Cibo piloti su low-cost

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Cibo piloti su low-cost

Messaggio da TheClubber » 23 agosto 2019, 11:24

Vettore low cost (difficile non immaginare quale): i piloti hanno diritti ad un pasto fornito dalla compagnia oppure si devono arrangiare? Perché conosco un f.o. (conosco per modo di dire, non di persona ma so chi è perché è originario del mio paese) che su Instragram ha messo una foto del suo pranzo a bordo dell'aereo ed era roba che si era portato da casa (verdure e cracker).

Ora, non è potenzialmente pericoloso? Se fosse roba avariata che potrebbe causare un'indisposizione del pilota?
Capisco che anche l'eventuale cibo fornito dalla compagnia potrebbe essere accidentalmente andato a male, ci mancherebbe, ma lì sarebbe colpa della compagnia stessa.

Certo, c'è sempre l'altro pilota che si prende in carico il volo...

Perdonate se ho fatto un ragionamento forse esagerato e senza senso... :lol:

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12037
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da AirGek » 23 agosto 2019, 11:50

Sì hanno diritto ad un pasto fornito dalla compagnia così come lo hanno i passeggeri, ovvero pagandolo.

Portarti la roba da casa è meglio per le tue tasche e per il tuo corpo.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
Tiennetti
A320 Family Captain
A320 Family Captain
Messaggi: 2156
Iscritto il: 24 maggio 2006, 13:04
Località: Hangar89
Contatta:

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Tiennetti » 23 agosto 2019, 12:38

Io, che ho il pasto disponibile senza pagare, comunque porto spesso qualcosa preparato da me

Come hai ben detto c'è il rischio che qualcosa sia avariato, ma l'importante (così come il cibo dato dalla compagnia) è non mangiare le stesse cose per abbassare ulteriormente la possibilità che entrambi siano contaminati
David

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da TheClubber » 23 agosto 2019, 13:19

Capito, quindi giustamente lui porta la roba da casa così tiene a mano e mangia discretamente bene.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da flyingbrandon » 24 agosto 2019, 11:09

TheClubber ha scritto:
Ora, non è potenzialmente pericoloso? Se fosse roba avariata che potrebbe causare un'indisposizione del pilota?
Capisco che anche l'eventuale cibo fornito dalla compagnia potrebbe essere accidentalmente andato a male, ci mancherebbe, ma lì sarebbe colpa della compagnia stessa.
Comunque, che tu prenda il pasto di bordo o meno, a casa mangi comunque...e il tuo discorso rimarrebbe potenzialmente lo stesso. O volevi far mangiare sempre e solo a bordo? :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1811
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da fabrizio66 » 24 agosto 2019, 13:13

Io quando volonlow costo con gli amici sono uso portare a bordo pizza bianca calda calda con mortadella.
Un profumo appena decollati..... :mrgreen:

Avatar utente
bande
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 134
Iscritto il: 6 dicembre 2012, 20:47

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da bande » 24 agosto 2019, 14:47

AirGek ha scritto:Sì hanno diritto ad un pasto fornito dalla compagnia così come lo hanno i passeggeri, ovvero pagandolo.

Portarti la roba da casa è meglio per le tue tasche e per il tuo corpo.
Livelli di pezzentaggine mai visti prima...!

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sardinian aviator » 24 agosto 2019, 18:02

bande ha scritto:
AirGek ha scritto:Sì hanno diritto ad un pasto fornito dalla compagnia così come lo hanno i passeggeri, ovvero pagandolo.

Portarti la roba da casa è meglio per le tue tasche e per il tuo corpo.
Livelli di pezzentaggine mai visti prima...!

