Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Area dedicata alla discussione sulle compagnie aeree. Si parla di Alitalia, Air One, Air Dolomiti, Meridiana e tutte le altre compagnie aeree italiane e straniere

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da TheClubber » 18 aprile 2014, 6:42

Con tutto il rispetto, capisco che ognuno abbia le sue priorità e i suoi gusti, ma come ci sono tanti pregi (come il cibo e le belle arti) ci sono anche tanti difetti.

Io non ho girato molto, ma mi piace esplorare culture sempre diverse. Probabilmente se avessi fatto un lavoro che mi permetteva di viaggiare sarei stato la persona più felice della terra.


Inviato dal mio iPhone usando Tapatalk

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 18 aprile 2014, 10:34

sigmet ha scritto:Sinceramente avendo girato il mondo mi sono convinto che purtroppo il posto piu' bello per vivere e' l'Italia dove posso uscire di casa , fare qualche centinaio di metri e andarmi a vedere un Caravaggio, o dove vado a mangiarmi il prosciutto e le fettuccine al sugo di cinghiale alle pendici del monte caro a San Francesco,o farmi il bagno in una spiaggia dalla sabbia rosa circondata da un mare che sembra dipinto,o semplicemente godermi quando voglio la vista della cappella Sistina, delle fontane barocche, delle ville del rinascimento , delle Dolomiti, dei borghi nascosti dalle colline delle 5 terre,di Caprese , di Vinci, di Possagno che diedero i natali a geni che il mondo ci invidia...
potrei andare avanti a lungo.
Abbiamo un paese bellissimo e non sara’ una classe dirigente fatta da imbecilli a costringermi ad andarmene.
Non mi e' mai piaciuto avere la pappa pronta altrove, ho sempre preferito combattere la dove sono nato. Vorrei rimanere vicino agli amici, alla famiglia e vorrei che mia figlia mi facesse una carezza nel momento in cui ne avro' bisogno..In famiglia ho avuto uno zio pilota che emigro' negli anni 50 quando l'Italia arrancava con difficolta' spalando tra le macerie di una temporale che aveva lasciato i suoi segni in tutta l'europa. Forse ha avuto altrove una bella vita ma sicuramente ha distrutto una famiglia e lo ha scontato in vecchiaia.
Da pilota ho sempre fatto una analisi tra costi e benefici. Sinceramente per me la carriera non e' mai stato un must, sopratutto se per soddisfarla devo sacrificare i miei ideali e la mia famiglia.
Ovviamente e' un parere personale.
Bellissime parole, sono d'accordo su tutto.

Tempo fa si discuteva con un collega (noi siamo AV) proprio di questo. Se la Emirates ti chiamasse, ci andresti?
Senza disturbare le nostre eccellenze, Cinque terre, il Caravaggio, le fettuccine al cinghiale, io mossi un'obiezione molto più timida: ma se voglio leggermi un libro in un parco a primavera dove diavolo vado a Dubai che ci sono 40 gradi all'ombra tutto l'anno e hanno l'aria condizionata anche alle fermate dei mezzi pubblici?
E lui: ma il libro a primavera lo leggi in sosta a Boston!!!
Io: e allora me ne vado a vivere a Boston, non a Dubai!

Io sono un AV e non ho speso tutti i soldi che ha speso un pilota per formarsi. Se fossi un pilota probabilmente ragionerei diversamente. Ma ora come ora andrei a lavorare ad Abu Dhabi solo se l'Alitalia mi dicesse: vuoi una base ad Abu Dhabi? è "solo" per tre anni. Dopo te ne torni in Italia e ci stai fino alla pensione. Allora sì, ci andrei, sperando di divertirmi il più possibile, ma sempre con un occhio al mio futuro italiano.

Io ho una personale opinione su quelli che si scalmano così tanto per andare all'estero.

Conosco fondamentalmente due tipologie di persone che, pur avendo la possibilità di lavorare in Italia, fanno di tutto per andare fuori.
Ci sono quelli che vogliono fare i fighi, perchè va di moda. Questi sono quelli che di solito durano meno e tornano dopo massimo 6 mesi.
Poi ci sono quelli che lo fanno per necessità, necessità profonde. Sono quelli che non hanno mai avuto una vita facile all'interno del nucleo societario più complesso e primordiale: la propria famiglia. E allora scappano il più lontano possibile.

Il discorso ovviamente non vale per chi non trova il pane a casa propria e per sfamare i figli è costretto ad emigrare come facevano i nostri nonni negli anni Sessanta. Questo è chiaro.

Io ho quello che dovevo fare l'ho fatto. Fai l'università in una grande città italiana. Poi l'Erasmus. Dopo la laurea trovi un lavoro che ti permette di vedere il mondo in una bella compagnia come l'Alitalia.
Ora voglio restare in Italia, Alitalia o no.

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da bulldog89 » 18 aprile 2014, 10:41

CravattaNera ha scritto:Io ho una personale opinione su quelli che si scalmano così tanto per andare all'estero.

Conosco fondamentalmente due tipologie di persone che, pur avendo la possibilità di lavorare in Italia, fanno di tutto per andare fuori.
Ci sono quelli che vogliono fare i fighi, perchè va di moda. Questi sono quelli che di solito durano meno e tornano dopo massimo 6 mesi.
Poi ci sono quelli che lo fanno per necessità, necessità profonde. Sono quelli che non hanno mai avuto una vita facile all'interno del nucleo societario più complesso e primordiale: la propria famiglia. E allora scappano il più lontano possibile.

Il discorso ovviamente non vale per chi non trova il pane a casa propria e per sfamare i figli è costretto ad emigrare come facevano i nostri nonni negli anni Sessanta. Questo è chiaro.
Quelli che vanno all'estero perché ci sono opportunità che in Italia non sono nemmeno immaginabili in che categoria li classifichi?

Maxlanz
FL 300
FL 300
Messaggi: 3469
Iscritto il: 15 giugno 2007, 12:40

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Maxlanz » 18 aprile 2014, 11:10

sigmet ha scritto:Sinceramente ...
Ovviamente e' un parere personale.
Visto il mestiere che fai ti comprendo benissimo e ti auguro di poter continuare a trovare il posto che ti piace dove ti piace.
Se tu facessi un altro mestiere, ad esempio l'imprenditore, la penseresti diversamente e cioè che questo è un paese finito da dove scappare se si può.
Le sue meraviglie si possono tornare a vedere senza problemi quando si ha voglia. :)

Ciao
Massimo

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 18 aprile 2014, 11:16

bulldog89 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Io ho una personale opinione su quelli che si scalmano così tanto per andare all'estero.

Conosco fondamentalmente due tipologie di persone che, pur avendo la possibilità di lavorare in Italia, fanno di tutto per andare fuori.
Ci sono quelli che vogliono fare i fighi, perchè va di moda. Questi sono quelli che di solito durano meno e tornano dopo massimo 6 mesi.
Poi ci sono quelli che lo fanno per necessità, necessità profonde. Sono quelli che non hanno mai avuto una vita facile all'interno del nucleo societario più complesso e primordiale: la propria famiglia. E allora scappano il più lontano possibile.

Il discorso ovviamente non vale per chi non trova il pane a casa propria e per sfamare i figli è costretto ad emigrare come facevano i nostri nonni negli anni Sessanta. Questo è chiaro.
Quelli che vanno all'estero perché ci sono opportunità che in Italia non sono nemmeno immaginabili in che categoria li classifichi?
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi faccio una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 520
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da willy73 » 18 aprile 2014, 11:24

CravattaNera ha scritto:
bulldog89 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Io ho una personale opinione su quelli che si scalmano così tanto per andare all'estero.

Conosco fondamentalmente due tipologie di persone che, pur avendo la possibilità di lavorare in Italia, fanno di tutto per andare fuori.
Ci sono quelli che vogliono fare i fighi, perchè va di moda. Questi sono quelli che di solito durano meno e tornano dopo massimo 6 mesi.
Poi ci sono quelli che lo fanno per necessità, necessità profonde. Sono quelli che non hanno mai avuto una vita facile all'interno del nucleo societario più complesso e primordiale: la propria famiglia. E allora scappano il più lontano possibile.

Il discorso ovviamente non vale per chi non trova il pane a casa propria e per sfamare i figli è costretto ad emigrare come facevano i nostri nonni negli anni Sessanta. Questo è chiaro.
Quelli che vanno all'estero perché ci sono opportunità che in Italia non sono nemmeno immaginabili in che categoria li classifichi?
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi scopo una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.
Falli tornare a vedere come è pagato e come si svolge qui lo stesso lavoro che fanno all'estero, poi vedi, ma loro lo sanno infatti si lamentano (io non ho mai conosciuto un italiano che non si lamenti) però non tornano e restano lì.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 18 aprile 2014, 11:38

willy73 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
bulldog89 ha scritto:
CravattaNera ha scritto:Io ho una personale opinione su quelli che si scalmano così tanto per andare all'estero.

Conosco fondamentalmente due tipologie di persone che, pur avendo la possibilità di lavorare in Italia, fanno di tutto per andare fuori.
Ci sono quelli che vogliono fare i fighi, perchè va di moda. Questi sono quelli che di solito durano meno e tornano dopo massimo 6 mesi.
Poi ci sono quelli che lo fanno per necessità, necessità profonde. Sono quelli che non hanno mai avuto una vita facile all'interno del nucleo societario più complesso e primordiale: la propria famiglia. E allora scappano il più lontano possibile.

Il discorso ovviamente non vale per chi non trova il pane a casa propria e per sfamare i figli è costretto ad emigrare come facevano i nostri nonni negli anni Sessanta. Questo è chiaro.
Quelli che vanno all'estero perché ci sono opportunità che in Italia non sono nemmeno immaginabili in che categoria li classifichi?
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi scopo una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.
Falli tornare a vedere come è pagato e come si svolge qui lo stesso lavoro che fanno all'estero, poi vedi, ma loro lo sanno infatti si lamentano (io non ho mai conosciuto un italiano che non si lamenti) però non tornano e restano lì.
Solo ora mi rendo conto di aver spostato il discorso un pò fuori asse rispetto al discorso originale, preso dalle belle parole dell'intervento di sigmet.

Si era partiti, infatti, sulla possibilità di andare a vivere e lavorare negli UAE, non all'estero in generale.

Potrei pure essere d'accordo con molti di voi nel sostenere che ci sono maggiori possibilità lavorative in altri paesi rispetto all'Italia e che non è così difficile trovare una qualità della vita simile a quella italiana in molte altre nazioni (Australia, USA e Francia in primis). Non comunque negli UAE.

Fermo restando che oggi come oggi io non andrei neanche in Francia, avendo altre priorità in Italia.

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da MarcoGT » 18 aprile 2014, 13:16

CravattaNera ha scritto:
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi faccio una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.
Ma tu queste cose le dici per sentito dire o perché le hai provate sulla tua pelle?

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4650
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 18 aprile 2014, 13:20

MarcoGT ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi faccio una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.
Ma tu queste cose le dici per sentito dire o perché le hai provate sulla tua pelle?
Marco mi hai anticipato sul filo dei secondi...ergo, quotone necessario....
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

educatedguess
Banned user
Banned user
Messaggi: 372
Iscritto il: 13 settembre 2013, 18:31

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da educatedguess » 18 aprile 2014, 13:41

sigmet ha scritto:Sinceramente avendo girato il mondo mi sono convinto che purtroppo il posto piu' bello per vivere e' l'Italia dove posso uscire di casa , fare qualche centinaio di metri e andarmi a vedere un Caravaggio, o dove vado a mangiarmi il prosciutto e le fettuccine al sugo di cinghiale alle pendici del monte caro a San Francesco,o farmi il bagno in una spiaggia dalla sabbia rosa circondata da un mare che sembra dipinto,o semplicemente godermi quando voglio la vista della cappella Sistina, delle fontane barocche, delle ville del rinascimento , delle Dolomiti, dei borghi nascosti dalle colline delle 5 terre,di Caprese , di Vinci, di Possagno che diedero i natali a geni che il mondo ci invidia...
potrei andare avanti a lungo.


:smile:

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 18 aprile 2014, 14:29

SuperMau ha scritto:
MarcoGT ha scritto:
CravattaNera ha scritto:
Nella categoria di quelli che vanno all'estero "to improve their career" ma poi ogni volta che li vedi i discorsi sono sempre quelli: sì, la situazione in Germania è molto migliore che in Italia, c'è il welfare, guadagno una barca di soldi, mi faccio una milf a settimana... Ma mi manca la famiglia, il sole, la gioia mediterranea, mi mancano i pomodori italiani (ho sentito pure questo)...
Per me questo è un fenomeno che appena torna in Italia non si schioda più.

Personale esperienza. Poi sicuramente ci saranno persone felici di vivere all'estero, ci mancherebbe.
Ma tu queste cose le dici per sentito dire o perché le hai provate sulla tua pelle?
Marco mi hai anticipato sul filo dei secondi...ergo, quotone necessario....
Discorsi di persone che conosco che vivono all'estero. Vi sembra strano? Purtroppo è tutto vero.

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4650
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 18 aprile 2014, 16:17

CravattaNera ha scritto: Discorsi di persone che conosco che vivono all'estero. Vi sembra strano? Purtroppo è tutto vero.
Non lo metto in dubbio, anzi, sono sicuro che il 90% degli emigrati vorrebbe tornare a casa, per tutte le ragioni che indichi sopra, ma soprattutto perche' qui devi LAVORARE per la pagnotta, e piu' lavori piu' la pagnotta e grande.

Cosa che non succede li...che lavori tanto o poco (in moltissimi campi) la pagnotta e' sempre la stessa, allora perche' sforzarsi?

Per inciso: quando mi sono spostato qui, era solo per 6 mesi, la mia societa' di allora voleva poi rimandarmi in italia e aprire l'ufficio locale per seguire i clienti italiani....
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 18 aprile 2014, 20:19

SuperMau ha scritto:
CravattaNera ha scritto: Discorsi di persone che conosco che vivono all'estero. Vi sembra strano? Purtroppo è tutto vero.
Non lo metto in dubbio, anzi, sono sicuro che il 90% degli emigrati vorrebbe tornare a casa, per tutte le ragioni che indichi sopra, ma soprattutto perche' qui devi LAVORARE per la pagnotta, e piu' lavori piu' la pagnotta e grande.

Cosa che non succede li...che lavori tanto o poco (in moltissimi campi) la pagnotta e' sempre la stessa, allora perche' sforzarsi?

Per inciso: quando mi sono spostato qui, era solo per 6 mesi, la mia societa' di allora voleva poi rimandarmi in italia e aprire l'ufficio locale per seguire i clienti italiani....
non ho capito scusa. Dove sei tu ora?

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5839
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: R: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da albert » 18 aprile 2014, 23:18

Vabbe... però non cominciamo a fare del qualunquismo....:-)

inviato da un telefono a gettoni con tapatalk 2
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
Toeloop
FL 250
FL 250
Messaggi: 2893
Iscritto il: 14 luglio 2007, 9:55
Località: Between KTEB and KCDW
Contatta:

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Toeloop » 19 aprile 2014, 2:29

SuperMau ha scritto: Per inciso: quando mi sono spostato qui, era solo per 6 mesi, la mia societa' di allora voleva poi rimandarmi in italia e aprire l'ufficio locale per seguire i clienti italiani....
Quotone: sono 4 anni che vivo negli USA.. no, perdonatemi: 4 anni e due giorni, ma non ci penso nemmeno lontanamente a tornare in Italia. Ok, io sono una persona che non ha mai avuto problemi a chiamare casa ovunque si trovasse.
Comunque ho avuto diversi colleghi che hanno fatto di tutto per tornare in Italia.
Immagine
Immagine

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4650
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da SuperMau » 19 aprile 2014, 11:05

CravattaNera ha scritto:non ho capito scusa. Dove sei tu ora?
basta seguire le indicazioni dal mio profilo utente....Ovvero 15 minuti di auto dalla Polderbaan, Amsterdam :mrgreen:
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da TheClubber » 19 aprile 2014, 11:28

SuperMau ha scritto:
CravattaNera ha scritto:non ho capito scusa. Dove sei tu ora?
basta seguire le indicazioni dal mio profilo utente....Ovvero 15 minuti di auto dalla Polderbaan, Amsterdam :mrgreen:
Beato te! :mrgreen:

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 19 aprile 2014, 15:05

SuperMau ha scritto:
CravattaNera ha scritto:non ho capito scusa. Dove sei tu ora?
basta seguire le indicazioni dal mio profilo utente....Ovvero 15 minuti di auto dalla Polderbaan, Amsterdam :mrgreen:
giusto :lol:

Avatar utente
air4you
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 novembre 2006, 21:00

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da air4you » 19 aprile 2014, 17:59

Siamo al punto di dire basta ai privilegi di Alitalia. Nell'articolo è tutto chiaro anzi chiarissimo.

Basta con agevolazioni e privilegi a me nessuno mi privilegia e agevola eppure pago le tasse e lavoro

http://www.formiche.net/2014/04/19/perc ... -alitalia/

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 20 aprile 2014, 0:39

air4you ha scritto:Siamo al punto di dire basta ai privilegi di Alitalia. Nell'articolo è tutto chiaro anzi chiarissimo.

Basta con agevolazioni e privilegi a me nessuno mi privilegia e agevola eppure pago le tasse e lavoro

http://www.formiche.net/2014/04/19/perc ... -alitalia/
niente in contrario. L'importante poi che smettano i privilegi pure per quei nullafacenti dei dipendenti di Trenitalia (tanto per restare in ambito trasporti)

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6165
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 20 aprile 2014, 11:40

CravattaNera ha scritto: niente in contrario. L'importante poi che smettano i privilegi pure per quei nullafacenti dei dipendenti di Trenitalia (tanto per restare in ambito trasporti)
Non penso che air4U si riferisse ai privilegi dei dipendenti di AZ CAI..

Quanto all'articolo citato mi sembra l'ennesimo esercizio di ventilazione della dentiera farcito di luoghi comuni ed ovvieta'..
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
77W
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 715
Iscritto il: 26 settembre 2011, 17:10

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da 77W » 20 aprile 2014, 11:47

CravattaNera ha scritto: Io ho quello che dovevo fare l'ho fatto. Fai l'università in una grande città italiana. Poi l'Erasmus. Dopo la laurea trovi un lavoro che ti permette di vedere il mondo in una bella compagnia come l'Alitalia.
Mi sento leggermente preso per i fondelli, per non dire peggio.
Sì, sarebbe piaciuto pure a me, non fosse altro perché avrei evitato ed eviterei tuttora di farmi il mazzo per imparare altre lingue (forse pure per l'Inglese, visto come lo parlano mediamente a Fiumicino) e per provare a passare le selezioni in compagnie straniere, dove per quanto puoi essere bravo a dimostrare di essere bravo partirai sempre svantaggiato contro la concorrenza locale. Situazione completamente diversa da quella che avete trovato voi a suo tempo, quando la concorrenza al massimo era col raccomandato di turno e nonostante ciò passavano ugualmente cani e porci.
I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi.
Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti.
L'insieme dei due costituisce una forza incalcolabile.

If we all worked on the assumption that what is accepted as true is really true, there would be little hope of advance.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 20 aprile 2014, 17:56

77W ha scritto:
CravattaNera ha scritto: Io ho quello che dovevo fare l'ho fatto. Fai l'università in una grande città italiana. Poi l'Erasmus. Dopo la laurea trovi un lavoro che ti permette di vedere il mondo in una bella compagnia come l'Alitalia.
Mi sento leggermente preso per i fondelli, per non dire peggio.
Sì, sarebbe piaciuto pure a me, non fosse altro perché avrei evitato ed eviterei tuttora di farmi il mazzo per imparare altre lingue (forse pure per l'Inglese, visto come lo parlano mediamente a Fiumicino) e per provare a passare le selezioni in compagnie straniere, dove per quanto puoi essere bravo a dimostrare di essere bravo partirai sempre svantaggiato contro la concorrenza locale. Situazione completamente diversa da quella che avete trovato voi a suo tempo, quando la concorrenza al massimo era col raccomandato di turno e nonostante ciò passavano ugualmente cani e porci.
Non ho capito. Non sei riuscito ad entrare in AZ?

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 20 aprile 2014, 18:00

sigmet ha scritto:
CravattaNera ha scritto: niente in contrario. L'importante poi che smettano i privilegi pure per quei nullafacenti dei dipendenti di Trenitalia (tanto per restare in ambito trasporti)
Non penso che air4U si riferisse ai privilegi dei dipendenti di AZ CAI..
e a chi? al management?

Avatar utente
77W
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 715
Iscritto il: 26 settembre 2011, 17:10

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da 77W » 20 aprile 2014, 18:35

CravattaNera ha scritto: Non ho capito. Non sei riuscito ad entrare in AZ?
Molto più semplicemente faccio parte delle nuove leve a cui l'opportunità di entrare in AZ/AP/IG non è mai stata data e probabilmente mai verrà data, per cui deve necessariamente volgere il proprio sguardo oltre le Alpi e/o il Mediterraneo.
I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi.
Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti.
L'insieme dei due costituisce una forza incalcolabile.

If we all worked on the assumption that what is accepted as true is really true, there would be little hope of advance.

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5578
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Ponch » 20 aprile 2014, 19:31

77W ha scritto: non fosse altro perché avrei evitato ed eviterei tuttora di farmi il mazzo
77W, in queste situazioni il passato va valutato durante il presente, ma non adesso, non è ancora il momento. Non puoi sapere se domani ti ritroverai nella condizione di poter firmare un contratto della madonna, con una azienda/compagnia della madonna, grazie al mazzo che ti stai facendo adesso e che ti sei fatto.
Forse dovresti smettere di imparare altre lingue e dedicarti ad altro allora. Non angosciarti curandoti di ciò che fanno o hanno fatto gli altri, se quello è raccomandato o meno o se quelli sono porci e/o cani, come hai detto tu. Tira dritto per la tua strada.

Poi, né vale davvero la pena tenersi tutta questa rabbia dentro perché Alitalia non ti ha mai dato e mai ti darà l'opportunità di un assessment? Non mi riferisco al marchio Alitalia ovviamente, ma per come è gestita. Che garanzie pensi potresti avere? Che tipo di contratto potrebbero proporti?
Magari tu tra 3 anni lavorerai per un'azienda stabile che ti dà delle soddisfazioni e il raccomandato che era entrato in Alitalia 5 anni prima, si ritrova a spasso. Questo è solo un esempio, per dire che non puoi sapere come andranno le cose.

Purtroppo in Italia le cose stanno come stanno e prima te né fai una ragione, meglio è. Prima ti abitui al fatto che partirai svantaggiato rispetto alla concorrenza locale (all'estero), meglio è. Prima te né fai una ragione, probabilmente prima inizierai a studiare seriamente per passare una selezione. Facci l'abitudine.

Mi rendo conto che non è giusto e che siamo stati sfigati e che l'Italia è l'unico paese in Europa che non dà un'opportunità ai giovani, tutto quello che vuoi. Sono d'accordo con te. Su questo punto non entro in merito, potremmo stare qui a discuterne per ore e ore. Il mio non è un discorso di rassegnazione. Semplicemente, prendine atto e agisci di conseguenza.

Continua a farti il mazzo e magari un giorno la compagnia che hai in avatar ti darà l'opportunità di un assessment e allora si che potremo iniziare a parlare di cose concrete. :)
Is it light where you are yet?

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6165
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da sigmet » 20 aprile 2014, 20:23

CravattaNera ha scritto: e a chi? al management?
suppongo di si..
non vedo altri "privilegiati".
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 20 aprile 2014, 20:54

77W ha scritto:
CravattaNera ha scritto: Non ho capito. Non sei riuscito ad entrare in AZ?
Molto più semplicemente faccio parte delle nuove leve a cui l'opportunità di entrare in AZ/AP/IG non è mai stata data e probabilmente mai verrà data, per cui deve necessariamente volgere il proprio sguardo oltre le Alpi e/o il Mediterraneo.
posso chiederti in che anni hai mandato il cv? Da PNC o PNT?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11743
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 20 aprile 2014, 23:17

77W ha scritto: Situazione completamente diversa da quella che avete trovato voi a suo tempo, quando la concorrenza al massimo era col raccomandato di turno e nonostante ciò passavano ugualmente cani e porci.
Quoto completamente quello che ha scritto Ponch ma, volevo aggiungere, che questa frase è una minchiata. Non passavano cani e porci lo stesso...ciò non significa che non abbiano trovato altrove e fatto poi la loro carriera. Per quanto ti senta pronto e capace, e non lo metto in dubbio, sappi che potresti non essere giudicato nello stesso modo in cui ti vedi...per svariati motivi. Quindi non pensare che solo tu ti sia fatto il mazzo, che in altri momenti saresti entrato come niente...e la tua frase, aldilà dello sfogo, non è un buon biglietto da visita riguardo il tuo carattere. Partire svantaggiato non significa affatto non riuscire...se poi sei così convinto di essere in gamba...non avrai alcun problema. Mi pare anche ovvio che, in qualsiasi lavoro, se c'è crisi le assunzioni sono basse ma non vedo perché, proprio a te, AP o AZ o IG avrebbero dato la possibilità di entrare e lavorare.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 21 aprile 2014, 10:19

flyingbrandon ha scritto:
77W ha scritto: Situazione completamente diversa da quella che avete trovato voi a suo tempo, quando la concorrenza al massimo era col raccomandato di turno e nonostante ciò passavano ugualmente cani e porci.
Mi pare anche ovvio che, in qualsiasi lavoro, se c'è crisi le assunzioni sono basse ma non vedo perché, proprio a te, AP o AZ o IG avrebbero dato la possibilità di entrare e lavorare.
Ciao!
Straquoto alla grande e aggiungo:

Caro 77W ti è mai balenata, pur lontanamente, l'idea che potresti non aver avuto i requisiti necessari per entrare?

Avevo "dimenticato" di aggiungere che se tu sei una nuova leva, lo sono anch'io. A differenza di quello che pensi, infatti, non sono entrato in Compagnia nel 1984, ma nel 2010!!!

Se non t'hanno chiamato manco nel 2010 che hanno chiamato 600 solo tra il PNC, un motivo ci sarà.

In merito ai cani e ai porci (BTW, complimenti per il lessico forbito) posso testimoniare che quell'anno hanno rimbalzato un sacco di bei personaggi, perlopiù provenienti da Blu Banana, Air Italy e Neos che, guarda caso, sono le compagnie con gli ambienti peggiori, piene di spie, super uomini e inutili perfettini.

In AZ invece ho trovato molta gente umile e "discreta", qualità che, da quelle poche cose che hai scritto, non ritrovo in te.

Alla fine vedi che tutto quadra?

Buona Pasquetta a tutti.

Avatar utente
77W
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 715
Iscritto il: 26 settembre 2011, 17:10

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da 77W » 21 aprile 2014, 10:21

Ponch, non recrimino nulla, non mi dispiace affatto di dovermi giocare le carte altrove, tantomeno di studiare le lingue, anzi: è una mia scelta quella di ritardare per crearmi più opportunità in futuro. La situazione di Alitalia non mi interessa, non provo invidia per chi è passato a suo tempo, figurarsi rabbia, non hanno mica fatto niente di male: era uno sfogo nei confronti di CravattaNera che ha semplificato il tutto con troppa nonchalance.
Condivido quello che hai scritto, difatti non ho mai "pianto" per la situazione italiana: nei miei post passati non ho mai appoggiato il lamentarsi per l'assenza di opportunità in Italia, né in Europa (che poi non corrisponde alla realtà), anzi ho sempre provato a consigliare quel che ho consigliato a me stesso, cioè di provare ad aprirsi più strade anziché lanciarsi all'avventura per paura di "invecchiare".

CravattaNera, non ho mai applicato per Alitalia. E sì, non avevo i requisiti, non ero figlio del ministro di turno per poter aspirare anche solo all'Embraer, sai com'è.

FlyingBrandon, non ho scritto di essere l'unico a farmi il mazzo, né che partire svantaggiati significhi non riuscire (altrimenti sarei un fesso a continuare su questa strada); converrai con me, però, che se facessi domanda in Lufthansa avrei molte meno probabilità di entrare che se applicassi in Alitalia. Non che le probabilità siano da tenere molto in considerazione, io per primo se ragionassi con le probabilità farei bene a non provarci nemmeno, però un'idea sulla situazione dovrebbero darla. Non è questione di considerarsi capaci né di essere in gamba, è che generalmente si tende a favorire la gente locale, è un dato di fatto; e posso anche capirlo. Questo è quello che volevo dire, non certo che se fossi arrivato io m'avrebbero steso il tappeto rosso.
I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi.
Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti.
L'insieme dei due costituisce una forza incalcolabile.

If we all worked on the assumption that what is accepted as true is really true, there would be little hope of advance.

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 21 aprile 2014, 10:25

sigmet ha scritto:
CravattaNera ha scritto: e a chi? al management?
suppongo di si..
non vedo altri "privilegiati".
C'era un articolo che ho letto settimana scorsa in cui si deprecava addirittura il fatto che AZ faccia viaggiare gratis personale e relative famiglie, ignorando totalmente (ovviamente) che da dipendente parti solo se c'è posto, e da familiare la metà del biglietto la paghi comunque. Come se il personale di Trenitalia (aridaje :mrgreen: ) non facesse viaggiare gratis i dipendenti e i figli dei dipendenti.

Avatar utente
Mobius
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1245
Iscritto il: 12 luglio 2012, 17:22
Località: Atlantide (tra Italia e USA)

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da Mobius » 21 aprile 2014, 10:32

E aggiungo: molta gente pensa che tale privilegio si estenda anche ai dipendenti delle società di handling. Indirettamente è come se dicessero "l'Alitalia fallisce perché fa viaggiare aggratis decine di migliaia di persone"...

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Club Ulisse 2013 - Club Freccia Alata Plus 2014/2015 - Club Freccia Alata 2016

Immagine

CravattaNera
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 16 novembre 2013, 21:54

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da CravattaNera » 21 aprile 2014, 10:37

Mobius ha scritto:E aggiungo: molta gente pensa che tale privilegio si estenda anche ai dipendenti delle società di handling. Indirettamente è come se dicessero "l'Alitalia fallisce perché fa viaggiare aggratis decine di migliaia di persone"...

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Ma falli parlare.
Io voglio che l'affaire Etihad vada in porto solo per far schiattare tutti quelli che hanno sempre messo i bastoni tra le ruote e criticato a priori solo perchè o non sono riusciti a farsi assumere o perchè sono dei giornalisti che non hanno mai viaggiato aggratise e quindi si sfogano sul loro blogghettino.

Quanto godrò..

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11743
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Alitalia - Compagnia Aerea Italiana

Messaggio da flyingbrandon » 21 aprile 2014, 10:43

77W ha scritto: FlyingBrandon, non ho scritto di essere l'unico a farmi il mazzo, né che partire svantaggiati significhi non riuscire (altrimenti sarei un fesso a continuare su questa strada); converrai con me, però, che se facessi domanda in Lufthansa avrei molte meno probabilità di entrare che se applicassi in Alitalia. Non che le probabilità siano da tenere molto in considerazione, io per primo se ragionassi con le probabilità farei bene a non provarci nemmeno, però un'idea sulla situazione dovrebbero darla. Non è questione di considerarsi capaci né di essere in gamba, è che generalmente si tende a favorire la gente locale, è un dato di fatto; e posso anche capirlo. Questo è quello che volevo dire, non certo che se fossi arrivato io m'avrebbero steso il tappeto rosso.
Sì...però se non sei l'unico a farti il mazzo...non ha senso dirlo....così come dicendo che una volta entravano cani e porci...significa, implicitamente, che saresti entrato anche tu. Nelle tue parole, c'è rabbia...così come c'è la constatazione del percorso più facile rispetto al tuo. Certo, si hanno più possibilità nel proprio paese a parità di formazione...anche in Italia così come all'estero. I fatti cambiano, ed è un dato di fatto, ogni generazione trova le proprie difficoltà e i propri vantaggi rispetto a quelle precedenti, ma come diceva giustamente Ponch è da prendere come dato di fatto e proprio punto di partenza. Ci sarà sempre qualcuno che farà la differenza rispetto alla media e si inserirà dove vorrà. Sono d'accordo con te...non bisogna fare i conti con la probabilità...altrimenti tantissime professioni non verrebbero neanche prese in considerazione. Se tu vuoi fare la differenza...pensa a te e non agli altri.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Bloccato