Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 19 dicembre 2013, 17:49

Sarò ripetitivo, ma... speriamo bene!
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
Burb
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 621
Iscritto il: 24 settembre 2009, 22:18

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Burb » 19 dicembre 2013, 21:23

Alitalia: gli emiratini trattano, le incognite restano
Etihad conferma i contatti. Nel cda di domani prevista la riduzione a 11 del numero dei consiglieri
http://www.linkiesta.it/alitalia-etihad-ufficiale
"Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" Paolo Borsellino

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 19 dicembre 2013, 21:34

penso non avvera' domani nel previsto cda, ma oltre al presidente , e la riduzione dei consiglieri, potrebbe anche esserci il cambio di ad. sembra ci siano pressioni in tal senso da parte di EY

Avatar utente
mcgyver79
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 8490
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:04

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da mcgyver79 » 20 dicembre 2013, 9:05

Mobius ha scritto:Sarò ripetitivo, ma... speriamo bene!
Al massimo sarà stata colpa di Ryanair... :mrgreen:

Ciaooooo.
McGyver

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3912
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 20 dicembre 2013, 12:23

Ethiad: numeri e progetti per Alitalia ben visti dai Benetton
http://www.formiche.net/2013/12/20/ethi ... -alitalia/
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
mcgyver79
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 8490
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:04

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da mcgyver79 » 20 dicembre 2013, 17:03

Comunicato stampa AZ

"Roma, 20 dicembre 2013 – Il Consiglio di Amministrazione di Alitalia, riunitosi sotto la presidenza di Roberto Colaninno, preso atto degli impegni di sottoscrizione e dei versamenti effettuati o da effettuare, ha confermato che l'aumento di capitale per massimi 300 milioni di euro si è concluso con successo.

A conclusione dell’operazione di aumento di capitale, entreranno a far parte della compagine azionaria, come nuovi soci:

- Poste spa

- Unicredit Spa

- Odissea Spa di Antonio Percassi

Il Consiglio di Amministrazione ha delegato il Presidente per la convocazione della assemblea ordinaria e straordinaria per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione e per le modifiche statutarie ai fini dell'adeguamento della governance.

Tutti i Consiglieri di Amministrazione hanno espresso soddisfazione per il successo della ricapitalizzazione e sono fiduciosi che la nuova compagine azionaria potrà raggiungere, grazie al nuovo Piano Industriale, l’obiettivo di salvaguardare un grande valore infrastrutturale per il sistema Paese quale è Alitalia."


Ciaooooo.
McGyver

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 20 dicembre 2013, 17:54

mi sembra che tutte le caselle stiano andando al loro posto. scusate ma sono contento.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3912
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 20 dicembre 2013, 21:19

Non è finita qui. Senza un piano industriale serio, si rischia di bruciare anche questi 300 milioni e tornare al punto di partenza.
Loro dicono di avere un piano industriale. Permettetemi due dubbi: 1) Davvero esiste un piano industriale? 2) Se si, è davvero efficiente (e a quale prezzo?)?
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 20 dicembre 2013, 23:05

non cominciamo a dubitere anche degli arabi per piacere. hanno dimostrato di saperci afre alla grande mi paere. il piano oggi e' uscito sul messaggero se non sbaglio , ed e' chiaro.

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3912
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 20 dicembre 2013, 23:41

marco1970 ha scritto:non cominciamo a dubitere anche degli arabi per piacere. hanno dimostrato di saperci afre alla grande mi paere. il piano oggi e' uscito sul messaggero se non sbaglio , ed e' chiaro.
Non sto parlando degli arabi, mi riferisco all'attuale gestione.
Etihad a quanto ho capito ancora ci deve mettere le mani (o mi sbaglio?).
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 20 dicembre 2013, 23:59

marco1970 ha scritto:non cominciamo a dubitere anche degli arabi per piacere. hanno dimostrato di saperci afre alla grande mi paere. il piano oggi e' uscito sul messaggero se non sbaglio , ed e' chiaro.
Potresti postare l'articolo?
Grazie mille.

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 21 dicembre 2013, 7:28

eccolo tratto da repubblica di ieri. premetto che non si tratta ne di voci ne di rumor, ma di notizie ufficiali . che etihad non ci abbia ancora messo amni , non e' vero anzi.

Il piano della compagnia degli Emirati, il gradimento di Adr e l'opinione dell'esperto Alegi
“Salvezza prima dell’integrazione nella rete di un solido partner estero”: ecco il piano con cui l’ad Gabriele Del Torchio tenterà i rimettere in piedi Alitalia e renderla “presentabile” agli occhi dei nuovi pretendenti arabi. Secondo il Financial Times Eihad sarebbe pronta a pompare 350 milioni di euro per acquisire il 49% della compagnia di bandiera italiana.


IL PIANO
I dettagli del piano arabo, diffusi oggi da Repubblica, fanno riferimento a tre punti centrali. Una prima mossa di austerità nei conti, dal momento che le perdite dell’anno che sta per chiudersi dovrebbero attestarsi attorno ai 300 milioni di euro, ovvero 882 mila al dì. Difficile con queste premesse programmare una nuova vita perAlitalia, e così sarebbe stato deciso di fermare 11 aeromobili di medio raggio, mentre il nuovo ingresso di tre aerei a lungo raggio verrebbe posticipato di un biennio.


DIPENDENTI
Inevitabile passare per un dimagrimento della forza lavoro pari ad almeno 1.900 dipendenti, per giungere il prossimo anno ad un totale di circa novemila unità. Anche se in questa direzione gli unici a non restare scontenti potrebbero essere i piloti, che secondo l’anticipazione del piano diffusa dal quotidiano di lago Fochetti potrebbero rientrare nella partita dalla porta di servizio. Infatti i piloti italiani potrebbero far parte di un grande gruppo italo arabo da cui la nuova governante attingerà la forza lavoro.


NUMERI
L’obiettivo degli arabi è di tagliare i costi complessivi di 120 milioni, per far scendere le uscite di 295 milioni annui. In questo un ruolo primario giocherà il contratto di fornitura che al momento ammonta a 73 milioni di euro. Numeri a cui andranno sommati i 128 milioni drizzanti dal taglio del personale oltre che dal taglio di indennità e dal blocco di incentivi e scatti di anzianità.


ROTTE
Inevitabile una ristrutturazione delle rotte altro passaggio delicato e determinante per i destini di Alitalia. Pare che alcune delle nuove destinazioni verranno calibrar al fine di avvantaggiare gli italiani all’estero e i loro parenti, come quel grande bacino che è Nord America con New York, Chicago e San Francisco. Al pari del Latinoamerica, con la primizia del Cile e un potenziamento delle rotte brasiliane anche (ma non solo) per via degli appuntamenti sportivi del prossimo giugno.
Particolare attenzione però verrà riservata all’est: a breve Etihaddovrebbe siglare infatti una trattativa in esclusiva, anche a seguito del nulla osta da Poste all’ingresso nel capitale Alitalia con 75 milioni. I nuovi partner arabi in sostanza sono il punto di slancio verso i bacini mediorientali, indiani, giapponesi cinesi. Con la prospettiva di attrezzare nuove destinazioni come Mumbai, Delhi, Shanghai, Seoul, Tokyo e Osaka. Anche l’Africa sarà curata con nuovi voli su Johannesburg e Nairobi.


IL TRAMITE AIR ONE
Ed ecco che in questo scenario complessivo si inseriscono le mosse “interne”, come il maquillage a cui sarà sottoposta Air One, prossima a diventare una vera e propria linea low cost in grado di dare filo da torcere alla nuova rotta immaginata dai competitor diRyanair, ovvero la Sicilia.


ISOLA E NORD EUROPA
Dagli scali di Catania e Palermo infatti sono stati programmati nuovi voli alla volta dell’Europa centrale, come Amsterdam, Berlino, Copenaghen, Londra, Parigi. Ragion per cui Air One provvederà a raddoppiare gli aeromobili con 29 destinazioni totali dalla Sicilia e 135 voli settimanali.


AMPIO SPETTRO
In questo modo si concretizzerebbe quell’idea di società ad ampio spettro ipotizzata da queste colonne da Gregory Alegi, giornalista e storico (direttore di Dedalonews, autore di libri e saggi su temi dall’industria al potere aereo, insegnante all’Accademia aeronautica e alla Luiss). Alegi osservò che l’opzione asiatica poteva avere un senso proprio perché non è un diretto competitor. “Sono almeno quindici anni che in Europa si gioca per una ristrutturazione dell’intero settore del trasporto aereo. L’allora commissaria europea Loyola de Palacio, scomparsa alcuni anni fa, disse chiaramente che non ci sarebbe stato spazio nel vecchio continente per più di tre o quattro grandi compagnie. Un partner asiatico non ha questo tipo di problema a livello di sopravvivenza in Europa. Per cui potrebbe essere portato più ad una logica sinergica che non ad una di riassorbimento o riduzione di un concorrente”.


OK DA BENETTON
Pollice in su per l’opzione Etihad era stata espressa anche dal gruppo Benetton, che in un report di Adr consegnato a Palazzo Chigi rilevava come fosse “necessario guidare la situazione verso un’aggregazione con un grande vettore internazionale che mantenga Alitalia come hub carrier e metta Fiumicino come secondo o terzo hub al centro di un network di collegamenti internazionali e intercontinentali”. Quindi una compagnia dell’Estremo Oriente o del Golfo. Inoltre Fiumicino, proseguiva il documento, “potrebbe contribuire attivamente alla creazione di un grande carrier internazionale“ grazie alla “grande forza commerciale anche in aree a oggi poco coperte dalla struttura vendite Alitalia

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 21 dicembre 2013, 9:15

grazie :up:

marco1970
Warned user
Warned user
Messaggi: 716
Iscritto il: 12 aprile 2007, 19:31
Località: catania

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da marco1970 » 21 dicembre 2013, 15:13

dal messaggero.it


ROMA Il dado è tratto. Etihad e Alitalia convoleranno a nozze. Forse già entro l’anno visto che nelle ultime ore c’è stata una accelerazione improvvisa. Tuttavia la chiusura dell’operazione potrebbe slittare all’inizio del 2014. A Palazzo Chigi sono comunque ottimisti e contano di archiviare in fretta il dossier. Insomma, la direzione di marcia è tracciata. Tant’è che la compagnia del Golfo, solitamente riservata, ieri ha confermato che adesso la trattativa è a oltranza.
L’obiettivo degli arabi è rilevare il 49% con un investimento di 300-350 milioni, attraverso un aumento di capitale riservato. «Di certo il matrimonio con Etihad - spiega un azionista di Cai - darà un forte impulso al piano industriale da 300 milioni, sviluppando importanti sinergie sulle rotte, l’acquisto degli aerei, le strategie di penetrazione commerciale». Impossibile immaginare un valore, anche se i tecnici di Alitalia, pur avendo i dati sui vantaggi potenziali, per scaramanzia non li forniscono.
GOVERNO SODDISFATTO

