La sindrome delle luci accese

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Febbraio2015
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 19
Iscritto il: 16 febbraio 2015, 17:16

La sindrome delle luci accese

Messaggio da Febbraio2015 » 15 aprile 2015, 12:38

Ciao a tutti!
Vorrei condividere con voi un pensiero, magari potrà essere d’aiuto a chi come me sta cercando di uscire dal “tunnel” della fifa. Nessuna presunzione sia ben chiaro :D
Settimana scorsa sono andato in Brasile per lavoro, viaggio lungo, 2 ore su Madrid e 11 abbondanti su San Paolo. Ho sofferto sulla prima tratta, i momenti pre-decollo sono stati difficili. Ma, rispetto al passato, ho pensato razionalmente a cosa stava succedendo non solo sull’aereo e, facendo una lista mentale, ho iniziato ad affrontare ciò che mi generava ansia.
Stavo partendo ma temevo la settimana che avrei dovuto affrontare la.
Avevo lasciato l’auto al parcheggio ma non mi ricordavo se avevo spento le luci, nel caso al ritorno non sarei ripartito. (Inutile che vi dica quante volte controllo il gas prima di uscire di casa....)
Temevo che, dato il transito limitato (poco più di un’ora) la mia valigia sarebbe rimasta a Madrid, creandomi problemi pratici all’arrivo.
Ora immaginate tutte queste pippe mentali che, al rullaggio, si manifestano. Inizio ad agitarmi e penso sia dovuto al rumore dei motori. Invece poi, cancellando questi pensieri come se fossero app del cellulare, ho iniziato a rilassarmi e, come se nulla fosse, sono arrivato a destinazione. Per la cronaca, la settimana è andata bene, le luci spente, il bagaglio è arrivato prima di me (il controllo documenti in Brasile è lentissimo).
Morale (mia): se non solo sull’aereo iniziassi ad essere più “leggero” e rilassato, se la smettessi di pensare di avere il destino del mondo nelle mie mani, se finalmente mi liberassi dell’assurda idea di poter (e dover) controllare tutto, forse potrei liberarmi della paura intesa non come slancio ma come costrizione e blocco.
Ne approfitto ora per una curiosità di natura fisica. Nel volo di ritorno si è ballato parecchio, per oltre metà del tempo abbiamo avuto il segnale delle cinture acceso. Nulla di preoccupante, il personale di bordo continuava a lavorare tranquillamente e il mio vicino di posto a lavorare al computer come se nulla fosse. Ero in coda, terz’ultima fila: è possibile che li, rispetto magari alle ali, la sensazione di movimento sia molto maggiore? Nel caso presumo sia dovuto all’allontanamento dal baricentro, corretto?
Ciao!

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9567
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da Maxx » 15 aprile 2015, 14:05

Mi piace quello che hai scritto! E' un buon approccio, che sento vicino.

A proposito delle ultime file dell'aereo, soprattutto negli aerei grandi è piuttosto noto che sono le meno "comode" per quanto riguarda i movimenti dell'aereo. In linea di massima, più sei vicino alle ali meno senti i movimenti. Non è che non li senti, ma li senti un pò di meno. E dietro è peggio che davanti, ma non chiedermi perchè! :-)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da flyingbrandon » 15 aprile 2015, 15:45

Maxx ha scritto: In linea di massima, più sei vicino alle ali meno senti i movimenti. Non è che non li senti, ma li senti un pò di meno. E dietro è peggio che davanti, ma non chiedermi perchè! :-)
Il perché è "visivo/psicologico"...se stai dietro vedi tutto il resto dell'aereo che balla...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9567
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da Maxx » 15 aprile 2015, 17:13

flyingbrandon ha scritto:
Maxx ha scritto: In linea di massima, più sei vicino alle ali meno senti i movimenti. Non è che non li senti, ma li senti un pò di meno. E dietro è peggio che davanti, ma non chiedermi perchè! :-)
Il perché è "visivo/psicologico"...se stai dietro vedi tutto il resto dell'aereo che balla...
Ciao!
Non ci avevo mai pensato. In effetti vedere le capocce dei passeggeri che ballonzolano non è tanto bello!!

p.s. per me posto 6F sull'E175 venerdì sera! :-)

Avatar utente
MAURIZIO60
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 453
Iscritto il: 24 agosto 2006, 13:04
Località: porto seguro bahia
Contatta:

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da MAURIZIO60 » 15 aprile 2015, 19:20

Ciao, anche io viaggio spesso per il Brasile, ci abito :D , se posso darti un consiglio quando prenoti prendi i posti più avanti possibile perché il rumore e mooooolto meno, e riesci a rilassarti.
Ciao
MAURIZIO
La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare. ( Jovanotti )

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da sardinian aviator » 16 aprile 2015, 19:47

flyingbrandon ha scritto:
Maxx ha scritto: In linea di massima, più sei vicino alle ali meno senti i movimenti. Non è che non li senti, ma li senti un pò di meno. E dietro è peggio che davanti, ma non chiedermi perchè! :-)
Il perché è "visivo/psicologico"...se stai dietro vedi tutto il resto dell'aereo che balla...
Ciao!

