LUFTHANSA GROUP: CRESCITA SOSTANZIALE NEL PRIMO SEMESTRE 2018

LUFTHANSA GROUP: CRESCITA SOSTANZIALE NEL PRIMO SEMESTRE 2018

Lufthansa Group ha aumentato i suoi ricavi nel primo semestre 2018 del 5,2%, escludendo l’impatto della prima applicazione del principio contabile IFRS 15. I ricavi totali del primo semestre sono stati pari a 16,9 miliardi di euro, sostanzialmente in linea con il livello dell’anno precedente. L’adjusted EBIT è stato all’incirca al livello dell’anno precedente, a 1,008 miliardi di euro (1,042 lo scorso anno). Il margine adjusted EBIT è stato del 6,0% (rispetto al 6,1% nel primo semestre del 2017). Anche l’utile netto del periodo è rimasto sostanzialmente stabile a 677 milioni di euro (periodo precedente: 672 milioni di euro).

“Le caratteristiche principali dello sviluppo di Lufthansa Group nella prima metà del 2018 sono state una forte crescita e un simultaneo miglioramento dei ricavi unitari. Raggiungere entrambi contemporaneamente è un successo significativo”, afferma Ulrik Svensson, Chief Financial Officer di Deutsche Lufthansa AG. “Con le nostre Network Airlines siamo stati in grado di compensare più che altro l’onere aggiuntivo imposto dai maggiori costi del carburante attraverso la riduzione dei costi strutturali, con un miglioramento dei risultati del 26%. Senza i costi di integrazione di Eurowings, che abbiamo accettato volentieri per rafforzare ulteriormente la nostra posizione sul mercato in Europa, il risultato del Gruppo sarebbe cresciuto”.

La performance delle compagnie aeree ha rappresentato il principale motore dei risultati del Gruppo nel primo semestre. Sono stati trasportati circa 67 milioni di passeggeri, un nuovo record per il periodo. Anche la capacità, i volumi venduti e il load factor sono stati tutti ai nuovi massimi storici. Le Network Airlines sono state i principali driver, con Lufthansa German Airlines e SWISS che hanno contribuito positivamente ai guadagni ottenendo non solo maggiori ricavi unitari ma soprattutto sostanziali riduzioni dei costi unitari.

I costi del primo semestre per i carburanti sono aumentati di 216 milioni di euro, a 2,8 miliardi di euro. L’aumento è attribuibile sia ai maggiori volumi che a un maggior prezzo del carburante.

Un aumento dei costi sostenuti per ritardi e cancellazioni di voli ha avuto un impatto negativo sui guadagni del primo semestre. Le principali cause di tali irregolarità sono state le azioni di sciopero e le inadeguatezze infrastrutturali dei sistemi di trasporto aereo in Europa, come gli attuali problemi di capacità dei fornitori nazionali di servizi di navigazione aerea del continente. Anche le condizioni meteorologiche estreme hanno influenzato negativamente le operazioni di volo molto più del solito nel primo semestre. L’impatto di queste tendenze è stato avvertito da tutte le compagnie aeree, non solo da Lufthansa Group. Tuttavia, i guadagni del Gruppo per il periodo sono stati anche penalizzati dalle spese di integrazione degli aeromobili precedentemente operati da Air Berlin nella flotta Eurowings – un processo che non ha precedenti nell’ambito dell’industria aerea europea e ha richiesto più tempo di quanto originariamente previsto.

Nonostante queste avversità, i costi unitari sono stati ridotti dello 0,6% nei primi sei mesi – grazie soprattutto ai miglioramenti dell’efficienza delle Network Airlines, che hanno beneficiato della completa modernizzazione delle proprie flotte aeree, degli accordi collettivi raggiunti lo scorso anno con ampie parti della forza lavoro e dello snellimento dei processi operativi e delle strutture di gestione. Come risultato di tutte queste influenze positive, i costi unitari del primo semestre delle Network Airlines (esclusi fattori valutari e carburante) sono stati inferiori del 2,1% rispetto al livello dell’anno precedente.

