IAG, RYANAIR, EASYJET E WIZZ AIR PRESENTANO UNA DENUNCIA ALLA COMMISSIONE EUROPEA RIGUARDO GLI SCIOPERI DELL’ATC FRANCESE

Tempo di lettura: 3 minuti

International Airlines Group (IAG), Ryanair, easyJet e Wizz Air hanno presentato una denuncia alla Commissione europea contro la Francia in quanto gli scioperi dei controllori del traffico aereo limitano il principio fondamentale della libera circolazione all’interno dell’UE. Le compagnie aeree non mettono in discussione il diritto di sciopero, ma ritengono che la Francia stia violando il diritto comunitario non consentendo voli sopra il paese durante gli scioperi. Ai passeggeri viene negata la libertà fondamentale di viaggiare tra gli Stati membri non colpiti da scioperi.

Fino ad oggi, quest’anno, gli scioperi ATC francesi sono aumentati del 300% rispetto al 2017.

Il mese scorso il Senato francese ha confermato che la Francia da sola è responsabile del 33% dei ritardi dei voli in Europa. Il Senato ha affermato inoltre che il diritto di sciopero deve essere equilibrato con l’obbligo di fornire un servizio pubblico (French Senate – equivalent to Treasury select committee – report 13 June 2018 – commission des finances du Sénat available at: .

Willie Walsh, Amministratore Delegato di IAG, dichiara: “Il diritto di sciopero deve essere equilibrato con la libertà di circolazione. Non sono solo i clienti che volano da e per la Francia ad essere colpiti durante gli scioperi dell’ATC francese. I passeggeri che sorvolano la Francia, in particolare il grande spazio aereo che copre Marsiglia e il Mediterraneo, sono soggetti a ritardi e interruzioni di massa. Ciò riguarda tutte le compagnie aeree, ma ha anche un impatto negativo significativo sul turismo e l’economia spagnola”.

Nella denuncia si afferma che esiste un precedente giuridico in questo caso. Nel 1997, gli Spagnoli presentarono denuncia alla Commissione europea dopo aver sofferto per molti anni quando gli agricoltori francesi impedirono le esportazioni di frutta e vegetali verso l’UE. La Corte di Giustizia Europea condannò la Francia in quanto le autorità francesi non diedero seguito alle azioni degli agricoltori e non garantirono la libera circolazione delle merci (Judgment of the Court of Justice of the European Union of 9 December 1997, Commission of the European Communities v French Republic (Spanish strawberries), Case C-265/95).

Michael O’Leary, Amministratore Delegato di Ryanair, ha dichiarato: “I fornitori europei di ATC stanno giungendo al punto di collasso, con centinaia di voli cancellati e ritardati ogni giorno a causa di scioperi o perché il personale ATC europeo non è sufficiente. In caso di sciopero del controllo del traffico aereo in Grecia e in Italia, i voli su questi Paesi proseguono normalmente. Perché la Francia non fa lo stesso? I fornitori di servizi ATC (soprattutto in Germania e nel Regno Unito) si nascondono dietro condizioni meteorologiche avverse ed eufemismi come “restrizioni di capacità”, quando in realtà non dispongono di personale ATC sufficiente per far fronte al numero di voli previsti. Queste interruzioni sono inaccettabili e invitiamo i governi europei e la Commissione Europea ad adottare misure urgenti e decisive per garantire che i fornitori di servizi di controllo del traffico aereo dispongano di tutto il personale necessario e che i sorvoli non subiscano conseguenze in caso di scioperi nazionali, come avviene ripetutamente in Francia”.

Johan Lundgren, Amministratore Delegato di easyJet, ha detto: “Rispettiamo pienamente il diritto di sciopero e abbiamo avuto un dialogo costruttivo con l’UE e il governo francese per affrontare la questione degli scioperi dell’ATC. Purtroppo i nostri passeggeri hanno visto scarsi progressi finora, ed è per questo che abbiamo ritenuto necessario compiere questa decisione, soprattutto alla luce della sostenuta azione sindacale di quest’anno, che ha registrato ad oggi più di 24 giorni totali”.

József Váraradi, Amministratore Delegato di Wizz Air, ha dichiarato: “L’incapacità delle French air traffic control authorities di garantire un servizio continuo e adeguato ha già causato gravi disagi nei piani di viaggio di migliaia di passeggeri in tutta Europa, con le compagnie aeree lasciate a sistemare le cose. Affrontare questo problema deve essere una priorità per le autorità europee per garantire che i cittadini e le imprese europee non siano più ostaggio delle questioni nazionali in materia di relazioni industriali”.

Secondo Eurocontrol, a giugno di quest’anno più di 16.000 voli sono stati ritardati a causa di scioperi ATC, interessando più di 2 milioni di passeggeri.

L’estate scorsa, la Commissione europea ha dichiarato che dal 2005 in Europa sono stati effettuati circa 357 scioperi ATC, che equivalgono a circa un mese all’anno di blocco nei cieli europei.

(Ufficio Stampa International Airlines Group – easyJet – Ryanair – Wizz Air)

Ultima modifica: