ALERT ENAC A VOLOTEA, RISCHIO SANZIONI DAL 15 SETTEMBRE

ALERT ENAC A VOLOTEA, RISCHIO SANZIONI DAL 15 SETTEMBRE

ENACL’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha scritto nella giornata di ieri alla compagnia aerea Volotea, informando contestualmente l’omologa Autorità spagnola, per evidenziare le numerose criticità emerse nella prima parte della stagione estiva.

Le Direzioni Aeroportuali dell’ENAC hanno registrato frequenti episodi di cancellazioni di voli, di overbooking e di ritardi prolungati da parte del vettore spagnolo che hanno determinato notevoli disagi all’utenza.

L’ENAC ha fortemente raccomandato a Volotea di tornare alla normale operatività, adottando ogni iniziativa possibile per rispettare gli impegni assunti con la vendita dei biglietti, riducendo, in tal modo, i casi di overbooking e di cancellazioni per operativi troppo stringenti; ha altresì avvisato che, nel caso in cui le criticità dovessero perdurare, a partire dal 15 settembre il vettore dovrà rinunciare ad operare sul mercato italiano.

Vista la capillarità della presenza di Volotea sul territorio nazionale – con le implicazioni del caso, anche a livello occupazionale – e la costante espansione del vettore, è abbastanza plausibile che la “soluzione finale” sia proprio un’extrema ratio di non banale applicazione e che il warning sia soprattutto uno sprone affinché in quel di Barcellona si attivino per migliorare la situazione.

[edit 10/08/2018]In una nota odierna, il vettore conferma che la mission e l’impegno della compagnia sono sempre rivolti a fornire il servizio migliore ai propri clienti, utilizzando aeromobili della migliore qualità, così come fornitori, personale e risorse proporzionate al fine di portare avanti la sua attività al di sopra degli standard medi in termini di operazioni, supporto ai clienti, sicurezza, tutela e attività di manutenzione. Precisa inoltre di poter contare su 16 aeromobili basati in Italia, tre dei quali a disposizione come velivoli di back-up al fine di garantire le proprie operazioni a livello Europeo. Inoltre, da uno a tre equipaggi in stand-by sono disponibili in ognuna delle basi Volotea in Italia per prendere servizio in caso di necessità. Volotea attualmente impiega oltre 300 dipendenti in Italia tra piloti, equipaggi, personale amministrativo e operational.

(Fabrizio Ripamonti)

Last Updated on