Attacchi di panico e moltissima ansia

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 2 giugno 2015, 10:31

Ciao a tutti sono un ragazzo di 23 anni, mi sono iscritto al forum per avere aiuto e consigli su ansie e paure.
Ho preso vari aerei in questi anni a "corto raggio" (Londra, Barcellona, Praga ecc.) ..premetto che ho sempre avuto paura di volare e man mano questa paura è sempre cresciuta. L'ultimo volo che ho preso è stato il peggiore della mia vita... risale a gennaio di quest'anno... partito da Zaragoza il volo verso Bergamo di circa un'ora e mezza è stato tutta una turbolenza.. segnale di cinture allacciate mai spento e hostess di volo che non hanno effettuato nessun servizio date appunto le turbolenze. Io penso che questo volo mi abbia segnato ancora di più... al solo pensiero di volare mi viene il terrore. Generalmente la settimana prima di ogni volo non riesco neanche quasi a dormire per l'ansia... penso sempre che il prox volo che dovrò prendere coincida con la morte. Dall'altra parte però mi piace vedere volare gli aerei e conoscere i vari modelli... solo vederli volare però.
Tra 12 giorni (il 14 giugno) dovrò affrontare un volo per Tokyo.... partirò da Venezia con Lufthansa, farò scalo a Francoforte e poi il diretto per Tokyo. Il volo è LH710 effettuato con un 747-400. Ora immaginatevi la mia ansia e paura ma mano che il giorno si avvicina, i voli che ho preso fin'ora non sono nulla in confronto a 11 ore di volo per Tokyo... ogni volta che ci penso mi sento morire... dormo malissimo.. sono devastanti questi giorni e non immagino il giorno della partenza. Sono mesi che sto seguendo il volo su flight radar 24, guardo giorno per giorno la sigla dell'aereo usato e lo schema della velocità e altitudine... ho visto che ci sono modelli del 747 del 1991 e questa mi spaventa ancora di più...
L'andamento del volo del 4 maggio mi ha spaventato moltissimo... ho fatto uno screen.. ve lo allego e spero che qualcuno mi possa dare delucidazioni in merito.
Tornando a noi sono terrorizzato da quello che può succedere in 11 ore di volo... mi sto immaginando tutte le turbolenze.. i vuoti d'aria.. i possibili guasti... persino collisioni con altri aerei in volo... cedimenti vari ecc... qualsiasi cosa..
Ho sempre guardato le puntate di "indagini ad alta quota" e conosco i casi di moltissimi incidenti aerei... ogni volta che prendo un volo sono rigido.. respiro faticosamente..sudo freddo tutto il viaggio e ogni minuto guardo l'orologio... ma non posso passare così 11 ore.. ho paura che mi venga un grave attacco di panico.. magari un infarto data la forte tachicardia durante i voli.... in questi giorni passero dal medico di base e mi farò prescrivere qualcosa... mi basterebbe dormire metà del viaggio...
Non l'ho scritto ma non penso serva che non viaggerò da solo ma con mia morosa.. e mi dispiace per lei perchè sa come sono durante i voli... io penso di essere il tipo di passeggero che nessuno vorrebbe trovarsi di fianco..
Sto già pensando di lasciare una lettera ai miei genitori in caso il volo vada male...
A me piace moltissimo viaggiare ho solo paura di volare... inoltre ho paura di non voler più salire sull'aereo del ritorno in caso vada bene quello di andate...

Scusate per come ho scritto...
Allegati
aaaa.jpg

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 2 giugno 2015, 12:53

John21 ha scritto:Ciao a tutti sono un ragazzo di 23 anni, mi sono iscritto al forum per avere aiuto e consigli su ansie e paure.
Ma no dai...per queste vedo che sei bravissimo...magari possiamo darti consigli su divertimenti e gioia...che ne dici? :mrgreen:
John21 ha scritto: Ho preso vari aerei in questi anni a "corto raggio" (Londra, Barcellona, Praga ecc.) ..premetto che ho sempre avuto paura di volare e man mano questa paura è sempre cresciuta.
Ok...ma tu cosa hai fatto per la tua paura di volare mano a mano?
Altrimenti è come dire...ho lasciato il rubinetto dell'acqua aperto...e mano a mano il livello nella vasca aumentava...fino a quando....cazz....ha iniziato ad uscire.
John21 ha scritto:
L'ultimo volo che ho preso è stato il peggiore della mia vita... risale a gennaio di quest'anno... partito da Zaragoza il volo verso Bergamo di circa un'ora e mezza è stato tutta una turbolenza.. segnale di cinture allacciate mai spento e hostess di volo che non hanno effettuato nessun servizio date appunto le turbolenze. Io penso che questo volo mi abbia segnato ancora di più... al solo pensiero di volare mi viene il terrore.
È buffo non trovi? In pratica...sei stato immerso in qualcosa che ti spaventa e, dal punto di vista esperenziale, non è successo niente di ciò che avresti pensato succedere. Non ci sono stati problemi, il volo è arrivato, tutti felici e contenti ma.....questa esperienza ti ha segnato ancora di più. Secondo te come mai? Se ti dicessi di fare uno sterrato con una d.buggy sarebbe terrore puro?
John21 ha scritto: Generalmente la settimana prima di ogni volo non riesco neanche quasi a dormire per l'ansia... penso sempre che il prox volo che dovrò prendere coincida con la morte. Dall'altra parte però mi piace vedere volare gli aerei e conoscere i vari modelli... solo vederli volare però.
Quindi....ricapitolando...ogni volta hai un'idea....e ogni volta ti sbagli....me la colta dopo la tua idea è la stessa....e ti risbagli....poi la volta dopo ancora. Curiosità...in quali altri aspetti della vita continui a pensare che la ragione sia tua nonostante l'evidenza?
John21 ha scritto:
Tra 12 giorni (il 14 giugno) dovrò affrontare un volo per Tokyo.... partirò da Venezia con Lufthansa, farò scalo a Francoforte e poi il diretto per Tokyo. Il volo è LH710 effettuato con un 747-400. Ora immaginatevi la mia ansia e paura ma mano che il giorno si avvicina, i voli che ho preso fin'ora non sono nulla in confronto a 11 ore di volo per Tokyo... ogni volta che ci penso mi sento morire... dormo malissimo.. sono devastanti questi giorni e non immagino il giorno della partenza.
Ti senti morire? Ti senti morire? Hai mai provato a sentirti morire? I voli che hai fatto fino ad ora non sono nulla perché nella tua esperienza cadono di più gli aerei di lungo raggio?

John21 ha scritto:
Sono mesi che sto seguendo il volo su flight radar 24, guardo giorno per giorno la sigla dell'aereo usato e lo schema della velocità e altitudine... ho visto che ci sono modelli del 747 del 1991 e questa mi spaventa ancora di più...
L'andamento del volo del 4 maggio mi ha spaventato moltissimo... ho fatto uno screen.. ve lo allego e spero che qualcuno mi possa dare delucidazioni in merito.
Primo consiglio...non cercarti dettagli tecnici su internet perché, evidentemente non ti sono d'aiuto e, soprattutto, non li capisci. Lascia perdere quindi, per il momento, l'aspetto tecnico e concentrati su di te. Sei tu il problema...quindi su di te devi lavorare.
John21 ha scritto: Tornando a noi sono terrorizzato da quello che può succedere in 11 ore di volo... mi sto immaginando tutte le turbolenze.. i vuoti d'aria.. i possibili guasti... persino collisioni con altri aerei in volo... cedimenti vari ecc... qualsiasi cosa..
Bene...un buon punto di partenza....già che ci sei non hai pensato al criminale che ti aspetta quando esci dalla porta, la macchina che ti investirà e l'ambulanza che si cappotterà con te dentro? Sempre che non ti colga qualcosa di notte o mentre sei al cesso a lavarti i denti. Ah....dimenticavo....e tutto ciò che ti ho elencato è ben più probabile. Poi....una curiosità...la turbolenza che problema è? Il vuoto d'aria è perché non ti piaceva la parola turbolenza? Se c'è un guasto che succede?
John21 ha scritto: Ho sempre guardato le puntate di "indagini ad alta quota" e conosco i casi di moltissimi incidenti aerei... ogni volta che prendo un volo sono rigido.. respiro faticosamente..sudo freddo tutto il viaggio e ogni minuto guardo l'orologio... ma non posso passare così 11 ore.. ho paura che mi venga un grave attacco di panico.. magari un infarto data la forte tachicardia durante i voli.... in questi giorni passero dal medico di base e mi farò prescrivere qualcosa... mi basterebbe dormire metà del viaggio...
Prendere qualcosa è un ottimo modo per peggiorare , ora e negli anni, le tue fobie. È vero...non puoi passare così 11 ore...ma io non passerei cosi neanche questi giorni....a maggior ragione fossero gli ultimi della tua vita....che dici? Se dovessi avere ragione avresti passato cosi gli ultimi giorni ...e se avessi torto avresti buttato cosi dei giorni....quindi?
Sei giovane per un infarto ma...a vivere con questa ansia, che non sarà solo per il volo, non godrai di una bella vita. Tu sei assente nella tua vita e sei presente ad un sacco di pippe mentali che, di fatto, sono solo aspetti di fantasia. Fantasia non solo nei contenuti ma perchè il futuro...di fatto...non esiste.Nonostante la realtà ti dimostri il contrario tu prosegui a vivere di pippe e perderti la vita che si svolge nel presente....
John21 ha scritto: Non l'ho scritto ma non penso serva che non viaggerò da solo ma con mia morosa.. e mi dispiace per lei perchè sa come sono durante i voli... io penso di essere il tipo di passeggero che nessuno vorrebbe trovarsi di fianco..
Sto già pensando di lasciare una lettera ai miei genitori in caso il volo vada male...
A me piace moltissimo viaggiare ho solo paura di volare... inoltre ho paura di non voler più salire sull'aereo del ritorno in caso vada bene quello di andate...

Scusate per come ho scritto...
Ah si? E cosa scriveresti? Sono stato un pirla? :mrgreen: vedi...pensi al ritorno e non hai fatto neanche l'andata. Beh...la tua morosa magari farebbe un affare a lasciarti a Tokyo... :mrgreen: scherzi a parte...partiamo da questo post...rispondi alle domande, se ti va, e volerai senza prendere niente....sempre che tu lo voglia....e che tu non scelga di vivere il resto della tua vita nella tua mente. Anche perché, se proprio dovessi decidere di vivere la vita all'interno della tua mente...potresti , per lo meno, vivere qualcosa di meglio no? :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 2 giugno 2015, 15:02

Tokyo, città folle, è l'unico posto che consiglio agli amici per le vacanze. Tutto è visto e stravisto ma andare a Tokyo è come andare su Marte, è un altro mondo, in tutto. Ti divertirai. Molto. E ti stupirai, che è ancora meglio.
Sono stato a Tokyo decine di volte, un volo tranquillo, si passa piuttosto "alti", a nord, dove le turbolenze sono estremamente minori che vicino all'equatore, ma ci saranno tra la costa russa e quella giapponese, in quei luoghi ci sono jet stream da 200 nodi. Che fare? Nulla. Se fanno il servizio di colazione, mangia, se non lo fanno guarda le gambe delle Hostess, ce ne sono di lunghe e belle. In genere quello era il momento in cui scendevo dalla camera da letto per riprendere il mio posto in cabina, un caffè (a bordo non è un granchè) due chiacchiere, la pianificazione dell'avvicinamento e dell'atterraggio ed eravamo già sul bus Narita Tokyo... 75 minuti di viaggio.
Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita! Vai in un sexy shop, di quelli a 5 piani, ti sentirai un super macho, i giapponesi ce l'hanno piccolo, e magari alla tua fidanzata verrà voglia di qualcosa di "diverso", chissà, sei fortunato! Vai alle terme, ma se avete un tatuaggio lo dovete coprire con un cerotto, altrimenti vi cacciano. Non comprare elettronica, non conviene e non è compatibile.
Paura del volo? E perché? Non c'è nessuna ragione ragionevole per averla, se continui ad averla cerca di capire cosa c'è di sbagliato nel tuo passato, non te la prendere con gli aeroplani. A proposito, stai attento se piove, è molto, ma molto più probabile che tu venga ucciso da un fulmine che tu muoia in un incidente aereo!

educatedguess
Banned user
Banned user
Messaggi: 372
Iscritto il: 13 settembre 2013, 18:31

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da educatedguess » 2 giugno 2015, 15:49

Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 2 giugno 2015, 19:00

flyingbrandon ha scritto:
Ok...ma tu cosa hai fatto per la tua paura di volare mano a mano?
Altrimenti è come dire...ho lasciato il rubinetto dell'acqua aperto...e mano a mano il livello nella vasca aumentava...fino a quando....cazz....ha iniziato ad uscire.
Ho cercato di evitare i voli... tra l'altro l'anno scorso la mia ragazza era andata in Spagna a fare l'erasmus universitario da settembre a gennaio... sono andata a trovarla 3 volte... le prima due in aereo e l'ultima in corriera... non ce la facevo a prendere l'aereo e mi sono fatto un giorno e mezzo di viaggio in corriera..
flyingbrandon ha scritto: Quindi....ricapitolando...ogni volta hai un'idea....e ogni volta ti sbagli....me la colta dopo la tua idea è la stessa....e ti risbagli....poi la volta dopo ancora. Curiosità...in quali altri aspetti della vita continui a pensare che la ragione sia tua nonostante l'evidenza?
Sono sempre stato una persona ansiosa per molte cose.. purtroppo è la mia natura
flyingbrandon ha scritto: Ti senti morire? Ti senti morire? Hai mai provato a sentirti morire? I voli che hai fatto fino ad ora non sono nulla perché nella tua esperienza cadono di più gli aerei di lungo raggio?
Gli aerei dei voli a lungo raggio sono soggetti a molti sforzi e pressioni per un lungo lasso continuo di tempo rispetto a quelli a corto raggio... inoltre vedo che li fanno volare tutti i giorni su varie tratte intercontinentali.. senza sosta.. ho paura che qualcosa nella struttura ceda.. Volo Japan Airlines 123 per citare un esempio...
flyingbrandon ha scritto: Bene...un buon punto di partenza....già che ci sei non hai pensato al criminale che ti aspetta quando esci dalla porta, la macchina che ti investirà e l'ambulanza che si cappotterà con te dentro? Sempre che non ti colga qualcosa di notte o mentre sei al cesso a lavarti i denti. Ah....dimenticavo....e tutto ciò che ti ho elencato è ben più probabile. Poi....una curiosità...la turbolenza che problema è? Il vuoto d'aria è perché non ti piaceva la parola turbolenza? Se c'è un guasto che succede?


Mi hai fatto ridere :)
Se cè un guasto si va giù....

Ti ringrazio flyingbrandon per tutto quello che hai scritto...ma io sono sicuro di non farcela senza prendere niente.. è veramente più forte di me... e con la fortuna che ho sono sicuro al 100% di fare un viaggio pieno di turbolenze... io non voglio rovinare il viaggio a chi sta intorno a me quindi penso che la soluzione migliore sia prendere un calmante o sonnifero...

Lampo 13 ha scritto: Sono stato a Tokyo decine di volte, un volo tranquillo, si passa piuttosto "alti", a nord, dove le turbolenze sono estremamente minori che vicino all'equatore, ma ci saranno tra la costa russa e quella giapponese, in quei luoghi ci sono jet stream da 200 nodi. Che fare? Nulla.
Sto seguendo giorno per giorno la tratta del volo su flight radar e si... fa un percorso bello alto... questo jet stream è pericoloso?
Presumo da quello che hai scritto che sei un pilota... mi sapresti spiegare l'andamento del grafico che ho allegato nel mio primo post?
Ad ogni modo grazie mille dei consigli


Grazie a tutti e scusatemi se vi do "del tu".. so di essere un caso disperato... leggendo i vari disastri aerei nella storia mi sono immedesimato varie volte nelle persone di quei voli.... agli ultimi momenti di terrore a agonia che hanno passato...
Su youtube cerco spesso video del 747 - 400...decolli... atterraggi.. turbolente... e ribadisco ancora il fatto che forse sono aerei datati dato che molti modelli sono dei primi anni 90.... perchè non lì sostituiscono... non dico con l'A380 (che tra l'altro fino a 3 anni fa volavano con lui in questa tratta) ...ma almeno con il 747-8

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 2 giugno 2015, 20:33

John21 ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Sono stato a Tokyo decine di volte, un volo tranquillo, si passa piuttosto "alti", a nord, dove le turbolenze sono estremamente minori che vicino all'equatore, ma ci saranno tra la costa russa e quella giapponese, in quei luoghi ci sono jet stream da 200 nodi. Che fare? Nulla.
Sto seguendo giorno per giorno la tratta del volo su flight radar e si... fa un percorso bello alto... questo jet stream è pericoloso?
Presumo da quello che hai scritto che sei un pilota... mi sapresti spiegare l'andamento del grafico che ho allegato nel mio primo post?
Ad ogni modo grazie mille dei consigli
A parte che quello che "consuma" gli aerei sono i cicli e non le ore di volo (un ciclo è decollo-crociera-atterraggio) e quindi gli aeroplani di lungo raggio sono molto meno stressati di quelli di medio e di corto che fanno anche 8 cicli al giorno contro 1 ciclo degli altri, perché dovrebbero buttare un ottimo aereo per comprarne uno nuovo a 150/200 milioni di dollari? Per far contento te? Aspetta e spera!
Falla finita con grafici, video e reports, tanto non ci capisci niente, se vuoi andare a Tokyo vacci, altrimenti la tua ragazza ci andrà con un altro meno noioso di te, tu invece prendi la corriera che è infinitamente più pericolosa!

Avatar utente
Th3Crow
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 725
Iscritto il: 2 maggio 2007, 2:12

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Th3Crow » 2 giugno 2015, 20:36

Allora, innanzitutto buona sera! Anche se dovrei dire buon giorno visto che fuori c'è ancora molta luce!

Il problema è che le tue ansie si fondano su una serie di supposizioni errate. Capisco il meccanismo che scatta nella tua mente, ogni piccolo pensiero diviene sempre più grande e ancora più grande! Ogni minimo granello di sabbia nella tua mente diviene un Everest. Devi cercare di focalizzare la tua attenzione su altri particolari e cercare di decomprimere, in modo tale da far delle tue ansie qualcosa di positivo. Trasforma le tue ansie relative al volo in qualcosa di positivo nel tuo lavoro, nel tuo studio. Devi cercare di pensare al volo focalizzando sulle cose positive e belle del volo stesso. Non guardare al 747-400 come ad un velivolo vecchio, piuttosto guardalo come un prodigio della tecnica, caspita è grosso e vola e lo fa veramente bene!
Hai addotto tutta una serie di motivazioni "tecniche" alle tue paure, ma lo fai senza alcuna cognizione di causa (ovviamente non sono polemiche le mie, ci mancherebbe!). Ad esempio dici che il 747 rispetto ad un 737 subisce molte sollecitazioni per un tempo prolungato. Cosa significa questo? Nulla, voglio dire, gli effetti affaticanti dei vari carichi non dipendo da questo, anzi, in particolari situazioni può succedere che carichi più elevati comportino degli allungamenti nella vita di un componente (prova a cercare teoria di Elber su internet). Hai, poi, citato indagini ad alta quota. Bene, dimentichi però che in quel programma si dice spessissimo che l'effetto dei vari incidenti analizzati è stato quello di migliorare la sicurezza del volo, dato che "sbagliando si impara".
Poi, per quanto riguarda il tracciato. Guarda quota e velocità. A mio parere flightradar ha qualche bug, possibile visto che le informazioni provengono da amatori. Del resto la quota resta "normale". Ricordati che la portanza dipende dalla quota e dalla velocità. Se la velocità va a zero lo fa anche la portanza. E quindi il grafico è incongruente. Io dico che il sito ha avuto qualche problema, non certo l'aereo. Ti dico anche che ho cercato informazioni circa un problema a un 747-400 LH e non c'è stato un alcunchè! Infine la vecchiaia degli aerei: durante la loro vita subiscono una serie di eventi manutentivi che portano a smontarli, controllarli e rimontarli del tutto (check C e D), il ché vuol dire che di vecchio resta poco! Poi chi ti dice che il 747 su cui volerai sia proprio del 1991? Caspita, volerai sulla Regina dei Cieli!
Un piccolo consiglio, se non sei molto "del settore" non cercare elementi tecnici troppo dettagliati e precisi, quando non sono sbagliati (cosa che capita un buon 80% delle volte), possono portare a intuizioni fuorvianti!

Spero di esserti stato di un minimo aiuto!

Ps: Lampo, non folgorarmi il ragazzo! :mrgreen: :mrgreen:

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15442
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da JT8D » 2 giugno 2015, 20:40

John21 ha scritto:Gli aerei dei voli a lungo raggio sono soggetti a molti sforzi e pressioni per un lungo lasso continuo di tempo rispetto a quelli a corto raggio... inoltre vedo che li fanno volare tutti i giorni su varie tratte intercontinentali.. senza sosta.. ho paura che qualcosa nella struttura ceda.. Volo Japan Airlines 123 per citare un esempio...
Ascolta il consiglio di Brandon, focalizzati su di te e lavora su di te, non sull'aereo. Se proprio vogliamo vedere, è più sollecitato un velivolo di corto-medio raggio, che ha molti più cicli decollo-atterraggio, pressurizzazioni-depressurizzazioni. Un velivolo di lungo raggio vola molte ore, ma ha molti meno cicli.
John21 ha scritto:Su youtube cerco spesso video del 747 - 400...decolli... atterraggi.. turbolente... e ribadisco ancora il fatto che forse sono aerei datati dato che molti modelli sono dei primi anni 90.... perchè non lì sostituiscono... non dico con l'A380 (che tra l'altro fino a 3 anni fa volavano con lui in questa tratta) ...ma almeno con il 747-8
Non li sostituiscono perchè un velivolo anni 90 va benissimo, come uno nuovo e consegnato l'altro ieri, dato che, se la manutenzione è fatta bene, un velivolo del '90 è sicuro esattamente come uno nuovo. Quando le compagnie sostituiscono le macchine non è perchè non sono più sicure, ma semplicemente per motivi economici, dato che le più recenti offrono dei vantaggi sui consumi, oltre che su rumorosità e emissioni inquinanti, dato che le norme in tal senso diventano sempre più stringenti. Ma la sicurezza è garantita in entrambi i casi. Comunque ripeto, non focalizzare l'attenzione sull'aereo, ma su di te.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 2 giugno 2015, 20:41

John21 ha scritto: Grazie a tutti e scusatemi se vi do "del tu".. so di essere un caso disperato... leggendo i vari disastri aerei nella storia mi sono immedesimato varie volte nelle persone di quei voli.... agli ultimi momenti di terrore a agonia che hanno passato...
Ciao John! :D :D
Comincio dal fondo perchè questa tua frase mi ha fatto sobbalzare..

Tu non puoi, umanamente parlando, sobbarcarti tutto questo carico emotivo: non serve a niente, ma proprio a niente.
Io capisco che morire in un incidente aereo è una prospettiva sicuramente devastante.. ma non lo è meno di un incidente in auto, in moto, in mare.....o per una malattia....
Io, in 26 anni di onorato servizio come infermiera, ho assistito alla morte di moltissime persone.
Sicuramente queste esperienze ti segnano ma ho cercato sempre di mantenere un giusto ed appropriato "distacco".
E non perchè sono una persona insensibile ma perchè è il solo modo per offrire tutto l'aiuto possibile in modo professionale, fornendo nel contempo anche quel supporto emotivo che ovviamente in questi casi è indispensabile...
..ma che aiuto avrei potuto dare se ogni qual volta, di fronte alla morte di un paziente, mi fossi abbandonata all'emotività e mi fossi messa a piangere con i parenti? O se avessi avuto un blocco emotivo, dalla paura e dal dispiacere, che mi avesse impedito di assistere al meglio il paziente?? :|

Ora, immagino che tu non sia un'operatore sanitario ma il concetto è sempre quello:
cerca di sviluppare un distacco emotivo dagli eventi. Non devi diventare freddo ed insensibile ma non puoi neanche star male per ogni singola persona che muore, proprio non puoi: dovresti piangere ogni volta che apri un quotidiano qualsiasi....e ce ne sono tante persone che muoiono, ogni giorno, e ben poche per incidenti aerei....anzi dalle mie parti, ultimamente, i trattori sono in cima alla lista, pensa un po'...... :roll:
John21 ha scritto: Sono sempre stato una persona ansiosa per molte cose.. purtroppo è la mia natura..

E' una tua convinzione. :wink:
La natura si puo cambiare...ed anche i pensieri... ed anche le tue convinzioni.. basta volerlo!
Ne parliamo, se vuoi...
John21 ha scritto:Gli aerei dei voli a lungo raggio sono soggetti a molti sforzi e pressioni per un lungo lasso continuo di tempo rispetto a quelli a corto raggio... inoltre vedo che li fanno volare tutti i giorni su varie tratte intercontinentali.. senza sosta.. ho paura che qualcosa nella struttura ceda.. Volo Japan Airlines 123 per citare un esempio...
Gli aerei sono controllati da cima a fondo, anche prima di ogni volo...la tua auto non penso proprio.. :mrgreen:
Comunque qui nel forum ci sono molte notizie al riguardo, basta che cerchi...
John21 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Se c'è un guasto che succede?

Mi hai fatto ridere :)
Se cè un guasto si va giù....

Stai scherzando, spero... Guess again.... :mrgreen:
John21 ha scritto: Ti ringrazio flyingbrandon per tutto quello che hai scritto...ma io sono sicuro di non farcela senza prendere niente.. è veramente più forte di me... e con la fortuna che ho sono sicuro al 100% di fare un viaggio pieno di turbolenze... io non voglio rovinare il viaggio a chi sta intorno a me quindi penso che la soluzione migliore sia prendere un calmante o sonnifero...

Mai sentito parlare di effetto paradosso? Io si... :mrgreen:
Allora, nei "bei" tempi andati quando buttavo giù benzodiazepine come coca-cola prima di ogni volo, l'unico risultato era questa faccina: :shock: :shock: :shock: :shock:
ma proprio nel senso che stavo con gli occhi sbarrati per tutto il volo, avvinghiata (come solo un bradipo sa fare) a mio marito ( povero...) e, soprattutto: sveglissima! Si, sveglissima per tutto il volo....come uno zombie....salvo addormentarmi appena sbarcata....
Ti cito Wiki, ma solo perchè è uscito per primo...
"In medicina con effetto paradosso si intende la produzione, da parte di un principio attivo, di effetti indesiderati e opposti rispetto a quelli previsti, o anche diversi rispetto a quelli ottenuti alla prima assunzione del principio".

Ergo: evita...evita....e ancora: evita.....
John21 ha scritto: Sto seguendo giorno per giorno la tratta del volo su flight radar e si... fa un percorso bello alto... questo jet stream è pericoloso?
per jet stream si intende una corrente a getto, che può essere molto veloce e fa si che l'aereo arrivi prima a destinazione :wink:
http://www.meteorologia.it/fenomeni_met ... _getto.htm
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 2 giugno 2015, 21:59

John21 ha scritto:
Ho cercato di evitare i voli... tra l'altro l'anno scorso la mia ragazza era andata in Spagna a fare l'erasmus universitario da settembre a gennaio... sono andata a trovarla 3 volte... le prima due in aereo e l'ultima in corriera... non ce la facevo a prendere l'aereo e mi sono fatto un giorno e mezzo di viaggio in corriera..
Quindi la risposta è niente! Evitare di volare non è la ricerca di una soluzione....e visto che il tuo problema, come mi sembrava, non è l'aereo , nella tua vita "ansiosa" niente è cambiato e tutto è peggiorato....questo non ti fa venire il dubbio di essere sulla strada sbagliata?
John21 ha scritto:
Sono sempre stato una persona ansiosa per molte cose.. purtroppo è la mia natura
Purtroppo un cazz. Non si nasce ansiosi...lo si diventa. Magari non è stata colpa tua diventarlo ma, ora che sei "grande", è colpa tua continuare ad esserlo. È grave anche solo pensare che....sei cosi...e non ci puoi fare nulla. È tutto in mano tua invece....
John21 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto: Ti senti morire? Ti senti morire? Hai mai provato a sentirti morire? I voli che hai fatto fino ad ora non sono nulla perché nella tua esperienza cadono di più gli aerei di lungo raggio?
Gli aerei dei voli a lungo raggio sono soggetti a molti sforzi e pressioni per un lungo lasso continuo di tempo rispetto a quelli a corto raggio... inoltre vedo che li fanno volare tutti i giorni su varie tratte intercontinentali.. senza sosta.. ho paura che qualcosa nella struttura ceda.. Volo Japan Airlines 123 per citare un esempio...
Ti ho lasciato anche il mio quote perché non hai risposto alla domanda...ed è importante. La prima intendo. Per la seconda...ti hanno già risposto e la tua concezione di pericolosità e maggiore usura nel lungo raggio...è una boiata....quindi ti invito nuovamente, se hai piacere di smettere di essere ansioso, di preoccuparti degli aerei. È evidente che di aerei capisci poco...ed è piu facile e istruttivo che tu inizi a capire di te piuttosto che di aerei... :mrgreen:

