domanda su rumori di volo

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 1 agosto 2017, 19:39

Buonasera a tutti,
anche grazie a questo forum a poco a poco la paura di volare è migliorato, o meglio so già che lì alla partenza potrei avere una ricaduta ma sto vivendo serenamente i giorni prima e questo per me è già un buon successo.
L'unica cosa è che sono ancora memore di un'esperienza poco bella sull'A380-800, di cui parlai in passato e che ora voglio affrontare dato che stavolta volerò sullo stesso mezzo. Avrei quindi alcune domande da fare a voi tecnici per vivere più serenamente il volo perché penso di potercela fare (ovviamente il superare l'ansia non dipenderà dalle vostre risposte, ma credo mi aiuteranno a vivere meglio tutto il viaggio).

La prima domanda è più che altro una curiosità. Tutte le volte che ho viaggiato su questo aereo (sei o sette) ho sentito il rumore che si sente in questo video tra i 10 e i 15 secondi di video. https://www.youtube.com/watch?v=EOUHQCqXTpg L'ho sempre sentito pochi minuti dopo il decollo e pochi minuti prima dell'atterraggio. Non nego che la prima volta m'impaurì veramente perché con nessun altro tipo di aereo l'avevo sentito e mi ricordava una sirena. Ora so che è nella norma ma vorrei capire cosa sia.

Le seconda domanda ha a che vedere con i minuti 12:40-13:00 di questo video https://www.youtube.com/watch?v=EOUHQCqXTpg perché riproducono qualcosa di simile alla "brutta" (ovviamente in soggettiva) esperienza avuta. Quello che accadde a me è che a un certo punto sull'aereo su cui stavo per atterrare i motori sembrarono improvvisamente essersi spenti, mentre l'aereo scendeva abbastanza rapidamente sballottato dal vento e con nella cabina solo il rumore forte che si sente nel video probabilmente dovuto a parti dell'ala (non so se flaps o che altro) che si muovevano come si vede da video. Non essendo esperto, non nego che, anche se il volo fino ad allora era stato sereno, provai uno spavento davvero notevole. Vorrei quindi capire se è una cosa normale sentire su un aereo all'atterraggio questo rumore e nessun altro perché anche questa è un'esperienza mai vissuta con altri modelli di aereo.

La terza domanda anch'essa non ha a che vedere direttamente con elementi di sicurezza del volo, ma siccome l'ho vissuta più volte (che ricordi quasi tutti sull'a380), vi chiedo se è normale che ogni volta questo tipo di aereo faccia atterraggi così bruschi, come quelli del video al precedente link dal minuto 13:30 al 13:40. Ossia, dipende dalle dimensioni eccezionali dell'aereo,vero? Non c'è modo di effettuarlo più dolce? Già sapendolo sarei preparato.

Vi ringrazio per le risposte e scusate se sono stato prolissa.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6555
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Lampo 13 » 1 agosto 2017, 21:37

L'unico rumore davvero pericoloso che tu possa sentire a bordo è quello di un tuo vicino di seduta che si libera l'intestino... occhio, a volte questo pericolo si presenta anche in silenzio... ed è anche peggio! :mrgreen:

Scherzi a parte, se in automobile stai percorrendo una discesa abbastanza ripida tenendo il motore al minimo con una marcia "alta", il rumore del motore non lo senti anche se non è spento.
Riguardo gli atterraggi "delicati", sono tutto meno che sicuri, piacciono ai passeggeri che spesso si mettono ad applaudire, ma possono comportare dei problemi:
in caso di pista bagnata potrebbero non estendersi gli spoiler,
c'è il rischio di "affettare" i copertoni,
se arriva una raffica improvvisa si può avere qualche problema,
insomma, l'atterraggio deve avvenire con una toccata "decisa", non uno "sbatacchiamento" sulla pista ma nemmeno una specie di accarezzamento dell'asfalto. (tra l'altro per nulla difficile da fare).

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 2 agosto 2017, 11:21

ti ringrazio.
Quanto alla mia curiosità sul rumore "a sirena" nel primo video. L'ho riscontrato solo su questo modello di aereo e vorrei solo capire di che si tratta.
Idem per i rumori che provengono dall'ala e che spesso si sentono all'atterraggio.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9500
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Maxx » 2 agosto 2017, 11:27

Sugli Airbus, e quindi immagino anche sul 380, si sentono distintamente i rumori dell’estrazione e retrazione delle superfici alari mobili, prima del decollo e prima dell'atterraggio. Sono come dei forti ronzii. Probabilmente se sul 380 sei al piano di sopra in coda, o in testa, sei così lontano dalle ali che quei rumori non li senti.

Avatar utente
Yavapai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 201
Iscritto il: 19 novembre 2008, 21:58

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Yavapai » 2 agosto 2017, 15:26

Invece per i motori che sembrano spegnersi..... in realtà i motori moderni come nel caso dell'A380 sono piuttosto silenziosi quando sono in idle (cioè al "minimo della potenza" detto in parole povere); durante la discesa i motori vengono spesso messi in idle; è capace allora che il loro rumore venga coperto da altri rumori "aerodinamici" tipici dell'avvicinamento (flaps/SLAT, eventuali speedbrakes, carrello, luci...) e quindi potrebbe sembrare che si siano spenti i motori (4 tutti insieme :mrgreen: :mrgreen: ), ma non è così.

