PEPPER ATTERRA AL MARCONI

Tempo di lettura: 2 minuti

Aeroporto Bologna logoE’ alto un metro e venti per 28 chilogrammi di peso. Dall’aspetto allegro e amichevole, è capace di osservare, ascoltare e rispondere in maniera appropriata. Il suo nome è Pepper ed è il robot umanoide attivo da oggi all’Aeroporto di Bologna. Il suo “lavoro” consiste nel dare informazioni di base ai passeggeri: dove si trova il banco check-in di una determinata compagnia, dove andare se si è già in possesso della carta di imbarco, come gestire i bagagli ed altro ancora. Ma il suo obiettivo è soprattutto quello di intrattenere, incuriosire e rilassare i passeggeri alle prese con le procedure legate alla partenza di un volo.

Sì, perché Pepper è un robot che non solo parla e comprende il linguaggio umano, ma percepisce le emozioni di chi gli sta intorno ed agisce di conseguenza. Sulla base di una serie di informazioni precaricate, ma anche grazie all’intelligenza artificiale di cui è dotato, può dialogare con il pubblico in italiano ed inglese. Con le sue tre ruote multidirezionali, può muoversi a una velocità massima di tre chilometri orari. I 20 motori di cui è dotato, inoltre, gli consentono di muovere testa, braccia e schiena: può gesticolare, piegarsi ed anche ballare.

Il suo compito al Marconi, quindi, sarà quello di offrire una “informativa ludica” che possa intrattenere i passeggeri più curiosi e strappare un sorriso a quelli più stressati. Una proposta di passenger experience davvero straordinaria, che va a confermare la scelta fatta negli ultimi anni dall’Aeroporto di Bologna di puntare sulle nuove tecnologie per migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri.

Per il momento, Pepper sarà attivo per otto ore al giorno, tutti i giorni, in prossimità dell’Info Point in Area Check-in, ma nel futuro potrebbe spostarsi in altre aree del Terminal. Il nuovo servizio ad alta innovazione tecnologica, il primo del genere in un aeroporto italiano, è stato realizzato da un’idea di Intesa Sanpaolo Innovation Center con il supporto tecnico delle società Experientia e Softec, che hanno permesso la personalizzazione del robot realizzato dal colosso giapponese Softbank Robotics.

(Ufficio Stampa Aeroporto di Bologna)

Ultima modifica: