BOEING RIPORTA UN SOLIDO SECONDO TRIMESTRE E ALZA LA REVENUE GUIDANCE

Tempo di lettura: 5 minuti

The Boeing Company ha registrato un fatturato nel secondo trimestre pari a $24,3 miliardi, che riflette le maggiori consegne e mix commerciali, la crescita nei volumi della difesa e dei servizi. L’utile per azione GAAP è aumentato a $3,73, mentre l’utile per azione core (non-GAAP) è aumentato a $3,33, riflettendo una solida esecuzione in tutta l’azienda. I risultati riflettono anche un addebito relativo al risultato precedentemente annunciato del contenzioso Spirit ($0,21 per azione). Boeing ha generato un solido flusso di cassa operativo pari a $4,7 miliardi, ha riacquistato $3,0 miliardi di azioni e pagato $1,0 miliardi di dividendi.

La guidance sulle entrate dell’azienda è aumentata di $1 miliardo, passando da $97,0 a $99,0 miliardi, trainata dalla crescita dei volumi di difesa e servizi. La guidance sui margini di Commercial Airplanes è aumentata a oltre l’11,5% in termini di performance e la guidance sui margini di Defence, Space and Security è stata adeguata per riflettere l’impatto della crescita dei costi sul programma KC-46 Tanker.

“Siamo testimoni dei risultati del nostro approccio One Boeing: i nostri team lavorano insieme in tutta Boeing per fornire valore ai nostri clienti e far crescere il nostro business. Nel trimestre, abbiamo generato maggiori entrate e utili, generato liquidità e acquisito $27 miliardi in nuovi ordini”, ha dichiarato Dennis Muilenburg, Boeing Chairman, President and Chief Executive Officer.

“Abbiamo festeggiato il primo anniversario del lancio di Boeing Global Services e il primo anniversario di servizio del 737 MAX. Abbiamo raccolto 239 ordini netti di aerei commerciali nel trimestre, che includevano 59 787 – a dimostrazione del valore che questa famiglia di aerei porta ai nostri clienti. I solidi progressi nel programma 777X sono proseguiti, con i primi due test aircraft attualmente in fase di costruzione. Abbiamo perfezionato il contratto di produzione per 28 F/A-18 Super Hornet per il Kuwait, completato la produzione del 100° P-8 Poseidon e abbiamo condotto due test di successo per il Minuteman III dell’Aeronautica statunitense. Il nostro business dei servizi ha consegnato il primo 737 Boeing Converted Freighter e si è assicurato contratti logistici performance-based a supporto dei rotorcraft nei Paesi Bassi. Inoltre, i clienti hanno continuato a riconoscere il valore delle nostre soluzioni digitali, Etihad Airways ha infatti firmato un contratto per implementare le nostre soluzioni di gestione dell’equipaggio”.

“La continua crescita dei servizi, l’aumento del volume della difesa e la performance significativa del nostro business commerciale, così come le prospettive di mercato positive, ci danno fiducia di aumentare la guidance dei margini sulle nostre revenue e su Commercial Airplanes per l’anno in corso. Rimaniamo concentrati sull’esecuzione, sulla promozione dell’innovazione, continuando a sviluppare e mantenere il miglior team e i migliori talenti nel settore, e ad aumentare il valore per i nostri clienti, azionisti, dipendenti e altri stakeholder”.

Il flusso di cassa operativo nel trimestre pari a $4,7 miliardi riflette i maggiori tassi di produzione degli aerei commerciali, le forti prestazioni operative e il timing di entrate e spese. Nel corso del trimestre, la società ha riacquistato 8,6 milioni di azioni pari a $3,0 miliardi, lasciando i rimanenti $12,0 miliardi soggetti all’attuale autorizzazione di riacquisto, che dovrebbe essere completata nei prossimi 18-24 mesi. La società ha inoltre pagato dividendi per $1,0 miliardi nel trimestre, riflettendo un aumento del 20% dei dividendi per azione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La liquidità e gli investimenti in titoli negoziabili hanno totalizzato $9,8 miliardi, rispetto a $9,9 miliardi all’inizio del trimestre. Il debito era pari a $12,1 miliardi, in calo da $12,5 miliardi dell’inizio del trimestre, a causa del rimborso del debito.