Temo non sia solo quello. Pur essendo i posti in coda quelli da me più preferiti (ho le mie strane idee), mi è capitato diverse volte di sentire movimenti, specie laterali, che in altri punti dell'aereo non si sentivano. Anche ad occhi chiusi, intendo. Voglio dire che una spedalata di timone, in coda, secondo me la senti tutta....
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da flyingbrandon » 16 aprile 2015, 22:07

sardinian aviator ha scritto:

Temo non sia solo quello. Pur essendo i posti in coda quelli da me più preferiti (ho le mie strane idee), mi è capitato diverse volte di sentire movimenti, specie laterali, che in altri punti dell'aereo non si sentivano. Anche ad occhi chiusi, intendo. Voglio dire che una spedalata di timone, in coda, secondo me la senti tutta....
Beh...in realtà non puoi contemporaneamente essere dietro e davanti...i movimenti sono tutti riferiti al baricentro se non prendi in esame una torsione dell'aereo....se spedalo tu in coda vai da una parte...ma anche il tuo corrispettivo davanti va dall'altra... :mrgreen: secondo me l'effetto visivo amplifica parecchio la "sensazione" se tu tieni gli occhi chiusi hai una sensazione diversa rispetto al vedere anche l'altro muoversi. Un esempio classico è il tuo treno fermo e quello a fianco che si muove...per un attimo hai la sensazione di muoverti tu nonostante, nella realtà, tu sia "immobile".
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9567
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da Maxx » 17 aprile 2015, 9:29

Personalmente ho sempre avuto l'impressione che gli aerei, specialmente quelli più grandi, "scondinzolano" (mò non mi prendete troppo in giro per questo termine!). Lo ricordo bene sul 747 mentre andavo la prima volta in America. Chiaramente, più l'aereo è lungo più questa sensazione dovrebbe aumentare.

Stasera volo a Pescara. Come si fa con questo tempaccio? :-)

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9560
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da tartan » 18 aprile 2015, 22:06

L'aereo è una bilancia (stadera) che vola. Più stai dietro e più senti le variazioni, più stai davanti e più senti le variazioni, anche in aria calma, quindi se vuoi soffrire di meno scegli un posto il più vicino al baricentro, punto.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da flyingbrandon » 19 aprile 2015, 11:27

Maxx ha scritto:Personalmente ho sempre avuto l'impressione che gli aerei, specialmente quelli più grandi, "scondinzolano" (mò non mi prendete troppo in giro per questo termine!). Lo ricordo bene sul 747 mentre andavo la prima volta in America. Chiaramente, più l'aereo è lungo più questa sensazione dovrebbe aumentare.

Stasera volo a Pescara. Come si fa con questo tempaccio? :-)
No è vero...scodinzolano. Anche il modo di assorbire la turbolenza è diversa da modello a modello....il punto è che tra davanti e dietro, a parità di distanza dal baricentro non trovo differenze....se non quelle che ho esposto sopra...che hanno il loro "peso" in termini di sensazioni.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9567
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da Maxx » 20 aprile 2015, 9:07

Alla fine il mio volo è stato assolutamente perfetto! Come avrai visto, venerdì sera il tempo era notevolmente migliorato e non c'era la minima turbolenza. Solo verso Bologna si sentiva un pò di vento, che penso fosse di coda perchè poi ho visto su FR24 che in crociera facevamo 510 nodi! L'Embraer 175 mi piace molto, è "umano", non so se mi spiego. E poi, con quale mezzo di trasporto puoi decollare da Milano alle 22,02, goderti il panorama della città e alle 23,58 essere seduto al pub preferito di Vasto con tua moglie davanti ad un panino e ad una coca??? :-)

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: La sindrome delle luci accese

Messaggio da Blues77 » 20 aprile 2015, 9:43

Maxx ha scritto:Alla fine il mio volo è stato assolutamente perfetto! Come avrai visto, venerdì sera il tempo era notevolmente migliorato e non c'era la minima turbolenza. Solo verso Bologna si sentiva un pò di vento, che penso fosse di coda perchè poi ho visto su FR24 che in crociera facevamo 510 nodi! L'Embraer 175 mi piace molto, è "umano", non so se mi spiego. E poi, con quale mezzo di trasporto puoi decollare da Milano alle 22,02, goderti il panorama della città e alle 23,58 essere seduto al pub preferito di Vasto con tua moglie davanti ad un panino e ad una coca??? :-)
Con la fantasia.. :D

Rispondi