Comunque beato te che voli spesso sull'A380, a me purtroppo non è ancora capitato!
M.C.
FAA Aircraft Dispatcher

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 2 agosto 2017, 18:24

Maxx ha scritto:Sugli Airbus, e quindi immagino anche sul 380, si sentono distintamente i rumori dell’estrazione e retrazione delle superfici alari mobili, prima del decollo e prima dell'atterraggio. Sono come dei forti ronzii. Probabilmente se sul 380 sei al piano di sopra in coda, o in testa, sei così lontano dalle ali che quei rumori non li senti.

grazie per le risposte, sì si sentono anche dopo il decollo, tipo 2-3 minuti dopo!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 3 agosto 2017, 0:28

goldenstar ha scritto:Buonasera a tutti,
anche grazie a questo forum a poco a poco la paura di volare è migliorato, o meglio so già che lì alla partenza potrei avere una ricaduta ma sto vivendo serenamente i giorni prima e questo per me è già un buon successo.
L'unica cosa è che sono ancora memore di un'esperienza poco bella sull'A380-800, di cui parlai in passato e che ora voglio affrontare dato che stavolta volerò sullo stesso mezzo. Avrei quindi alcune domande da fare a voi tecnici per vivere più serenamente il volo perché penso di potercela fare (ovviamente il superare l'ansia non dipenderà dalle vostre risposte, ma credo mi aiuteranno a vivere meglio tutto il viaggio).
Sono contento che ora l'ansia per l'attesa si sia ridotta...ma sbagli a pensare che questa ricerca di risposte "tecniche" rappresenti l'ultimo passo per volare serenamente...in realtà è proprio l'opposto. Non arriverai mai ad avere una competenza da pilota per poter distinguere una qualsiasi situazione "normale" o "anomala". Questo tuo ricercare tranquillità attraverso questo tipo di risposte non è altro che la molla per permanere nello stato d'ansia. L'esperienza che hai vissuto contiene già tutte le risposte alle tue curiosità...i motori funzionavano e quei rumori erano propri del funzionamento di qualche impianto. Non è lì che risiede la tua paura...dovresti porti altre domande...e cercare quelle risposte...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9500
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Maxx » 3 agosto 2017, 9:34

goldenstar ha scritto:
Maxx ha scritto:Sugli Airbus, e quindi immagino anche sul 380, si sentono distintamente i rumori dell’estrazione e retrazione delle superfici alari mobili, prima del decollo e prima dell'atterraggio. Sono come dei forti ronzii. Probabilmente se sul 380 sei al piano di sopra in coda, o in testa, sei così lontano dalle ali che quei rumori non li senti.
grazie per le risposte, sì si sentono anche dopo il decollo, tipo 2-3 minuti dopo!
Sicuramente sì, quando l'ala viene "pulita"!

Avatar utente
Pershing
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 256
Iscritto il: 18 luglio 2008, 7:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Pershing » 3 agosto 2017, 10:00

Lampo 13 ha scritto:
Riguardo gli atterraggi "delicati", sono tutto meno che sicuri, piacciono ai passeggeri che spesso si mettono ad applaudire, ma possono comportare dei problemi:
in caso di pista bagnata potrebbero non estendersi gli spoiler,
Perché?
Lampo 13 ha scritto: c'è il rischio di "affettare" i copertoni,
Che vuol dire? Cosa succede?

Lampo 13 ha scritto: se arriva una raffica improvvisa si può avere qualche problema,
Di che tipo?
Raffica da quale direzione rispetto alla direzione di volo?

Lampo 13 ha scritto: insomma, l'atterraggio deve avvenire con una toccata "decisa", non uno "sbatacchiamento" sulla pista ma nemmeno una specie di accarezzamento dell'asfalto.
che vuol dire? Quali sono i parametri per una toccata decisa?

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3538
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da spiridione » 3 agosto 2017, 10:08

" Atterraggio duro, atterraggio sicuro"



:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9500
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Maxx » 3 agosto 2017, 10:12

Positive landing. In caso di pista bagnata, con un atterraggio "morbido" si potrebbe generare aquaplaning.

Avatar utente
Pershing
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 256
Iscritto il: 18 luglio 2008, 7:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Pershing » 3 agosto 2017, 10:22

Maxx ha scritto:Positive landing. In caso di pista bagnata, con un atterraggio "morbido" si potrebbe generare aquaplaning.
si ma perche potrebbero non aprirsi gli spoiler?

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3538
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da spiridione » 3 agosto 2017, 10:29

Perchè gli spoiler si aprono dopo il consenso di un interruttore a pressione posto sul MLG che "registra" la toccata.

Se la toccata è molto "dolce", magari gli interruttori non la percepiscono...
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 3 agosto 2017, 16:42

flyingbrandon ha scritto:
goldenstar ha scritto:Buonasera a tutti,
anche grazie a questo forum a poco a poco la paura di volare è migliorato, o meglio so già che lì alla partenza potrei avere una ricaduta ma sto vivendo serenamente i giorni prima e questo per me è già un buon successo.
L'unica cosa è che sono ancora memore di un'esperienza poco bella sull'A380-800, di cui parlai in passato e che ora voglio affrontare dato che stavolta volerò sullo stesso mezzo. Avrei quindi alcune domande da fare a voi tecnici per vivere più serenamente il volo perché penso di potercela fare (ovviamente il superare l'ansia non dipenderà dalle vostre risposte, ma credo mi aiuteranno a vivere meglio tutto il viaggio).
Sono contento che ora l'ansia per l'attesa si sia ridotta...ma sbagli a pensare che questa ricerca di risposte "tecniche" rappresenti l'ultimo passo per volare serenamente...in realtà è proprio l'opposto. Non arriverai mai ad avere una competenza da pilota per poter distinguere una qualsiasi situazione "normale" o "anomala". Questo tuo ricercare tranquillità attraverso questo tipo di risposte non è altro che la molla per permanere nello stato d'ansia. L'esperienza che hai vissuto contiene già tutte le risposte alle tue curiosità...i motori funzionavano e quei rumori erano propri del funzionamento di qualche impianto. Non è lì che risiede la tua paura...dovresti porti altre domande...e cercare quelle risposte...
Ciao!

Ciao flyingbrandon: sapevo mi avresti risposto così e in effetti è quel che penso anche io: se vivessi il viaggio aereo in assoluta serenità, non mi chiederei nemmeno a cosa siano dovuti certi rumori. Primo non ho competenze per dire se sono normali o meno, anche dopo le vostre risposte. Secondo, li ho già vissuti una volta e sono ancora qui a raccontarlo. Però certo è per me già un'ottima conquista essere ormai a poche giorni/ore dal volo ed essere sereno. Analizzando il mio comportamento con altri voli specificamente su questo modello debbo dire che il picco d'ansia s'è sempre verificato ad allacciare le cinture prima della partenza. Poi tutto bene fino a quella che chiamo "sirena" che però mi ha dato problemi solo la prima volta perché non avevo la minima idea fosse una cosa normale. Infine solo quella fase di atterraggio mi diede problemi. Su altri aerei invece unico momento d'ansia reale era partenza. Voglio superare anche questa a poco a poco e so che non dipende da domande/risposte tecniche né dalla statistica che mi dice che un aereo commerciale"cade" solo una volta su 20 mln né da rassicurazioni varie. Deve partire da me e da un lavoro su di me: questo è chiaro. Così come purtroppo debbo dire che a farmi (almeno superficialmente) venire ansia per il volo sono state essenzialmente 3/4 cose: la forte ansia di mio padre che ho intuito persino da bambino quando viaggiavamo, un atterraggio con aereo piccolo a Bergamo quando ci fu la tromba d'aria in Brianza (mooolto movimentato), un altro atterraggio con approccio molto sballottato e quello con l'380. Se vogliamo aggiungere anche l'11 settembre: avevo una decina d'anni e quelle immagini colpirono molto quello che era il bambino di allora. Ovviamente nulla è razionale ma se devo ragionare a mente fredda sul perché non amo il distacco dal suolo, mentre in treno sto bene, in nave mi diverto pure se ci sono onde, ho guidato pure sotto temporali forti con strade trafficate e di notte con la massima serenità, mi rifaccio a queste "esperienze".
Di mio, poi, ammetto che il controllo è una componente forte: se faccio una gita, un viaggio, controllo il tempo più volte nei giorni precedenti. Cerco di prevedere qualsiasi inconveniente. Un altro esempio: poiché mi hanno danneggiato l'auto parcheggiata sulla strada più di una volta (righe, ammaccature), quando parcheggio sto attentissimo affinché sia in una posizione per cui è difficile andarle addosso, oppure non è messa lì isolata da dare nell'occhio. E, lo ammetto, controllo sempre due volte la portiera sia effettivamente chiusa. Stessa cosa con la porta di casa. Infine, se so di fare qualcosa il cui esito dipenderà da me non ho problemi, se so che il risultato dipende da altri è più complesso. Non dico che non mi fido in assoluto, ma sarà sempre una cosa diversa.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 3 agosto 2017, 21:41

goldenstar ha scritto:
Ovviamente nulla è razionale ma se devo ragionare a mente fredda sul perché non amo il distacco dal suolo, mentre in treno sto bene, in nave mi diverto pure se ci sono onde, ho guidato pure sotto temporali forti con strade trafficate e di notte con la massima serenità, mi rifaccio a queste "esperienze".
Ni...anche perché queste esperienze non sono state esperienze negative...le hai vissute tu etichettandole così...

goldenstar ha scritto: Di mio, poi, ammetto che il controllo è una componente forte: se faccio una gita, un viaggio, controllo il tempo più volte nei giorni precedenti. Cerco di prevedere qualsiasi inconveniente. Un altro esempio: poiché mi hanno danneggiato l'auto parcheggiata sulla strada più di una volta (righe, ammaccature), quando parcheggio sto attentissimo affinché sia in una posizione per cui è difficile andarle addosso, oppure non è messa lì isolata da dare nell'occhio. E, lo ammetto, controllo sempre due volte la portiera sia effettivamente chiusa. Stessa cosa con la porta di casa. Infine, se so di fare qualcosa il cui esito dipenderà da me non ho problemi, se so che il risultato dipende da altri è più complesso. Non dico che non mi fido in assoluto, ma sarà sempre una cosa diversa.
È proprio a quella componente che devi mirare. Invece continui a stimolarla chiedendo informazioni su rumori e affini. Anche se conosci "la teoria"...del controllo intendo...ma non applichi un modo diverso di agire...nulla cambierà. È esperienza quella che devi fare....non "teoria". Quello della macchina è un discorso a sè...può anche essere fare attenzione a non porgere la fiancata per fare danni...però organizza una gita del tutto disorganizzata...prova! Vivi la sorpresa di non sapere che tempo farà...di dove è cosa mangerai...prova...una volta sola...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 4 agosto 2017, 11:56

flyingbrandon ha scritto:
goldenstar ha scritto:
Ovviamente nulla è razionale ma se devo ragionare a mente fredda sul perché non amo il distacco dal suolo, mentre in treno sto bene, in nave mi diverto pure se ci sono onde, ho guidato pure sotto temporali forti con strade trafficate e di notte con la massima serenità, mi rifaccio a queste "esperienze".
Ni...anche perché queste esperienze non sono state esperienze negative...le hai vissute tu etichettandole così...

goldenstar ha scritto: Di mio, poi, ammetto che il controllo è una componente forte: se faccio una gita, un viaggio, controllo il tempo più volte nei giorni precedenti. Cerco di prevedere qualsiasi inconveniente. Un altro esempio: poiché mi hanno danneggiato l'auto parcheggiata sulla strada più di una volta (righe, ammaccature), quando parcheggio sto attentissimo affinché sia in una posizione per cui è difficile andarle addosso, oppure non è messa lì isolata da dare nell'occhio. E, lo ammetto, controllo sempre due volte la portiera sia effettivamente chiusa. Stessa cosa con la porta di casa. Infine, se so di fare qualcosa il cui esito dipenderà da me non ho problemi, se so che il risultato dipende da altri è più complesso. Non dico che non mi fido in assoluto, ma sarà sempre una cosa diversa.
È proprio a quella componente che devi mirare. Invece continui a stimolarla chiedendo informazioni su rumori e affini. Anche se conosci "la teoria"...del controllo intendo...ma non applichi un modo diverso di agire...nulla cambierà. È esperienza quella che devi fare....non "teoria". Quello della macchina è un discorso a sè...può anche essere fare attenzione a non porgere la fiancata per fare danni...però organizza una gita del tutto disorganizzata...prova! Vivi la sorpresa di non sapere che tempo farà...di dove è cosa mangerai...prova...una volta sola...
Ciao!
sì credo che è su questo che dovrei lavorare ancora di più: non posso né devo controllare tutto. Non si può prevedere tutto e parte della bellezza della vita è lasciarsi stupire da quanto può arrivare. In ogni azione che compiamo ci dobbiamo fidare degli altri: anche solo camminare sul marciapiede è un atto di fiducia verso coloro che hanno posto dei vasi sui balconi. Dobbiamo sperare l'abbiamo fatto bene e non ci caschino in testa uccidendoci. Idem sotto un viadotto, in un tunnel, su una funivia, sul treno, in metro, all'ospedale. Ogni situazione della nostra vita impone una fiducia per chi avrebbe dovuto controllare tutto fosse a posto. L'unica differenza con l'industria aeronautica è che in questa c'è una ridondanza di controlli impressionante. Come dici, uno deve scegliere come vivere. Nient'altro.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 4 agosto 2017, 12:17

goldenstar ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:
goldenstar ha scritto:
Ovviamente nulla è razionale ma se devo ragionare a mente fredda sul perché non amo il distacco dal suolo, mentre in treno sto bene, in nave mi diverto pure se ci sono onde, ho guidato pure sotto temporali forti con strade trafficate e di notte con la massima serenità, mi rifaccio a queste "esperienze".
Ni...anche perché queste esperienze non sono state esperienze negative...le hai vissute tu etichettandole così...

goldenstar ha scritto: Di mio, poi, ammetto che il controllo è una componente forte: se faccio una gita, un viaggio, controllo il tempo più volte nei giorni precedenti. Cerco di prevedere qualsiasi inconveniente. Un altro esempio: poiché mi hanno danneggiato l'auto parcheggiata sulla strada più di una volta (righe, ammaccature), quando parcheggio sto attentissimo affinché sia in una posizione per cui è difficile andarle addosso, oppure non è messa lì isolata da dare nell'occhio. E, lo ammetto, controllo sempre due volte la portiera sia effettivamente chiusa. Stessa cosa con la porta di casa. Infine, se so di fare qualcosa il cui esito dipenderà da me non ho problemi, se so che il risultato dipende da altri è più complesso. Non dico che non mi fido in assoluto, ma sarà sempre una cosa diversa.
È proprio a quella componente che devi mirare. Invece continui a stimolarla chiedendo informazioni su rumori e affini. Anche se conosci "la teoria"...del controllo intendo...ma non applichi un modo diverso di agire...nulla cambierà. È esperienza quella che devi fare....non "teoria". Quello della macchina è un discorso a sè...può anche essere fare attenzione a non porgere la fiancata per fare danni...però organizza una gita del tutto disorganizzata...prova! Vivi la sorpresa di non sapere che tempo farà...di dove è cosa mangerai...prova...una volta sola...
Ciao!
sì credo che è su questo che dovrei lavorare ancora di più: non posso né devo controllare tutto. Non si può prevedere tutto e parte della bellezza della vita è lasciarsi stupire da quanto può arrivare. In ogni azione che compiamo ci dobbiamo fidare degli altri: anche solo camminare sul marciapiede è un atto di fiducia verso coloro che hanno posto dei vasi sui balconi. Dobbiamo sperare l'abbiamo fatto bene e non ci caschino in testa uccidendoci. Idem sotto un viadotto, in un tunnel, su una funivia, sul treno, in metro, all'ospedale. Ogni situazione della nostra vita impone una fiducia per chi avrebbe dovuto controllare tutto fosse a posto. L'unica differenza con l'industria aeronautica è che in questa c'è una ridondanza di controlli impressionante. Come dici, uno deve scegliere come vivere. Nient'altro.
Si ma devi farlo e non pensare di farlo!
Non solo non puoi e non devi...non serve perché non controlli niente lo stesso. Il controllo è un' illusione...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da tartan » 5 agosto 2017, 13:46

