Cibo piloti su low-cost

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11151
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da flyingbrandon » 28 agosto 2019, 11:10

spiridione ha scritto:
Resterebbe da capire chi ha tirato fuori il "problema shopping", con particolare riferimento all'underwear.

Perchè è così, in effetti, che si creano preconcetti assurdi. E molto, molto duri a morire....
A me questa estate hanno sbarcato il bagaglio in una tratta di mezzo e a destinazione non avevo la mia valigia...quindi altro che underwear....non avevo proprio niente. Devo avere la possibilità di comprare qualcosa anche perchè , da procedura , devo garantire di finire la giornata e almeno la prima tratta il giorno dopo. La “sfortuna” ha voluto che non fosse neanche una partenza presto...ma dovevo stare fino a metà pomeriggio ...quindi ti confermo che può capitare di aver la necessità di comprare vestiti.... :D
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 28 agosto 2019, 12:26

flyingbrandon ha scritto:
spiridione ha scritto:
Resterebbe da capire chi ha tirato fuori il "problema shopping", con particolare riferimento all'underwear.

Perchè è così, in effetti, che si creano preconcetti assurdi. E molto, molto duri a morire....
A me questa estate hanno sbarcato il bagaglio in una tratta di mezzo e a destinazione non avevo la mia valigia...quindi altro che underwear....non avevo proprio niente. Devo avere la possibilità di comprare qualcosa anche perchè , da procedura , devo garantire di finire la giornata e almeno la prima tratta il giorno dopo. La “sfortuna” ha voluto che non fosse neanche una partenza presto...ma dovevo stare fino a metà pomeriggio ...quindi ti confermo che può capitare di aver la necessità di comprare vestiti.... :D
Ciao!
Caspita!

Qua mi si apre un quesito: ero convinto che, sia sul medio che sul lungo, il crew (anche non facendosi bastare il classico trolley..) avesse la possibilità di portare a bordo il bagaglio, senza mischiarlo, in stiva, con quello di noi poveri plebei... :shock:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6686
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Lampo 13 » 28 agosto 2019, 13:26

spiridione ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:
spiridione ha scritto:
Resterebbe da capire chi ha tirato fuori il "problema shopping", con particolare riferimento all'underwear.

Perchè è così, in effetti, che si creano preconcetti assurdi. E molto, molto duri a morire....
A me questa estate hanno sbarcato il bagaglio in una tratta di mezzo e a destinazione non avevo la mia valigia...quindi altro che underwear....non avevo proprio niente. Devo avere la possibilità di comprare qualcosa anche perchè , da procedura , devo garantire di finire la giornata e almeno la prima tratta il giorno dopo. La “sfortuna” ha voluto che non fosse neanche una partenza presto...ma dovevo stare fino a metà pomeriggio ...quindi ti confermo che può capitare di aver la necessità di comprare vestiti.... :D
Ciao!
Caspita!

Qua mi si apre un quesito: ero convinto che, sia sul medio che sul lungo, il crew (anche non facendosi bastare il classico trolley..) avesse la possibilità di portare a bordo il bagaglio, senza mischiarlo, in stiva, con quello di noi poveri plebei... :shock:
Le regole prevedevano il bagaglio in stiva, di solito in una vuota, sul MD80 l'anteriore, sul B777 la posteriore, ma qualche volta facevano qualche casino...

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1811
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da fabrizio66 » 28 agosto 2019, 15:26

spiridione ha scritto: Quello che era talmente fuori mano "da non permettere manco di andare a comprare un paio di mutande..." [sic]..
C.que Spiri posso dirti che quando avevo il mio personal trainer personale sul pacchetto di sopravvivenza per i viaggi lo stesso mi indicava sempre di avere con se in bagaglio a mano un certo numero di mutande di ricambio e calzini a seconda della durata del viaggio.

E quando gli rispondevo " Mamma ma sto annà a milano un giorno, le ti fregava sempre con un bel "non si sa mai" :mrgreen:

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 28 agosto 2019, 15:36

spiridione ha scritto: Come sempre, hai spiegato tutto nel migliore dei modi, senza saccenza (ogni riferimento è voluto).
Avrei voluto risponderti io con saccenteria ma mi duole ammettere che l'argomento "mutande" (per di più maschili) va al di là delle mie conoscenze aeronautiche. Ho quindi lasciato la spiegazione del mutanda-gate a qualche altro esperto in materia. E devo dire che non sono stato deluso...
Ultima modifica di air.surfer il 28 agosto 2019, 15:50, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 28 agosto 2019, 15:38

fabrizio66 ha scritto: E quando gli rispondevo " Mamma ma sto annà a milano un giorno, le ti fregava sempre con un bel "non si sa mai" :mrgreen:
Fabrizio, è un non problema. Negli alberghi esistono le lavanderie.

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1811
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da fabrizio66 » 28 agosto 2019, 16:31

air surfer non conoscevi mia madre

aveva tutti gli stereotipi che cita maurizio battista nei suoi spettacoli,
non sudare quando giochi a pallone,
portati un golfino a dubai ad agosto e cosi via……..
considera che avevamo a casa oltre al frigorifero extralarge un pozzetto tipo bar dove c'era da mangiare per 35 persone per tre mesi……

peccato che non c'è più.

e va mbe scusate l ot

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 28 agosto 2019, 16:36

Non mi riferivo al tuo racconto, ma a quello che hanno postato più sopra.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11151
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da flyingbrandon » 28 agosto 2019, 18:24

air.surfer ha scritto:Non mi riferivo al tuo racconto, ma a quello che hanno postato più sopra.
Quello di Lampo o il mio?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11151
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da flyingbrandon » 28 agosto 2019, 18:29

spiridione ha scritto:
Caspita!

Qua mi si apre un quesito: ero convinto che, sia sul medio che sul lungo, il crew (anche non facendosi bastare il classico trolley..) avesse la possibilità di portare a bordo il bagaglio, senza mischiarlo, in stiva, con quello di noi poveri plebei... :shock:
Da manuale operativo lo devi imbarcare in stiva....anche se non è in mezzo a quello dei passeggeri. Su alcuni A/M, dove abbiamo degli spazi “nostri” e non occupiamo la cappelliera ce lo portiamo a bordo. Se il volo non è particolarmente pieno capita anche di portarlo a bordo e sistemarlo in cappelliera.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 29 agosto 2019, 7:29

air.surfer ha scritto:
Fabrizio, è un non problema. Negli alberghi esistono le lavanderie.
Quindi, quello di Tokio era un non problema.

Confermi?


P.s. Ah, già, ma a te ti avevano già cacciato, da AZ...
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 30 agosto 2019, 13:14

spiridione ha scritto: Quindi, quello di Tokio era un non problema.
Confermi?
Quello che posso confermarti è che Tokyo si scrive con la Y.
spiridione ha scritto:P.s. Ah, già, ma a te ti avevano già cacciato, da AZ...
Si. Ma anche se conoscessi il fatto non potrei aiutarti. Non sono esperto di mutande zozze e calzini bucati, per questo ho lasciato parlare Lampo.

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 30 agosto 2019, 14:18

air.surfer ha scritto: Quello che posso confermarti è che Tokyo si scrive con la Y.
https://it.wikipedia.org/wiki/Tokyo

Lèggiti le prime due righe. Sono solo due, non dovrebbero impegnarti molto. Il resto ignoralo pure.
air.surfer ha scritto: Si. Ma anche se conoscessi il fatto non potrei aiutarti. Non sono esperto di mutande zozze e calzini bucati, per questo ho lasciato parlare Lampo.
Ti ringrazio, comunque, per la tua sempre cortese disponibilità e per l'importante apporto che dai al Forum.
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 31 agosto 2019, 10:23

spiridione ha scritto: Lèggiti le prime due righe.
Ti confermo anche che in "leggiti" non ci va l'accento.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6686
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Lampo 13 » 31 agosto 2019, 11:10

Come in tutte le traslitterazioni la grafia corretta non è univoca,
Mao Tse Tung o Mao Zedong sono entrambe corrette per 毛澤東,
Tokyo, Tokio o Tochio sono tutte corrette per 東京,
Lo stesso vale anche per l'arabo, come Maometto o Muhammad per أبو ﺍﻟﻘﺎﺳﻢ محمد بن عبد الله بن عبد ﺍﻟﻤﻄﻠﺐ ﺍﻟﻬﺎﺷﻤﻲ

Per air.surfer: quando mi avanza un po' di tempo ti spiego cos'è la traslitterazione...

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 31 agosto 2019, 11:27

magna tranquillo. non me ne frega una min**ia.

Avatar utente
richelieu
FL 500
FL 500
Messaggi: 10193
Iscritto il: 22 dicembre 2008, 21:14

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da richelieu » 31 agosto 2019, 12:07

Perdonatemi se mi intrometto ... ma mi duole constatare che questa discussione ha ormai raggiunto un livello veramente infimo ...

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9126
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da air.surfer » 31 agosto 2019, 12:57

Hai ragione Richelieu, chiedo venia.
Cerco di riportare la discussione sui giusti binari.

Io non ho mai trovato problemi nel cambiare hotel. Le ragioni riportate più sopra sono facilmente risolvibili in vari modi:
Valigia persa.
Le compagnie, almeno quelle dove ho volato io, danno un compenso per le prime necessità del caso, ovvero comprarsi dei vestiti. Non capita spesso che ti perdano la valigia, a me ad esempio, non è mai successo. Devo dire però che io sono come le tartarughe, mi porto sempre tutto dietro. Se dovessero perdermi la valigia, allora quel giorno, mi metterò il maglione blu che porto sempre dietro (sto invecchiando ed ho freddo) e prenderò un taxi se l'albergo è lontano da un centro abitato e mi cercherò delle cose da indossare.
Medicine.
Con me ho sempre il mio personale Medikit con tutto quello che mi può servire ma se dovessi avere bisogno di qualcos'altro, la compagnia fornisce sempre il riferimento di un medico da chiamare che potrà fornire tutte i medicinali del caso.
Caffè rovesciato sulla divisa
Negli alberghi dove vanno gli equipaggi, almeno dove sono stato io, c'è sempre una lavanderia. Basta chiamare e ti viene recapitato tutto pulito abbastanza celermente. Del resto, con una divisa ci sei arrivato quindi si suppone che gli items tu già ce li abbia. Al limite, se rimani per qualche ragione senza divisa, te ne stai in accappatoio in camera fino al pickup. Tanto oramai con i ritmi odierni le soste sono ridotte all'osso.
Per quanto mi riguarda, se devo fare un turnaround, ovvero andata e ritorno senza sosta, ho sempre una piccola borsetta con il pigiama ed altre quattro cavolate che mi potrebbero servire in caso di sosta forzata.

Non conosco il caso specifico, ma ho il sospetto che la questione mutanda nasca dal fatto che gli equipaggi AZ prima andavano al Keio di Shinjuku e poi sono stati spostati a Narita (almeno credo) per ovvie ragioni logistiche ed economiche. Capisco l'arrabbiatura di andare da un quartiere animato di Tokyo ad un centro più piccolo, ma farne una questione di sopravvivenza proprio no. Inoltre io preferirei andare in aeroporto, piuttosto che farmi due ore di autobus per andare a dormire in città.

Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3555
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da spiridione » 31 agosto 2019, 14:57

air.surfer ha scritto:Hai ragione Richelieu, chiedo venia.
Cerco di riportare la discussione sui giusti binari.

Io non ho mai trovato problemi nel cambiare hotel. Le ragioni riportate più sopra sono facilmente risolvibili in vari modi:
Valigia persa.
Le compagnie, almeno quelle dove ho volato io, danno un compenso per le prime necessità del caso, ovvero comprarsi dei vestiti. Non capita spesso che ti perdano la valigia, a me ad esempio, non è mai successo. Devo dire però che io sono come le tartarughe, mi porto sempre tutto dietro. Se dovessero perdermi la valigia, allora quel giorno, mi metterò il maglione blu che porto sempre dietro (sto invecchiando ed ho freddo) e prenderò un taxi se l'albergo è lontano da un centro abitato e mi cercherò delle cose da indossare.
Medicine.
Con me ho sempre il mio personale Medikit con tutto quello che mi può servire ma se dovessi avere bisogno di qualcos'altro, la compagnia fornisce sempre il riferimento di un medico da chiamare che potrà fornire tutte i medicinali del caso.
Caffè rovesciato sulla divisa
Negli alberghi dove vanno gli equipaggi, almeno dove sono stato io, c'è sempre una lavanderia. Basta chiamare e ti viene recapitato tutto pulito abbastanza celermente. Del resto, con una divisa ci sei arrivato quindi si suppone che gli items tu già ce li abbia. Al limite, se rimani per qualche ragione senza divisa, te ne stai in accappatoio in camera fino al pickup. Tanto oramai con i ritmi odierni le soste sono ridotte all'osso.
Per quanto mi riguarda, se devo fare un turnaround, ovvero andata e ritorno senza sosta, ho sempre una piccola borsetta con il pigiama ed altre quattro cavolate che mi potrebbero servire in caso di sosta forzata.

Non conosco il caso specifico, ma ho il sospetto che la questione mutanda nasca dal fatto che gli equipaggi AZ prima andavano al Keio di Shinjuku e poi sono stati spostati a Narita (almeno credo) per ovvie ragioni logistiche ed economiche. Capisco l'arrabbiatura di andare da un quartiere animato di Tokyo ad un centro più piccolo, ma farne una questione di sopravvivenza proprio no. Inoltre io preferirei andare in aeroporto, piuttosto che farmi due ore di autobus per andare a dormire in città.
Ecco.

Bravo.

Ci vuole molto a rispondere sempre così?
Senza far emergere (sempre) il tuo livore verso tutto e verso tutti?
Ne guadagna il Forum e, secondo me, ne guadagni anche tu.
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9568
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da tartan » 31 agosto 2019, 19:56

A mente fredda concordo con l'ultimo commento nell'ultimo intervento, però si impara molto di più da commenti che sgorgano spontanei e che derivano da momenti vissuti con passione. Air surfer, non cambiare, sul serio! :)
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Dylan666
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 189
Iscritto il: 10 luglio 2018, 18:01
Località: Oristano

Re: Cibo piloti su low-cost

Messaggio da Dylan666 » 31 agosto 2019, 21:06

sardinian aviator ha scritto:ho incontrato emerite mezze seghe volanti sia sul piano professionale che su quello umano
Dopo questo il nulla, sei il mio nuovo eroe :toothy10: :toothy10: :toothy10:

Rispondi