John21 ha scritto: Mi hai fatto ridere :)
Se cè un guasto si va giù....
Davvero? Allora parli con un forum con molti fantasmi...o forse ti sbagli e continui a pensare di capirci di aerei... :mrgreen:
John21 ha scritto:
Ti ringrazio flyingbrandon per tutto quello che hai scritto...ma io sono sicuro di non farcela senza prendere niente.. è veramente più forte di me... e con la fortuna che ho sono sicuro al 100% di fare un viaggio pieno di turbolenze... io non voglio rovinare il viaggio a chi sta intorno a me quindi penso che la soluzione migliore sia prendere un calmante o sonnifero...
Si...proprio la tua sicurezza è la tua rovina...cosi come la tua presunzione...che ti porta a pensare di dedurre qualcosa di volo da grafici e flight radar. Ti assicuro che con il tempo, se queste sono le tue soluzioni, la tua vita sarà proprio pessima...ma sono scelte ed è giusto che tu faccia la tua. Il problema di chi ti starà accanto...non sarà il viaggio...ma starti accanto....ma anche quelle sono scelte...e non sono tue...quindi puoi non preoccupartene.
Non hai risposto anche a....qual'e il problema della turbolenza? Con uno sterrato con le buche e una macchina da fuoristrada hai paura? In barca con le onde? In bici in un bosco? L'ansia la crei tu ...quindi mi dici che tu sei piu forte di Te e per questo non puoi farci nulla....ti rendi conto? :mrgreen:
John21 ha scritto:
Grazie a tutti e scusatemi se vi do "del tu".. so di essere un caso disperato... leggendo i vari disastri aerei nella storia mi sono immedesimato varie volte nelle persone di quei voli.... agli ultimi momenti di terrore a agonia che hanno passato...
Su youtube cerco spesso video del 747 - 400...decolli... atterraggi.. turbolente... e ribadisco ancora il fatto che forse sono aerei datati dato che molti modelli sono dei primi anni 90.... perchè non lì sostituiscono... non dico con l'A380 (che tra l'altro fino a 3 anni fa volavano con lui in questa tratta) ...ma almeno con il 747-8
Perché dovrebbero sostituirlo? Tanto troveresti altri 1000 problemi... :mrgreen: tu non ti immedesimi in loro...tu non sei precipitato....tu covi fantasie nelle tua mente...le fai tue....e vivi basandoti su quelle. La realtà è un'altra...e hai modo di vivere la tua....oppure come ti ho già suggerito....se vivi di fantasia...almeno fallo per benino.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9552
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 2 giugno 2015, 22:23

MartaP ha scritto:Io, in 26 anni di onorato servizio come infermiera, ho assistito alla morte di moltissime persone.
Sicuramente queste esperienze ti segnano ma ho cercato sempre di mantenere un giusto ed appropriato "distacco".
E non perchè sono una persona insensibile ma perchè è il solo modo per offrire tutto l'aiuto possibile in modo professionale, fornendo nel contempo anche quel supporto emotivo che ovviamente in questi casi è indispensabile...
Senti Marta, così pour parler intra nos, visto che ormai sono quasi alla frutta, se volessi passare qualche settimana che sò, alle Barbados, tanto per dire, tu potresti venire con me ad assistermi nel caso dovessi finire proprio in quel periodo? Naturalmente facciamo alla romana! :mrgreen:
Scusa John21 se ho approfittato del tuo post!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 2 giugno 2015, 22:57

tartan ha scritto: Senti Marta, così pour parler intra nos, visto che ormai sono quasi alla frutta, se volessi passare qualche settimana che sò, alle Barbados, tanto per dire, tu potresti venire con me ad assistermi nel caso dovessi finire proprio in quel periodo? Naturalmente facciamo alla romana! :mrgreen:
:lol: :lol: :lol:
...tu, Pino ? Alla frutta ???? Tu ci seppellirai tutti...... :mrgreen: :mrgreen:

PS: ok per le Barbados.... :mrgreen:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4669
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da sardinian aviator » 2 giugno 2015, 23:24

MartaP ha scritto:
tartan ha scritto: Senti Marta, così pour parler intra nos, visto che ormai sono quasi alla frutta, se volessi passare qualche settimana che sò, alle Barbados, tanto per dire, tu potresti venire con me ad assistermi nel caso dovessi finire proprio in quel periodo? Naturalmente facciamo alla romana! :mrgreen:
:lol: :lol: :lol:
...tu, Pino ? Alla frutta ???? Tu ci seppellirai tutti...... :mrgreen: :mrgreen:

PS: ok per le Barbados.... :mrgreen:
Per Cuba un pensierino lo farei anche....
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 3 giugno 2015, 8:48

sardinian aviator ha scritto: Per Cuba un pensierino lo farei anche....
(Ultimo O.T, giuro :mrgreen: )
...potrei imbastire un ambulatorio infermieristico a L'Avana, se vi interessa..... :toothy7:

Ma torniamo al TRD... :wink:

Ehi John..... ci sei???? :bounce:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9552
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 3 giugno 2015, 13:59

John, che fai, ti defili? Sto cercando di rubarti l'infermiera e tu ti dai? Guarda che in questo sito niente è lasciato al caso, anche se può sembrare diverso! :D
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 3 giugno 2015, 15:36

Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
No...non lo accetto....piuttosto mi faccio venire la paura di volare... :mrgreen: :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 3 giugno 2015, 17:50

flyingbrandon ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
No...non lo accetto....piuttosto mi faccio venire la paura di volare... :mrgreen: :mrgreen:
Ciao!
A me piace il Sushi, piace il Tempura, piacciono le zuppe con i Noodle etc. ma dopo il disastro di Fukushima ho preferito evitare le alghe che accumulano molto la radioattività e le verdure o il riso.
Non sono arrivato certo ai livelli di una collega che partiva da Roma con una valigia piena di acqua minerale anche per lavarsi e sono cosciente che la nube radioattiva persistente a 70 NM a nord di Tokyo per più di un anno era inevitabile, ma per qualche tempo ho frequentato "Al dente": spaghetti italiani, pomodoro passato italiano, olio italiano, guanciale italiano... i cuochi hanno fatto uno stage in Italia e cucinano davvero bene, con 1.500 yen, circa 12 euro, ti facevi un piatto extra (250 gr.) di pasta ed una birra alla spina media. In 20 minuti eri fuori e con il transito da 24 ore avere un ristorante dietro l'albergo era comodo!
In genere rifuggo dai ristoranti italiani all'estero!

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 3 giugno 2015, 20:57

Eccomi qui.. scusatemi ma con il lavoro riesco a rispondere solo adesso...

