Abilitazione per atterrare a REG

Le "case" dei nostri aerei e il punto di transito di ogni passeggero, parliamo degli aeroporti di tutto il mondo, ognuno con la sua storia, il suo fascino, le sue peculiarità

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
valyus
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 455
Iscritto il: 12 marzo 2006, 16:09
Località: Reggio Calabria
Contatta:

Abilitazione per atterrare a REG

Messaggio da valyus » 30 marzo 2007, 23:59

So che sull'aeroporto (specie sull'atterraggio) di REG ci sono già altre discussioni aperte ma se non sbaglio non si è mai parlato nel dettaglio dell'abilitazione per atterrare all'Aeroporto dello Stretto "Tito Minniti" di Reggio Calabria.

La mia domanda è appunto, come funziona il discorso abilitazione?
Lo chiedo perchè spesso si è letto che un grande ostacolo per atterrare a REG è appunto l'abilitazione, ma più passa il tempo più vedo nuove compagnie toccare il nostro aeroporto.
Air Dolomiti con ATR72, Eurofly con 320 e 319 sia normale che versione MiMa..
Poi varie compagnie charter tra cui la recente notizia di TuiFly.

Ora, ma st'abilitazione esiste o no?
Ha costi elevati?

No perchè poi la hanno anche compagnie come Air Dolomiti che vengono a REG na volta l'anno per accompagnare una squadra di calcio..

Grazie a tutti coloro che riusciranno a darmi qualsiasi tipo di delucidazione.

1-11
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 207
Iscritto il: 21 gennaio 2007, 18:13

Messaggio da 1-11 » 31 marzo 2007, 11:31

Stai supponendo che di fatto ci facciano atterrare anche equipaggi non certificati? Vuoi dire questo?

valyus
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 455
Iscritto il: 12 marzo 2006, 16:09
Località: Reggio Calabria
Contatta:

Messaggio da valyus » 31 marzo 2007, 11:56

Se ho scritto:
valyus ha scritto: La mia domanda è appunto, come funziona il discorso abilitazione?
evidentemente chiedo come funziona il tutto.

Se si cerca di leggere qualcosa sui quotidiani o online capita spesso di leggere che è proprio l'abilitazione ad essere un ostacolo per lo sviluppo di REG oltre al fatto che è costosa.
Ora mi chiedo, ma una compagnia deve far venire i propri aerei a REG per abilitare i piloti?
Si può fare un corso totalmente a terra magari tramite simulatori?

Avatar utente
Myers
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 36
Iscritto il: 3 settembre 2006, 20:13
Località: Calabria
Contatta:

Messaggio da Myers » 2 aprile 2007, 18:11

Anche a me interessa sapere...non c'è nessuno in grado di rispondere??
Grazie :wink:

Avatar utente
falpaol
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 5
Iscritto il: 28 novembre 2006, 23:25
Località: Sassari

Messaggio da falpaol » 2 aprile 2007, 18:58

C'era un report dell'ANSV relativo ad un 80 che tocco' la pista durante un GA fatto male e si parlava di questo nei dettagli.
Non so se ora e' disponibile
Paolo
Myers ha scritto:Anche a me interessa sapere...non c'è nessuno in grado di rispondere??
Grazie :wink:

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5578
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Messaggio da Ponch » 2 aprile 2007, 21:14

1-11 ha scritto:Stai supponendo che di fatto ci facciano atterrare anche equipaggi non certificati? Vuoi dire questo?
L'abilitazione c'è ed è pure regolata da una normativa Enac.

Per acquisire l'abilitazione si devono avere almeno 500 (cinquecento) ore di comando, si deve effettuare almeno un atterraggio notturno con un supervisore alle spalle e ci si deve documentare sull'orografia del territorio limitrofo all'aeroporto.

Il vero problema di Reggio non è il costo dell'abilitazione, ma la mancanza di hangar, di strutture dedite ad accogliere un maggiore incremento di traffico.
:)
Is it light where you are yet?

valyus
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 455
Iscritto il: 12 marzo 2006, 16:09
Località: Reggio Calabria
Contatta:

Messaggio da valyus » 2 aprile 2007, 22:16

Purtroppo la testa è quella ed è difficile cambiarla, a reggio rifanno una pista che si una si e no una volta l'anno (ma solo se è agibile, altrimenti si usa tranquillamente la 15/33) al posto di pensare a 2 parcheggi in più e ad un hangar..

Rispondi