IL CdA DI CATULLO APPROVA L’ AVVIO DELLA GARA PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI RIQUALIFICA E AMPLIAMENTO DEL TERMINAL PASSEGGERI DELL’ AEROPORTO DI VERONA

Tempo di lettura: 2 minuti

Il CdA di Catullo, riunitosi nel pomeriggio odierno, ha votato all’unanimità l’avvio della gara per la realizzazione del Progetto Romeo, relativo alla riqualifica e all’ampliamento del terminal passeggeri dell’aeroporto di Verona.

Si tratta di un nuovo passo di grande rilevanza per lo scalo, caratterizzato da volumi di traffico in costante crescita.

L’opera costituisce il principale intervento sul terminal previsto nel Master Plan 2016 – 2030 e prevede un ampliamento di circa 12.000 mq che porteranno le superfici dagli attuali 24.840 mq a 36.370 mq, a cui si aggiungerà la riqualifica di oltre 10.000 mq esistenti. Il progetto, il cui quadro economico complessivo è di oltre 60 milioni di euro, comprende in particolare:

– la realizzazione di nuove sale d’imbarco al piano primo con torrini d’imbarco (dagli attuali 13 ai 19 gate d’imbarco in totale);
– la realizzazione a livello interrato di spazi destinati ai magazzini per le attività commerciali;
– la realizzazione di un nuovo sistema BHS standard III (escluse apparecchiature RX);
– la ricollocazione degli uffici di Enti e compagnie aeree;
– la riqualifica architettonica della hall check-in, passando dagli attuali 40 a 46 banchi check-in (comprensivi di postazioni self check-in e self baggage drop) e della sala imbarchi esistente al piano terra;
– gli interventi di adeguamento alla normativa ai fini antincendio;
– la compatibilità con le nuove reti di distribuzione dell’energia termica e frigorifera programmate nel previsto progetto della trigenerazione (oggetto di un altro appalto);
– gli interventi di consolidamento strutturale anche ai fini antisismici;
– creazione di un’immagine nuova del terminal sia dal punto di vista architettonico che attraverso l’ampliamento dell’offerta commerciale.

Il bando di gara europeo sarà pubblicato nei prossimi giorni. I lavori inizieranno entro la primavera 2019 per concludersi dopo 4 anni, duranti i quali l’operatività dell’aeroporto sarà costantemente garantita.

(Ufficio Stampa Garda Aeroporti)

Ultima modifica: