Rapporti up and down coi voli

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
annacoci
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 luglio 2020, 18:41

Rapporti up and down coi voli

Messaggio da annacoci » 11 luglio 2020, 19:08

Ciao a tutti,
mi sono iscritta su questo forum trovato per caso, sperando di ricevere qualche indicazione a me utile. Son sconsolata, nella condizione di avere bisogno di leggere libri (non saprei quali scegliere), forse di fare un corso per la paura di volare, pensavo intanto di fare quello online di easyjet e chiedo, se qualcuno lo avesse fatto, di farmi sapere se sia stata una buona idea.

Premetto che ho 30 anni e ho sempre viaggiato molto, da piccola perché i miei andavano sempre in vacanza, a scuola perché ho partecipato a diversi progetti internazionali, nella vita perché vivo in sardegna ed ho studiato/lavorato fuori per diversi anni, tuttora lavorando nel settore artistico devo spostarmi di frequente. Ho fatto voli di medio e lungo raggio, anche transoceanici. Volare non mi è mai piaciuto, di base, ma ho sempre gestito la cosa abbastanza bene fino al 2015, in un momento in cui ho cominciato a soffrire di attacchi di panico. Ne soffrivo anche per strada e dentro ai negozi, quindi non erano connessi strettamente coi voli. Ho fatto voli fiumicino-olbia, voli da niente da 50 minuti, perdendo anni di vita: trasformando in terroristi tutti gli uomini con la barba, sudando freddo ad ogni turbolenza, non vedendo l'ora di scendere. Son andata in psicoterapia lo stesso anno, mi è capitato un terapeuta con la paura di volare e che aveva avuto attacchi di panico a sua volta: ci ho lavorato, ora li riconosco e addirittura sono riuscita a ridurli al massimo ad attacchi di ansia. Quando arrivano, gli apro la porta, respiro e mi dico che è un attacco di panico, come se fosse un postino. Può far ridere, ma di fatto ci ho fatto amicizia, mi ci è voluto un po'... prima prendevo delle gocce tipo lexotan prima/durante il volo a seconda del mio stato d'animo, negli ultimi anni ho volato senza particolare piacere ma comunque ho volato.
Ho avuto un'esperienza particolare a 14 anni, perchè un volo che facevo da Praga aveva avuto problemi ai freni e non riuscivamo ad atterrare; l'esperienza che tuttavia mi ha scioccato, risale a fine 2018. Ero su un volo di linea e ho vissuto i 20 minuti peggiori su un aereo in 30 anni: c'era un maestrale fortissimo con allerta meteo (di cui naturalmente ero già informata), mentre molti voli erano stati sospesi, tra cui quello che doveva decollare poco dopo l'orario di arrivo del mio, dirottato su alghero. La gente urlava ed era terrorizzata, sembrava di essere un dado dentro le mani di uno scuotitore professionista. Accanto a me avevo due signore abbastanza anziane che pregavano, persone che stavano male e altre da dietro che ridevano eccitate all'idea che stessimo per schiantarci. I rumori di questo povero velivolo erano tremendi, sembrava che si staccassero pezzi da un momento all'altro e non avevo mai visto piegarsi le ali in quel modo (anche se so che si piegano). Non sono mai riuscita a superare questa cosa. Nel mese di marzo 2019, la mattina ho annullato un volo perché non riuscivo a pensare di partire, nonostante avessi un corso importante da fare.
Da anni inoltre, non riesco a risalire ad una data specifica, soffro di vertigini al punto da non riuscire a stendere i panni lavati nei fili di un palazzo al 6° piano (questo mi crea più difficoltà del volo, addirittura). Io, che da piccola mi arrampicavo sulle ringhiere per sporgermi di sotto e pensavano mi volessi ammazzare..!
Il problema è che la mia vita sentimentale e professionale ha avuto delle botte molto forti nello stesso periodo (stessi anni): ho vissuto una relazione tossica con una persona che ha azzerato la mia autostima, in famiglia mi prendevan in giro per la paura di volare minimizzandola, sono stata lasciata definitivamente ed ho avuto una depressione a seguito di vari insuccessi accumulatisi.
Fatta tutta questa premessa, a fine mese devo prendere un volo per andare in vacanza da un amico. Sto lavorando per non togliermi niente di più di quanto già non mi sia stato tolto.Credo tuttavia di avere una amigdala che suona tipo sirena per ogni nonnulla: se sento un elicottero vicino a casa
penso che si stia per schiantare vicino a casa mia, sul mio tetto........
Da fine 2018 ad ora ho volato almeno altre 15 volte, a volte facendo 4 voli in una decina di giorni. Ho fatto 4 voli a dicembre e 2 voli a febbraio. E niente, sono in ansia. Già 3 settimane prima. Che cosa posso fare? :idea:

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da tartan » 12 luglio 2020, 0:58

Se potessi sarei li da te, ti prenderei fra le bracia e ti accompagnerei dove vuoi. Non posso, prima perchè sono lontano, poi perchè già ho da fare qualcosa di analogo, e poi perchè devi e dico devi cavartela da sola. Quando vai a dormire, azzera tutti i tuoi pensieri peggiori e preparati solo ed esclusivamente per gli impegni inderogabili e poi dormi e sogna. Dai sogni, anzi dal tipo dei sogni, saprai se stai migliorando.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11721
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da flyingbrandon » 13 luglio 2020, 10:57

annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08
Ciao a tutti,
mi sono iscritta su questo forum trovato per caso, sperando di ricevere qualche indicazione a me utile. Son sconsolata, nella condizione di avere bisogno di leggere libri (non saprei quali scegliere), forse di fare un corso per la paura di volare, pensavo intanto di fare quello online di easyjet e chiedo, se qualcuno lo avesse fatto, di farmi sapere se sia stata una buona idea.
Ciao! Tutto e niente ti può essere utile...soprattutto perchè, come da te intuito, la paura di volare non è che la conseguenza di un tuo modo di percepire la realtà che ti circonda e, di fatto, è proprio lavorando sulla tua percezione e sul tuo generare ansia che risolvi anche la paura di volare....ma, soprattutto, puoi iniziare a godere della tua esistenza che....stenterai a crederlo....ma non è necessariamente votata alla sofferenza.
annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08
Volare non mi è mai piaciuto, di base, ma ho sempre gestito la cosa abbastanza bene fino al 2015, in un momento in cui ho cominciato a soffrire di attacchi di panico.
Gestire, di per sè, non è una soluzione. Sopportare, se non è coadiuvato da altri comportamenti più sostanziali, non porta a risultati efficaci. Ma questo l’hai già visto....e non è affatto insolito che il tutto sfoci, poi, in attacchi di panico o altro. L’ansia , che non è un fattore esterno, bensì un prodotto della tua mente, altro non è che una spia che ti avvisa che il tuo modo di pensare non è funzionale al tuo vivere felicemente. Se tu accantoni, al posto di risolvere, il tuo malessere inizia ad “urlare”.
annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08

Può far ridere, ma di fatto ci ho fatto amicizia, mi ci è voluto un po'... prima prendevo delle gocce tipo lexotan prima/durante il volo a seconda del mio stato d'animo, negli ultimi anni ho volato senza particolare piacere ma comunque ho volato.
ciò che fai è corretto MA....sembra che ridurre il tutto ad attacco di ansia sia soddisfacente...e questo non va bene....perchè sembri contemplare o , peggio, dare per scontato che l’ansia debba essere un ingrediente della tua esistenza.
Hai detto che prima prendevi il lexotan....quindi suppongo che ora tu non lo prenda più....se così fosse....hai fatto benissimo. Difficilmente puoi uscire dai tuoi pensieri prendendo lexotan....anzi...spesso il tutto peggiora proprio perchè anche quello non è che un mezzo per soffocare un segnale...e non una cura.
annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08

Ho avuto un'esperienza particolare a 14 anni, perchè un volo che facevo da Praga aveva avuto problemi ai freni e non riuscivamo ad atterrare; l'esperienza che tuttavia mi ha scioccato, risale a fine 2018. Ero su un volo di linea e ho vissuto i 20 minuti peggiori su un aereo in 30 anni: c'era un maestrale fortissimo con allerta meteo (di cui naturalmente ero già informata), mentre molti voli erano stati sospesi, tra cui quello che doveva decollare poco dopo l'orario di arrivo del mio, dirottato su alghero. La gente urlava ed era terrorizzata, sembrava di essere un dado dentro le mani di uno scuotitore professionista. Accanto a me avevo due signore abbastanza anziane che pregavano, persone che stavano male e altre da dietro che ridevano eccitate all'idea che stessimo per schiantarci. I rumori di questo povero velivolo erano tremendi, sembrava che si staccassero pezzi da un momento all'altro e non avevo mai visto piegarsi le ali in quel modo (anche se so che si piegano). Non sono mai riuscita a superare questa cosa. Nel mese di marzo 2019, la mattina ho annullato un volo perché non riuscivo a pensare di partire, nonostante avessi un corso importante da fare.
Però vedi....quando hai messo per la prima volta la mano sul fuoco , in vita tua, hai capito, empiricamente che non è era una cosa saggia da fare. Perchè nonostante l’esperienza ti metta sempre di fronte al fatto che quelli non sono terroristi , che l’aereo balla ma fa parte della sua “natura” essere immerso in quel fluido che talvolta risulta essere turbolento, tu continui a vivere nella tua testa piuttosto che nella realtà? Ci hai mai pensato? Non avevi nulla da superare...soprattutto perchè una turbolenza così l’hai incontrata una volta sola...giusto? Perchè devi pensare, a terra, di incontrare chissà cosa?

annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08
Il problema è che la mia vita sentimentale e professionale ha avuto delle botte molto forti nello stesso periodo (stessi anni): ho vissuto una relazione tossica con una persona che ha azzerato la mia autostima, in famiglia mi prendevan in giro per la paura di volare minimizzandola, sono stata lasciata definitivamente ed ho avuto una depressione a seguito di vari insuccessi accumulatisi.

Ohhhhhhhh......ed eccoci a parlare di ciò che è veramente importante. Quindi l’aereo lasciamolo perdere ok?
Dunque...che la relazione fosse tossica ok...ma sbagli a credere che la persona abbia azzerato la tua autostima....perchè nessuno può azzerarti l’autostima. Solo che se non ce l’hai...allora credi a quello che te la vuole “togliere”....ma questo aspetto è un problema tuo. Anche la presa in giro....ok....dipende a che livello di presa in giro.....ma non è un fattore “determinante” la paura di volare. Minimizzare, spesso, è la soluzione più semplice per alleggerire un peso. Di certo meglio minimizzare che non ingigantire.
La mia impressione....da ciò che scrivi....è che oltre alla mancanza di autostima...sei anche sempre in attesa di un aiuto esterno....tendi a dare la colpa dei tuoi insuccessi a fattori avversi o relazioni “tossiche” o incapacità di capirti degli altri. Questo è un errore. Sei TU che hai in mano le redini della tua vita....sei TU che vivi generando ansia.....sei TU che hai deciso di vivere fino in fondo una relazione che , per te, era tossica. Sei TU che costruisci la tua autostima o misuri il tuo valore a seconda di ciò che gli altri ti dicono o la leghi agli eventi. La notizia buona è che puoi smettere di farlo...puoi iniziare a creare la tua autostima partendo da te stessa. Se non ti stimi tu...perchè dovrebbe farlo un altro? Se non trovi tu le motivazioni per stimarti....perchè dovrebbero o potrebbero gli altri?
annacoci ha scritto:
11 luglio 2020, 19:08
Fatta tutta questa premessa, a fine mese devo prendere un volo per andare in vacanza da un amico. Sto lavorando per non togliermi niente di più di quanto già non mi sia stato tolto.Credo tuttavia di avere una amigdala che suona tipo sirena per ogni nonnulla: se sento un elicottero vicino a casa
penso che si stia per schiantare vicino a casa mia, sul mio tetto........
Da fine 2018 ad ora ho volato almeno altre 15 volte, a volte facendo 4 voli in una decina di giorni. Ho fatto 4 voli a dicembre e 2 voli a febbraio. E niente, sono in ansia. Già 3 settimane prima. Che cosa posso fare?

Vedi? Anche qua....dici “niente di più di ciò che ti è stato tolto? Dov’è il tuo ruolo? Chi può toglierti qualcosa di veramente tuo? Una persona può interrompere una relazione...ma non può toglierti niente.
Si...la tua amigdala reagisce prontamente...però sei tu. Che bypassi poi l’utilizzo della tua neo corteccia frontale e la utilizzi solo per vivere qualcosa che non è realtà....e lo fai vivendo come se lo fosse. A che pro? Se è vero che ti può sorgere un pensiero o un dubbio spontaneamente....è altrettanto vero che hai la capacità di osservarlo , trattarlo....metterlo in discussione....e dare la giusta misura al pensiero stesso. Quindi...puoi fare tanto...senza aspettare che qualcosa o qualcuno faccia per te. Un buon inizio è vivere il momento....perchè stai scrivendo da una sedia e non dall’aereo....perchè quindi pensare a qualcosa che, al momento, non esiste? A maggior ragione che il pensare a qualcosa che non esiste non lo utilizzi per stare meglio....ma per generare ansia....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

annacoci
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 luglio 2020, 18:41

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da annacoci » 13 luglio 2020, 20:42

Ti ringrazio per la risposta particolarmente articolata, non è mia intenzione essere ingrata rispetto a quanto detto da te ma, devo dire, ci sono diverse e importanti imprecisioni.
Per quanto riguarda le relazioni, le relazioni non sono mai tossiche "per x persona", sono tossiche e basta. Non lo dico io, ma quintali di letteratura.
Rapporti che causano gravi danni psicosomatici quando non su altri fronti - ma credevo di essere su un forum sul volo, e non sulle manipolazioni mentali.
Le manipolazioni mentali ed affettive passano tramite il sistema limbico ed il cervello rettiliano. Se oggi molti uomini continuano a far violenza (anche quando non alzano le mani) è perché c'è troppa ignoranza, in Italia: siccome è quello di cui mi occupo a livello di studio, attualmente, apro e chiudo subito una parentesi perché non credo sia il caso di colpevolizzare una persona già vittima. Probabilmente è un argomento che non conosci e invito, pertanto, a non entrare in questioni che ho citato esclusivamente "a corredo" del mio post. Con la massima educazione, comunque.
Non mi sembra di avere mai scritto che la mia vita sia votata alla sofferenza; anzi, ho realizzato pur essendo giovane tante cose, e ho dei princìpi molto forti, come non è vero neanche che non avessi autostima in passato. Chiedere aiuto è un atto di umiltà e non mi aspetto affatto che ALTRI facciano per me, se sono stata in terapia è stato perché da sola ritenevo di non farcela. I farmaci ansiolitici e via dicendo sono aspetti che valuta il medico, di cui non dibattere a mio avviso, fra noi. In ogni caso posso concordare sul fatto che aiutino a "dissociarsi", ma vorrei vedere chiunque, se non riuscisse ad alzarsi dal letto per la tachicardia, o avessi i conati di vomito per mangiare, con un lavoro da portare avanti, cosa dovrebbe fare se non prendere qualcosa che appunto AIUTI :?: In genere chi accantona, non va dal terapeuta e non sviscera proprio niente... gestire :!: , credo che sia l'unica soluzione, invece, su tutto. Perché non esistono bacchette magiche e, se fosse tutto semplice come dici tu, nessuno scriverebbe su questo forum e neanche altrove.
Non capisco in sostanza quale sarebbe il consiglio, mi sembra un po' in generale la solita cosa che si dice a chi rompe le palle ed è complicato di suo. Se ragionassimo tutti così, arrivederci e grazie ai bambini plusdotati, agli autistici, alle persone HSP (di cui io faccio parte) ecc.
Io posso saltare 10 gradini senza necessariamente fratturarmi la tibia; ciò non vuol dire che se lo faccio una seconda volta non me la rompa, quindi: che c'entra il discorso che un volo sia andato bene, coi restanti voli della mia vita? Conosci la teoria del tacchino di Russell? Così puoi capire il perché della mia ansia. E siccome è presente, ti assicuro che non è qualcosa di "etereo", E' assolutamente realtà, come lo sono TUTTE le malattie mentali. Altrimenti continuiamo a pensare che contino solo i raffreddori... :roll:
Io stimo tante persone che non hanno avuto e non hanno una grande fiducia nelle loro capacità, quindi certe domande lasciano il tempo che trovano: ci sono meccanismi molto complessi a livello educativo, psicologico ecc.che infieriscono pesantemente sulle capacità della persona adulta. Ma ripeto, c'è tanta letteratura in merito e non doveva diventare un confronto di questo tipo. Son un pelo risentita poiché non sono affatto abituata a dare la colpa agli altri, ritengo di essere una persona molto obiettiva. Semplicemente non sono onnipotente, quindi se ho una difficoltà ne cerco le cause e vedo in primis cosa posso fare da sola. Ma son abituata a combattere mi son sempre fatta aiutare, dato che non mi ritengo medico tuttologo.
:arrow: Che bypassi poi l’utilizzo della tua neo corteccia frontale e la utilizzi solo per vivere qualcosa che non è realtà
Mi spiace, ma non ci si sveglia una mattina decidendo di bypassare il pensiero. Ancora una volta, fosse come dici tu non esisterebbero psicologi, tecniche di respirazione, mindfulness ecc.ecc. Insomma, credo da come scrivo di averti fatto capire che non sono la prima scemina del villaggio: nella vita capita a tutti di avere momenti no, senza necessariamente dover essere puniti per questo o esser tacciati di pigrizia mentale, o peggio ancora di autocrogiolarsi nella sofferenza. Sono giudizi un po' faciloni, alla buona, che rimando al mittente per preservare appunto la parte di me che sto ricostruendo con molta fatica. Forse non hai però vissuto certe esperienze, e te lo dico senza rancore. Ci son persone che ti TOLGONO, sì, anni di vita. Se hai tempo, fatti un giro per forum dove si parla di relazioni tossiche, o fatti una chiacchierata con donne vittime di abuso psichico... che si sono ammalate ed hanno perso lavoro, amici e casa. Poi ne riparliamo.
La violenza psichica anche se non si vede ha tanti risvolti, e bisogna informarsi, senza minimizzare il problema di chi SA di essere uscito da un rapporto simile... :blackeye:
Buona riflessione :-) e grazie comunque.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11721
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da flyingbrandon » 14 luglio 2020, 0:17

annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Per quanto riguarda le relazioni, le relazioni non sono mai tossiche "per x persona", sono tossiche e basta. Non lo dico io, ma quintali di letteratura.
A questo punto dovresti specificare cosa intendi esattamente per relazione "tossica". Ci sono quintali di letteratura anche sul nostro ruolo nel "rovinarci la vita" e, soprattutto, permettere che qualcuno ce la rovini.
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Rapporti che causano gravi danni psicosomatici quando non su altri fronti - ma credevo di essere su un forum sul volo, e non sulle manipolazioni mentali.
Le manipolazioni mentali ed affettive passano tramite il sistema limbico ed il cervello rettiliano. Se oggi molti uomini continuano a far violenza (anche quando non alzano le mani) è perché c'è troppa ignoranza, in Italia: siccome è quello di cui mi occupo a livello di studio, attualmente, apro e chiudo subito una parentesi perché non credo sia il caso di colpevolizzare una persona già vittima.
La manipolazione prevede un manipolatore e un manipolato. Io non ho colpevolizzato nessuno. Attribuire un ruolo non significa necessariamente giudicare o colpevolizzare. I danni psicosomatici certo che esistono...ma non ho capito il nesso con ciò che ho detto io. Comunque sì....sorpresa delle sorprese, negli anni si è manifestato che la paura di volare è spesso , se non in rari eventi traumatici, proprio la proiezione di altre problematiche che nulla hanno a che vedere con il volo. Come puoi vedere, sebbene forse tu abbia deciso che ci fosse un nesso casuale invece di causale, anche nel tuo caso il peggioramento non era dovuto all'aereo...ma tutto ciò che ti circondava in quel momento ti ha appesantito la già non piacevole , dal tuo punto di vista, esperienza legata al volo.
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42

Probabilmente è un argomento che non conosci e invito, pertanto, a non entrare in questioni che ho citato esclusivamente "a corredo" del mio post. Con la massima educazione, comunque.
Quindi il fatto che non condividi il mio punto di vista o il mio approccio ti porta automaticamente a dire che sia un argomento che non conosco?
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Non mi sembra di avere mai scritto che la mia vita sia votata alla sofferenza; anzi, ho realizzato pur essendo giovane tante cose, e ho dei princìpi molto forti, come non è vero neanche che non avessi autostima in passato. Chiedere aiuto è un atto di umiltà e non mi aspetto affatto che ALTRI facciano per me, se sono stata in terapia è stato perché da sola ritenevo di non farcela.
Non l'hai scritto. Ma la sofferenza è un concetto soggettivo. Non mi sembra una esistenza allegra. Dal mio punto di vista un'esistenza che si sviluppa tra ansie e fobie non la definirei né felice, né rilassata né funzionale a sviluppare il potenziale di ciascuno di noi. L'avere principi molto forti non ha particolare attinenza con la qualità della vita. Mi fa piacere che tu abbia dei principi molto forti che ti guidano...ma, evidentemente, non sono la chiave.
Ho da qualche parte criticato o messo in discussione la tua scelta di andare in terapia? Non mi pare. Chiedere aiuto è un atto di saggezza qualora servisse...non necessariamente di umiltà. Ci sono persone che "smarcano" la richiesta di aiuto tanto per potersi imbastire l'alibi del "ho fatto di tutto ma...."....ma non mi pare di averti attribuito questo. Non l'ho fatto semplicemente perchè ancora non era emerso nulla a riguardo. E' emersa la poca autostima...sia dalle parole che dalle tue dichiarazioni "esplicite" in tal senso. Difficilmente una forte autostima basata sul rapporto con noi stessi viene abbattuta da un'altra persona. Io parlo delle esperienze dirette o indirette che ho avuto modo di vivere...se per te non è così...ok.

annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
I farmaci ansiolitici e via dicendo sono aspetti che valuta il medico, di cui non dibattere a mio avviso, fra noi. In ogni caso posso concordare sul fatto che aiutino a "dissociarsi", ma vorrei vedere chiunque, se non riuscisse ad alzarsi dal letto per la tachicardia, o avessi i conati di vomito per mangiare, con un lavoro da portare avanti, cosa dovrebbe fare se non prendere qualcosa che appunto AIUTI :?:
Beh ma ne hai parlato tu mica io....hai usato tu il passato mica io. Mi rallegravo che non ne facessi più uso legato alla paura di volare...perchè raramente hanno effetto o rappresentano una soluzione in tal senso.
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
In genere chi accantona, non va dal terapeuta e non sviscera proprio niente... gestire :!: , credo che sia l'unica soluzione, invece, su tutto. Perché non esistono bacchette magiche e, se fosse tutto semplice come dici tu, nessuno scriverebbe su questo forum e neanche altrove.
Dove ho parlato di facilità? In quale contesto? Di certo trovo più difficile il tuo stile di vita e di pensiero...
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Non capisco in sostanza quale sarebbe il consiglio, mi sembra un po' in generale la solita cosa che si dice a chi rompe le palle ed è complicato di suo. Se ragionassimo tutti così, arrivederci e grazie ai bambini plusdotati, agli autistici, alle persone HSP (di cui io faccio parte) ecc.
Scusa....ma proprio non mi è passato dall'anticamera del cervello che fossi una rompipalle...e mi sembra che tu abbia la tendenza ad interpretare un po' come pare a te...
Come puoi aspettarti un consiglio "in sostanza"? Cerchi qualcosa tipo "fa la pipì prima dell'imbarco contando fino a 7" ? Di solito si sviluppa un discorso...il consiglio comunque , in embrione c'era, ma non ti è arrivato...
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Io posso saltare 10 gradini senza necessariamente fratturarmi la tibia; ciò non vuol dire che se lo faccio una seconda volta non me la rompa, quindi: che c'entra il discorso che un volo sia andato bene, coi restanti voli della mia vita? Conosci la teoria del tacchino di Russell? Così puoi capire il perché della mia ansia. E siccome è presente, ti assicuro che non è qualcosa di "etereo", E' assolutamente realtà, come lo sono TUTTE le malattie mentali. Altrimenti continuiamo a pensare che contino solo i raffreddori... :roll:
Beh sai...non è solo il tuo volo ad essere andato bene. Se vuoi applicare il principio del tacchino e dell'empirismo ingenuo direi che l'aereo è l'ultimo dei problemi....non trovi? Dormi tutte le sere nel letto ma...chissà...un evento imprevisto , un cigno nero, potrebbe stravolgere le tue convinzioni basate sullo storico fino a quel momento. Ma questo non causa ansia...e proprio tu, con la tua preparazione, mi parli di "causa" della tua ansia basata sull'empirismo ingenuo? Oppure tu, di fatto, non vivi nessuna esperienza perchè chissà cosa potrebbe accadere. In base a cosa decidi ? La macchina la guidi? Una passeggiata la fai?
No...non è realtà. Tu lo vivi come se fosse reale ma se stai pensando ad un aereo che cade mentre sei seduta sul divano a 3 settimane di distanza dal volo è fisicamente evidente che non sia reale. Io non ho detto che non "soffri" realmente....che non stia male realmente...ma ho detto che "confondi" il tuo pensiero con la realtà. Il fatto che il tuo corpo reagisca alla "minaccia" non significa che la minaccia esista. Però se non riconosci neanche che l'evento non sia reale nonostante lo siano le tue reazioni fisiche...non so che dirti...
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
Io stimo tante persone che non hanno avuto e non hanno una grande fiducia nelle loro capacità, quindi certe domande lasciano il tempo che trovano: ci sono meccanismi molto complessi a livello educativo, psicologico ecc.che infieriscono pesantemente sulle capacità della persona adulta. Ma ripeto, c'è tanta letteratura in merito e non doveva diventare un confronto di questo tipo. Son un pelo risentita poiché non sono affatto abituata a dare la colpa agli altri, ritengo di essere una persona molto obiettiva. Semplicemente non sono onnipotente, quindi se ho una difficoltà ne cerco le cause e vedo in primis cosa posso fare da sola. Ma son abituata a combattere mi son sempre fatta aiutare, dato che non mi ritengo medico tuttologo.
Continuo a non cogliere il nesso tra ciò che ho scritto e ciò che affermi. Cosa c'entra la stima che hai negli altri con la loro autostima? Il discorso era opposto...ovvero se non trovi tu dei motivi per stimarti perchè dovrebbero gli altri? Era provocatoria ma reale.
Si certo che ci sono....il vantaggio è che abbiamo la possibilità di cambiare la percezione della nostra vita. Non siamo condannati a vivere con quello che ci hanno inculcato. Invece il confronto diventa proprio quello...altrimenti dimmi tu cosa ti aspetti.
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42