Vi ringrazio davvero per tutto quello che mi avete scritto...
In questo momento mi sento abbastanza sereno e spensierato ma non penso durerà molto questa situazione... forse è solo la stanchezza post lavoro :/

Ho letto e riletto tutto quello che avete scritto...
Gli aerei saranno controllati e ricontrollati ma non si può mai sapere cosa succede in volo... io ricordo che nei miei primi voli non ero così ansioso... certo non mi piacevano ma erano sopportabili... poi man mano che leggevo e scoprivo i vari disastri aerei della storia ho cominciato a stare male.... addirittura giorni prima del volo di un'oretta e mezza/2... pensate per quello che dovrò prendere tra 11 giorni...

Come ho già scritto mi piace moltissimo vedere questi bestioni volare... ma solo vederli.. starci dentro in balia di qualcosa che non puoi controllare tipo venti nuvole ecc ...mi fa stare davvero male...
E poi parlando di nuvole e temporali... perchè i piloti ci volano dentro come se nulla fosse? perchè non li evitano... mi è capitato una volta tornando da Barcellona che 5 min dopo il decollo siamo entrati dentro una "nuvola" e non ne siamo più usciti fino al momento dell'atterraggio... anche qui era stato tutta una turbolenza per tutto il volo... perchè il pilota non è salito un pò di più per stare sopra le nuvole? ...guardando fuori dal finestrino si capiva che non si doveva alzare di molto per uscire... invece no... tutto il volo fatto nella nebbia delle nuvole...

Io ho sentito di persone che hanno trovato sui voli intercontinentali turbolenze di 3/4/5 ore di seguito.... ma com'è possibile? io non riesco neanche a pensarci ad una cosa del genere...

Senza prendere nulla sono sicuro di non farcela... piuttosto rischio che mi faccia effetto contrario... ma io non devo essere lucido quando prenderò (se lo prenderò) l'aereo...

Ho visto di recente questo video:
Mi ha terrorizzato moltissimo...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 3 giugno 2015, 23:03

John21 ha scritto:Eccomi qui.. scusatemi ma con il lavoro riesco a rispondere solo adesso...

Vi ringrazio davvero per tutto quello che mi avete scritto...
In questo momento mi sento abbastanza sereno e spensierato ma non penso durerà molto questa situazione... forse è solo la stanchezza post lavoro :/
Non sei tranquillo perché sei stanco...sei tranquillo perché la mente è concentrata sul presente...su ciò che fai...e non su ciò che non c'è...non esiste...non è reale. Ma se tu decidi che ciò non durerà...in effetti non durerà. Al contrario dovresti portare e riportare la tua mente al presente...tu programmi le tue disgrazie invece. Sono scelte John...e il come utilizzare la tua mente...se come valida alleata o peggiore nemico è una responsabilità assolutamente tua.
John21 ha scritto: Ho letto e riletto tutto quello che avete scritto...
Gli aerei saranno controllati e ricontrollati ma non si può mai sapere cosa succede in volo...
Tu senza dubbio no...ma per tua e nostra fortuna fai altro nella vita. L'equazione guasto=morte è falsa. Ma se tu la vuoi prendere per vera....
John21 ha scritto: io ricordo che nei miei primi voli non ero così ansioso... certo non mi piacevano ma erano sopportabili... poi man mano che leggevo e scoprivo i vari disastri aerei della storia ho cominciato a stare male.... addirittura giorni prima del volo di un'oretta e mezza/2... pensate per quello che dovrò prendere tra 11 giorni...
Certo...hai applicato i tuoi schemi ansiogeni all'aereo...e visto che non hai neanche la minima idea di come funzioni il mondo aeronautico hai potuto colorare tutto come meglio riuscivi pur di mascherare la tua inadeguatezza di pensiero scaraventando i tuoi limiti sul mondo aeronautico.
John21 ha scritto:
Come ho già scritto mi piace moltissimo vedere questi bestioni volare... ma solo vederli.. starci dentro in balia di qualcosa che non puoi controllare tipo venti nuvole ecc ...mi fa stare davvero male...

Ma tu non controlli tu stesso...come puoi pensare di controllare la vita? Comunque ti do una buona notizia...non si controlla nulla...l'idea di controllo è una ca***ta...puoi ottenere, al massimo, l'illusione di avere controllo...ma questa illusione, prima o poi, crolla creando quella sensazione che vivi quotidianamente. Il problema non è l'aereo...è il tuo pensiero. Tu non vivi felici e al massimo delle tue potenzialità neanche andando a piedi...e la vita te lo mette in faccia...ma tu continui a pensare che , ormai, sei fatto così ed è proprio il resto ad essere "sbagliato".
John21 ha scritto: E poi parlando di nuvole e temporali... perchè i piloti ci volano dentro come se nulla fosse? perchè non li evitano... mi è capitato una volta tornando da Barcellona che 5 min dopo il decollo siamo entrati dentro una "nuvola" e non ne siamo più usciti fino al momento dell'atterraggio... anche qui era stato tutta una turbolenza per tutto il volo... perchè il pilota non è salito un pò di più per stare sopra le nuvole? ...guardando fuori dal finestrino si capiva che non si doveva alzare di molto per uscire... invece no... tutto il volo fatto nella nebbia delle nuvole...
Sei davvero lontano dal capirci qualcosa...davvero...hai 10 giorni...lascia perdere gli aspetti tecnici... :mrgreen:
John21 ha scritto:
Io ho sentito di persone che hanno trovato sui voli intercontinentali turbolenze di 3/4/5 ore di seguito.... ma com'è possibile? io non riesco neanche a pensarci ad una cosa del genere...
Maddai...quindi c'è anche il mare mosso? Com'è possibile? Vuoi dirmi che non è sempre piatto e ci sono le onde? Mi sconcerta....
Un dubbio...sai cosa è, di fatto, la turbolenza?
John21 ha scritto: Senza prendere nulla sono sicuro di non farcela... piuttosto rischio che mi faccia effetto contrario... ma io non devo essere lucido quando prenderò (se lo prenderò) l'aereo...
Conosci il problema...hai la soluzione e sei sicuro di cosa si debba o non si debba fare...mi sorge quindi spontanea una domanda...che ci fai qua? Il problema non è comunque l'effetto contrario....il problema è ben piu grosso e riguarda ogni aspetto della tua vita ma è inutile approfondire se tu stesso non sei intenzionato a farlo. Se ti va rispondi alle domande...e ci addentriamo...ma se vuoi rimanere aggrappato alle tue certezze...beh...c'è poco da dire e fare...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 3 giugno 2015, 23:06

