Partenavia P.66C I-IADT

Documentazione, schemi, manuali, foto dettagliate e altro sui singoli modelli aerei

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 10 ottobre 2008, 17:33

Buonasera a tutti. Visto l'imminente passaggio sul P.66 ho pensato che non c'è modo migliore per imparare a conoscerlo bene quanto fargli un bel walkaround fotografandolo da tutte le prospettive. Se non ci sono imprevisti dovrei provarlo per la prima volta Domenica. L'aeromobile in questione è I-IADT, che assieme al gemello I-IADM forma la flotta di "Charlie" dell'Aeroclub di Roma.
Premetto che le foto sono state fatte tutte con la compattina di emergenza quindi la qualità non è il massimo. Purtroppo sono riuscito a fare solo una foto con la D40 (si nota parecchio la differenza, vi lascio indovinare qual'è :D ) prima che mi morisse la batteria.

ESTERNE

Ecco il Delta-Tango appena atterrato, manca poco alle effemeridi
Immagine

Dentro l'hangar: muso, elica e ogiva
Immagine

Nose Gear
Immagine

Trequarti frontale, si può notare l'avvisatore di stallo sull'ala sinistra
Immagine

Di lato
Immagine

Immagine

Tip alare con winglet
Immagine

Trequarti posteriore
Immagine

E per finire la coda con lo stabilatore. Siccome l'aereo è stato costruito dopo il 1980 sulla coda ha una stroboscopica bianca invece della classica beacon rossa che caratterizza tutti gli aerei costruiti prima, fra cui i C152
Immagine

COCKPIT
L'azzurrino stile russo o DC-9 è carinissimo :P
Immagine

Immagine

Pannello di sinistra
Immagine

Pannello di destra con gli strumenti motore (e riflesso :wink: )
Immagine

Ecco la parte più interessante di tutto l'aeroplano. Radio e indicatore VOR accesi. A differenza dei soliti indicatori VOR che si trovano su aerei di questo tipo, questo è digitale a segmenti luminosi ed ha qualche funzionalità in più, rendendolo parecchio più complesso da usare. E' un sistema inventato negli anni '80 ma tolto dalla maggior parte degli aeroplani scuola dopo che un paio di allievi si sono persi. Può funzionare in 3 modalità:
TO: una volta sintonizzato un VOR indica costantemente la radiale TO the station sulla quale ci si trova
FROM: una volta sintonizzato un VOR indica costantemente la radiale FROM the station sulla quale ci si trova
CRS: funziona come un normale indicatore VOR dove viene selezionata una radiale e lo strumento indica la direzione e se si è TO o FROM, solo che è digitale. In questo momento è selezionato in modalità CRS (il nottolino non corrisponde con le scritte)
Immagine

Ed infine il quadrante manetta con il selettore serbatoi e trim
Immagine

Spero vi siano piaciute :wink:

willfly
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 561
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 13:05

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da willfly » 11 ottobre 2008, 10:30

E' un bel pezzo d'epoca!!!

willfly
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 561
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 13:05

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da willfly » 11 ottobre 2008, 11:04

Se puoi postaci anche le foto in volo quando vai

Avatar utente
brezzalife
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 431
Iscritto il: 2 novembre 2004, 0:02
Località: NAPOLI

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da brezzalife » 11 ottobre 2008, 15:10

Certo è proprio una bella macchina!! fortuna te che hai i doppi strumenti ed anche l' ADF!!!
L'unica cosa che non e' stata ancora toccata dal progresso e' l'idea di progresso !

Wolf359
FL 300
FL 300
Messaggi: 3429
Iscritto il: 2 giugno 2008, 13:21

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Wolf359 » 11 ottobre 2008, 23:05

Bellino! :D

alainvolo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alainvolo » 14 ottobre 2008, 23:49

L'utente alainvolo ha richiesto in data 31 ottobre 2011 la cancellazione del suo account e la rimozione dei suoi post.

Hartmann
FL 500
FL 500
Messaggi: 10617
Iscritto il: 7 marzo 2007, 9:44

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Hartmann » 15 ottobre 2008, 9:35

alainvolo ha scritto:
brezzalife ha scritto:Certo è proprio una bella macchina!! fortuna te che hai i doppi strumenti ed anche l' ADF!!!
Quali doppi strumenti hai visto?
Ci sono due anemometri. L'unica replica:-)

H

alainvolo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alainvolo » 15 ottobre 2008, 11:47

L'utente alainvolo ha richiesto in data 31 ottobre 2011 la cancellazione del suo account e la rimozione dei suoi post.

Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Atr72 » 15 ottobre 2008, 14:44

alainvolo ha scritto:Effettivamente quel cockpit azzurrino riprende lo stile russo.Sembra di vedere un aeroplano russo.
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
l'azzurrino è fighissimo :mrgreen: 8)
eppoi sembra Russo, bellissimo Luke, divertitici sopra :wink:
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Giacomo
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 192
Iscritto il: 1 maggio 2006, 11:18
Località: Bergamo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Giacomo » 17 ottobre 2008, 23:12

Bellissimo
Nel 1993 ho fatto il mio battesimo del volo con il suo fratello I-IADE :lol:

bei ricordi :lol:

ciao a tutti

Giacomo

willfly
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 561
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 13:05

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da willfly » 22 ottobre 2008, 10:08

Allora Luke3 come è andato il volo? come si è comportato il p66?

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 22 ottobre 2008, 19:00

Ci ho volato due domeniche fa ed è andato benissimo, riporto quanto scritto nell'altro topic riguardo al P-66
Nel complesso è molto più cresciuto del 152, più stabile ed è più facile "volarlo con i numeri" come piace fare a me. Lo metti in configurazione e ci resta senza troppe storie! Da anche la sensazione di essere più "aeroplano" del cessnino visto che è più grande, più potente e più strumentato, ma allo stesso tempo non perdendo molto in manovrabilità. Poi la configurazione degli strumenti e la manetta in basso al posto dei comandi Vernier per la manetta (la posizione del braccio è veramente scomoda sui Cessna) è bellissima. I flaps non sono poi tanto un problema, basta buttarci l'occhio un attimo. Impressionante però il balooning quando metti i flaps rispetto al 152, viene su molto più nettamente
Devo dire che mi è proprio piaciuto, non vedo l'ora del prossimo volo
Abbiamo fatto un round robin Urbe - L'Aquila - Urbe ed è stato un volo stupendo. Il P-66 è un aereo bellissimo e sicuramente da la sensazione di essere più "cresciuto" del 152, e per questo mi piace di più, anche perchè la maniera in cui vola rispecchia un pò la maninera in cui vorrei pilotarlo io :mrgreen:
Domenica se tutto va bene dovrei farci i primi touch and go in circuito dopo averli fatti domenica scorsa col 152, così vediamo anche li come si comporta ma immagino sarà coerente con l'altro volo, in qual caso so già che mi divertirò un sacco :P

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 26 giugno 2009, 20:07

So che a molti non interesserà, ma per info I-IADT è stato venduto l'altro giorno dall'aeroclub. Peccato perchè era divertente volarci quando capitava, ti metteva sempre un pò alla prova perchè perdona molto di meno dei Cessna. Poi non sei mai troppo alto con il P-66, bastava levare tutto motore e vieni giù a sasso, riprende il glide a meraviglia :lol:

Avatar utente
Flyfree
FL 150
FL 150
Messaggi: 1799
Iscritto il: 17 gennaio 2007, 18:41

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Flyfree » 26 giugno 2009, 21:08

E’ stato il primo aereo nel quale ho messo il c..o e "assaggiato" il pilotaggio, diciamo una trentina di anni fa. :)

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5561
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Ponch » 27 giugno 2009, 0:34

Bello!
Is it light where you are yet?

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Valerio Ricciardi » 27 giugno 2009, 11:10

Scusate la grossolana ignoranza, ma la fortissima somiglianza con i Cessna ad ala alta è una forma di "convergenza morfologica evolutiva", cioè certe soluzioni sono estremamente "logiche" per la tipologia di aereo che si vuole progettare (monomotore ad ala alta e carrello triciclo fisso impostato su propulsore diffuso nell'AG) o ci sono delle parentele vere e proprie di progetto?

...perché preso alla sprovvista, se mia moglie mi chiedesse "cos'è quello", vedendolo passare lo scambierei per un Cessna, anche come proporzioni. Così, mera curiosità di un appassionato poco competente.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 27 giugno 2009, 11:49

Beh la forma grossomodo è quella, classica per molti addestratori ad ala alta e carrello fisso. Andando a vedere però le soluzioni sono molto diverse fra i due aerei. Ad esempio come vedi la fusoliera è un pò più "grossa" rispetto a un Cessna che invece è più slanciato. Il Partenavia non ha uno stabilizzatore di coda (elevator) ma bensì uno stabilatore, ossia tutto il piano di coda orizzontale si orienta in alto o in basso quando si aziona il comando del cabra/picchia. La differenza più grande però sta nelle ali. Come si vede dalla foto, l'ala del partenavia è "scatolare", le centine sono tutte uguali ed il profilo non cambia dalla radice all'estremità. Sui Cessna invece l'ala è molto ben curata e svergolata, il profilo cambia da radice a estremità. All'estremità l'ala è molto meno convessa che alla radice, dandogli quella forma "ad ala di gabbiano" per così dire. Partenavia ha scelto l'economia e la facilità di costruzione (un'ala simile è molto facile ed economica da produrre) mentre la Cessna ha scelto un'aerodinamica curata che però è più laboriosa e costosa da ottenere. Quì però si determinano le caratteristiche di volo vere e proprie, quelle a cui alludevo nel post precedente. Entrambi P66 e C172 hanno lo stesso identico motore; il Partenavia poi è anche più leggero del Cessnone. Eppure quando voli con il P66 sembra un aereo più pesante, devi trimmare di più se non ti vuoi ritrovare come Braccio di Ferro e nel complesso perdona molto di meno del Cessna. Per questo è un ottimo addestratore, proprio perchè ti insegna proprio il comando dell'aeroplano. Infatti dopo aver volato un pò sul P66, quando torni sui Cessna non solo ti sembrerà più facile, ma sarai anche molto più preciso nell'eseguire le manovre. Altra cosa che determina l'ala: levi manetta col P66 affondi, la levi col 172 e galleggi :D
Alla fine quindi la forma a colpo d'occhio può risultare simile perchè la tipologia di aereo bene o male è quella, però se vai a vedere un pò più da vicino sono due aerei molto diversi :wink:

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Slowly » 29 giugno 2009, 10:48

Bello, bravo Luke. divertiti.

:wink:
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

jack374
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 142
Iscritto il: 27 febbraio 2008, 19:05
Località: Bologna

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da jack374 » 18 agosto 2009, 10:57

E' l'unico aeroplano che fino ad ora ho pilotato! il P66. Ma mi ha già dato delle soddisfazioni indescrivibili. Mi ha portato in Spagna, in Sardegna, in Slovenia; insomma, non ti delude mai!

alainvolo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alainvolo » 18 agosto 2009, 15:30

L'utente alainvolo ha richiesto in data 31 ottobre 2011 la cancellazione del suo account e la rimozione dei suoi post.

alebest
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 319
Iscritto il: 8 aprile 2007, 22:21
Località: Forlì

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alebest » 20 agosto 2009, 11:17

alainvolo ha scritto:
Si' il cockpit sembra quello di un liner russo... molto affascinante
Sisi, manca solo il ventilatorino! :D
"Se credi veramente ai tuoi sogni, li realizzerai....."
Immagine

alainvolo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alainvolo » 20 agosto 2009, 12:39

L'utente alainvolo ha richiesto in data 31 ottobre 2011 la cancellazione del suo account e la rimozione dei suoi post.

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 21 agosto 2009, 16:22

in questo periodo dell'anno il ventilatorino farebbe anche comodo oltre che a completare l'immagine :P

alainvolo

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da alainvolo » 25 agosto 2009, 13:03

L'utente alainvolo ha richiesto in data 31 ottobre 2011 la cancellazione del suo account e la rimozione dei suoi post.

realbarisello
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 3
Iscritto il: 17 giugno 2010, 14:15

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da realbarisello » 18 giugno 2010, 14:35

A Reggio Emilia avevamo 4 Partenavia P66C ma han fatto tutti una brutta fine.
Peccato perchè erano aeri molto pratici come aeri scuola

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 18 giugno 2010, 15:35

E anche molto belli come aerei da turismo, nonostante consumino parecchio. Delta Tango purtroppo nel frattempo è stato venduto, ora è parcheggiato nell'hangar dell'aeroclub ma ci sarebbero ancora qualche centinaio di ore residue prima della scadenza della cellula che forse si potrebbero usare, ma la vedo dura. A Roma è quindi rimasto ora un solo P-66C, con cockpit grigia e radio un pò meno esotiche che continua a regalarmi ore di divertimento, tra l'altro è stato grazie a quello che sono riuscito a finire le ore soliste del PPL. Eh si, Pascale ha fatto proprio un bell'aereo :wink: . Certo non sarà il massimo della performance ma ne vale la pena :P