:arrow: Che bypassi poi l’utilizzo della tua neo corteccia frontale e la utilizzi solo per vivere qualcosa che non è realtà
Mi spiace, ma non ci si sveglia una mattina decidendo di bypassare il pensiero. Ancora una volta, fosse come dici tu non esisterebbero psicologi, tecniche di respirazione, mindfulness ecc.ecc. Insomma, credo da come scrivo di averti fatto capire che non sono la prima scemina del villaggio:
Anche qua....quando mai avrei pensato che sei la scemina del villaggio? :shock: Dimenticavo....sei evidentemente anche giudicante...ma non lo sono necessariamente gli altri eh...
Di come dico io... temo, probabilmente per mia incapacità comunicativa, non hai afferrato nulla. Proprio quelle tecniche hanno un ruolo specifico...e permettono di utilizzare al meglio i nostri pensieri...quindi se ciò è possibile significa che l'assunto logico che hai fatto è falso. Che tu ci possa impiegare 10 gg, 1 ora o un mese non sono io a dirlo....ma di solito, poi, ti svegli una mattina e non bypassi il pensiero...ma smetti di alimentare "le seghe mentali". Ci sono tanti modi e tante tecniche per evitare di alimentare pensieri poco funzionali....però passano dal fatto di riconoscere che si sta pensando di m***a...e questo non è un giudizio alla persona...ma l'evidenza data dall'osservazione.
annacoci ha scritto:
13 luglio 2020, 20:42
nella vita capita a tutti di avere momenti no, senza necessariamente dover essere puniti per questo o esser tacciati di pigrizia mentale, o peggio ancora di autocrogiolarsi nella sofferenza. Sono giudizi un po' faciloni, alla buona, che rimando al mittente per preservare appunto la parte di me che sto ricostruendo con molta fatica. Forse non hai però vissuto certe esperienze, e te lo dico senza rancore. Ci son persone che ti TOLGONO, sì, anni di vita. Se hai tempo, fatti un giro per forum dove si parla di relazioni tossiche, o fatti una chiacchierata con donne vittime di abuso psichico... che si sono ammalate ed hanno perso lavoro, amici e casa. Poi ne riparliamo.
La violenza psichica anche se non si vede ha tanti risvolti, e bisogna informarsi, senza minimizzare il problema di chi SA di essere uscito da un rapporto simile... :blackeye:
Buona riflessione :-) e grazie comunque.
Allora...io non ti ho attribuito nessuna ignoranza...nessuna "scemetta del villaggio"...non ho giudicato la tua vita di cui non conosco praticamente "nulla". ho letto ciò che hai scritto....e , soprattutto, come l'hai scritto. La tua mente non è pigra...magari lo fosse. Avere pensieri erronei non è pigrizia. Avere ansia è eccesso...non è difetto. Probabilmente ricostruisci con molta fatica perchè etichetti tutto in modo negativo...o, se preferisci, con me l'hai fatto. Al contrario ti ho attribuito tutte le capacità di arrivare a fare quello che ti pare e, perfino, divertirti in aereo. Certo che se pensi di aver ovviamente ragione ad avere ansia...perchè mi porti il tacchino di Russel a sostegno...quindi non c'è nulla che non va...difficilmente ti si apre lo spiraglio per una maggiore consapevolezza.
Detto questo...mi chiedo come tu possa decidere che esperienze ho fatto...cosa ho vissuto...cosa ho studiato...dando per scontato che la tua visione sia quella corretta. L'unico dubbio che non ti è venuto è che....come mai una persona....così preparata , tecnicamente, professionalmente....proprio su determinate dinamiche emotive....si ritrovi a vivere attacchi di panico e ansie incontrollabili che perdono anni di vita per un semplice volo. Il dubbio che la tua visione abbia una falla non ti è mai venuto?
Mi dispiace che la mia risposta ti sia arrivata come una serie di giudizi alla buona...faciloni...perchè di giudizio non c'era l'ombra. Non avrei il motivo di giudicarti...non ti conosco...e, alla fine, che tu riesca a volare o meno , non rappresenta per me un problema. La mia è una condivisione di esperienze...se le tue surclassano in quantità e qualità le mie...non mi rimane che augurarti di volare in serenità il più presto possibile...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6901
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da **F@b!0** » 14 luglio 2020, 21:07