Il portafoglio ordini totale della società a fine trimestre è pari a $488 miliardi, rispetto a $486 miliardi all’inizio del trimestre, e includeva gli ordini netti per il trimestre pari a $27 miliardi.

Il fatturato del secondo trimestre di Commercial Airplanes è pari a $14,5 miliardi grazie a mix di volumi e consegna pianificati più elevati. Il margine operativo del secondo trimestre è salito all’11,4%, riflettendo una solida esecuzione dei programmi di produzione, incluso un margine più alto sui 787, parzialmente compensato da un addebito di $307 milioni relativo all’aumento di costi per il programma KC-46 Tanker. Questo aumento dei costi è principalmente dovuto ai maggiori costi stimati per l’integrazione delle modifiche in sei test di volo e in due velivoli di prima generazione, oltre che ai costi aggiuntivi man mano che si progredisce con i test in fase avanzata e il processo di certificazione. Boeing continua a fare progressi costanti verso la certificazione finale per il KC-46 Tanker, e ha recentemente completato tutti i test di volo richiesti per consegnare il primo aeroplano, cosa che dovrebbe avvenire nell’ottobre quest’anno, come concordato con l’aeronautica militare americana.

Durante il trimestre, Commercial Airplanes ha consegnato 194 aerei, inclusa la consegna del primo 737 MAX a Jet Airways, Ethiopian Airlines e Xiamen Airlines. Il programma 737 MAX ha celebrato il primo anniversario dall’entrata in servizio operativo e continua ad essere ben accolto nel mercato, con oltre 4.600 ordini dal lancio. Il programma 777X rispetta i tempi previsti per la consegna nel 2020, dato che i primi due test airplanes sono passati alla low-rate initial production line.

Commercial Airplanes ha registrato 239 ordini netti durante il trimestre, incusi 91 widebody. Il portafoglio ordini resta solido, con oltre 5.900 velivoli del valore di €416 miliardi.

Le entrate del secondo trimestre di Defence, Space & Security sono aumentate a $5,6 miliardi, grazie ai volumi di F/A-18 e armi. Il margine operativo del quarto trimestre è stato pari al 9,3%, principalmente grazie all’aumento del costo del KC-46 Tanker pari a $111 milioni, parzialmente compensato da una solida esecuzione e da un mix favorevole.

Durante il trimestre, Defense, Space & Security ha concluso un contratto di produzione per 28 F/A-18 Super Hornet per il Kuwait, ha ricevuto contratti per 18 F/A-18 Super Hornet aggiuntivi e per 3 aerei P-8 Poseidon per la Marina statunitense, e si è aggiudicato un contratto pluriennale per 58 V-22 Osprey. Nel corso del trimestre sono stati registrati importanti traguardi, tra cui l’introduzione del primo aereo F/A-18 nel programma Service Life Modification, due test di successo per il Minuteman III dell’Aeronautica statunitense e il completamento del 100° Poseidon P-8. Per quanto riguarda i satelliti commerciali, il costruttore ha completato con successo la revisione preliminare del progetto di O3b mPOWER con SES.

Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security era pari a $52 miliardi, di cui il 35% rappresenta ordini da clienti internazionali.

Le entrate del secondo trimestre di Global Services sono aumentate a $4,1 miliardi, a riflesso della crescita del portafoglio. Il margine operativo del secondo trimestre è stato pari a 14,7%, riflettendo il mix di prodotti e servizi.

Nel corso del trimestre, Global Services ha ottenuto un F/A-18 depot maintenance contract per la Marina Statunitense e per il corpo dei Marine, e contratti di logistica performance-based per i rotorcarft per i Paesi Bassi. Global Services si è inoltre impegnata a implementare soluzioni di gestione dell’equipaggio per Etihad Airways e ha acquisito un contratto Global Fleet Care per la flotta di 737 di Primera Air. Global Services ha inoltre stipulato un accordo per acquisire KLX Aerospace, che amplierà la gamma di offerte e aumenterà il valore per il cliente, e ha concordato una partnership strategica con Safran per le Auxiliary Power Unit, rafforzando le capacità verticali di Boeing e espandendo il portafoglio di servizi.

(Ufficio Stampa Boeing)

Last Updated on