Chi invece esce lo scoperto dopo averci messo la faccia è il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. «Non posso che esprimere soddisfazione per la formalizzazione dell'interesse di Etihad. Un segnale importante che dimostra che la strada intrapresa dal governo due mesi fa per salvaguardare la strategicità del trasporto aereo per il nostro Paese e della sua compagnia storica fosse quella giusta». Un interesse vero - ha sottolineato ancora - che conferma la strategicità del nostro Paese, dell'hub di Roma e del vettore Alitalia.
Proprio Lupi ha lavorato sodo per evitare il fallimento di Alitalia, convincere i riottosi soci privati a investire ancora e, soprattutto, coinvolgere Poste nella partita, quando tutti davano ormai per defunta la nostra compagnia di bandiera. L’ok all’aumento di capitale (sottoscritto per 225 milioni) e quello delle Poste (iniezione da 75 milioni) testimoniano che il traguardo è stato quasi raggiunto. Manca soltanto la ciliegina finale.
TEMPI MOLTO STRETTI

Prima di procedere gli emissari di Etihad, ieri a Roma, si aspettano garanzie dal fronte sindacale sul taglio dei costi e dalle banche sul nodo debiti. Segnali positivi sono arrivati, ma forse si chiuderà solo a febbraio. Dalla Cisl alla Cgil, passando per l’Ugl, è un coro a favore del nuovo partner arabo «fondamentale per il rilancio». «Una chance da non perdere», spiega Giovanni Luciano della Fit-Cisl, facendo capire che nessuno si metterà di traverso. Perfino Air France, in una nota, si dice pronta a farsi da parte, evitando di ostacolare il nuovo arrivato. Quello che è certo invece è che le reti delle due compagnie sono compatibili. Roma-Fiumicino è candidato poi a diventare l’hub occidentale della nuova alleanza (con collegamenti verso il Nord e il Sud America, oltre che con voli verso l’Italia, l’Europa e il Bacino del Mediterraneo), mentre Abu Dhabi, base di Etihad, potrebbe servire le destinazioni dell’Africa, del Medio Oriente, dell’Asia e dell’Oceania. Integrazione quindi tra Alitalia e gli altri marchi controllati in Europa: Darwin (che diventerà Etihad Regional), Air Berlin e Air Serbia. In arrivo, se l’operazione andrà in porto, anche collaborazioni nelle risorse umane, con i piloti italiani che potrebbero servire per coprire le esigenze crescenti della compagnia emiratina. L'idea sarebbe quella di creare una sorta di bacino comune dei comandanti-piloti al quale attingere nei prossimi anni per gestire una flotta di aerei di Etihad in continua espansione. I mediorientali vedrebbero poi con favore un intervento del Governo che metta ordine al sistema dei trasporti e freni lo strapotere delle low cost.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 21 dicembre 2013, 15:24

chissà noi stagionali se saremo mai richiamati in questo marasma...

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 21 dicembre 2013, 15:41

Ci siamo! :)

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: R: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 27 dicembre 2013, 16:50

Arriva la risposta ai nuovi voli easyJet:
Alitalia Increases Tel Aviv Service from late-March 2014

27DEC13Alitalia from 30MAR14 is increasing Rome – Tel Aviv operation, which sees overall service increases from 23 to 26 weekly.

AZ806 FCO 0930 – 1350TLV 32S 247
AZ808 FCO1100 – 1520TLV 321 D
AZ812 FCO1445 – 1905TLV 32S D
AZ814 FCO2125 – 0145+1TLV 321 27
AZ814 FCO2150 – 0210+1TLV 32S x27
AZ810 FCO2215 – 0235+1TLV 32S 46
AZ809 TLV0550 – 0840FCO 32S D
AZ815 TLV0725 – 1015FCO 32S 6
AZ815 TLV1035 – 1325FCO 32S x6
AZ807 TLV1540 – 1830FCO 32S 247
AZ813 TLV1710 – 2000FCO 321 D
AZ811 TLV2015 – 2305FCO 32S 46
Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 500
FL 500
Messaggi: 5132
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Valerio Ricciardi » 27 dicembre 2013, 20:26

Non capisco, come fanno due voli ad orari diversi anche se adiacenti avere la stessa sigla (AZ 814 e AZ 815)?
"The curve is flattening: we can start lifting restrictions now" = "The parachute has slowed our rate of descent: we can take it off now!"
Chesley Burnett "Sully" Sullenberger

Avatar utente
danko156
FL 350
FL 350
Messaggi: 3912
Iscritto il: 7 maggio 2006, 18:27

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da danko156 » 27 dicembre 2013, 20:42

http://www.lastampa.it/2013/12/27/blogs ... agina.html

Poste Italiane aumenta i francobolli per pagare la sua quota di Alitalia?

(ANSA) - ROMA, 27 DIC - «Il governo chiarisca se gli aumenti appena decisi per le tariffe postali di lettere e raccomandate possano essere utilizzati per pagare l'operazione Alitalia. Se così fosse, saremmo di fronte ad una decisione gravissima». È quanto dichiara la deputata del Partito democratico, Lorenza Bonaccorsi, componente della commissione Trasporti della Camera, annunciando la presentazione di un'interrogazione urgente al ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni. «Solo pochi giorni fa - spiega Bonaccorsi - è arrivato il via libera definitivo alla discutibile operazione che ha portato le Poste a impiegare denari pubblici per salvare una compagnia privata che ha già abbondantemente gravato sulle tasche degli italiani come Alitalia. Ora arriva l'ok dell'Agcom ad aumenti fino quasi al 50% per servizi, come lettere e raccomandate, che già non brillano per efficienza, stando alle tante lamentele di cui si trova traccia anche sulla rete». «Una stangata del genere - aggiunge Bonaccorsi - proprio mentre 75 milioni di euro del capitale delle Poste vengono messi in Alitalia, necessita di immediati chiarimenti da parte del governo».
DR
Immagine
DEVOTED TO ALITALIA

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 27 dicembre 2013, 22:04

Come si fa a trovare il nesso? Parlando del costo della vita in Italia, sta aumentando tutto per tutti (creditori di AZ e non) e anche Poste vedrà aumentare il costo di alcuni settori logistici, come quello dei trasporti. Potrebbe essere un aumento programmato da tempo e/o dettato dalle circostanze che con l'aumento del capitale di AZ c'entrano poco o nulla.

Insomma, il solito polverone sollevato ad hoc per urlare al gombloddo.

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 28 dicembre 2013, 3:27

Mobius ha scritto:Come si fa a trovare il nesso?

[...] il solito polverone sollevato ad hoc per urlare al gombloddo.
Sarà pure un polverone, ma a me la cosa puzza parecchio. E calcola che un sostanzioso aumento di alcune tariffe c'era già stato a inizio 2012 o 2013 (non ricordo).

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 28 dicembre 2013, 13:24

Tutto quello che si fa in Italia puzza e da parecchio. Credibilità zero è l'obiettivo che stanno ormai centrando. La cosa peggiore è che non frega niente a nessuno di loro.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 28 dicembre 2013, 21:54

marco1970 ha scritto:eccolo tratto da repubblica di ieri. premetto che non si tratta ne di voci ne di rumor, ma di notizie ufficiali . che etihad non ci abbia ancora messo amni , non e' vero anzi.
DIPENDENTI
Inevitabile passare per un dimagrimento della forza lavoro pari ad almeno 1.900 dipendenti,
Ho letto tutto, tutte cose già dette da altri, compresa l'unica cosa che conta e che mi ha colpito più di tutto il resto. Quella che ho lasciato in evidenza e che non smuove una paglia nellla coscienza dei commentatori, tutti tesi (come diceva Verdone) a dimostrare che il fallimento dell'azienda è dovuto ai troppi dipendenti nulla facenti e amici degli amici.
Così sono capaci tutti, perfino gli arabi con la loro bravura legata al petrolio. Niente di nuovo sotto il sole di Italia.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

tito
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 6 novembre 2006, 20:29

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tito » 29 dicembre 2013, 10:22

CravattaNera ha scritto:
worf359 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Ipotizzando che la cosa vada realmente in porto, e tralasciando gli aspetti tecnici (e occupazionali) dell'operazione, volete vedere che l'italiota medio, tanto amante delle compagnie straniere (su tutte FR per i prezzi, ed EK per ragioni più calcistiche che per una reale conoscenza del prodotto) adesso comincerà ad apprezzare di più l'Alitalia? Dico, ora che sarà mezza araba?
Ci scommetto...
Seeeee tanto anche con gli arabi per loro saremo sempre una azienda di raccomandati e nullafacenti pieni di privilgi e stipendi da capogiro

Non ti preoccupare che quando sti burini vedranno il marchio ETIHAD sulle maglie dell'Inter vedrai, tutti a magnificare l'Etihad senza manco averci fatto un volo, e di conseguenza infighetteranno pure l'Alitalia.
Perlomeno sarà un vantaggio
perché insultate chi s'è scocciato di pagare i debiti di una società in fallimento? Italiota burino è stato chi negli anni passati ha accettato supinamente di pagare debiti di altri facendo in modo che altri ancora si arricchiscano.

Non capisco quale sia la vostra proposta per uscire dalla crisi: è evidente che Alitalia sia ora una piccola compagnia, tutte le altre in europa sono passate attraverso fusioni diventando più grandi ed altre ancora sono fallite. Qual è stato il piano o la strategia di Alitalia? Quale via d'uscita vedete ora, escudendo la solita di pantalone che paga??

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 29 dicembre 2013, 12:05

tito ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
worf359 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Ipotizzando che la cosa vada realmente in porto, e tralasciando gli aspetti tecnici (e occupazionali) dell'operazione, volete vedere che l'italiota medio, tanto amante delle compagnie straniere (su tutte FR per i prezzi, ed EK per ragioni più calcistiche che per una reale conoscenza del prodotto) adesso comincerà ad apprezzare di più l'Alitalia? Dico, ora che sarà mezza araba?
Ci scommetto...
Seeeee tanto anche con gli arabi per loro saremo sempre una azienda di raccomandati e nullafacenti pieni di privilgi e stipendi da capogiro

Non ti preoccupare che quando sti burini vedranno il marchio ETIHAD sulle maglie dell'Inter vedrai, tutti a magnificare l'Etihad senza manco averci fatto un volo, e di conseguenza infighetteranno pure l'Alitalia.
Perlomeno sarà un vantaggio
perché insultate chi s'è scocciato di pagare i debiti di una società in fallimento? Italiota burino è stato chi negli anni passati ha accettato supinamente di pagare debiti di altri facendo in modo che altri ancora si arricchiscano.

Non capisco quale sia la vostra proposta per uscire dalla crisi: è evidente che Alitalia sia ora una piccola compagnia, tutte le altre in europa sono passate attraverso fusioni diventando più grandi ed altre ancora sono fallite. Qual è stato il piano o la strategia di Alitalia? Quale via d'uscita vedete ora, escudendo la solita di pantalone che paga??
Insultiamo l'italiota medio perchè è anche colpa sua se Alitalia s'è ridotta così.

L'italiota medio, quando deve fare un biglietto, sul sito di Alitalia non ci va neanche più e GODE ad essere preso a pesci in faccia a bordo di una compagnia di spurghi come Ryanair, che guadagna sul chilo in più che il malcapitato si porta in valigia.

L'italiota medio, è quello che pur di farsi una vacanza a Londra (a rate, perchè manco se la può permettere) prende una compagnia che non si sa manco dove ha la sede amministrativa e se e dove paga i contributi ai dipendenti.

L'italiota medio, è quello che vede sulle maglie del Milan la scritta "Fly Emirates" e comincia a magnificarla perchè, avendo il 90% degli italiani come interesse solo il calcio, guarda solo partite di calcio la sera e pensa che sia la migliore compagnia del mondo senza averci mai volato. Non sa neanche che il nome di quella compagnia è semplicemente "Emirates": quel "Fly", infatti, è stato aggiunto dai pubblicitari per far capire alla gente che si tratta di una compagnia aerea, dato che fino a 3 anni fa non la conosceva nessuno.
Non come Alitalia, che è il quarto marchio più conosciuto al mondo e che anche i sassi ci hanno volato almeno una volta.

L'Alitalia andava bene quando a volare erano solo i signori, cioè fino agli anni Settanta.
Da quando, dopo la deregulation, il trasporto aereo si è esteso alle classi sociali più basse l'italiota medio si è rivolto altrove pur di risparmiare 20 euro, non sapendo che quei 20 euro li deve pagare comunque: attraverso il soggetto pubblico che versa quote assolutamente fuori dal normale tramite gli aeroporti (per ogni singolo atterraggio di questa sciagurata compagnia irlandese) e attraverso le assurde tariffe previste per ogni minima svista del passeggero (dall'eccedenza bagaglio al check-in in aeroporto). E quei 20 euro li paga pure il dipendente, che viene sfruttato e pagato poco.

Nelle altre nazioni europee invece non è così: guai a toccare la British Airways, la Lufthansa o la KLM a inglesi, tedeschi e olandesi. E non parliamo dei francesi, che nonostante Air France abbia perso 2 miliardi (già, ben DUE MILIARDI) negli ultimi 3 anni, e nonostante sulla Business di lungo raggio ti serva un rivoltante vassoietto a base di patè grassissimo e speziatissimo, guai a toccargliela. Ma giustamente, aggiungerei io.

Che poi l'Alitalia negli ultimi 20 anni abbia avuto un management disastroso, è patrimonio comune, e quindi non è solo colpa dell'italiota medio. Ma fa rabbia vedere la gente che critica a priori.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 29 dicembre 2013, 13:31

Diciamo che capisco che "Italiota" stia per "italiano idiota". Fatta questa premessa:
CravattaNera ha scritto:Insultiamo l'italiota medio perchè è anche colpa sua se Alitalia s'è ridotta così.
Vero e giusto
CravattaNera ha scritto:L'italiota medio, quando deve fare un biglietto, sul sito di Alitalia non ci va neanche più e GODE ad essere preso a pesci in faccia a bordo di una compagnia di spurghi come Ryanair, che guadagna sul chilo in più che il malcapitato si porta in valigia..
Vero e giusto
CravattaNera ha scritto:L'italiota medio, è quello che pur di farsi una vacanza a Londra (a rate, perchè manco se la può permettere) prende una compagnia che non si sa manco dove ha la sede amministrativa e se e dove paga i contributi ai dipendenti...
Sbagliato. Chi non può permettersi il lusso di viaggiare con una compagnia "carestosa" come diciamo a Roma, non è un idiota, a prescindere, come diceva Totò, quindi non ha colpa di niente, anzi, ha colpa chi, con presunzione estrema, credeva che potessero viaggiare solo gli abbienti.
CravattaNera ha scritto:L'italiota medio è quello che vede sulle maglie del Milan la scritta "Fly Emirates" e comincia a magnificarla perchè, avendo il 90% degli italiani come interesse solo il calcio, guarda solo partite di calcio la sera e pensa che sia la migliore compagnia del mondo senza averci mai volato. Non sa neanche che il nome di quella compagnia è semplicemente "Emirates": quel "Fly", infatti, è stato aggiunto dai pubblicitari per far capire alla gente che si tratta di una compagnia aerea, dato che fino a 3 anni fa non la conosceva nessuno...
Vero e giusto.
CravattaNera ha scritto:L'Alitalia andava bene quando a volare erano solo i signori, cioè fino agli anni Settanta.
Da quando, dopo la deregulation, il trasporto aereo si è esteso alle classi sociali più basse l'italiota medio si è rivolto altrove pur di risparmiare 20 euro, non sapendo che quei 20 euro li deve pagare comunque: attraverso il soggetto pubblico che versa quote assolutamente fuori dal normale tramite gli aeroporti (per ogni singolo atterraggio di questa sciagurata compagnia irlandese) e attraverso le assurde tariffe previste per ogni minima svista del passeggero (dall'eccedenza bagaglio al check-in in aeroporto). E quei 20 euro li paga pure il dipendente, che viene sfruttato e pagato poco....
Questo paragrafo mi fa senso e mi viene quasi da rigettare.
CravattaNera ha scritto:Nelle altre nazioni europee invece non è così: guai a toccare la British Airways, la Lufthansa o la KLM a inglesi, tedeschi e olandesi. E non parliamo dei francesi, che nonostante Air France abbia perso 2 miliardi (già, ben DUE MILIARDI) negli ultimi 3 anni, e nonostante sulla Business di lungo raggio ti serva un rivoltante vassoietto a base di patè grassissimo e speziatissimo, guai a toccargliela. Ma giustamente, aggiungerei io....
Non sò se sia vero tutto, però è sensato.
CravattaNera ha scritto:Che poi l'Alitalia negli ultimi 20 anni abbia avuto un management disastroso, è patrimonio comune, e quindi non è solo colpa dell'italiota medio. Ma fa rabbia vedere la gente che critica a priori.
Potevi scrivere solo questo e stare in pieno nel giusto. Io ci aggiungerei che un ben precisato sindacato corporativo ci ha messo del suo per interessi corporativi.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 29 dicembre 2013, 14:46

tartan ha scritto:Diciamo che capisco che "Italiota" stia per "italiano idiota"
Italiota è un nomignolo che, per quanto poco piacevole, ho usato quasi affettuosamente; non era mia intenzione offendere nessuno, ci mancherebbe!!! :mrgreen:
tartan ha scritto:
CravattaNera ha scritto:L'italiota medio, è quello che pur di farsi una vacanza a Londra (a rate, perchè manco se la può permettere) prende una compagnia che non si sa manco dove ha la sede amministrativa e se e dove paga i contributi ai dipendenti...
Sbagliato. Chi non può permettersi il lusso di viaggiare con una compagnia "carestosa" come diciamo a Roma, non è un idiota, a prescindere, come diceva Totò, quindi non ha colpa di niente, anzi, ha colpa chi, con presunzione estrema, credeva che potessero viaggiare solo gli abbienti.
L'altro giorno discutevamo con mio fratello proprio di questo. Prima la gente per Capodanno prendeva il suo bel trenino sgangherato, a buon mercato e pieno di turisti della domenica e se ne andava contento e senza preoccupazioni di bagagli e check-in on-line a visitare i nostri bei paradisi artistici e naturali. Turismo sano, economico e rilassante, a un paio di ore da casa.
Ora compagnie come Ryanair hanno instillato nella gente l'assurda convinzione che per essere à la page bisogna passare le vacanze di Pasqua a Praga, a Budapest o a Dusserdolf (sic!). E così vedi gente fare mutui per andare a svenarsi (eh sì, perchè il biglietto aereo lo paghi 35 euro, ma il resto non è mica così low cost) in queste città senza la minima cognizione di cosa voglia dire realmente "viaggiare". Si fanno fregare da queste compagnie/avvoltoio e al terzo giorno già brancolano disperati alla ricerca di un ristorante italiano.
Per non parlare del penoso turismo sessuale che hanno innescato questi viaggi a buon mercato (quanti ne ho portati in Tailandia e Rep. Dominicana).
Allora, non era meglio quando viaggiavano solo quelli che avevano una reale possibilità o esigenza di farlo?
Poi boh, sbaglierò io...
tartan ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Nelle altre nazioni europee invece non è così: guai a toccare la British Airways, la Lufthansa o la KLM a inglesi, tedeschi e olandesi. E non parliamo dei francesi, che nonostante Air France abbia perso 2 miliardi (già, ben DUE MILIARDI) negli ultimi 3 anni, e nonostante sulla Business di lungo raggio ti serva un rivoltante vassoietto a base di patè grassissimo e speziatissimo, guai a toccargliela. Ma giustamente, aggiungerei io....
Non sò se sia vero tutto, però è sensato.
Basta farsi un giro sui siti Facebook ufficiali di queste compagnie e vedi il rispetto e l'ammirazione che trasudano i commenti dei nord-europei per le proprie compagnie nazionali. Almeno, la maggior parte. I criticoni ci sono ovunque! :bounce:
tartan ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Che poi l'Alitalia negli ultimi 20 anni abbia avuto un management disastroso, è patrimonio comune, e quindi non è solo colpa dell'italiota medio. Ma fa rabbia vedere la gente che critica a priori.
Potevi scrivere solo questo e stare in pieno nel giusto. Io ci aggiungerei che un ben precisato sindacato corporativo ci ha messo del suo per interessi corporativi.
Queste cose le insegni tu a noi, caro Tartan, che le hai vissute in prima persona da dirigente della nostra Alitalia. Io nel 1990 andavo ancora con i miei a farmi le vacanze estive a Roccaraso. IN MACCHINA :mrgreen: ;)

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 29 dicembre 2013, 15:53

E' vero che le ho vissute e le ho anche patite ed è per questo che non condivido tutte le tue idee quando le applichi all'Alitalia. In generale, quando dici che il modo di viaggiare è cambiato in peggio potresti avere ragione, ma che centrano le compagnie aeree? Mi sono trovato a Cancun, per lavoro, e la mattina presto in spiaggia, unico momento di relax, ci ho trovato una marea di commercianti italiani che sembrava di stare ad Ostia e ancora non c'era il boom delle low cost. Siamo anzi siete (è sempre totò il citato) stati gli unici al mondo, credo, a collezionare orologi timex di plastica con le file nei negozi. Che centrano le compagnie aeree? Siamo stati gli unici al mondo ad aver avuto un guitto, ma questo non è consentito, meglio soprassedere. Che centrano le compagnie aeree? La critica vera dovrebbe essere indirizzata verso altri lidi cercando di difendere i pochi addetti rimasti in vita. :(
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
worf359
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1060
Iscritto il: 17 settembre 2007, 20:17
Località: Roma

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da worf359 » 29 dicembre 2013, 17:25

CravattaNera ha scritto:
tito ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
worf359 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Ipotizzando che la cosa vada realmente in porto, e tralasciando gli aspetti tecnici (e occupazionali) dell'operazione, volete vedere che l'italiota medio, tanto amante delle compagnie straniere (su tutte FR per i prezzi, ed EK per ragioni più calcistiche che per una reale conoscenza del prodotto) adesso comincerà ad apprezzare di più l'Alitalia? Dico, ora che sarà mezza araba?
Ci scommetto...
Seeeee tanto anche con gli arabi per loro saremo sempre una azienda di raccomandati e nullafacenti pieni di privilgi e stipendi da capogiro

Non ti preoccupare che quando sti burini vedranno il marchio ETIHAD sulle maglie dell'Inter vedrai, tutti a magnificare l'Etihad senza manco averci fatto un volo, e di conseguenza infighetteranno pure l'Alitalia.
Perlomeno sarà un vantaggio
perché insultate chi s'è scocciato di pagare i debiti di una società in fallimento? Italiota burino è stato chi negli anni passati ha accettato supinamente di pagare debiti di altri facendo in modo che altri ancora si arricchiscano.

Non capisco quale sia la vostra proposta per uscire dalla crisi: è evidente che Alitalia sia ora una piccola compagnia, tutte le altre in europa sono passate attraverso fusioni diventando più grandi ed altre ancora sono fallite. Qual è stato il piano o la strategia di Alitalia? Quale via d'uscita vedete ora, escudendo la solita di pantalone che paga??
Insultiamo l'italiota medio perchè è anche colpa sua se Alitalia s'è ridotta così.

L'italiota medio, quando deve fare un biglietto, sul sito di Alitalia non ci va neanche più e GODE ad essere preso a pesci in faccia a bordo di una compagnia di spurghi come Ryanair, che guadagna sul chilo in più che il malcapitato si porta in valigia.

L'italiota medio, è quello che pur di farsi una vacanza a Londra (a rate, perchè manco se la può permettere) prende una compagnia che non si sa manco dove ha la sede amministrativa e se e dove paga i contributi ai dipendenti.

L'italiota medio, è quello che vede sulle maglie del Milan la scritta "Fly Emirates" e comincia a magnificarla perchè, avendo il 90% degli italiani come interesse solo il calcio, guarda solo partite di calcio la sera e pensa che sia la migliore compagnia del mondo senza averci mai volato. Non sa neanche che il nome di quella compagnia è semplicemente "Emirates": quel "Fly", infatti, è stato aggiunto dai pubblicitari per far capire alla gente che si tratta di una compagnia aerea, dato che fino a 3 anni fa non la conosceva nessuno.
Non come Alitalia, che è il quarto marchio più conosciuto al mondo e che anche i sassi ci hanno volato almeno una volta.

L'Alitalia andava bene quando a volare erano solo i signori, cioè fino agli anni Settanta.
Da quando, dopo la deregulation, il trasporto aereo si è esteso alle classi sociali più basse l'italiota medio si è rivolto altrove pur di risparmiare 20 euro, non sapendo che quei 20 euro li deve pagare comunque: attraverso il soggetto pubblico che versa quote assolutamente fuori dal normale tramite gli aeroporti (per ogni singolo atterraggio di questa sciagurata compagnia irlandese) e attraverso le assurde tariffe previste per ogni minima svista del passeggero (dall'eccedenza bagaglio al check-in in aeroporto). E quei 20 euro li paga pure il dipendente, che viene sfruttato e pagato poco.

Nelle altre nazioni europee invece non è così: guai a toccare la British Airways, la Lufthansa o la KLM a inglesi, tedeschi e olandesi. E non parliamo dei francesi, che nonostante Air France abbia perso 2 miliardi (già, ben DUE MILIARDI) negli ultimi 3 anni, e nonostante sulla Business di lungo raggio ti serva un rivoltante vassoietto a base di patè grassissimo e speziatissimo, guai a toccargliela. Ma giustamente, aggiungerei io.

Che poi l'Alitalia negli ultimi 20 anni abbia avuto un management disastroso, è patrimonio comune, e quindi non è solo colpa dell'italiota medio. Ma fa rabbia vedere la gente che critica a priori.
Esattamente quello che penso pure io e i aggiungerei pure un altra cosetta
L'italiota fà tanto il maschio del tipo io fumo dove mi pare sottobordo compreso e sul tombino del carburante,che poi quando si vede arrivare la polizia abbassa le penne e mi prega in ginocchio di non denuciarlo per tentata strage o quando in aereo se ti dicono che devi spegnere quel ca++di telefonino e puntuamente non lo spegni,poi vieni smerdato davanti a tutti(cosa che ho fatto personalmente durante un volo in cui rientravo),come mai con le altre cmpagnie non si lamenta mentre con noi si? se ti dico che il passegino non lo puoi prendere sotto bordo è perche è cosi punto e basta non ci sono eccezioni quindi cominciate voi passeggeri a rispettare chi lavora e poi vedi come vi rispetteremo pure voi.
ricordatevi una cosa noi con gli aerei non ci giochiamo ci lavoriamo e sè certe regole non si seguono ci si può fare molto ma molto male.
Questo è uno dei motivi principali perche me ne vado in vacanza in posti dove non trovo italiani(vedi giappone)

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5839
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 29 dicembre 2013, 19:49

Fatto pulizia. Niente polemiche ed offese.
Seguiranno provvedimenti, che comunicherò in questo messaggio.

Alberto

Provvedimenti:
Mobius, 24 ore di ban.
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: R: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 29 dicembre 2013, 19:52

Burb ha scritto:
Mobius ha scritto: Ora viaggiano le masse,
Senza parole.
Facciamo così, ti dispiace prendere il mio posto in modo da notare la differenza tra spendere 20€ e viaggiare ogni tanto con una di queste compagnie e interagire al check-in e al gate ?


Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9886
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da tartan » 29 dicembre 2013, 19:58

Batracomiomachia! I veri responsabili se la ridono!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5839
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: R: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 29 dicembre 2013, 20:05

Mobius ha scritto:
Burb ha scritto:
Mobius ha scritto: Ora viaggiano le masse,
Senza parole.
Facciamo così, ti dispiace prendere il mio posto in modo da notare la differenza tra spendere 20€ e viaggiare ogni tanto con una di queste compagnie e interagire al check-in e al gate ?


Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Mobius, ne parliamo domani sera, al tuo ritorno.

Sappi che alcuni tra i maggiori cafoni tra i passeggeri li ho trovati in AZ.... :wink:
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5839
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 29 dicembre 2013, 20:18

Vorrei esprimere solamente una considerazione personale, che non necessariamente riflette il punto di vista di md80.it:

Finalmente il volo, negli ultimi 30 anni, è divenuto di massa.
Questo è un bene, perché ha consentito a molte persone di viaggiare senza troppi problemi, girando per il mondo e visitando luoghi che in precedenza erano loro preclusi, e permettendo loro di arricchirsi culturalmente. Questo fatto è da vedersi positivamente, e, a mio parere, è meglio di quando poteva viaggiare solo chi possedeva molti soldi (vi prego di notare che non sto usando il termine signori).
Tutte le compagnie si sono dovute adeguare ai tempi moderni, chi non ci è riuscito si è estinto, come i dinosauri, appartenenti ad una differente era. Attribuire però ai viaggiatori i problemi di una compagnia aerea è sbagliato, in quanto, prima dei viaggiatori, molte altre categorie devono essere biasimate, a partire dal management.

ciao!

Alberto
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 29 dicembre 2013, 20:31

tartan ha scritto:E' vero che le ho vissute e le ho anche patite ed è per questo che non condivido tutte le tue idee quando le applichi all'Alitalia. In generale, quando dici che il modo di viaggiare è cambiato in peggio potresti avere ragione, ma che centrano le compagnie aeree? Mi sono trovato a Cancun, per lavoro, e la mattina presto in spiaggia, unico momento di relax, ci ho trovato una marea di commercianti italiani che sembrava di stare ad Ostia e ancora non c'era il boom delle low cost. Siamo anzi siete (è sempre totò il citato) stati gli unici al mondo, credo, a collezionare orologi timex di plastica con le file nei negozi. Che centrano le compagnie aeree? Siamo stati gli unici al mondo ad aver avuto un guitto, ma questo non è consentito, meglio soprassedere. Che centrano le compagnie aeree? La critica vera dovrebbe essere indirizzata verso altri lidi cercando di difendere i pochi addetti rimasti in vita. :(
Caro Tartan, secondo il mio modesto parere, la colpa è di chi abitua i passeggeri a pagare 25 euro a tratta per un servizio che non potrebbe costarne meno di 100. Chi? Ryanair naturalmente, aiutata in questa corsa al ribasso, non mi stancherò mai di sottolinearlo, con fondi pubblici degli stessi aeroporti.
Quel passeggero poi, se dovesse trovare una tratta Alitalia che costi meno di una tratta Ryanair (cosa non rara tra l'altro), abituato alla cagneria dell'empia compagnia guidata da O'Leary, considera gli aeromobili Alitalia i carri bestiame su cui viaggia di solito. E allora vorrà pagare sempre meno e arriverà a bordo pieno di boria, maleducazione e supponenza (classico il caso della sigaretta elettronica: "ma su Ryanair si può fumarla!!!" e tu gli dici con tutta la classe di cui sei capace: "ma qui siamo su un volo Alitalia, e le regole sono quelle". E lì zitti.).

Ma il punto non è la maleducazione del passeggero, quello sarebbe davvero il minimo.
Il punto è che L'Alitalia è nello stato in cui è anche grazie alla Ryanair che ha abituato il passeggero e pagare poco. Facendolo letteralmente inorridire quando trova tratte a 150 euro, che sarebbe un prezzo più che giusto per una compagnia "full service" come le compagnie di bandiera...

Sai cosa mi è capitato di sentire anche? Che c'è gente disposta a pagare 120 euro per un Freccia Rossa sulla Milano-Bari e non più di 50 per un LIN-BRI in aereo. E sai perchè? "Perchè il viaggio in treno durando 10 ore, quei 120 euro Trenitalia se li è guadagnati di più"... Ecco quello che ho sentito purtroppo...

Bloccato