Ci fu un tempo in cui gli equipaggi dell'ATI in sosta ad Alghero si rifiutarono di dormire in un 4 stelle in periferia (più economico) e pretesero il "solito" 5 stelle lusso fronte mare. Lo scalo dovette pagare le camere in entrambe gli alberghi.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da TheClubber » 24 agosto 2019, 20:04

flyingbrandon ha scritto:
TheClubber ha scritto:
Ora, non è potenzialmente pericoloso? Se fosse roba avariata che potrebbe causare un'indisposizione del pilota?
Capisco che anche l'eventuale cibo fornito dalla compagnia potrebbe essere accidentalmente andato a male, ci mancherebbe, ma lì sarebbe colpa della compagnia stessa.
Comunque, che tu prenda il pasto di bordo o meno, a casa mangi comunque...e il tuo discorso rimarrebbe potenzialmente lo stesso. O volevi far mangiare sempre e solo a bordo? :mrgreen:
Ciao!
Beh, ragionamento che non fa una piega. :lol:

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 25 agosto 2019, 7:40

L'abitudine di portarsi il proprio cibo a bordo, è molto diffusa fra i piloti. Ci sono addirittura borse di volo con il comparto frigo. https://luggageworks.com/browse-product ... pails.html

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 25 agosto 2019, 7:46

bande ha scritto:[
Livelli di pezzentaggine mai visti prima...!
Vabbè... MOL lo conosciamo. Non capisco una cosa però, ma non ho mai approfondito, non c'è una regola per cui dopo un tot di ore di servizio la compagnia deve fornire un pasto al pilota? Come fanno ad aggirarla?

OPS 1.1130 Nutrition
A meal and drink opportunity must occur in order to avoid any detriment to a crew member’s
performance, especially when the FDP exceeds six hours.

https://understandingeasa2016ftl.files. ... art-q3.pdf
pagina 12
Ultima modifica di air.surfer il 25 agosto 2019, 7:58, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 25 agosto 2019, 7:55

sardinian aviator ha scritto: Ci fu un tempo in cui gli equipaggi dell'ATI in sosta ad Alghero si rifiutarono di dormire in un 4 stelle in periferia (più economico) e pretesero il "solito" 5 stelle lusso fronte mare. Lo scalo dovette pagare le camere in entrambe gli alberghi.
Te l'ha detto tuo cuggggino?

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sardinian aviator » 25 agosto 2019, 8:50

air.surfer ha scritto:
sardinian aviator ha scritto: Ci fu un tempo in cui gli equipaggi dell'ATI in sosta ad Alghero si rifiutarono di dormire in un 4 stelle in periferia (più economico) e pretesero il "solito" 5 stelle lusso fronte mare. Lo scalo dovette pagare le camere in entrambe gli alberghi.
Te l'ha detto tuo cuggggino?
Te devo da risponne?
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 25 agosto 2019, 9:06

No era una domanda retorica. Su ca**ate come questa ci hanno montato l'opinione pubblica nel 2008.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da flyingbrandon » 25 agosto 2019, 9:41

air.surfer ha scritto: Vabbè... MOL lo conosciamo. Non capisco una cosa però, ma non ho mai approfondito, non c'è una regola per cui dopo un tot di ore di servizio la compagnia deve fornire un pasto al pilota? Come fanno ad aggirarla?

OPS 1.1130 Nutrition
A meal and drink opportunity must occur in order to avoid any detriment to a crew member’s
performance, especially when the FDP exceeds six hours.

https://understandingeasa2016ftl.files. ... art-q3.pdf
pagina 12
Purtoppo non la aggirano. meal and drink opportunity...cioè devi avere la possibilità di mangiare e bere...ma non hanno scritto, le EASA, che il tutto deve essere fornito gratuitamente dalla compagnia.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 25 agosto 2019, 10:20

Glielo danno il panino a buffo in Ryanair? No perchè se ti dimentichi i soldi a casa sei fuori limiti... :mrgreen:

Avatar utente
TheClubber
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 959
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:13
Località: 40km da BGY

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da TheClubber » 27 agosto 2019, 11:34

air.surfer ha scritto:
Vabbè... MOL lo conosciamo. Non capisco una cosa però, ma non ho mai approfondito, non c'è una regola per cui dopo un tot di ore di servizio la compagnia deve fornire un pasto al pilota? Come fanno ad aggirarla?

OPS 1.1130 Nutrition
A meal and drink opportunity must occur in order to avoid any detriment to a crew member’s
performance, especially when the FDP exceeds six hours.

https://understandingeasa2016ftl.files. ... art-q3.pdf
pagina 12
Perdona, magari dico una stupidata, ma anche io che sono metalmeccanico ho sì diritto ad una pausa pranzo/cena se faccio almeno 6 ore di lavoro (proprio come dice la OPS qui sopra, tra l'altro), ma me lo pago io; la mia azienda mi paga una percentuale e il resto lo aggiungo io (si parla di poco meno di 2 € a pasto che io pago e l'azienda mette il resto).
Quindi seguendo questo ragionamento la compagnia è legittimata a far pagare il pasto ai piloti. Non gli viene vietato di mangiare... :wink:

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sardinian aviator » 27 agosto 2019, 12:06

air.surfer ha scritto:No era una domanda retorica. Su ca**ate come questa ci hanno montato l'opinione pubblica nel 2008.
Allora ti sbagli e ti rispondo. E' la pura verità e io ne ero un testimone diretto avendo raccolto la testimonianza del caposcalo pro tempore di Alghero che mi mostrò le fatture degli alberghi. E ti faccio anche i nomi: l'azienda aveva deciso di spostare gli equipaggi in night stop dall'Hotel Las Tronas al Green Hotel, nuovo 4 stelle un po' decentrato ma che offriva condizioni migliori dal punto di vista economico.
Dopo qualche giorno un equipaggio si rifiutò di dormire lì e si fece portare di nuovo al Las Tronas. La compagnia, minacciata di azioni sindacali, fece allora marcia indietro ma dovette pagare entrambe gli alberghi.
Non sto parlando del 2008 ma di fine anni 70/primi 80, in piena Aquila Selvaggia.

Se non sai, informati, e prima di accusare qualcuno di dire ca@@@te pensa a quelle che rischi di scrivere tu con cotanta saccenza.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 27 agosto 2019, 13:06

sardinian aviator ha scritto:
air.surfer ha scritto:No era una domanda retorica. Su ca**ate come questa ci hanno montato l'opinione pubblica nel 2008.
Allora ti sbagli e ti rispondo. E' la pura verità e io ne ero un testimone diretto avendo raccolto la testimonianza del caposcalo pro tempore di Alghero che mi mostrò le fatture degli alberghi. E ti faccio anche i nomi: l'azienda aveva deciso di spostare gli equipaggi in night stop dall'Hotel Las Tronas al Green Hotel, nuovo 4 stelle un po' decentrato ma che offriva condizioni migliori dal punto di vista economico.
Dopo qualche giorno un equipaggio si rifiutò di dormire lì e si fece portare di nuovo al Las Tronas. La compagnia, minacciata di azioni sindacali, fece allora marcia indietro ma dovette pagare entrambe gli alberghi.
Non sto parlando del 2008 ma di fine anni 70/primi 80, in piena Aquila Selvaggia.

Se non sai, informati, e prima di accusare qualcuno di dire ca@@@te pensa a quelle che rischi di scrivere tu con cotanta saccenza.
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 27 agosto 2019, 13:19

Francamente non capisco cosa c'entri un episodio accaduto (forse) nella migliore delle ipotesi, quasi 40/50 anni fa fa in un 3ad che si intitola "Cibo piloti low cost" . Comunque, l'episodio è per te difficilmente dimostrabile visto che te lo ha detto tuo cugino (caposcalo) e dubito che tu abbia conservato copia delle fatture.
Al contrario, invece, quello che per me è vero, perché l'ho vissuto in prima persona e non perché me lo abbia detto mio cugino, è che quando si cambiò l'hotel ad AHO nessuno fece botte da matto come quella che descrivi tu. Ci si lamentò ne più e ne meno di quanto si lamentino tutti gli equipaggi del mondo (tranne quelli low cost che non pernottano mai fuori) quando la compagnia cambia loro l'albergo.
Se quell'episodio che racconti è vero, cosa che dubito, spero che quel comandante sia stato punito per il suo gesto ma ho il forte sospetto che invece sia stato premiato con la conferma del posto di lavoro e un bel passaggio di 777....
In generale però, quello che mi da fastidio è che si usino questi pseudo esempi per montare la gente contro una categoria di lavoratori. Come la ca***ta che lessi su di un giornale nel 2008 quando i giornalisti servi della politica scrissero che i piloti chiedevano ADDIRITTURA stanze con il controllo della luce e della temperatura.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 27 agosto 2019, 13:36

TheClubber ha scritto:
Perdona, magari dico una stupidata, ma anche io che sono metalmeccanico ho sì diritto ad una pausa pranzo/cena se faccio almeno 6 ore di lavoro (proprio come dice la OPS qui sopra, tra l'altro), ma me lo pago io; la mia azienda mi paga una percentuale e il resto lo aggiungo io (si parla di poco meno di 2 € a pasto che io pago e l'azienda mette il resto).
Quindi seguendo questo ragionamento la compagnia è legittimata a far pagare il pasto ai piloti. Non gli viene vietato di mangiare... :wink:
Hai ragione, come ce l'ha il piccione. Non ho mai lavorato per una compagnia che non mi forniva il pasto e quindi non avevo mai ragionato sulla cosa.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da tartan » 27 agosto 2019, 13:46

Un consiglio che io ho adottato decenni fa e che solo di recente ho scoperto che è ammesso. In ogni riunione, specialmente condominiale, nella quale sono presente anche io, uso portare con me un piccolo registratore che attivo di nascosto nel momento che ritengo opportuno. Serve a registrare quello che dico io e se poi registra anche quello che dicono altri non è mio interesse. La legge mi consente di registrarmi anche a insaputa degli altri, perciò, tutto quello che dico o scrivo e che mi ha visto presente è sempre dimostrabile, per quanto mi riguarda.
Un consiglio: registratevi pure voi tutti, sempre!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 27 agosto 2019, 14:14

tartan ha scritto: Un consiglio: registratevi pure voi tutti, sempre!
Non ho bisogno di un registratore per ricordarmi quando la compagnia cambiò albergo ad AHO.

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5561
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Ponch » 27 agosto 2019, 14:26

air.surfer ha scritto:
In generale però, quello che mi da fastidio è che si usino questi pseudo esempi per montare la gente contro una categoria di lavoratori..
Concordo.
Is it light where you are yet?

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da tartan » 27 agosto 2019, 14:55

air.surfer ha scritto:
tartan ha scritto: Un consiglio: registratevi pure voi tutti, sempre!
Non ho bisogno di un registratore per ricordarmi quando la compagnia cambiò albergo ad AHO.
Io invece ne ho avuto bisogno per difendermi da un CPT mio superiore. :mrgreen:
PS avevo ragione io! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 27 agosto 2019, 16:36

tartan ha scritto: Io invece ne ho avuto bisogno per difendermi da un CPT mio superiore. :mrgreen:
PS avevo ragione io! :mrgreen:
E da che dovrei difendermi? Dal fatto che SA mi ha detto di informarmi, cosa che ha fatto sbellicare dalle risate Spiridone?
Io al Green ci ho fatto la schiuma (e non solo con la linea, ci ho fatto tutta la scuola di volo) cosi come ho vissuto in prima persona il cambio dal Las Tronas. E' lui che non può dimostrare che gli equipaggi Alitalia capricciosi zompassero da un albergo ad un altro come se nulla fosse addebitando i costi dei loro capricci alla compagnia. Sebbene non me ne freghi assolutamente nulla del personale Alitalia, ripeto, mi sta sulle palle che su questioni del genere, sulle quali io persi il lavoro, la gente parli a vanvera.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sardinian aviator » 27 agosto 2019, 16:51

