(BREAKING) Superjet 100 di Aeroflot in fiamme a Mosca, ci sono vittime

Tempo di lettura: 2 minuti

Grave incidente in atterraggio per un Sukhoi Superjet 100 di Aeroflot, in volo da Mosca Sheremetyevo a Murmansk; in fase di rientro all’aeroporto d’origine dopo segnalazione di un guasto, ha preso fuoco ed è stato divorato dalle fiamme in tutta la parte posteriore.

La maggior parte delle persone a bordo è fortunatamente riuscita ad evacuare mediante gli scivoli anteriori, ma indiscrezioni provenienti dalla Russia riportano la presenza di almeno una vittima.

AGGIORNAMENTO h. 13.15: il Ministro dei Trasporti russo ha per ora escluso che possano esserci le condizioni per la messa a terra dei Superjet 100;

AGGIORNAMENTO h. 10.10: sul sito russo Forumavia.ru è stato pubblicata un’infografica che riporta la localizzazione dei passeggeri a bordo e il loro destino; tra coloro che sedevano dietro le ali si contano una manciata superstiti

(BREAKING) Superjet 100 di Aeroflot in fiamme a Mosca, ci sono vittime

AGGIORNAMENTO h. 23.55: Aeroflot ha pubblicato sul proprio sito l’elenco di 33 passeggeri supersiti (compresi i feriti ospedalizzati): https://m.aeroflot.ru/ru-en/news/61326

AGGIORNAMENTO h. 23.46: Associated Press conferma la morte di 41 persone a bordo del SSJ100-95 di Aeroflot coinvolto nell’incidente di Mosca:

AGGIORNAMENTO h. 23.01: l’agenzia Interfax riporta – citando quanto dichiarato dal Russian Investigative Committee – in 37 (su 78) le persone sicuramente uscite dal velivolo e accertate come in vita; si allunga quindi un’ombra sulla reale portata della tragedia, nella speranza che i conteggi finali siano meno drammatici;

AGGIORNAMENTO h. 22.55: Aeroflot ha rilasciato poco fa un nuovo comunicato:

Una commissione presieduta dal ministro dei Trasporti Evgeny Ditrich è stata istituita per indagare sull’incidente che ha coinvolto il volo Aeroflot SU1492 da Mosca a Murmansk. Rappresentanti del comitato investigativo e del ministero per le emergenze sono sul posto. Aeroflot ha anche attivato il suo call center di risposta rapida, guidato dal CEO Vitaly Saveliev.
La direzione della compagnia aerea ha deciso di far volare i parenti dei passeggeri colpiti sul volo SU1492 (Mosca-Murmansk) a Mosca senza alcun addebito.
L’equipaggio dell’aeromobile, decollato oggi da Mosca per Murmansk e costretto a tornare all’aeroporto di Sheremetyevo per motivi tecnici, ha fatto tutto il possibile per salvare i passeggeri. L’aereo è stato evacuato in 55 secondi, rispetto alla norma del settore di 90 secondi. Il capitano è stato l’ultimo a lasciare l’aereo in fiamme.
Il Superjet 100 trasportava 73 passeggeri e cinque membri dell’equipaggio.
Malfunzionamenti a bordo dell’aeromobile, che operava volo SU1492 da Mosca a Murmansk, sono stati rilevati poco dopo il decollo. L’equipaggio è stato costretto a richiedere un ritorno di emergenza all’aeroporto. I motori hanno preso fuoco dopo l’atterraggio a Sheremetyevo; l’incendio è stato estinto rapidamente. I passeggeri hanno lasciato l’aereo tramite le uscite di emergenza. L’assistenza medica di emergenza viene fornita a tutti coloro che ne hanno bisogno.
Il comunicato contrasta in parte con quanto è visibile in alcuni video, con i servizi di emergenza giunti sul posto parecchi secondi dopo l’accaduto, e gli stessi video hanno messo in evidenza – come già rilevato in precedenza – una possibile criticità dovuta al fatto che parecchi passeggeri abbiano lasciato l’aereo portando con sé il bagaglio a mano.

AGGIORNAMENTO h. 21.59: ha iniziato a circolate sui social un video del circuito interno dell’aeroporto, che mostra il velivolo rimbalzare sulla pista e poi prendere fuoco:

AGGIORNAMENTO h. 20.37: Aeroflot ha rilasciato uno statement che ancora non conferma e quantifica il numero di persone che hanno perso la vita: https://m.aeroflot.ru/ru-en/news/61323

AGGIORNAMENTO h. 19.49: alcuni lanci di agenzia locali porterebbero il bilancio delle vittime a 13; si attendono ulteriori conferme;

AGGIORNAMENTO h. 19.30: le foto circolate finora dimostrano come parecchi passeggeri abbiano recuperato i loro bagagli a mano prima di evacuare: quasi sicuramente ciò ha comportato un ritardo nella procedura e potenzialmente potrebbe aver condotto a conseguenze più gravi di quanto auspicabile.

 

(Fabrizio Ripamonti)