John21 ha scritto:
Gli aerei saranno controllati e ricontrollati ma non si può mai sapere cosa succede in volo...
Caro John,
non si può mai sapere cosa succede, punto. Da nessuna parte, in nessun luogo.
John21 ha scritto: ..poi man mano che leggevo e scoprivo i vari disastri aerei della storia ho cominciato a stare male..
..e quindi, leggendo i vari incidenti in auto della storia immagino che tu non salga più in auto... :roll:
Non fraintendermi, non ti sto prendendo in giro..ma se non cambi prospettiva le cose si fanno difficili...
Non crederai sul serio che gli incidenti avvengano solo per aria, vero?
John21 ha scritto: Come ho già scritto mi piace moltissimo vedere questi bestioni volare... ma solo vederli.. starci dentro in balia di qualcosa che non puoi controllare tipo venti nuvole ecc ...mi fa stare davvero male...
E poi parlando di nuvole e temporali... perchè i piloti ci volano dentro come se nulla fosse? perchè non li evitano... mi è capitato una volta tornando da Barcellona che 5 min dopo il decollo siamo entrati dentro una "nuvola" e non ne siamo più usciti fino al momento dell'atterraggio... anche qui era stato tutta una turbolenza per tutto il volo... perchè il pilota non è salito un pò di più per stare sopra le nuvole? ...guardando fuori dal finestrino si capiva che non si doveva alzare di molto per uscire... invece no... tutto il volo fatto nella nebbia delle nuvole...
I piloti fanno un briefing prima di ogni volo.
Sanno esattamente che tipo di condizioni meteorologiche troveranno.
Decidono in quale aeroporto atterrare in caso di problemi tecnici o maltempo, il cosiddetto aeroporto alternato
.. e, fortunatamente, in giro per il mondo ci sono un sacco di aeroporti....
Se decidono di volare in mezzo alle nubi significa che non è pericoloso: il radar di bordo è in grado di visualizzare le aree che si possono attraversare e quelle da evitare assolutamente.
Guarda che anche loro vogliono tornare a casa, dalle loro famiglie...
John21 ha scritto: Io ho sentito di persone che hanno trovato sui voli intercontinentali turbolenze di 3/4/5 ore di seguito.... ma com'è possibile? io non riesco neanche a pensarci ad una cosa del genere...
..e allora non pensarci: io su 34 voli non ne ho mai trovata una....
..3-4-5 ore di turbolenze? Ma sei sicuro? Mi pare una esagerazione.... :scratch:
Ma attendo conferme dai diretti interessati...
John21 ha scritto:Ho visto di recente questo video:
Mi ha terrorizzato moltissimo...
John, non sei obbligato volare....almeno lo spero per te....

Cosa hai intenzione di fare? :wink:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 0:05

John21 ha scritto:Eccomi qui.. scusatemi ma con il lavoro riesco a rispondere solo adesso...

Vi ringrazio davvero per tutto quello che mi avete scritto...
In questo momento mi sento abbastanza sereno e spensierato ma non penso durerà molto questa situazione... forse è solo la stanchezza post lavoro :/

Ho letto e riletto tutto quello che avete scritto...
Gli aerei saranno controllati e ricontrollati ma non si può mai sapere cosa succede in volo... io ricordo che nei miei primi voli non ero così ansioso... certo non mi piacevano ma erano sopportabili... poi man mano che leggevo e scoprivo i vari disastri aerei della storia ho cominciato a stare male.... addirittura giorni prima del volo di un'oretta e mezza/2... pensate per quello che dovrò prendere tra 11 giorni...

Come ho già scritto mi piace moltissimo vedere questi bestioni volare... ma solo vederli.. starci dentro in balia di qualcosa che non puoi controllare tipo venti nuvole ecc ...mi fa stare davvero male...
E poi parlando di nuvole e temporali... perchè i piloti ci volano dentro come se nulla fosse? perchè non li evitano... mi è capitato una volta tornando da Barcellona che 5 min dopo il decollo siamo entrati dentro una "nuvola" e non ne siamo più usciti fino al momento dell'atterraggio... anche qui era stato tutta una turbolenza per tutto il volo... perchè il pilota non è salito un pò di più per stare sopra le nuvole? ...guardando fuori dal finestrino si capiva che non si doveva alzare di molto per uscire... invece no... tutto il volo fatto nella nebbia delle nuvole...

Io ho sentito di persone che hanno trovato sui voli intercontinentali turbolenze di 3/4/5 ore di seguito.... ma com'è possibile? io non riesco neanche a pensarci ad una cosa del genere...

Senza prendere nulla sono sicuro di non farcela... piuttosto rischio che mi faccia effetto contrario... ma io non devo essere lucido quando prenderò (se lo prenderò) l'aereo...

Ho visto di recente questo video:
Mi ha terrorizzato moltissimo...
Ma... è precipitato l'aereo del video? No? E allora perché rompi gli zebedei?
Io mi sono fatto delle Miami Roma tutte con turbolenza, e allora? Scomodo, per bere il caffè, ma quando sono andato a dormire mi ha conciliato il sonno...
Te lo ridico, stai a casa.

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 4 giugno 2015, 8:45

Lampo 13 ha scritto: Io mi sono fatto delle Miami Roma tutte con turbolenza....
...allora è vero! :shock: ...Che do maroni..... :roll: :mrgreen:

..e quindi le hostess non passano con il carrello: questa è la vera tragedia....tutte queste ore senza un caffè... :sad2:

..senza mangiare.... angry9: ...senza poter andare in bagno..... :protest: .....
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 10:43

MartaP ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Io mi sono fatto delle Miami Roma tutte con turbolenza....
...allora è vero! :shock: ...Che do maroni..... :roll: :mrgreen:

..e quindi le hostess non passano con il carrello: questa è la vera tragedia....tutte queste ore senza un caffè... :sad2:

..senza mangiare.... angry9: ...senza poter andare in bagno..... :protest: .....
Ma no! Hanno sempre fatto il servizio, per bloccare il servizio la turbolenza deve essere tale da far cadere le cose.

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 4 giugno 2015, 11:27

Lampo 13 ha scritto: Ma no! Hanno sempre fatto il servizio, per bloccare il servizio la turbolenza deve essere tale da far cadere le cose.
..ah ok....che sollievo... :wink:
..tra venti giorni mi faccio le mie 10 ore, destinazione caraibi...e stavo già pensando, eventualmente, di far scorta di schifezze al duty-free.....:mrgreen:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9552
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 4 giugno 2015, 15:44

Sono diversi anni che non faccio più viaggi lunghi. Mi mancano quelle interruzioni della routine che mi davano aria ai polmoni. Così te ne vai ai Caraibi! Beata te. E pensare che c'è gente che non si sposta per paura di poche ore con un pò di scuotimento divertente! In fondo basta tenere in mano il bicchiere assecondando le oscillazioni per evitare che il contenuto ti cada addosso, e poi vai!
Ho riletto quello che ho scritto ed ho dovuto fare dieci correzioni. Capita pure a voi o devo cominciare a preoccuparmi? Ma poco però, perché ma chissene! :D
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Blues77 » 4 giugno 2015, 16:07

educatedguess ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.
Va bene l'incoraggiamento ma adesso che sia la città in cui si mangia meglio al mondo. :shock: . con tutto il rispetto.. :D
ciao

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Blues77 » 4 giugno 2015, 16:09

Lampo 13 ha scritto:
MartaP ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Io mi sono fatto delle Miami Roma tutte con turbolenza....
...allora è vero! :shock: ...Che do maroni..... :roll: :mrgreen:

..e quindi le hostess non passano con il carrello: questa è la vera tragedia....tutte queste ore senza un caffè... :sad2:

..senza mangiare.... angry9: ...senza poter andare in bagno..... :protest: .....
Ma no! Hanno sempre fatto il servizio, per bloccare il servizio la turbolenza deve essere tale da far cadere le cose.
mo, ti faccio incazzare..ma da passeggero hai sempre vissuto le turbolenze in maniera cosi sportiva?? :wink:

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 16:21

Blues77 ha scritto:
educatedguess ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.
Va bene l'incoraggiamento ma adesso che sia la città in cui si mangia meglio al mondo. :shock: . con tutto il rispetto.. :D
ciao
Io amo tutte le cucine del mondo, ovviamente preferisco l'italiana, anche se la ristorazione media in Italia è caduta a livelli infimi.
In Giappone si mangia bene, sempre, qualsiasi cosa, anche da McDonald sono migliori.
Non prendi mai fregature, i prezzi sono giusti ed il cibo di qualità, sempre che ti piaccia ciò che ordini!

