima..deve convivere con il timore del peggio (nn specifico cosa..tanto già si sa) ma deve superare le sue paure credendo pienamente nella sua attività.. oltre a exere il mestiere + fico del mondo è anke quello più pericoloso..deve sapere sfruttare le sue doti (deve avere le palle in pratica :mrgreen: ) x riuscire a cavarsela in ogni evenienza... onore a tutti i piloti
Immagine
...E vedrai che se e' destino staccherai i piedi da terra, in un modo o nell'altro..

Immagine

Avatar utente
MarcOne
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 482
Iscritto il: 2 novembre 2007, 19:23
Località: Milano

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da MarcOne » 25 giugno 2008, 15:37

Pilota Militare in Am significa rappresentare il nostro Paese, il nostro tricolore, nei cieli di tutto il mondo, con tutte le responsabilità e i rischi che ne comporta. Questo è uno degli aspetti principali che, oltre alla passione per il volo, deve motivare un pilota militare nella sua carriera. 8)
"...una volta che hai conosciuto il volo, camminerai sulla terra con gli occhi rivolti sempre in alto, perchè là sei stato, e là desideri tornare".(Leonardo da Vinci)

Jammy
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 101
Iscritto il: 26 maggio 2008, 13:33
Località: Avigliana - TORINO

Re: Cos'è per te il pilota militare

Messaggio da Jammy » 25 giugno 2008, 15:51

per me prima di tutto essere Pilota significa essere un soldato, quindi significa DIFENDERE LA PATRIA.
poi, in particolare il volo in generale, per me significa una cosa: LIBERTA


vedere tutte quelle rondini d' estate svolazzare nel cielo, mi da una sensazione di LIBERTA ASSOLUTA

Rispondi