Tempo di lettura: 7 minuti

Lufthansa Group LogoLufthansa Group ha presentato i risultati finanziari dell’intero 2017. “I nostri sforzi degli ultimi anni stanno dando i loro frutti. La nostra modernizzazione ha un impatto sostenibile. Abbiamo raggiunto il miglior risultato nella storia della nostra compagnia. Il 2017 è stato un anno molto buono per i nostri clienti, i nostri dipendenti e i nostri azionisti”, afferma Carsten Spohr, Chairman of the Executive Board & CEO of Deutsche Lufthansa AG. “L’anno scorso siamo stati in grado di ridurre nuovamente i costi, diventando allo stesso tempo la prima – e unica – compagnia aerea in Europa a ricevere il five-star rating. Stiamo abbassando i nostri costi laddove ciò non influisce sul cliente e contemporaneamente investiamo ulteriormente nella qualità dei nostri prodotti e servizi”.

I ricavi totali di Lufthansa Group nel 2017 sono pari a 35,6 miliardi di euro, con un aumento del 12,4% rispetto all’anno precedente. L’Adjusted EBIT di 2,97 miliardi di euro ha rappresentato un miglioramento significativo del 69,7% rispetto all’anno precedente. L’Adjusted EBIT margin dell’8,4% è aumentato di 2,9 punti percentuali rispetto all’anno precedente. L’EBIT dell’anno è aumentato di oltre 1 miliardo di euro, a 3,3 miliardi di euro. Il forte aumento dell’EBIT include l’effetto positivo di 582 milioni di euro derivante dall’accordo sul contratto collettivo di lavoro con il sindacato Vereinigung Cockpit per i piloti di Lufthansa, Lufthansa Cargo e Germanwings, che è stato riconosciuto nel conto economico a dicembre.

“Siamo particolarmente lieti di essere stati nuovamente in grado di ridurre i costi unitari delle passengers airlines, escludendo il carburante e i fattori valutari l’anno scorso. Ciò è dovuto in particolare al fatto che i costi relativi ai passeggeri sono aumentati a causa di load factor più elevati, la remunerazione variabile è stata più elevata alla luce di un forte sviluppo dei risultati e costi aggiuntivi a causa degli indennizzi pagati per le cancellazioni di voli in Air Berlin, che hanno gravato anche sui nostri costi”, aggiunge Ulrik Svensson, Chief Financial Officer di Deutsche Lufthansa AG. “Escludendo questi effetti una tantum, abbiamo ridotto i nostri costi unitari dell’1,8%”.

Lufthansa Group ha investito circa 3 miliardi di euro nel 2017, circa un terzo in più rispetto all’anno precedente. Ciò è in parte dovuto agli investimenti di circa 900 milioni di euro in aeromobili dalle operazioni di volo Air Berlin. “Questi maggiori investimenti riflettono anche l’aumento delle dimensioni del nostro Gruppo. Ma gli investimenti relativi alle entrate rimangono su un unico livello con le compagnie aeree di maggior successo al mondo”, commenta Ulrik Svensson. “È importante che il ritorno sul capitale continui ad aumentare. Nel 2017, il nostro Adjusted ROCE (al netto delle imposte) è migliorato di 4,6 punti percentuali all’11,6%”.

Nonostante le maggiori spese in conto capitale, il free cash flow è quasi raddoppiato nel 2017 a 2,3 miliardi di euro. L’indebitamento finanziario netto è salito del 6,8% a 2,9 miliardi di euro. Questa cifra comprende un finanziamento iniziale di 1,7 miliardi di euro per il nuovo modello di contributi del flight attendants pension fund.

“Sulla base di questi ottimi risultati, proponiamo un dividendo di 0,80 euro per azione all’Annual General Meeting”, afferma Ulrik Svensson. “Si tratta di un aumento del 60% del pagamento rispetto allo scorso anno. Questo è il livello minimo di pagamento dei dividendi che intendiamo mantenere nei prossimi anni”.

Le Network Airlines del Gruppo – Lufthansa, SWISS e Austrian Airlines – hanno aumentato l’Adjusted EBIT di quasi il 50%, raggiungendo circa 2,3 miliardi di euro. Con una forte domanda e un ambiente di prezzi positivo, le Network Airlines hanno aumentato il loro EBIT margin di 2,6 punti percentuali, quasi al 10%.

SWISS ha aumentato il suo total income dalle attività operative del 3,2% nell’esercizio 2017, da 4,80 miliardi di franchi del 2016 a 4,95 miliardi di franchi. L’aumento è principalmente attribuibile al dispiegamento di aerei più grandi. L’Adjusted EBIT ammonta a 553 milioni di franchi (2016: 429 milioni di franchi). Questi risultati sono tra i migliori nella storia della compagnia. SWISS prevede di segnalare un Adjusted EBIT per il 2018 leggermente al di sotto del suo precedente anno. I miglioramenti di efficienza derivanti dal rinnovo della flotta dovrebbero avere un impatto positivo sui guadagni, ma questo probabilmente sarà compensato da tendenze avverse come prezzi del petrolio più alti e concorrenza intensificata.

Austrian Airlines ha generato un Adjusted EBIT di 94 milioni di EUR nell’esercizio 2017, con un aumento del 62% rispetto ai 36 milioni dell’anno precedente. La ragione alla base dei buoni risultati commerciali è stata in particolare la crescente domanda di voli europei. Un totale di 12,9 milioni di passeggeri hanno volato con Austrian Airlines, il 13% in più rispetto al 2016. I ricavi operativi totali sono saliti dell’8%, a 2,466 miliardi di euro.”Siamo molto soddisfatti di questo sviluppo”, afferma il CFO Heinz Lachinger. “Rappresenta i migliori risultati nei nostri 60 anni di storia, anche se abbiamo ancora molta strada da fare rispetto ai prossimi investimenti. Possiamo essere orgogliosi della nostra performance quando guardiamo indietro al difficile cammino che ci siamo posti alle spalle”. L’integrazione del velivolo Embraer, lanciato nel 2016 come sostituto dei jet Fokker, si è conclusa con successo nel 2017. Alla flotta sono stati aggiunti in totale 17 velivoli Embraer. Inoltre, cinque aerei Airbus A320 aggiuntivi sono stati integrati nella flotta di Austrian Airlines. Un altro Boeing 777 è programmato per essere schierato a partire dal summer schedule 2018. Nel 2017 tutti gli aeromobili A320 sono stati dotati di connettività in volo: il sistema “myAustrian Flynet” consente ai passeggeri di utilizzare i propri terminali mobili a bordo tramite WLAN. Inoltre, tutti i velivoli a lungo raggio Boeing sono stati aggiornati per un costo di circa 15 milioni di euro con la nuova Premium Economy Class. Il fulcro della nuova Premium Economy Class è un nuovo sedile che offre maggiore comfort e più spazio per le gambe rispetto all’Economy Class. “Stiamo investendo molto nella nostra offerta di prodotti e nell’ampliamento della flotta nel 2018”, commenta il CEO Kay Kratky. “Ancora una volta, in combinazione con un ambiente competitivo più difficile, prevediamo un Adjusted EBIT leggermente inferiore al livello comparabile del 2017”.

Riguardo le Point-to-Point Airlines, nonostante le ingenti spese nel contesto dell’acquisizione di capacità da Air Berlin, Eurowings ha ridotto i suoi costi unitari, escludendo carburante e fattori valutari, del 6,5%. Sulla scia di questa forte domanda del mercato, l’Adjusted EBIT è aumentato di circa 200 milioni di euro. Nonostante gli avversi fattori una tantum legati al consolidamento del mercato, le compagnie aeree Point-to-Point del Gruppo hanno migliorato l’Adjusted EBIT margin di 7,3 punti percentuali e hanno conseguito un Adjusted EBIT positivo di circa 100 milioni di euro. La crescita inorganica dopo l’insolvenza di Air Berlin darà un contributo positivo alle compagnie aeree Point-to-Point dal 2019 in poi.

Per Brussels Airlines, il 2017 è stato caratterizzato da risultati finanziari positivi in ??un ambiente altamente competitivo, con investimenti strategici per il futuro. L’EBIT si è attestato a 14,98 milioni di euro nel 2017 (standard IFRS), con un risultato netto di 3,57 milioni di euro (IFRS). Le entrate sono state pari a 1,322 miliardi di euro. Nel 2017, nonostante un difficile contesto di mercato, Brussels Airlines ha continuato il suo percorso di crescita, riservando un risultato positivo per il terzo anno consecutivo. La capacità di posti di Brussels Airlines è aumentata dell’11% rispetto al 2016, in particolare sulla rete europea, dopo l’eliminazione progressiva della flotta AVRO RJ100 (100 posti) e la sua sostituzione con i più grandi Airbus A319/320 (140/180 posti). L’aumento della capacità nel settore dei voli a lungo raggio è stato realizzato grazie all’aggiunta di un Airbus A330, che è stato utilizzato principalmente sulla nuova rotta verso Mumbai. I posti supplementari hanno comportato un aumento del 17,3% dei passeggeri, consentendo a Brussels Airlines di superare 9 milioni di passeggeri per la prima volta nella sua storia (un milione sopra l’ambizione originaria del 2018) e portando a un load factor del 78,8% (+4,1 pp e solo 1,8 pp sotto l’ambizione 2018), un record per Brussels Airlines. L’integrazione in Belgio delle attività di Thomas Cook Airlines e di due dei suoi Airbus A320 ha permesso a Brussels Airlines di rafforzare la propria posizione nell’importante segmento leisure. La stretta collaborazione con il tour operator Thomas Cook Belgium ha consentito a Brussels Airlines di aggiungere 26 nuove destinazioni alla sua rete leisure esistente e di migliorare ulteriormente la sua produttività. L’integrazione aumenterà la base clienti di Brussels Airlines di un ulteriore milione di ospiti, contribuendo in modo sostanziale alla redditività della rete europea altamente competitiva. Il continente africano, con una performance molto elevata, nonostante alcune crisi politiche, è rimasto il punto forte di Brussels Airlines nel 2017. Per la prima volta in assoluto, la compagnia ha superato il milione di passeggeri sul network africano, il che corrisponde ad un aumento del 14,0%, con un load factor medio dell’87%, un record per Brussels Airlines.

I Group’s Aviation Services hanno ottenuto un ottimo risultato, sebbene lo sviluppo tra i segmenti di business sia stato piuttosto diverso. Una combinazione di riduzioni dei costi e forte domanda ha aiutato Lufthansa Cargo a migliorare l’Adjusted EBIT di quasi 300 milioni di euro, a 242 milioni di euro. I guadagni di 415 milioni di euro di Lufthansa Technik sono stati sostanzialmente in linea con i livelli dell’anno precedente. Sullo sfondo della continua trasformazione delle sue attività europee, il gruppo LSG ha registrato un calo di 38 milioni di euro dei suoi utili d’esercizio, a 66 milioni di euro.

I maggiori costi del carburante pari a 700 milioni di euro possono essere ampiamente compensati da un miglioramento delle performance operative, pertanto per il 2018 il Gruppo prevede un Adjusted EBIT leggermente inferiore all’anno precedente. Si prevede che la capacità organica aumenterà di circa il 7%, in quanto le entrate unitarie, escludendo i fattori valutari, dovrebbero rimanere sostanzialmente stabili. I costi unitari, esclusi il carburante e i fattori valutari, dovrebbero essere ulteriormente ridotti dall’1 al 2%. “Continueremo a perseguire coerentemente la nostra modernizzazione”, conclude Carsten Spohr. “E così facendo, manterremo la nostra chiara attenzione a ridurre i nostri costi e allo stesso tempo aumentare la nostra qualità. Questo è l’unico modo per aumentare in modo sostenibile la nostra redditività. Da una posizione di forza, continueremo a guidare il consolidamento in Europa”.

(Ufficio Stampa Deutsche Lufthansa AG, Swiss International Air Lines, Austrian Airlines, Brussels Airlines)

Last Updated on