In generale, senza entrare nei particolari ma scrivendo solo in seguito agli stimoli che mi sono arrivati, devo dire che quando io parcheggio la cosa che guardo di più è che la mia macchina non rompa le palle agli altri e no che non abbia le palle rotte dagli altri. Senza approfondire ulteriormente, ma come fai a vivere con tutte le preoccupazioni che ti porti dietro?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 26 agosto 2017, 23:45

tartan ha scritto:In generale, senza entrare nei particolari ma scrivendo solo in seguito agli stimoli che mi sono arrivati, devo dire che quando io parcheggio la cosa che guardo di più è che la mia macchina non rompa le palle agli altri e no che non abbia le palle rotte dagli altri. Senza approfondire ulteriormente, ma come fai a vivere con tutte le preoccupazioni che ti porti dietro?
mah, sinceramente vivo una vita normalissima e non segnata da preoccupazioni vere e prorie. Pur cercando di superare il disagio a volare, mi accorgo però di essere ancora in alto mare: sto benone ovunque viaggiando, ma in aereo no. Mi danno fastidio soprattutto decollo e atterraggio. Già da quando c'è la presentazione delle misure di sicurezza, inizio ad agitarmi: non faccio nulla di strano, ma non sono momenti che mi piacciono. Non sono contento di me stesso, ma è così. Ho provato a seguire i consigli di flyingbrandon, difatti qualche risultato c'è: vivo abbastanza bene la crociera e i giorni prima della partenza, ma decollo e atterraggio sono ancora per me momenti non facile. Il problema non è dell'aereo, ma mio. Sto cercando di risolverlo ma non è facile, so, però, che prima o poi riuscirà.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 28 agosto 2017, 18:09

goldenstar ha scritto:
tartan ha scritto:In generale, senza entrare nei particolari ma scrivendo solo in seguito agli stimoli che mi sono arrivati, devo dire che quando io parcheggio la cosa che guardo di più è che la mia macchina non rompa le palle agli altri e no che non abbia le palle rotte dagli altri. Senza approfondire ulteriormente, ma come fai a vivere con tutte le preoccupazioni che ti porti dietro?
mah, sinceramente vivo una vita normalissima e non segnata da preoccupazioni vere e prorie. Pur cercando di superare il disagio a volare, mi accorgo però di essere ancora in alto mare: sto benone ovunque viaggiando, ma in aereo no. Mi danno fastidio soprattutto decollo e atterraggio. Già da quando c'è la presentazione delle misure di sicurezza, inizio ad agitarmi: non faccio nulla di strano, ma non sono momenti che mi piacciono. Non sono contento di me stesso, ma è così. Ho provato a seguire i consigli di flyingbrandon, difatti qualche risultato c'è: vivo abbastanza bene la crociera e i giorni prima della partenza, ma decollo e atterraggio sono ancora per me momenti non facile. Il problema non è dell'aereo, ma mio. Sto cercando di risolverlo ma non è facile, so, però, che prima o poi riuscirà.
Non è vero che non è facile. Se hai in mente che non lo sia...non lo sarà. Il fatto di non stare male prima e in crociera è già un buon risultato...alla fine un decollo dura poco... :mrgreen:
Per quanto riguarda la vita "normalissima"...dipende. Cosa intendi per normalissima....e, soprattutto, in che modo si esprime questa normalità? E se fosse troppo "normalissima"? Comunque...solo per sottolineartelo...ti rimangono due fasi di "agitazione" rispetto ad un "periodo"...quindi perché ti vedi in alto mare? Io, fossi in te, mi vedrei quasi a riva...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

goldenstar
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 44
Iscritto il: 8 aprile 2013, 3:31

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da goldenstar » 1 settembre 2017, 17:40

goldenstar ha scritto:
tartan ha scritto:In generale, senza entrare nei particolari ma scrivendo solo in seguito agli stimoli che mi sono arrivati, devo dire che quando io parcheggio la cosa che guardo di più è che la mia macchina non rompa le palle agli altri e no che non abbia le palle rotte dagli altri. Senza approfondire ulteriormente, ma come fai a vivere con tutte le preoccupazioni che ti porti dietro?
mah, sinceramente vivo una vita normalissima e non segnata da preoccupazioni vere e prorie. Pur cercando di superare il disagio a volare, mi accorgo però di essere ancora in alto mare: sto benone ovunque viaggiando, ma in aereo no. Mi danno fastidio soprattutto decollo e atterraggio. Già da quando c'è la presentazione delle misure di sicurezza, inizio ad agitarmi: non faccio nulla di strano, ma non sono momenti che mi piacciono. Non sono contento di me stesso, ma è così. Ho provato a seguire i consigli di flyingbrandon, difatti qualche risultato c'è: vivo abbastanza bene la crociera e i giorni prima della partenza, ma decollo e atterraggio sono ancora per me momenti non facile. Il problema non è dell'aereo, ma mio. Sto cercando di risolverlo ma non è facile, so, però, che prima o poi riuscirà.
in parte sì e sono felice dei risultati già raggiunti, ma ancora non soddisfatto. Anzitutto la tensione al decollo è proprio forte con batticuore e tutto e si presenta dal distacco dal gate a quando si decolla effettivamente.
Inoltre, pure nelle altre fasi di volo, pur non essendo superficialmente agitato, ci sono comportamenti che riconosco come sbagliati quali controllare il tempo a destinazione o che la quota sia stabile. Non lo faccio spesso, ma so che sottotraccia vi è la necessità di un'ulteriore conferma di sicurezza.
Per vita normale intendo che so gestire di solito situazioni anche di stress e di potenziale pericolo: ricordo pochi mesi fa mi trovavo in un edificio piuttosto alto, suonò l'allarme antincendio, ma reagì in modo che invece ritengo giusto: controllai dove fossero le eventuali fiamme, diedi un'occhiata al piano di evacuazione per memorizzarlo, valutai come muovermi nel modo giusto e attesi indicazioni. Per fortuna si trattò di un falso allarme ma in questo caso credo di avere affrontato bene la situazione. In aereo non sono mai stato davvero in pericolo (e anche lo fossi stato non avrei potuto fare granché), eppure mi provoca più tachicardia un normale decollo con cielo sereno che una situazione di potenziale pericolo come quella descritta.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 1 settembre 2017, 21:20

goldenstar ha scritto:

in parte sì e sono felice dei risultati già raggiunti, ma ancora non soddisfatto. Anzitutto la tensione al decollo è proprio forte con batticuore e tutto e si presenta dal distacco dal gate a quando si decolla effettivamente.

Prossima volta , visto che quando sei al gate non stai decollando, abbi paura solo durante il decollo. Esattamente come hai fatto per non averlo giorni prima. Esattamente focalizzando la tua attenzione su qualcosa che c'è in quel momento...
goldenstar ha scritto: Inoltre, pure nelle altre fasi di volo, pur non essendo superficialmente agitato, ci sono comportamenti che riconosco come sbagliati quali controllare il tempo a destinazione o che la quota sia stabile. Non lo faccio spesso, ma so che sottotraccia vi è la necessità di un'ulteriore conferma di sicurezza.
Guardare quanti manca non è necessariamente un segnale di fastidio. In che senso la quota stabile? Se sale o scende significa che c'è un problema? Comunque se pensi che ciò sia dovuto ad un desiderio di controllo...sforzati di non controllare...togli l'orologio e non mettere la pagina con i dati del volo...
goldenstar ha scritto: Per vita normale intendo che so gestire di solito situazioni anche di stress e di potenziale pericolo: ricordo pochi mesi fa mi trovavo in un edificio piuttosto alto, suonò l'allarme antincendio, ma reagì in modo che invece ritengo giusto: controllai dove fossero le eventuali fiamme, diedi un'occhiata al piano di evacuazione per memorizzarlo, valutai come muovermi nel modo giusto e attesi indicazioni. Per fortuna si trattò di un falso allarme ma in questo caso credo di avere affrontato bene la situazione. In aereo non sono mai stato davvero in pericolo (e anche lo fossi stato non avrei potuto fare granché), eppure mi provoca più tachicardia un normale decollo con cielo sereno che una situazione di potenziale pericolo come quella descritta.
Ma, infatti, quello è un pericolo reale...e l'hai gestito come andava gestito. Il problema è quando non ti trovi in nessun pericolo e vivi come se lo fossi. La davanti ci sono persone che in caso di pericolo reale, lo gestiscono come deve essere gestito. Se non c'è alcun pericolo ....goditi il volo e basta...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

italiano
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 febbraio 2018, 16:14

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da italiano » 24 febbraio 2018, 23:39

flyingbrandon ha scritto:
goldenstar ha scritto:Buonasera a tutti,
anche grazie a questo forum a poco a poco la paura di volare è migliorato, o meglio so già che lì alla partenza potrei avere una ricaduta ma sto vivendo serenamente i giorni prima e questo per me è già un buon successo.
L'unica cosa è che sono ancora memore di un'esperienza poco bella sull'A380-800, di cui parlai in passato e che ora voglio affrontare dato che stavolta volerò sullo stesso mezzo. Avrei quindi alcune domande da fare a voi tecnici per vivere più serenamente il volo perché penso di potercela fare (ovviamente il superare l'ansia non dipenderà dalle vostre risposte, ma credo mi aiuteranno a vivere meglio tutto il viaggio).
Sono contento che ora l'ansia per l'attesa si sia ridotta...ma sbagli a pensare che questa ricerca di risposte "tecniche" rappresenti l'ultimo passo per volare serenamente...in realtà è proprio l'opposto. Non arriverai mai ad avere una competenza da pilota per poter distinguere una qualsiasi situazione "normale" o "anomala". Questo tuo ricercare tranquillità attraverso questo tipo di risposte non è altro che la molla per permanere nello stato d'ansia. L'esperienza che hai vissuto contiene già tutte le risposte alle tue curiosità...i motori funzionavano e quei rumori erano propri del funzionamento di qualche impianto. Non è lì che risiede la tua paura...dovresti porti altre domande...e cercare quelle risposte...
Ciao!
Questa tua riflessione (ovvimente giusta) flyingbrandon mi riporta su una riflessione che stavo facendo.
Cerco di capire di piu di questi stupendi mezzi volanti per la passione di saperne di piu' o per cercare di fugare le mie paure una volta che sono in volo cosi' da avere il famigerato "controllo" su ogni rumore,situazione o affine che accade durante il viaggio?
Credo che, per quanto mi riguarda, la riposta sia a meta'. Mi rendo conto pero' che piu' approfondisco e piu' le mie paure si alimentano in quanto, non avendo le competenze di un pilota non saprei neanche contestualizzare certe nozioni lette e, questo, potrebbe essere secondo me, decisamente controproducente per la mia paura (ormai in gran parte superata)di volare. Credo che, per cio' che concerne le "conoscenze" funzionali al ridurre la paura di volare, sia sufficiente conoscere le nozioni basilari del volo e qualche specifica in qualche sull aereomobile.
Il resto e' un lavoro fatto su se' stessi, per rimuovere blocchi emozionali, paure regresse o timori immotivati.
Io cerco sempre di ripetermi che, quando accendiamo la lavatrice siamo sicuri che funzionera', anche se non ne conosciamo le dinamiche interne di funzionamento. L'accendiamo e ci sediamo sul divano a guardare la tv, sicuri che quando avrai finito si fermera' da sola. Questo non e' affidarsi? Io dico di si, d'accordo, su una lavatrice non si sale, ne' decolla a 250km/h o sta' in quota a km di altezza ma, il concetto e' questo credo :mrgreen:
Un salutone flyingbrandon
Fabio

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 25 febbraio 2018, 2:29

italiano ha scritto:
Credo che, per quanto mi riguarda, la riposta sia a meta'. Mi rendo conto pero' che piu' approfondisco e piu' le mie paure si alimentano in quanto, non avendo le competenze di un pilota non saprei neanche contestualizzare certe nozioni lette e, questo, potrebbe essere secondo me, decisamente controproducente per la mia paura (ormai in gran parte superata)di volare. Credo che, per cio' che concerne le "conoscenze" funzionali al ridurre la paura di volare, sia sufficiente conoscere le nozioni basilari del volo e qualche specifica in qualche sull aereomobile.
Diciamo che se l’hai passata e continua ad interessarti l’argomento...non c’è niente di male se approfondisci... :mrgreen:
italiano ha scritto:
Il resto e' un lavoro fatto su se' stessi, per rimuovere blocchi emozionali, paure regresse o timori immotivati.
Io cerco sempre di ripetermi che, quando accendiamo la lavatrice siamo sicuri che funzionera', anche se non ne conosciamo le dinamiche interne di funzionamento. L'accendiamo e ci sediamo sul divano a guardare la tv, sicuri che quando avrai finito si fermera' da sola. Questo non e' affidarsi? Io dico di si, d'accordo, su una lavatrice non si sale, ne' decolla a 250km/h o sta' in quota a km di altezza ma, il concetto e' questo credo :mrgreen:
Un salutone flyingbrandon
Fabio
Certo che lo è...ma ti affidi anche al fatto che il tetto non ti crolli addosso mentre sei sul divano, dove ti stai affidando alla lavatrice, guardando con fiducia la tv....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

italiano
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 17
Iscritto il: 23 febbraio 2018, 16:14

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da italiano » 25 febbraio 2018, 7:49

flyingbrandon ha scritto:
italiano ha scritto:
Credo che, per quanto mi riguarda, la riposta sia a meta'. Mi rendo conto pero' che piu' approfondisco e piu' le mie paure si alimentano in quanto, non avendo le competenze di un pilota non saprei neanche contestualizzare certe nozioni lette e, questo, potrebbe essere secondo me, decisamente controproducente per la mia paura (ormai in gran parte superata)di volare. Credo che, per cio' che concerne le "conoscenze" funzionali al ridurre la paura di volare, sia sufficiente conoscere le nozioni basilari del volo e qualche specifica in qualche sull aereomobile.
Diciamo che se l’hai passata e continua ad interessarti l’argomento...non c’è niente di male se approfondisci... :mrgreen:
italiano ha scritto:
Il resto e' un lavoro fatto su se' stessi, per rimuovere blocchi emozionali, paure regresse o timori immotivati.
Io cerco sempre di ripetermi che, quando accendiamo la lavatrice siamo sicuri che funzionera', anche se non ne conosciamo le dinamiche interne di funzionamento. L'accendiamo e ci sediamo sul divano a guardare la tv, sicuri che quando avrai finito si fermera' da sola. Questo non e' affidarsi? Io dico di si, d'accordo, su una lavatrice non si sale, ne' decolla a 250km/h o sta' in quota a km di altezza ma, il concetto e' questo credo :mrgreen:
Un salutone flyingbrandon
Fabio
Certo che lo è...ma ti affidi anche al fatto che il tetto non ti crolli addosso mentre sei sul divano, dove ti stai affidando alla lavatrice, guardando con fiducia la tv....
Ciao!
Il controllo e' un illusione :wav:
Buongiorno flyingbrandon

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da tartan » 25 febbraio 2018, 14:58

Volevo inserirmi solo per ricordare che ogni volo è pianificato prima che inizi considerando una avaria ad un motore in qualunque momento del volo e non solo. Anche altre possibili avarie vengono prese in considerazione, sempre prima di iniziare il volo e se non si è certi che anche con quelle avarie si possa giungere a destinazione sani e salvi, il volo proprio non inizia. Esiste un ufficio apposito che, in combutta con i piloti, ipotizza avarie e studia le contromosse. Ho lavorato in quell'ufficio per più di quaranta anni e ti assicuro che si tratta di un ufficio in continuo aggiornamento.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6555
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Lampo 13 » 25 febbraio 2018, 15:43

tartan ha scritto:Volevo inserirmi solo per ricordare che ogni volo è pianificato prima che inizi considerando una avaria ad un motore in qualunque momento del volo e non solo. Anche altre possibili avarie vengono prese in considerazione, sempre prima di iniziare il volo e se non si è certi che anche con quelle avarie si possa giungere a destinazione sani e salvi, il volo proprio non inizia. Esiste un ufficio apposito che, in combutta con i piloti, ipotizza avarie e studia le contromosse. Ho lavorato in quell'ufficio per più di quaranta anni e ti assicuro che si tratta di un ufficio in continuo aggiornamento.
E come Pilota io vi amavo!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 25 febbraio 2018, 16:04

Lampo 13 ha scritto:
tartan ha scritto:Volevo inserirmi solo per ricordare che ogni volo è pianificato prima che inizi considerando una avaria ad un motore in qualunque momento del volo e non solo. Anche altre possibili avarie vengono prese in considerazione, sempre prima di iniziare il volo e se non si è certi che anche con quelle avarie si possa giungere a destinazione sani e salvi, il volo proprio non inizia. Esiste un ufficio apposito che, in combutta con i piloti, ipotizza avarie e studia le contromosse. Ho lavorato in quell'ufficio per più di quaranta anni e ti assicuro che si tratta di un ufficio in continuo aggiornamento.
E come Pilota io vi amavo!
Facevi cose brutte con l’acars? :roll: :mrgreen:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6555
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Lampo 13 » 25 febbraio 2018, 21:36

flyingbrandon ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:
tartan ha scritto:Volevo inserirmi solo per ricordare che ogni volo è pianificato prima che inizi considerando una avaria ad un motore in qualunque momento del volo e non solo. Anche altre possibili avarie vengono prese in considerazione, sempre prima di iniziare il volo e se non si è certi che anche con quelle avarie si possa giungere a destinazione sani e salvi, il volo proprio non inizia. Esiste un ufficio apposito che, in combutta con i piloti, ipotizza avarie e studia le contromosse. Ho lavorato in quell'ufficio per più di quaranta anni e ti assicuro che si tratta di un ufficio in continuo aggiornamento.
E come Pilota io vi amavo!
Facevi cose brutte con l’acars? :roll: :mrgreen:
No, tentavo di rimorchiare qualche allievo di Tartan... Scemo! :mrgreen:

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da tartan » 26 febbraio 2018, 10:51

Solo per chiarire, io mi tiro fuori! :D :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 26 febbraio 2018, 16:45

tartan ha scritto:Solo per chiarire, io mi tiro fuori! :D :mrgreen:
Ah caspita....eri già entrato? :mrgreen:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da tartan » 26 febbraio 2018, 19:00

Dal contesto, nel quale sono stato inserito mio malgrado! Volevo dire dal discorso, però poi avrei fornito altri spazi. :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da flyingbrandon » 26 febbraio 2018, 20:27

tartan ha scritto:Dal contesto, nel quale sono stato inserito mio malgrado! Volevo dire dal discorso, però poi avrei fornito altri spazi. :mrgreen:
Ehhhhh.... :mrgreen:
OT x OT....a Roma con la neve non ci sapete proprio fare eh.... :| :mrgreen:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9446
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da tartan » 26 febbraio 2018, 20:48

Ho visto nevicate peggiori a Roma da cui siamo usciti molto meglio! Altri tempi, ragazzi! :mrgreen:
Per goldenstar che ci sta sopportando: ai miei tempi non avresti avuto paura di volare, lo avresti desiderato! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 293
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: domanda su rumori di volo

Messaggio da Giutreas » 28 febbraio 2018, 15:41

Alle nostre latitudini la neve è un evento raro, credo sia normale che crei disagi una coltre bianca che non si vedeva dagli anni '80.
Tornando al tema del post: l'Airbus A380-800 è quello "a due piani"?
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Rispondi