air.surfer ha scritto:Francamente non capisco cosa c'entri un episodio accaduto (forse) nella migliore delle ipotesi, quasi 40/50 anni fa fa in un 3ad che si intitola "Cibo piloti low cost" . Comunque, l'episodio è per te difficilmente dimostrabile visto che te lo ha detto tuo cugino (caposcalo) e dubito che tu abbia conservato copia delle fatture.
Al contrario, invece, quello che per me è vero, perché l'ho vissuto in prima persona e non perché me lo abbia detto mio cugino, è che quando si cambiò l'hotel ad AHO nessuno fece botte da matto come quella che descrivi tu. Ci si lamentò ne più e ne meno di quanto si lamentino tutti gli equipaggi del mondo (tranne quelli low cost che non pernottano mai fuori) quando la compagnia cambia loro l'albergo.
Se quell'episodio che racconti è vero, cosa che dubito, spero che quel comandante sia stato punito per il suo gesto ma ho il forte sospetto che invece sia stato premiato con la conferma del posto di lavoro e un bel passaggio di 777....
In generale però, quello che mi da fastidio è che si usino questi pseudo esempi per montare la gente contro una categoria di lavoratori. Come la ca***ta che lessi su di un giornale nel 2008 quando i giornalisti servi della politica scrissero che i piloti chiedevano ADDIRITTURA stanze con il controllo della luce e della temperatura.
Quello che invece a me dà fastidio è che mi voglia far passare per inattendibile e/o bugiardo e questo mi fa veramente girare le scatole. Specie se detto da un saccentello che vorrebbe prendermi per il Q con la menata del cugggino caposcalo. Sed transeat, volevo rispondere per le rime ma avevo appena approvato l'invito di Tartan a non litigare.
L'intento del mio post era semplicemente quello di evidenziare quanto siano cambiati i tempi e come da un estremo sia stato possibile passare ad un altro, cioè che gli equipaggi debbano portarsi il pasto da casa o debbano pagarlo alla compagnia.
Quanto al fatto di denigrare una categoria di lavoratori (i piloti) il sig. air surfer evidentemente non mi conosce o non ha capito una beata cippa. Nella mia vita lavorativa ho incontrato grandissimi professionisti ed emerite mezze seghe volanti sia sul piano professionale che su quello umano, gente di altissimo profilo ed altre che se le conosci le eviti, a prescindere dal numero di botte sul braccio. Ho però sempre cercato di mettermi nei loro panni e di capire se le loro rimostranze (tecniche) fossero fondate o meno e quasi sempre le ho trovare reali e attendibili.
L'evento che ho descritto è storia, non cronaca, e la c.d. Aquila Selvaggia fa parte appunto della storia dell'aviazione civile italiana, piaccia o no.
Di proteste, arroganze, sgarbi, forme di lotta assurde da parte del sindacato piloti erano pieni quegli anni. Forse qualcuno non ricorda gli scioperi bianchi dei rullaggi a 5 km/h o la pedissequa ottemperanza a qualsivoglia normativa, inclusa la richiesta al direttore dell'aeroporto di visitare l'aereo prima di ogni partenza o di vistare il libretto di volo, al termine di ogni tratta.
Qualcuno provò pure a prendere l'abitudine di saltare l'ultimo atterraggio notturno su AHO sul presupposto della mancanza di qualche requisito tecnico, ma in quel caso si ruppe le corna.
Il mondo cambia, i tempi sono cambiati, tutto qui, nessuno, meno che mai il sottoscritto, vuole montare oggi una campagna contro i piloti, che veramente oggi mi sembrano diventate le vere vittime del cambiamento.

PS Io non devo dimostrare proprio nulla, se non mi credi è un problema tuo. Con lo stesso tuo metro potrei diffidare di quanto dici tu: ma gli allievi della SCV non alloggiavano da Bruno a Fertilia? E in che anni eri alla SCV? E chi era il Direttore della Scuola? E chi era il Direttore dell'aeroporto?
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 27 agosto 2019, 19:43

sardinian aviator ha scritto: ma gli allievi della SCV non alloggiavano da Bruno a Fertilia?
Lo cambiarono anche allora. Non lo sapevi? Strano..

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sigmet » 27 agosto 2019, 21:06

air.surfer ha scritto:
Io al Green ci ho fatto la schiuma (e non solo con la linea, ci ho fatto tutta la scuola di volo) cosi come ho vissuto in prima persona il cambio dal Las Tronas.
Inoltre , solo per fare chiarezza, c'era un contratto firmato tra L'AZIENDA e i piloti, contratto che prevedeva uno standard minimo che non era certo quello della suite con vasca jacuzzi e campo da golf ma semplicemente stanze silenziose e pulite per assicurare quel riposo che la legge richiede.Non ho mai visto richieste di cambio alberghi per mancanza di champagne nel frigobar ne per assenza del materasso a due piazze della Hastens. Da quando entrai in AZ l'unica esperienza di 5 stelle fu in un albergo dove fummo mandati dopo un dirottamento poiche' era l'unico ad avere delle stanze libere, ma ovviamente erano le stanze della serva... per il resto mi ricordo di un dormitorio anni 70 alla stazione garibaldi di Milano dove sentivo il vicino che trombava e dove ho passato gran parte della mia esistenza, o di un albergo a RC in stile chalet di montagna con le camere talmente piccole che quando levavo le mutande dovevo uscire io,ma questo i giornali non lo scrissero.
Per tornare IT il famoso pasto (freddo) consisteva di una busta di breasola o una scatoletta di tonno rio mare ,un panino che rimbalzava, una frutta e una barretta di cioccolato (poi sparita dalla carta) . In alternativa se era caldo , un risotto in bianco alla paraffina (che si usava per conservarlo) e per secondo non lo ricordo neanche perche' non sono mai riuscito a mangiarlo.Anche il pasto non e' una concessione ma e' previsto dalla normativa (vedi 965 AMC ORO FTL 240)
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5818
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da sigmet » 27 agosto 2019, 22:20

sardinian aviator ha scritto:
Ci fu un tempo in cui gli equipaggi dell'ATI in sosta ad Alghero si rifiutarono di dormire in un 4 stelle in periferia (più economico) e pretesero il "solito" 5 stelle lusso fronte mare. Lo scalo dovette pagare le camere in entrambe gli alberghi.
L'albergo di cui parli non era un 5 stelle (dal sito: Nel 2006 la villa ottenne la classificazione di “albergo a cinque stelle”.) L'ati (compagnia sempre in attivo) chiuse nel 1994.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 28 agosto 2019, 7:38

sigmet ha scritto:....Non ho mai visto richieste di cambio alberghi per mancanza di champagne nel frigobar ne per assenza del materasso a due piazze della Hastens.

So che siete fuori da AZ, ma mi chiedo, a questo punto, quanto ci sia di vero nella famosa storia montata sull'albergo di Tokio.
Quello che era talmente fuori mano "da non permettere manco di andare a comprare un paio di mutande..." [sic].

Perchè, per come la giriate, ogni tanto alcuni atteggiamenti da primadonna balzano fuori. E' innegabile.
Ultima modifica di spiridione il 28 agosto 2019, 8:12, modificato 1 volta in totale.
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Lampo 13 » 28 agosto 2019, 7:56

spiridione ha scritto:
sigmet ha scritto:....Non ho mai visto richieste di cambio alberghi per mancanza di champagne nel frigobar ne per assenza del materasso a due piazze della Hastens.

So che siete fuori da AZ, ma michiedo, a questo punto, quanto ci sia di vero nella famosa storia montata sull'albergo di Tokio.
Quello che era talmente fuori mano "da non permettere manco di andare a comprare un paio di mutande..." [sic].

Perchè, per come la giriate, ogni tanto alcuni atteggiamenti da primadonna balzano fuori. E' innegabile.
La storia di Tokio è semplice, si era sempre andati in centro, i turni di 4 giorni (69 ore) prevedevano due notti di sosta, poi cominciarono i turni di 3 giorni, quindi con una notte di sosta, e fecero il trasferimento in un albergo vicino all'aeroporto, circa 80 km dal centro di Tokio. L'albergo era isolato, per andare a mangiare bisognava prendere un mezzo di trasporto per arrivare in un villaggio senza niente, altrimenti bisognava mangiare nell'albergo stesso. Impossibile comprare alcunché né fare una passeggiata. Considera che si atterrava con una notte di volo sulle spalle, con il cervello per cui era mattina presto mentre per l'ora locale era mezzogiorno, si ripartiva il giorno dopo alle 11 di mattina per arrivare a Roma la sera stessa, in pratica si stava via per 45 ore di cui 25 di volo, facendosi 10 fusi orari e c'era chi non riusciva a dormire ed era "intronato" al momento del volo di ritorno. Si decideva come fare i turni in volo, eravamo in 3, tenendo in considerazione proprio lo stato di riposo di ognuno. Io sono stato sempre fortunato, riesco a dormire sempre e ovunque e "mantenevo" il fuso orario di Roma senza considerare l'orario locale, ma alcuni avevano seri problemi. Nel medio raggio ci si fa il mazzo con le tratte, anche 4 al giorno con relative pianificazioni e magari il brutto tempo; nel lungo raggio il volo è singolo, tutta crociera, con una pianificazione più lunga e complessa ma una gestione più rilassata, il vero problema è la gestione della stanchezza ed avere una sosta come quella di Tokio complicava la situazione. Considerando che la compagnia risparmiava poco, soprattutto sulla navetta, e che i problemi di Alitalia non sono mai stati dovuti al costo del personale ma alla cialtroneria di chi amministrava, andare a risparmiare in aree che possono intaccare la sicurezza, anche se solo in teoria, mi sembra davvero stupido.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Lampo 13 » 28 agosto 2019, 8:12

Lampo 13 ha scritto:
spiridione ha scritto:Perchè, per come la giriate, ogni tanto alcuni atteggiamenti da primadonna balzano fuori. E' innegabile.
L'albergo era isolato, per andare a mangiare bisognava prendere un mezzo di trasporto per arrivare in un villaggio senza niente, altrimenti bisognava mangiare nell'albergo stesso.
Senza considerare la spesa per mangiare, noi ricevevamo 52 euro lordi (48 netti) al giorno che coprivano colazione, pranzo e cena se eri in servizio più di 12 ore, o la corrispondente frazione in 12esimi. Per il turno di Tokio da 3 giorni prendevi circa 8 euro per il primo giorno, 48 euro per il secondo e 48 per il terzo, in totale 104 euro con i quali dovevi fare un pranzo, una cena ed una colazione. In albergo la sola colazione, a costo fisso, veniva sui 30 euro eti restavano circa 37 euro per ognuno dei due pasti principali che, in albergo, erano ampiamente insufficienti.

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 28 agosto 2019, 8:14

Grazie, Comandante.

Come sempre, hai spiegato tutto nel migliore dei modi, senza saccenza (ogni riferimento è voluto).

Spiegandola in questa maniera, la situazione assume tutta un'altra prospettiva.

Resterebbe da capire chi ha tirato fuori il "problema shopping", con particolare riferimento all'underwear.

Perchè è così, in effetti, che si creano preconcetti assurdi. E molto, molto duri a morire....
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Lampo 13 » 28 agosto 2019, 9:09

spiridione ha scritto:Grazie, Comandante.

Come sempre, hai spiegato tutto nel migliore dei modi, senza saccenza (ogni riferimento è voluto).

Spiegandola in questa maniera, la situazione assume tutta un'altra prospettiva.

Resterebbe da capire chi ha tirato fuori il "problema shopping", con particolare riferimento all'underwear.

Perchè è così, in effetti, che si creano preconcetti assurdi. E molto, molto duri a morire....
Uscita infelice, una battuta, ma non tanto perché può capitare di aver bisogno di comprare una camicia, delle mutande o dei calzini per una improvvisa necessità... magari un caffè rovesciato, dei calzini che si bucano, una qualche medicina, ci sono mille cose che possono servire inaspettatamente. Considera che un componente del crew vive in giro anche 22 giorni al mese ed a volte ci può essere un imprevisto.

Rispondi