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 16:25

Blues77 ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:
MartaP ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Io mi sono fatto delle Miami Roma tutte con turbolenza....
...allora è vero! :shock: ...Che do maroni..... :roll: :mrgreen:

..e quindi le hostess non passano con il carrello: questa è la vera tragedia....tutte queste ore senza un caffè... :sad2:

..senza mangiare.... angry9: ...senza poter andare in bagno..... :protest: .....
Ma no! Hanno sempre fatto il servizio, per bloccare il servizio la turbolenza deve essere tale da far cadere le cose.
mo, ti faccio incazzare..ma da passeggero hai sempre vissuto le turbolenze in maniera cosi sportiva?? :wink:
Volo da passeggero almeno un paio di volte al mese e durante il volo dormo, sempre, sono le uniche due ore in cui posso recuperare... la turbolenza aiuta a dormire, culla... Cintura sempre allacciata, ovviamente.

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Blues77 » 4 giugno 2015, 16:32

Ma che è, un treno..? :D

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Blues77 » 4 giugno 2015, 16:37

Lampo 13 ha scritto:
Blues77 ha scritto:
educatedguess ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.
Va bene l'incoraggiamento ma adesso che sia la città in cui si mangia meglio al mondo. :shock: . con tutto il rispetto.. :D
ciao
Io amo tutte le cucine del mondo, ovviamente preferisco l'italiana, anche se la ristorazione media in Italia è caduta a livelli infimi.
In Giappone si mangia bene, sempre, qualsiasi cosa, anche da McDonald sono migliori.
Non prendi mai fregature, i prezzi sono giusti ed il cibo di qualità, sempre che ti piaccia ciò che ordini!
La cucina è una delle poche eccellenze rimaste, in Italia intendo. Fermo restando i gusti, che non si discutono, non mi pare che dalle ns parti si debba prendere lezioni di buon gusto. Culinario almeno.. :D

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 16:49

Blues77 ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Io amo tutte le cucine del mondo, ovviamente preferisco l'italiana, anche se la ristorazione media in Italia è caduta a livelli infimi.
In Giappone si mangia bene, sempre, qualsiasi cosa, anche da McDonald sono migliori.
Non prendi mai fregature, i prezzi sono giusti ed il cibo di qualità, sempre che ti piaccia ciò che ordini!
La cucina è una delle poche eccellenze rimaste, in Italia intendo. Fermo restando i gusti, che non si discutono, non mi pare che dalle ns parti si debba prendere lezioni di buon gusto. Culinario almeno.. :D
Forse sono troppo esigente, anche perché sono bravino in cucina, ma la ristorazione in Italia (non la gastronomia italiana che è ai massimi livelli) è decaduta. Lascia stare i ristoranti di altissimo livello, è ovvio che in quelli si mangia benissimo e si paga tantissimo, ma i ristoranti medi, quelli in cui entra una persona qualsiasi nel centro di una città che non conosce, fanno mediamente schifo. Cuochi improvvisati, cibo surgelato, il classico buffet di antipasti self service, ricettacolo di virus, batteri e muffe, cucine luride, camerieri incapaci, pizze fatte con il formaggio filante olandese, prosciutto con il grasso rancido, mozzarelle inacidite, variazioni inaccettabili di ricette tradizionali, vini imbevibili perché mal conservati... siamo arrivati al punto di considerare Eataly un posto dove si mangia bene!

educatedguess
Banned user
Banned user
Messaggi: 372
Iscritto il: 13 settembre 2013, 18:31

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da educatedguess » 4 giugno 2015, 17:16

Blues77 ha scritto:
educatedguess ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.
Va bene l'incoraggiamento ma adesso che sia la città in cui si mangia meglio al mondo. :shock: . con tutto il rispetto.. :D
ciao
Trust me. E non è solo il sushi la mattina alle 6 al mercato del pesce. È tutto. Piss Alley con 20 dollari esci pieno di grasso fritto o braciato. O Jiro...se riesci a prenotare 4 mesi prima. La pasta che sembra italiana. Korea china francia o ungheria. C è tutto e per tutte le tasche. Per quanto vale da anni la città col più alto numero si risto stellati...I palazzi dove entri prendi l ascensore a caso e finisci in un ristorante. Davvero tokyo per il cibo spacca ;)

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Blues77 » 4 giugno 2015, 17:51

educatedguess ha scritto:
Blues77 ha scritto:
educatedguess ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Che palle! Prova l'emozione degli spaghetti italiani da "Al dente", fanno una Amatriciana squisita!
Cribbio.pensavo di essere l unico. Mi ci portarono i colleghi l ultimo giorno di lavoro. Pensavo fosse una cagata e invece. Tokyo è la città dove si mangia meglio in tutto il mondo. Puoi spendere 5 dollari o 500 per un pranzo ed essere strafelice.
Va bene l'incoraggiamento ma adesso che sia la città in cui si mangia meglio al mondo. :shock: . con tutto il rispetto.. :D
ciao
Trust me. E non è solo il sushi la mattina alle 6 al mercato del pesce. È tutto. Piss Alley con 20 dollari esci pieno di grasso fritto o braciato. O Jiro...se riesci a prenotare 4 mesi prima. La pasta che sembra italiana. Korea china francia o ungheria. C è tutto e per tutte le tasche. Per quanto vale da anni la città col più alto numero si risto stellati...I palazzi dove entri prendi l ascensore a caso e finisci in un ristorante. Davvero tokyo per il cibo spacca ;)
Vero, però, mi domando e dico, non rischiamo di fare i provincialotti per cui l'erba del vicino è sempre più verde? Abito, e lavoro, in una città con delle grandissime eccellenze a livello di ristorazione che non sempre, non necessariamente, corrispondono ai posti cari come il fuoco. Poi, ci mancherebbe, accolgo e faccio mia l'obiezione di Lampo su un certo :D decadimento qualitativo ma tenderei a non generalizzare. Azz, almeno un punto in cui spacchiamo, noi italiani, lo avremo. O no? :D

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 4 giugno 2015, 17:55

Blues77 ha scritto: Vero, però, mi domando e dico, non rischiamo di fare i provincialotti per cui l'erba del vicino è sempre più verde? Abito, e lavoro, in una città con delle grandissime eccellenze a livello di ristorazione che non sempre, non necessariamente, corrispondono ai posti cari come il fuoco. Poi, ci mancherebbe, accolgo e faccio mia l'obiezione di Lampo su un certo :D decadimento qualitativo ma tenderei a non generalizzare. Azz, almeno un punto in cui spacchiamo, noi italiani, lo avremo. O no? :D
Beh, un comportamento da provincialotti è difendere sempre il proprio campanile e non essere "aperti" al mondo, non il contrario. Comunque, noi italiani avremmo tantissime eccellenze, saremmo nei primi posti nel mondo in decine di cose, purtroppo stiamo distruggendo tutto...

Rispondi