ciao Anna, benvenuta! ti ha già risposto ampiamente brandon qui sopra (a proposito, ciao, saluti ricevuti, anche se ci è voluto un interprete per capire chi me li stesse mandando :lol: :lol: :lol: ) quindi non aggiungo altro!

stavo solo notando che siamo coetanei e conterranei, non sarà che abbiamo anche fatto qualche scuola insieme? :lol:
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 789
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da Exence » 16 luglio 2020, 11:21

ciao!!!
Non mi addentro nei discorsi psicologici che avete eviscerato tu e brandon perché per la mia conoscenza sono troppo tecnici...
ti posso dare un consiglio "semplice" e magari banale...
se questo viaggio lo farai per andare a trovare un amico, probabilmente questo amico è importante per te se hai preso in considerazione di volare pur di vederlo!
Quindi prova a concentrare il pensiero a quando sarai lì, pianifica le cose che potere fare insieme e insomma dirotta la mente sul momento in cui sarai lì con lui!
E' un viaggio lungo?
:)
ciao
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da tartan » 16 luglio 2020, 14:07

Exence ha scritto:
16 luglio 2020, 11:21
ciao!!!
Non mi addentro nei discorsi psicologici che avete eviscerato tu e brandon perché per la mia conoscenza sono troppo tecnici...
ti posso dare un consiglio "semplice" e magari banale...
se questo viaggio lo farai per andare a trovare un amico, probabilmente questo amico è importante per te se hai preso in considerazione di volare pur di vederlo!
Quindi prova a concentrare il pensiero a quando sarai lì, pianifica le cose che potere fare insieme e insomma dirotta la mente sul momento in cui sarai lì con lui!
E' un viaggio lungo?
:)
ciao
Mi piace! Un tentativo di aiuto vero che se sarà colto produrrà i suoi effetti benefici, senza tanti salti mortali per dimostrare chissà che cosa!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 789
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da Exence » 16 luglio 2020, 14:34

tartan ha scritto:
16 luglio 2020, 14:07
Exence ha scritto:
16 luglio 2020, 11:21
ciao!!!
Non mi addentro nei discorsi psicologici che avete eviscerato tu e brandon perché per la mia conoscenza sono troppo tecnici...
ti posso dare un consiglio "semplice" e magari banale...
se questo viaggio lo farai per andare a trovare un amico, probabilmente questo amico è importante per te se hai preso in considerazione di volare pur di vederlo!
Quindi prova a concentrare il pensiero a quando sarai lì, pianifica le cose che potere fare insieme e insomma dirotta la mente sul momento in cui sarai lì con lui!
E' un viaggio lungo?
:)
ciao
Mi piace! Un tentativo di aiuto vero che se sarà colto produrrà i suoi effetti benefici, senza tanti salti mortali per dimostrare chissà che cosa!
in realtà da inguaribile romantica mi sono già costruita una storia mentale di loro due che si corrono incontro in aeroporto :lol: :mrgreen:
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Rapporti up and down coi voli

Messaggio da tartan » 16 luglio 2020, 14:49

La mia vita è tutta una serie di storie mentali che ho cercato di realizzare. Tutto il resto non ha mai contato niente. :D
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Rispondi