L'Aquila, precipita elicottero del 118

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
sochmer
FL 500
FL 500
Messaggi: 5435
Iscritto il: 27 gennaio 2009, 17:31

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sochmer » 25 gennaio 2017, 13:49

Maxx ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:Allo stato non è detto che non sia stata una piantata motore con autorotazione finita male...
Magari proprio per formazione di ghiaccio?
Essendo bimotore il 139 riesce a volare anche con un solo motore (ovviamente a potenza ridotta)

Posso confermarvi che non era presente l'impianto antighiaccio
massimo67 ha scritto:Sicuramente CVR comprendente anche il vano passeggeri con filtro per ridurre la rumorosità. Probabilmente, ma non ho la certezza, anche un FDR.
Per chi si domandava se non non ci sia il "terrain warning" (GPWS) , si c'è ma interviene troppo spesso, e alterttanto spesso silenziato, proprio per le caratteristiche del volo HEMS quindi non puoi utilizzarlo alla stregua di quello che fanno i liner che non volano nelle valli ma a quote elevate. E poi, anche se ci fosse stato quando il terreno davanti a te è un pendio molto ripido e ci stai andando addosso a 90kn...... non fai in tempo a sentirlo che sei già accartocciato alla parete.
Se non erro, il 139 NON dovrebbe avere la visione sintetita che, invece, sull'A109SP, AW169 e AW189 è presente

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 14:00

sochmer ha scritto:
Maxx ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:Allo stato non è detto che non sia stata una piantata motore con autorotazione finita male...
Magari proprio per formazione di ghiaccio?
Essendo bimotore il 139 riesce a volare anche con un solo motore (ovviamente a potenza ridotta)
Posso confermarvi che non era presente l'impianto antighiaccio
Appunto, POTREBBE esserci stato un problema di potenza causato da piantata motore o da ghiaccio con successivo tentativo di atterraggio finito male per l'orografia del terreno.
Voglio dire... il Pilota era molto esperto, la macchina idonea, la zona conosciuta, il meteo palese...
mi suona strano un incidente causato da una sottovalutazione della situazione, tendo a pensare ad un imprevisto.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sigmet » 25 gennaio 2017, 14:01

Lampo 13 ha scritto: ..c'è in rete il video del decollo dell'elicottero, sul posto la visibilità non era drammaticamente bassa, e hanno detto che poi l'elicottero ha imboccato una valletta molto usata dagli elicotteri per arrivare nella piana dell'Aquila. L'incidente è avvenuto nella valletta, ma non si fanno ipotesi sulle cause.
La visibilità’ a terra da sola non e’ sufficiente a giudicare la situazione. Se il celiing (base) delle nubi e’ basso tu decolli e magari a 500 ft sei gia’ dentro e non vedi più’ una cippa. Purtroppo la base delle nubi non segue sempre il contorno dei rilievi e quindi se decolli in un posto X a quota 3000 ft con 500 ft potresti poi sorvolare una collina Y a 3500ft e trovarti improvvisamente a zero di visibilità. Per questo (e per altri motivi) il volo in valle e in montagna e’ pericoloso poiché’ si va incontro ad un fenomeno conosciuto come “Scud Running” e in pratica a forza di scendere per mantenere il contatto visivo col terreno ci si infila. L'incidente non e' successo nella "valletta" ma in prossimita' di un crinale la cui altezza supera i 5000 ft.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sigmet » 25 gennaio 2017, 14:06

Lampo 13 ha scritto:[
Appunto, POTREBBE esserci stato un problema di potenza causato da piantata motore o da ghiaccio con successivo tentativo di atterraggio finito male per l'orografia del terreno.
Con un motore solo atterrava comodamente a Ciampino..
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sigmet » 25 gennaio 2017, 14:08

tartan ha scritto:Tanto per uscire fuori dal coro, nessuno si ricorda le recentissime polemiche sul mancato uso di elicotteri nel caso del terremoto e della slavina in condizioni oltre il limte di volo? Magari, forse, potrebbe anche darsi che una decisione inutile o quasi, voglio dire "forse" inutile o quasi, sia stata presa proprio a seguito di precedenti polemiche a cui nessuno fa più riferimento, "forse" perché troppo impegnative?
Mi faccio la stessa domanda. Perche' sottrarre una risorsa così' importnte per un infortunato non in pericolo di vita facilmente evacuabile via terra? :roll:
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4687
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Valerio Ricciardi » 25 gennaio 2017, 14:23

Lampo 13 ha scritto: Piste aperte, un tizio va a sciare e si rompe una gamba. Punto.
Non se la rompe sulla parete N dell'Annapurna, ma su una pista di Campo felice, che conosco come il fondo delle mie tasche (la mia famiglia ha avuto per circa trent'anni un appartamentino all'Altair, poco dopo Ovindoli) dalla quale viene portato giù senza difficoltà alcuna. A parte la visibilità scadentissima. Non in pericolo di vita. Ha una gamba fratturata. Posso immaginare scomposta, da trattare con attenzione in un qualificato reparto di chirurgia ortopedica, per carità. Arriva sulla spianata dove sta l'albergo, e dove arriva la strada. A quel punto intanto che lo porti a valle fai arrivare una normalissima ambulanza, che lo porta all'Aquila dopo aver bloccato la gamba col gonfiabile.

Non fai alzare un prezioso elicottero del 118 che magari venti minuti dopo sarebbe potuto servire per un catastrofico incidente stradale di quelli in cui i feriti hanno emorragie interne e milze rotte e in cui davvero l'arrivo ad un DEA venti minuti prima o venti dopo può farla differenza fra vivere e no. O servire per una crisi anafilattica con problemi respiratori di un bambino.

Se si parte dal presupposto che ogni frattura a una gamba di uno sciatore in posto servito, ben collegato e "civilizzato" implichi il decollo di un elisoccorso pure in condizioni meteo difficili, di prospettive ne vedo poche. Diventa medicina difensiva (qualsiasi cosa succeda, se per caso poi a quello gli parte dalla frattura scomposta un embolo e resta con la bocca storta a vita io come medico sto a posto, ho persino fatto venire l'elicottero). Non so se ho reso l'idea.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9564
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Maxx » 25 gennaio 2017, 14:25

Hai espresso perfettamente lo stato delle cose, Valerio.

Avatar utente
tenk79
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 79
Iscritto il: 13 maggio 2010, 10:46

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da tenk79 » 25 gennaio 2017, 14:26

massimo67 ha scritto: Per chi si domandava se non non ci sia il "terrain warning" (GPWS) , si c'è ma interviene troppo spesso, e alterttanto spesso silenziato, proprio per le caratteristiche del volo HEMS quindi non puoi utilizzarlo alla stregua di quello che fanno i liner che non volano nelle valli ma a quote elevate. E poi, anche se ci fosse stato quando il terreno davanti a te è un pendio molto ripido e ci stai andando addosso a 90kn...... non fai in tempo a sentirlo che sei già accartocciato alla parete.
Intendevo una vista 3D sintetica nell'MFD, basata su un database del terreno/ostacoli. Ad esempio il G1000 di Garmin ha questa feature. Data la natura delle operazioni HEMS pensavo fosse utile.
If you can't explain it to a six year old, you don't understand it yourself.

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da spiridione » 25 gennaio 2017, 14:26

Maxx ha scritto:Hai espresso perfettamente lo stato delle cose, Valerio.
+1
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





effecentoquattro
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 77
Iscritto il: 1 gennaio 2008, 21:58

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da effecentoquattro » 25 gennaio 2017, 14:26

sigmet ha scritto:
tartan ha scritto:Tanto per uscire fuori dal coro, nessuno si ricorda le recentissime polemiche sul mancato uso di elicotteri nel caso del terremoto e della slavina in condizioni oltre il limte di volo? Magari, forse, potrebbe anche darsi che una decisione inutile o quasi, voglio dire "forse" inutile o quasi, sia stata presa proprio a seguito di precedenti polemiche a cui nessuno fa più riferimento, "forse" perché troppo impegnative?
Mi faccio la stessa domanda. Perche' sottrarre una risorsa così' importnte per un infortunato non in pericolo di vita facilmente evacuabile via terra? :roll:
Forse perché, dopo il casino mediatico e con sulle corna una settimana di pazzia (leggi sforzo tremendo per assistere situazioni di ogni genere), si tende a "togliersi dalle scatole" la roba veloce?
Questa doveva essere routine e se non fosse per quanto successo giorni prima non saremmo qui a chiederci SE quell'aeromobile doveva decollare o no.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4687
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Valerio Ricciardi » 25 gennaio 2017, 14:29

