AUSTRIAN AIRLINES PRESENTA LA SUA STRATEGIA #DRIVETO25

Tempo di lettura: 4 minuti

Austrian Airlines ha gestito il turnaround dopo un duro periodo di ristrutturazione e ora opera con profitto. La compagnia aerea è inoltre orientata verso utili operativi positivi nel 2018 a seguito di una forte crescita dei passeggeri di oltre un milione di clienti, con un aumento dell’8,5% rispetto all’anno precedente.

La forte domanda e l’aumento della concorrenza a Vienna hanno portato il vettore a porre le basi strategiche per il futuro. La flotta Airbus della compagnia aerea sarà estesa dagli attuali 36 aerei a un totale di 46 aerei nei prossimi tre anni. Allo stesso tempo, Austrian Airlines eliminerà gradualmente i suoi 18 velivoli turboprop con 76 posti. A conti fatti, l’offerta di voli da Vienna sarà ampliata di oltre il 10%, alla luce del fatto che i jet appartenenti alla famiglia Airbus A320 sono considerevolmente più grandi dei turboprop.

“Investiremo più di 200 milioni di euro nell’espansione della nostra flotta continentale e potremo così rafforzare significativamente la nostra posizione a Vienna”, annuncia il nuovo CEO di Austrian Airlines, Alexis von Hoensbroech. “Allo stesso tempo, anche questa dovrebbe essere considerata una chiara sfida alla concorrenza sempre più dura a Vienna e siamo pronti a prendere ulteriori provvedimenti per difendere la nostra posizione nel nostro hub di Vienna”, aggiunge.

In aprile Lufthansa Aviation Training (LAT) inizierà i lavori di costruzione per l’ampliamento del simulator training center a Vienna Airport, al fine di creare spazio sufficiente per due simulatori di volo A320 aggiuntivi. Il completamento del progetto di ampliamento, che comporta costi per 20 milioni di euro, è previsto per il primo trimestre del 2020. Attualmente quattro simulatori vengono utilizzati a Vienna (per gli aerei Dash, Embraer e A320).

Con i piani per eliminare gradualmente l’aereo Dash, Austrian Airlines intende riorganizzare il traffico di volo bilaterale decentrato tra Austria e Germania all’interno di Lufthansa Group. “Stiamo già intrattenendo colloqui con le nostre consociate del gruppo”, afferma von Hoensbroech. Austrian Airlines considera il traffico di volo decentrato includendo tutti i suoi voli che non partono dall’aeroporto di Vienna. C’è una forte domanda su queste rotte, che generano però anche un alto livello di complessità perché l’aeromobile non può essere schierato in modo produttivo a causa delle rotazioni per gli equipaggi e per la manutenzione tecnica.

I voli tra Vienna e le province federali dell’Austria rimarranno inalterati al momento. Come già annunciato, i quattro velivoli attualmente impiegati dalla compagnia aerea SWISS in Svizzera con un contratto di wet lease saranno trasferiti a Vienna alla fine del winter schedule.

A tale proposito, Austrian Airlines trasferirà a Vienna tutte le flight crew bases decentrate esistenti a Altenrhein, Graz, Innsbruck, Klagenfurt, Linz e Salisburgo. Ai 200 dipendenti interessati verrà offerta l’opportunità di lavorare a Vienna.

La flotta, la semplificazione della rete e il trasferimento delle crew bases decentralizzate sono tre aspetti principali del programma in 10 punti chiamato #DriveTo25, che l’Austrian Airlines Management Board ha presentato oggi al grande pubblico. La nuova strategia è stata già riconosciuta e approvata nell’ultima riunione del Supervisory Board di Austrian Airlines svoltasi alla fine di novembre 2018.

“Sulla base del nostro programma strategico vogliamo dare un forte impulso alla modernizzazione di Austrian Airlines. Ridurremo la complessità, focalizzeremo maggiormente l’attenzione sul core business e concentreremo il nostro hub business a Vienna per rafforzare la nostra capacità di fare investimenti”, conclude il CFO Wolfgang Jani.

Austrian Airlines si separerà quindi dai suoi velivoli turboelica prima del previsto e li rimuoverà dalla flotta entro il 2021. Allo stesso tempo, amplierà la sua flotta Airbus a medio raggio fino a 46 aerei. La compagnia aerea attualmente opera 18 Dash 8-400 e 36 aeromobili Airbus A320. Questo passaggio eliminerà la complessità dalla struttura della flotta evitando la necessità di operare un tipo di aeromobile. La ristrutturazione della flotta comporterà un miglioramento per la rete e i clienti, poiché i percorsi che impiegano i Dash saranno serviti in futuro dagli aerei Embraer e gli aerei Airbus saranno operati sulle rotte attualmente servite dagli Embraer.

Austrian Airlines ha riallineato la sua rete intercontinentale con l’orario invernale 2018/19. Dopo un periodo di prova, il servizio su rotte non redditizie come l’Avana, Colombo e Hong Kong è stato cancellato e l’offerta per il Nord America è stata ampliata nella stessa misura. Le frequenze su rotte esistenti come New York e Chicago sono state aumentate fino al servizio giornaliero. A proposito, Austrian Airlines rimuoverà anche le Seychelles dalla sua offerta dopo la stagione invernale e cesserà i voli verso la destinazione alla fine di aprile. Al contrario, Mauritius e le Maldive rimarranno nell’offerta come “warm water destinations” consolidate.

L’obiettivo è aumentare la redditività al fine di ammodernare la flotta a lungo raggio in una fase successiva. I sei aerei Boeing 767 con un’età media di quasi 23 anni dovrebbero essere sostituiti da aerei più moderni. La compagnia aerea opera anche sei Boeing 777 più giovani.

(Ufficio Stampa Austrian Airlines – Photo Credits: Austrian Airlines)