Soccorso con elicotteri e maltempo

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1345
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Vultur » 21 gennaio 2017, 19:28

Sulle autostrade russe si può usare anche Vtyaz zavoda DT-10 , Dt-30. Sopra penso si può anche montare roba modulare e braccio di ruspa o di gru:

Ultima modifica di Vultur il 21 gennaio 2017, 19:34, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15470
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da JT8D » 21 gennaio 2017, 19:31

sigmet ha scritto:La qualità’ degli impianti di energia elettrica e la loro resilienza e’ vergognosa (a 4 giorni di distanza a Farindola ancora non c’e’ energia elettrica) .
Quali erano le misure preventive associate?
Sono convinto che il gestore sta facendo il possibile per ripristinare l'erogazione della corrente elettrica e so bene che miracoli non se ne possono fare in una situazione così emergenziale, però la nostra rete elettrica di media e bassa tensione, proprio per come è conformata, presenta una bassa resilienza. Vi sono in corso molte evoluzioni, sperimentazioni, studi, ma fondamentalmente la rete si basa ancora sul trasportare l'energia elettrica prodotta nelle grandi centrali ai clienti finali. Bisongerebbe uscire dal tradizionale assetto che si basa su pochi punti di generazione collegati a molti utenti e diffondere capillarmente le smart grid, molto più resilienti, "intelligenti" ed efficienti.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4687
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Valerio Ricciardi » 22 gennaio 2017, 10:31

JT8D ha scritto: la rete si basa ancora sul trasportare l'energia elettrica prodotta nelle grandi centrali ai clienti finali. Bisognerebbe uscire dal tradizionale assetto che si basa su pochi punti di generazione collegati a molti utenti e diffondere capillarmente le smart grid, molto più resilienti, "intelligenti" ed efficienti.
Questo purtroppo rende "più democratico" il sistema di produzione dell'energia, e rende più difficile la vita a chi ambisca ad essere un monopolista della produzione e della distribuzione o, come nel caso dell'Italia, si trovi già in questa condizione.

Il risparmio energetico e l'efficientamento del sistema come concetto cozza col fatto che tu come produttore tanto più conti economicamente e politicamente quanto più distribuisci kWh.

Da un lato ti dicono isola, coibenta, metti i pannelli fotovoltaici, passa ai LED all'interno, ricicla, differenzia, poi però se la tua bolletta cala davvero e di tanto tu produttore conti di meno quindi non sei proprio contento.
Ad esempio tutta la manfrina degli incentivi all'installazione del fotovoltaico basata su incentivi follemente elevati (non solo sgravi fiscali ma addirittura kWh riacquistati a un prezzo maggiorato fuori mercato e pagati in bolletta da tutti) ha avuto come reale retrogusto non il raggiungimento di una minore bolletta energetica, ma il business dell'installazione.

Se lo scopo reale fosse stato ridurre la nostra dipendenza energetica, si sarebbe puntato MOLTO di più . in PARALLELO - sull'ausilio del solare termico, anche fosse a bassa efficienza, per ridurre gli assorbimenti legati a carichi meramente resistivi: utilizzare preziosa energia elettrica che serve per far girar motori e far funzionare i PC e le telecomunicazioni per riscaldare l'acqua della lavatrice, della lavastoviglie, dello scaldabagno a temperature fra i 35° e i 55° è follia pura: basta un rotolo di 100 m di tubo in polietilene nero poggiato tal quale senza nemmeno srotolarlo sul terrazzo al sole, attraverso cui far passare l'acqua che poi va a caricare lo scaldabagno, per vederlo con la spia di funzionamento al 90% sempre spenta. Attenzione, una matassa di stupido tubo da 25 mm esterno e 10-12 bar di pressione massima di esercizio, non un ben più efficiente e "studiato" pannello solare. Quindi qualcosa che l'ultimo contadino umbro con sei mucche dieci maiali e cinque ettari di terra fra cui 500 mq di orto può permettersi pure di accroccarsi da solo con l'aiuto del cognato che ha fatto l'istituto tecnico, senza frasi fare i calcoli termodinamici da Carlo Rubbia.

Quando è nuvolo, e l'acqua si scalda poco o nulla, lo scaldacqua elettrico o a gas aiuta e contribuisce col suo delta T a raggiungere la temperatura che ti serve. Quando fuori fa troppo freddo e la temperatura nel tubo scenderebbe al di sotto di quella dell'acquedotto, un bypass automatico basato su una termocoppia è a dir poco banale. L'acqua la fai passare nella matassa di tubo nero solo quando facendo ciò essa magari di poco eleverà la sua temperatura, di notte o col tempaccio proprio brutto no.

E già hai risparmiato un'enormità di corrente. Senza installare decine di migliaia di euro di pannelli fotovoltaici che hanno una durata, presentano a fine ciclo il problema dello smaltimento ed hanno una curva di rendimento comprensibilmente lentamente decrescente. E che in certe regioni d'Italia per seguire la manna degli incentivi son stati installati non solo sui tetti dei capannoni (magari...) ma sopra... terreni da orto o serre.
Prova a caricare la lavastoviglie o la lavatrice con acqua già preriscaldata dal sole, e poi vedi quanto sulla bolletta quella resistenzona da 1500-2000W che non si accende quasi più quanto la senti...
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
sochmer
FL 500
FL 500
Messaggi: 5435
Iscritto il: 27 gennaio 2009, 17:31

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da sochmer » 22 gennaio 2017, 15:41

Elicottero e ghiaccio non vanno d'accordo non tanto per la formazione in se ma per lo squilibrio che va a creare sugli organi in movimento e la conseguente impennata di vibrazioni (cosa molto, molto dannosa per un elicottero)

Vi posso dire che l'HH139 e l'AW139 della CdP NON sono attrezzati con il FIPS (Full Ice Protection System) e, conseguentemente, non hanno la predisposizione per l'impiego dei pattini da sci quindi erano impossibilitati all'atterraggio sulla neve e al volo in condizioni di ghiaccio...

il CH-47D e i nuovi F NON sono attrezzati per il volo in condizioni con formazione di ghiaccio.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9561
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Maxx » 23 gennaio 2017, 9:10

richelieu ha scritto:
Maxx ha scritto:Ricordiamo che i nostri HH139 hanno fatto delle cose raccapriccianti durante il salvataggio dei naufraghi della Norman Atlantic, con vento fortissimo e fumo che saliva dalla nave, la quale non è che se ne stava lì ferma ma rollava paurosamente.
Chiedo scusa (e senza voler fare polemica) ..... ma credo sia il caso di riconoscere che in quel frangente il grosso del lavoro lo hanno svolto i grossi AW101 e NH90 della Marina Militare ..... e questo senza nulla togliere ai meriti degli equipaggi di Aeronautica Militare e Guardia Costiera che, come è noto, hanno anzi ricevuto riconoscimenti a livello internazionale .....
Però bisogna anche dire che, in quell' occasione, non c' era una tempesta di neve in corso e la visibilità era più che sufficiente .....
Hai ascoltato la testimonianza dell' ex ufficiale elicotterista dell' AMI che ho postato alcune ore fa ?
.
Ma certo. Ho scritto HH139 perchè ricordo un video sul sito dell’AM. Per quanto mi riguarda, non c’è alcuna differenza tra le componenti di volo delle diverse Forze Armate!

No, non ho ascoltato quella cosa.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9561
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Maxx » 23 gennaio 2017, 9:39

Uno dei dispersi è un pilota della Ryanair.

alexrax
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 204
Iscritto il: 13 agosto 2008, 11:15

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da alexrax » 24 gennaio 2017, 13:10

Purtroppo altre brutte notizie dall'Abruzzo a testimoniare le condizioni meteo estreme ed i rischi che corrono i mezzi di soccorso.

Un mezzo del 118 impegnato in un soccorso su campo felice con meteo pessimo è precipitato in zona impervia e spazzata da una bufera.
Per ora non ci sono ulteriori notizie!
Speriamo bene.


alexrax
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 204
Iscritto il: 13 agosto 2008, 11:15

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da alexrax » 24 gennaio 2017, 13:21

Lampo 13 ha scritto:I "gatti della neve" hanno i cingoli... sarebbero stati i migliori mezzi per arrivare in fretta all'albergo.
Assolutamente no, in quelle condizioni di neve anche di 4mt soffice, sarebbero sprofondati o rischiato di finire in avvallamenti o crepacci non visibili.
Infatti un mezzo dei VF che ha tentato di avvicinarsi all'hotel la notte dei primi soccorsi all'hotel Rigopiano si è cappottato ed è ancora fermo in attesa di recupero.

Anche i mezzi dell'esercito hanno pototuo operare solo 24 ore dopo.

In questi casi, gli unici mezzi idonei sono le motoslitte che sono molto più leggere e possono muoversi in spazi ristretti ed anche su neve molto soffice.

alexrax
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 204
Iscritto il: 13 agosto 2008, 11:15

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da alexrax » 24 gennaio 2017, 13:41

SuperMau ha scritto:Non vorrei innescare polemiche inutili, ma a mio parere vedo troppa aria fritta e pochi fatti concreti, in tutta questa disgrazia.

Unica domanda: se al mattino sono arrivati gli "Elicotterini" di polizia e vvff, era cosi difficile fare arrivare un Chinook? o l'AMI non ne dispone? E se non ne ha poteva farseli prestare no?

Con un Chinook trasporti 100/150 persone completamente attrezzate, agganci sotto un gruppo elettrogeno al primo giro e due begli spazzaneve a turbina il secondo giro, fine del problema....SENZA dover atterrare sul posto

Stesso metodo per portare da mangiare agli animali. Cosi'difficile da organizzare?
1) Il meteo era PROIBITIVO, visibilità zero, vento e bufera e zona di soccorso ai piedi di un monte ed in zona boschiva. Nessun margine di volo in quelle condizioni.
2) A Pescara sono presenti mezzi di Guardiacostiera, CF e Polizia. Solo Nemo001 (guardia costiera) era attrezzato per volo notturno in condizioni estreme ed infatti è l'unico mezzo che ha potuto operare ma solo dall'alba con un minimo di visibilità e comunque in condizioni limite e solo con verricello
3) Un mezzo grande semplicemente non aveva spazi di manovra, si parla di zona BOSCHIVA e di difficile approccio.
Inoltre oltre 4mt di neve soffice rendevano impossibile calare qualsiasi mezzo meccanico perchè sarebbe sprofondato e basta.
4) Con il passare del tempo la neve si è compattata e a -5 ha gelato. Le turbine hanno avuto enorme difficoltà a raggiungere l'hotel (ci sono voluti praticamente 2 giorni) perchè l'ultimo tratto di diversi km era tutto franato, un muro di ghiaccio composto anche da rami, alberi caduti e detriti. Hanno dovuto avanzare prima della turbina squadre con motoseghe e martelli itraduilici per rompere rami e detriti che avrebbero danneggiato le turbine (e comunque ne hanno rotta una). Immaginate con quanta lentezza di avanzava

Signori, se uno non c'è non si può rendere conto di cosa è stato, assolutamente impossibile raggiungere con dei mezzi da terra la zona in quelle condizioni.

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9561
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Maxx » 24 gennaio 2017, 14:02

E' un inferno inimmaginabile. La macchina è questa:
http://www.jetphotos.net/photo/7835254

Icy24
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 69
Iscritto il: 31 marzo 2014, 22:39
Località: Roma

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da Icy24 » 24 gennaio 2017, 14:58

Immagine

:cry:

alexrax
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 204
Iscritto il: 13 agosto 2008, 11:15

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da alexrax » 24 gennaio 2017, 15:43

Immagine

Cosi.... per far capire cosa è successo su quel monte, se è stata definita la più grande valanga mai registrata in Italia ci sarà un motivo!

Un bosco di faggi secolari trascinato via come fuscelli.

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1201
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da aetio57 » 24 gennaio 2017, 16:47

JT8D ha scritto:(...) Bisongerebbe uscire dal tradizionale assetto che si basa su pochi punti di generazione collegati a molti utenti e diffondere capillarmente le smart grid, molto più resilienti, "intelligenti" ed efficienti.
Paolo
hai fatto benissimo ad usare il condizionale. Purtoppo bisogna fare i conti col solito "bisenesse-aummaumma"... :roll:
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

anonymous12345

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da anonymous12345 » 24 gennaio 2017, 22:09

aetio57 ha scritto:
JT8D ha scritto:(...) Bisongerebbe uscire dal tradizionale assetto che si basa su pochi punti di generazione collegati a molti utenti e diffondere capillarmente le smart grid, molto più resilienti, "intelligenti" ed efficienti.
Paolo
hai fatto benissimo ad usare il condizionale. Purtoppo bisogna fare i conti col solito "bisenesse-aummaumma"... :roll:
Anche ma non solo..

Tempo fa su una rivista di elettrotecnica ho letto un interessante articolo sulle problematiche nate dalla produzione diffusa..

Si andava dalla difficoltà nel bilanciamento dei carichi e nella gestione dei flussi di energia tra celle di bassa tensione (in pratica ogni cabina di media tensione ha sotto di sé una serie di utenze in bassa, non collegate direttamente a quelle delle altre celle) alla relativa imprevedibilità delle fonti rinnovabili (che rende necessario l'aumento di idroelettrico a pompaggio, l'unico ad avere la reattività necessaria a "seguire" le variazioni di flusso della rinnovabili)..

La rete di distribuzione è molto complessa e strutturata per una generazione centralizzata, convertirla alla generazione distribuita è lungo e molto costoso..

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da **F@b!0** » 24 gennaio 2017, 23:18

Non c'entrerà nulla probabilmente, ma parlando di imprevedibilità delle rinnovabili, da poco ho letto uno studio (si parlava di inquinamento in quel caso) in cui evidenziano che la Sardegna è completamente autosufficiente elettricamente solo con le rinnovabili (eolico, idroelettrico e solare), al punto che la corrente viene portata in Corsica!
In pratica 2 isole completamente green......se non fosse che bisogna tenere accessi gli impianti a carbone in modo da sopperire in caso di mancanze, ciò vuol dire che in situazione normale un impianto a carbone sta producendo elettricità per buttarla, solo perché, nel caso non ci sia vento (difficile), le dighe siano vuote (più probabile ma raro) e i pannelli solari non producano (diciamo 3 mesi l'anno al minimo più la notte a 0?), devono essere pronte a mandarla sulla rete! Anche questa mi sembra "disorganizzazione elettrica"!
Riguardo questa autonomia hanno citato un episodio in cui tutta Italia era al buio, dal Friuli alla Sicilia, tranne la Sardegna (e la Corsica poco sopra)
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

anonymous12345

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da anonymous12345 » 25 gennaio 2017, 10:14

la sardegna non si é spenta durante il grande black-out perché all'epoca non era collegata alla rete continentale..

La variabilità delle rinnovabili é rilevante sul brevissimo periodo, un calo di vento anche temporaneo in un campo eolico od un guppo di nuvole che passa su una cittá possono far calare la produzione di netto , e le centrali termiche non hanno grandi margini di regolazione..

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da **F@b!0** » 25 gennaio 2017, 10:32

robygun82 ha scritto:la sardegna non si é spenta durante il grande black-out perché all'epoca non era collegata alla rete continentale..

La variabilità delle rinnovabili é rilevante sul brevissimo periodo, un calo di vento anche temporaneo in un campo eolico od un guppo di nuvole che passa su una cittá possono far calare la produzione di netto , e le centrali termiche non hanno grandi margini di regolazione..
Non mi risulta siamo stati collegati alla rete nazionale!
Noi "produciamo", utilizziamo e vendiamo la corrente alla Corsica tutt'ora!
Così come la Francia vende la corrente delle centrali nucleari al nord ovest dell'Italia!
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

anonymous12345

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da anonymous12345 » 25 gennaio 2017, 10:42

dal 2011 siete un po' piú "continentali". :)

https://it.m.wikipedia.org/wiki/SAPEI

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3556
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da spiridione » 25 gennaio 2017, 11:51

Qualcuno mormora che il SAPEI, in realtà, serva ad esportare energia elettrica dalla Sardegna alla penisola, e non il contrario. :shock:

In effetti qua parrebbe esserci un surplus che, come diceva Fabio, viene (o veniva...) ceduto anche alla Corsica, in cambio dell'energia di generazione nucleare che la Francia cede al nord Italia.

Boh.... :roll:

Ma siamo mooooolto off topic. :mrgreen:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6868
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Soccorso con elicotteri e maltempo

Messaggio da **F@b!0** » 25 gennaio 2017, 11:51

robygun82 ha scritto:dal 2011 siete un po' piú "continentali". :)

https://it.m.wikipedia.org/wiki/SAPEI
È il continente ad essere più "sardo" :lol: :lol:
La corrente dovrebbe "scorrere" da qui verso Latina (certo, in caso di necessità può essere usato anche nell'altro senso), noi rimaniamo comunque autosufficienti!
Dai, mi sa che siamo OT :roll: :lol:
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Rispondi