massimo67 ha scritto:Da Campo Felice a L'Aquila sono 40 minuti in auto, al netto del dramma per le persone decedute a cui va tutta la mia stima, il rispetto come uomini e colleghi, siamo sicuri che una frattura biossea di gamba valga davvero il rischio di decollare con condizioni meteo non proprio ideali? 6 minuti tra allarme e decollo, 7 minuti di volo, 4 per l'imbarco, altri 9 per il ritorno a l'Aquila.... si risparmiano ad occhio e croce 15 minuti e non stiamo parlando di una giornata senza vento con cielo azzurro.... questa non vuole essere una critica ma uno spunto di riflessione sulle missioni HEMS in zone di comprensori sciistici dove, molto spesso, i pazienti ricoverati in ospedale in elicottero vengono dimessi e arrivano a casa prima della fine del turno del personale della base elisoccorso stessa.
Condivido completamente. Ne ho visti tanti di interventi col povero infortunato che scherzava e rideva (anche per farsi coraggio, ovviamente bene o male si era fatto male per carità... se no stava al pub a ordinare un cioccolato caldo) coi soccorritori, ed aveva l'aria di poter essere accompagnato benissimo da un familiare con una normale berlina reclinando il sedile (magari accompagnato da un medico in vacanza sul posto, via). Stando attenti alle buche e senza correre.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 14:56

Valerio Ricciardi ha scritto:
massimo67 ha scritto:Da Campo Felice a L'Aquila sono 40 minuti in auto, al netto del dramma per le persone decedute a cui va tutta la mia stima, il rispetto come uomini e colleghi, siamo sicuri che una frattura biossea di gamba valga davvero il rischio di decollare con condizioni meteo non proprio ideali? 6 minuti tra allarme e decollo, 7 minuti di volo, 4 per l'imbarco, altri 9 per il ritorno a l'Aquila.... si risparmiano ad occhio e croce 15 minuti e non stiamo parlando di una giornata senza vento con cielo azzurro.... questa non vuole essere una critica ma uno spunto di riflessione sulle missioni HEMS in zone di comprensori sciistici dove, molto spesso, i pazienti ricoverati in ospedale in elicottero vengono dimessi e arrivano a casa prima della fine del turno del personale della base elisoccorso stessa.
Condivido completamente. Ne ho visti tanti di interventi col povero infortunato che scherzava e rideva (anche per farsi coraggio, ovviamente bene o male si era fatto male per carità... se no stava al pub a ordinare un cioccolato caldo) coi soccorritori, ed aveva l'aria di poter essere accompagnato benissimo da un familiare con una normale berlina reclinando il sedile (magari accompagnato da un medico in vacanza sul posto, via). Stando attenti alle buche e senza correre.
Dalle notizie disponibili sembra che le condizioni del ferito fossero piuttosto serie, fratture multiple agli arti inferiori. Quello che non capisco è la connessione che continuate vedere tra il ferito e l'incidente.
Se l'incidente fosse successo con CAVOK e per un guasto meccanico, avreste fatto le stesse considerazioni?

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da tartan » 25 gennaio 2017, 15:03

Io no, non avrei fatto le stesse considerazioni, magari ne avrei fatte altre, ma non le stesse che ho fatte.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4687
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Valerio Ricciardi » 25 gennaio 2017, 15:05

Connessione causale, non vuol dire attribuire al poveraccio (anche morto) una colpa, scusa.
Di sicuro quello non aveva un'unghia spezzata, questo è fuori discussione.
Non è lui che si è messo a frignare come fosse Lapo che aveva finito le caramelle alle anfetamine.
Però un elisoccorso non è un NCC, lo considero nel mio immaginario personale essenziale, quando sia determinante per la sopravvivenza a breve di qualcuno. Penso che dovrebbe essere utilizzato quando proprio ci vuole - in condizioni in cui il rischio sia elevato. Ed essere a 40-50' di strada pure buona da un capoluogo, non è come avere a che fare con una donna che a Linosa sta avendo un parto distocico - ma il traghetto o la motovedetta non possono arrivare per via del mare grosso.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9564
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Maxx » 25 gennaio 2017, 15:12

E poi non è che il viaggio in ambulanza fino a L'Aquila, col casino che c'è in zona in questi giorni, sia come andare da qua a là. Insomma il diavolo ci mette sempre le corna.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 15:14

Valerio Ricciardi ha scritto:Connessione causale, non vuol dire attribuire al poveraccio (anche morto) una colpa, scusa.
Di sicuro quello non aveva un'unghia spezzata, questo è fuori discussione.
Non è lui che si è messo a frignare come fosse Lapo che aveva finito le caramelle alle anfetamine.
Però un elisoccorso non è un NCC, lo considero nel mio immaginario personale essenziale, quando sia determinante per la sopravvivenza a breve di qualcuno. Penso che dovrebbe essere utilizzato quando proprio ci vuole - in condizioni in cui il rischio sia elevato. Ed essere a 40-50' di strada pure buona da un capoluogo, non è come avere a che fare con una donna che a Linosa sta avendo un parto distocico - ma il traghetto o la motovedetta non possono arrivare per via del mare grosso.
Ma se l'intervento dell'elicottero è stato richiesto dal medico di turno che ha visitato l'infortunato nell'ambulatorio della zona di sci, ci sarà un motivo, o no? O vogliamo anche qui giocare a quelli che capiscono di medicina più dei medici, di pilotaggio più dei piloti, di navigazione più dei marinai, di costruzioni più degli ingegneri...

Avatar utente
Ayrton
B747-400 First Officer / Ground Instructor
B747-400 First Officer / Ground Instructor
Messaggi: 3623
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Ayrton » 25 gennaio 2017, 15:14

oh...mica l'ha chiesto lui l'elicottero...ma dico, stiamo scherzando?
Immagine

Avatar utente
sochmer
FL 500
FL 500
Messaggi: 5435
Iscritto il: 27 gennaio 2009, 17:31

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sochmer » 25 gennaio 2017, 15:52

tenk79 ha scritto:
massimo67 ha scritto: Per chi si domandava se non non ci sia il "terrain warning" (GPWS) , si c'è ma interviene troppo spesso, e alterttanto spesso silenziato, proprio per le caratteristiche del volo HEMS quindi non puoi utilizzarlo alla stregua di quello che fanno i liner che non volano nelle valli ma a quote elevate. E poi, anche se ci fosse stato quando il terreno davanti a te è un pendio molto ripido e ci stai andando addosso a 90kn...... non fai in tempo a sentirlo che sei già accartocciato alla parete.
Intendevo una vista 3D sintetica nell'MFD, basata su un database del terreno/ostacoli. Ad esempio il G1000 di Garmin ha questa feature. Data la natura delle operazioni HEMS pensavo fosse utile.

La Suite Primus Epic di Honeywell che equipaggia anche il 139 ha la Visione sintetica (quello che intendi tu) ma, il 139 in particolare non ne fa uso, è opzionale se ricordo bene) (dei 200 elicotteri che ho visto in linea montaggio non ne ricordo uno con quella funzione)

http://www.ainonline.com/aviation-news/ ... rs-horizon

Differentemente il 169 e il 189 hanno quell'opzione

massimo67
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 103
Iscritto il: 21 agosto 2008, 21:29

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da massimo67 » 25 gennaio 2017, 16:22

Gli AW 139 su cui lavoro sono dotati di una schermata che rappresenta l'orografia del terreno di fronte sulla base di tre colori (rosso, giallo e verde) rosso ovviamente corrisponde ai rilievi superiori alla quota attuale di volo. Detto sistema, non sono in grado di dire se si basa su un radar oppure su dati GPS, non rileva torri, grattacieli e altri ostacoli del genere.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9564
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Maxx » 25 gennaio 2017, 16:24

massimo67 ha scritto:Gli AW 139 su cui lavoro sono dotati di una schermata che rappresenta l'orografia del terreno di fronte sulla base di tre colori (rosso, giallo e verde) rosso ovviamente corrisponde ai rilievi superiori alla quota attuale di volo. Detto sistema, non sono in grado di dire se si basa su un radar oppure su dati GPS, non rileva torri, grattacieli e altri ostacoli del genere.
Vuoi dire che a tuo parere non sono andati contro il fianco della montagna in volo controllato, perchè non visibile a causa della nebbia?