L’attenzione delle Network Airlines sulla riduzione dei costi e sulla crescita dei ricavi si è riflessa nei risultati del primo semestre. I ricavi totali dichiarati sono diminuiti del 3,9%, a 10,7 miliardi di euro. Tuttavia, escludendo l’effetto della prima applicazione dell’IFRS 15, i ricavi totali del primo semestre delle Network Airlines sono aumentati del 3,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi unitari (esclusi i fattori valutari) sono aumentati dell’1,4%, grazie a load factor più elevati e a rendimenti migliori, con le rotte del Nord Atlantico e europee che hanno registrato una domanda dei clienti particolarmente forte. L’adjusted EBIT è aumentato del 25,6%, a 951 milioni di euro, il margine adjusted EBIT è migliorato di conseguenza, aumentando di 2,1 punti percentuali all’8,9%.

Lufthansa German Airlines ha aumentato l’adjusted EBIT del 16,0%, a 660 milioni di euro nei primi sei mesi.

SWISS ha aumentato il suo adjusted EBIT del primo semestre del 56,7%, a 293 milioni di euro.

Nonostante i guadagni favorevoli nel secondo trimestre, Austrian Airlines ha registrato un adjusted EBIT del primo semestre di -3 milioni di euro, un calo di 6 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attribuibile alle cancellazioni dei voli subite nei primi tre mesi dell’anno.

Eurowings ha aumentato i suoi ricavi nel primo semestre a 1,9 miliardi di euro, un aumento del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, o un miglioramento del 25,2% escludendo l’impatto della prima applicazione dell’IFRS 15. Insieme alla notevole espansione della capacità, le entrate sono state anche sostenute da un aumento del 3,4% dei ricavi unitari (esclusi i fattori valutari). Il calo dell’adjusted EBIT per il periodo a -199 milioni di euro è in gran parte attribuibile agli effetti una tantum di integrazione di parti della flotta di aerei ex Air Berlin e in particolare ai maggiori costi tecnici, di noleggio e di leasing sostenuti per realizzare l’espansione della capacità richiesto in così poco tempo. Il gruppo Lufthansa si aspetta che queste ulteriori spese di integrazione continuino a deprimere gli utili di Eurowings nel terzo trimestre del 2018, ma non oltre. In Eurowings sono stati inoltre sostenuti ulteriori costi a causa di ritardi e cancellazioni dei voli le cui cause erano ampiamente al di fuori del controllo del Gruppo Lufthansa.

Nell’ambito di Aviation Services, i risultati del primo semestre per Lufthansa Cargo hanno mostrato una crescita particolarmente consistente, che riflette la persistente forte domanda di prodotti per il trasporto aereo. Anche Lufthansa Technik ha registrato una ripresa tangibile nel secondo trimestre, dopo un avvio più debole dell’anno. L’adjusted EBIT del primo semestre per Lufthansa Cargo è stato pari a 125 milioni di euro, con un miglioramento del 60,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Lufthansa Technik ha registrato un adjusted EBIT di 218 milioni di euro per il primo semestre, l’1,8% al di sotto del livello del 2017.

LSG Group ha aumentato il suo adjusted EBIT del primo semestre a 40 milioni di euro, con un miglioramento del 207,7% su base annua.

Altre Businesses & Group Functions hanno registrato un calo, dovuto principalmente al non ripetersi di utili valutari registrati nel 2017.

Lufthansa Group ribadisce le sue precedenti previsioni per il 2018. La capacità per l’intero anno aumenterà di circa l’8%, un po ‘meno rispetto alla previsione precedente dell’8,5% di crescita. Si prevede che i costi del carburante saranno di circa 850 milioni di euro in più rispetto al 2017. Tuttavia, Lufthansa Group prevede ora un leggero aumento dei ricavi unitari per l’intero anno. La riduzione dei costi unitari (esclusi i fattori valutari e il carburante) dovrebbe ammontare a circa 1%, influenzata negativamente da costi di integrazione superiori al previsto in Eurowings. Nel complesso, tuttavia, Lufthansa Group prevede ancora un adjusted EBIT per il 2018 solo leggermente inferiore al livello record del 2017.

“Con la continua e forte domanda, siamo fiduciosi che saremo in grado di riportare solidi trend di fatturato anche per la seconda metà del 2018”, conferma il CFO del Gruppo Ulrik Svensson. “Continueremo inoltre a beneficiare dei sostanziali miglioramenti nell’efficienza dei costi delle nostre Network Airlines. Con Eurowings, in seguito al suo considerevole aumento di capacità, il nostro obiettivo primario è tornare alla redditività il prossimo anno. Creeremo anche le strutture per aumentare la redditività di Eurowings ai livelli dei suoi principali concorrenti nei prossimi tre o quattro anni”.

(Ufficio Stampa Deutsche Lufthansa AG)

Last Updated on