Avatar utente
FRA150L
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 120
Iscritto il: 16 settembre 2006, 22:45
Località: Roma Urbe (LIRU)
Contatta:

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da FRA150L » 24 agosto 2010, 22:34

Quindi dite che il Delta Tango è stato venduto? Pensavo che avesse semplicemente terminato le ore e fosse stato accantonato alla stregua dei suoi cugini.... Peccato però, a parte i consumi, viene considerato un aereo formativo. Lo scorso inverno, durante un forte temporale, il I-IADU si è ribaltato, diventando definitivamente da rottamare (era già accantonato da anni). Ma I-PORR, I-BRJN, I-ALAG etc etc stanno messi allo stesso modo?
:crybaby:
Aerodata.it - Italian General Aviation website
http://www.aerodata.it
info@aerodata.it

Immagine Immagine

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 24 agosto 2010, 23:47

Ad I-PORR e' scaduta la cellula quindi e' andato definitivamente, ci ho fatto io l'ultimo volo l'anno scorso. I-BRJN e' senza un motore e non credo che ne arrivera' uno a breve mentre ad I-ALAG va sostituito un pistone e fatta la 2000 ore ma non ci sono i soldi, peccato perche' era il mio aereo preferito se non si dovevano fare lunghe navigazioni :( (anche se ce le ho fatte, divertentissimo ma non si arrivava piu' :D ). Delta Tango e' stato venduto ad un socio ed e' ancora in hangar, in teoria avrebbe ancora 200 ore rimaste nella cellula e stavano pensando di nollegiarlo almeno finche' non finisce quelle, ma non so se lo faranno mai

Avatar utente
FRA150L
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 120
Iscritto il: 16 settembre 2006, 22:45
Località: Roma Urbe (LIRU)
Contatta:

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da FRA150L » 24 agosto 2010, 23:57

Informatissimo! Avessi un contatto come te in ogni aeroclub, avrei il database più aggiornato di ENAC!
Avrei altre curiosità, ma ne parliamo in privato.... quando passo ad Urbe sud non voglio nauseare i pazienti soci con le mie domande (del tipo se a Guidonia è ancora attiva la flotta alianti e che fine hanno fatto i due DR400 o se l'FL3 è in vendita etc etc)

Grazie e ci sentiamo presto!
:wave:
Aerodata.it - Italian General Aviation website
http://www.aerodata.it
info@aerodata.it

Immagine Immagine

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 25 agosto 2010, 0:01

Figurati e' un piacere! Per ora pero' non saro' piu' cosi' informato visto che ora mi sono trasferito ad Atlanta, ma forse la mia "ex" istruttrice mi terra' informato sui progressi che avvengono a Roma, poi sicuramente a Dicembre passo a farmi un voletto all'Urbe che e' sempre bello :D

Skypilot92
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 46
Iscritto il: 13 agosto 2010, 23:02

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Skypilot92 » 28 agosto 2010, 16:06

Scusate la domanda ma come consumi non dovrebbe essere come un PA28 160 dato che montano lo stesso lycom??anzi...pesa pure di meno...

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6792
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Luke3 » 28 agosto 2010, 16:14

Piu' o meno si, con la differenza pero' che il PA-28 ha un posto in piu' e una velocita' di crociera maggiore

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12027
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da AirGek » 28 agosto 2010, 16:21

Luke3 ha scritto:Piu' o meno si, con la differenza pero' che il PA-28 ha un posto in piu' e una velocita' di crociera maggiore
Col P66 che avevamo a Cagliari ci sono andato in volo in 4 a 105 nodi di indicata contro i 90 del PA28 sempre in 4...
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Skypilot92
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 46
Iscritto il: 13 agosto 2010, 23:02

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Skypilot92 » 28 agosto 2010, 16:29

Luke3 ha scritto:Piu' o meno si, con la differenza pero' che il PA-28 ha un posto in piu' e una velocita' di crociera maggiore
Guarda che anche il P66 ha 4 posti!!!!omologati sul cert di immatricolazione.

Kappa
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 618
Iscritto il: 7 gennaio 2009, 14:00
Località: In between 52k of thrust

Re: Partenavia P.66C I-IADT

Messaggio da Kappa » 29 agosto 2010, 10:11

Avrà anche 4 posti, ma non sono "Reali" dietro già uno sopra 1.80 ci sta strettino!

Rispondi