Avatar utente
sochmer
FL 500
FL 500
Messaggi: 5435
Iscritto il: 27 gennaio 2009, 17:31

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sochmer » 25 gennaio 2017, 16:31

massimo67 ha scritto:Gli AW 139 su cui lavoro sono dotati di una schermata che rappresenta l'orografia del terreno di fronte sulla base di tre colori (rosso, giallo e verde) rosso ovviamente corrisponde ai rilievi superiori alla quota attuale di volo. Detto sistema, non sono in grado di dire se si basa su un radar oppure su dati GPS, non rileva torri, grattacieli e altri ostacoli del genere.
sai che Phase hanno di software EPIC?

massimo67
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 103
Iscritto il: 21 agosto 2008, 21:29

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da massimo67 » 25 gennaio 2017, 16:49

Maxx ha scritto:
massimo67 ha scritto:Gli AW 139 su cui lavoro sono dotati di una schermata che rappresenta l'orografia del terreno di fronte sulla base di tre colori (rosso, giallo e verde) rosso ovviamente corrisponde ai rilievi superiori alla quota attuale di volo. Detto sistema, non sono in grado di dire se si basa su un radar oppure su dati GPS, non rileva torri, grattacieli e altri ostacoli del genere.
Vuoi dire che a tuo parere non sono andati contro il fianco della montagna in volo controllato, perchè non visibile a causa della nebbia?

Non so quale strumenti avesse quella macchina e soprattutto quale schermata stesse utilizzando il pilota in quel momento, non mi esprimo, preferisco aspettare la fine delle indagini in corso che poi, in ultima analisi sono la sola cosa concreta che può avvalorare questa o quella ipotesi. Certamente a favore del 139 si può dire che è una macchina sicura e performante, i problemi che ha avuto nel corso del tempo sono già stati abbondantementi affrontati e risolti e si parla di una macchina prodotta in qualcosa che credo si avvicini oggi ai 1000 esemplari con una casistica di incidenti non elevata. A questo punto direi che gli inquirenti dovranno dirigere i loro sforzi tra HF e meteo o la combinazione di questi due fattori.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 17:07

massimo67 ha scritto:Gli AW 139 su cui lavoro sono dotati di una schermata che rappresenta l'orografia del terreno di fronte sulla base di tre colori (rosso, giallo e verde) rosso ovviamente corrisponde ai rilievi superiori alla quota attuale di volo. Detto sistema, non sono in grado di dire se si basa su un radar oppure su dati GPS, non rileva torri, grattacieli e altri ostacoli del genere.
Se è uguale a quello che è montato sui liner lavora con il GPS.

anonymous12345

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da anonymous12345 » 25 gennaio 2017, 18:12

Se non mostra torri e grattacieli molto probabilmente è un "semplice" GPS con mappa 3D..

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10178
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da richelieu » 25 gennaio 2017, 18:54

Ascoltate, a partire dal minuto 15:00, l' intervista all' Amministratore Delegato della Soc. Campo Felice srl .....

..... http://www.trapocoinedicola.rai.it/dl/p ... dd1b4.html .....

alexrax
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 204
Iscritto il: 13 agosto 2008, 11:15

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da alexrax » 25 gennaio 2017, 19:04

Alcune precisazioni:

1) La visibilità al momento dell'impatto e quota era praticamente zero, invece il vento pare fosse moderato e con raffiche. Tenete conto che il punto di impatto è a qualche km dalle piste ed in montagna le condizioni cambiano da valle a valle.

In quelle zone, nelle quali ho spesso volato, e come in tutte le valli di montagna,ciò può generare sia forti discendenze che raffiche ancora più intense per via dell'impatto del vento sui rilievi. Niente che quel mezzo con la sua potenza non possa affrontare ma sicuramente tali da deviare la rotta e richiedere delle correzioni.

2) Il relitto si è schiantato a circa 100mt di altezza rispetto ad una strada su tratto pianeggiante, e tenete conto che dalla strada i mezzi di ricerca NON hanno visto il relitto ma si sono accorti solo dopo di alcuni rottami scesi verso valle.
3)Il punto nel quale ha impattato ha una pendenza di oltre 50 gradi, non è stato possibile arrivarci neanche in motoslitta ma solo a piedi.
4) Il mezzo aveva notevole velocità in quanto ha prima impattato sul monte e poi risalito il monte per circa 20/30mt ruotando su se stesso, si è salvata solo la coda. Presumibilmente l'impatto è stato in fase di volo orizontale.
5) La rotta tenuta è la stessa di arrivo (partenza e ritorno all'Aquila), presumibilmente il mezzo stava ripercorrendo la stessa valle dell'andata.

Mia personalissima idea o del ghiaccio ha comportato della perdita di potenza tale da far perdere quota o il fattore vento+visibilità a zero potrebbe aver fatto perdere la cognizione esatta di dove si trovassero rispetto ai rilievi.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 20:05

Io ho notato nella foto che il rotore di coda è intatto, le pale non sono piegate, questo potrebbe
significare che o il rotore di coda non ha impattato con il suolo o che le pale erano ferme.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sigmet » 25 gennaio 2017, 22:26

richelieu ha scritto:Ascoltate, a partire dal minuto 15:00, l' intervista all' Amministratore Delegato della Soc. Campo Felice srl .....

..... http://www.trapocoinedicola.rai.it/dl/p ... dd1b4.html .....
Al di la delle ipotesi sulle cause per il momento premature il Gen. Landi ha sottolineato due elementi su cui riflettere.
Il primo e’ la situazione più’ critica che e’ quella della transizione dal volo a vista al volo strumentale soprattutto se avviene senza preavviso in cui ci si può’ trovare in condizioni di disorientamento spaziale.Sulla neve il fenomeno e’ ancor più’ subdolo perché’ il suolo completamente bianco diventa dello stesso colore delle nubi rendendo di fatto impossibile una valutazione della quota e dell’assetto attendibile.
La seconda e’ la pressione psicologica. “Il privilegio di salvare una vita” (vedi 3d sull’incidente del HH 3f AM in francia)
se da una parte costituisce la maggior motivazione per un soccorritore dall’altra porta ad una sindrome ben conosciuta che conduce alla sottovalutazione di quel rischio che in condizioni normali non accetteremmo ma che invece di fronte ad una vita in pericolo si tende a trascurare o comunque ad assumersi.
Mi ricordo che durante certe sessioni LOFT al simulatore uno degli scenari era quello di un trasporto di organi durante un volo passeggeri per un bambino che aveva poche ore di vita. Qualcuno atterrava sotto i minimi pur di salvare una vita mettendone però’ a repentaglio un altro centinaio…
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15473
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da JT8D » 25 gennaio 2017, 22:50

E' stato recuperato l'MPFR dell'AW139 EC-KJT coinvolto nell'evento:

http://www.ansv.it/It/Detail_relazioni.asp?ID=2024

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 25 gennaio 2017, 22:59

sigmet ha scritto:Il primo e’ la situazione più’ critica che e’ quella della transizione dal volo a vista al volo strumentale soprattutto se avviene senza preavviso in cui ci si può’ trovare in condizioni di disorientamento spaziale.Sulla neve il fenomeno e’ ancor più’ subdolo perché’ il suolo completamente bianco diventa dello stesso colore delle nubi rendendo di fatto impossibile una valutazione della quota e dell’assetto attendibile.
La seconda e’ la pressione psicologica. “Il privilegio di salvare una vita” (vedi 3d sull’incidente del HH 3f AM in Francia) se da una parte costituisce la maggior motivazione per un soccorritore dall’altra porta ad una sindrome ben conosciuta che conduce alla sottovalutazione di quel rischio che in condizioni normali non accetteremmo ma che invece di fronte ad una vita in pericolo si tende a trascurare o comunque ad assumersi.
Mi ricordo che durante certe sessioni LOFT al simulatore uno degli scenari era quello di un trasporto di organi durante un volo passeggeri per un bambino che aveva poche ore di vita. Qualcuno atterrava sotto i minimi pur di salvare una vita mettendone però’ a repentaglio un altro centinaio…
Hai assolutamente ragione. Ero 1°Uff all'ATI, portavamo un ustionato da CAG a GOA, il medico ci disse che se non arrivava a GOA sarebbe morto di certo. Il Cpt. accettò di imbarcare la barella con una bombola di ossigeno non certificata, atterrammo a GOA fuori i limiti vento di qualche nodo. Il poveretto non arrivò alla mattina dopo.
Quanto alla neve... perdemmo un Compagno di corso sulla Sila, pensava di passare tra la base delle nubi ed una collina innevata... spiattellò a 400 Kts sulla collina. Si trovarono 800 gr. di carne appesi ad un albero...
:(

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9564
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Maxx » 26 gennaio 2017, 16:02

Mio papà mi racconta sempre di un volo di collegamento da Frosinone a Latina col P148. Lui era seduto ovviamente dietro ma pilotava di straforo. Dovevano risalire una valle e la valle saliva, saliva e il tetto di nuvole scendeva, scendeva, cioè lo spazio tra nuvole e valle era sempre minore. Alla fine ci entrarono per pochissimo, con non poca preoccupazione.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 26 gennaio 2017, 17:06

Maxx ha scritto:Mio papà mi racconta sempre di un volo di collegamento da Frosinone a Latina col P148. Lui era seduto ovviamente dietro ma pilotava di straforo. Dovevano risalire una valle e la valle saliva, saliva e il tetto di nuvole scendeva, scendeva, cioè lo spazio tra nuvole e valle era sempre minore. Alla fine ci entrarono per pochissimo, con non poca preoccupazione.
Hai descritto perfettamente una condizione di incidente altamente probabile.
Come ho già scritto quando si vola a vista bisogna avere sempre 3 alternative disponibili:
spazio per una virata di 180° per tornare indietro
E
spazio libero davanti
E
potenza per salire sopra le nubi o sopra gli ostacoli.
Come si perde una di queste possibilità bisogna immediatamente usare una delle restanti due per salvarsi il c**o.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da sigmet » 26 gennaio 2017, 19:10

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da camicius » 27 gennaio 2017, 11:57

tenk79 ha scritto: Intendevo una vista 3D sintetica nell'MFD, basata su un database del terreno/ostacoli. Ad esempio il G1000 di Garmin ha questa feature. Data la natura delle operazioni HEMS pensavo fosse utile.
La misura dell'altitudine del GPS è, per sua natura, piuttosto imprecisa, e le mappe sono, per loro natura, abbastanza imprecise.
Durante il corso per il DA40 che aveva il G1000 ci avevano detto di non farci troppo affidamento, e assolutamente mai e poi mai volare "nel giallo".

Ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6680
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: L'Aquila, precipita elicottero del 118

Messaggio da Lampo 13 » 27 gennaio 2017, 12:18

Ricordo l'avvicinamento ad Atene.
Una volta stabilizzati sul LOC, si aveva nella funzione "TERRAIN" la rappresentazione del costone montuoso sito alla sinistra parallelamente alle piste e piuttosto vicino ad esse.
Inizialmente era verde poi, durante la discesa sul GLIDE si vedevano cambiare i vari colori fino al rosso pieno.
L'interessante era che guardando fuori si poteva apprezzare la relazione tra la rappresentazione, con i suoi colori, e la realtà e quindi visualizzare meglio il funzionamento del sistema.
Devo dire che il tutto era piuttosto preciso ma sarebbe assurdo decidere di volare in IMC facendo affidamento su questo sistema; in quel caso era utile avere una coscienza di ciò che si aveva intorno, ma la navigazione era guidata dal VOR o ILS della pista. Certo, se ci si dovesse trovare in una condizione assurda, in IMC involontario (ma come ho già scritto è ingiustificabile trovarcisi), sarà meglio volare verso il verde pieno che non verso il giallo, ma stiamo parlando di un caso limite che tale deve rimanere.

Rispondi